>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Quel politicamente corretto che ci rovina il divertimento
Stampa
  Text size
Una signora è stata multata perché era sull'altalena con un bimbo. Ora tutto è pericoloso o illegale: e pensare che un tempo si guidava sulle ginocchia di papà...

A Dorno, provincia di Pavia, un signora di 56 anni ha commesso un reato grave: si è seduta sull'altalena, una di quelle a due posti, per fare giocare un bambino. Non è che volesse fingersi una ragazzina: è che quell'altalena funziona solo se ci sono due persone, a fare da contrappeso. Ma i vigili non hanno potuto tollerare tanta inciviltà: i giochi del parco sono proibiti a chi abbia più di dodici anni, la signora era chiaramente del caso, quindi le è toccata una multa di cento euro.

E pure il rimprovero del Moige, il Movimento genitori. Sì, il Movimento genitori non l'ha difesa: è d'accordo coi vigili. È inammissibile usare i giochi se si è troppo pesanti (magari la signora era esile come un ragazzino? chissà) e quindi gli agenti hanno fatto bene, hanno preservato la sicurezza dei nostri figli.Non è che sia giusto rovinare i giochi del parco, anzi. Ma possibile che oggi sia tutto complicato, scorretto, ai limiti della legalità? Possibile che quello che fino a pochi anni fa sembrava un divertimento normale, oggi sia un'azione quasi da criminali?

Per esempio, per prendere familiarità con l'automobile è sempre stato comune provare a guidare sulle ginocchia del papà: non lecito ma, di fatto, tollerato, magari in qualche strada fuori dal traffico. Come stare a bordo del trattore in campagna. Provate a immaginare se oggi i vigili (per dire, quelli di Dorno, quelli che hanno multato la signora che si dondolava con un bambino) beccassero un papà che fa guidare il figlioletto in braccio: come minimo, da denuncia. Figuriamoci le associazioni dei genitori, che parole troverebbero, per un gesto così sconsiderato.Addirittura i bambini, una volta, trovavano divertente appendersi alle aste del tettuccio apribile (si riusciva benissimo su auto molto flessibili come la mitica Diane) e ciondolare stile Tarzan: ovviamente, con l'auto in movimento.

Provate a immaginare se i vigili di Dorno (o di Milano, per non sembrare accaniti) vedessero una mamma che si porta a spasso due pargoli che, anziché stare incastrati nel seggiolino di rigore, penzolano nell'abitacolo: che fine farebbe quella mamma? Ci vorrebbero le manette, forse.Del resto oggi tutto non solo ha il sapore di proibito, ma anche solo pensare di farlo ti conduce subito sulla sponda più terribile: quella dei genitori oggetto di riprovazione. È una categoria semplice, assoluta e falcidiante. Ha il potere di bloccare l'azione sul nascere, perché influisce direttamente sul pensiero: è la forza del politicamente corretto, che rovina perfino i momenti di divertimento.

È il motivo per cui vendere giornalini o regalini alle feste della parrocchia finisce per passare da sfruttamento minorile, il motivo per cui i bambini non giocano più nei cortili, non prendono più un ascensore da soli, non possono giocare a palla in riva al mare e neanche più scavare buche nella sabbia, in certe località della riviera (forse qualche vigile potrebbe finirci dentro, inavvertitamente, mentre controlla il decoro e misura i centimetri di bagnasciuga).

Fra un po' saranno classificati come atti da baby gang anche gli scherzi al citofono: perché è così semplice multare uno che citofona (come una signora al parco con un bambino), mentre è così difficile fermare i piccoli sbandati o i delinquenti, quelli veri. Ed è molto più facile fare sentire un genitore come un criminale, che fare divertire un bambino.

Fonte >
  Giornale.it


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Vitoparisi3 2012-07-27 19:24
Significherà pure qualcosa che più noi vogliamo portare "le nostre libertà" altrove, a suon di bombe, più diventiamo repressi dalle nostre stesse autorità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Em 2012-07-27 21:00
L'ultimo paragrafo è da incorniciare.
Del resto siamo un paese dove siamo pronti a multare chi non mette la cintura o fuma, ma abbiamo un consumo di droga senza eguali in europa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# DBF 2012-07-27 21:11
Bambini? Non sarebbe meglio gli attuali chiamarli cuccioli?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Em 2012-07-28 07:57
Citazione DBF:
Bambini? Non sarebbe meglio gli attuali chiamarli cuccioli?
Sì è vero oggi dalle mamme sono chiamati così, ai tempi mei mai.
Anche perché oggi dei padri nemmeno l'ombra. Avete fatto caso quando c'è qualche notizia al tg su un bambino, appare solo la madre?
Un paio d'anni fa un bambino aveva acceso l'auto della madre, investendo e uccidendo due bambine. La madre lo giustificava davanti la telecamera dicendo: "ma è solo un cucciolo..."
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Policarpo 2012-07-27 21:57
Gli attuali bimbi sono già chiamati cuccioli dalle mamme. Basta ascoltare. Fra un pò li chiameranno girini o avanotti o larve.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# doppio binario 2012-07-27 23:06
a detto bene, a Pavia !
sarebbe stata una notizia interessante se fosse successo a Palermo o a Napoli....
di fatto due italie ; l'italia con vocazione da "CHIMERA SVIZZERA" mitologica e patetica(dalla toscana e marche in su)e l'italia "FATTI LI CAZZI TUI" il resto.

detto questo mi allineo alla ultime tendenze:
colpa della Merkel!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Antonio D. 2012-07-29 07:46
Anni fa in un libro scout per capi lessi la seguente frase:

"Mentre il Signore parla d'Amore, c'é sempre qualcuno che si mette a scrivere il Levitico".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità