>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
Lev Trotskij — La vita e le opere (2)
Stampa
  Text size
SECONDA PARTE
Nel cuore della guerra civile (1919-1920)

Se Lenin fu il capo della Rivoluzione bolscevica, Trotskij fu l’organizzatore e il comandante dell’Armata Rossa, che assicurò la vittoria ai bolscevichi. Si può dire, quindi, che come Marx ha teorizzato il Socialismo scientifico, Lenin lo ha calato in pratica in Russia, aiutato dall’Esercito di Trotskij, che - dopo la morte di Lenin - fu eliminato da Stalin.

Già nell’agosto del 1917 (un solo mese dopo la Rivoluzione di Kerenskij) le Guardie bianche (anticomuniste) apparvero sulla scena per contrastare sia Kerenskij che un’eventuale presa di potere da parte dei bolscevichi. Il loro comandante in capo era il generale Kornilov (coadiuvato dai generali Kaledin, Alexejev e Denikin). Le prime loro azioni belliche si svolsero sul Don e man mano, soprattutto a partire dal 1919, si estesero un po’ dappertutto. Il loro fine era la restaurazione della monarchia o almeno di un governo autoritario. Tuttavia inizialmente le loro truppe erano sparute e mal organizzate. Quindi non rappresentavano un pericolo reale per i Sovietici (cfr. Pierre Bruat, Histoire de l’Urss, Parigi, Presses Universitaires de France, 1949).

L’Armata Bianca era composta da volontari, che venivano mal pagati ed erano sprovvisti di ogni cosa: armi, munizioni, divise, bagaglio, cucine da campo, viveri, indumenti caldi, stivali, ma nonostante ciò essa mantenne integro il suo ideale nazionale (cfr. Generale Denikin, The White Army, Londra, 1930).

Trotskij capì che occorreva rimpiazzare Kerenskij e creare immediatamente un Esercito bolscevico per prendere e mantenere il potere, che sarebbe stato insidiato dalle Guardie bianche con l’eventuale aiuto delle Nazioni europee, le quali temevano l’espandersi del bolscevismo anche nel Vecchio Continente.

Per far ciò, secondo la dialettica marxista (tesi/antitesi e sintesi), Trotskij contraddisse tranquillamente i primi proclami della Rivoluzione bolscevica: adesso occorreva restaurare lo spirito di disciplina nell’esercito e un’autorità centralizzata. Attenzione! Trotskij contraddisse, ma non rinnegò - senza nessun problema, data la sua formazione marxista - le prime conquiste della Rivoluzione rossa: soprattutto il diritto dei soldati di eleggere i propri comandanti. Infatti ora che i comandanti avrebbero dovuto combattere per il bolscevismo e non per lo Zar, se fossero stati scelti democraticamente dai soldati, non avrebbero potuto né saputo condurre una valida azione bellica. Quindi, molto astutamente, andò a scegliere i migliori specialisti dell’arte della guerra, là dove si trovavano fosse pure tra gli ex ufficiali zaristi.

Tutto ciò non significa che Trotskij rinnegasse ciò che aveva detto e fatto sino ad allora, ma secondo il materialismo dialettico, egli fece seguire alla prima fase distruttiva (tesi) della Rivoluzione bolscevica, che aveva liberato gli uomini dalla oppressione zarista, una seconda fase costruttiva (antitesi), che addestrava l’uomo oramai liberato dallo zarismo ad una nuova disciplina sociale comunista in vista del futuro “paradiso” socialista in terra (sintesi).

Molto prudentemente, realisticamente e abilmente Trotskij, da vero organizzatore o tattico, andò per gradi. Innanzitutto cercò di raccogliere e formare un nucleo forte e compatto del futuro Esercito Rosso, che avrebbe fatto da cemento e da calamita per attrarre e unificare le future reclute. Egli sapeva che era irrealistico pensare di costituire immediatamente un intero esercito senza prima aver formato una élite solida e fidata. Quindi puntò inizialmente sui volontari ideologizzati e determinati. Poi per controllare gli ufficiali ex-zaristi, ben addestrati ma non affidabili, affiancò loro la figura del Commissario politico, che doveva vigilare sulla lealtà del comandante militare e che gli era superiore.

«Nel Partito bolscevico molti dirigenti erano spaventati all’idea di servirsi di ufficiali zaristi per comandare l’esercito comunista. La vecchia guardia nel marzo del 1919 in occasione dell’VIII Congresso del Partito voleva attaccare Trotskij. Lenin era ancora titubante anche se non sfavorevole a Trotskij, ma quando seppe da quest’ultimo che nell’Armata Rossa combattevano circa 30 mila ufficiali ex-zaristi e che i casi di tradimento erano relativamente pochi in rapporto all’alto numero degli ufficiali (ex-zaristi) convenne che era impossibile congedare gli ufficiali e vincere la guerra civile e dichiarò soddisfatto: “Trotskij costruisce il nuovo coi mattoni del vecchio ordine”» (Isaac Deutscher, Il profeta armato, Milano, Longanesi, 1956).

L’Armata Rossa nell’ottobre del 1918 contava 350 mila uomini, alla fine del dicembre 1918, 790 mila e nel maggio del 1919, 1 milione e 500 mila.

Tuttavia la prima grande minaccia per la Rivoluzione bolscevica venne non dai Russi bianchi, ma dalla Legione cecoslovacca.

La Legione cecoslovacca

Essa era composta da prigionieri di guerra che erano cecoslovacchi e che avevano iniziato la Prima Guerra Mondiale con gli Imperi Centrali (Austria/Ungheria e Germania) contro la Russia zarista, ma che durante la prigionia avevano chiesto di combattere contro l’Austria/Ungheria in cambio della libertà ed erano stati accontentati. Inoltre in quel momento essa era l’unità di combattimento più forte che si trovasse in Russia.

Cessate le ostilità, gli anglo/francesi d’accordo con i Sovietici avevano deciso di far ritornare in Patria la Legione cecoslovacca via mare, ma non avevano alcuna fretta di fornire le navi. Tuttavia la Legione aveva iniziato una lunga e faticosa marcia di trasferimento verso i porti, attraverso gli Urali e la Siberia, ma dopo lo sbarco giapponese a Vladivostok la Legione era stata fermata. Fu allora (autunno del 1918) che scoppiò l’insurrezione dei Cecoslovacchi, i quali - per timore di essere riconsegnati agli antichi alleati: i Tedeschi - volsero le armi contro i Sovietici, occuparono una bella fetta della Repubblica asiatica, si allearono con le Guardie bianche del generale Kolciac, si spinsero sino al Volga, e, se avessero potuto attraversare il fiume sarebbero giunti a Mosca. La Repubblica sovietica era in grave pericolo.

Trotskij ebbe la brillante idea di far preparare un treno che fungesse da abitazione, da quartier generale (mobile) e si diresse verso il fronte. Arrivato sotto le postazioni nemiche rianimò i soldati bolscevichi che si erano sbandati, con la sua abile arte oratoria, li infiammò e li spinse a combattere. Partecipò anche ad una pericolosa incursione notturna dentro una città occupata dai bianchi. Unì il bastone alla carota, non solo infiammava i soldati, ma infliggeva anche pene severe e crudeli. Per esempio fece passare per le armi l’intero comando della piazza di Pietrogrado per impedire al generale Judenic di occupare la città. Tra settembre e ottobre la zona del Volga fu rioccupata dai Sovietici. Trotskij continuò ad agire in questo modo eroico su tutti gli altri fronti portatovi dal suo famoso treno rosso. L’Armata Rossa nacque così plasmata soprattutto da Lev Trotskij.

Nel novembre del 1918, dopo il crollo dell’Impero austro-ungarico e di quello tedesco, la pace di Brest-Litovsk fu annullata; l’esercito germanico lasciò l’Ucraina e i territori della Russia che aveva occupato. La Francia e l’Inghilterra (alleate della Russia zarista) poterono essere presenti in Russia sino a che essa era occupata in parte dai Tedeschi (loro nemici), ma con la disfatta germanica la loro permanenza non era più giustificabile. L’opinione pubblica era contraria ad un intervento massiccio in Russia. Quindi gli anglo/francesi decisero di sostenere l’Armata Bianca con pochi uomini e molto denaro, ma ciò non bastò a darle la vittoria.

Occorre specificare che in Russia durante la Grande Guerra erano presenti circa 27 mila soldati britannici, 70 mila giapponesi, 8 mila americani. Inoltre, secondo Churchill, la GB spese circa 100 milioni di sterline per aiutare l’Esercito Bianco, mentre i Giapponesi ammisero di avere speso circa 900 milioni di yen.

Il colonnello Raymond Robins della Croce Rossa americana, nelle sue Memorie, dichiarò che gli aiuti dati dall’occidente ai bianchi costrinsero i rossi sotto Trotskij a diventare un’armata di 1 milione di veri combattenti. “Il Capitalismo per mezzo dell’aiuto dato ai bianchi ha insegnato al socialismo l’arte della guerra. Gli ha fornito un’armata grossa e potente” (Raymond Robins’ Own Story, Harpers & Brothers, 1920).

Nel marzo del 1919 il generale bianco Kolciak scatenò una nuova offensiva dalla Siberia verso Mosca e la regione del Volga, i rossi ripiegarono precipitosamente. Fu, ancora una volta, Trotskij a salvare la situazione. Infatti riuscì a organizzare una ritirata ordinata e, dopo 2 mesi impiegati a consolidare l’esercito, preparò il contrattacco, portando l’Armata Rossa alla vittoria verso la fine di aprile, grazie ad un’abile manovra di aggiramento dell’Armata Bianca. Infine l’inseguimento, oltre gli Urali, di Kolciak portò al suo annientamento.

Il 1919 fu l’anno decisivo della guerra civile russa. Si ebbero altre due offensive dei bianchi: quella del generale Denikin, in estate, che mirava a conquistare Mosca, e, quella del generale Judenic, in autunno, che mirava a Pietrogrado. Trotskij affrontò innanzitutto Denikin, ma gli uomini dell’Armata Rossa in quel frangente erano mal equipaggiati e mancavano di organizzazione. Lev chiese aiuto a Mosca, ma se Lenin gli era amico molti dirigenti del Politburo (l’Organo direttivo supremo del Partito Comunista Sovietico) gli erano nemici e non fecero nulla per aiutarlo, anzi si schierarono con Kamenev (il Commissario della guerra) contro di lui (il Comandante in capo) nella formulazione della strategia di attacco contro Denikin. L’Armata Rossa subì diversi rovesci per tutta l’estate. All’inizio dell’autunno i bianchi si trovavano davanti a Mosca, che oramai sembrava seriamente compromessa. Nel medesimo tempo il generale Judenic avanzava verso Pietroburgo con l’appoggio esterno dell’Inghilterra, che lo aveva rifornito di armi moderne ed efficaci. Anch’egli arrivò alla periferia della città. Lenin suggerì di abbandonare Pietrogrado per asserragliarsi a Mosca e se pure Mosca fosse caduta si sarebbe fuggiti sugli Urali, ma Trotskij e Stalin (una volta tanto d’accordo) si opposero al progetto di Lenin. Trotskij fu inviato a difendere disperatamente Pietrogrado. I carri armati britannici, in dotazione all’Armata Bianca, apparvero alla periferia della città. Il terrore invase i rossi. Trotskij decise di portare la guerriglia dentro la città, difendendole strada per strada. Il coraggio dei soldati rossi si rianimò e tutti (anche le donne, i vecchi e i bambini) combatterono. Una settimana dopo l’Armata Rossa passava al contrattacco e aveva la meglio su Judenic (Marisa Paltrinieri, Trotskij, Milano, Mondadori, 1973, p. 98). Anche a Mosca la situazione fu ribaltata e Denikin venne sconfitto.

Le ostilità tra Trotskij e Stalin si apersero durante la guerra civile e continuarono sino alla morte di Trotskij (21 agosto 1940) anche se, durante la guerra civile Trotskij era all’apogeo del prestigio e Stalin solo uno dei tanti membri del comando bolscevico, né troppo oscuro né troppo in auge, ma col passar del tempo e soprattutto con la malattia (marzo 1923) e la morte (21 gennaio 1924) di Lenin, Stalin riuscì a rimpiazzare Trotskij (1925) come vedremo in séguito.

Nell’ottobre del 1919 la guerra civile si concluse con la disfatta dei tre eserciti più importanti dell’Armata Bianca: quello di Kolciak, di Judenic e di Denikin. Trotskij appena quarantenne venne acclamato “padre della vittoria” e insignito dell’Ordine della Bandiera Rossa.

Nel marzo del 1920 vi fu un ultimo strascico della guerra civile. La Polonia di Pilsudski[1] reclamò con insistenza e si irrigidì eccessivamente per i confini orientali con l’Urss per i quali i sovietici si dimostrarono concilianti, ma si scontrarono con l’ostinazione di Pilsudski, che era spinto dalle Nazioni occidentali le quali consideravano la Polonia un avamposto nella guerra, che avrebbero potuto scatenare contro l’Urss temendo la penetrazione delle sue idee e opere in Europa. Trotskij e Lenin non si trovarono d’accordo riguardo alla guerra russo/polacca. Infatti Trotskij, dopo avere respinto i Polacchi fuori dei confini sovietici ben difesi dall’Esercito Rosso, avrebbe voluto trattare la pace con la Polonia, non volendo condurre una guerra offensiva contro di lei. Lenin invece non si faceva scrupolo di passare da una guerra difensiva ad una offensiva. Trotskij non voleva esportare la rivoluzione con le baionette, ma si adeguò al parere di Lenin e della maggioranza del Partito, portando la guerra in terra polacca. Tuttavia sotto Varsavia l’Armata Rossa fu battuta clamorosamente il 17 agosto del 1920. Viste le difficoltà dei Sovietici l’Armata Bianca si risollevò al comando del generale Wrangel. Il Politburo decise di abbandonare la Polonia per dedicarsi alla eradicazione definitiva dei bianchi, che fu compiuta da Stalin (cfr. Isaac Deutscher, Il profeta armato, Milano, Longanesi, 1956).

Finita la guerra civile Trotskij poté iniziare ad occuparsi per cercare di risolvere la grave crisi economica che attanagliava l’Urss. Ma questo è il tema che studieremo nel prossimo articolo.

Al timone della Russia comunista sino alla morte di Lenin (1920-1924)

Come risolvere la crisi economica?

Finita la guerra civile Trotskij cercò di risolvere la grave crisi economica che attanagliava l’Urss. La sua vita di uomo di Governo può essere divisa in due parti, la prima: dal 1920 al 1923, l’epoca dello splendore in sintonia con Lenin e destinato a diventare capo dell’Urss come suo delfino; la seconda: dal 1924 al 1940, l’epoca dell’abiezione, vinto da Stalin, espulso dal Partito Comunista sovietico e scacciato dalla Russia in esilio per il mondo. In quest’articolo parlerò della prima e nel prossimo della seconda ed ultima fase della sua vita.

Trotskij iniziò a militarizzare il lavoro, a riformare i sindacati, a liberalizzare parzialmente il mercato, fece di tutto per uscire dal forte crack economico.

“Il cervello di Trotskij nel ’20, quando cerca di risolvere il problema economico, è come un vulcano in eruzione. Il suo difetto – come rivela Joffe, suo grande amico – è quello di non persistere nel portare avanti un’idea, ma di abbandonarla per passare da una tesi all’altra con eccessiva disinvoltura. Così, la prima soluzione che Trotskij suggerisce è quella della militarizzazione del lavoro. Come non si è esitato, quando la Rivoluzione era in pericolo, ad armare i lavoratori e a gettarli sotto il fuoco nemico, così è giusto, quando la Rivoluzione è in pericolo altrettanto grave per cause economiche invece che belliche, inquadrare i soldati e lanciarli nelle fabbriche, a lavorare invece che a sparare. Lenin appoggia Trotskij con entusiasmo, ma l’assemblea dei sindacati respinge la proposta” (Marisa Paltrinieri, Trotskij, Milano, Mondadori, 1973, p. 100).

Trotskij fu disposto allora (1920) anche a fare un passo indietro sulla via del comunismo, e a tornare, pian piano, alla libertà di mercato, da concedersi soprattutto ai contadini. È quel che farà Lenin un anno dopo, mentre la proposta di Trotskij nel 1920 venne respinta…

Per quanto riguarda i sindacati, che si opposero alla militarizzazione del lavoro, Trotskij li attaccò poiché allora l’imprenditore era lo Stato socialista e lo Stato apparteneva ai lavoratori. Quindi non aveva più senso per i sindacati difendere i lavoratori da se stessi. Se i sindacalisti non volevano capire bastava sostituirli e nominarne altri più recettivi.

Lev volle sviluppare l’industria pesante, che fornisse all’Urss tutti i grandi macchinari di cui avesse bisogno, altrimenti essa non avrebbe mai potuto progredire e tentare di stare al passo con le potenze occidentali. Per fare ciò era necessario, secondo Trotskij, accumulare una forte quantità di capitale, che avrebbe consentito di costruire una economia socialista. Infatti, secondo Marx, il comunismo avrebbe dovuto essere preceduto da una forte industrializzazione e da un sistema liberal/capitalistico avanzato. In quel caso le scorte di capitale, accumulate dai borghesi, sarebbero state requisite dal proletariato ed avrebbero costituito la base su cui costruire il nuovo sistema economico socialista. Siccome in Russia ciò non si era verificato, lo Stato comunista avrebbe dovuto fare ciò che il capitalismo non-nato non aveva fatto. Lenin in questi momenti non gli fu vicino, ma il loro legame era destinato a rafforzarsi sempre di più col passar del tempo.

Invece Stalin sin dall’inizio si scagliò contro queste idee di Trotskij, che chiamava le “eresie trotskiste”, pure quando negli anni Trenta Stalin stesso attuò l’industrializzazione a marce forzate, mediante i “piani quinquennali”, che erano stati escogitati da Trotskij.

Anche riguardo alla repressione di contadini Trotskij fu un antesignano di Stalin. Infatti, mentre Lenin avrebbe voluto edificare la società socialista grazie alla dittatura coordinata del proletariato industriale e agricolo. Trotskij (seguìto poi da Stalin) impostò tutta la sua politica sulla classe operaia urbana e industriale, industrializzando forzatamente i contadini, che essendo arretrati rispetto ai cittadini non erano pienamente disponibili verso la rivoluzione socialista.

Di nuovo in guerra contro Kronstadt

Ma non appena deposte le armi Lev dovette riprenderle sùbito. Infatti Kronstadt (la rossa cittadella della Rivoluzione) si ribellò ai bolscevichi. Per i marinai della base navale di Kronstadt Trotskij era stato un idolo nel 1917 e combatterono con lui apparentemente per Kerenskij, ma sostanzialmente contro il generale Kornilov. Nell’ottobre del 1917 i marinai di Kronstadt stavano sull’incrociatore Aurora a cannoneggiare il Palazzo d’Inverno.

Ora (1920) il vento era cambiato e i marinai di Kronstadt si rivoltarono contro i bolscevichi. Trotskij dovette intervenire e reprimere ferocemente la rivolta dei suoi ex compagni. Inoltre ciò che chiedevano i marinai nel 1920 “non era diverso da ciò che Trotskij aveva tante volte promesso nelle sue arringhe passate, non differiva molto dal primitivo programma della Rivoluzione bolscevica. Nei comizi di Kronstadt si chiedevano libertà per i lavoratori, libere elezioni per i Soviet indipendenti, un nuovo programma sociale per i contadini” (Marisa Paltrinieri, Trotskij, Milano, Mondadori, 1973, p. 102).

“Nel marzo del 1921 il regime sovietico corse il rischio di venir spazzato via da un’ondata crescente di insurrezioni contadine, operaie e militari, che toccò il suo apice con la rivolta di Kronstadt. Gli operai infuriati chiesero la fine del comunismo di guerra in favore di un sistema di lavoro libero” (P. Avrich, Kronstadt 1921, Milano, Mondadori, 1971).

Tuttavia i marinai aggiunsero, andando oltre la zona proibita, che “La tirannia bolscevica si era sostituita alla democrazia sovietica, perciò una terza rivoluzione doveva spazzar via i bolscevichi e instaurare finalmente il Governo dei Soviet” (Ibidem, p. 103). I bolscevichi risposero, mentendo, che la rivolta dei marinai era stata organizzata dai Bianchi ed era un tentativo di controrivoluzione. Invece il dissenso espresso dai marinai denunciava la tragica realtà dei fatti: la frattura tra il Partito e la massa dei lavoratori a soli 3 anni dallo scoppiar della Rivoluzione. Trotskij nei tempi passati aveva previsto candidamente che la dittatura del proletariato si sarebbe trasformata - grazie al centralismo democratico - in dittatura sul proletariato, ma ora aveva perso il candore del giovane, ingenuo rivoluzionario ed era diventato un perfetto discepolo di Lenin, freddo, calcolatore, spietato.

In quei frangenti occorreva usare la forza, altrimenti significava perdere il potere e compromettere quanto la Rivoluzione bolscevica aveva fatto dal 1917, rinunciando all’edificazione del “paradiso” socialista-sovietico in terra.

La repressione scattò immediata e terribile. La benevolenza sarebbe sembrata debolezza, occorreva usare il pugno di ferro. “La sommossa fu fulmineamente soffocata nel sangue. Trotskij e Tukacevskij ne furono gli artefici” (Ibidem, p. 105).

La fortezza di Kronstadt si preparò alla resistenza. Prenderla era difficilissimo, essa era la fortezza più munita e difesa della Russia. Non essedo cominciato ancora il disgelo Kronstadt era collegata alla terraferma dal ghiaccio. Gli assedianti dovevano avanzare allo scoperto, sul ghiaccio, sotto il fuoco dell’artiglieria della fortezza. Gli attaccanti furono spinti al massacro, vi fu un bagno di sangue degli assalitori, che se retrocedevano erano mitragliati dalle truppe speciali poste alle loro spalle. L’assalto finale fu sferrato il 17 marzo e terminò con una vittoria tanto audace quanto cruenta.

 

La Nuova Politica Economica (NEP)

La Nuova Politica Economica instaurata da Lenin dopo la rivolta di Kronstadt non entusiasmò Trotskij, che avrebbe insistito piuttosto sul potenziamento dell’industria pesante.

Invece quando Lenin propose – al Congresso del Partito del 1921 – di proibire le fazioni all’interno del Partito Comunista Trotskij fu totalmente d’accordo. Non è ancora la proibizione assoluto di ogni opposizione interna, ma i dissidenti, se possono manifestare singolarmente la loro opinione, non possono unirsi tra di loro per formare una corrente. Chi sbaglia sarà espulso dal Partito. Trotskij approvò il primo passo verso la soppressione della democrazia interna al Partito, che nel 1917 aveva difeso, ma poi – in dissidio con Stalin – la rivendicherà sino alla fine.

Tra Lenin e Trotskij - nonostante qualche divergenza di vedute, non di princìpi -  regnò sempre una sostanziale convergenza di fondo. Il fine che perseguirono è lo stesso, poterono divergere quanto alla scelta dei mezzi. “Agli occhi di tutta la Russia e del mondo, Lenin e Trotskij in questi anni costituirono quasi un binomio inscindibile. Le altre personalità sovietiche (compreso Stalin) furono assai distanti da Trotskij e non glielo perdonarono mai.

Quando Lenin si ammalò (nel 1922/23) si rese perfettamente conto dei pericoli costituiti dalla burocrazia del Partito, controllata da Stalin. Si rivolse a Trotskij come al suo migliore alleato e lo scoprì totalmente dalla sua parte, ma di lì a poco (la seconda metà del dicembre 1922) Lenin fu colpito da una paralisi, che gli impedì di scrivere e i medici gli vietarono anche di sforzarsi a dettare. La malattia portò Lenin sempre più vicino a Trotskij. Addirittura Lenin chiese a Trotskij di formare un “blocco” contro la burocrazia statale (che era tenuta saldamente in pugno da Stalin) e ciò accese la gelosia di Stalin. Lenin subì un secondo attacco del suo male che gli impedì di lavorare al piano di battaglia contro i burocrati. Tuttavia nei primi giorni del febbraio 1923 Lenin riuscì a dettare una forte requisitoria contro il Rabkrin (Ispettorato degli Operai e dei Contadini) e contro il suo responsabile (che era Josif Stalin); poco dopo fece presentare uno schema per riorganizzare radicalmente il Comitato centrale del Partito. Intanto esamina la questione della Georgia, che era vessata da Stalin con la sua politica verso le nazionalità non-russe, e il 5 marzo 1923 incaricò Trotskij di difendere i Georgiani dai soprusi di Stalin, mandandogli una copia di un suo dettato, che condannava esplicitamente la politica di Stalin in Georgia. I segretari di Lenin confermarono che egli era intenzionato a sferrare il colpo di grazia contro Stalin.

L’ex Impero zarista era costituito dalla Russia propriamente detta o Grande-Russia e da molti nuclei nazionali, ognuno con una sua lingua e cultura, che erano stati russificati dai Romanov. Con le nuove leggi sovietiche queste Nazioni erano diventate Repubbliche autonome e avrebbero dovuto scegliere liberamente se aggregarsi all’Urss o meno. Ora la Georgia era filo-menscevica e non voleva essere parte della Russia bolscevica. Lenin avrebbe tollerato il fatto, mentre Stalin con la sua abituale durezza fece intervenire l’Esercito. Da qui il dissidio tra i due leader sovietici e la nascita del “blocco” Lenin-Trotskij contro la burocrazia di Stalin.

Tuttavia Trotskij perse del tempo prezioso durante il periodo della malattia di Lenin, chiamato dagli storici “inter-regno” (tra Trotskij o Stalin). Egli fu assalito dai suoi vecchi scrupoli morali. Non volle farsi avanti per non dare l’impressione di voler prendere il posto di Lenin. Ma quest’indugiare andò a tutto favore di Stalin, che privo di ogni scrupolo, essendo Segretario generale, diresse la macchina statale, nel periodo di “inter-regno”, a tutto suo favore. Inoltre Stalin era l’eminenza grigia della burocrazia del Partito e si adattava perfettamente all’ambiente ambiguo e melmoso dei burocrati. Invece Trotskij, superdotato intellettualmente, oratoriamente e organizzativamente, giocava troppo a carte scoperte e non era l’uomo adatto per combattere contro Stalin, senza l’appoggio di Lenin oramai malato e moribondo (cfr. Isaac Deutscher, Il profeta armato, Milano, Longanesi, 1956).

d. Curzio Nitoglia

Fine parte 2 di 3

Continua



[1] Joseph Pilsudski (1867-1935) fu un uomo politico polacco. Nazionalista, deportato in Siberia (1887-1892), nella Prima Guerra Mondiale capeggiò le “Legioni polacche”, che combatterono nell’Esercito Austro-Ungarico per la ricostruzione dello Stato polacco indipendente dalla Russia degli Zar. Capo del nuovo Stato polacco (1919-1923), nel 1926 fece un colpo di Stato e instaurò una dittatura sino al 1935, di cui fu Ministro della Guerra e Presidente del Consiglio.

 
Nessun commento per questo articolo

Aggiungi commento


Ultime notizie in questa sezione :
Le cause remote della distruzione di Gerusalemme e il suo Concilio
Don Curzio Nitoglia
PRIMA PARTE
David Ben Gurion (6)
Don Curzio Nitoglia
David Ben Gurion (5)
Don Curzio Nitoglia
David Ben Gurion (3-4)
Don Curzio Nitoglia
Un “piccolo miracolo” d’altri tempi
Lorenzo de Vita
David Ben Gurion (2)
Don Curzio Nitoglia
Ratzinger e Bergolio: due facce della stessa medaglia
Don Curzio Nitoglia
David Ben Gurion (1)
Don Curzio Nitoglia
La più grande blasfemia
Emanuele Vittorio Brunatto
Il miracolo Eucaristico di Arquata del Tronto
Don Curzio Nitoglia
Metodo Di Bella e diffamazione
È stato creato dall’AIOM (Associazione Italiana Medici Oncologi) il sito “Tumore, ma è vero che?” generosamente, capillarmente diffuso con grande, zelante impegno e generale mobilitazione a...
Sperimentazione del Metodo Di Bella
In questo articolo vengono sintentizzate le numerose e gravi anomalie che hanno destituito di ogni credibilità e dignità scientifica la sperimentazione ministeriale del MDB del 1998.
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità