>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Bankitalia, nuovo record di debito pubblico. E salgono anche le entrate tributarie
Stampa
  Text size
Nuovo record per il debito italiano. Secondo il Supplemento Finanza pubblica di bankitalia, il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato di 17,1 miliardi rispetto al mese precedente, raggiungendo un nuovo massimo storico pari a 1.966,3 miliardi di euro. Con il debito aumentano anche le entrate tributarie grazie, tra l'altro, alle tasse sulla benzina.

IL DEBITO- Nel complesso nei primi 5 mesi il fabbisogno complessivo (53,1 miliardi) è stato superiore di 5 miliardi rispetto a quello registrato nel corrispondente periodo del 2011 (48,2 miliardi) - spiega ancora la Banca d'Italia -. Vi hanno influito principalmente gli esborsi in favore degli altri paesi dell'area dell'euro (pari, nel periodo di riferimento, a circa 16,4 miliardi, a fronte dei 4,7 nel 2011); in senso opposto hanno invece operato le misure relative alla tesoreria unica, che hanno comportato il riversamento da parte degli enti decentrati presso la tesoreria centrale di 9 miliardi, precedentemente detenuti presso il sistema bancario. Escludendo questi due fattori, l'aumento del fabbisogno rispetto al corrispondente periodo del 2011 è di circa 2,3 miliardi. In altre parole, via Nazionale spiega che l'incremento è «attribuibile principalmente all'aumento delle disponibilità liquide detenute dal Tesoro (di 8,3 miliardi, a 35,8), al fabbisogno (6,2 miliardi), a scarti di emissione (2,3 miliardi) dovuti all'emissione di titoli sotto la pari, alle variazioni del cambio (0,2 miliardi)». Pesano anche le garanzie italiane sulle emissioni dell'European financial stability facility (Efsf), che hanno aumentato debito e fabbisogno di circa 1,8 miliardi.

LE TASSE- Le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono aumentate a maggio di 1,4 miliardi (+4,6%) rispetto allo stesso mese del 2011. Lo rileva la Banca d'italia nel Supplemento sulla finanza pubblica. Nei primi cinque mesi le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono aumentate dell`1,1% (1,6 miliardi) rispetto al corrispondente periodo del 2011, «trainate dalla crescita dei proventi delle accise sulle risorse energetiche».

Fonte >  Corriere.it

Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Maraffio 2012-07-16 14:13
Eh no, basta con lo squartamento tassaiolo dell'italiano medio per ottenere cosa? niente, anzi il debito complessivo è pure aumentato...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ludolory 2012-07-17 17:47
Il debito non si estinguerà mai!
Il sistema monetario è costruito sul debito ! (meccaniche della moneta moderna)
Il denaro viene emesso (prestato)dalla BCE allo stato che in cambio dà titoli del tesoro (bot , btp , cct , ctz ecc.). La BCE crea il denaro senza creare però il denaro necessario a pagare gli interessi ed ecco li che lo stato avrà bisogno di nuovi prestiti per pagare l'interesse!
La sovranità monetaria dovrebbe appartenere al popolo e non alla BCE che è una banca privata
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# gustavo d 2012-07-17 13:14
Il debito aumenta,ma il bilancio migliora. Sale lo spread, perchè? Perchè manca la crescita. Riassumendo: ci stiamo svenando per pagare le tasse che servono a tenere in ordine i conti ( obiettivo raggiunto) per essere in condizione di pagare il debito anche a costo di sacrificare la crescita economica, però il debito aumenta ( e quindi anche lo spread) perchè non c'è ripresa. Tanto vale fregarsene del debito, pagare meno tasse e far crescere l'economia, così diminuirebbe lo spread e magari anche il debito con una spending review fatta bene, o no?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rewind 2012-07-17 14:23
troppe parole teorie e numeri ....

il succo è che il seme dell'odio e della vendetta nel cranio italico è stato piantato !

aspettiamo con ansia quella primavera che vedrà sbocciare i primi germogli
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CESCO 2012-07-17 21:51
Ogni giono un bollettino di guerra,e sempre peggio sul fronte economico;Così hanno ridotto la nostra povera nazione I nemici del popolo Italiano,non sono gli speculatori,i banchieri o chissà quale entità straniera,ma i nostri politici cialtroni,tradi tori del popolo e mafiosi marci,che ci hanno venduto ai gangster della finanza massonica mondiale.Fino a quando non si andrà a stanarli uno per uno,processarli e confiscargli tutti i loro beni,non si vedrà mai l'alba in questa sfortunata nazione.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità