>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Keynes_autarchico
Keynes, l’autarchico
Stampa
  Text size
«Produciamo in patria ogni volta che ciò è ragionevolmente e praticamente possibile; e soprattutto, facciamo in modo che la finanza sia nazionale».

«Mi sento più vicino a chi vuol diminuire l’interdipendenza delle economie nazionali, che a coloro che la vogliono accrescere».

«... Tendo a pensare che, dopo un periodo di transizione, un grado più alto di autosufficienza nazionale ed una maggiore indipendenza economica fra le nazioni di quella che abbiamo conosciuto nel 1914 possano servire la causa della pace, piuttosto che il contrario».

Chi l’avrebbe detto? L’autore di queste affermazioni, eretiche rispetto al liberismo globale, è John Maynard Keynes. È nel 1933 che egli scrive una argomentata difesa dell’autarchia («autosufficienza nazionale»), in un testo National Self-Sufficiency che è pubblicato sulla The Yale Review nel giugno di quell’anno (volume 22, numero4, pagine 755-769).

In Italia, già dal 1925 Mussolini aveva lanciato «la battaglia del grano», il grande programma di autosufficienza nazionale alimentare. La prima misura fu protezionista: ripristino dei dazi sui grani importati. La seconda: detassazione del petrolio per i motori agricoli. la terza: la selezione delle sementi (sementi «elette»). Nel 1931, dopo sei anni dalla campagna, l’Italia aveva raggiunto gli 81 milioni di quintali, la quasi autosufficienza, e l’eliminazione dalla bilancia commerciale di un passivo di 5 miliardi di lire.

Risultati che Keynes si guarda bene dal riconoscere al regime fascista. Ma è sicuramente il quadro in cui avvia il suo ripesamento del libero-scambismo e dell’interdipendenza globale, due dogmi della dottrina di Adam Smith e nerbo dell’ideologia imperiale britannica. E ripensamento è, come Keynes ammette fin dall’esordio del suo articolo:

«Come la maggior parte degli inglesi, sono stato educato nel rispetto del libero scambio, considerato non solo come dottrina economica che nessuna persona razionale ed istruita potrebbe mettere in dubbio, ma come un elemento della morale. Consideravo le offese a questo principio come stupide e scandalose. Pensavo che le inconcusse convinzioni dell’Inghilterra in materia di libero scambio, mantenute da più di un secolo, spiegassero la sua supremazia economica davanti agli uomini e a Dio».

Ciò che gli ha fatto cambiare idea, dice, «è il fatto che le mie speranzze, preoccupazioni e timori sono cambiati, come quelli della maggior parte della nostra generazione nel mondo intero. È un lungo processo strapparsi dai modi di pensare che erano quelli del secolo decimonono. È sorprendente notare come una mente si trascini degli orpelli obsoleti anche dopo aver cambiato le sue concezioni centrali. A oggi, percorso un terzo del secolo ventesimo, stiamo per lo più uscendo dal precedente...».

Uno dei corollari del dogma liberista suona così: l’aumento degli scambi fra Stati, l’interdipendenza economica degli uni dalle merci degli altri, favorisce la pace mondiale; non si può fare la guerra al tuo fornitore o al tuo cliente...

Keynes, proprio perchè si dichiara «pacifista convinto», obbietta ironico:

«Non è evidente che concentrare i propri sforzi nella conquista dei mercati stranieri, introdurre nelle strutture economiche di un Paese le risorse e l’influenza di capitalisti stranieri, e dipendere strettamente dalle politiche degli altri per la propria vita economica, sia una garanzia di pace fra le nazioni; l’esperienza e la previdenza ci spingerebbero anzi ad affermare il contrario».

Anzi, dice, la globalizzazione è la faccia dell’imperialismo espansivo – aggressivo – del capitale:

«La protezione da parte di un Paese dei suoi interessi allestero, la conquista di nuovi mercati, i progressi dell'imperialismo economico, non sono che elementi ineliminabili della politica di coloro che vogliono massimizzare la specializzazione internazionale e la diffusione geografica del capitale, dovunque risieda colui che lo possiede».

Contro i capitali mobili

Fatto stupefacente, Keynes si dichiara contro la libera circolazione dei capitali nel mondo, e persino contro le società per azioni.

«Se si potesse evitare la fuga dei capitali, opportune direttive economiche interne sarebbero più facili da attuare. C’è un vero divorzio tra i proprietari del capitale e i gestori delle imprese, quando, a causa della forma giuridica delle aziende, il loro capitale è suddiviso tra una miriade d’individui che comprano azioni oggi, le rivendono domani e non hanno la conoscenza né la responsabilità di ciò che possiedono per poco tempo. Questo è già grave allinterno di un Paese; ma le stesse pratiche estese su scala internazionale diventano intollerabili in periodi di tensione».

Keynes addita in questo il nascere di un capitalismo irresponsabile; anzi, la circolazione globale dei capitali caldi provoca una generale de-responsabilizzazione.

«Un calcolo puramente finanziario può mostrare che è vantaggioso per me investire in qualche parte del mondo dove lefficacia marginale del capitale è massima o dove i tassi dinteresse sono più alti. Ma si vede dallesperienza che il fatto che il proprietario sia lontano dalla gestione nuoce ai rapporti tra gli uomini; e questo provoca presto o tardi delle tensioni ed inimicizie che finiscono per annullare i calcoli finanziari».

«Mi sento dunque più vicino a coloro che vogliono diminuire linterconnessione delle economie nazionali, più che a quelli che la vogliono aumentare. Le idee, il sapere, la scienza, lospitalità, il viaggio devono essere per natura internazionali. Ma produciamo in casa ciò che è razionalmente e praticamente possibile, e soprattutto facciamo che la finanza sia nazionale. Tuttavia coloro che vogliono svincolare un Paese dai suoi legami è bene lo facciano con prudenza e senza precipitazione; non si tratta di strappare la pianta con le sue radici, ma di abituarla a poco a poco a crescere in una direzione diversa».

«... Una più grande indipendenza economica fra le nazioni di quella che abbiamo conosciuto nel 1914 può servire alla causa della pace. L’internazionalismo economico non è riuscito a scongiurare la guerra».

Si deve qui ricordare che il mondo della Belle Epoque fino alla Prima Guerra Mondiale, era un mondo ampiamente globalizzato, come volevano le potenze egemoni, l’impero britannico e gli Stati Uniti. Fino alla crisi del '29, capitali americani correvano a investirsi in Germania dove spuntavano profitti più alti che in patria, e Londra era il mercato mondiale dei debiti pubblici. Esisteva persino una moneta unica mondiale: l’oro sotto il Gold Standard a cui erano legate le valute nazionali. Per questo Keynes può dire che quella prima globalizzazione non ha affatto mantenuto le promesse di pace perpetua. Anzi, egli denuncia il carattere malsano di «un internazionalismo economico» dove «uno speculatore di Chicago prende una partecipazione azionaria in una impresa tedesca, o una zitella inglese negli investimenti della municipalità di Rio de Janeiro». Oggi denuncerebbe i capitali roventi che confluiscono nei Paesi emergenti e in Cina, attratti da tassi di profitto inarrivabili.

Costi e vantaggi del patriottismo economico

«Sono chiaro: un livello elevato di specializzazione internazionale è necessario (...) ogni volta che è dettato da importanti differenze climatiche, di risorse naturali, di livello di cultura e densità di popolazione. Ma per una gamma sempre più vasta di prodotti industriali, e forse anche di prodotti agricoli, non penso che le differenze economiche dovute alla auto-sufficienza siano superiori ai vantaggi – diversi da quelli economici – che si possono avere riportando progressivamente il prodotto e il consumatore nellambito di una stessa organizzazione economica e finanziaria nazionale».

Tanto più, rileva l’economista, che nelle economie avanzate i servizi, gli alloggi, le infrastrutture locali – che non sono oggetto di export-import – aumentano il loro peso relativo rispetto ai prodotti di base e a quelli manifatturati.

«Se anche il costo di questi ultimi aumentasse un poco, a causa di una più grande autosufficienza nazionale, le conseguenze non sarebbero gravi, in confronto ai vantaggi di altra natura: in breve (...) è un lusso che possiamo offrirci, se lo desideriamo».

Ai «molti amici educati all’antica e spaventati dagli sprechi e dalle perdite economiche che vanno di pari passo col nazionalismo economico», Keynes ritorce che nemmeno il capitalismo ultraliberista ne è esente.

«Il capitalismo, internazionale e tuttavia individualista, decadente ma dominante dalla fine della guerra, non è un successo. Non è nè intelligente nè bello, nè giusto, nè virtuoso, e non mantiene le sue promesse. In breve, non lo amiamo e anzi cominciamo a disprezzarlo».

«Oggi (nel 1933, ndr) ci sono Paesi che mettono in questione questo modello. La Russia è ancora la sola a tentare una esperienza molto particolare, ma altri abbandonano le teorie del XIX secolo: Italia, Irlanda, Germania si interessano a nuove forme di economia politica (...) .Anche la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, che rispettano ancora strettamente il vecchio modello (del liberismo globale, ndr) aspirano senza darlo a vedere a un nuovo concetto economico»: e difatti, proprio dal 1933, il presidente F. D. Roosevelt lancia «il nuovo corso», il New Deal, ampio piano di dirigismo statale, ricco di elementi copiati dal fascismo.

Dell’esperimento sovietico, Keynes denuncia i tre mali da cui un progetto autarchico deve guardarsi: «la stupidità del dottrinario», la «precipitazione» nella transizione economica, e «lintolleranza e repressione di ogni critica illuminata». Invece, Mussolini «sembra aver raggiunto letà della ragione»; quanto alla Germania, è appena «entrata nelle mani di irresponsabili scatenati, ed è troppo presto giudicare della sua politica economica» (vedrà, Keynes, negli anni seguenti, il solo miracolo economico del mondo occidentale nel tragico decennio della grande depressione...).

In ogni caso, insiste, abbandonare tutto all’iniziativa privata «è incompatibile con il livello di benessere materiale che lavanzamento tecnologico ci consentirebbe». Soprattutto, «i tassi dinteresse devono calare a un livello nettamente inferiore da quello che è fissato dal gioco naturale delle forze operanti secondo le antiche regole», o come si dice oggi, secondo «il mercato».

In piena depressione, «i tassi dinteresse dovrebbero calare fino a sparire per i prossimi trentanni. Ma ciò è impossibile in un sistema dove i tassi (...) hanno tendenza a uniformarsi a un livello mondiale per effetto del gioco normale delle forze della finanza (...). Linternazionalismo economico con quel che comporta di libero movimento dei capitali e di libero scambio delle merci, può condannare il mio Paese, per una generazione, ad un livello di prosperità materiale inferiore a quella che potrebbe conseguire in un altro sistema. Penso che una deliberata transizione verso una maggiore autosufficienza nazionale e un più grande isolamento economico ci faciliterebbe il compito, senza un costo eccessivo».

I guasti della corsa al profitto a tutti i costi

«Il XIX° secolo ha assegnato un posto eccessivo a quelli che si possono chiamare risultati finanziari”, li ha promossi a criterio unico di valutazione di ogni azione, sia pubblica o privata. Vivere era diventato una sorta di parodia di un incubo di contabile. Invece di usare le risorse materiali e tecniche sempre crescenti, per costruire una città splendida, gli uomini costruivano dei quartieri-dormitorio... perchè secondo i criteri dellimpresa privata, i quartieri-dormitorio sono redditizi”, mentre una città splendida sarebbe stata una folle prodigalità e, nel linguaggio stupido dei finanzieri, avrebbe ipotecato l’avvenire – anche se non si capisce come la costruzione oggi di grandi e magnifici edifici impoverirebbe lavvenire»...

C’è qui un confronto implicito e involontario con i «magnifici edifici» che il fascismo stava innalzando a Roma e in tante città? Chissà. Il fatto è che Keynes prosegue con una critica ustionante dell’ideologia totalitaria del profitto:

«La regola del calcolo finanziario, autodistruttrice, regge ogni momento della vita. Distruggiamo la bellezza della campagna perchè gli splendori della natura, non appartenendo a nessuno, non hanno alcun valore economico. Saremmo capaci di spegnere il Sole e le stelle perchè non rendono dividendi. Londra è una delle città più ricche della storia della civiltà, ma non può permettersi le realizzazioni più ambiziose di cui sono capaci i suoi abitanti, perchè non rendono”».

«Se io fossi al potere, con determinazione doterei le grandi città di tutte le attrezzature artistiche e culturali capaci di rispondere alle attese più ambiziose dei cittadini. Sono convinto (...) che il denaro speso in tal modo non solo sarebbe più utile di tutti i sussidi di disoccupazione, ma renderebbe inutili questi sussidi. Con quello che abbiamo speso per i disoccupati (pagandoli per fare niente) in Inghilterra dal dopoguerra, avremmo potuto fare delle nostre città le più magnifiche realizzazioni umane del mondo».

Invece, «abbiamo cosiderato che dovevamo assolutamente rovinare i contadini e distruggere uneconomia fondata su tradizioni antichissime, per guadagnare qualche centesimo su una michetta di pane. Niente doveva sfuggire allaltare di Moloch e Mammona uniti, tutto dovevamo sacrificare a questi mostri, il cui culto ci permetterebbe di vincere la povertà». Al contrario, tutto s’è ridotto «in pura perdita... perchè sono stati sacrificati valori diversi da quelli economici», più essenziali di questi per la vita umana.

Che gli individui pensino e agiscano secondo il profitto, da liberisti, va bene. Ma «è lo Stato più che lindividuo a dover cambiare i suoi criteri», conclude Keynes. E, quasi avesse conosciuto di persona Mario Monti, scrive:

«La cosa che dobbiamo cancellare, è la concezione di un ministro delle Finanze che si consideri come il presidente di una sorta di società per azioni (...). Le funzioni e gli obbiettivi dello Stato vanno estese, la scelta di quel che va prodotto allinterno della nazione e di ciò che deve fare oggetto di scambi con lestero dovrà figurare ai primi posti tra le priorità politiche».

Un tale statista, se esistesse nell’Italia della depressione globale e incatenata all’euro tedesco, vedrebbe due cose: che l’importazione di petrolio e gas pesa come passivo della nostra bilancia dei pagamenti per oltre 60 miliardi l’anno; e l’importazione di alimentari è un passivo di 6 miliardi annui. Sull’import energetico non possiamo (nè vogliamo) agire; ma la nostra agricoltura nazionale sarebbe benissimo in grado di ridurre quell’altro passivo di 6 miliardi annui. Se, s’intende, non fosse lasciata alla «competizione globale» delle Sei Sorelle del Grano, le cui gigantesche navi approdano da noi proprio quando i nostri coltivatori stanno raccogliendo i loro grani: un evidente dumping, inteso a distruggere la nostra produzione nazionale e i nostri coltivatori, per renderci dipendenti per sempre dalle Sorelle. Questa concorrenza sleale potrebbe essere stroncata facilmente sequestrando le navi di Cargill, Louis-Dreyfus, di Continental Grains e di Archer Daniel Midland (1), e imponendo multe milionarie, in base ai regolamenti igienico-sanitari: le granaglie di cui sono piene, provenienti da Australia o Ucraina, e spesso tenute per mesi nelle stive, sono spessissimo infette da muffe e funghi tossici, e tutte sono OGM. Basterebbero regolari ispezioni dei NAS. Ma ci vorrebbe un ministro delle Finanze che non si sentisse impegnato a salvare, più che l’Italia, la dottrina liberista globale.





1) Sono i nomi delle principali imprese trans-nazionali che si accaparrano il commercio mondiale dei grani; un giro d’affari colossale e inaccertabile, perché questi colossi hanno l’accortezza di non quotarsi in Borsa: sono aziende familiari, non scalabìli da azionisti estranei, e non pubblicano bilanci. Lungi dal competere fra loro sul libero mercato, queste imprese fanno cartello, ossia impongono i prezzi che hanno concorato tra loro, di fatto esercitando un monopolio strategico. Di questo Cartello del Grano ho parlato nel mio «Tutti i Complotti», EFFEDIEFFE, edizione 2010, pagina 195.



L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.   


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Franco_PD 2012-06-19 16:45
Il successo fascista (quasi completo) nell'autosufficienza alimentare nazionale non lo conoscevo proprio. Una delle "cosucce" evidentemente ben celate dal sistema. Come i costi (inferiori agli stanziamenti!) per le bonifiche, di cui Blondet ha parlato in passato diffusamente. Chissà quante altre ce ne saranno di queste - per l'appunto - "cosucce"...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# BULEGH 2012-06-19 17:41
Come spesso si suol dire: "Nulla di nuovo sotto il sole".

Ben prima di Keynes, ve ne furono altri notevoli personaggi internazionali che cercarono di lanciare l'allarme in Europa nel tentativo di smascherare certi inganni politici e socioeconomici che i filantropici oligarchi del momento erano ormai prossimi a attuare, prima d'ogni opportuna democratica guerra salvatrice degli USA, insomma per... la salvezza della democrazia occidentale...
Chi per esempio?
Ad esempio J. Caillaoux (ex ministro delle Finanze e anche ex Primo Ministro francese).
Nel suo saggio stampato, udite e leggete, nientemeno che nel 1922!
Mai oui monsieurs, nel 1922, a Parigi, AUX éDITIONS DE LA SIRèNE, BV MALESHERBES, 29, 1922.

Nel suo saggio, di 293 pagine "Où va la France, où va l'Europe?" Dal quale ricopio solo (per oggi) queste riflessioni (pagine 204-205):

"Créer une monnaie européenne, unifier par suite les changes sur tout le vieux continent, c'est atténuer, presque supprimer le spéculations, le jeu qui entachent actuellement toutes les opérations industrielles et commerciales, c'est, en outer, s'approcher de la baidde des prix. Mais spéculations et jue nourissent d'innombrables frelos qui bourdonnent autour des grandes hommes d'affaires; spéculations et jeu alimentant les hordes de banques, moyenne et petites, qui se sont abbatues, comme des corbeaux après le carnage, sur les pays européens et dont le foisonnement est, à lui seul, un symptòme de décomposition. Encore une clientèle à sauver à tout prix! Quant à la baisse des prix, de quoi parle-t-on là? Qu'advientrait -il des stocks, juste dieux...?"

Continuare?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Der Freiherr 2012-06-19 17:46
Grande!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-06-19 18:26
Un bellissimo condensato del pacato, e per me timido, antiliberismo keynesiano. Ovviamente, timido in rapporto alla violenza del grande inganno del governo unico mondiale come portatore di pace nel mondo, che viaggia sulle ali del liberismo più sfrenato (per intenderci) alla David Rockefeller. Come abbiamo visto e vediamo, infatti tutto questo nasce nella spietata ideologia retrostante alla dittatura usuraia del capitale e dei suoi servitori e passa attraverso orribili distruzioni. Mussolini e Hitler l'avevano perfettamente capito nonché previsto con largo anticipo, e per questo il mondo fu sconvolto. Invece quanto Keynes avesse voluto capire sulla reale sostanza del disegno e del pericolo liberista non è dato saperlo.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# publied 2012-06-19 22:45
Benito e Adolfo difficilmente avrebbero invece capito. Avevano però bravi consigliori, ben altra generazione rispetto alla sessantottarda di oggi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# albertotardivo 2012-06-19 19:35
Ringrazio il Direttore per l'ennesimo articolo utile e illuminante.
Ritengo sia giunta l'ora di agire e per questo chiedo ad altri lettori la disponibilità ad incontrarci per iniziare a discutere sul da farsi.
Attendo fiducioso!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Bruno 2012-06-20 14:19
Magari, dove e quando?
Un saluto
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# albertotardivo 2012-06-20 22:21
Io sono di Bassano del Grappa, tu? Nessun altro che voglia partecipare?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Lukas 2012-06-19 20:16
Grazie direttore, che ci illumina d'immenso.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# zampano 2012-06-19 20:54
Articolo molto bello.
Keynes si conferma un grande economista per molti aspetti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Mauro1973 2012-06-20 09:05
Molto bello, grazie Direttore.
Mauro
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# BULEGH 2012-06-20 10:03
Continuare?
Mais oui, mon cher Buleghin!
Questa seconda e ultima citazione, dalle pagine 208 e 209:
Traduzioni e spiegazioni: prossimamente (hopefully)...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Fabio B 2012-06-20 12:26
Incontrarsi, perchè no? Propongo un pellegrinaggio a Loreto, Fabio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# amsicora 2012-06-20 14:01
"Ma ci vorrebbe un ministro delle Finanze che non si sentisse impegnato a salvare, più che l’Italia, la dottrina liberista globale"

Conosciamo fin troppo bene l'innominabile che fino a 7 mesi stava, per l'appunto alle Finanze...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2012-06-20 14:10
... "La cosa che dobbiamo cancellare, è la concezione di,... sorta di società per azioni": dopo aver letto i due articoli di Polemia, credo che in Italia, anzichè ricostruire una nazione, sia di moda la distruzione degli Stati nazionali, avvenuta attraverso l'enorme ed anonima corporazone madiatica che ha convogliato i nostri soldi risparmiati attraverso le generazioni del dopoguerra, verso i titolari dei giornali, complici dei banchieri.
Il denaro dei nostri risparmi, secondo Keynes e Mussolini, dovrebbe essere adoperato per promuovere cicli produttivi autarchici, interni alla nazione stessa, finisce nelle tasche private della speculazione finanziaria della carta stampata. Infatti tale ciclo economico non keynesiano, non contempla forme di previdenza sociale, l'anziano è inattivo perchè non produce attivi ai fini dei titolari dei giornali, non della produzione interna.
Compito degli economisti è l'insidia, attraverso la stampa, di processi criminosi, che non rappresentino il bene comune democratico, perchè un giornale, nonostante il suo titolo o titolare, qualsiasi governo vinca le elezioni, resta neutro, nega l'opposizione delle misure economiche per i cittadini, e non è obbligato a definirsi politicamente, nè ideologicamente , ma può sottrarre fondi privati verso il desiderio di potere dei banchieri. Il cittadino sa che qualunque governo lo deruberà, leggendo un giornale istillatore di dubbi quali fossero certezze assolute, non potrà mai fermarsi a riflettere circa dove questa malefica stampa vorrà condurlo. Ma oggettivamente la stampa non può andare contro l'ABC dell'economia, altrimenti saremmo ancora i primi produttori di grano al mondo, vivremmo già delle rendite del fascismo, avendo investito i nostri risparmi in autarchia, non in cartastraccia o debito.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# EMERICH 2012-06-20 16:35
Ah però il "male Assoluto" quante ne ha combinate eh... addirittura ha sfamato un popolo per la prima volta dopo Roma repubblicana... che delinquenti, che zozzoni 'sti fasci, che Dio li fulmini...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Catello 2012-06-21 09:03
Keines sembra appartenere alla categoria di economisti che pensa che sia la ricchezza di tutti che determini quella della elite e non il viceversa, e infatti non aveva paura di proporre alla elite di adottare le ricette più giuste per il massimo benessere di tutti.
In seguito però l'elite si è accorta che poteva fare ciò che voleva agendo sulle masse psicologicament e e si è fatta tentare da questa scorciatoia per incrementare il proprio potere, anche perché si è convinta che le risorse disponibili non siano sufficienti per raggiungere il benessere di tutti, dato che la popolazione mondiale diventa sempre più numerosa.
Infatti la crisi attuale è quasi del tutto psicologica: eccetto che per una certa mancanza di liquidità in circolazione nell'eurozona, è il rallentamento della sua velocità di circolazione che è stato indotto spaventando la gente con la crisi, che ha generato la crisi.
Similmente il problema non è il debito pubblico o privato, ma è il panico creato da tutti i mass media e ancor di più da noi complottisti, il problema che rende i debiti impagabili, favorendo le speculazioni e la crisi. Infatti non ci sarebbe nessun debito impagabile se solo, in assenza di panico e continuando la fiducia, ci fosse un tasso di interesse basso per tutti e fosse dato a tutti i debitori il tempo necessario per farlo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Gilles 2012-06-21 09:09
Per Amsicora: mi diverte tantissimo la tua fissa per l’innominabile, ma lo saprai bene che per lungo tempo è passato per essere un “insider”, una specie di infiltrato buono tra i cattivi del Bilderberg, e continua ancora ad essere considerato così... I buoni come lui, ammesso che esistano, sono sempre da prendere con le molle, hai ragione tu. Per quanto riguarda Keines, mi ricordo che quando ero all’università, fine anni '70/inizio '80, era ancora un economista fondamentale, ora non mi pare proprio. A me personalmente le sue teorie sembrano la massima espressione del buonsenso, della convivenza e del rispetto reciproco tra le persone, mentre invece quelle liberiste, soprattutto l’assenza di regole, sembrano una classica applicazione della mentalità colonialista ottocentesca, non a caso di provenienza anglosassone. Per me non c’è alcun dubbio su quale sia la scelta più naturale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità