>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Globulo rosso contro Darwin
Stampa
  Text size
Leggendo la brillante risposta di Blondet, vorrei riaffacciarmi sul Giornale per portare una piccola riflessione, tale da minare alla base le radici del ragionamento evoluzionista.

Se crollano infatti le premesse fantasiose dello pseudoscientifico castello di carta darwiniano, allora le conclusioni non possono che essere evidenti: esiste un Creatore.

In realtà non è vero quanto a volte sentiamo affermare da parte di evoluzionisti, scienziati e perfino prelati, ossia il fatto che la scienza non possa provare l’esistenza di Dio; che cioè essa viaggi su un binario parallelo rispetto a quello della Fede.

Questa affermazione rèlega la Fede ad una sorta di ipotesi residuale per spiegare quanto resta ancora da comprendere della realtà circostanze e per vincere la paura della morte (entrambe affermazioni sostenute con convinzione da parte dell’astrofisica Margherita Huck; la fede come rifugio dall’ignoto, valvola di salvataggio, che diviene assolutamente inutile nel momento in cui la «scienza» sarà in grado di «spiegare tutto»!

Le cose tuttavia non stanno proprio così. Dall’esame delle risultanze dell’evidenza scientifica è invece possibile comprendere che la perfezione della natura è tale da non lasciare dubbi di sorta: dalla meraviglia del creato, si può e si deve desumere con piena certezza l’esistenza di un Essere soprannaturale estremamente intelligente, completamente distinto dalla natura creata, perché in grado di conferirle l’informazione necessaria all’esistenza ed al suo ordine. Anzi! È convinzione di chi scrive che l’evoluzionismo sia tanto sponsorizzato e supportato più di ogni altra ragione per il fatto che occorra, in ogni modo, gettare confusione estrema sulle scoperte scientifiche di ultima generazione. Troppo conclamate! Troppo spudoratamente favorevoli al «Progettista intelligente».

Ebbene, basta un semplicissimo «globulo rosso» per smentire la Huck e compagni. Uno solo! Non ne scomodiamo di più.

Ebbene, seguite il ragionamento, semplice e lineare: un solo globulo rosso contiene in sé circa 280.000.000 molecole di emoglobina (che è una proteina).

Ora, la formazione casuale, darwinista, di una sola proteina, che contenga 500 amminoacidi è pari a 1 su 10 seguito da 950 zeri! Per comprendere la dimensione di questo numero, occorre ricordare che in matematica l’impossibilità si identifica con 1 su 10 seguito da 50 zeri (soltanto!!!). Ne segue che: la formazione di una sola proteina composta da 500 amminoacidi non può essere determinata da combinazioni casuali! Occorre che ci sia Qualcuno a progettarla e realizzarla.

Ma, attenzione! Il globulo rosso, che ne contiene un numero impressionante, non è composto da proteine di 500 amminoacidi, bensì da 547! Quindi più impossibile dell’impossibile! A questo dovremmo aggiungere che tutto il bel discorso cosmologico sul Big Bang, formazione delle galassie e pianeti sia completamente avulso da ogni sistema serio di prove e riscontri. Non c’è nulla in realtà che dimostri in modo risolutivo e determinante l’evoluzione da tale esplosione cosmica iniziale (su red shift e radiazione cosmica, a Dio piacendo scriverò in seguito!). Al momento non mi posso dilungare: mi limito a rinviare a quanto scrissi a proposito del «multiverso»; il presupposto di partenza era l’ammissione di evoluzionisti sulla «impossibilità matematica» che dal Big Bang sorga alcunché!

Per aggirare l’ostacolo, hanno semplicemente moltiplicato (multiverso, anziché universo) le ipotesi di partenza… pura fantasia sofistica, è chiaro! Moltiplicate zero per infinito, quanto fa?!

Quanto al globulo rosso? Neppure per un miliardo di volte otterrebbero da amminoacidi una proteina!

Stefano Maria Chiari



L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.   


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Antonio D. 2012-06-16 17:41
Non penso che la teoria del Big Bang, tra l'altro preconizzata da uno scienziato sacerdote cattolico: Lemaitre, debba necessariamente essere leagata all'ideologia darwinista.
Nostro signore puó benissimo essere non il Creatore diretto della materia, bensi il Creatore delle leggi cui obbedisce la natura; la genesi del Big Bang, e tutto il resto della storia dell'Universo ne sono conseguenza. Il punto allora é che non conosciamo tutte le leggi della natura,solo in minima parte, probabilmente pure distorte, né mai le conosceremo tutte nella loro completezza, probabilmente ció sarebbe simile a vedere Dio faccia a faccia. Adesso vediamo in modo confuso.
C'é sempre spazio per il Mistero, per il Dio Nascosto.
Desidero segnalare infine un libro di Jean Guitton: "Dio e la Scienza", dialogo filosofico con i fratelli Bogdanov; edito da Bompiani.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-06-18 20:34
I fratelli Bogdanov non sono prorio gli interlocutori adatti per un simile argomento, visto quello che si legge sulla loro competenza scientifica. Vedere la voce "bogdanov affair" su google.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Antonio D. 2012-06-20 07:00
Grazie per l'indicazione. In effetti il libro fu da me comprato nel '91, dopo di che non mi sono minimamente interessato alla carriera di queste persone, a me interessava Jean Guitton. Ad ogni modo, a parte il calibro degl'interlocutori di Guitton, bisogna vedere se ció che dicono sia di per se stesso veritiero; costoro sono stati accusati di plagio, potrebbero anche essersi appropriati di lavori di per se stessi validi. In questo caso li si potrebbe semplicemente considerare come dei divulgatori ai fini della tesi (di Guitton) che si vuole sostenere nel libro in questione.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aristotele 2012-06-16 18:32
Il contributo, semplice ed efficare, mostra come spesso - tuttora più che mai - una certa ideologia ateo-materialista si trovi al di sotto di una proposta scientifica quale quella evoluzionista. Che una determinata Weltanschauung guidi euristicamente l'indagine scientifica sul Mondo - si badi bene: purché i fatti non la contraddicano! - e sulle sue componenti è a mio parere accettabile, purché lo si espliciti. Il darwinismo, invece, pretende di farsi passare come scienza 'pura', 'neutrale' e, soprattutto, conclusivamente supportata dai fatti.

Arist
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ulisse 2012-06-16 19:42
1) L'Universo é chiralico, cioé ha un ordine matematico/fisico/chimico, e questo ordine deve essere stato imposto da Qualcuno: il Motore Immobile della Filosofia Scolastica;
2) E quando dico che l'Universo é chiralico, cioé ordinato, intendo tutto ciò che è in esso, dalle galassie più grandi, all'atomo e ai più piccoli componenti sub-atomici: certo,l'elettrone non può aver deciso da solo di girare in un senso, e sempre in quel senso!
3) La teoria evoluzionistica fu concepita in un momento di grande sconforto personale di Charles Darwin, per la perdita prematura e tragica di una figlia. Lo scienziato in seguito ridimensionò la propria stessa teoria, storicizzandola a quel momento di disperazione. Se la teoria evoluzionistica deve essere dimostrata come teoria scientifica, ebbene essa non ha mai, dico mai, avuto alcuna conferma sperimentale, o fattuale: nessuno ha mai visto le specie intermedie dell'evoluzione, specie senza le quali l'evoluzione rimane un'ipotesi non dimostrata;
4) La teoria evoluzionistica parla di un'evoluzione di specie da minore a maggiore complessità, ciò che è incompatibile con il II principio della termodinamica, valido per tutto l'Universo;
5) Il vero significato di questo forsennato sostegno a questa teoria non ha niente a che fare con la scienza, perché semmai la scienza (come giustamente argomenta Chiari in questo brillante articolo) non può prescindere dall'esistenza di Dio;
6) La ragione quindi di questo successo della teoria darwiniana é di tipo religioso (o meglio anti-religioso, e più precisamente anti-cristiano e anti-cattolico), ma di questo ha scritto, molto meglio di me, Blondet in molti suoi libri;
7) Infine, negare l'esistenza di Dio, é come pretendere che un aereo si costruisca da solo, una volta che tutti i suoi componenti siano stati messi alla rinfusa in un hangar, cosa impossibile proprio per il II principio della termodinamica, oltreché per il buonsenso!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# bilbobaggins 2012-06-18 15:54
Il Secondo Principio è compatibile con l'evoluzionismo: pensi a quanta entropia in più l'uomo) che guida l'automobile...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-06-18 20:44
Copio da wikipedia: "La chiralità (dal greco χείρ cheir, "mano"), è in senso generale la proprietà di avere un'immagine speculare non sovrapponibile a sé come avviene, appunto, nel caso di una mano. Un oggetto con questa proprietà è detto chirale". La chiralità non c'entra niente con l'ordine. L'universo ha certamente una struttura ordinata, parte di questa struttura sono ad esempio le leggi della Fisica. Il secondo principio vale in generale, non a livello locale, altrimenti la vita cellulare, con i suoi complessi ordinamenti, codici, ecc., non sarebbe mai nata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nahars 2012-06-16 20:11
E invece il Dna che è fatto da 4 ac.nucleici... s'è aggregato per caso?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# DECIOMERIDIO 2012-06-16 20:13
Io non sono un esperto in Biochimica per occorre precisare che una molecola di emoglobina è formata da 4 molecole di globina la quale a sua volta è molto simile alla molecola di mioglobina dalla quale si sarebbe evoluta:quindi il discorsa sarebbe più
"semplice" ma preferisco fermarmi qui e lasciare la parola a qualcuno più ferrato sulla probabilistica.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-06-16 20:46
L'argomento dell'emoglobina serve a dimostrare che le proteine non si possono assemblare casualmente ma hanno bisogno di un meccanismo di sintesi. Il meccanismo di sintesi comprende la lettura e la traduzione dell'informazione genetica ed è chiaro solo in minima parte e solo in modo qualitativo.
In generale però, la complessità della materia vivente e la sua presunta origine dalla materia inorganica è un fatto che non ha una spiegazione scientifica. Qualcuno forse si ricorderà che 12 anni fa è stata celebrata, con roboanti e iperbolici articoli, la mappatura del genoma umano. A detta di tutti, era logico aspettarsi risultati clamorosi sia nella biologia che nella medicina. Due anni fa, in un articolo su Nature intitolato: "Life is complicated", Erika Check Hayden ha fatto il punto sui dieci anni successivi alla scoperta, e ha concluso in modo sconsolato che gli scienziati sono andati a sbattere contro un muro di complessità inaspettato e insormontabile ("The more biologists look, the more complexity there seems to be"). Quello che lascia sbalorditi è la profondità e la accuratezza dell'ordinamento della attività vivente a livello molecolare. Un ordinamento sia spaziale che temporale dove i prodotti di una reazione devono essere presenti in un dato luogo e in un dato tempo per essere a sua volta reagenti di una reazione successiva. Logicamente uno si chiede se sia possibile che questo ordine possa essere nato dalla materia inorganica senza intervento divino e quindi se la transizione tra materia inorganica e vita sia già compresa nella struttura della materia e nelle leggi della Fisica e della Chimica. Al momento è difficile dare una risposta precisa, certo è che se questa possibilità esiste nessuno fino ad ora ne ha scoperto il meccanismo.
Quanto al rapporto Scienza- Fede, io direi che non mi sembra ci sia stato un periodo di armonia più evidente di quello che viviamo oggi. L'esempio della cosmologia è quello più chiaro e più citato: l'attuale modello della nascita e evoluzione dell'universo visibile è in totale accordo, anche se non letterale, con il racconto biblico e con la concezione del creato proveniente dalla religione. L'universo, per quel che se ne sa dalla Scienza, ha avuto una origine (13,7 miliardi di anni fa), avrà una fine e, in accordo con la creazione, non comprende la conservazione dell'energia, e quindi della materia, a livello cosmologico (l' energia si conserva solo a livello locale).
Inutile dire che la lobby ateistica, che è fortissima in questo campo, non demorde ed è sempre pronta a "dimostrare" la non esistenza di Dio con argomenti che a volte superano, di molto,la soglia del ridicolo. Vedere, ad esempio, tutto il clamore suscitato dal libro di Lawrence Krauss: 'A Universe from Nothing: Why There Is Something Rather than Nothing'.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Antonio D. 2012-06-20 15:22
Caro Pietro,
mi sto rendendo conto che l'obiettivo ultimo dell'accanimento della lobby ateistica é la negazione della divinitá di Cristo: ci si accanisce a negare l'esistenza del Padre di modo che negare la natura divina di Gesú diventa un gioco da ragazzi.
Molti scienziati in veritá non avrebbero difficolta ad ammettere l'esistenza di Dio; il fatto é che dopo devono trarre conseguenze circa Cristo, e questo li mette in difficoltá, nell'intimo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-06-20 20:43
Tieni presente il fatto seguente: il premio Nobel del 2008 è stato dato per la scoperta degli operatori che trasformano i quark l'uno nell'altro. La matrice che produce queste trasformazioni si chiama CKM dalle iniziali degli autori: Cabibbo–Kobayas hi–Maskawa. Ebbene, ai due giapponesi è stato dato il Nobel, a Cabibbo, che ha avuto l'idea per primo, no. Perchè? La spiegazione ufficiale era, a detta di tutti, una scusa meschina e inaccettabile. Cabibbo era al tempo (ora è deceduto) presidente dell'Accademia Pontificia delle Scienze. Forse è proprio questa la spiegazione vera.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# naci56 2012-06-16 21:57
Caro Dottor Chiari purtroppo a mio avviso, quello da Lei trattato è un falso problema e proverò a spiegarmi.
Per Lei esiste un Creatore perché crolla il castello di carta darwiniano... bene..e ora che succede? Forse adesso la sua vita è cambiata? Forse convincendo qualche lettore della impossibilita della vita di perfezionarsi attraverso l'evoluzione cambierà forse il suo modo di vivere? No perché tutto questo è un falso problema.Non va alla radice del problema.
Buddha giustamente, si dice, non entrava mai In discussioni di questo tipo, troppo sofisticate troppo lontane dalla vita della gente... si vada a rileggere "Siddharta" di Hess quando si incontrano e provi a rileggere quel brano con attenzione e vedrà quante cose potrà riscoprire... in India hanno risolto il problema in un altro modo... per il Sankia ad esempio sono tre le cose eterne, la Natura, l'anima individuale e Brahma da sempre increate... ma anche questo modo di vedere non cambia la vita della gente.
In altre parole queste non sono cose importanti per i veri amanti di Dio, sono diatribe per chi ha tempo da perdere (in senso buono naturalmente e spero che Blondet mi perdoni!), lasciamo quindi perdere queste discussioni che non porteranno da nessuna parte ma getteranno altro cemento nella creazione di quel muro di incomunicabilit à che purtroppo divide le persone'... e infine lasciamo stare il nostro globulo rosso, poverino lavora come un mulo per due mesi e poi scompare... più di così!
Rispetto alla Conoscenza Divina noi siamo dei poveri analfabeti e la scienza non può e non potrà mai dimostrare alcunché... mi dispiace per San Tommaso ma forse alla fine della vita qualche cosa nella suo modo di vedere la Realtà è cambiato visto che gli ultimi due anni li ha passati in silenzio assoluto... allora cominciamo a fare silenzio dentro noi stessi (sembra facile vero?) e vedrà che Qualcuno se veramente raggiungeremo la quiete, la pace, si degnerà di sussurrare nell'orecchio quelle risposte che non troverà mai in nessun libro..buona serata. marcello
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# suparta 2012-06-17 12:02
Citazione naci56:
Caro Dottor Chiari purtroppo a mio avviso, quello da Lei trattato è un falso problema e proverò a spiegarmi.
Per Lei esiste un Creatore perché crolla il castello di carta darwiniano... bene..e ora che succede? Forse adesso la sua vita è cambiata? Forse convincendo qualche lettore della impossibilita della vita di perfezionarsi attraverso l'evoluzione cambierà forse il suo modo di vivere? No perché tutto questo è un falso problema.Non va alla radice del problema.
Buddha giustamente, si dice, non entrava mai In discussioni di questo tipo, troppo sofisticate troppo lontane dalla vita della gente... si vada a rileggere "Siddharta" di Hess quando si incontrano e provi a rileggere quel brano con attenzione e vedrà quante cose potrà riscoprire... in India hanno risolto il problema in un altro modo... per il Sankia ad esempio sono tre le cose eterne, la Natura, l'anima individuale e Brahma da sempre increate... ma anche questo modo di vedere non cambia la vita della gente.
In altre parole queste non sono cose importanti per i veri amanti di Dio, sono diatribe per chi ha tempo da perdere (in senso buono naturalmente e spero che Blondet mi perdoni!), lasciamo quindi perdere queste discussioni che non porteranno da nessuna parte ma getteranno altro cemento nella creazione di quel muro di incomunicabilit à che purtroppo divide le persone'... e infine lasciamo stare il nostro globulo rosso, poverino lavora come un mulo per due mesi e poi scompare... più di così!
Rispetto alla Conoscenza Divina noi siamo dei poveri analfabeti e la scienza non può e non potrà mai dimostrare alcunché... mi dispiace per San Tommaso ma forse alla fine della vita qualche cosa nella suo modo di vedere la Realtà è cambiato visto che gli ultimi due anni li ha passati in silenzio assoluto... allora cominciamo a fare silenzio dentro noi stessi (sembra facile vero?) e vedrà che Qualcuno se veramente raggiungeremo la quiete, la pace, si degnerà di sussurrare nell'orecchio quelle risposte che non troverà mai in nessun libro..buona serata. marcello


Tutto vero, Marcello, ma il suo ragionamento dove ci porta? All'impossibilità di una vera conoscenza? Non sarà mai completa, questo si, ma il mondo cristiano è conoscibile e intellegibile. Dio ha voluto che noi lo scoprissimo e lo conoscessimo anche attraverso il Creato
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# italiano borbonico 2012-06-20 09:55
Tommaso decise di cessare di scrivere non certo per ritrattare ma per l'impotenza a descrivere tutto l'Assoluto.
Abbia un po' più di fiducia nelle sue capacità cognitive!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Reddish 2012-06-16 23:01
Dio è il più grande!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# shaula 2012-06-17 01:38
Sappiamo che l´universo proposto dalla nostra mente é solo immaginario e virtuale. Pertanto anche questa diatriba tra darvinisti e non, é sulla falsariga di quella che s´interroga sul sesso degli angeli. Essa é pur sempre utile nella misura in cui evidenzia l´impressionant e presunzione a cui possono approdare menti insignificanti come quella umana.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ares 2012-06-17 13:09
Quanta gente perde la fede o l'ha persa ascoltando e credendo al "mito" dell'esperto e della "Scienza" che scrivono con la S maiuscola.
La visione religiosa del mondo è stata pesantemente ridimensionata e quasi annullata perchè anche molti "religiosi" si sono intiepiditi, bevendosi e credendo alla mitologia darwiniana e ci si chiede se sian problemi inutili da risolvere?
Quanti, anche religiosi, si vedono, a sostenere in modo imbarazzato la loro visione di fede davanti a "saccenti" scienziati che li guardan con comiserazione e i religiosi stessi non testimoniano assolutamente un nulla facendo del sociologismo.
Non sanno quanto scandalo per i "più piccoli" siano, per coloro con la fede traballante, vacillante, l'"uomo della strada" che è la maggioranza di noi... e certi preti stessi sembran volersi metter da parte per gestire al limite una "filosofia" "un volemose bene" ingiustificato o una favolona per il popolino.
Ben vengano invece questi generi di articoli, che alimentano la fede, la Gloria del Creatore e dimostrano, o almeno cercano di dimostrare, che non ci si butta alla cieca o per sentimentalismo in una fede esigente e scandalo per il mondo.
Non è una guerra contro il darwinismo, ma l'emergere della verità e della complessità del creato che dimostra la pochezza e il balbettare dei "sapienti e potenti di questo mondo" che, con l'inganno, cercano di far abboccare le masse.
Ottimo lavoro, signor Chiari.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ryu21 2012-06-18 08:55
Che esista un creatore "Logos increato causa di tutte le cause" è un dato di fatto, che poi coincida con il dio cristiano è tutto da dimostrare.
----------------------------------------------------------
Legga "Pr,a che Abramo fosse, io sono", di Landucci, da noi edito.
C'è la dimostazione che cerca.
FdF
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ryu21 2012-06-19 08:26
Citazione ryu21:
Che esista un creatore "Logos increato causa di tutte le cause" è un dato di fatto, che poi coincida con il dio cristiano è tutto da dimostrare.
----------------------------------------------------------
Legga "Pr,a che Abramo fosse, io sono", di Landucci, da noi edito.
C'è la dimostazione che cerca.
FdF

Grazie. lo leggerò!
... ma vi giro anch'io un interrogativo che ho posto a Blondet tempo fa:
"si ricordi che non impedire un evento equivale a cagionarlo. Si domandi allora questo: se Dio lo permette lo vuole? O non c'è alcun dio, o non ha natura di padre come dice il cristianesimo. Ci pensi!!"
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# sursumcorda 2012-06-18 10:50
"... la scienza sarà in grado di spiegare tutto" mi sembra un bell'atto di fede nella scienza. Ma, evidentemente, è solo un rifugio dall’ignoto, una valvola di salvataggio che diviene assolutamente inutile nel momento in cui la scienza sarà in grado di spiegare tutto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-06-18 20:49
La Scienza NON può spiegare tutto, perchè il tutto è molto più vasto della Scienza. Può spiegare solo quello che è scientificament e spiegabile.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# sursumcorda 2012-06-18 10:58
"... la scienza sarà in grado di spiegare tutto" mi sembra un bell'atto di fede nella scienza. Ma, evidentemente, è solo un rifugio dall’ignoto, una valvola di salvataggio che diviene assolutamente inutile nel momento in cui la scienza sarà in grado di spiegare tutto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# bilbobaggins 2012-06-18 14:40
Secondo me il discorso sulla probabilita' è fuorviante.
Innanzitutto, la probabilità va definita a priori, e non è chiaro cosa si debba assumere come insieme degli eventi possibili.
Inoltre, cosa ben più importante, anche un meccanismo molto semplice ("inorganico") può generare configurazioni estremamente improbabili se valutate secondo un discorso probabilistico (vago) del tipo di quello suggerito.
Ad esempio, la disposizione ordinata dei cristalli di ghiaccio nel fiocco di neve, quale infima probabilita' avrebbe se riferita alla totalità delle disposizioni spaziali disordinate? Probabilmente (!) piu' piccola della probabilità di cui si parla per la molecola di emoglobina. Tuttavia non si parla di un Progetto per il fiocco di neve, perchè si può spiegare in maniere puramente "fisica".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2012-06-19 12:25
Le terorie degli astrofisici sono come l'oroscopo di un uomo vissuto due milioni di anni fa o che vivrà chissà dove e chissà quando... la loro dimostrabilità è impossibile e la loro dimostrazione è ideologica.

In realtà in merito alla nascita dell'universo la spiegazione creazionista della Genesi è molto più
"pluasibile" sulla base delle evidenze scientifiche... ma vaglielo a far ammettere a quel gallinaccio rancido
di "mandarina duck"... una cosa è sicura... degli "oroscopi" di questi "capoccioni" non abbiamo che farcene... basti ricordare tanto per fare un esempio recente.. la vaccata dei neutrini sparati da Ginevra verso il Gran Sasso... grandi paroloni, annunci entusiasmi... e alla fine gran figura di merda... tacitata sui media... ma quanto è costata tutta questa buffonata???

Io lancio una proposta... mandiamo mandarina duck e tutti i suoi amici di Ginevra... a zappare... per le puttanate
da scrivere sui rotocalchi da spiaggia, basta già quell'invertito di "branco e le stelle "...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# epound 2012-06-20 13:29
L'evoluzionismo darwinista non è una teoria scientifica, è una mitologia che ingloba una cosmogonia del tipo “in principio era un essere, da cui sono discesi i pesci, che poi si trasformarono in rettili e poi si trasformarono in mammiferi”.

Ho il forte sospetto che la teoría dell’evoluzioni smo sia stata modellata sui racconti tradizionali della creazione del mondo che Darwin ascoltò dalla bocca dei sacerdoti delle tribú indigene del Sud America.

In allegato: lo stregone mitógrafo Dawkins in grave stato di confusione mentale: http://www.youtube.com/watch?v=7OQHgcx2_5o
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# WILDSTAR 2012-09-01 22:19
Mi piacerebbe vedere dove si trova Darwin adesso... sapere veramente adesso che cosa direbbe sull'evoluzionismo... il Serpente infernale lavora alacremente per confondere le menti, non si ferma mai, speriamo solo che il Signore venga presto, davvero non se ne può più...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità