>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

http://qn.quotidiano.net/primo_piano/2012/02/15/668285/images/1121126-titti.jpg
Tiziana Parenti: «Quei fondi dall’Est su cui non si indagò»
Stampa
  Text size
Intervistona a Titti la Rossa riguardo a tangentopoli e al PCI rimansto intonso

Tziana Parenti, ovvero Titti la Rossa, quella delle tangenti al Pci mai provate, oggi fa l’avvocato a Roma con studio a Trastevere. Venti anni dopo Tangentopoli va col ricordo a quella primavera del ’94, a una fase che segnò la fine di Manipulite. «Berlusconi aveva vinto le elezioni. Stava formando il governo e io ero appena stata eletta deputata con Forza Italia. Correva voce che volesse Antonio Di Pietro a capo della Polizia. Io andai a dirgli che era un errore».

Ma non lo voleva ministro dell’Interno?
Fra noi correva quest’altra voce e ne parlai con Berlusconi. Che non smentì, anzi si arrabbiò. L’uomo, un po’ come i comunisti, non ama esser contraddetto.

Invece lei...
Gli dissi che non era un bel segnale. Lui evidentemente pensava invece che fosse importante in termini di immagine. Mi rispose seccato: «Guardi che non ho nemmeno un’inchiesta». «Ma ore ne arriveranno a decine, vedrà», gli risposi. E fui facile profeta.

Vuol dire che fino alla discesa in campo non c’era ancora traccia di scontro fra Procura milanese e Berlusconi?
Ricordo i giornalisti di Fininvest che venivano a prendere le veline e come si arrabbiavano quando non gliele davano. Ma le telecamere fisse davanti alla Procura dalle reti di Berlusconi le ricordano tutti. Non era una vera direttiva, ma c’era il chiaro orientamento a risparmiare, da un lato le aziende di Berlusconi e dall’altro l’ex Pci. Perché potevano essere utili una copertura mediatica e politica.

Ma sul Pci risparmiato accusano lei. Perché la scelsero?
Ho un sospetto: siccome nel mio profilo avevo dovuto dichiarare la mia passata iscrizione al Pci per tre anni, per come sono andate poi le cose potrebbero aver pensato a me - che avevo chiesto di essere collocata alla Dda - perché avevo il curriculum giusto per archiviare.

Ma che cosa le ha impedito di andare a fondo sulle tangenti all’ex Pci? Quella rogatoria mai arrivata sui 600 milioni versati da Panzavolta sul conto “Gabbietta” di Primo Greganti alla Banca di Lugano?
Che fossero fondi per il Pci è chiaro, già la sola contestualità con i versamenti di tangenti agli altri partiti lo dimostra. Ma era solo un filone, c’era da indagare sulle coop rosse, e soprattutto sui fondi arrivati attraverso la Germania dell’Est.

Di questo non si è saputo niente.
C’era uno scatolone alto così, pieno zeppo di attestazioni bancarie, ma andavano tradotte dal tedesco. Lei pensa sia facile farsi raccontare la provenienza dalle banche della Germania dell’Est?

Poi si è dimessa da pm...
E mi risulta che non ci abbia pensato più nessuno.

Ma perché lasciò?
D’Ambrosio mi disse che l’inchiesta sul Pci era un «vagone staccato». Credo, in realtà, che non si volesse andare a fondo.

Ma Greganti nega e ha dimostrato che quei soldi gli servirono a comprare un appartamento.
E lei ci crede?

Su Berlusconi comunque hanno recuperato con gli interessi...
Da leader politico è diventato un bersaglio, ma credo abbia inciso anche quell’offerta fatta da lui a Di Pietro che, sebbene non andò in porto, indispettì parte della Procura, nel frattempo spaccatasi proprio sulla scelta politica del loro ex collega. Il risultato è che i due filoni risparmiati dalle prime inchieste di Manipulite hanno caratterizzato questo ventennio inconcludente.

Berlusconi e i comunisti...
Si sono fatti la guerra ma erano d’accordo a non fare le riforme, tanto che ora sono stati commissariati dai tecnici. E la corruzione impazza più di prima.

Ha mai visto ai suoi tempi 13 milioni spariti ad opera di un tesoriere?
No, assolutamente. E infatti oggi è peggio. Da avvocato ora mi occupo di un caso che va avanti da sei anni, una compravendita di esami a Roma 3 e alla Sapienza. La corruzione impazza, neanche più con coperture ideologiche. Ovunque ci sia un potere da gestire e un do ut des da utilizzare.

Angelo Picariello

Fonte > 
Avvenire.it



Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Pietro G 2012-02-17 19:12
Questo è un Paese corroto e mafioso fino al midollo. La corruzione dei politici è solo una parte di quella totale del Paese. In certi Tribulali Civili le sentenze si comprano e si vendono come noccioline, il lavoro si ottiene solo dietro raccomandazione dei potenti e (al Sud) dei mafiosi e chi si iscrive a qualche partito lo fa per poter rubare in tutta tranquillità e legalità, vedasi l'ultimo scandalo delle tessere PdL. Se si dovesse usare per i politici italiani lo stesso criterio che si è applicato in Germania per le dimissioni del presidente, non ne rimarrebbe neanche uno in carica.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2012-02-17 23:34
Citazione Pietro G:
Questo è un Paese corroto e mafioso fino al midollo. La corruzione dei politici è solo una parte di quella totale del Paese. In certi Tribulali Civili le sentenze si comprano e si vendono come noccioline, il lavoro si ottiene solo dietro raccomandazione dei potenti e (al Sud) dei mafiosi e chi si iscrive a qualche partito lo fa per poter rubare in tutta tranquillità e legalità, vedasi l'ultimo scandalo delle tessere PdL. Se si dovesse usare per i politici italiani lo stesso criterio che si è applicato in Germania per le dimissioni del presidente, non ne rimarrebbe neanche uno in carica


... con i due "coperchi"... "ER COLLE+ER KVPPOLONE"... poveracci,lì, a far da "tappo"... mission impossible, dato che manco più il Padreterno puote... "salvar l'Italia"... R.I.P.!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2012-02-18 14:28
Citazione NOMEN:
Citazione Pietro G:
Questo è un Paese corroto e mafioso fino al midollo. La corruzione dei politici è solo una parte di quella totale del Paese. In certi Tribulali Civili le sentenze si comprano e si vendono come noccioline, il lavoro si ottiene solo dietro raccomandazione dei potenti e (al Sud) dei mafiosi e chi si iscrive a qualche partito lo fa per poter rubare in tutta tranquillità e legalità, vedasi l'ultimo scandalo delle tessere PdL. Se si dovesse usare per i politici italiani lo stesso criterio che si è applicato in Germania per le dimissioni del presidente, non ne rimarrebbe neanche uno in carica


... con i due "coperchi"... "ER COLLE+ER KVPPOLONE"... poveracci,lì, a far da "tappo"... mission impossible, dato che manco più il Padreterno puote... "salvar l'Italia"... R.I.P.!!!


... QVIA... mica sarebbe cosa "buona et justa" salvar quest'I-taglia, quella delle ruberie, degli scandali, delle mazzette e della... "DILAGANTE CORRUZIONE"... ERGO... si merita ormai una cosa soltanto... di esser "fucilata" sulla pubblica piazza... ITALICA+HISTORI A+DOCEAT!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2012-02-17 20:33
A DIO PIACENDO... contro la dilagante, endemica, presente corruzione... è praticabile ormai una sola, justa et necessaria... "staliniana+kapi tale+soluzione"...
ovverossia... "GVLAG+FVCILAZIO NE"!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità