>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Una persona al giorno si toglie la vita per la crisi
Stampa
  Text size
Una vittima al giorno tra chi non ha più un lavoro. La crisi economica è un killer sempre più in attività. Conduce alla generazione, alla sofferenza, al suicidio.

Il secondo Rapporto dell'Eures (istituto che si occupa di ricerche economiche e sociali) offre numeri devastanti. Soltanto nel 2010 sono stati 362 i suicidi dei disoccupati, superando i 357 casi registrati nel 2009, che già rappresentavano una forte impennata rispetto ai 270 accertati in media nel triennio precedente.

La correlazione tra rischio suicidario e integrazione nel tessuto sociale si è fatta più stretta nell'ultimo periodo. Tra i disoccupati, la crescita dei suicidi riguarda soprattutto coloro che hanno perso il lavoro (272 suicidi nel 2009 e 288 nel 2010, a fronte dei circa 200 degli anni precedenti) piuttosto che quelli che cercano il primo impiego.

Nel complesso, la crescita dei suicidi dei disoccupati tra il 2008 e il 2010 si attesta al 39,2% del totale, salendo al 44,7% tra quanti hanno perduto il lavoro.

La categoria sociale più a rischio è quella degli esodati (cioè quei lavoratori usciti dal mercato del lavoro attraverso canali di protezione sociale e che l'attuale riforma Fornero del sistema pensionistico rischia di lasciare privi di reddito) tra i 45 e i 64 anni, una categoria che ha fatto segnare un incremento di casi del 12,6% nel 2010 rispetto al 2009 e del 16,8% rispetto al 2008.

I suicidi nelle regioni del Centro-Nord sono aumentati nel 2010, ma a livello territoriale il triste primato spetta alla Lombardia (con 496 casi, +3% rispetto al 2009), seguita dal Veneto (320, pari al 10,5% del totale, con un aumento del 16,4% sul 2009) e l'Emilia Romagna (278, 9,1%).

Oltre la metà dei suicidi censiti in Italia, secondo lo studio Eures, avvengono in una regione del Nord (1.628 casi nel 2010, pari al 53,4% del totale), a fronte del 20,5% al Centro (624 casi) e del 26,1% al Sud (796 casi). Anche in termini relativi il Nord conferma i valori piu' alti, con 5,9 suicidi ogni 100 mila abitanti, a fronte dei 5,3 del Centro e dei 3,8 del Sud. Ma è il Centro Italia a registrare nel 2010 la crescita più consistente (+11,2% sul 2009, che sale a +27,3% nel Lazio, con 266 suicidi), a fronte di un +1,8% a Nord e di un calo del 3,5% al Sud.

Dando infine uno sguardo al mondo dell'imprenditoria autonoma, il rapporto fotografa una realtà disarmante. Infatti nel 2010 sarebbero stati ben 336, contro i 343 del 2009, gli artigiani, i commercianti e gli imprenditori che hanno deciso di togliersi la vita.

Fonte >  Giornale.it


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Juma 2012-04-17 15:00
Visto che Il Giornale ha "desessualizzato " questa notizia, posto per completezza:

Eures: 3.048 suicidi nel 2010 (+2, 1%), anche per colpa della crisi

(AGI) - Roma, 17 aprile - Aumentano i casi di suicidi in Italia: 3.048 nel 2010, cioe' il 2,1% in più rispetto all'anno precedente. E il fenomeno è anche acuito dalla crisi economica. Cresce la vulnerabilita' nella fascia 45-64 anni, e inoltre tra gli uomini separati e i divorziati il rischio suicidario è ben 15 volte superiore la media. Tutto questo lo dice il secondo rapporto Eures sui suicidi nel Paese riferiti appunto al 2010, e prendendo a riferimento i numeri assoluti offerti dall'Istat. Se nel 2008 a togliersi la vita erano stati in 2.828, l'anno dopo si era saliti a 2.986 (+5,6%), e nel 2010 è stata superata purtroppo la soglia delle tremila vittime.
L'incremento - dice la ricerca - investe trasversalmente la popolazione, coinvolge la componente maschile (+2,4%) in misura maggiore di quella femminile (+0,9%), consolidando quindi la caratterizzazio ne al maschile del fenomeno: nel 2010 l'indice di rischio suicidario risulta tra gli uomini 4 volte superiore a quello delle donne (8,2 a fronte di 2,1). I suicidi degli uomini (2.399 in valori assoluti) arrivano a rappresentare il 78,7% del totale, a fronte del 21,3% di quelli femminili (649 in termini assoluti), raggiungendo l'indice di mascolinita' (maschi/100 femmine) il valore record di 369,6 (era pari a 241,5 nel 1990 ed a 301 nel 2000). Il rischio suicidario è piu' alto nel Nord Italia. Oltre la metà dei suicidi censiti in Italia avviene in una regione del Nord (1.628 casi nel 2010, pari al 53,4% del totale), a fronte del 20,5% al Centro (624 casi) e del 26,1% al Sud (796 casi). Anche in termini relativi, il Nord conferma i valori più alti, con 5,9 suicidi ogni 100mila abitanti, a fronte dei 5,3 del Centro e dei 3,8 del Sud. Ma è il Centro Italia a registrare nel 2010 la crescita più consistente (+11,2% sul 2009, che sale a +27,3% nel Lazio, con 266 suicidi), a fronte di un +1,8% a Nord e di un calo del 3,5% al Sud. A livello regionale, la Lombardia conferma il primato di regione con il numero piu' alto di casi (496 nel 2010, con un incremento del 2,9% rispetto al 2009); seguono il Veneto (320, pari al 10,5%, in aumento del 16,4% rispetto al 2009) e l'Emilia Romagna (278, pari al 9,1%). In termini relativi (media 2006-2010)è tuttavia la Valle d'Aosta a guidare la graduatoria del rischio suicidario (con 9,2 suicidi ogni 100 mila abitanti), seguita dal Friuli Venezia Giulia (9) e dalla Sardegna (8,9). A livello provinciale (media 2006-2010) il valore più alto si rileva a Vercelli (15 casi per 100mila abitanti), Belluno (12,9), Ogliastra e Sondrio (12,7), mentre il valore più basso si rileva a Napoli (1,1). (AGI).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-04-17 16:43
È il programma chiamato "ammazza Italia".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità