>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Nella testa dei negazionisti: "Shoah macabra leggenda"
Stampa
  Text size
Arriva un documentario negazionista in cui i principali sostenitori vengono intervistati

Novanta minuti per negare la Shoah e sostenere che l'Olocausto è "la più colossale menzogna dell'epoca moderna". Si intitola "Wissen macht frei  -  la conoscenza rende liberi" (il richiamo è alla scritta"Arbeit macht frei" collocata sull'ingresso del campo di sterminio di Auschwitz), ed è il primo documentario made in Italy  -  con voce narrante e sottotitoli in italiano  -  che mira a diffondere le folli tesi negazioniste su larga scala. Per adesso solo sul web, attraverso i forum neonazisti, i programmi di file-sharing, o i siti monotematici dei sedicenti studiosi dello sterminio del popolo ebraico, anche se  l'ambizione è quella di sbarcare nelle scuole. Diffuso in questi giorni in via semiclandestina, il documentario verrà presto distribuito sotto forma di dvd, a chiunque ne faccia richiesta, via e-mail. "Non chiediamo un euro e siamo pronti a portarlo nei licei", promettono gli autori di questo documentario, disponibile anche in una versione estesa di due ore e mezza. Militanti di Forza Nuova (anche se, ufficialmente, la formazione neofascista non lo propaganda ancora), sono noti alle forze dell'ordine per la loro attività di negazione della Shoah e per i loro commenti antisemiti e razzisti sui forum. Sono loro gli organizzatori del dibattito negazionista che si è tenuto provocatoriamente lo scorso 27 gennaio, giorno della Memoria, nella sede di Forza Nuova Lario, a Como.

Quasi un anno di lavoro necessario per raccogliere e montare materiali video e fotografici dai blog negazionisti: il risultato è una bestemmia storica, una volgare menzogna che offende la memoria dei milioni di morti nei lager nazisti. Si nega non solo l'esistenza delle camere a gas ma anche il numero dei sei milioni di ebrei sterminati e si ribatte, punto per punto, alla storiografia che, da decenni, si occupa dell'Olocausto. Spesso con prove inconsistenti e affermazioni ampiamente smentite dagli studiosi: la verità dell'Olocausto viene contestata attraverso bugie antistoriche.

In altri Paesi, la realizzazione di questo filmino sarebbe punita con la galera: particolare ricordato in apertura di documentario, a mo' di warning ("Attenzione: la pubblicazione e la distribuzione di questo video costituisce reato ed è passibile di arresto in 12 Paesi europei", recita una scritta in sovraimpressione). Obiettivo di questo collage di interviste ai principali negazionisti  -  dal francese Robert Faurisson allo svizzero Jurgen Graf  -  è quello di abbattere il "dogma dello Shoah", svelando quella che sarebbe stata la "leggenda dei campi di sterminio". Anche i testimoni scampati ai lager nazisti vengono liquidati come "sedicenti sopravvissuti", che girano le scuole per "propagandare la favola delle camere a gas".

E' lungo l'elenco dei negazionisti citati in apertura: sono sedici, ognuno presentato come un "martire", uno studioso perseguitato "per aver messo in discussione una credenza popolare", al fine di "cercare la verità". Da Paul Rassinier a Ernst Zündel, passando per Sylvia Stolz e Norman Finkelstein, a questi storici di nome ma non di fatto, viene riconosciuto il merito "di aver smontato" la leggenda della Shoah "con una semplice analisi obiettiva", visto che "la verità dell'Olocausto si regge su testimonianze contraddittorie di cui non si hanno prove documentate e che le poche analisi che è stato possibile effettuare hanno rivelato infondata".  "Purtroppo l'elenco dei cosiddetti negazionisti che vengono perseguitati è in costante aggiornamento  -  spiega la voce narrante, un ragazzo italiano, presumibilmente uno dei due autori del montaggio - Ma questo vuol dire che c'è un crescente numero di persone disposte a rischiare per far rifiorire la verità. I popoli d'Europa stanno rialzando la testa. Questo fa paura a qualcuno, che soltanto grazie alla presunta Shoah riesce a tenere sotto schiavitù questi paesi e i loro cittadini, avvalendosi dei sensi di colpa di un popolo. Lo dimostrano le continue pressioni sui rappresentanti dei governi per introdurre il reato di negazione dell'Olocausto".

E' a Faurisson e Graf, protagonisti indiscussi del video, che viene affidato il compito di presentare larga parte delle tesi condivise da quanti negano l'esistenza della Shoah. Del primo, viene anche riportata un'intervista rilasciata quando venne invitato all'università di Teramo, dal docente Claudio Moffa, nel 2007.

Il documentario cerca di confutare, invano (senza cioè fare riferimento a documenti ufficiali), quelli che sono i tre capisaldi della storiografia nazista. In primo luogo, si vuole sostenere che il regime nazionalsocialista non emanò alcun ordine di sterminio del popolo ebraico: lo sostengono sia Faurisson che l'italiano Carlo Mattogno. E poi Graf, per il quale il fatto che "numerosissimi deportati siano sopravvissuti ai campi" è la migliore prova che questo ordine non sia mai esistito. Ma il capovolgimento della verità storica si fa più spregiudicato quando si vuole sostenere che le camere a gas siano un'invenzione. "Dove sono le prove? Non intendo quelle false, quelle vere", dice Faurisson, sottotitolato in italiano. "Non esistono tracce materiali di gasazioni omicide. Per esempio, se non disponessimo delle testimonianze sulla gasazione dei detenuti ad Auschwitz, non ci sarebbe mai idea che questa camera mortuaria costruita come quella di altri crematori sia servita da camera a gas", afferma Graf, ignorando le molteplici testimonianze di quanti, Shlomo Venezia in testa (addetto del Sonderkommando), hanno visto e vissuto, ogni giorno, la disumana atrocità della gasazione di massa. Il Zyklon B, il gas impiegato per gli stermini dei prigionieri, sarebbe stato usato, in realtà, per "disinfettare abiti ed edifici e combattere le epidemie". E queste ultime  -  non le camere a gas  -  spiegherebbero il decesso di moltissimi ebrei (l'unico dato certo che Graf accetta di fornire è quello di "centinaia di migliaia" di persone deportate nei campi). Ancora: nei campi di sterminio vi sarebbero state piscine, teatri e bordelli. Quale miglior prova del fatto che i nazisti non volessero sterminare i loro prigionieri?  "Gli ebrei non hanno mai corso il rischio di essere sterminati", sentenzia Graf.

Terzo punto contestato dagli autori del documentario, il dato dei sei milioni di ebrei morti. Per Faurisson si tratta di un numero fatto "circolare ad arte", e anche la testimonianza di Rudolf Höss, comandante di Auschwitz (che ha fornito le prove delle gasazioni) sarebbe stata estorta con le torture. "La cifra dei 6 milioni di ebrei morti risale al 1900, quando comparve anche sulla stampa ebraica di New York  -  prova a spiegare Faurisson - Il dato era riferito in un primo tempo agli ebrei che stavano morendo in Russia e Polonia ed era uno slogan per reperire fondi. Successivamente lo si userà per la Germania".

La conclusione della voce narrante è in linea con le precedenti tesi antistoriche: "In assenza di prove la Shoah andrebbe considerata una macabra leggenda". Per i negazionisti, "la propaganda sull'Olocausto è una fiorente industria. E' un affare che muove miliardi di dollari in tutto l'occidente. Anche le visite guidate ai campi di sterminio fatturano milioni di euro. Dietro alla Shoah  -  si sostiene ancora  -  ci sono i soldi versati come risarcimenti a stato di Israele e alle vittime,  ma c'è anche la nascita dello stato di Israele". Resa possibile, appunto, dall'Olocausto. Titoli di coda come nella migliore tradizione cinematografica, si ringraziano il negazionista italiano Mattogno, un militante di Forza Nuova, e i gestori di quattro siti negazionisti italiani. Ma è solo il primo passo: "E' un inizio, abbiamo tante idee per fare documentari revisionisti e farli circolare", promettono gli autori.

Fonte >  Repubblica.it


Home  >  Worldwide                                                                                Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Juma 2012-04-05 16:06
Me lo scarico subito, grazie per la segnalazione.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Viktor - SS 2012-04-05 18:02
Grazie!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-04-05 20:24
Ho visto il video su youtube e devo dire che è fatto piuttosto bene, senza troppi dettagli che annoiano, e con un buon grado di accuratezza nella narrazione. Un video fatto per i giovani e per coloro che non conoscono la materia e non se la sentono di leggere libri revisionisti troppo impegnativi. Bravi, un po' di aria fresca nello stantìo della menzogna di regime.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pelzen 2012-04-06 00:32
Io non posso essere né negazionista né altro. Cerco di andare a verificare i fatti per quanto possibile sia.

Però in alcuni documenti si parla di un numero non superiore ai due milioni nell'europa occupata dai nazisti, e questo nel 18 novembre del 1943 (documento della Zionist Organization). Se sono veri quei documenti (fanno parte del patrimonio storico dei cowboy) è pacifico che ci si chieda da dove vengano fuori i 6 milioni, considerando che il partito sionista americano ambiva a portare almeno 4 milioni in Palestina di ebrei che erano emigrati dalla Polonia alla Russia.
La domanda dei negazionisti, al di là delle beghe puramente, numeriche è lecita.
Da dove vengono i 4 milioni che mancano???
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# DBF 2012-04-06 06:03
Se anche fosse vero e se tutto fosse confermato, troppo tardi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-04-06 11:10
Vedo che l'articolo parla del crimine storico di negazione del terribile sterminio mediante camere a gas. Un tempo credo che tutto questo andasse di pari passo anche con l'indispensabile orrore dei forni crematori.
Da quando ho atteso per oltre tre ore le ceneri di una moderna cremazione, oramai ammessa anche dalla Chiesa, ho avuto l'idea di fare un calcolo dell'energia e quindi della quantità di combustibile necessario per incenerire un cadavere mediante carbone. Questo macabro esercizio conduce a dover fare almeno una considerazione: la Storia potrebbe trovarsi in contrasto con la termodinamica e con Kronos.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Curioso74 2012-04-06 16:10
In effetti starebbero ancora ad incenerire...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# VALFREDX 2012-04-06 16:31
il video è buono, tutte cose che sapevo, ma come divulgazione va bene; quello che mi ha lasciato perplesso è l'introduzione: le solite storie dei ceti dominanti che usavano la religione per assogettare i popoli, che impedivano la ricerca della verità, Giordano Bruno e Galileo e tutto il solito repertorio oscurantista (ma pseudo anti)...

poi ho dato la seguente interpretazione : dato che il film si rivolge ad un pubblico sostanzialmente imbecille ma presunto "studiato" ossia a chi crede a tutte le favole più assurde (Shoah, 11/9, debito pubblico, ecc.) gli autori hanno voluto mettersi sul loro piano, dando per scontate le solite premesse politicamente corrette, la scienza... la verità... il progresso... alfine di attirare nella trappola (DELLA VERITA!) gli innumerevoli imbecilli che altrimenti si sarebbero subito ritratti sdegnati... ossia, il male a fin di bene!

Almeno voglio sperarci, altrimenti c'è proprio da essere sconsolati, se i revisionisti dell'olocausto non sanno revisionare criticamente tutto ciò che la scuola moderna ci ha propinato negli altri campi!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# VALFREDX 2012-04-06 16:40
In ogni caso vale la pena di scaricare il film, fatelo presto prima che lo tolgano; trovate anche l'intervista a Faurisson "UN HOMME" (mal)titolato in italiano ma molto valido; ho trovato poi il film di un regista israeliano, "defamation" in 7 puntate e pure sottotitolato.
Buona visione.

Con un programma free "DVD STUDIO FREE" da www.dvdvideosoft.com si scarica qualunque video da YOUTUBE (credo) legalmente.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# soltera 2012-04-06 19:05
Se qualcuno andava ad Auschwitz prima del 1990 (caduta dell'URSS) avrebbe trovato una targa commemorativa che in quel campo erano morti 4 milioni di ebrei(ci sono milioni di fotografie di questa targa) Se ci va ora sulla targa commemorativa ci trova la cifra di 1.5 milioni. Questo porta a una considerazione inconfutabile. Non essendo nel frattempo emersi documenti o fatti che provino la resurrezione di 2,5 milioni di persone dal campo di Auschwitz e non avendo mai corretto la cifra dei 6 milioni a 3,5 o questi 2.5 milioni sono morti in altri campi oppure è tutto un falso. Duemilionicinqu ecentomila persona non sono bruscolini, è una enormità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# atlaservice@libero.i 2012-04-07 22:36
E basta con queste balle... la storia l'hanno scritta i vincitori... appunto, BALLE!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# domenico moschetta 2012-04-08 18:12
Mi viene in mente di rifarmi a Dante Aligheri che scrisse, se la memoria non mi inganna, 'uomini siate e non pecore matte'.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# VALFRED 2012-04-09 08:48
... e non pecore matte, sì che il giudeo di voi, tra voi, non rida...
Chissà come se la godono, i capi sionisti ad ogni giornata della me(nzogna)moria
Me li vedo che si danno grandi manate sulle cosce, ridendo di noi e spesso TRA di noi!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# gustavo d 2012-04-12 17:05
La persecuzione c'è stata e questo è innegabile. Ma chi è stato perseguitato? I sacrificabili, gli innocenti, quelli che magari era più integrati, meno ebrei degli altri.
Sono certo che i capi politici, religiosi, mafiosi, i banchieri, ecc., non sono stati toccati. Infatti i sopravvissuti ai lager che si sono trasferiti nella terra promessa hanno ritrovato lì i loro carcerieri, belli piazzati e pasciuti.
Molti lettori di questo sito credono che gli ebrei siano dei gran furboni, io invece penso che siano il popolo più "manipolato" in assoluto. Le loro menti vengono deviate e le loro anime vendute fin dalla nascita.
Mi viene una gran voglia di pregare per gli ebrei, cosa che fa indispettire molti di loro.
Ci sarà un'altra persecuzione? Forse sì, visto che non sono state eliminate le cause: la cultura settaria e razzista delle elite ebraiche. Moriranno, inutilmente, altri innocenti?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CptHook 2012-04-17 17:33
Un po' di aritmetica (non serve neppure la matematica):

6.000.000/5,5 anni = 1.090.909 persone/anno
1.090.909/365 giorni = 2.988 uccisioni/giorno
2.988/campi = 498 uccisioni/giorno per campo
498/24 ore = 20,75 uccisioni/ora per campo
= circa 1 uccisione ogni 3 minuti.

Il tutto, come già detto, per 24 ore al giorno per 365 giorni l'anno per 5,5 anni (settembre '39/marzo '45).
Così, a occhio e croce, non mi sembra attendibile.
Se poi riduciamo il numero di giorni escludendo almeno le domeniche, e dimezziamo le ore giornaliere di "attività", si arriva a questa cifra (vi risparmio i nuovi calcoli):

48 uccisioni/ora, cioè circa 1 uccisione ogni 90 secondi, per 12 ore di fila!
Ancor meno attendibile, direi...
Condivido poi i commenti sul fabbisogno energetico necessario alla cremazione/trasporto/sepoltura di tanti cadaveri.

Purtroppo, come scriveva Huxley ne "Il Mondo Nuovo", "una bugia ripetuta milioni di volte assume valore di verità"..., specie se infarcita di pietose leggende.
Salute a tutti,
A.deA.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2012-04-22 20:47
Devi correggere il calcolo, lo sterminio non è avvenuto in 5,5 anni, bensi in 3 anni forse meno, per cui un'uccisione ed un incenerimento ogni 1,5 minuti.
La matematica rende tutta questa storia dell'olocausto non credibile al 100%.
Se poi faranno anche in Italia una legge che vieta avere dei dubbi sull'argomento, vorrà dire che li esprimeremo con un sussurro solo in casa a porte e finestre chiuse.
Eppure viviamo tutti in Paesi liberi e democratici... a parole...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alberto 2012-04-30 12:11
Ma,a parte tutto, la cosa gravissima è che si è introdotto un REATO di OPINIONE una barbarie giuridica spaventosa. Ma come? Io non discuto se siano 6 o 4 o 8 milioni, discuto il fatto che non se ne possa parlare e che si metta in galera chi ha un'opinione diversa: questo indica una cosa sola: che LORO ci comandano come schiavi e le conseguenze le vediamo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Robert De Zan 2012-05-05 10:00
Presumo che i 6 milioni siano i morti complessivament e, per cui al numero totale bisogna togliere quelli che sono morti durante le deportazioni sia per malattia, stenti, che per fucilazione in quanto tentavano di scappare. Poi, le fosse con i cadaveri scheletriti sono state trovate, in una stanza a gas potevano essere uccisi parecchi in una volta e poi non necessariamente cremati, anche perchè vedere in un campo di sterminio la bocca di due o tre forni dove c'entra solo un corpo alla volta è ridicolo. Comunque la matematica viene in aiuto ed evidenzia che quei ritmi sono impossibili da sostenere, c'è anche da considerare che le porte d'ingresso e uscita erano delle normali porte, per cui i cadaveri venivano portati fuori uno ad uno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità