>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Dileggiato e trasformato in un pupazzo: spunta un video choc sulla morte di Gheddafi
Stampa
  Text size
Ritrae i momenti successivi all'uccisione. Attivista siriano lo rilancia via Twitter: «Qualcuno deve mandarlo ad Assad»

 WASHINGTON – Un nuovo video sulla fine di Muammar Gheddafi. Sono immagini crude e nitide lanciate su Internet. Una clip di un minuto e dieci dove il leader libico appare senza vita all’interno di un furgone. Attorno i miliziani libici, ben identificabili. Ridono, scattano delle foto con i telefonini, si avvicinano come se volessero ascoltare i suoi bisbigli. Uno gli muove la testa facendolo annuire. Infine il cadavere è trasferito su una barella. Visibili le due ferite: una alla testa (che per l’autopsia è stata quella mortale) e l’altra allo stomaco. Il video aggiunge un piccolo frammento al mosaico degli ultimi istanti del raìs. Fino ad oggi si erano viste le immagini del linciaggio, con Gheddafi picchiato e trascinato via. Poi le versioni su cosa sia avvenuto in seguito si sono moltiplicate.



La prima sosteneva che fosse stato ucciso da un ribelle di 18 anni con un colpo di pistola nei momenti concitati dopo la cattura. Una seconda ricostruzione, invece, ha presentato una catena di eventi più articolata. Gheddafi subisce l’aggressione dei miliziani che lo spintonano e lo spingono verso un mezzo. E’ in questo momento che riecheggia uno sparo ma non è chiaro se sia quello letale. In seguito il veicolo diretto in ospedale – hanno sostenuto all’epoca gli insorti – sarebbe stato coinvolto in una scaramuccia con i lealisti e in questo frangente un proiettile avrebbe colpito mortalmente Gheddafi. Tesi che non ha mai convinto e che ha portato a pensare ad un’eliminazione subito dopo la cattura.

Il filmato, postato su Internet, è stato rilanciato via twitter da un attivista siriano con la frase «qualcuno deve mandarlo ad Assad». Non è chiaro come mai sia emerso soltanto ora.
Forse la crisi in Siria ha spinto chi lo aveva a diffonderlo per ammonire il dittatore di Damasco. E non c’è dubbio che il video sia terribile, con il cadavere dileggiato e trasformato in pupazzo. Un messaggio feroce verso chi massacra il proprio popolo. Però l'effetto potrebbe essere l'opposto, convicendo il regime ad essere ancora più spietato. In ballo non c'è solo la poltrona, ma anche la testa.

Guido Olimpio

Fonte > 
Corriere.it


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# DBF 2012-07-17 23:44
Il sacrificio di Gheddafi denota il fatto che per per certi paesi si puó ancora morire. Per l'Italia nessuno si sacrificherebbe coscientemente perció viene sacrificato per una certa visione del mondo. In Italia si potrebbe morire solo nel tentativo di legittima difesa o lasciarsi morire sperando che non esista nulla dopo pur di non trovare italiani. Esattamente come quando la gente va in vacanza all' estero.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Xenson 2012-07-18 21:35
...Esattamente come quando la gente va in vacanza all' estero.


Infatti concordo su tutto, sopratutto l'ultima frase in cui mi rispecchia perfetamente...quando sono all'estero spero sempre di non trovar connazionali e se li trovo mi maschero da olandese o quantaltro...perché anche in educazione civica facciamo alquanto pena, e me ne vergogno.......
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ramuxara 2012-07-19 10:37
Fesserie Xenson : gli italiani non sono per fortuna come pensi tu, se poi ti mascheri da olandese o altro cavoli tuoi.Ciao
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità