>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-200

RSS 2.0
menu-1
Perché soffrono i bambini? Il Papa non lo sa
PDF
Stampa
  Text size
Caro Maurizio, a proposito del tuo articolo “La  Chiesa è seme o pianta?”,  ho paura che la risposta sia già nel Catechismo, Ti ricopio il punto  675:

L’ultima prova della Chiesa  -  675
Prima della venuta di Cristo, la Chiesa deve passare attraverso una prova finale che scuoterà la fede di molti credenti [Cf ⇒ Lc 18,8; ⇒ Mt 24,12 ]. La persecuzione che accompagna il suo pellegrinaggio sulla terra [Cf ⇒ Lc 21,12; ⇒ Gv 15,19-20 ] svelerà il “Mistero di iniquità” sotto la forma di una impostura religiosa che offre agli uomini una soluzione apparente ai loro problemi, al prezzo dell’apostasia dalla verità. La massima impostura religiosa è quella dell’Anti-Cristo, cioè di uno pseudo-messianismo in cui l’uomo glorifica se stesso al posto di Dio e del suo Messia venuto nella carne [Cf ⇒ 2Ts 2,4-12; 675 ⇒ 1Ts 5,2-3; ⇒ 2Gv 1,7; ⇒ 1Gv 2,18; ⇒ 1Gv 2,22 ].

Quanto a Bergoglio: hai sentito l’incontro in Vaticano alla “fabbrica della pace” presente la Bonino con 7 mila bambini? Di fronte alla domanda di una piccola handicappata: perché i bambini soffrono, si è ben guardato dal nominare Gesù Cristo o la Croce, anzi ha confessato l’impossibilità di trovare una spiegazione alla sofferenza. Credo che abbia ragione chi dice che questo Papa non è cattolico.

Fabio B.



Sì, è impressionante. Sia il passo del Catechismo che mi ricordi, sia la non-risposta di Bergoglio al bambino malato (l’ho sentita anch’io a Radio Radicale): “Perché i bambini soffrono?”,

“Questa domanda è una delle più difficili a cui rispondere. Non c’è risposta” ha detto Francesco a un bambino malato che gli chiedeva per quale ragione si viene al mondo con problemi di salute come i suoi e cosa si possa fare. “C’è stato un grande scrittore russo, Dostoevskij, che aveva fatto la stessa domanda: ‘perché soffrono i bambini?’ E lì, si può solo guardare al cielo e aspettare risposte che non si trovano”.   Le agenzie aggiungono: “Francesco però ha detto di poter rispondere alla seconda parte della domanda: “Cosa posso fare io perché un bambino soffra di meno: stargli vicino, la società dia aiuti anche palliativi per le sofferenze dei bambini, si sviluppino l’educazione dei bambini verso le malattie. Lavorare tanto”. La risposta da ONG.

Terribile davvero, un credente che non sa rispondere: è un mutismo che diffonde disperazione.

Oltretutto, se la sofferenza non ha senso
è giustificabile l’eutanasia.

Il non invitare i bambini a dare senso alla loro sofferenza come intercessione per i peccatori, come definirlo?

La Vergine di Fatima chiese ai tre pastorelli, di 7, 9, e 10 anni: “Volete offrirvi al Padre del Cielo, pronti ad accettare tutte le sofferenze che vorrà mandarvi, per la pace nel mondo e per la conversione dei peccatori?”.  “Sì, lo vogliamo”, risposero. Giacinta e Francesco soffrirono di una malattia inguaribile e misteriosa, che accettarono “per i peccatori”, con l’eroico coraggio che solo ai bambini si può chiedere. Giacinta aveva una ferita aperta sul petto  che non rimarginò; morì in un ospedale  di Lisbona, lontana dai genitori e dalla mamma, in una solitudine estrema e crudele per una bambina così delicata.

Ebbene: le  ultime parole di questa bambina malata  e sola, fra i rumori e gli odori di un ospedale    dei poveri, furono: “Mio Gesù  ora puoi convertire molti peccatori, perché questo sacrificio è molto grande…”.

La cara, eroica bambina, che   ha convertito chissà quanti di noi,  sapeva la risposta — la risposta che manca a Papa  Bergoglio. Ché poi, intendiamoci: non si può pensare che il papa gesuita non “sappia il suo catechismo”. E difatti in altra occasione il 27 novembre 2013, in una udienza generale, Bergoglio ha affrontato meglio la  questione:

“A me  ha sempre colpito la domanda ‘perché soffrono i bambini?, perché muoiono i bambini?’. Se viene intesa come la fine di tutto”, ed ha continuato: “Nei momenti più dolorosi della nostra vita, – ha detto – quando abbiamo perso una persona cara, i genitori, un amico, un figlio, ci accorgiamo che anche lacerati, e nel cuore del distacco, che non può essere tutto finito, che il bene non è stato inutile, c’è un istinto potente dentro noi che ci dice che la nostra vita non finisce con la morte”.

Questa “sete di vita”, ha osservato il Papa, “ha trovato risposta nella resurrezione di Cristo, che non dà solo certezza della resurrezione, ma illumina anche il mistero della morte: se vivremo con Gesù, uniti a lui, saremo capaci di affrontare anche il passaggio della morte  (...) Se la mia vita è stata di fiducia nel Signore - ha affermato il Papa - sarò pronto a accettare la morte come definitivo abbandono nelle sue mani confidenti, in attesa di contemplare faccia a faccia il suo volto”.  E come si sta vicini a  Gesù?, si è domandato. E si è risposto: oltre che con i sacramenti e  la preghiera, “con la con la pratica della carità: Lui stesso – ha spiegato – si è identificato con poveri e sofferenti nella parabola del giudizio finale”.

E tuttavia, anche in questa risposta, migliore dell’ultima, mi pare manchi qualcosa. Ed è la nozione  – certo durissima da comunicare – della croce da accettare e persino amare, per espiazione e per intercessione; il senso ultimo che il cristiano può dare alla sua sofferenza (il motivo per cui, dice san Paolo, “noi stravinciamo”:  in Cristo, possiamo trasformare la disfatta in vittoria), e a quella dei bambini innocenti: è quel che gli innocenti sanno, che ai bambini si può chiedere (come fece la Donna splendente  di Fatima, che certo  non è meno buona del Papa…).

Questo angolo cieco del Papa argentino è, credo, un effetto del  modernismo. Bergoglio ne è un prodotto più ancora che un esponente.  Oltre che uno che dovrebbe parlare meno a braccio...

Maurizio Blondet





 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Centuri 2015-05-18 18:37
Il Direttore ha ragione: Bergoglio fa solo danni quando parla a braccio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# zampano 2015-05-18 20:58
preghiamo sempre per la Chiesa e per noi stessi
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2015-05-18 23:00
Carissimo direttore il papa non sta facendo danno alcuno, perche il papa e' il vicario di Cristo. Il punto e' tutto qua'.
Il modernismo e' una eresia e bergoglio essendo eretico non puo' essere papa. Puo fare tanti danni, questo si, ma non puo essere il papa che li fa, l'impostore che ne usurpa la carica.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrorosa1 2015-05-21 18:17
Be però ha riconosciuto lo Stato Palestinese,
ha sempre proposto la povertà come stile di vita ed ha l'80 % dei cardinali contro...per motivi dottrinali o per la perdita di potere?
Preghiamo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Centuri 2015-05-23 10:48
Riguardo il riconoscimento dello Stato Palestinese mi è piaciuto. La povertà come stile di vita? Sono molte le scuole di pensiero che predicano queesto. Bisogna vedere a quale di esse si ispira il Papa!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Centuri 2015-05-21 19:07
Non mi stanco mai di leggere la risposta del Direttore al lettore Fabio. E' uno dei suoi pezzi più belli. Quelli che arrivano direttamente al cuore di un vero cattolico. Voglio ribadirlo: l'abbonamento a Effedieffe sono soldi ottimamente spesi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# VALFRED 2015-05-22 15:08
evidentemente parlare in udienza generale - circondato dai fedeli - è un conto, dirlo in faccia alla turpe Bonino è un'altra cosa...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2015-06-06 18:40
I puri soffrono di più perché più sensibili, e, nel contempo, sperano anche di più, felicitandosi dal conforto dalla suddetta virtù teologale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# piagu 2015-07-07 11:17
Leggo solo ora questo articolo e noto che, pur nello sforzo di trovare risposte adeguate, non si evidenzia completamente il senso della sofferenza nell'umanità. Infatti essa è stata introdotta con il peccato originale,ove l'uomo ha messo l'io davanti a Dio e, di conseguenza, ha provato il distacco volontario dal Suo Amore! Se tutti gli uomini tornassero a Dio con fede anche il dolore scomparirebbe! Più siamo nel male e più ci immergiamo nel dolore, che non ritengo sia un mistero, ma una conseguenza del nostro agire! E' comunque vero quanto riportato nell'articolo che la sofferenza offerta ed aggiungerei la preghiera, perfetti atto di carità che implicano l'adesione completa ai primi due comandamenti, l'amore a Dio e l'amore per i fratelli, sono il senso con il quale dobbiamo accettare il dolore nella consapevolezza che in tal modo cooperiamo con Cristo alla salvezza dell'umanità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime lettere pubblicate:
Meccanismi d’azione nella prevenzione farmacologica dei tumori
Gli illuminati guardiani dell’ortodossia della ricerca censurano le scomode evidenze scientifiche per potere poi affermare in coro con le immacolate e disinteressate vestali della comunità...
La relazione su 297 casi trattati con MDB al New Zealand Breast Cancer Symposium di Auckland
È stata accettata, pubblicata agli atti e inserita nel programma questa relazione sul MDB. Il dato che ha destato maggiore interesse è la sopravvivenza a 5 anni del 4° stadio del tumore del...
In memoria del Prof Luigi Di Bella
Non ho il benché minimo merito né parte nelle ricerche e nelle scoperte di mio padre, mia unica ambizione è diffondere il suo Metodo, la sua concezione terapeutica, proseguire nella realizzazione...
Disinformazione di “regime”
Nell’ultima trasmissione televisiva di Telecolor (https://youtu.be/tG0DnjrL0o0), reperibile anche nella rassegna stampa del sito "Metodo Di Bella", ho spiegato i meccanismi d'azione base...
Sull’India e la cultura della dissoluzione
Non solo gender: la dissoluzione dell’educazione degli infanti ha da anni anche questo coté di liturgia pagana
Espulso da un convegno di single cattolici
Dall’amico Francesco Ruggeri ricevo questa lettera amaramnente divertente
Perché soffrono i bambini? Il Papa non lo sa
Caro Maurizio, a proposito del tuo articolo “La Chiesa è seme o pianta?”, ho paura che la risposta sia già nel Catechismo, Ti ricopio il punto 675:
il Papa e il Giubileo 2016
Cara Redazione, caro Blondet, e così il papa Francesco è riuscito nell'ennesimo colpo da maestro. Il Papa della Misericordia indice l'Anno Santo della Misericordia, a partire dall'8 dicembre di...
Satana sdoganato alle elementari
Mentre ci distraggono con la crisi (o meglio: la guerra) economica-finanziaria guidata e attuata dalle lobbies bancarie accade sempre peggio una vera e propria crisi delle e nelle anime e cresce...
Ecco cos’è il vero cattolicesimo
Gentili lettori, pubblichiamo questa lettera mettendo da parte la nostra piccola soddisfazione nel leggere che il nostro lavoro continua ad essere utile per le anime di qualche lettore.
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità