>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
Vecchie foto contro vecchie bugie
Stampa
  Text size
La Palestina era «già» un giardino, prima dell’arrivo degli eletti. Era raro trovare un terreno lasciato incolto: dappertutto orti, palme, agrumeti, oliveti assediavano le città e i villaggi, frutto di una agricoltura intensiva e specializzata. I palestinesi avevano mercati internazionali ben consolidati, rubati poi dagli ebrei nel 1948 con la nazionalizzazione. Scuole di Stato, squadre di calcio, spirito nazionale, boy-scout, lavoro specializzato e mercati affollati. Commenti e smentite degli slogan sionisti più ripetuti e universalmente presi per oro colato.

Trovo sul web un albo di vecchie foto sulla Palestina. Mi paiono interessanti da tradurre come commento - e smentita - degli slogan sionisti più ripetuti e universalmente presi per oro colato.


«Un popolo senza terra per una terra senza popol»
 
vecchie_bugie_1.jpg

La propaganda ebraica ripete da oltre un secolo che la Palestina era disabitata prima dell’arrivo dei sionisti. Apparentemente, un po’ di popolo c’era: questa foto scattata a Giaffa nel luglio 1908 mostra una immensa folla radunata davanti agli uffici del governo locale (Grand Serai) per festeggiare la rivoluzione laica dei Giovani Turchi e l’esautoramento del sultano ottomano Abdul Hamid ad Istanbul. Nella provincia dell’impero ottomano che era allora la Palestina, la rivoluzione turca suscitò grandi speranze: di un governo costituzionale e di elezioni parlamentari.


vecchie_bugie_2.jpg

L’affollato  mercato (bazar) di Giaffa nel 1896, in un dagherrotipo stereoscopico. Posto in un apposito apparecchio, il dagherrotipo forniva un’immagine tridimensionale.


vecchie_bugie_3.jpg

Veduta di Giaffa dal mare, foto scattata tra il 1898 e il 1914. Una città palestinese linda e civile, vibrante di attività, che contava allora 70 mila abitanti, tutti arabi.


«Gli ebrei hanno trovato un deserto e ne hanno fatto un giardino»

vecchie_bugie_4.jpg

Raccolta degli agrumi, Collezione Matson (1898-1914)


vecchie_bugie_5.jpg

Veduta generale degli agrumenti di Giaffa, prima del 1914. Sembra proprio che la Palestina fosse «già» un giardino, prima dell’arrivo degli eletti. Di fatto, era raro trovare un terreno lasciato incolto, a parte le dune e le rocce: dappertutto orti, palme, agrumeti, oliveti, alberi da frutta assediavano le città  e i villaggi, frutto di una agricoltura intensiva e specializzata.


«Gli ebrei hanno introdotto coltivazioni pregiate con tecniche avanzate»

 
vecchie_bugie_6.jpg

Primi anni ‘20: cernita degli agrumi


vecchie_bugie_7.jpg

Gli agrumi sono avvolti in carta velina per la commercializzazione

 
vecchie_bugie_8.jpg

Le cassette di agrumi, su barconi, raggiungono le navi da carico che le attendono nel porto di Giaffa per l’esportazione. Già dai primi del ‘900  gli agrumi erano la principale voce di esportazione per la Palestina, arance limoni e pompelmi di Giaffa erano apparizioni regolari nelle prime colazioni britanniche. I palestinesi avevano mercati internazionali ben consolidati: ragion per cui, nel 1948, lo Stato ebraico «nazionalizzò» gli agrumeti - ossia li rubò ai palestinesi - e ne fece la prima voce d’esportazione per il nuovo Stato di Israele.


«Beduini arretrati, vivevano sotto le tende, ignari della civiltà»

vecchie_bugie_9.jpg

Una classe elementare della Scuola Nazionale Cristiana Ortodossa, 1938. Ovviamente le scuole cristiane erano frequentate da bambini musulmani, perchè davano una istruzione prestigiosa.

 
vecchie_bugie_10.jpg

Gli allievi della scuola ortodossa avevano una banda musicale.

«Non è mai esistita una nazione palestinese»


vecchie_bugie_11.jpg

Il corpo docente della scuola superiore di Stato, Giaffa 1923 (liceo e istituto tecnico). Il professore al centro, in abiti occidentali, cravatta e fez, è Salim Katul, autore di molti libri di testo di scienze naturali in arabo. Se non c’era una nazione, come mai c’era una scuola di Stato?

«Belve stupide, che capiscono solo la forza»
 
vecchie_bugie_12.jpg

La classe di falegnameria alla scuola secondaria statale di cui sopra, 1924. C’è una scritta sulla porta che dice: «Chi impara poco, vale poco».

 
vecchie_bugie_13.jpg

Boy scouts e lupetti della scuola secondaria statale, 1924.


vecchie_bugie_14.jpg

La squadra di calcio della scuola secondaria di Stato di Giaffa, 1923.

«Non avevano una coscienza nazionale, prima…»

vecchie_bugie_15.jpg

Polizia britannica a cavallo, nella piazza centrale di Giaffa, stronca una manifestazione di protesta contro la politica inglese che favorisce l’immigrazione ebraica in palestina, 27 ottobre 1933.


vecchie_bugie_16.jpg

Giaffa, 27 ottobre 1933 la polizia inglese bastona Muza Kazim Pasha al-Husseini, rispettato uomo politico palestinese, durante la manifestazione contro l’immigrazione ebraica. Il dignitario morirà sei mesi dopo per le percosse ricevute, senza mai essersi ripreso, all’età di 81 anni.

 
vecchie_bugie_17.jpg

L’inizio della «Arab Revolt», 1936-39, contro la politica britannica filo-sionista; la Polizia inglese si scontra con i dimostranti arabi nella piazza centrale di Giaffa.


vecchie_bugie_18.jpg

Le truppe inglesi  perquisiscono i passanti sul lungomare di Giaffa durante la Rivolta Araba, 1936.


«Ci odiano per la nostra libertà»
 
vecchie_bugie_19.jpg

Rappresaglia britannica contro la Rivolta Araba del 1936: soldati inglesi isolano con transenne la città vecchia di Giaffa, preliminare per la demolizione punitiva delle case arabe.


vecchie_bugie_20.jpg

I risultati della rappresaglia: la città vecchia ridotta in macerie dagli inglesi, 1936. In fondo, gli israeliani non hanno fatto che continuare la tradizione.


«Sono soltanto terroristi. Non cè nessuno con cui trattare»

vecchie_bugie_21.jpg

Le macerie del palazzo del governo locale (Grand Serai), distrutto da un attentato della Lohemai Herut Israel, meglio nota come «Banda Stern». Il 4 gennaio 1948 membri della Banda Stern parcheggiarono davanati al palazzo un autocarro carico di esplosivo e ricoperto di arance. Oltre a distruggere dalle fondamenta il palazzo, l’esplosione uccise 26 civili palestinesi. Così «non c’è nessuno con cui trattare».


vecchie_bugie_22.jpg
 
24 aprile 1948: militanti ebraici dell’Irgun irrompono attravreso le brecce che hanno aperto con esplosivi nelle case palestinesi. Quel giorno l’esercito clandestino sionista, comandato dal Menachem Begin, cominciò un attacco - durato quattro giorni e quattro notti - contro il quartiere residenziale di Manshiyeh, sul mare e circondato da Tel Aviv, con un fitto e indiscriminato fuoco di mortai.


vecchie_bugie_23.jpg

Gli effetti del bombardamento ebraico contro Manshiyeh. Il rapporto ufficiale sui fatti davanti al Parlamento britannico (5 maggio 1948) parlava di «bombardamenti indiscriminati con mortai, allevidente scopo di creare il panico tra la popolazione civile. Le forze britanniche sono intervenute con supporto aereo, e nel corso del pomeriggio gli ebrei si sono ritirati sulle loro posizioni precedenti. (...) La sera del 30 aprile lordine di cessate il fuoco (imposto dai britannici) è stato rotto dalla parte ebraica (...). Secondo una stima approssimata, 30 mila arabi hanno abbandonato Giaffa, ed altri stanno lasciandola anche ora. Il sindaco arabo è ancora a Giaffa e i servizi municipali funzionano, sia pure con difficoltà...» (Hansard, Camera dei Comuni, 5 maggio 1948, pagina 1.238).


vecchie_bugie_24.jpg

Fine aprile 1948: migliaia di arabi cercano scampo dall’attacco ebraico a Giaffa per via mare, essendo le strade bloccate dai terroristi rabbinici dell’Haganah; finiranno a Gaza, in Egitto, in Libano come profughi (si noti nella foto il campanile cristiano ortodosso).


«Finalmente, un popolo senza terra si sistema in una terra senza più popolo»

vecchie_bugie.jpg

Giudei provenienti dall’Europa, sorridenti. E’ l’inizio del 1949, e le povere vittime si sono stabilite nei quartieri di Giaffa dopo la pulizia etnica.

Maurizio Blondet
(articolo pubblicato il 30 marzo 2009)


problema_democrazia1
 

Abbonati a partire da soli 6,99

CLICCA QUI



 
Nessun commento per questo articolo

Aggiungi commento


Lettere:
La partita della noia
Se ha avuto un merito la partita bergogliana è stata quella di averci dato un fulgido esempio di cosa sia la Noia, il tedio, il vuoto, il patetico. Il
Per la libertà
Spettabile redazione, apprendo quasi per caso, che la Lega Nord promuove la raccolta di firme per alcuni referendum abrogativi.
Lettera a mia figlia
Gentilissima redazione, Domenica 13 u.s. si è tenuto a Terni, presso il museo diocesano, un incontro, organizzato dalla locale sezione della Manif pour tous, dal titolo «Si potrà ancora dire...
Perché difendo Bergoglio
Caro Maurizio, se posso permettermi un pensiero, credo non utile esternare o provocare ulteriori crisi di fiducia verso il Papa. Più per il cattivo uso che i lettori farebbero delle tue...
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità Podere Piscino - Proceno (VT) - Tel. 0763-710069