>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Tutti agli sportelli. Un po’ in ritardo
Stampa
  Text size
L’argomento è da sempre tabù nei media ufficiali, attenti a non rivelare il trucco fondamentale del business bancario. Sicchè, quando persino Il Sole 24 Ore comincia a lanciare l’allarme sulla «corsa agli sportelli» di correntisti e risparmiatori (1), vuol dire che in realtà lo svuotamento dei depositi bancari non solo è iniziato, ma è già quasi alla fine. Le grandi imprese e le grandi finanziarie hanno già ritirato silenziosamente da mesi, e adesso si muovono i piccoli risparmiatori disperati, quelli che si troveranno col cerino acceso.

In Grecia, dopo il doppio annuncio della sospensione dei negoziati con il FMI e la sospensione dei prestiti della BCE alle banche, la corsa agli sportelli s’è accelerata; può da un momento all’altro diventare incontrollabile.

In Spagna, 16 banche hanno subìto il degrado del rating – il che significa che dovranno pagare di più il denaro in prestito – ed è in fondo logico, dato che il collasso della bolla immobiliare lascia le banche con tassi di «sofferenze» (debitori che non rimborsano) dell’8,1% in media, e di oltre il 10% in alcuni istituti.

«Il Paese è inchiodato fra una recessione che provoca un livello di disoccupazione storica e una crisi bancaria massiccia», scrive l’economista francese Jacques Sapir, sicchè «un bank run può scatenarsi molto rapidamente».

Peggio. In questo mondo senza compartimenti stagni che la Finanza ha voluto, la crisi spagnola si trasmetterà immediatamente all’Italia (dove i tassi dei titoli di Stato a 10 anni hanno raggiunto quasi il 6%). La Francia vede il suo spread con la Germania salire a 1,42, e sembra un paradiso in confronto al nostro 4,90. Ma se credete che Parigi abbia qualche tempo davanti a sè prima di essere risucchiata nel Maelstrom latino, guardate meglio.

L’intero settore francese dei mutui è precipitato, di botto, giù da una scogliera:


CLICCARE PER INGRANDIRE


Il grafico qui sopra mostra la quotazione dell’obbligazione della Caisse Centrale du Credit Immobilier de France (CCCI), che insieme alla sua consorella CIF Euromortgage è una sussidiaria al 100% del Crédit Immobilier de France Delevopement (CIFD), che l’agenzia di rating (francese) Fitch descive come «lo specialista di mutui immobiliari, che opera esclusivamente in Francia». CIFD è a sua volta proprietà della holding Procivis, che è il secondo fornitore nazionale di mutui-casa (Mortgage Crisis Hits France As Entire Sector Drops Off A Cliff).

Come si vede, la scogliera da cui questo gigante è caduto è molto ripida. Un vero precipizio. Quanto ci mette la Francia a conoscere il suo «bank run», corsa agli sportelli nel panico? L’Europa è ormai al punto, scrive Paul Krugman, in cui «le cose potrebbero collassare ad una velocità stupefacente, in mesi e non in anni, e a costi sia economici che politici enormi».

Jacques Sapir è d’accordo: «La questione di un collasso a brevissimo termine della zona euro non può più essere elusa». E ricorda giustamente Che «in Russia, nel 1988, fu un bank run a decidere la fine del sistema economico alla Eltsin. In 5 giorni le banche furono dissanguate e il governo russo costretto a fare fallimento e a lasciar fluttuare il rublo, che alla fine si svalutò del 50%». E qualche milione di vecchi pensionati andò a razzolare nei secchi della spazzatura per trovare da mangiare; molte centinaia di migliaia morirono, e non pochi furono uccisi dalla criminalità organizzata per «liberare» gli alloggi di Stato in cui abitavano.

Oddio, una svalutazione dell’euro del 50% sarebbe una benedizione per le imprese esportatrici del Sud Europa, e del resto, quando fu introdotto valeva sugli 0,80 dollari ed oggi 1,2. Il guaio è l’anarchia e il caos in cui questo avverrebbe – o avverrà (Cramer: Financial Anarchy, Bank Runs In Spain, Italy Within Weeks).

Le ben note responsabilità del disastro sono dei dirigenti politici di tutto l’Occidente. Dalla impotenza a regolamentare i mercati speculativi (compito che spettava a Washington) fino ai «salvataggi» di banche colossali con denaro pubblico, che ha prodotto il dissesto degli Stati e la crisi dei debiti sovrani. Passando per la terapia di tagli e contrazione fiscale – Berlino voleva dare una lezione di moralità alle cicale – che ha precipitato la Grecia nell’abisso, fino alle dichiarazioni da Berlino e da Barroso che, se Atene non taglierà altri 150 mila statali (con una disoccupazione giovanile già al 54%), può uscire dall’euro e sarà abbandonata al suo destino; con l’aggiunta di scenari terrificanti (2), fatti per terrorizzare gli elettori greci e costringerli a votare «giusto» (ossia per tagli letali, ormai impossibili) in piena malafede.

Per terrificare ancora di più, dalla BCE ci fa sapere che se la Grecia esce dall’euro, verrà espulsa dalla UE: cosa che non si trova affatto nei trattati. Tutta una finta, perchè nè l’eurocrazia lascerà mai che Atene torni alla dracma – sarebbe la fine della UE e delle loro poltrone – nè Washington perderà un membro della NATO. Ma intanto sono riusciti a spandere il panico ben oltre il Peloponneso.

E adesso siamo preda di più recessioni in Europa, dettate dalla «austerità», le quali, essendo sincronizzate potenziano i loro effetti. E sta per aggiungersi la ricaduta nella recessione degli Stati Uniti: «Se le crisi di USA ed in Europa si alimentano vicendevolmente», ha detto Ben Bernanke, «la recessione diventa un rischio reale». Eufemismo da banchiere centrale: non è un «rischio», ma la realtà. E non è recessione, ma Depressione.

I potenti dell’Occidente si sono riuniti d’urgenza a Camp David, ospiti di Obama, per il G-8, per sbrogliare l’inestricabile matassa. L’agenda non doveva essere fittissima, perchè hanno avuto il tempo di guardare una partita di calcio in TV. Pare che sia stata Angela Merkel a chiedere che si accendesse il televisore, e Cameron è stato subito d’accordo: il Chelsea sfidava il Bayern. Si sono divertiti tutti molto, hanno tifato, acclamato, gridato. Il solo ad apparire a disagio è stato il neo-presidente Hollande; ma lo si può scusare, è nuovo dei vertici.



La foto immortala questo momento. Lo so, l’avete già vista, ha già fatto il giro del mondo. Ma consiglio di ritagliarla e metterla in cornice: coglie un momento storico irripetibile. Quando Nerone suonava la lira dal terrazzo davanti a Roma incendiata, le Nikon mica esistevano.




1) Due recenti titoli del quotidiano confindustriale: «Spagna, paura per Bankia. El Mundo: corsa agli sportelli, ritirato un miliardo. Moody's taglia il rating a 16 istituti» e «Il vero spettro: la fuga dai depositi bancari». Testo: «Quel che spaventa tutti sono gli effetti imponderabili dello shock a catena di un’uscita greca dall’euro. I mercati attaccherebbero subito bersagli più grossi come la Spagna e l’Italia. Spread impazziti, tassi sempre più insostenibili e bond pubblici in pancia alle banche che subirebbero gravi perdite. A cui si aggiungerebbe il film già visto in questi giorni. Una fuga dei correntisti dalle banche con un’emorragia incalcolabile dei depositi bancari. Fuga che al di là delle astuzìe di questi giorni in Spagna si è palesata ormai da mesi. Le banche greche hanno visto scendere i depositi del 20% dall’inizio della crisi e dalle banche spagnole sono usciti 65 miliardi nell’ultimo anno».
2) Pe esempio, Le Monde ha scritto: Pour les Grecs, ce (la sortie de leuro) serait une tragédie pire encore que celle quils vivent. Ils nont guère à attendre du retour à la drachme, qui, même dévaluée de 50%, naméliorerait pas leurs comptes extérieurs pour une raison simple: la Grèce na rien à exporter. Le niveau de vie ne tomberait pas de 10 à 20% comme aujourdhui, mais de 50%. Le pays a besoin dinvestissements pas dune dévaluation compétitive». Poichè anche giornali e analisti italiani hanno agitato lo stesso spettro, diciamo che sostenere che una svalutazione del 50% della dracma porterebbe ad un calo del potere d’acquisto del 50%, è una scemenza o una falsità in malafede. La svalutazione del 50% della dracma comporterebbe il 50% in meno di potere d’acquisto, se la Grecia importasse il 100% del suo Prodotto Interno Lordo. Invece, secondo i dati ufficiali dell’OCSE, le importazioni elleniche pesano il 20% del PIL. Dunque è vero che il potere d’acquisto calerebbe del 50% sui prodotti importati, ma nella struttura economica complessiva greca, questo rappresenterebbe solo il 10% di perdita del potere d’acquisto. E per quanto la Grecia esporti poco, esporta pur sempre il 10% del Pil; e questo export si rialzerebbe con la svalutazione della dracma. Anche il turismo (16% del PIL) avrebbe notevoli benefici dall’uscita dell’euro. Dunque la componente del PIL che sarebbe avvantaggiata (26%) supera la componente che sarebbe penalizzata (20%) dal ritorno alla moneta nazionale con svalutazione. Lo scenario di Le Monde è solo terrorismo (Grèce: la bêtise effarante du Monde).



L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.   


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Franco_PD 2012-05-22 06:11
Quello che mi piace degli articoli di Blondet è il concentrare in una perfetta logica sequenziale informazioni che probabilmente sono disponibili a tutti, ma nessuno riesce (o vuole) organizzare in modo opportuno. Così è come se in pratica non esistessero. Credo sia il "miracolo" della moderna informazione democratica, dove le cose accadono ma è come se non fossero successe. Del resto lo diceva anche Solgenitsin: oggi si può dire quel che si vuole, ma nessuno ti ascolta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# winston1984 2012-05-22 07:54
"Una svalutazione dell’euro del 50% sarebbe una benedizione per le imprese esportatrici del Sud Europa"

Si, ma QUALI?
"même dévaluée de 50%, n’améliorerait pas leurs comptes extérieurs pour une raison simple: la Grèce n’a rien à exporter".

Persino pizza, amore & fantasia,
qui da noi s'è dato tutto via...
la Grecia si direbbe in compagnia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# giannizzero 2012-05-22 16:07
Feta al mattino, feta a pranzo, feta alla sera: vedo tanta feta nel nostro futuro...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco_PD 2012-05-22 19:30
Non è un formaggio cattivo, si conserva molto a lungo e ho numerose ricette che alla bisogna fornirò qui. Altra ghiottoneria è lo yogurt greco, che però ormai gli scopiazzano ovunque. Rimane il loro liquore resinato. E delle varietà di kebab locali. Dopo di che il digiuno....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# giannizzero 2012-05-23 13:35
Come gusto personale, detto per inciso e ad articolo "esaurito", trovo la cucina greca nel complesso molto buona, superiore di mille volte a quella spagnola. D'altra parte, ci vuol poco, gli spagnoli hanno bocche foderate di alfombra, mangiano troppo tardi per gustare il cibo come si deve, troppi sottaceti, e appena superano la dimensione del piatto da tapa a piatto normale - si confondono le idee.

Detto questo, poveri greci. Non sono votati alle esportazioni, non sono incisivi. Loro devono accogliere: turismo, turismo e ancora turismo. Le greche hanno fatto passi da gigante esteticamente parlando, ma non credo che seguiranno la via delle rumene (peraltro fonte non trascurabile di rimesse dall'estero, le famose "rimesse dal raccordo anulare"), rimarranno delle ragazze serie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# henri 88 2012-05-23 16:11
La cucina greca non è male.
Socrate, Platone & Co. forse non avevano una dieta troppo differente da quella tradizionale di oggi.
E sono venuti su benissimo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# henri 88 2012-05-22 08:03
E tutte le materie prime che la Grecia non possiede e che importa dall'estero e paga in dollari americani?
Quante dracme occorebbero per un litro di benzina?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# FeBM 2012-05-22 08:09
... Mentre da noi alle Amministrative, come sempre, hanno vinto tutti...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alexi 2012-05-22 08:12
Metti che uno ritira quei quattro risparmi che ha, cosa risolve?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-05-22 08:32
È vero che l'uscita della Grecia dall'euro creerà turbolenze e perdite per Stati e banche per decine di miliardi. Occorre vedere anche l'alternativa cioè centinaia di miliardi di finanziamenti alla Grecia che solo gli ottimisti o i bugiardi possono catalogare come prestiti, ma che in realtà sono trasferimenti a fondo perduto. Si ripeterebbe, su scala europea, quello che è successo in Italia con il Sud e la Cassa per il Mezzogiorno. Si sommano anche i dubbi dell'opinione pubblica tedesca (francese) e di tutto il Nord Europa, che è contraria agli aiuti alla Grecia con la mancanza di soldi da parte degli Stati mediterranei. La Grecia è ormai andata, i miliardi sarebbero meglio spesi a sostenere la nuova dracma piuttosto che a prolungare l'agonia di quella economia.
La paura che attanaglia la classe dirigente europea è il contagio ideale, più di quello economico e finanziario. Sul piatto non c'è solo l'euro, c'è l'intero progetto di società che la UE difende con le unghie e con i denti: il liberalismo, l'individualismo, l'"emancipazione", la socetà multiculturale, ecc. Hanno paura di nuove Ungherie, oppure di un socialismo che acquisti i connotati nazionalisti, appunto, un nazional-socialismo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ramuxara 2012-05-22 12:36
La paura che attanaglia la classe dirigente europea è il contagio ideale, più di quello economico e finanziario. Sul piatto non c'è solo l'euro, c'è l'intero progetto di società che la UE difende con le unghie e con i denti: il liberalismo, l'individualismo, l'"emancipazione", la società multiculturale, ecc. Hanno paura di nuove Ungherie, oppure di un socialismo che acquisti i connotati nazionalisti, appunto, un nazional-socialismo.
Speriamo che vada tutto al contrario di ciò che vogliono. Amen.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pierpaolo 2012-05-22 08:49
"Anche il turismo (16% del PIL) avrebbe notevoli benefici dall’uscita dell’euro".
Tanto più che la Grecia deve competere, in questo campo, con Paesi come la Croazia e la Turchia, che negli ultimi anni hanno sostenuto il proprio turismo con metodiche svalutazioni della moneta nazionale.
Quello che non si riesce a capire dai media, infatti, è il perché la Grecia non abbia ripreso a stampare le Drachme già da un anno a questa parte. Un anno buttato.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# vincenzomalandrucco 2012-05-22 09:16
"Quando Nerone suonava la lira dal terrazzo davanti a Roma incendiata, le Nikon mica esistevano."... il commento del signor Blondet non mi sembra storicamente vero, anche se ormai facente parte del tessuto culturale nazionale. A parte questo ottimo articolo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# shaula 2012-05-22 15:16
Citazione vincenzomalandr ucco:
"Quando Nerone suonava la lira dal terrazzo davanti a Roma incendiata, le Nikon mica esistevano."... il commento del signor Blondet non mi sembra storicamente vero, anche se ormai facente parte del tessuto culturale nazionale. A parte questo ottimo articolo

Nel senso che Nerone non ha mai incendiato Roma mentre questi che guardano la partita, l´Europa la stanno mandando in fumo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2012-05-22 09:29
Finalmente si comicia a dire (perchè molti lo sanno ma lo tacciono) che siamo in mano a degli emeriti str... (confido nella censura selettiva della redazione).

Ma oltre ad essere degli str..., sono anche degli inetti e dei beoti, ovvero il prototitpo perfetto dei camerieri.

Si potrebbe a questo punto pensare che i padroni di questi camerieri, per quanto criminali siano almeno capaci, invece sono delle pippe emerite anche loro, con l'unica differenza che le foto non le abbiamo (anche se sono convinto che i vari Rothschild, Soros, Rockefeller, Lazard, Morgan, Strauss, etc., etc... erano anche loro a tifare... e se non tutti loro i loro rampolli drogati e pervertiti... di sicuro...).
Saluti alla redazione, al direttore e ai lettori.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ramuxara 2012-05-22 12:38
Non penso che tutti i camerieri siano come li descrivi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Catone 2012-05-22 09:56
L'ingordigia è una belva terribile. I banchieri (quasi tutti ebrei) non si accontentano mai del loro potere, devono espanderlo sempre di più: sia in estensione, conquistando nuovi Paesi; sia in intensità, occupando posizioni di potere sempre più profonde e totalitarie nei Paesi già occupati.
E creano il disastro! Il mio dubbio è che non vogliano affatto conquistare il mondo, ma semplicemente DISTRUGGERLO. Altrimenti si sarebbero fermati da tempo su posizioni comode, di pieno potere e controllo ma comunque un minimo rispettose di popoli e individui.
Invece stanno creando il disastro che li annienterà, dopo aver gettato tutti noi in un baratro senza fine.
Sono semplicemente sconvolto!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco_PD 2012-05-22 10:45
Sentivo viaggiando in auto una brevissima intervista, poco più che un paio di battute, ad un esperto di Borsa di cui ignoro il nome, ma che fornisce spesso consigli nella rubrica radiofonica "Questioni di Borsa". Che ascolto di sfuggita essendo in coda ad un GR. E' riconoscibiliss imo per la sua voce particolare e il tono sussiegoso ed "allappato". Il quale confermava che sarebbe bastato un niente o quasi in termini economici per salvare la Grecia solo pochi mesi fa. E ne citava le cifre. Ancora: nessuno parla dell'Argentina di qualche anno fa. Delle code ai bancomat. Dei conti bloccati. Degli imprenditori improvvisamente impoveriti. E anche di come si sono rialzati dopo alla grande. Eventi mai accaduti, sembrerebbe. Mi infurio nel ravanamento dei media su vecchissime storie della Seconda Guerra Mondiale, su trascorse dittature, su eventi lontanissimi riguardo ai quali poi non si dice nulla di nuovo. Vi sono addirittura, sembra, canali dedicati a tutto questo. Esploratori e propagandisti sono sguinzagliati ovunque per realizzare anche trasmissioni di pregio su luoghi sconosciuti e dimenticati, paradisi ambientali, civiltà remote e ignorate. Però è singolare la grandissima cura che si ha nel NON far vedere quello che potrebbe essere il tuo futuro prossimo venturo. Se volessi andare da qui in Grecia, ora, impiegherei meno tempo che andare credo a Torino. Ma nessuno che vada a domandare a ex dignitosi borghesi ellenici come si viva ora in due famiglie in una stessa casa per dividersi le spese del riscaldamento. O si intervistino i parenti di qualche pensionato (anche ex agiato) che si suicida non potendo sopravvivere con la pensione falcidiata. Domane retoriche, le mie...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alfio200 2012-05-22 13:27
Egrgio Dottor Blondet,
non pensa che sarebbe abbastanza inutile ritirare soldi dalle banche italiane?
Non troverebbe più saggio convertire i risparmi in Bund?
La banca può fallire, ma i Bund possono essere trasferiti in qualsiasi altra banca (italiana o area euro).
E se si arrivase al patacrac, gli euro italiani verrebbero accettati in una banca dell'area euro?
Il Bund verrebbe comunque convertito in euro o euro di serie A o in marchi.
Oppure, al limite, si potrebbe convertire il capitale in fondi monetari in franchi svizzeri.
Giusto?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Dany Zenobi 2012-05-30 23:33
Se davvero accadesse una corsa agli sportelli tale da far crollare l'italia costringendola ad abbandonare l'euro, ciò che succederebbe dopo è difficilmente immaginabile. di sicuro però gli Stati si troverebbero costretti loro malgrado a imporre limitazioni pesanti alla libera circolazione di capitali, per cui con tutta probabilità il tuo bund non sarebbe nè esportabile, nè convertibile, nè monetizzabile, e forse nemmeno accettato come garanzia, per cui dovresti attendere la sua scadenza per sperare di vedertelo pagato. E dico sperare poichè in un tale cataclisma gli Stati sarebbero inadempienti sul debito e la Germania avrebbe tutto l'interesse a non ripagare o a ripagare solo in parte il suo debito detenuto da stranieri, come farebbero gli altri Stati inadempienti più deboli e indebitati.

Mi ripeterò, ma consiglio di investire il denaro tolto dalle banche in oro, fondi agricoli, pannelli solari (per avere energia gratis per vivere quando il suo prezzo salirà alle stelle) o nel mattone (molto tassato, ma mantiene il valore investito nel tempo).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Blucontractor 2012-05-22 14:04
"Quelli che li ritirano ora sono quelli che resteranno col cerino in mano"

Diceva più o meno così nell'articolo.
Non è condivisibile questa asserzione, non butatta giù così in maniera così grossolana ed aleatoria.
Leggendo i commenti ho visto almeno un altro lettore chiedersi: ed una volta che li hai ritirati?
Ed io aggiungo: anche li avessi ritirati prima?
L'unica apparente soluzione era portarli all'estero (oggi divenuto impossibile per via dei cyber-controlli) ma un tracollo internazionale fa saltare tranquillamente anche le banche svizzere, senza conatre che sarebbe sempre "grana lontana", difficilmente utilizzabile visti i capricci sempre più maniacali del legislatore che nessuno ha votato...
Compra pure l'oro ed i diamanti (ci si perde moltissimo, specie al momento a rivenderli e sempre che tu non ti sia portato a casa dei falsi) tanto poi il fattorino delle banche dopo l'ennesimo caso di corruzione "decreta autoreferenzial mente" che l'unica moneta avente corso legale è quella elettronica per importi superiori a 999 euro...
Poi per qualsiasi importo varrà solo quella elettronica...
Ma le carte elettroniche si perdono, si clonano, finiscono anch'esse ad alimentare traffici irregolari...
Ve li ricordate *Chip* e Chiop?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-05-22 14:27
Era tutto progettato, previsto e prevedibile. Già tre anni fa, quando iniziarono quella serie di incontri sempre più frequenti dei vari summit, tartgati G8, G20, riunioni finaziarie al vertice delle canaglie e i loro servitori, queste cifre da capogiro donate alle banche continuamente sull'orlo del fallimento tolte dalle tasche dei contribuenti, questo volere a tutti i costi salvare la Grecia (salvo imporle gli acquisti di armamenti per circa la stessa somma prestata da parte di Deutschland ueber alles) un cadavere attaccato forzosamente alla maschera del
gas criminale, le esternazioni del tipo:
"Visto che gli Stati non sono in grado di controllare la crisi, ci vuole un Organismo Mondiale, leggi governo, per risolvere i problemi", Ratzinger dixit, ma non solo lui, la gente avrebbe dovuto aprire gli occhi.
Non so se è un caso, ma proprio due giorni fa ho ricevuto una cartolina con questa dicitura in tedesco di Christian Morgenstern: a volte si vede qualcosa cento o mille volte, prima di vederlo per la prima volta veramente.
Allo spettacolo dell'eclissi solare, il sole nero!, i giapponesi che credono in certi segni hanno detto: "It's a bad omen".
E' probabile che si arrivi a molti disordini, forse una guerra civile, poi entrerà in vigore quel famoso paragrafo del Trattato di Lisbona sulla pena di morte. L'hanno messo apposta in previsone delle reazioni dei popoli al grande inganno: l'EURO.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# raffabella64 2012-05-22 14:44
Pensavo allo spauracchio agitato da tutti i nostri "capoccia" della svalutazione della Dracma/Lira ecc... in caso di uscita dall'euro: ma nessuno si ricorda della "svalutazione" che abbiamo subito da quando siamo entrati nell'euro, con il costo della vita letteralmente raddoppiato? Saluti a tutti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# shaula 2012-05-23 05:55
Giusta osservazione. Tutti a blaterare che se si esce dall´euro finiamo nella me..., come se adesso invece danzassimo in un giardino fiorito. In entrambi i casi siammo immersi fino al collo. Ma con una moneta tutta nostra si creano le premesse per una ripresa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Der Beobachter 2012-05-22 14:53
Sulla prima rete di Stato l'ex banchiere Sarrazin apre ancora una volta la bocca contro tutti e... solito ritornello... viene subito inbeccato dal pubblico fedele all'ex ministro delle Finanze (presente al dibattito come contraente) finendo per fare la figura dello iettatore, cospiratore e contro la "giusta" integrazione che la Germania DEVE offrire come compensazione del solito periodo buio... Ma l'indagine di mercato dà sorpendentement e ragione a Sarrazin... la maggioranza ritiene l'Euro un errore... e allora ecco la prima pagina della Bild intitolare: e se avesse ragione Sarrazin? Prevedo momenti duri... anche qui in Germania.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-05-22 18:48
E, infatti, ha aggiunto che all'origine dell'euro e del ruolo di salvadanaio d'Europa della Germania c'è la colpa dell'olocausto. Günther Jauch si subito risentito ed ha provato ad approfondire l'argomento con un paio di domande, ma Sarrazin non è caduto nella trappola. Per chi non legge il tedesco, la versione inglese :http://www.spiegel.de/international/europe/controversial-german-author-thilo-sarrazin-launches-book-on-euro-crisis-a-834459.html
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ramuxara 2012-05-22 19:37
Potresti dare un sunto? Grazie Pietro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-05-23 17:34
È appena uscito il libro di Sarrazin intitolato: l'Europa non ha bisogno dell'euro. In un talk show con l'esperto di finanze socialdemocrati co Peer Steinbrück Sarrazin ha ribadito quello che ha anche scritto nel libro, cioè che l'euro è il risultato della colpa tedesca per l'olocausto. Il moderatore ha cercato di incastrarlo facendo altre domande su questo tema ma Sarrazin non si è lasciato fregare (in Germania si rischiano 6 anni di galera per chi nega l'olocausto) ed è rimasto sul tema finanziario. Nel libro scrive esplicitamente riguardo agli eurobond: "Coloro che sono favorevoli [agli eurobond] sono guidati dallo stesso riflesso condizionato per cui noi potremo finalmente espiare le nostre colpe per l'olocausto e la Seconda Guerra Mondiale quando avremo messo tutto il nostro denaro e i nostri interessi in mani europee".
Inutile dire che i commenti della classe politica sono stati negativi al massimo e che di fronte agli studi dove si svolgeva il talk show c'erano dimostranti con cartelli che chiedevano di negare il diritto di parola a Sarrazin. Inutile anche dire che i sondaggi di opinione sono tutti favorevoli a Sarrazin e che la SPD non ha neanche il coraggio di approvare gli eurobond proprio perchè sa che la gente è contraria e che rivuole il marco. La stessa SPD che non ha avuto il coraggio di espellere Sarrazin quando ha pubblicato il suo libro, arrivato al milione di copie, contro l'immigrazione.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# naci56 2012-05-22 15:33
E' triste dirlo... ma se una profonda crisi sarà necessaria per un nuovo Rinascimento ben venga... questa nostra società sarà ricordata solo per i capannoni costruiti e per lo scempio perpetrato alla Natura... allora muoia Sansone e tutti i Filistei...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Gilles 2012-05-22 15:38
Certo quella che si prepara è la tempesta perfetta, anche se alla fine riguarda solamente una parte di mondo, per quanto importante. C’è chi dice che la Grecia uscirà dall’euro il 2 luglio, con un valore di cambio stabilito in 340,75 dracme/euro, iniziale ovviamente perché già dopo 10 giorni ci sarebbe una svalutazione ulteriore, fino a 500-600 dracme/euro. Tutto questo perché le banche, tedesche (che sono già in gran parte rientrate), ma soprattutto francesi e italiane, devono rientrare della loro speculazione entro il 1 luglio, dopodichè la povera Grecia può anche tornare alle Termopili. Tremonti stesso pare abbia dichiarato che i BTP delle banche sono finiti tutti nella speculazione in derivati, moltiplicando la cifra totale del debito a livelli incontrollabili e soprattutto sconosciuti a tutti. Il che vuol dire che non conviene nemmeno più tentare di salvarla, la Grecia. Che dire, in un’altra vita devo essere stato un greco, perché quando vado in quella terra mi sento a casa mia e provo sensazioni familiari. Soffro e impreco con loro, ma soprattutto sono pronto a inchinarmi davanti alla dignità di un piccolo ma glorioso popolo, che possa servire da esempio per tutti noi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# maxcaveva 2012-05-22 15:51
Quoto il primo commento all'articolo.
Anzi, aggiungo che tale capacità è anche di alcuni lettori..., a loro modo dei 'Blondet'.
Anche se scrivo poco, leggo molto; un ringraziamento ai commentatori, alla redazione, al direttore e all'editore.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# giannizzero 2012-05-22 16:17
Voglio essere ottimista . Hanno fatto un piano : nella prima fase si fa tirare la cinghia all'ammalato . Si vede se regge . Se non regge, se sta per tirare le cuoia, si passa di botto al piano "B " : la Germania molla , fanno gli Eurobond e soprattutto mandano i turnisti nella stamperia dell'Euro per il quantitative easing stile Obama. Inflazione al sette-otto per cento annuo (abbiamo visto di ben peggio), l'euro va alla pari con il dollaro e la baracca rimane in piedi . Per altri tre anni.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# VALFRED 2012-05-22 16:29
a Catone: "...che non vogliano affatto conquistare il mondo, ma semplicemente DISTRUGGERLO..."

Non può essere altrimenti, dal momento che "IL LORO PADRE E' IL DIAVOLO". E' il Principe di questo mondo, padre della menzogna (Shoah, 11/9, ecc.) e omicida fin dal principio (aborto, genocidi, usura) che odiando il CREATO e le CREATURE, immagini del CREATORE, cerca in tutti i modi di distruggerne l'opera.
Ma... non praevalebunt, magari perderemo tutti i risparmi, ma non importa: NON PRAEVALEBUNT!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# lettera41 2012-05-22 16:56
Dunque se un poveraccio ha un po’ di risparmi che fa? Preleva allo sportello 999 Euro per volta e li mette nel materasso aspettando che svalutino?
Forse sarebbe stato meglio comprare un po’ d’oro e qualche diamante, come consigliava Sammy Varin di RadioPadaniaLib era qualche mese fa. Ora mi sa che sono troppo cari.
Cari saluti,
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# henri 88 2012-05-23 13:59
Se l'euro vaporizza non cambia l'averli in banca o in casa.
Invece, se Giulinao Amato ripropone lo stesso dessert di 20 anni or sono (e cioè, un bel prelievo forzoso dai conti correnti) è di certo meglio non avere nulla sul conto corrente.
Un mio amico ebreo ha imparato sin da bambino a suonare il volino; perchè-mi spiega-non essendo raro per loro il doversi trasferire "in tutta fretta" lontano dal luogo di nascita, saper suonare questo meraviglioso stumento può fare la differenza fra il mangiare, ed il non mangia
In che senso...? Gli domando stupito.
"Alla gente piace, il suono struggente del violino; ed è facile che ti lasci una monettina, quando ti sente suonare lungo la strada".
Dunque, se avete figli piccoli fate in modo che imparino l'inglese (ed il cinese) e iniziateli allo studio del violino (o comunque, di srumenti facilmente trasportabili).
Concludo, consigliando di fare apprendere ai fanciulli (oltre al Catechismo della Chiesa cattolica) anche la pratica al commercio dei diamanti, nella quale gli ebrei sono maestri.
Sono più certi delle banconote, e si trasportano più facilmente.

Saluti, e auguri a tutti di buoni investimenti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Blucontractor 2012-05-24 18:34
Citazione henri 88:
Se l'euro vaporizza non cambia l'averli in banca o in casa.
Invece, se Giulinao Amato ripropone lo stesso dessert di 20 anni or sono (e cioè, un bel prelievo forzoso dai conti correnti) è di certo meglio non avere nulla sul conto corrente.
Un mio amico ebreo ha imparato sin da bambino a suonare il volino; perchè-mi spiega-non essendo raro per loro il doversi trasferire "in tutta fretta" lontano dal luogo di nascita, saper suonare questo meraviglioso stumento può fare la differenza fra il mangiare, ed il non mangia
In che senso...? Gli domando stupito.
"Alla gente piace, il suono struggente del violino; ed è facile che ti lasci una monettina, quando ti sente suonare lungo la strada".
Dunque, se avete figli piccoli fate in modo che imparino l'inglese (ed il cinese) e iniziateli allo studio del violino (o comunque, di srumenti facilmente trasportabili).
Concludo, consigliando di fare apprendere ai fanciulli (oltre al Catechismo della Chiesa cattolica) anche la pratica al commercio dei diamanti, nella quale gli ebrei sono maestri.
Sono più certi delle banconote, e si trasportano più facilmente.

Saluti, e auguri a tutti di buoni investimenti


Un ebro costretto a suonare come ambulante per mangiare?
Ma sei proprio una macchietta...
Per quanto riguarda i diamanti concordo che una piccola e modestissima cifra possa essere così investita ma guarda che in seguito a qualche cataclisma/carestia/epidemia/tracollo finanziario diamanti, oro o quant'altro diventato baratto come nel famoso "FOOD FOR OIL", come in Iraq per intenderci...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# muffin 2012-05-22 17:53
Se ci fosse stato Berlusconi al posto di Cameron in quella foto... Prima pagina su tutti i giornali del mondo...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Francesco 2012-05-22 17:54
Assai consigliabile anche un conto alle poste svizzere (Postfinance), più economica delle banche.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# abbelli 2012-05-22 18:35
Direttore, a proposito dell’argomento trattato, vent’anni fa un economista spiegava perché l’euro non poteva funzionare: una moneta per funzionare ha bisogno dello Stato che eserciti la sovranità monetaria e guidi l’economia secondo gli obiettivi tradizionali come la crescita economica, la piena occupazione, buone condizioni di lavoro e salario per i lavorati. Nell’ambito della UE tale Stato non c’è, nella presunzione che il mercato lasciate a se stesso, avrebbe funzionato correttamente, mentre ora assistiamo al suo fallimento, senza che i governi se ne assumono la responsabilità...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# maria moscatello 2012-05-22 19:24
Non pensate che se l'euro (o le eventuali nuove valute nazionali) vengono svalutate non inizierà una svalutazione competitiva globale e poi l'iperinflazione!
Il franco svizzero già è legato all'euro... il dollaro praticamente anche... lo ywan è legato al dollaro...
La situazione non è assolutamente: "basta tornare alla lira e svalutare".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# noto 2012-05-22 20:52
Scusate, a tutti quelli che dicono che questa elite non vuole dominare il mondo ma distruggerlo: Sarebbe bastata una crisi nucleare 50 anni fa, facilissimo distruggere il pianeta. E questi seguaci di belzebù felici a crogiolarsi della sterminnazione della vita, persino la loro, veri geni del male.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ferrimas 2012-05-22 22:26
Salve a tutti, ma allora cosa noi piccoli risparmiatori possiamo fare una volta che abbiamo ritirato il contante, c'è lo teniamo nascosto, proviamo a portarlo dove, o qualcuno sa dirmi cosa potrebbe accadere?
ASPETTO COLLABORAZIONE.
GRAZIE
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Blucontractor 2012-05-24 18:26
Citazione ferrimas:
Salve a tutti, ma allora cosa noi piccoli risparmiatori possiamo fare una volta che abbiamo ritirato il contante, c'è lo teniamo nascosto, proviamo a portarlo dove, o qualcuno sa dirmi cosa potrebbe accadere?
ASPETTO COLLABORAZIONE.
GRAZIE


Tutti siamo più o meno in ansia per il nostro credito guadagnato con fatica da noi e/o dai nostri antenati però credo che non si dovrebbe esagerare nel chiedere consigli pratici e particolaristic o-economici altrimenti si finirebbe per far diventare questa piattafaorma virtuale un altro "Tempio da cui scacciare i mercanti"...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nuovo mondo g 2012-05-22 22:37
Ancora una volta devo fare i miei complimenti al Direttore, articolo eccellente.
Come sempre ci sono poi degli ottimi commenti da parte dei lettori i quali sviluppano quanto scritto da Blondet e spesso aggiungono preziose informazioni sull'argomento trattato.
Vorrei però fare una mia personale riflessione sul bank run: se ci fosse un crollo internazionale, a cosa servirebbe aver ritirato tutti o quasi i propri risparmi? Svalutazione a parte, se si verificasse un evento del genere avremmo come effetto immediato un'interruzione delle normali attività lavorative e del normale funzionamento della società così com'è ora; nello specifico, i supermercati non verrebbero più riforniti, la grande distribuzione si fermerebbe o sarebbe comunque drasticamente ridotta, i trasporti idem: in poche parole, con quei soldi non si farebbe più nulla o quasi. Non so se sono drastico o se sto commettendo un errore di concetto, gradirei però un vostro commento sulla mia affermazione.
Un grazie a tutti e alla Redazione e, naturalmente, al nostro Caro Direttore Maurizio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Dany Zenobi 2012-05-31 00:00
In caso di crollo delle banche, semplicemente i tuoi risparmi si volatilizzano, non esistono più, poichè la banca è fallita (ha un totale di passivi da restituire molto più alti degli attivi).
Se invece i soldi (gli euro) li hai in mano i casi sono due:
1) sistema bancario in crack ma mantenimento dell'euro (caso "di scuola" assai improbabile): i tuoi euro continuano a valere e li puoi spendere.

2) Crack del sistema bancario e uscita dall'euro con ritorno alla lira: il governo stabilirà un tasso di conversione nuova lira/vecchi euro, di sicuro sfavorevole, ma non tanto da essere paragonabile al volarilizzarsi dei tuoi risparmi. Poichè per passare da una moneta ad un'altra occorrono molti mesi, il governo non può decretare che i vecchi euro ancorchè ritirati dalle banche, non sono più spendibili, pena il collasso dell'intero Paese e l'anarchia.
e convenientissim o dunque ritirare i soldi dalle banche.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pasquale 2012-05-23 21:43
Carissimo Direttore sono circa due anni che la seguo, ogni suo articolo mi solleva un velo e infonde un ansia crescente.
Si parla di risparmi che diverrebbero noccioline in caso di collasso finanziario ma chi invece come me che la banca gli ha messo un cappio al collo per i prossimi trent'anni riguardo un mutuo acquisto casa, cosa dovrebbe aspettarsi? Posso sperare di dover rendere alla banca solo noccioline al posto di centomila euro? Se così fosse non tutti i mali vengono per nuocere. Scusate il mio egoismo ma davvero sono disorientato.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Dany Zenobi 2012-05-30 23:49
Caro Pasquale, credo che gli articoli di Effedieffe debbano infondere coscienza e conoscenza delle situazioni e non ansie inutili. Per chi come noi crede in Cristo Salvatore nessuna tragedia deve spaventarci.

In merito alla tua situazione, poco camnbierebbe da un ritorno alla lira: il tuo guadagno, come il tuo debito, saranno ridenominati in lire. nient'altro. Puoi sperare di ridare alla banca delle noccioline solo in caso di iperinflazione, quando appunto il tasso del mutuo diventa solo una frazione del tasso di inflazione, per cui il tuo reddito aumenta più dell'aumento degli interessi sul debito. Tutto ciò è assai probabile che avvenga, in uno scenario di ritorno alle monete naizonali e svalutazioni competitive a raffica.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità