>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Tanto rumore per nulla
Stampa
  Text size
La conclusione del caso Williamson

- La Corte d’Appello di Norimberga, il 22 febbraio 2012,  ha annullato la condanna inflitta a monsignor Richard Williamson dal Tribunale Regionale di Ratisbona, l’11 luglio 2011, per «incitamento allodio razziale». La Corte d’Appello ha anche deciso che lo Stato di Baviera deve pagare le spese processuali sinora sostenute da monsignor Williamson. Tuttavia non è detta l’ultima parola, il processo contro Gesù docet.

- Nel novembre 2008 il Vescovo britannico aveva rilasciato dalla Germania un’intervista alla televisione svedese in cui, secondo i patti stabiliti, avrebbe dovuto rispondere ad alcune domande sulla Tradizione cattolica. L’intervista, sempre secondo i patti, sarebbe stata trasmessa in Svezia e non in Germania.

- Invece i patti furono violati dalla televisione svedese, che tese una domanda trabocchetto a monsignor Williamson sulla shoah e poi la trasmise, scorrettamente, in Germania. Il vescovo aveva semplicemente risposto alla domanda che per quanto aveva letto circa venti anni prima nel «Rapporto Leuchter», pubblicato dall’editore canadese Zundel, non vi erano prove sufficienti per affermare con certezza l’esistenza di un piano di eliminazione totale del popolo ebraico da parte del III Reich germanico, tramite camere a gas. «Comunque, aveva concluso, se mi portate prove ulteriori, che sono state addotte in questi ultimi venti anni, sono pronto studiarle e a prenderne atto».

- Nessuna prova gli fu data e tuttavia fu condannato da quasi tutti senza attenuanti generiche e specifiche. Egli era il mostro negazionista, nazista, ignorante, retrogrado che andava «eliminato» geograficamente poiché aveva mantenuto il mondo della Tradizione nel «ghetto». Nessun addebito fu mosso agli svedesi, che, in realtà, furono i veri colpevoli del caso montato ad arte ai danni di monsignor Williamson.

- A parte il numero CCXLII del 3 marzo 2012 di «Commenti Eleison» (la «Lettera circolare» di monsignor Richard Williamson) ed un «Comunicato stampa» di padre Paul Morgan di Londra, quasi nessuno ha dato al caso di oggi lo stesso risalto che gli fu dato nel 2008 o addirittura lo ha ignorato o «minimizzato» (il «negazionismo» all’incontrario).

- Anche questo non mi pare corretto. Normalmente va restituita la buona fama a colui al quale è stata rubata e sotto pena di peccato mortale. Eppure quali accuse e calunnie furono vomitate contro monsignor Williamson, ma nessuno sembra ricordarsene. «Guai ai vinti!» anche se sono riabilitati. L’importante è stare al passo coi tempi, non mettersi a cavillare su questioni imbarazzanti e scottanti, che potrebbero nuocere all’avanzamento, al riconoscimento da parte del mondo.

- Monsignor Williamson, anche da riabilitato, resta un personaggio scomodo perché ama la verità e la dice. Ora «veritas parit odium». Quindi, per non essere odiati, bisogna sorvolare su certe questioni politicamente e teologicamente scorrette.  Perciò bisogna mantenere il silenzio stampa (o un «profilo basso», come si dice in ambiente «curiale») sul caso Williamson, che da tre anni si trova praticamente agli «arresti domiciliari».

- Dal punto di vista umano la vicenda è stata e continua ad essere squallida, tranne per monsignor Williamson, che è stato uno dei pochi ad esserne uscito a testa alta. Ma questo è normale: le vicende umane sono quasi sempre molto poco edificanti. Tuttavia non si dovrebbe sorpassare un limite, che, in tal caso, è stato abbondantemente scavalcato in maniera «disumana» come solo certi «preti» sanno fare.

- Resta, per fortuna, la Giustizia divina alla quale tutti dovremo rispondere. Ora Gesù nel Vangelo ci ha insegnato: «Beati i perseguitati a causa della giustizia, poiché di essi è il Regno dei Cieli» e nello stesso tempo ci ha ammoniti: «Con il metro con cui  misurerete sarete misurati» e «Via lontano da Me! Poiché ero carcerato e non mi siete venuti a trovare, ero perseguitato e non mi avete soccorso». Se oggi il posto di monsignor Williamson è ancora scomodo – non bisogna farsi illusioni la «Sinagoga di satana» (Apocalisse, II, 9) non perdona – domani non vorrei stare al posto dei suoi «carnefici» al cospetto del Giudice divino. Tuttavia sino a che c’è vita c’è modo di riparare il mal fatto e di ottenere il perdono da Dio, il quale è l’unico Giudice che dobbiamo temere. «Il tempo passa, leternità si avvicina». Basta riconoscere pubblicamente di essersi sbagliati se, pubblicamente, si è linciato monsignor Williamson; se lo si è fatto privatamente lo si faccia privatamente. «Chi ha orecchie per intendere ascolti! ».

Don Curzio Nitoglia

Fonte > 
doncurzionitoglia.com


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Vitoparisi3 2012-03-24 07:21
Il monsignore non aveva mica negato, né le leggi razziali né le prigionie. Aveva semplicemente detto che solo Iddio sa la vera ragione della Vita e della morte. Un umano non può mettere la mano sul fuoco se qualche prigioniero decede per stenti da fame, da freddo, da malattie, o da gas, perché non siamo infallibili, come invece Iddio è, il Quale conosce le cause ad ogni cosa. I britannici, ad esempio, bombardavano i campi di prigionia tedeschi con tutti i prigionieri dentro, peggiorando gravemente il tutto. Solo Dio vede alla perfezione le cause dei trapassi e dell'esistenza. Un monsignore ha il dovere di parlare così, e non di ripetere pedissequamente : "Erano sei milioni morti a causa del gas, è sicuro, perché lo pretende qualche estimatore umanamente influente sul piano temporale".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-03-24 08:28
"Basta riconoscere pubblicamente di essersi sbagliati"
Non lo faranno mai perchè questa gente vive della menzogna e con la menzogna. Sono pronti ad accusare chiunque di comportamento antidemocratico mentre loro soffocano la libertà di parola come succedeva solo nell'Unione Sovietica. Recentemente, la Corte Costituzionale francese ha annullato la legge che puniva la negazione del genocidio armeno perchè contraria al principio di libertà di parola. Naturalmente non hanno abrogato la legge che condanna la negazione della Shoah, giustificando la differenza tra i due genocidi con argomentazioni che più che arrampicate sugli specchi dimostrano tutta la loro servitù nei confronti della lobby. Invano hanno protestato gli armeni facendo notare che la sentenza stabilisce che esistono morti (e quindi popoli) di serie A e di serie B.
La parte più odiosa in questa ignobile farsa la fanno i media, costretti a mentire sperando che il popolo indottrinato non se ne accorga. Non si accorgono che, quando non si è capaci di guardare in faccia la storia e giudicare quello che è realmente accaduto, si perde credibilità anche nel lavoro di giornalismo quotidiano.
Non voglio neanche parlare dell'atteggiamento del Vaticano, noto solo che il processo di beatificazione di Pio XII sembra bloccato e già questo la dice lunga su chi comanda e chi obbedisce. Tutto il mio rispetto va invece a monsignor Richard Williamson, Dio gli doni ancora molti anni di vita perchè di gente come lui ce n'è bisogno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# nicolas 2012-03-24 18:04
Tirannide mediatica della menzogna più spudorata: è l'incubo in cui si è costrtetti a sopravvivere in quasti tempi. Quando esplose il caso Williamson due furono gli episodi rimasti scolpiti nella memoria:
Il primo la disinformazione capillare attraverso le Radio private i cui speaker, nei notiziari sparati ogni dieci minuti, parlavano del nostro con sarcasmo dichiarando che questo pazzoide vecovo negava l'esistenza dei forni crematori. Attenzione, forni crematori mica padiglioni del gas. Tanto la gente che ci capisce.
L'altro è la fantastica dichiarazione del portavoce del Vaticano, padre Lombardi,sulla posizione in merito della Santa Sede.
Innanzi a tale orrore mi vien in mente un commento di tale Aloisius in un altro articolo in cui un soldato tedesco innanzi alle tremende prove quotidiane della guerra perdipiù in disfatta scriveva:
Questo evento truce 's'è verifivato ma Dio non sbaglia. Mai!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-03-25 00:11
"la fantastica dichiarazione del portavoce del Vaticano" cioè: "chi nega la Shoah nega la Croce" è la dichiarazione più assurda e vergognosa che potesse mai venire dal Vaticano. La Croce può essere messa in relazione solo con un evento storico: vita morte e resurrezione del Cristo. Non può essere accostata neanche lontanamente con le bufale e le menzogne storiche.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Ubaldo 2012-03-26 12:37
Caro amico, il Vaticano è pappa e ciccia con certi affari rabbinici... Cosa vuoi che potesse fare? Te lo immagini un Papa che possa difendere (in onor della verità) uno storico come Robert Fourisson...?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alberto 2012-03-26 20:10
Bravo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alberto 2012-03-26 20:11
E poi basta! Questi hanno rotto e stanno esagerando... ma possibile che l'opinione sia un reato?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-03-26 21:43
In Vaticano, da troppo ormai, non si crede alla divinità di Cristo, il che si evince anche dal testo di Wojtyla-Giovanni Paolo II "Varcare la soglia della speranza" in cui si legge che, peggio ancora, e che (pagina 9) mai in questo contraddetto dall'allora cardinale Ratzinger, che gli scriveva la maggior parte dei testi. Sempre da cardinale, Ratzinger scrisse un libro "Il Dio di Gesù Cristo". Quindi Cristo NON è Dio! Dove rimane? il "Io e il Padre siamo una cosa sola" Giovanniv10,30. Da Papa la sua ossessione ecumenista, lo porta a dire che entrambi negano la divintà di Gesù Cristo.
D'altronde tutti coloro che negano la Divinità di Cristo o la Resurrezione, gli sono particolamente cari al punto da
averli nominati cardinali. Il suo agnosticismo credente d'altronde è noto, basta leggere i suoi ultimi libri infarciti di cerchiobottismo , e osservare bene il Pallio che porta dove ostenta sino dal giorno della sua nomina la sua vera appartenenza.
Chi sono allora i VERI negazionisti?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Malafesta 2012-03-26 23:56
E come ci mancano quei begli articoli contro Benedetto XVI reo di aver tolto la scomunica...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Mah!!! 2012-03-27 08:04
Mostruoso, hanno ragione quindi don Luigi Villa e l'ingegner Adessa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Mah!!! 2012-03-27 08:08
I forni erano stati COSTRUITI x bruciare la massa di cadaveri morti di tifo. O no?
Carlo Mattogno docet.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NUMA 2012-03-28 09:02
Questa tesi la si poteva tranquillamente ascoltare su alcuni documentari storici trasmessi dalla RAI circa 35 anni fa!
Io ho cominciato a pormi domande sulla menzogna dell'olocausto a quel tempo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# SART 2012-03-24 20:02
Molto bene. Non ne hanno voluto fare un martire, ma è meglio così: "fuori" si può lavorare meglio che "dentro". Senza contare che l'Inghilterra non avrebbe avuto con facilità modo di concedere l'estradizione.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# The Crusader 2012-03-24 21:07
Complimenti a questo giornale e al suo direttore a cui chiedo di non mollare.
Personalmente non ho mai dubitato della Shoah, ma mi piace capire e cercare la verità in ogni cosa.
Vorrei comprendere le ragioni dei negazionisti, per poterne farmene un'idea libera e personale. Chiaramente non penso che i negazionisti abbiano ragione.
Perchè in un articolo non esponete le ragioni di una parte e quelle dell'altra?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-03-25 00:05
Perchè esistono già una grande quantità di libri che trattano seriamente tutta la vicenda. Il primo di questi libri che ho letto in ordine di tempo, e che rimane un classico, é : The Hoax of the Twentieth Century, di Arthur R. Butz, scaricabile liberamente da internet.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Mah!!! 2012-03-27 08:11
Aggiungo Carlo Mattogno qui in Italia, che è un portento.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# nicolas 2012-03-25 12:14
A parte la mole di libri sull'argomento, la cosa più assurda che getta immediato discredito sulle tesi della shoah è il reato di negazionismo ossia il divieto assoluto di indagare e verificare le cifre che un tizio, senza portarne le prove, ha stabilito come cifra inoppugnabile. Chi contesta, anche su basi di ferrea logica ed evidenze numeriche, viene incarcerato. Strano, pazzesco, ma è così.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Dietrich von Bern 2012-03-24 22:57
Bisognerebbe sentire in proposito il giornalista (!) Marco Pasqua di "Repubblica" l'esperto di antisemitismo in servizio permanente effettivo. Chissà questo guru cosa avrebbe da dire!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-03-25 08:28
Non mi ero accorto di questo articolo di don Curzio. Io sono convinto che sia sempre utile la voce della giustizia anche se grida nel deserto. Infatti Dio la ascolta anche da lì e ne fa eco.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# michelangelo 2012-03-25 14:44
Le accuse, se ingiuste, sono una cosa terribile. Diventano veicolo di consenso collettivo al linciaggio di un innocente.
La Madonna nelle sue apparizioni avverte sull'attenzione ai segni dei tempi e sull'azione di satana in questo tempo.
Se uno è innocente, alla fine gli rimane solo Dio.
Sia Lodato Gesù Cristo e Maria.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# sivispacemparabellum 2012-03-25 18:12
Il popolo dei Deicidio e dell'Anticristo deve tornare nella tenebra da cui è scaturito.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# licio 2012-03-26 12:45
VIVA DOM CURZIO... SEMPRE GRANDE.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# terrone 2012-03-26 16:39
Chi dubita della shoa dovrebbe vedere il video del'ebreo Dave Cole.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# rinus 2012-03-26 20:07
Ma da quando in Germania ed in Austria si va in galera per il solo fatto che non si crede allo sterminio degli ebrei nelle camere a gas? Accidenti ho rischiato la galera nel 72/74 senza saperlo? Nel 1964/65 sicuramente di questi fatti non si discuteva proprio per nostra ignoranza completa, si parlava di fatti inerenti la guerra, di coraggio, di tradimenti, di massacri degli Alleati! Ma altro no.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Werner 2012-03-26 22:40
Non c'è nulla di cui stupirsi tutti i mass media, in occidente, sono controllati dagli ebrei. L'accusa di negazionismo è esagerata: ognuno in democrazia è libero di esprimere dubbi sulla veridicità o meno della cifra sugli ebrei sterminati dal Nazismo. Però in effetti, il dubbio esiste: ma se alla vigilia della II guerra mondiale gli ebrei in Europa erano 12 milioni, come mai si parla di 6 milioni di loro uccisi, se ancora ce li ritroviamo tra i piedi?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# polpi 2012-04-06 09:45
Citazione Werner:
Non c'è nulla di cui stupirsi tutti i mass media, in occidente, sono controllati dagli ebrei. L'accusa di negazionismo è esagerata: ognuno in democrazia è libero di esprimere dubbi sulla veridicità o meno della cifra sugli ebrei sterminati dal Nazismo. Però in effetti, il dubbio esiste: ma se alla vigilia della II guerra mondiale gli ebrei in Europa erano 12 milioni, come mai si parla di 6 milioni di loro uccisi, se ancora ce li ritroviamo tra i piedi?


Cosa vuol dire tra i piedi? Sei dispiaciuto? Auguri morte a qualcuno?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-03-27 11:37
Citazione Malafesta:
E come ci mancano quei begli articoli contro Benedetto XVI reo di aver tolto la scomunica...


Quindi santosubito anche lui?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Matita Rossa 2012-03-27 15:18
Se Williamson la smettesse di pensare che la Tradizione coincide esclusivamente con la Fraternità Sacerdotale San Pio X sarebbe finalmente un gran passo avanti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# BERTIEBOY 2012-03-27 22:43
Perchè la voce di don Curzio Nitoglia non ha lo spazio che meriterebbe nella dottrina ufficiale della Chiesa cattolica e non ha proprio voce nei comunicati ufficiali della Chiesa (Cattolica Apostolica) Romana?
Suvvia lo sappiamo...
E' così da quando il fumo di Satana è penetrato nelle sacre volte.
E' tutto purgato, deviato nei messaggi papali, nelle encicliche. L'attenzione è spostata sull'Uomo.
La religione cristiana è diventata una religione antropocentrica .
Con gli effetti del Concilio Vaticano II siamo approdati a queste desolate lande.
Più o meno dalla morte di Pio XII.
Dopo di Lui c'è stato un altro grande Papa, Giovanni Paolo I, per soli 33 giorni; è stato (molto probabilmente) eliminato e poi ecco arrivare gli Adoratori dei Fratelli Maggiori, i fautori del Dialogo Interreligioso, ovvero la perdita del primato e della guida spirituale e religiosa da parte della Chiesa cattolica, erosa dall'interno da questi emissari di provenienza oscura.
Il penultimo, il polacco (il re dei media) sembrerebbe vantare ascendenti matrilineari di origine giudaica, cresciuti nel ghetto di Cracovia, esattamente come l'attuale il tedesco, che sembrerebbe vantare antenati rabbini nella Capitale della Cabala europea, la magica Praga.
Si realizza così il sogno secolare del giudaismo di insediarsi sul Soglio di Pietro e si spiega così la decadenza e la flebile voce del Papato nel mondom moderno.
Il Vicario di Cristo sulla Terra depotenziato dall'interno.
Non tutte le voci della Chiesa sono messe in sordina.
Grande don Curzio Nitoglia e anche grande il vescovo Wialliamson!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-03-28 22:47
Hai notato il silenzio assordante sul cinquantesimo anniversario del CVII?
Come! il "più grande evento" della Chiesa del XXmo secolo e nessuno ne parla?
Che si siano finalmente accorti che è stato un disastro?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Riunificazione. 2012-03-28 08:03
Matita Rossa, il tema di discussione era un´altro. Sei in cerca di polemica? In ogni caso i "tradizionalisti " conciliari non sanno nè di carne e nè di pesce. Persone tiepide che spesso e volentieri in nome di una falsa obbedienza si sono sempre tirati giu i pantaloni anziché affrontare le questioni di petto e qui mi fermo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NUMA 2012-03-28 10:03
X mah!

Non so esattamente quando Mattogno abbia cominciato la sua egregia opera di ricerca storica, ma queste tesi sui forni crematori nonchè sulla totale assenza di una organizzazione strutturata di sterminio, senza la quale era del tutto impossibile portare a termine l'olocausto di 12 milioni di ebrei (quella era la cifra che circolava allora), si potevano ascoltare tranquillamente attraverso i documentari storici trasmessi dalla RAI circa 35 anni or sono.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-03-29 12:20
Citazione Pietro G:
Hai notato il silenzio assordante sul cinquantesimo anniversario del CVII?
Come! il "più grande evento" della Chiesa del XXmo secolo e nessuno ne parla?
Che si siano finalmente accorti che è stato un disastro?


NIENTE AFFATTO.

2012-03-24 Radio Vaticana
Riscoprire l’entusiasmo di comunicare la bellezza della fede: è l’esortazione di Benedetto XVI nel suo videomessaggio in occasione dell’incontro nazionale organizzato a Lourdes dai vescovi francesi per celebrare i 50 anni dell’apertura del Concilio Vaticano II.
“Il Concilio Vaticano II – afferma il Papa - è stato e rimane un autentico segno di Dio per il nostro tempo” e se lo interpretiamo “all’interno della tradizione della Chiesa e sotto la guida sicura del Magistero” potrà diventerà “sempre di più una grande forza per il futuro della Chiesa”. Di qui l’auspicio che questo anniversario sia l’occasione “di un rinnovamento spirituale e pastorale”, cogliendo l'opportunità di “conoscere meglio i testi che i Padri conciliari ci hanno lasciato in eredità e che non hanno affatto perso il loro valore”.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-03-29 16:37
Speranza vana. Ancora non si sono accorti che interpretarlo “all’interno della tradizione della Chiesa e sotto la guida sicura del Magistero” non serve niente perchè ci sarà sempre chi lo interpreta in senso opposto.
Riscoprire l'entusiasmo??? Dieci anni dopo il discorso inaugurale di Giovanni XXIII, Paolo VI, nella famosa omelia del Giugno 1972, affermava di avere la sensazione che «da qualche fessura sia entrato il fumo di Satana nel tempio di Dio». C’è il dubbio, l’incertezza, la problematica, l’inquietudine, l’insoddisfazio ne, il confronto. Non ci si fida più della Chiesa; ci si fida del primo profeta profano che viene a parlarci da qualche giornale o da qualche moto sociale per rincorrerlo e chiedere a lui se ha la formula della vera vita".
Una ammissione di fallimento del Concilio più chiara di questa non è possibile formularla.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pescecani 2012-04-01 21:05
Preghiamo tutti insieme preghiere contro gli sciacalli
e contro i partigiani di satana e i loro malefici:

(segno di croce) Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

Croce del Santo Padre Benedetto.
Croce santa, sii mia luce e non sia mai il demonio mio capo.
Va' indietro, satana; non mi persuaderai mai di cose vane; sono mali le bevande che mi versi, bevi tu stesso il tuo veleno.

(segno di croce) Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# zara 2012-04-15 13:17
E allora che accusino di negazionismo: De Gaulle, Eisenhover e Churcill! Tutti costoro, nelle loro memorie, non hanno parlato dell'olocausto. Segno evidente che non credevano alla propaganda nera di guerra che loro stessi propugnavano. Ma, tant'è.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# mm 2012-05-04 11:13
Ot
ultimamente ho scoperto questo testo di Padre Julio Meinvielle, che ritengo di grande interesse
> http://www.juliomeinvielle.org/
edizione integrata da Padre Ennio Innocenti (autore di diverse pubblicazioni)
http://www.fraternitasaurigarum.it/wordpress/?page_id=75
http://andreacarancini.blogspot.it/2010/07/don-ennio-innocenti-il-profetismo.html

INFLUSSO DELLO GNOSTICISMO EBRAICO
IN AMBIENTE CRISTIANO
http://vho.org/aaargh/fran/livres9/MEINVit.pdf
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# mm 2012-05-06 16:48
Interessante anche questo:
Liberalismo e cattolicesimo-liberale da Lamennais a Maritain e De Gasperi
http://www.juliomeinvielle.org/libros/proyecciones_articulos/Liberalismo%20e%20cattolicesimo.pdf
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Gianfranco lumetti 2012-06-14 09:58
Propongo al sig.Williamson di farsi gasare in una camera a gas e di mandarmi poi le prove del fatto in modo da studiare storicamente il fatto.
Almeno ci libereremo di questo losco individuo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità