>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Afghanistan: Karzai conferma l'incontro con i talebani e annuncia negoziati a breve
Stampa
  Text size
Gli incontri fra il governo di Kabul, Stati uniti e i leader talebani sono avvenuti alla fine di gennaio, per la prima volta dall'inizio della guerra. Fra i temi il cessate il fuoco dei ribelli, l'uscita di scena delle truppe internazionali e la scarcerazione dei terroristi detenuti a Guantanamo. Fonti di AsiaNews sottolineano i punti oscuri della strategia sbrigativa degli Stati uniti che potrebbero rendere inutili 10 anni di guerra.

"L'entrata del governo di Kabul nei colloqui con i talebani è un passo storico per la riconciliazione del Paese e a un futuro accordo di pace dall'inizio della guerra. Tuttavia le autorità afghane e i delegati degli Stati uniti non devono svendere la vita delle persone ai ribelli". È quanto affermano fonti di AsiaNews in Afghanistan sulle  dichiarazioni di Hamid Karzai, presidente afghano, che ieri ha confermato di essersi incontrato con i leader talebani, dopo l'iniziale no a qualsiasi forma di colloquio. Secondo il presidente anche i ribelli sono stanchi della guerra e vi è l'intenzione di giungere a negoziati di pace entro qualche mese. Questa sera a Islamabad, Karzai parteciperà al summit trilaterale con i capi di Stato di Pakistan e Iran sul processo di riconciliazione in Afghanistan, a tutt'oggi gestito solo dagli Stati Uniti.

Le fonti sottolineano la grande opportunità degli incontri fra Stati uniti, governo afghano e leader ribelli, iniziati in gennaio con l'apertura di un ufficio diplomatico dei talebani a Doha (Qatar): "Il Mullah Omar e tutta la filiera talebana vogliono mostrare alla comunità internazionale i loro obiettivi in previsione di un eventuale accordo di pace, che metterebbe fine a 10 anni di guerra. Tuttavia occorre comprendere quale sia la reale strategia dei talebani, che potrebbero approfittare dell'attuale situazione di stallo per cacciare le truppe straniere e continuare indisturbati la guerra".

Secondo quanto emerso dai primi incontri avvenuti in gennaio, gli Stati uniti hanno chiesto: il cessate il fuoco dei ribelli e la loro l'uscita dalla rete terroristica di al-Qaeda, il rispetto della nuova costituzione afghana, la garanzia dei diritti umani compresi i diritti delle donne. I guerriglieri guidati dal Mullah Omar, pretendono invece come pre-condizione a un accordo di pace: l'uscita delle truppe straniere dall'Afghanistan e la scarcerazione dei terroristi imprigionati a Guatanamo.

Tuttavia per le fonti tali richieste sono ancora troppo premature. Stati uniti e governo afghano sono in una posizione di debolezza rispetto ai ribelli, che in questi mesi hanno ripreso il controllo di diverse aree del Paese e in settembre sono riusciti a sferrare un attacco nella capitale. "Se le truppe internazionali lasciassero ora l'Afghanistan - sottolineano - il Paese piomberebbe nel caos. A tutt'oggi l'esercito afghano è troppo impreparato e non ha sufficienti mezzi per garantire la sicurezza. L'uscita da al-Qaeda non è una garanzia di abbandono totale del guerriglia. Ci sono molti gruppi terroristi afghani legati ai talebani che nulla hanno a che fare con l'organizzazione. Inoltre nessun leader islamico si è espresso sul riconoscimento della costituzione afghana".

Le fonti di AsiaNews criticano l'eccessiva esuberanza con cui l'amministrazione Obama sta gestendo gli incontri. Per spingere gli estremisti islamici a iniziare subito i colloqui, nelle scorse settimane Barak Obama, presidente Usa, ha proposto il rilascio di tre detenuti dal carcere di massima sicurezza.  "Gli Stati uniti - sottolineano - sono troppo sbrigativi. Alcuni dei detenuti hanno commesso stragi di civili e sono in carcere per crimini contro l'umanità e non possono essere rilasciati senza garanzie". "Il futuro del Paese - concludono - dipende dal dialogo con i talebani, la guerra non può più andare avanti. Per non rendere inutili questi anni di continui combattimenti e spargimenti di sangue, i negoziatori dovranno però essere risoluti a non cedere sulle conquiste della lotta contro i talebani: democrazia e rispetto dei diritti umani". (S.C.)

Fonte  >  Asia News


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Pierpaolo 2012-02-18 11:13
Beh, mi pare ovvio che Karzai si preoccupi di non fare la fine di Najibullah.
Gli USA potrebbero non avere più posto sull'ultimo elicottero che lascerà il tetto dell'ambasciata a Kabul.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2012-02-18 12:05
A 11 anni dall'inizio della guerra l'America negozia con i talebani una uscita per l'Afghanistan?
L'Amministrazione Obama sarebbe disposta a liberare cinque prigionieri talebani a Guantanamo come segno di buona volontà?
Dimostrazione pratica di civiltà occidentale per digerire la barbarie. Un ladro è sempre un ladro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità