>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-152

RSS 2.0
menu-1
Delibere ad personam a La Sapienza: «Il rettore Frati favorì il figlio»
Stampa
  Text size
ROMA - Solo tre giorni fa, all’inaugurazione di quello che dovrebbe essere il suo ultimo anno accademico da rettore - tecnicamente è in pensione già dal primo novembre ma ha fatto «responsabilmente» richiesta al ministro di mantenere il posto sfidando una diffida del sindacato - aveva speso parole di incoraggiamento per gli studenti: «L’Ateneo torni a essere un ascensore sociale». E aveva esortato Maria Chiara Carrozza, titolare del dicastero dell’Università, a «trasformare in professori a contratto quei docenti che si dedicano più alle loro personali ricerche che all’insegnamento».

Luigi Frati (Jpeg)Luigi Frati (Jpeg)Merito e mobilità. Lunedì è arrivata la notizia della chiusura indagini, il passo che precede di norma la richiesta di processo, per lo stesso rettore, Luigi Frati, dominus della Sapienza. Secondo l’accusa dei pm, in accordo con altre tre persone, avrebbe creato nel 2011, all’interno del policlinico Umberto I, l’ospedale universitario, un’unità programmatica autonoma rispetto a cardiochirurgia, mettendovi alla direzione Giacomo, suo figlio. Contattato al telefono, il «magnifico» si limita ad annunciare querele.

Oltre a padre e figlio gli indagati sono l’allora commissario straordinario dell’Umberto I, Antonio Capparelli, e l’ex direttore sanitario, Francesco Vaia, che avrebbero materialmente commesso l’abuso dispensando Frati jr. dal servizio assistenziale e di guardia presso la Uoc di Cardiochirurgia e attribuendogli la direzione dell’unità creata ad hoc, con propri posti letto e personale «di fatto voluta dal rettore Luigi Frati per favorire il figlio Giacomo», scrivono il pm Alberto Pioletti e l’aggiunto Francesco Caporale. Che aggiungono: «Delibera che veniva adottata in carenza di qualsiasi parere o preventiva approvazione della Regione Lazio e pertanto in violazione di norme di legge o regolamento».

Giacomo Frati Giacomo Frati Rischia il processo anche Floriana Rosata, che «in qualità di dirigente dell’area risorse umane della Regione Lazio ometteva di adottare i prescritti provvedimenti di competenza in relazione a tale delibera non verificandone la legittimità e il rispetto della normativa». È accusata di omissione in atti d’ufficio.

Merito e mobilità. Le cronache dell’epoca raccontano la folgorante carriera di Frati jr., ricercatore a 28 anni, professore associato a 31, titolare di cattedra a 36, ordinario di medicina nella facoltà diretta dal padre dove hanno trovato posto anche la moglie del rettore, Luciana Rita Angeletti, laureata in lettere e docente di storia della medicina, e l’altra figlia Paola, laureata in legge e docente di medicina legale.

Per far fare la giusta gavetta al figlio, Frati sr. aveva creato una dependance della Sapienza a Latina, dove il figlio ammise in un’intervista «di aver fatto pratica sui manichini» e dove il tasso di mortalità, a fronte di un numero di interventi molto sotto la media laziale, era il più alto della regione. Giacomo è pronto per il Policlinico, decide il padre, che gli affida la neoattivata guardia medica di cardiochirurgia. Quattro mesi a fare le notti e arriva la nascita dell’«Unità programmatica di tecnologie cellulari applicate alle malattie cardiovascolari», dove entra da primario. Un posto ottenuto, secondo il Tar, «con irragionevole penalizzazione dei candidati idonei».

Il rettore ricorre nelle cronache giudiziarie. Lo stesso Tar (altra sezione) ha annullato di recente il decreto di sospensione emesso da Frati nei confronti del primario cardiochirurgo dell’Umberto I, Michele Toscano, a seguito della morte di una paziente. Una vicenda che su denuncia e accuse ribaltate dallo stesso Toscano ha strascichi ancora pendenti in sede penale. Dove altri due fascicoli riguardano Frati: indagato per la manipolazione delle cartelle cliniche dei malati sottoposti a terapia del dolore nel reparto di oncologia e chiamato in causa per l’errata somministrazione (due volte) di un farmaco antitumorale a un’altra paziente, che rischiò di morire e fu dirottata, per i pm, ad altre terapie per coprire le responsabilità. In questo caso, il «magnifico» in veste di primario si autosospese «per spezzare il legame mediatico tra attacchi alla persona e coinvolgimento della struttura». «Intimidazioni», disse, «e indegne speculazioni sui malati».

Fonte >  Corriere.it

Home  >  Worldwide                                                    Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# innaro 2013-12-04 11:17
Ma no,non ci posso credere!!!!!

E questa è una notizia? Ma è la norma.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# temponauta 2013-12-04 19:20
Tutto questo è colpa della mancanza dei lager, nei quali detenere i degni ospiti.
A occhio e croce in Italia ne servono per circa un milione di persone: forse è anche un numero sottodimensiona to, ma bisogna tenere conto del turn-over (possibilmente definitivo nei casi peggiori).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Policarpo 2013-12-04 21:59
Nel 1789 hanno sputato su Chi sappiamo, prima o poi arriva il conto. E questo vale anche per noi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Policarpo 2013-12-04 22:01
Scusate, ho sbagliato a postare il commentoprecede nte. Era per l'articolo sul razzismo antibianco.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Militiaceleste1 2013-12-05 07:46
Aahhh! La Sapienza degli insipienti...vi ricordate, era un articolo del nostro direttore, quando tale Università (storicamente, una delle tante, tantissime istituzioni scientifiche fondata da Santa Romana Chiesa) umiliò il Santo Padre Benedetto XVI.
Andatevi a leggere la lista degli insipienti....che boicottarono questo onesto e santo professore tedesco, con argomenti falsi storicamente, sleali e faziosi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Articoli piu' letti del mese nella sezione Worldwide

Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità