>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Come si dice “pastore” a chi non ha mai visto una pecora
Stampa
  Text size
Quanti si sono trovati spiazzati al sentire nel Vangelo di Luca Gesù che dice “Chiedete e vi sarà dato, bussate e vi sarà aperto … quale padre  tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà una serpe? O se gli chiede un uovo gli darà uno scorpione?”. Difficile immaginare di confondere un uovo con uno scorpione, ma una è la specie italiana, altra quella che troviamo in zone desertiche, dove il corpo è chiaro e rotondeggiante, ovoidale appunto.

Immaginate tra qualche anno, pressoché scomparsa in vaste aree del pianeta la cultura agricola e contadina, ma anche quella della pesca a carattere familiare, chi saprà realizzare cosa significhi separare il grano dalla zizzania, seminare di buon’ora, gettare la rete al largo, o chiudere il recinto delle pecore e via di questo passo.

E’ il problema precedente all’inculturazione del Vangelo: la sua lettura e comprensione all’interno di un mondo che cambia e che non è più quello di duemila anni fa. E allora provate ad immaginare cosa può capire di pecore, grano, vite e tralci chi è sempre vissuto tra i ghiacci artici e al pastore delle pecore deve associare tutt’al più il custode di una muta di cani da slitta? 

E’ quanto hanno pensato alla Canadian Bible Society che in queste settimana ha pubblicato la prima traduzione in lingua inuktitut della Bibbia, il libro più tradotto del mondo. L’inuktitut è la lingua del popolo inuit, o almeno quella più diffusa tra gli eschimesi della zona artica canadese, parlata ancora, secondo una stima recente, da circa 33 mila persone nei territori a nord del Quebec - una regione vasta come 15 volte la Gran Bretagna, dove la chiesa anglicana conta la diocesi più estesa del mondo - rimasta lingua orale per migliaia di anni finché un missionario anglicano, Edmund Peck, ne ha introdotto una versione scritta verso la fine del XIX secolo.

L’attuale traduzione integrale della Bibbia segue quella del solo Nuovo Testamento pubblicata nel 1991. Coordinatore del progetto, e anche traduttore insieme a don Jonah Allooloo, è stato il vescovo emerito Benjamin Arreak. 

Seguendo le moderne teorie la scelta è stata quella di superare la traduzione letterale – non più accettata dagli esperti accademici – per scegliere una versione secondo l’ottica “funzionale”. Non traduzione di termini “alla lettera”, ma la trasmissione del significato dell’espressione, così da farsi capire innestandosi nella cultura di un popolo mentre si procede col racconto biblico.

Un’impresa non facile, ma assai richiesta dai fedeli, dicono gli estensori. Certo che indicare termini come cammello, pecore, capre, o anche solo alberi come il sicomoro o il melograno, a gente che per chilometri vede solo estensioni di ghiaccio e neve non è così immediato.  Eppure associando il pastore al custode della muta o un frutto ad un sapore simile e via dicendo sembrano esserci riusciti. 

E pensare che la Nuova Traduzione del Messale inglese cattolico ha seguito esattamente il processo inverso, nell’ottica di una traduzione alla lettera il più fedele possibile al testo latino. Un’altra differenza tra le chiese.

Fonte > 
Vatican Insider

Home  >  Worldwide                                                                             Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Antonio D. 2012-05-14 08:13
Bell'articoletto.
Tra una dozzina di giorni é Pentecoste.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# italiano borbonico 2012-05-14 12:07
Il modo perfetto per rendere la vita di Gesù di Nazaret simbolica invece che reale, il suo insegnamento ideologico e le sue parole deboli, visto che richiedono un "correttore di bozze".
A che cosa sarebbe servito il progresso degli ultimi due secoli se poi un canadese del Duemila non fosse in grado di leggere e interpretare un testo ambientato in un territoro diverso dal suo nativo e in un'altra epoca? E capirebbe meglio invece un testo decontestualizz ato e assurdo che racconta di un sedicente Dio che duemila anni fa insegnava ai suoi discepoli ignoranti a seguire il "custode della muta"?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Francesco 2012-05-15 08:52
Concordo: è un'immane assurdità, volta a giustificare manipolazioni e deformazioni della Parola.
Piuttosto non mi precoccuperei tanto della capacità di astrazione degli inuit quanto di quella dei nostrani selvaggi-con-telefonino.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2012-05-14 19:07
La "pecora" intesa da Gesù è un essere sincero che segue devotamente, con mitezza e fedeltà, l'armonia spirituale del Suono del Verbo del Padre; la metafora e la Realtà si conformano, ambedue, al senso del richiamo di Dio al Regno dei Cieli.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ISKANDER59 2012-05-17 08:41
Questi termini sono comunque riferiti a parabole (solo ai più stretti discepoli Gesù parlava chiaramente e non tramite parabole) che Gesù utilizzava per i semplici. Il passaggio importante è la spiegazione delle parabole, cioè lo "spezzare" la parola e condurre il catecumeno (colui che ascolta) al Cuore della Parola. Pertanto mi sembra ininfluente allo scopo l'utilizzo di termini diversi dagli originali, purchè il senso delle parabole sia il medesimo. In caso contrario saremmo sì di fronte alla perversione del messaggio finale.
Poi alla fine vale sempre il "Chi ha orecchi per intendere, intenda!".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità