>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
Tiranni & Tirannicidio
Stampa
  Text size
LA TEORIA
SUICIDIO O TIRANNICIDIO?

Di fronte alle varie leggi liberticide (per esempio, divieto di uscire di casa, di riunirsi, di assistere i propri cari anche moribondi in ospedale…), omicide (installare i vaccini contenenti le microchip nel corpo umano; divieto di procedere ad autopsia in casi di morte sospetta…) e persino tendenzialmente “deicide” (eucarestia da ricevere solo sulla mano; Messa vietata anche la domenica; funerali e persino l’estrema unzione vietati…), che stanno angustiando gli Italiani in questo terribile anno 2020, molte persone sono talmente preoccupate che non sanno più come reagire convenientemente.

In questi ultimi sei mesi del 2020, in Italia, sono aumentati vertiginosamente i suicidi, arrivando a toccare la somma di circa 350 mila. Molti, non riuscendo più a fare fronte alla crisi economica scatenata dal Covid/19, si disperano e decidono di farla finita. Che dire? Mai disperare e soprattutto mai suicidarsi. Infatti, vi è un’altra via di uscita, che permette di non rovinarsi per l’eternità e neppure per l’aldiquà. Ogni caso ha la sua soluzione, fosse anche il più difficile.

Ai molti Italiani che si pongono il problema, se sia lecito resistere alle leggi tiranniche, che ci angustiano sempre di più da oltre mezzo anno o, se bisogni obbedire sempre e comunque alle disposizioni dell’autorità civile (per esempio, all’obbligo di “educazione” alla perversione sessuale dei bambini già sin dalla scuola elementare) ed ecclesiastica (ad esempio, la comunione eucaristica da ricevere obbligatoriamente sulla mano), si può rispondere con la distinzione classica tra autorità legittima, cui bisogna obbedire quando legifera in maniera conforme alla legge naturale e divina e tirannia, alla quale si può resistere sia non obbedendo passivamente, sia disobbedendo attivamente, anche a mano armata come extrema ratio, qualora volesse imporci degli obblighi contrari al nostro benessere comune temporale e spirituale.

Per re/agire in maniera conveniente occorre conoscere i princìpi (“agere sequitur esse”) che regolano la questione dell’autorità nella società civile e religiosa e occorre, dunque, saper distinguere la vera legittima autorità, che governa per il bene comune temporale e spirituale dei sudditi dalla tirannia, la quale governa solo per il proprio bene oppure conculca quello dei cittadini o dei fedeli.

Infatti, come spiega il “Dottore Comune” della Chiesa, l’essenza della tirannide consiste nel governare per il proprio benessere personale o nel trattare i sudditi come schiavi (S. Tommaso d’Aquino, S. Th., II-II, q. 64, a. 1, ad 3 e ad 5).

Il tiranno (temporale o spirituale) abusa dell’autorità, non governando per il bene comune dei sudditi, bensì per il proprio oppure facendo leggi contrarie alla legge naturale e divina; si veda il caso della “legge 194” sulla legalità dell’aborto (anno 1978), sull’educazione sessuale ai bambini di 4 anni; sui TSO, sulle App/immuni, sui 5G, sui vaccini obbligatori veicolanti microchip, sull’abrogazione della Messa domenicale con presenza di fedeli e sull’obbligo di ricevere l’eucarestia sulla mano senza poterla purificare onde non spargere i frammenti dell’ostia consacrata, che contengono la presenza reale di Gesù sacramentato (anno 2020).  

Innanzitutto bisogna specificare che l’autorità, la cui missione è la salvezza del popolo come sua suprema legge, ha dei limiti. Il ruolo del potere e la sua ragion d’essere è di spingere ognuno verso il bene comune: “Se l’autorità fallisce questa missione perde non soltanto il diritto di comandare, ma la ragion d’essere”[1].

“Gli scolastici, da S. Tommaso a Francisco Suarez, non esitano a dire che la nazione ha il diritto di destituire, di deporre, di cacciare il tiranno. Poiché ha perso il diritto di regnare ed è diventato illegittimo, ma bisogna che l’abuso sia grave, permanente ed universale”[2].

Nell’XI sec., Manegold da Lautenbach[3], equiparava il tiranno “ad un guardiano di porci; se il pastore, invece di far pascere i porci, li ruba, li uccide o li smarrisce, è giusto rifiutargli di pagargli il salario e scacciarlo ignominiosamente”[4].

Nel XIII secolo, S. Tommaso d’Aquino, nel De regimine principum, insegnava che “se appartiene di diritto alla moltitudine di darsi un capo, essa può, senza ingiustizia condannare il principe a disparire, o può mettere freno al suo potere se ne usa tirannicamente”[5].

Il padre gesuita Andrea Oddone[6], nel 1944-45, ha scritto che la resistenza passiva è sempre lecita nei riguardi di una legge ingiusta (per quanto ci riguarda oggi, si va dall’aborto nel 1978, sino alla trans/fobia nel 2020). La resistenza attiva legale, in casi in cui la religione rivelata e la legge naturale sono messe in pericolo, non solo è lecita, anzi, occorre “deplorare – come insegna Leone XIII nell’Enciclica Sapientiae christianae del 1890 – l’attitudine di coloro che rifiutano di resistere per non irritare gli avversari”.

La resistenza passiva consiste nella non esecuzione della legge ingiusta (l’obbligo di vaccini con microchip, di educazione sessuale dei bambini a scuola…), fino a che non vi si è costretti con la forza (TSO); ma nel caso in cui la legge ingiusta comandi qualcosa di peccaminoso, ossia “un atto intrinsecamente cattivo in sé, allora la resistenza non solo è permessa, ma è sempre obbligatoria; non si possono eseguire ordini criminali”[7]. In breve occorre resistere come difronte ad un tentativo di violenza carnale (si veda il caso di santa Maria Goretti, che resistette e si fece martirizzare, il 6 luglio 1902 a Nettuno, per non subire la violenza carnale).

La resistenza attiva non violenta consiste in un’opposizione positiva alla legge ingiusta, compiuta sul terreno delle leggi o con mezzi legali, per es. pubbliche riunioni, proteste, petizioni ricorso ai tribunali, denunce pubbliche, ecc... «occorre non rifugiarsi nell’indifferenza e nell’inerzia di coloro che non sanno o non vogliono organizzarsi e lottare per una causa nobile e giusta, per timore e viltà di affrontare i sacrifici e i maggiori doveri che questa lotta porta con sé. [...] “A chi cadrebbe in animo di tacciare i cristiani dei primi secoli di nemici dell’Impero Romano, solo perché non si curvavano dinanzi alle prescrizioni idolatriche, ma si sforzavano di ottenerne l’abolizione?”» (Leone XIII, Lettera ‘Notre Consolation’ ai cardinali francesi, 3 maggio 1892)”[8].

Inoltre S. Tommaso, nel De regimine principum, pur insegnando che “la moltitudine può, senza ingiustizia condannare il principe a disparire, ossia può mettere freno al suo potere, se egli ne usa tirannicamente[9]. Tuttavia egli aggiunge che «pure se alcuni insegnano essere lecita l’uccisione del tiranno per mano di un qualsiasi privato [...] è pericolosissimo permettere l’uccisione privata del tiranno, perché i malvagi si riterrebbero autorizzati a uccidere anche i re non tiranni, severi difensori della giustizia [...] contro i tiranni eccessivi e insopportabili si può agire solo in virtù di una pubblica autorità»[10].

Il problema del tirannicidio – o l’uccisione del tiranno – è stato trattato sino ai nostri giorni. Nel XIX seolo da papa Leone XIII, nel XX secolo da papa Pio XI e nel secolo XXI da vari teologi o storici qualificati. Leone XIII, nell’Enciclica Diuturnum illud del 1881, insegna che quando l’ordine del principe è contrario al diritto naturale e divino, “obbedire sarebbe criminale”. Pio XI, nell’Enciclica Firmissimam constantiam del 1937, appoggiando, i Cristeros ricorda all’Episcopato messicano che, se i poteri costituiti ²attaccano apertamente la giustizia […], non si vede nessuna ragione di rimproverare i cittadini, che si uniscono per la loro difesa e a salvaguardia della nazione”, ossia è lecita una resistenza attiva ed anche armata che usi mezzi leciti.

Tuttavia occorre, seguendo la dottrina comune dei Dottori scolastici, spiegare bene che la resistenza attiva armata è legittima solo a quattro determinate condizioni: 1°) se la tirannia è costante (nel caso nostro continua dal 1978 e peggiora sempre di più specialmente dall’inizio del 2020); 2°) se è manifesta o giudicata tale dalla ²sanior pars” della società (molti magistrati, medici, avvocati, vescovi, sacerdoti, generali, virologi, scienziati… si sono espressi pubblicamente in questo senso); 3°) se le probabilità di successo sono numerose (questo nel nostro caso attuale non lo si può sapere, anzi sembrerebbe difficile ottenerlo…); 4°) se la situazione successiva non è peggiore dell’anteriore[11] (molto probabilmente sarebbe difficile far peggio del governo di Conte/bis eterodiretto da Soros e Bill Gates; tuttavia dato il regime di attuale Mondialismo o Globalizzazione, una singola Nazione non è più padrona del proprio destino).

Quando la legge ingiusta cerca di imporsi con la violenza e con la forza [si veda lo “Stato di polizia” instaurato attualmente in Italia con la scusa del Covid/19, ndr], è lecito ai cittadini organizzarsi e armarsi, opporre la forza alla forza[12]. Padre Reginaldo Pizzorni, recentemente scomparso, continua: “Il diritto di resistenza è generalmente ammesso, e, da S. Tommaso in poi, salvo rare eccezioni, è stato ammesso anche da tutti i teologi come ultima ratio, come ultimo ed estremo rimedio, quando tutti gli altri mezzi previsti non sono possibili o si sono dimostrati insufficienti”[13].

Conclusione

Ci stiamo avvicinando a passi da gigante al “Regno dell’Anticristo finale”. Una tirannia spietata è nata “democraticamente” e “farmacologicamente” già a partire dal 1978 (con la legalizzazione dell’infanticidio) ed è maturata o scoppiata virulentemente nel 2020 (con la legalizzazione della guerra batteriologico/farmaceutica) e in pochi giorni, sotto il pretesto di garantire la buona salute di tutti gli uomini di tutto il mondo contro il Covid/19 (“Vaccinati di tutto il mondo, unitevi!”). Molti si sono lasciati sedurre ed hanno invocato l’intervento “armato”, ma indolore e dignitoso degli Stati per essere liberati dal Coronavirus. Il fine ultimo dell’uomo non è più il Paradiso, ma la salute del corpo. Ora ci ritroviamo privati delle nostre libertà più necessarie e persino di poter vivere come “animali sociali e razionali” quali siamo per natura. La Messa pubblica è stata proibita non solo dallo Stato, ma anche dal Pastore (Bergoglio e CEI).

Di fronte ad un male così vasto, universale, profondo e demoniacamente preternaturale cosa possiamo fare? Umanamente molto poco, ma quel poco che possiamo cerchiamo di farlo. Infatti, noi siamo soltanto come una piccola goccia d’acqua, ma tante piccole gocce formano un oceano. Se rinunciassimo a muoverci dicendo che siamo troppo piccoli (come una sola goccia) per combinare qualcosa di valido, non riusciremo mai ad unirci ad altre tante piccole gocce e a formare, così, un mare. Quindi, diamoci da fare e con l’aiuto di Dio operiamo quel poco che possiamo, il resto lasciamolo alla Provvidenza divina. Sant’Ignazio da Loyola diceva: “Quando agisci comportati come se tutto dipendesse da te, ma credi che tutto dipende da Dio”. “Aiutati che Dio ti aiuta”, recita il proverbio popolare. “Chi ti ha creato senza di te, non ti salverà senza di te” (S. Agostino, Sermo 169, XI, PL, tomo 38, col. 93). Tuttavia penso che solo l’Onnipotenza di Dio, tramite la Sua Giustizia e la Sua Misericordia, potrà porre un rimedio efficace a un così grave disordine.

Si va verso il castigo predetto dalle Scritture e riconfermato dalla Madonna a Fatima nel 1917. È dall’Umanesimo che il mondo va verso la sua rovina. Dopo secoli di idealismo filosofico (è il pensiero dell’uomo che crea la realtà) non si poteva non arrivare a una simile follia, molto bene logicamente congegnata.

Nella seconda parte del presente articoletto affronterò, in concreto ed in parabole, la questione di cosa occorra fare, in pratica, per poter resistere all’aggressione tirannica, che ci assale da ogni parte sia spiritualmente sia temporalmente.


LA PRATICA

Cosa Fare In Concreto? Vale Più la Pratica Che La Grammatica …

Antioco Epifane: La Prima Persecuzione Religiosa Della Storia

Quando, nel 164 a. C., Antioco IV Epifane si propose di ellenizzare politeisticamente Gerusalemme e tutta la Palestina, si ebbe la violenta reazione  maccabica monoteistica, che fece fallire il tentativo.

Infatti, quella che viene chiamata “la prima persecuzione religiosa che la storia conosca” (G. Ricciotti, Storia d’Israele, Torino, SEI, 1932, 2° vol., p. 272), provocò molte apostasie, “ma si ebbero anche dei ribelli alle ingiunzioni di Antioco IV, e per conseguenza anche dei Martiri. Anche questi non furono pochi. Si ha particolare notizia di madri che dopo gli editti anti-jawehistici circoncisero egualmente i loro bambini, e che perciò vennero uccise insieme con essi. Chi si rifugiava in recondite spelonche, per osservarvi impunemente il riposo del Sabato, se veniva  scoperto poteva finirvi bruciato dai fuochi accesi all’imboccatura dagli ufficiali siriaci. Altri pagarono con la vita l’essere stati sorpresi in possesso dei Libri della Torah” (G. Ricciotti, cit., ivi).

Vi sono due episodi particolarmente commoventi riportati dal II Libro dei Maccabei (VI, 18, ss. e VII). Il primo riguarda il novantenne scriba Eleazaro, versatissimo nelle sacre Scritture, il quale preferì morire piuttosto che fingere soltanto di mangiare la carne di porco: infatti, quando i Siriaci  gli aprirono la bocca per forzarlo a mangiare carne suina, resisté; siccome i Giudei presenti, che lo amavano, gli dettero della carne pura dicendogli di fingere di mangiare carne suina, egli rispose che non poteva fingere facendo credere di essere diventato pagano e preferì essere martirizzato. Il secondo riguarda una madre di cui non si conosce il nome, che assisté al martirio dei suoi sette figli, incoraggiandoli, e poi li seguì nella morte per fedeltà a Jaweh, sotto gli occhi di Antioco.

“Molti altri, pur non essendo Martiri, si sottrassero all’apostasia allontanandosi dai centri abitati – soprattutto da Gerusalemme –  meglio  controllati dai Siriaci. […]. Molti di questi dis/urbanizzati si dettero alla campagna. Chi non voleva affrontare il martirio e non voleva neppure apostatare doveva lasciare la città, dove i pagani erano padroni assoluti: non restava che disperdersi nella steppa di Palestina e ivi condurre la vita nomade del beduino” (G. Ricciotti, cit., p. 274).

Nella steppa palestinese si erano rifugiati i fedeli di Jaweh. Antioco e gli ellenizzanti avevano conquistato Gerusalemme e le grandi città d’Israele e pensavano di aver avuto vittoria completa sullo Jawehismo. Quindi sottovalutarono i pii Giudei che vivevano nelle zone steppose e desertiche, opponendo una resistenza solo passiva all’Ellenismo, che avrebbe potuto diventare ben presto attiva ed anche armata. Ora successe proprio questo. In poco tempo nella piccola cittadina di Modin (a circa 30 km da Gerusalemme), in cui viveva una famiglia di stirpe sacerdotale: gli Asmonei, il cui capofamiglia era Mattatìa l’Asmoneo, che aveva 5 figli, dei quali il terzo si chiamava Giuda detto “Maccabeo”, ossia “Martello” (dall’ebraico maqqabahah per indicare la forza con cui colpiva i nemici) che avrebbe frantumato l’Ellenismo politeistico.

«Il sacerdote Mattatìa era un uomo all’antica, quindi non proclive all’aggiornamento, circondato dai suoi figli di cui era ben fiero. Egli nutriva un gran disprezzo per i costumi dell’Ellenismo e la profanazione idolatrica dello Jawehismo lo aveva fatto fremere di sdegno. Non era uomo da tacere o fingere; alle prime avvisaglie della persecuzione dell’Ellenismo verso lo Jawehismo, Mattatìa manifestò apertamente tutta la sua riprovazione. Era vecchio, ma aveva sempre a sua disposizione i suoi 5 giovanotti e la steppa sconfinata. Là avrebbe giocato il tutto per tutto. Il suo motto era: “Che c’importa di vivere ancora a lungo?” (I Macc., II, 13)» (G. Ricciotti, cit., p. 284). Più recentemente, in Italia, si diceva ancora “è meglio vivere un giorno da leone che cento anni da pecora!”. Oggi purtroppo si dice: “Restate a casa! Ce la faremo (sotto). Il vaccino rende liberi. Tutto andrà bene! Meglio vivere molto tempo da pecora che un poco da leone … La mascherina ci salverà”.

Un giorno i nodi vennero (e varranno) al pettine, come succede quasi sempre nelle vicende umane quando le circostanze ci obbligano a prendere posizione e a schierarci con uno o con l’altro (con Cristo o con Belial, con Jaweh o con Giove, con Dio o con Mammona, con Antioco o con Mattatìa, con Cristo o con Conte). Infatti, la commissione di controllo per l’ellenizzazione forzata della Palestina giunse a Modin per farvi eseguire gli editti di Antioco a favore del culto idolatrico ellenistico. Molti Giudei si piegarono e sacrificarono a Giove e agli Dei “falsi e bugiardi”, Mattatìa rifiutò categoricamente proprio mentre un altro giudeo si presentò davanti alla commissione per sacrificare agli idoli. A quello spettacolo il vecchio sacerdote non si contenne più, ammazzò l’apostata, il commissario di Antioco e distrusse l’altare pagano in cui i Giudei rinnegati avevano offerto i sacrifici agli idoli pagani (non aveva ancora letto i Decreti del Vaticano II). Quindi fuggì con i suoi 5 figli nella steppa, invitando tutti gli abitanti di Modin a seguirlo e a restar fedeli a Jaweh. La notizia si diffuse con una rapidità impressionante e i Giudei, che si erano rifugiati nella steppa, opponendo solo una resistenza passiva all’Ellenismo idolatrico e politeista, ripresero coraggio e furono trascinati dall’esempio di Mattatìa a prendere le armi per passare al contrattacco, nelle resistenza attiva e armata.

Sùbito dalla fortezza di Akra in Gerusalemme partì un drappello di soldati siriaci per stroncare i rivoltosi. I soldati, astutamente, attaccarono un gruppo di circa 1000 resistenti il giorno di sabato. Costoro ingenuamente rifiutarono di difendersi per non violare il sabato e vennero uccisi. Mattatìa capì che non si poteva vincere la guerra, se ci si atteneva scrupolosamente alla lettera della legge del giorno del riposo sabbatico, che non vietava di fare il bene o di difendersi dal male, ma solo di compiere opere non necessarie nel giorno di sabato. Quindi decise che nel sabato i fedeli di Jaweh non avrebbero attaccato, ma si sarebbero difesi senza timore di offendere la legge.

Mattatìa e figli raccolsero i primi sbandati della steppa, si munirono di armi e costituirono un piccolo esercito, facendo esattamente il contrario di quel che facevano  i soldati di Antioco: Ellenisti e Giudei apostati venivano giustiziati, le are pagane venivano distrutte, i bambini venivano circoncisi.

Mattatìa era già molto vecchio e nel 166 a. C. morì, incitando i suoi figli a perseverare nella lotta. Nominò il secondogenito, Simone, capo degli affari di politica e di amministrazione, mentre il terzogenito, Giuda, fu nominato sovrintendente agli affari della guerra.

Conclusione

Molto probabilmente le attuali leggi contro la sana moralità dell’infanzia, la liceità di partecipare alla Messa di domenica, senza dover profanare la presenza reale di Gesù nell’Eucarestia… ci porteranno a dover affrontare la lotta contro i successori di Antioco Epifane e i precursori dell’Anticristo finale, che sono venuti in questi mesi del fatidico 2020 a bussare alle nostre porte, come avvenne già nel 164 a. C.

In queste circostanze si può, per chi ne ha la capacità, fare come fecero i fratelli Maccabei quando Antioco IV Epifane si propose di ellenizzare – importando il Politeismo con l’aiuto di alcuni Sommi Sacerdoti, che avevano comprato tale dignità – Gerusalemme e tutta la Palestina, si ebbe la violenta reazione maccabica ‘integralmente’ monoteistica e veterotestamentaria, che fece fallire il tentativo.

Purtroppo lo spirito di resistenza alla tirannide in questi tempi di apostasia universale si è ridotto assai, oggi si preferisce suicidarsi piuttosto che combattere come fecero i Maccabei.

Mattaìa non va più di moda…, cosa avrebbe fatto alla vista di certi “governatori” che hanno legiferato sino a ieri sull’obbligo di museruola anche all’aperto per noi poveri cittadini di terza serie, quando loro sono poi andati, invece, a gozzovigliare – in pubblico e davanti alle telecamere – alla  faccia di noi poveri imbavagliati, senza mascherine e distanze a/sociali. Certamente non si sarebbe suicidato, non avrebbe taciuto, non sarebbe restato con le mani in mano, ma avrebbe continuato a fare quel che fece nel 164 a. C. “Chi ha orecchi per intendere, intenda!”…

Soprattutto non disperatevi e non sparatevi… chi dispera e si spara è perduto! Ad Abilene chi spara prima vive bene!

d. Curzio Nitoglia



[1] Dictionnaire de  Théologie Catholique, volume 29, colonna 1952.

[2] D. Th. C., vol. 29, col. 1962.

[3] Cfr. O. Capitani, Papato e Impero nei secoli XI e XII, in «Storia delle idee politiche economico e sociali», diretto da L. Firpo, vol. 2, tomo II, Il Medioevo, Utet, Torino, 1983, pp. 141-165.

[4] Liber ad Gebehardum, cap. XXX.

[5] De regimine principum, Lib. I , cap. 6.

[6] A. Oddone, ²La resistenza alle leggi ingiuste secondo la dottrina cattolica” in “La Civiltà Cattolica”, n. 95, 1944, pp. 329-336; Ibid., n. 96, 1945, pp. 81-89.

[7] R. Pizzorni, Diritto naturale e diritto positivo in S. Tommaso, Bologna, ESD, 2000, p. 358.

[8] Ibidem, p. 359.

[9] De regimine principum, Lib. I , cap. 6.

[10] C. Giacon, La seconda scolastica. I grandi commentatori di S. Tommaso, Milano, Bocca, 1944, p. 98.

[11] Cfr. A. Oddone, ²La resistenza alle leggi ingiuste secondo la dottrina cattolica” in  La Civiltà Cattolica, n.  95, 1944, pp. 329-336; Ibid., n.  96, 1945, pp. 81-89.

[12] Ibidem, p. 360.

[13] Ibidem, p. 361.



 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# milvus 2020-07-24 16:24
Interessanti le fonti: " Diritto naturale e diritto positivo" e La Resistenza alle leggi ingiuste secondo la dottrina cattolica"

Lo stato totalitario di oggi è solo una Babele ideologica i cui postulati esistevano già da tempo, i settori reazionari difendono le libertà costituzionali, quelli progressisti abbracciano lo stato poliziesco , in altre parole, sono tutti nodi che vengono al pettine quali effetti di un programma politico annunciato, mentre il Covid-19 è il consenso subordinato che si vuole strappare a forza e con la minaccia, alla popolazione, per ora viva, per poter trasformare la Salute in una religione di stato, un dogma, un monopolio gestito da anonimi esperti che si occupino solo di espandere il pensiero unico autorizzato dall'OMS, dall'ONU, ed altri enti che illegalmente non aderiscono alle funzioni concesse dopo la fine della seconda grande guerra. Lo scenario è sconcertante, è una Babele ideologica, , è una prova in più di ingegneria delle leggi e del diritto, che ora toccherà alle persone con l'ingegneria genetica degli OGM applicata prima ai vegetali, ora agli esseri umani. Se si permette un controllo totalitario sulla vita della gente, si accetta un processo di riduzione della stessa. Se si accetta un modello iper industriale, , elettronico, tecnologico, senza limite, che separa le persone dalla natura e dai suoi processi riproduttivi, dalle relazioni di coppia, di salute, dell'allevare i figli nel nucleo famigliare, dalla cultura originaria, per rimpiazzare con la tecnologia cellulare, reti sociali, bisogna fare i conti con l'erosione delle forme di socialità tradizionale. Non ci sono teorie, numeri, complotti, speculazioni, sono movimenti convergenti e complementari antropologici e politici. La prima Torre Gemella rappresentava la demolizione controllata della prima gamba su cui poggia la cultura occidentale, la Giurisprudenza, la seconda gamba, della nostra cultura è la Medicina, il Covid-19 è quindi un 11-9, la maschera ideologica che vuole iniziare un concetto poliziesco della Salute. Entrambe le due forme sono demenziali come chi le accetta, passo passo verso il transumano, riduzione della natalità e spopolamento prima degli stati e poi del mondo.
Uno studio medico accurato ha stabilito che la popolazione italiana si dovrebbe ridurre da 61 milioni a 28 milioni , non sono statistiche fatte da organizzazioni tipo ONG, banche FMI, questo studio dice che l'invecchiamento della popolazione italiana arriva da lontano, indietro negli anni, a prescindere da chi governa, infatti nel 2019 la Banca Mondiale scopre che il 23% delle persone ha circa 70 anni. Offrono subito un programma di natalità come misura per cercare di aumentare la fertilità, nonostante questo il paese resta il luogo della UE con il tasso più basso di natalità, insieme ad un altissimo tasso di emigrazione, che ridurrà a metà la popolazione, gli abitanti. L'impatto è la caduta del tasso di fertilità, non la natalità, perchè la vaccinazione, oltre ad altri fattori, tipo l'alimentazione poco equilibrata, la iatrogenia eccessiva, dalla fine degli anni 90 in poi è stato un fattore determinante per ridurre oggi, nel 2020, la popolazione per infertilità, sommando le interruzioni volontarie di gravidanza che, ripetute nel tempo, hanno tali "ottimi" risultati. Non sono i virus, tanto di moda per un sistema immunitario debole, qualunque virus, batterio, fungo, uccide, anziani bambini, è l'infertilità, dovuta a vaccini velenosi e transgenici, ad essere la vera pandemia.
In Italia la crescita era zero già nel 2001, era tutto pronto per far crollare le torri, imporre l'euro e la BCE addetto "stampa". Come la FED negli Stati Uniti. Questo è un fattore essenziale per ridurre la popolazione ora che stanno segando la seconda gamba della cultura occidentale per eccellenza: la Medicina. Ci deve essere un pretesto per sostituirla con la medicina industriale dei protocolli OMS, pezzi di carta, pizzini mafiosi, che mandano ai medici del sistema per propaganda. E per fare gli interessi della Corona Britannica, nessuno è membro della società della legge, le leggi non si applicano alle persone naturali, se la legge è ingiusta , la cosa giusta è non osservarla.
L'Italia ha subito un attentato di falsa bandiera, quando i cittadini bergamaschi, affacciati alle finestre per filmare con i cellulari, riprendono le immagini di una fila di camion militari che portano via i morti dentro le bare. A Padova, nel 2019, si forma un centro investigativo, perchè i soldati che tornano dal fronte medio orientale, o hanno malattie auto immuni o patologie oncologiche. I veri medici, nella Regione Veneto, il vero Primo Mondo, più ricco ed evoluto, trovano ben 63 tossici dentro i vaccini che iniettano ai soldati, una cattiva pubblicità per le farmaceutiche che ora vorrebbero uccidere il resto della popolazione civile, già ampiamente iatrogenizzata con medicine altrettanto dannose.
La maternità e la paternità sono legate rispettivamente alla donna e all'uomo, nella civiltà cattolica, ma quante coppie dal 2000 in poi, quando lo stato non ben soddisfatto della 194, ha iniziato a somministrare sostanze ai bambini per rendere giovani non fertili, alle ragazzine vaccini contro il papilloma, ora in sedia a ruote, ed altre situazioni simili, giovani che avrebbero dovuto affrontare sacrifici economici, fisici, dolori dell'anima, perchè il non essere fertili non riguarda solo la coppia ma l'uomo, e la donna presi singolarmente, un uomo o una donna che non riesce a diventare genitore deve fare i conti con la voce della coscienza, maschile e femminile, con il disagio, sommato al condizionamento sociale, culturale, famigliare, li non c'è propaganda che tenga, scompaiono i falsi cambiamenti , gli omosessuali, i gender, ecc La figura femminile resta legata al ruolo della madre, quella maschile al ruolo del padre. Se così non fosse la nostra religione, quante donne anche a 60 0 65 anni, dopo essersi realizzate sul piano professionale, desiderano avere un figlio?
E discutibile, ma è una realtà. Come è vero il fatto che l'unione di coppia si considera giustificata solo dalla funzione procreativa e dunque il rapporto va in crisi, come se fosse venuta meno la ragione d'essere e di esistere.
Diventare madre e padre è l'obiettivo, ma anche il desiderio di due persone che si uniscono per fare una famiglia.
Bene, chi asseconda il covid-19, vuole un colpo di stato, è contro la famiglia tradizionale, per la sterilizzazione , per i figli messi al mondo senza desiderarli, anzi, considerati un peso. Tanti altri li hanno fatti senza consapevolezza di che cosa questo significhi in termini di responsabilità, amore, sacrificio. Nel mentre i politici continuano a comportarsi esattamente come nel giorno in cui si passò dal fascismo alla democrazia, una abitudine legittimata ed irreversibile.
Il virus di moda distrae dal fatto contingente: l'Italia ha dimezzato la popolazione da parecchio, il blocco o quarantena ha voluto distruggere tutto. Dopo l'11-9 in Italia si "suppone", ma in una supposizione qualcosa di vero c'è, nessuno la può mettere in dubbio perchè la base di questo meccanismo affonda le sue radici la Confessione, come ai tempi dell'Inquisizione. Paghiamo le tasse, le imposte, tutto è un atto di auto accusa perchè il libero
arbitrio si trasformi in consenso, perchè si nasce proprietà privata dello stato, senza diritti, nasce fallito perchè la vita viene gestita ed amministrata da uno stato che, secondo la Bibbia, non considera l'essere umano libero di fronte a Dio.
Di fronte ad un male così vasto, cosa si può fare? Individualmente si possono usare le leggi della Bibbia ( codice Nautico), togliere il consenso a questa enorme truffa materiale e delle idee, che rende il cittadino protagonista involontario fin dalla nascita.
Il sistema oramai è marcio, chi è marcito dentro, orami è morto per esigenze anagrafiche, perchè la democrazia è stata instaurata in maniera fraudolenta solo a favore di quelli che sono rimasti e a detrimento di quelli che sono nati dopo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


La Dittatura Terapeutica
L’unica ed estrema forma di difesa da questo imminente, sottovalutato, tragico pericolo particolarmente grave per l’Italia, è la presa di coscienza
Contra factum non datur argomentum
George Orwell con geniale e profetico intuito, previde l’oscuramento delle coscienze, il tramonto della civiltà, l’impostura e apostasia dalla verità che viviamo, quando scrisse “nel tempo...
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità