>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-152

RSS 2.0
menu-1
Mps, la banca del Pd che nel 2012 è costata 3,9 miliardi agli italiani. Più dei tagli della riforma Fornero
Stampa
  Text size
Capita spesso di leggere dei veri e propri esercizi di comprensione su quale sia il potere su cui, in ultima istanza, poggia il Pd. Se ne parla in termini di geografia del sistema politico, un centrosinistra che tende al centro, oppure di geografia economica. Allora si parla del radicamento territoriale del Pd nelle ex-zone rosse. Oppure, facendo esercizio più sociologico, si parla della permanenza della rappresentanza, da parte del Pd, di residui di classe operaia, di pubblico impiego o di una sua forte rappresentanza nei confronti dei pensionati. In tutti i casi si tratta di simulacro ovvero, di fatto, il Pd è solo un simulacro di rappresentanza di regioni che sta portando verso il declino e di ceti sociali ai quali offre solo un progressivo impoverimento.

Ma allora, ci si domanda, quale è la vera base sociale, produttiva del Pd? Sicuramente la si trova nelle evoluzioni del mondo delle coop in tre principali rami: grandi opere, grande distribuzione e immobiliare (sul rapporto tra Ipercoop e mattone ci sarebbe molto da scrivere. Su Senza Soste ora in edicola c'è un'inchiesta in questo senso). Ma si tratta solo di una parte del radicamento del potere reale del Pd.

Se si comincia a osservare Unipol, il cui titolo ultimamente è in salute, si capisce come da (molto) tempo il principale partito del centrosinistra presidi un altro grande potere delle società postindustriali: il ramo finanziario-assicurativo. Eccoci quindi ad uno storico potere italiano, nel ramo bancario, nel quale il radicamento Pd può vantare una lunga storia. Ci riferiamo al Monte dei Paschi che è controllato direttamente dal Pd senese quindi su una base territoriale con rilievo nazionale. Ora non ha importanza descrivere qui la guerra tra bande che si è aperta nel Pd a Siena con la crisi di Mps, una guerra che nessuno in Toscana riesce a spegnere tale è l’autonomia del partito democratico senese dal resto della regione. Bisogna soprattutto brevemente raccontare come l’Mps, grazie alla acquisizione sbagliata di Antonveneta e ad una lunga serie di operazioni speculative andate a male, da almeno un lustro si trova in cattive acque. Tanto che, nell’autunno del 2012, il governo Monti decreta, su un testo approvato da un relatore Pd ed uno Pdl, un aiuto alla banca senese pari a 3,9 miliardi di euro. Aiuto poi messo in discussione dal Bce ma superiore, dal punto di vista finanziario, ai “risparmi” che la riforma Fornero ha prodotto con i tagli alle pensioni.

Questo per dire in che genere di politiche si è gettato il Pd. Per salvare una propria banca da uno sbilancio epocale, di proporzioni gigantesche, è entrato nel governo Monti legittimando le politiche di trasferimento delle risorse dello stato dalla spesa pubblica agli aiuti ai bilanci delle banche. Monti si è occupato, per dare un’idea sommaria dell’operazione, degli aiuti a banche greche, spagnole, portoghesi (che finiranno, in una partita di giro, alle banche tedesche e francesi) e al Pd è toccato il corposo aiuto a Mps. Aiuto che è servito, tra l’altro, ad evitare che la banca fosse commissariata dallo stato, disintegrando il residuo potere piddino senese e nazionale nei corridoi di Mps. Queste storie hanno sempre la caratteristica di fornire nuovi capitoli. Pochissimi giorni fa, con delle prove fornite dal Fatto Quotidiano, esce la prova inoppugnabile che Mussari, allora presidente di Mps e fino a poche ore fa presidente dell’associazione delle banche italiane (praticamente un ministro), aveva fatto una pesante operazione di cosmesi finanziaria con il bilancio 2009 del Monte dei Paschi. In poche parole aveva acquisito come attivo una serie di pericolosi derivati, contratti con una banca giapponese, che altro non erano che letali bombe ad orologeria nei bilanci della banca senese. E bravi Monti e il Pd, con il concorso del Pdl, che hanno decretato aiuti, e di quali proporzioni, ad una banca che è piena di vere e proprie bombe ad orologeria finanziarie. Tutto questo per sottrarre la banca ad un vero controllo pubblico.

Nel frattempo Mussari, che alcuni blog finanziari definiscono “il peggior presidente dell’Abi di sempre” si è dimesso, dichiarandosi innocente, dall’associazione italiana dei bancari. Resta uno sbilancio di dimensioni ciclopiche in Mps, con risorse considerevoli tolte ai beni pubblici per immetterle in una voragine di debiti privati. Tutto questo, naturalmente, senza che Mps abbia minimamente migliorato la propria offerta finanziaria a imprese, famiglie, singoli, coppie in cerca di mutuo. Si è presa una parte notevole di denaro pubblico per farla sparire nel niente di una voragine di bilancio.

A questo punto chiedersi cosa sia veramente il Pd non fa certamente male. Al di là delle operazioni di creazione di simulacro per attirare elettori resta la sostanza materiale di un potere profondamente immobiliare (Ipercoop non è solo grande distribuzione), legato alle grandi opere (le cooperative edilizie) e speculativo-finanziario (Unipol e Mps). Si tratta di tipici poteri del liberismo odierno nazionale, quello legato al circuito mattone-moneta. Un circuito a cui le attuali politiche dell’eurozona di trasferimento, per quanto convulso ed instabile, delle ricchezze dalla spesa sociale ai bilanci delle banche va benissimo. Ma anche un partito molto diverso non solo dalla propaganda che fornisce di sè ma anche dall’immagine che comunemente si fanno anche i suoi avversari. Eppure basta seguire gli interessi materiali per sapere, in politica e non solo, chi si ha davanti.

Fonte >  Senza Soste


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# temponauta 2013-01-24 11:00
Tra tante falsità un'unica certezza:
La banca MPS DEVE FALLIRE, non salvata con i soldi pubblici.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2013-01-24 12:21
Grillo un tempo si domandava: "Come si fa a fallire con il latte?" , alludeva allo scandalo Parmalat e banca annessa.
Oggi possiamo intuire che sia subentrata una "economia delittiva", che colpisce i settori deboli o giudicati tali, vulnerabili, per creare mano mano un terreno propizio a questo genere di economia che irrompe di botto per sconfitta e fuga dell'economia genuina, per permettere crescite a tasse cinesi con laureati nei settori di tipo Ne, ne laureati, ne lavoratori, terreni vari concimati per far nascere solo tutto ciò che cammina all'infuori della legge. Ai tempi della denuncia di Grillo, nessuno ci credeva, ma chi ne è escluso dal sistema oggi, lo è per una complessa, estesa, ramificata situazione territoriale, a stampo un pò feudale. La politica nega tutto questo dramma, per non abbordarlo seriamente, nemmeno dopo le elezioni, però c'è. Come dire: il narcotraffico è una realtà ma i consumi di droga sono dimuiti, oppure crescono i MacDonalds, ma nessuno soffre di colesterolo, perchè la sanità pubblica, appunto, è diventata un terreno concimato a dovere per fare nascere medici che operino all'infuori dalle leggi.
Le elezioni sono attività trionfalistiche , proprio la situazione opposta per uscire da una situazione esplosiva e molto delicata. Altro che sondaggi e statistiche vincenti, la situazione è gravissima.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# DBF 2013-01-26 11:12
Tutti sanno chi sono i pupari delle marionette del Pd come di tutti i partiti.
Molto bella la metafora: «Come dire: il narcotraffico è una realtà ma i consumi di droga sono diminuiti, oppure, crescono i MacDonalds ma nessuno soffre di colesterolo perché la sanità pubblica, appunto, è diventata un terreno concimato a dovere per fare nascere medici che operino all'infuori dalle leggi.»
Le elezioni sono placebo per i sudditi. Che votino oppure no i poteri forti tutti nessuno escluso, fanno quel che vogliono e alla fine incolpano la generazione presente in quel momento. Si spartiscono troni, poltrone, carriere … importante che la selezione genetica sia appunto quella di “far nascere medici che operino all'infuori dalle leggi”. In questo modo il potere vero che è piramidale può dominare con estrema facilità tutti ricattando. Già perché non è il Governo che regge il timone ma altri .
I sondaggi politici indicano solo il numero di creduloni esistenti e di furbi che traggono profitti da questi ingenui che sorreggono la “Piramide”. Questa durerà di più delle piramidi vere cioè fino ala fine del mondo.
Forse il mito degli ebrei che scapparono dall’Egitto perché schiavi è un’altra metafora. Probabilmente il loro potere dissolutivo e finanziario serviva a reggere quel potere teologico e piramidale che poi crollò perché in cambio avevano solo cipolle e perciò le briciole del potere stesso.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nova 2013-01-24 13:22
Ricordate la sparizione di 6000 miliardi di lire nel 1988 dalla Filiale BNL di Atlanta fatta ricadere su un funzionario americano infedele (ma fedele alla CIA).
Soldi con cui finanziare lo sforzo bellico di Saddam Hussein contro l'Iran di Khomeini - ci fecero credere.

Nereo Nesi non ne seppe nulla e il governo italiano incassò il colpo di rapina infertoci dall'alleato yankee.
Come si può resistere alle blandizie dell'America ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# edoard 2013-01-25 10:09
Si,io me lo ricordo: Tutto volatilizzato e poi commissioni d'inchiesta a tutto gas per approdare al nulla.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco_PD 2013-01-25 20:12
Me lo ricordo anche io. Il parallelo con l'oggi di Montepaschi è che anche allora venne messa in mezzo la vigilanza della Banca d'Italia, se non rammento male. Anche in quel caso non aveva sospettato nè trovato nulla. A quanto pare oggi il problema sta in documenti che non erano stati esibiti. Da chiedersi allora a cosa serva una vigilanza che non chiede di aprire determinate casseforti. Trovo la cosa ridicola.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# DBF 2013-01-26 02:31
E PERCHÈ NESSUNO PARLA DELL'ELUSIONE FISCALE DELLE COOP ROSSE CHE USANO STRUTTURE PARI A QUELLE DELL' AU**** SPACCIANDOSI PER COOPERATIVE SOCIALI ED USUFRUNEDO DELLE AGEVOLAZIONI FISCALI DESTINATE ALLE PICCOLE UNITÀ PRODUTTIVE CHE DOVREBBERO ESSERE LE COOPERATIVE ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime 10 traduzioni FDF:
Nuovo studio dalla Germania: maggiore copertura vaccinale --> maggiore mortalità
Steve Kirsch
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Il duro lavoro della propaganda
Caitlin Johnstone
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Tra talebani e COVID
Gilad Atzmon
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
La demolizione controllata del mondo occidentale: le tappe
911nwo
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Un grande male è all’opera
NC Renegades
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Benedizione e blasfemia
Gerhard L. Müller
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
I crimini di guerra di Israele — lo dice un ebreo
Dave Lindorff
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Quando ci renderemo conto che Bill Gates è pazzo?
Tap News
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
L’Olocausto di Dresda
Rense
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
I padroni domandano la schiavitù totale
shtfplan
TRADUZIONE EFFEDIEFFE

Articoli piu' letti del mese nella sezione Worldwide

Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità