>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Pedopornografia, stroncata rete mondiale
Stampa
  Text size
La Procura della Repubblica di Firenze ed Eurojust stanno coordinando una vasta operazione internazionale contro la pedofilia on line condotta in 28 Paesi tra cui Francia, Portogallo, Belgio e USA. Stroncata con l'operazione Nanny una rete mondiale di pedofili che, usando social network in Internet, sfruttava sessualmente bambini.

Dieci gli arresti in Italia, USA, Francia e Portogallo, 112 gli indagati. Il promotore del sodalizio criminale è un italiano. Perquisizioni sono in corso in Italia, in Francia e in Portogallo e sono già state eseguite in Belgio e negli Stati Uniti, in Texas, California, Illinois, Washington, Missouri, Virginia e Ohio. Gli italiani coinvolti sono 14 - fra cui il promotore del sodalizio criminale internazionale, arrestato a Milano - presso le cui abitazioni in Lombardia, Lazio, Veneto, Valle d'Aosta, Friuli, Toscana, Sicilia e Puglia sono in corso in queste ore le perquisizioni dei carabinieri e della guardia di finanza disposte dalla Procura della Repubblica di Firenze.

Per gli indagati le accuse sono di associazione per delinquere finalizzata alla produzione e diffusione di materiale pedopornografico. L'inchiesta è nata un anno fa da dettagliate denunce di Telefono Arcobaleno ed è stata svolta su scala internazionale dagli investigatori specializzati del Nucleo interforze investigativo telematico (Nit) di Siracusa in collaborazione con i colleghi statunitensi di Ncis, coordinati dal Procuratore della Repubblica di Firenze Giuseppe Quattrocchi e dal sostituto Vincenzo Ferrigno. Congelati i dati informatici presso i server statunitensi del social network, oscurato, cui aderivano numerose comunità di pedofili che reclutavano nuovi adepti e raccoglievano materiali pedopornografici.

Il tribunale di San Diego (California) ha ordinato le prime perquisizioni negli USA, poi eseguite con successo dagli investigatori di Ncis in collaborazione con i colleghi italiani del Nit.

Successivamente i dati acquisiti negli USA ed elaborati a Siracusa dagli specialisti del Nit hanno confermato la matrice italiana del sodalizio criminale nonchè la presenza di oltre 700 adepti sparsi in tutto il mondo, anche in Paesi come Arabia Saudita, Messico, Cile, Argentina, Qatar, Israele. Fittissimo lo scambio di migliaia di fotografie e centinaia di video a carattere pedopornografico, con bambini fino a 11 anni, anche neonati. I 700 pedofili aderivano attivamente al social network, che aveva il server a Dallas (Texas) immettendo foto e video pedopornografici, anche prodotti da loro, e si erano registrati fornendo generalità personali, account di posta elettronica, nonché sottoscrivendo un documento in cui accettavano consapevolmente di iscriversi e partecipare a una rete dedita alla pedopornografia.

Sul social network agivano con nickname. Il Nit di Siracusa ha rintracciato tutti gli ip dei computer da cui era stato postato il materiale illegale, risalendo ai titolari. Oltre ai 700 adepti, il social network conta migliaia di frequentatori che hanno visionato le sue pagine.

Fonte >  Avvenire.it


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# enrico g 2012-03-09 10:07
"Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, è molto meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-03-11 00:30
Noi abbiamo un po' di discariche sopratutto nel sud, potremmo avvalerci dell'esperienza di quelli che sanno usare bene le colate di cemento... parafrasando "lasciate che le carogne seppelliscano le carogne".
VANNO MESSI A MORTE, TUTTI, così soddisfiamo anche i fautori dell'eugenetica.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Eracle 2012-03-12 10:27
Egregio Direttore,
Qualcosa non quadra: si parla degli effetti e non delle cause.
Nessuno colpisce Walt Disney e company rei di aver introdotto da SEMPRE immagini sessuali subliminali in prodotti destinati ai bambini?
Non è che tutta questa perversione sessuale sia frutto di condizionamento subliminale di massa che colpisce le menti più deboli (pubblicità, musica, film)?
La perversione sa colpendo sia gli adulti che i giovanissimi, occorre indagare anche su questo.. oppure c'è un progetto per distruggere la civiltà occidentale fin dalle sue radici?
Certe "porcherie" c'erano anche 40-50 anni fa come gli abusi sui minori.. solo che era tutto soffocato da certi partiti politici (perbenisti) e da una Chiesa (imperante: il motto era "va tutto bene madama la marchesa".
Sono da condannare questi individui ma cerchiamo di capire che sta succedendo nel mondo anziché fare gli indignati: io penso sia una scusa per controllare tutta la rete col pretesto di fermare questa gente.
Chi ci assicura che i siti in oggetto non sia messi online dalle stesse strutture governative?
I dubbi sono tanti...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità