>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-152

RSS 2.0
menu-1
Il silenzio che salvò Amato dal crollo di Craxi
Stampa
  Text size
Riportiamo volentieri questo vecchio pezzo di Massimo Fini su Giuliano Amato. Vecchio ma sempre vivo e attuale – com’è la verità – e tanto più vivo in quanto questo individuo può benissimo farsi eleggere presidente della repubblica. E’ utile ricordarne la biografia non autorizzata, nella speranza di scongiuarre il pericolo (M. Blondet)

La prima volta che vidi Giuliano Amato fu a un dibattito televisivo agli inizi degli anni Ottanta . Accesi la Tv proprio mentre diceva: “Io parlo uno splendido italiano”.Poichè eravamo ancora molto lontani dall’era delle volgarità berlusconiane mi colpì la prosopopea di questo professorino allora totalmente sconosciuto ai più e ai meno perchè, benchè ordinario dal 1975 di Diritto costituzionale comparato alla Sapienza, non aveva pubblicato nulla, com’è ormai usanza dei nostri docenti universitari, da Panebianco a Della Loggia. Questa alta considerazione di sé la si ritrova in una recente minibiografia autorizzata dove Amato si fa descrivere così: “Uomo politico, noto per la sua leggendaria intelligenza e raro acume nell’esaminare gli eventi”. In realtà è uno straordinario specialista di surfing politico. Parte come “psiuppino”, cioè all’estrema sinistra, al di là dello stesso Pci, ma quando il Psi riformista comincia la sua scalata al potere entra nelle sue file e, nel 1983, si fa eleggere deputato. Prima è oppositore di Craxi ma allorchè il segretario del Psi, divenuto premier, gli offre il posto di sottosegretario alla presidenza del Consiglio, ne diventa uno dei più fedeli“consigliori”.Quando il Psi,sotto le mazzate di Mani pulite, crolla, non si schiera con Craxi ma nemmeno contro. Semplicemente diserta e si rifugia nella villa di Ansedonia a giocare a tennis con Giuseppe Tamburrano, e a curare gli “amati studi” dove continua a non produrre assolutamente nulla. Dopo una lucrosa parentesi come presidente dell’Antitrust sarà pronto per diventare uno dei più eccellenti e potenti riciclati della Seconda Repubblica, essendo stato uno dei disastrosi protagonisti della Prima.

É uno Svicolone nato, come il pavido leone di un famoso cartoon. Ma più che a un leone, per quanto imbelle, somiglia a un’anguilla. I suoi ragionamenti sono così sottili, ma così sottili da essere prudentemente impalpabili e quasi invisibili. Esilaranti sono i suoi rapporti col lider màximo del Psi come lui stesso li ha raccontati in un’intervista, a Craxi morto. Quando Amato era d’accordo col Capo esprimeva il suo incondizionato assenso, quando non lo era restava muto. Ha chiosato Rino Formica, un altro socialista che ha però avuto la decenza di ritirarsi a vita privata: “Quel passaggio sul silenzio-dissenso è assolutamente strepitoso… Se Amato era d’accordo esprimeva liberamente il suo consenso. Se invece affiorava un’increspatura, non dico un dissenso, ma anche una piccola perplessità, un dubbio, un trasalimento, Amato che faceva? Non si agitava, non parlava, si esprimeva in silenzio. Ma non un silenzio qualunque. No, un silenzio operoso. E Craxi capiva: se Giuliano sta zitto vuol dire che dissente. Metafisica pura”.

Come sottosegretario alla presidenza del Consiglio nel governo Craxi (1983-1987) e come ministro del Tesoro dal 1987 al 1989 nei governi Go-ria e De Mita, Giuliano Amato è stato protagonista in prima persona del sacco delle casse dello Stato perpetrato negli anni Ottanta, che ci ha regalato quasi due milioni di miliardi di debito pubblico in vecchie lire che ancora ci pesano sul groppone e per i quali l’Unione europea continua a strigliarci chiedendoci sempre nuovi sacrifici. Ma è sempre lo stesso Amato, lui même, divenuto nel 1992 premier, perchè Craxi è azzoppato dalle inchieste giudiziarie, che, per rattoppare in qualche modo la bancarotta che ha contribuito a creare, si introduce nottetempo, come un ladro che risalga da una fogna, nelle banche per prelevare i quattrini dai conti correnti dei cittadini, fatto inaudito nella storia di uno Stato di diritto. Il suo “raro acume nell’esaminare gli eventi” non gli servirà per percepire ciò che individui dotati di una intelligenza meno “leggendaria” hanno già capito da un pezzo, e cioè che la Prima Repubblica è sull’orlo di un crollo da cui lo stesso Amato, almeno per il momento, sarà travolto.

Molto disinvolto con i quattrini altrui, Giuliano Amato è attentissimo ai suoi. Guido Gerosa mi ha raccontato che durante le temperie di Tangentopoli Craxi inviò Amato a Milano per mettere un po’ d’ordine fra i compagni. Il “Dottor Sottile” invitò a cena i parlamentari lombardi, fra cui Gerosa, nel solito lussosissimo e costosissimo ristorante che i socialisti frequentavano all’epoca della “Milano da bere”, tanto pagava il partito, cioè il contribuente con i soldi che il Psi, insieme agli altri, gli taglieggiava. Ma alla fine di questa cena, fra la costernazione generale, annunciò: “Si fa alla romana”. Le casse del Psi, saccheggiate da Craxi & co., erano vuote. Sarebbe quindi toccato al proconsole Amato pagare di tasca sua. E non era cosa.

Massimo Fini

Fonte >  Giudizio Universale, gennaio del 2007

Home  >  Worldwide                                                            Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# chisonoio? 2015-01-01 22:41
Amato...Aspen Insitute....che marciscano tutti all'inferno e siano maledetti per l'eternità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nova 2015-01-01 23:46
Giuliano David Amato
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# grudit 2015-01-02 06:00
Prepararsi, entra cardinale.......
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# bizza 2015-01-02 15:41
prima seconda craxi sindacati ciampi ... berluska , dalema , de mita ... La Banda è solo una ,da sempre saccheggiatori malavitosi malavita partigiana ! italia putana.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2015-01-02 18:19
Che stoccate! Ma meritate! Ci chiedeva sacrifici, Amato, tagli alle pensioni, ai salari, all'occupazione, alla sanità, e che tagli. Le punzecchiate di questo articolo, sonore, le merita e come, Amato.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ducadegliabruzzi 2015-01-09 11:11
Ricordo una vignetta di Ellekappa dove ci si chiedeva come avesse fatto Craxi a sollevare tutto il malloppo senza usare il braccio destro.
Di Massimo Fini ricordo anche una sua appassionata difesa, aldilà della storio-odiografia occidentale, del Mullah Omar.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# goligo 2015-01-13 17:08
Massimo Fini lo seguo da tantissimi anni, parecchie sue idee le condivido al 100%, l'unica cosa che mi lascia perplesso è il suo silenzio sulla questione Israele Palestina. D'accordo lui è di origine ebraica da parte di madre, ma li Stati Uniti li attacca violentemente, con Israele solo silenzio, mah....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# roberto_perugini 2015-01-27 14:13
Mi sembra un tantino superficiale, l'articolo. Tra l'altro non tocca nemmeno da lontano l'argomento "illuminati", che a mio avviso è il motivo per cui Amato potrebbe divenire davvero il nuovo PdR.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime 10 traduzioni FDF:
I rifugiati esistono a causa degli interventi occidentali in Medio Oriente
Patrick Cockburn
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
“Si sta avvicinando qualcosa di biblico”
Tuomas Malinen
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Gilet Gialli: rivelazione della vera natura del “sistema”
Diana Johnstone
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
È questo l’anno in cui il mondo andrà in pezzi?
Ambrose Evans-Pritchard
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
L’Eurozona in zona pericolosa
Alasdair Macleod
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
11 settembre: finalmente la verità?
Paul Craig Roberts
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
“La cultura omosessualista è la causa dei presunti abusi nella Chiesa”
The Local
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
La guerra del Deep State contro la Russia
Neo
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
“Culto” chassidico tra Brooklyn e Messico rapisce 2 bambini
New Yotk Times
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Si stringe il cappio intorno a Betlemme
Ghada Karmi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE

Articoli piu' letti del mese nella sezione Worldwide

Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità