>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
Risorgimento disgregatore
Stampa
  Text size
Il Risorgimento che ha fatto l’unità d’Italia è disgregatore? In che senso? E come si può dire che il Risorgimento continui ancora, a 150 anni dalla conquista delle Due Sicilie? Come si giustificano simili apparenti paradossi?

Su questo argomento l’articolo di G.Larosa, scritto in occasione della presentazione del libro Risorgimento?! Considerazioni a disincanto di una mitologia civile, di Luigi Copertino (EFFEDIEFFE edizioni), che si terrà a

Teramo, il 14 ottobre 2011
ore 21,00
presso la Sala Consiliare del Municipio, a Bellante Paese
(organizza il Comitato Due Sicilie Abruzzo)

Per spiegare queste contraddizioni apparenti dobbiamo illustrare quali erano le autentiche idee che animavano i protagonisti del Risorgimento e soprattutto quale era il loro progetto sociale. Lasciamo stare, ovviamente, i personaggi folcloristici come Garibaldi e concentriamoci sui veri ispiratori del Risorgimento, che furono i grandi finanzieri massoni, Cavour in testa e, ancora più in alto di Cavour, i finanzieri massoni inglesi e francesi che erano, allora, la grande finanza internazionale.

Il primo obiettivo era quello di passare dalla società dei valori (in senso etico) alla società del valore (in senso economico). Trasformare cioè le società degli uomini sostituendo il dominio degli ideali con quello della finanza. Andavano abbattuti tutti gli Stati e le organizzazioni che non riconoscevano il primato dell’economia e del denaro, quelli in cui non governava effettivamente una elite ristretta di potenti non eletti dal popolo e non legati ad alcuna idea, fede o popolo.

Il secondo quello di trasformare l’uomo sociale nell’individuo solo devastando tutti i legami sociali che avevano reso da sempre ogni singola persona un essere integrato nella sua comunità e quindi rendevano l’intero corpo sociale un insieme di comunità fortemente interconnesse, al cui interno ogni esistenza aveva un fine e una sua ragione di essere in relazione con gli altri. L’uomo insomma, viveva secondo la sua funzione nella comunità di appartenenza. I massoni vogliono che il popolo non abbia più punti di riferimento, che ognuno sia solo, non libero, libero solo dai condizionamenti sociali, ma non libero realmente, anzi, privo di ogni legame sociale ed umano; l’uomo della strada è totalmente in pugno di chi governa il suo mondo ed è schiavo del suo egoismo e della sua stessa incapacità di socializzare e costruire socialmente. Non essendoci più coesione sociale e interpersonale, non c’è più la famosa unione che fa la forza dei popoli. E le masse, non essendo più capaci di ragionare in termini di comunità, di società, non sono più nemmeno capaci di organizzare movimenti di massa rivoluzionari capaci di imporre la loro volontà o di opporsi a chi li domina.

Questi due obiettivi di dissoluzione totale furono perseguiti combattendo senza posa, prima espandendo militarmente il dominio degli Stati fantoccio che erano già dominati dagli agenti della massoneria, come il Piemonte, a scapito di altri Stati o imperi universali; poi aggredendo, pezzo dopo pezzo, tutto ciò che era legato alla spiritualità dei popoli. Guerra quindi alla Chiesa cattolica in primis, non per suoi presunti crimini e per suoi presunti difetti ma, per assurdo, per i suoi meriti e per il suo influsso sul popolo, dove i valori professati dalla fede erano prioritari rispetto agli altri che venivano inoculati.

L’ira contro la Chiesa cattolica e non verso altre chiese non era dovuta alla sua presunta arretratezza o ad altre ragioni che vengono spesso sbandierate da mangiapreti tipo Pannella. Costoro combattono la Chiesa, fingendo spesso di rispettarla, perchè si tratta di una organizzazione forte, con una struttura autonoma extra-statuale e difficilmente riconducibile a sottomissione. Le migliaia di sette protestanti, per esempio, vanno bene, perchè sono migliaia, in lite tra loro e in continua secessione reciproca. Sono già disgregate e quindi in linea col progetto massonico. Analogamente oggi l’ira è anche contro l’Islam, non per i suoi oggettivi difetti, ma per gli stessi meriti della Chiesa cattolica.

Tutto ciò che era etica, senso del sacrificio personale per il bene comune, rifiuto del consumismo, insomma, tutto ciò che era aggregante e che portava a non considerare la propria individualità al di sopra di tutto, è stata sapientemente ed efficacemente combattuta.Il terzo obiettivo era quello di allontanare le masse dalla percezione della realtà per sostituire ad essa quella della narrazione fatta dal potere. La gente non deve essere messa in condizione di rendersi conto di cosa succeda e di quale sia la sua condizione effettiva. Fondamentale allo scopo è il dominio dei mezzi di comunicazione.

Il Risorgimento, infatti, è l’apoteosi della menzogna, della cronaca bugiarda, della storia falsificata fino all’indecenza, della cancellazione del pluralismo. È il buonismo di regime che serve per coprire i criminali al potere e mettere il bavaglio ai politicamente scorretti che dicono la verità. Basta vedere come la grande stampa e le TV trattino le notizie riguardanti il debito pubblico, le guerre in corso, perfino le manifestazioni di piazza. Per 8 giorni una folla inferocita occupava le strade del centro del mondo, di New York, di Boston e molte altre città degli USA. Si è visto qualcosa in TV, se non qualche brevissima apparizione di folcloristici individui chiamati indignados alla spagnola, ovunque siano e qualunque cosa dicano?

Come si vede, in 150 anni questi tre progetti di disgregazione hanno progredito moltissimo e continuano, purtroppo, a fare progressi. Ma per fortuna la specie umana non funziona come vogliono i massoni e così, incessantemente, alla disgregazione imposta e propagandata dall’alto, nel corpo della società, si oppone un continuo moto di chi combatte la dissoluzione e continua a costruire, ad unire, a socializzare. Noi dei Comitati Due Sicilie abbiamo l’ambizione di appartenere a questo moto edificatore che è caratteristico della nostra specie e per questo ci battiamo per un mondo diverso, a cominciare dalle Due Sicilie che sono, di tutte le terre devastate dai dissolutori quella più devastata, moralmente ed economicamente.

G. Larosa



 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# mirko 2011-10-14 16:30
Noi dei Comitati Due Sicilie abbiamo l’ambizione di appartenere a questo moto edificatore che è caratteristico della nostra specie e per questo ci battiamo per un mondo diverso, a cominciare dalle Due Sicilie che sono, di tutte le terre devastate dai dissolutori quella più devastata, moralmente ed economicamente.
Il problema è COME risollevare la patria napoletana e siciliana da tali devastazioni...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# AntonioNeapolis 2011-10-15 15:37
Non disperare fratello, ritorneremo quello che realmente siamo e cioè un grande popolo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-10-18 18:00
Citazione AntonioNeapolis :
Non disperare fratello, ritorneremo quello che realmente siamo e cioè un grande popolo


Sei troppo ottimista, mon ami... QVIA... ti sei scordato che... "LU PISCE PUZZA DE LA TESTA"... e, a meno che non venga tagliata, ma ciò puote farlo... SOLO LO ETIERNO PATRE... e nisciun altro... mai e poi mai potrebbe avverarsi quanto tu, justamente, speri!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-10-14 20:21
... "Ri-sorgimiento"... "Ri-nascimiento"... "RE+SURREZIONE" ...di, per, da... "CHI"...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# rocco sergi 2011-10-15 18:17
Ci vuole uno spirito comune, uno stile nuovo unitario, una volontà forte ed una forza morale e caratteriale. Non una ideologia, ma un nuovo modo di essere, distinto e diametralmente opposto al modello astuto, superficiale e volubile, ma succube, del laicista anarchico tipo il "new people" della "new age", ecc.
Il ritorno della profondità latina cattolica e meridionale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-10-16 18:08
Citazione rocco sergi:
Ci vuole uno spirito comune, uno stile nuovo unitario, una volontà forte ed una forza morale e caratteriale. Non una ideologia, ma un nuovo modo di essere, distinto e diametralmente opposto al modello astuto, superficiale e volubile, ma succube, del laicista anarchico tipo il "new people" della "new age", ecc.
Il ritorno della profondità latina cattolica e meridionale


Sì, justo, ma non solo, anzi, di più... è toto lo universo "ROMANO+GERMANIC O", illo del gloriosissimo, luminosissimo, sapientissimo "MEDIO+EVO", che dovrebbe poter risorger... quello che finì morto ammazzato, per tramite delle due diaboliche Guerre Mondiali volute da Satana, al fine di distrugger la Cristianità tradizionale... ma, forse, la presente umanità non se lo merita, di esser salvata, essendosi spinta troppo in profondità, la degenerazione!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# castor 2011-10-18 10:11
Risollevare l'ex regno delle due Sicilie ormai è troppo tardi. E' tardi per quello che ha scritto Sciascia nei suoi libri.
Lo scrittore ha affermato che l'Italia si sarebbe meridionalizzat a. E' quello che accaduto. L'Italia di oggi è un posto incivile dal nord al sud. L'illusione di un Italia del nord civile e onesta ormai è tramontata. I guai per il sud sicuramente sono iniziati con la conquista dei Savoia, ma si sono ingigantiti dopo la Seconda Guerra Mondiale, con l'avvento della nuova malavita favorita dagli angloamericani e la nuova classe politica italiana.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-10-18 17:51
Citazione castor:
Risollevare l'ex regno delle due Sicilie ormai è troppo tardi. E' tardi per quello che ha scritto Sciascia nei suoi libri.
Lo scrittore ha affermato che l'Italia si sarebbe meridionalizzat a. E' quello che accaduto. L'Italia di oggi è un posto incivile dal nord al sud. L'illusione di un Italia del nord civile e onesta ormai è tramontata. I guai per il sud sicuramente sono iniziati con la conquista dei Savoia, ma si sono ingigantiti dopo la Seconda Guerra Mondiale, con l'avvento della nuova malavita favorita dagli angloamericani e la nuova classe politica italiana


Sì, hai ragione, in toto... ed è davvero... TARDI, TROPPO TARDI... e siamo ormai... "FORA+TIEMPO+MAX IMO"... ahinoi!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pierre 2011-10-19 10:57
Vero, sottoscrivo in toto. Il problema sono gli italiani e questa lenta agonia senza fine.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-10-19 18:07
Citazione Pierre:
Vero, sottoscrivo in toto. Il problema sono gli italiani e questa lenta agonia senza fine


Sì, certo, molto lenta, anzi, lentissima... però, c'è un però... TUTTO HA UNA SUA FINE... QVIA... SOLO L'ETERNO E' ETERNO... DEO GRATIAS!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Expat 2011-10-21 07:51
@Castor,
Cosa vuol dire "l'italia si sarebbe meridionalizzat a"? Mi faccia capire?
Mi sembra che lei stia 'condizionando' il lettore con questo suo commento.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Castor 2011-10-25 14:37
Citazione Expat:
@Castor,
Cosa vuol dire "l'italia si sarebbe meridionalizzat a"? Mi faccia capire?
Mi sembra che lei stia 'condizionando' il lettore con questo suo commento

Non credo che ci sia molto da spiegare.
Basta pensare alla vita delle grandi metropoli del sud, Napoli, Palermo, dove ogni esperienza di vita sociale è vissuta in termini di interessi personali, familiari, di casta, di intrallazzi economici e non, dove per chiedere un certificato di residenza lo si chiede tramite l'amico che magari è usciere in Comune, dove ogni minimo diritto civile deve essere filtrato e concesso dalla malaffare politico.
Al nord sicuramente per un certificato di residenza non c'è bisogno dell'amico in Comune, per il resto però...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# expat 2011-10-25 23:43
@ Castor,
ha ragione ma quando ho vissuto in italia (centro nord) ho visto cose simili - ma in maniera molto più soft'/oscura...
mi da fastidio questo termine "meridionalizzaz ione" perchè è un termine, forse subconscio, che condiziona tutti a credere che i problemi derivino dal sud oppure che il nord sia il faro della civiltà; questi suoi termini creano divisioni. Non capisco, a quale scopo serve insultare un suo fratello? A cosa è dovuta la meridionalizzaz ione del sud? Per me è la mancanza di strutture economiche causata in maggior parte dalla cosidetta unificazione d'Italia... però è ovvio che oggi l'Italia del nord stia pure diventando come il sud, per tanti ragioni - domestiche ed internazionali e sempre per mancanza di strutture economiche sane. Purtroppo l'italiano è troppo impegnato a criticare e/o dare le colpe ad altri... nel frattempo il ladro è in casa e vi sta saccheggiando.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# castor 2011-10-26 12:21
Il termine è stato usato dal grande Sciascia, non credo di offendere nessuno, sono di origini siciliane, conosco bene la tragedia meridionale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# expat 2011-11-01 00:58
Ci sono tanti altri termini che lei puo usare, perche questo?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alfo 2011-10-22 15:05
Che pia illusione voler creare le basi di una Italia civile e onesta da conquistatori incivili, massoni e anticlericali. L'Italia non può che avere l'anima del suo creatore fin quando verrà rifondata su basi nuove che rispecchieranno e rispetteranno la sua cultura e la sua storia millenaria.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giorgio Scotti 2011-10-20 02:16
Il fatto è che le "pance" degli italiani si stanno svuotando solo adesso, prima erano ancora pingui per impedire forme di rivolta. Ora però la misura è colma e la pancia si sta svuotando rapidamente.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-10-20 11:32
Citazione Giorgio Scotti:
Il fatto è che le "pance" degli italiani si stanno svuotando solo adesso, prima erano ancora pingui per impedire forme di rivolta. Ora però la misura è colma e la pancia si sta svuotando rapidamente


Sì, certamente... c'è per davvero bisogno di una bella, SACRO+SANTA, vera... "RI+VOLUZIONE"... come auspicato dal DEFUNTO MAESTRO MONICELLI... ma c'è un ma... mentre la Rivoluzione borghese "CONTRA LA MONARKIA" andò a bon fine,e che fine, con tanto di RE ghigliottinato e ZAR fucilato... parrebbe che oggi non si possa far altrettanto con la presente falsa e fasulla, finta... PSEUDO... "DEMO-CRAZIA... sé dicente... RAPPRESENTATIVA "... strano, strano davvero che non le si possa render la più che justa, historica, fatal pariglia... CVR???!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ciccio 2011-10-22 16:44
Citazione NOMEN:
Citazione Giorgio Scotti:
Il fatto è che le "pance" degli italiani si stanno svuotando solo adesso, prima erano ancora pingui per impedire forme di rivolta. Ora però la misura è colma e la pancia si sta svuotando rapidamente


Sì, certamente... c'è per davvero bisogno di una bella, SACRO+SANTA, vera... "RI+VOLUZIONE"... come auspicato dal DEFUNTO MAESTRO MONICELLI... ma c'è un ma... mentre la Rivoluzione borghese "CONTRA LA MONARKIA" andò a bon fine,e che fine, con tanto di RE ghigliottinato e ZAR fucilato... parrebbe che oggi non si possa far altrettanto con la presente falsa e fasulla, finta... PSEUDO... "DEMO-CRAZIA... sé dicente... RAPPRESENTATIVA "... strano, strano davvero che non le si possa render la più che justa, historica, fatal pariglia... CVR???!!!


Attenzione alle rivoluzioni, quella liberla-borghese fu fatta per intererssi della nuova classe emergente a discapito dei popoli e di qualche aristocratico che non voleva saltare nel carro dei vincitori. Idem per quella del 1917 dove il popolo vero non ebbe che miseria. Guarda caso dopo le due rivoluzioni sono state instaurate Banche Centrali (private) per prestare denaro ad interesse agli Stati, non creando però di pari passo il denaro per pagare anche gli interessi, di fatto li ha sprofondati in un debito pubblico non pagabile che cresce sempre... con ricchezza reale del Paese che passa progressivament e in mano ai proprietari di queste banche "nazionali".
Notate che circa nel 1905 lo zar rifiutò la creazione di una Banca Centrale privata, gioco forza era un ostacolo che andava tolto di mezzo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-10-22 18:49
Citazione ciccio:
Citazione NOMEN:
Citazione Giorgio Scotti:
Il fatto è che le "pance" degli italiani si stanno svuotando solo adesso, prima erano ancora pingui per impedire forme di rivolta. Ora però la misura è colma e la pancia si sta svuotando rapidamente


Sì, certamente... c'è per davvero bisogno di una bella, SACRO+SANTA, vera... "RI+VOLUZIONE"... come auspicato dal DEFUNTO MAESTRO MONICELLI... ma c'è un ma... mentre la Rivoluzione borghese "CONTRA LA MONARKIA" andò a bon fine,e che fine, con tanto di RE ghigliottinato e ZAR fucilato... parrebbe che oggi non si possa far altrettanto con la presente falsa e fasulla, finta... PSEUDO... "DEMO-CRAZIA... sé dicente... RAPPRESENTATIVA "... strano, strano davvero che non le si possa render la più che justa, historica, fatal pariglia... CVR???!!!


Attenzione alle rivoluzioni, quella liberla-borghese fu fatta per intererssi della nuova classe emergente a discapito dei popoli e di qualche aristocratico che non voleva saltare nel carro dei vincitori. Idem per quella del 1917 dove il popolo vero non ebbe che miseria. Guarda caso dopo le due rivoluzioni sono state instaurate Banche Centrali (private) per prestare denaro ad interesse agli Stati, non creando però di pari passo il denaro per pagare anche gli interessi, di fatto li ha sprofondati in un debito pubblico non pagabile che cresce sempre... con ricchezza reale del Paese che passa progressivament e in mano ai proprietari di queste banche "nazionali".
Notate che circa nel 1905 lo zar rifiutò la creazione di una Banca Centrale privata, gioco forza era un ostacolo che andava tolto di mezzo


Certamente... ille due furono le ... GRANDI RIVOLUZIONI DI SATANA... per abbatter quanto restava ancora della CRISTIANITA' MEDIO+EVALE... ILLA SOLA VERA, LEGITTIMA, MON+ARKICA... al fine, proprio come tu ben ricordi, di soppiantarla con i falsi e fasulli, finti "Stati" attuali, laici, repubblicani, democratici... DEMOCRAZIA... ovverossia... TIRANNIA... ove li puopoli son caduti nelle sozze mani della diabolica, satanica triade... "BANKIERI, BORSAIOLI, FINANZIERI"... LO BIBLICO "LEVIATAN" insomma... FUCK OFF... "OCCIDI MERETVR"!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# AlexFocus012 2011-10-21 07:53
Sentite, non ce la faccio più a sentire chi si piange addosso, si flagella, si critica stucchevolmente .
Il Sud d'Italia ha una storia, una cultura, un vissuto di 3.000 anni: quando quelli del Nord erano ancora alla pelliccia ed alla clava, noi avevamo già delle corti raffinate ed avanzate, c..zo!
Se l'Italia si meridionalizzas se vorrebbe dire più scolarizzazione , più forza interiore, più resistenza alla deformazione sociale: i valori li stiamo difendendo più nella parte Sud che in quella Nord, daccordo?!
E se non vi piace il "sistema Sud" accomodatevi pure altrove, non sentiremo la vostra mancanza!
Viva il Re!!!
Alex Focus
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# lando 2011-10-25 13:24
Citazione AlexFocus012:
Sentite, non ce la faccio più a sentire chi si piange addosso, si flagella, si critica stucchevolmente .
Il Sud d'Italia ha una storia, una cultura, un vissuto di 3.000 anni: quando quelli del Nord erano ancora alla pelliccia ed alla clava, noi avevamo già delle corti raffinate ed avanzate, c..zo!
Se l'Italia si meridionalizzas se vorrebbe dire più scolarizzazione , più forza interiore, più resistenza alla deformazione sociale: i valori li stiamo difendendo più nella parte Sud che in quella Nord, daccordo?!
E se non vi piace il "sistema Sud" accomodatevi pure altrove, non sentiremo la vostra mancanza!
Viva il Re!!!
Alex Focus


Sì .. le solite c....te dei neoborbonici... il Rinascimento è roba di Toscana e di Padania... al sud cosa c'era a quei tempi? "La IIIa potenza d'Europa" prima dell'unità d'Italia!? Ma dove le andate a prendere 'st c....te? Nel 1828 una 'spedizione punitiva' contro i pirati tripolini finì miseramente, l'ammiraglio Sozi Carafa partì con la polvere GUASTA. E lo sapeva, ma da buon fellone (si è visto poi cosa era l'esercito borbonico contro quel disgraziato di Garibaldi) non ebbe il coraggio di scavalcare il ministro della Guerra (un altro da fucilare in uno Stato serio) che, anche lui cosciente del fatto, gli intimò di partire ugualmente... e questo sarebbe stato un Paese serio?
... la Ia ferrovia... sì 10 km fatta dagli inglesi... solo che dopo 20 anni i km erano diventati solo 100, mentre al nord, erano già circa 3.000!!! E i tassi di analfabetismo nord/sud quali erano nel 1.860? Per favore "USCITE FUORI I LIBRI" come dicono alcuni professori terry trapiantati (purtroppo) al Nord e cercate di studiare seriamente...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# expat 2011-10-25 23:17
Con tutto il rispetto Lando,
in questa apocalisse (svelamento) le verità vengono alla luce.
Capisco che lei vuole essere fiero delle sue origini, ma in tutta onestà non può confrontare il nord e il sud da solo 150 anni di storia. Il sud Italia ha più storia, arte, cultura, ecc. rispetto al nord e sarà sempre così. E' palese... al posto di criticare il trapiantato meridionale che non conosce la storia, perchè non prende la sua auto per vedere il sud dell'Italia? Un Paese magnifico... il nord pure, però molto ma molto di meno... ascolti qualche intervista su youtube di Pino Aprile.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# becaneabois2 2011-11-16 05:00
Guardiamo con fiducia questi punti forti e cerchiamo di risollevarci.
Questi valori possono servire anche al Nord.
Ispiriamocene.
Se invece litighiamo il terzo gode.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giancarlo Bignani 2011-10-24 21:04
Senza patria non esistono rivoluzioni, e le Due Sicilie non sono una patria.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# lando 2011-10-27 10:10
Jacob Burckhardt, La civilta’ del Rinascimento in Italia, edizioni Newton
Pagina 331... in certe regioni d'Italia, DOVE LA CULTURA NON PENETRO' MAI, gli abitanti del contado vivevano in stato di permanente barbarie e non risparmiavano nessun forestiero che capitasse loro fra le mani. Ciò accadde particolarmente nelle parti più remote del regno di Napoli, dove la barbarie era di lunga data e risaliva all'epoca dei grandi latifondi romani, e dove si guardava con la stessa ostilità l'uomo straniero e il nemico (hospes e hostis) ... un tratto caratteristico ancor peggiore dei costumi di allora è la frequenza del DELITTO COMMESSO PER CONTO TERZI, A UN PREZZO CONVENUTO. IN CIO’, NOTORIAMENTE, NAPOLI AVEVA IL PRIMATO SU QUALUNQUE ALTRA CITTA’ D’ITALIA. “QUI NON V’HA COSA CHE POSSA AVERSI TANTO A BUON MERCATO, QUANTO LA VITA D’UN UOMO”, SCRIVE IL PONTANO...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Expat 2011-11-09 12:54
@ Lando,
pure io posso trovare citazioni in un dibattito per difendere il mio argomento... poi non ho mai sentito parlare di Jacob Burckhardt (sarò ignorante).
In ogni caso, ho vissuto in Italia dove c'é positivo e negativo nel nord e nel sud. Accusando uno o l'altro non vi porterà da nessuna parte. Se l'Italia del sud avesse metà dei soldi del nord, le cose andrebbero diversamente. Lo sappiamo tutti.
Legga il libro di Pino Aprile per capire la situazione del Sud di ieri e per capire cosa accadrà al nord domani.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# becaneabois2 2011-11-16 04:56
Jacob Burckhardt, è un nome originale per uno che si fa passare come esperto del meridione.
Comunque sia il suo discorso sembra celare qualche pregiudizio, per esempio: DOVE LA CULTURA NON PENETRO MAI...
argomento tipico di chi antepone il frutto delle elucubrazioni dell intelletto umano ai valori della tradizione.
Avrebbe potuto dire piu onestamente che nel Regno delle Due Sicilie c'erano covi di pirati, o di banditi.
Cosa piu che comprensibile viste le particolarità geografiche di queste regioni, con montagne inaccessibili, coste tormentate, e la persistenza in alcune parti di riti pre-cristiani.
Se tornasse adesso potrebbe cancellare IN ALCUNE PARTI con DAPERTUTTO e comprendere il suo errore di base.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Leo-II 2011-10-27 22:56
E infatti lo scrittore Raffaele La Capria contrappone i civili e miti napolitani, ai feroci e barbarici campani (quelli di "Gomorra") inurbatisi alla conquista della "Capitale nobilissima".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Lenny 2011-10-29 08:20
Meridionalizzat o il nord. Da nordico quello sì, devo dire che è vero, quando il pensiero del lavoro, dello sforzo, della solidarietà, della famiglia, della comunità viene sostituito al pensiero del lavoro comodo e sicuro, magari statale, dell'egoismo, del "finchè non capita a me", dell'omertà, della minaccia velata o palese, dell'interesse proprio anche a discapito della comunità leggi evasione, del gettare rifiuti dove capita "tanto qualcuno che pulisce c'è", della dissipazione anzichè risparmio.
Negli ultimi trent'anni ho visto il passaggio tra quello che hanno trasmesso gli antenati in termini di valori e quello che invece la società, i media o le persone che incontro mi trasmettono sempre più spesso.
Ma forse è il mondo intero che si sta meridionalizzan do...

Eppure c'è ancora tanta gente qui che fa volontariato, che intraprende, che ha voglia di fare e migliorare le cose, forse questi dovremmo seguire anzichè i più sonori e urlanti leader meridionalizzat i. Ma questo dipende da noi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Castor 2011-11-02 13:10
Ricordo che lo scrittore Sciascia è nato a Racalmuto, un paese del profondo sud. I suoi libri sono molto conosciuti in Europa.
Uno scrittore siciliano con una grande cultura europea, uno dei pochi intellettuali italiani onesti. Il personaggio dimostra che il Sud può avere uomini di valore. Peccato, che al sud sia mancata una dominazione austro-ungarica. Mentre al nord-est ha lasciato quel minimo di tradizione di amministrazione pubblica che ha consentito uno sviluppo dignitoso.
Oggi questo lascito austriaco è stato dilapidato dal malaffare politico.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-05 01:23
Citazione Castor:
Ricordo che lo scrittore Sciascia è nato a Racalmuto, un paese del profondo sud. I suoi libri sono molto conosciuti in Europa.
Uno scrittore siciliano con una grande cultura europea, uno dei pochi intellettuali italiani onesti. Il personaggio dimostra che il Sud può avere uomini di valore. Peccato, che al sud sia mancata una dominazione austro-ungarica. Mentre al nord-est ha lasciato quel minimo di tradizione di amministrazione pubblica che ha consentito uno sviluppo dignitoso.
Oggi questo lascito austriaco è stato dilapidato dal malaffare politico


E pensa un po' che proprio oggi hanno festeggiato la... "vittoria"... hahaha... e ci campano ancora su, quasi cent'anni dopo, di sfacciata, immeritata, parassitaria rendita... 'sti sfrontatissimi fessi... "rappresentativi "!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# mirko 2011-11-02 17:20
Mi chiedo soltanto come mai il radioso e luminoso nord sabaudo, sia venuto a conquistare... pardon... liberare...queste Due Sicilie così barbare, arretrate, sgovernate e retrograde...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-03 22:36
Citazione mirko:
Mi chiedo soltanto come mai il radioso e luminoso nord sabaudo, sia venuto a conquistare... pardon... liberare...queste Due Sicilie così barbare, arretrate, sgovernate e retrograde...


DICVNT... che anche allora, come pure oggi d'altronde, ci fosse di mezzo... L'ORO... NIHIL SVB SOLE NOVI!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Klaatu 2011-11-06 12:01
Citazione mirko:
Mi chiedo soltanto come mai il radioso e luminoso nord sabaudo, sia venuto a conquistare... pardon... liberare...queste Due Sicilie così barbare, arretrate, sgovernate e retrograde...


Perchè la Massoneria inglese lo illuse che sarebbe stato un importante Stato nazionale nel panorama europeo, nascondendogli il vero destino di colonia, che tutt'oggi permane, nonostante la propaganda per celebrolesi della marionetta "Napolitana".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-04 23:02
E nel bel mentre, pure oggi, ci si pavoneggiava e trastullava con l'ennesima, costosa auto-celebrazione... "laica, repubblicana et demoniocratica"... IL SOMMO... "GIOVE+GEOVA"... "PLUVIO"... si scatenava, in quel di GENVA... mah... pare che, da un po' di tempo in qua, il nostro disgraziato EX-Bel Paese venga preso di mira dagli incolleriti... "DEI"... boh, forse... LASSU'... "QUALCUNO"... NON CI AMA PIU'!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-05 14:54
E tiranno innanz... SIA LAICI CHE CHIERICI... a patetici fervorini ed ipocriti predicozzi... "scatto di reni, colpo d'ala, rimboccatevi le maniche,
tiratevi la cinghia, è colpa della crisi, ne usciremo fuori alla grande"... et cetera... E' IL BLABLABLA' DEI... QVAQVARAQVA'!

E si son messi in testa, 'sti stupidi illusi, di poter darla a bere pure a lo... "ETERNO+PATRE"... beh... si stanno per davvero tirando in su la loro vota capa tote le sagitte de lo... "COELVM"... ovverossia del... "FVLGVRATOR"!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-07 20:21
Or ora proposto al TIGGI', da illo rampante orecchionato pugliese... "Governo di...SCOPO"... paratevi ben bene.. "EL DE DRIO"... mes amis, siamo per davvero in... "ANO-crazia"!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-09 13:48
DEO GRATIAS... qual somma, sublime, sovrana goduria...
con tutti li lor superbi, pomposi, incoscienti... "festeggiamenti"... del... "C. L."... che stanno justamente finendo in... KAKKA... dentro la... "KLOAKA MAXIMA", così come la loro nefasta, diabolika, maledetta, satanika... "DEMONIO.CRAZIA"... "elettiva, parlamentare, rappresentativa "... degenerata, DE FACTO, ormai, in..."ANO...KRAZIA"... preludio alla finale, fatidica, fatale... "ANO...ARKIA"... "laica, repubblicana, democratica"...
AMEN... ALLELUJA!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-09 19:22
E nun penzano artro che anna' de novo alle... "ELEZZZIONI"...
ma quanto so' dritttoni... 'STI INCORREGGIBILI BVFFFONI!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Paolo 2 2011-11-10 08:59
Citazione NOMEN:
E nun penzano artro che anna' de novo alle... "ELEZZZIONI"... ma quanto so' dritttoni... 'STI INCORREGGIBILI BVFFFONI!!!

Magari, questa notte Napolitano, l'uomo faro della Patria, ha scelto Monti; guarda caso ieri nominato "senotore a vita".
La sinistra esulta,la destra esulta, intanto il caimano cerca di uscire da una porta di servizio senza farsi notare.
Il magna,magna, continua!
A questo è servito il Risorgimento?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-10 16:39
Citazione Paolo 2:
Citazione NOMEN:
E nun penzano artro che anna' de novo alle... "ELEZZZIONI"... ma quanto so' dritttoni... 'STI INCORREGGIBILI BVFFFONI!!!

Magari, questa notte Napolitano, l'uomo faro della Patria, ha scelto Monti; guarda caso ieri nominato "senotore a vita".
La sinistra esulta,la destra esulta, intanto il caimano cerca di uscire da una porta di servizio senza farsi notare.
Il magna,magna, continua!
A questo è servito il Risorgimento?


Ah, certo, sicuro... ne sanno per davvero una più del Diavolo... buttano in scena una faccia "nova"... che possa coprir ben bene le "vecie" maschere che hanno ormai stufato... affinchè tutto possa continuar come prima e magari pure, why not, ancor più di prima... EVVIVA LO CARNASCIALE!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-10 21:10
A proposito... visto che pare sia in vista un mirabolante, apocalittiko, messianiko "Governo" sé dicente e spacciato qual... "TECNICO"... rammentiamoci le tante sfumature di questo termine, che in "ellenika" favella, sòna come... "ARTIFICIALE... ARTEFATTO... ARTIFICIOSO... SCALTRO... ASTUTO"... et cetera... ah,chiedo venia, stavo per desmentegarmene , pardon... richiama pure alla mente la curiosa, eloquente, clara idea di... "IMBROGLIO... TRANELLO... INGANNO"... DVRA VERITAS, SED VERITAS!!!

E poi qualche saccente ignorantello ha pure l'ardir di sostener che lo studio del "GRECO" oggi non serva più, essendo, per lui, lingua... "morta"... a me pare invece che sia... PIU' VIVA CHE MAI... assieme alla Imperial favella... "LATINA"... ovviamente!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Paolo 2 2011-11-11 09:41
Intanto, il Direttore con quel solenne "cretino"al nuovo salvatore della patria, si è guadagnato un nuovo lettore. Il tizio l'ho ascoltato circa vent'anni addietro,in un convegno con la Bonino, dei Radicali. Avete presente il vuoto
spaziale, è peggio di quel vuoto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-11 12:52
Citazione Paolo 2:
Intanto, il Direttore con quel solenne "cretino"al nuovo salvatore della patria, si è guadagnato un nuovo lettore. Il tizio l'ho ascoltato circa vent'anni addietro,in un convegno con la Bonino, dei Radicali. Avete presente il vuoto
spaziale, è peggio di quel vuoto


Nessuna sorpresa, mon ami... è il requisito maximo, per far carriera, unita certo ad una bella sfacciata faccia da pavido, ipocrita, esangue pretonzolo laico... e te lo immagini UN HOMO VERO quale IL NOSTRO DIVINO AURITI venir nominato... "senatore a vita"? Ma quando mai!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-11 21:22
Citazione NOMEN:
Citazione Paolo 2:
Intanto, il Direttore con quel solenne "cretino"al nuovo salvatore della patria, si è guadagnato un nuovo lettore. Il tizio l'ho ascoltato circa vent'anni addietro,in un convegno con la Bonino, dei Radicali. Avete presente il vuoto
spaziale, è peggio di quel vuoto


Nessuna sorpresa, mon ami... è il requisito maximo, per far carriera, unita certo ad una bella sfacciata faccia da pavido, ipocrita, esangue pretonzolo laico... e te lo immagini UN HOMO VERO quale IL NOSTRO DIVINO AURITI venir nominato... "senatore a vita"? Ma quando mai!


... oppure, IL DEFVNTO MAESTRO MONICELLI... eh, no... se non appartieni, a pieno diritto, alle proverbiali categorie "sciasciane"... OMINICCHI, PIGLIAINCVLO, QVAQVARAQVA'... niente nomina, mon ami!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-16 21:42
"SILVIO...klastìa"...
"MARIO...latrìa"...
sublìme simmetrìa!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-22 16:30
Su LA7... è or ora andato in onda un vecchio film del 1951... "Achtung,bandite n!"... beh... c'è proprio da chiedersi dove sia andata a finire la gloriosa, immacolata, santa... "Repubblica nata dalla Resistenza"... forse nella odierna... "CLOACA+MAXIMA"... fra ruberie, scandali e mazzette, come l'attualità purtroppo ben ci dimostra... ma, per fortuna, si son inventati..."SuperMario"... L'OMO DELLA PROVVIDENZA... IL SALVATORE DELLA PATRIA... a far da tappo e comodo, furbesco, strumentale paravento... per tirar innanzi di parassitaria rendita per un altro po' ancora... fin tanto che dura, certo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-23 14:22
E nel bel mentre va "a fondo" la ormai sgangherata loro barcaccia chiamata... "I-taglia"... mica rinunziano, tutti 'sti supponenti stupidi fessi, alla quotidiana, retorica, stucchevole... AUTO-celebrazione del... "C. L."... BVFFONI... PAGLIACCI... FELLONI... VAFFA!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-24 13:10
E mettevano in croce... IL DEFVNTO "K"... scandalizzandos i per le sue "picconate" a corrente alternata, un giorno sì e l'altro no... mentre l'attuale, lassù,sul Colle, va a corrente continua, esternando un giorno sì e l'altro pure, fra il ruffianesco, servil, furbesco tripudio generale... ma che Paese strano che è l'I-taglia!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-24 16:58
Citazione NOMEN:
E mettevano in croce... IL DEFVNTO "K"... scandalizzandos i per le sue "picconate" a corrente alternata, un giorno sì e l'altro no... mentre l'attuale, lassù,sul Colle, va a corrente continua, esternando un giorno sì e l'altro pure, fra il ruffianesco, servil, furbesco tripudio generale... ma che Paese strano che è l'I-taglia!


... "QUESTA"... che una sola cosa si merita... di esser "TAGLIATA" ben bene... e non certo di esser "salvata", come cretini in bona e drittoni in mala fede ancora sperano... confidando, 'sti stupidi illusi, di poter trovar clemenza presso lo... "ETIERNO+PATRE"... per poter continuare a fregarci per un altro po' ancora, raccontandoci le solite balle di siempre... SACRIFICI... LACRIME E SANGUE... CRESCITA... ET CETERA... sì, come no, contateci pure... BUFFONI!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-25 19:18
MMM... chiamato al capezzale della moribonda... "Repubblica nata dalla Resistenza"... e sotto li divini auspici della augusta ricorrenza del mitico... "150°=C. L."... se la sta prendendo un po' troppo comoda, lo chiarissimo Professore, rischiando così di far la figura del "fesso" parafulmine di turno... e, soprattutto qualora osasse ripristinare l'odiosissima, ingiusta, incostituzional e
... "ICI"... sulla prima casa dei soliti tapini... operai, impiegati, pensionati et cetera... sarebbe più che justo et doveroso parafrasarlo, augurandogli l'ormai classico...
SIC TRANSIT GLORIA... MONTI'S!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrorosa1 2011-11-26 16:23
MORS ULTIMA LINEA RERUM EST.
Citazione per tutti i vari massonici defunti e che attende il massone Pannella (che spero faccia un ulteriore cura dimagrante) insieme alla compagna Bonino di cognome ma malino d'animo, chissà se Aurora e Rugiada le due bimbe adottate per istruirle sull'aborto conoscono il male che questa donna ha procurato alla società italiana con milioni di aborti legali senza impegnarsi per una seria politica familiare.
Il suo impegno per l'infibulazione dimostra la sua insensibilità verso le proprie responsabilità di cittadina
italiana ormai vecchia zittella.
Scrivo su questa donna in quanto esempio dell'assurdità con cui viene dato il potere di trattare le problematiche di vita ad una donna priva di famiglia e quindi senza quei valori alla base della conoscenza, ma forte di relazioni massoniche.
Certo Giovanni Paolo II non aveva una famiglia, ma amava DIO che era suo Padre sua Madre e di cui si sentiva figlio.
Egli in ultima analisi amava la VITA sopra ogni cosa ed era tutt'uno con l'Amore e la Giustizia.
Quando la Signora Bonino si presenterà davanti alla Signora Morte dovrà rispondere del sangue inutilmente versato per disgregare la famiglia e continuare la politica massonica di potere e morte.
Forse che lor signori sono padroni della loro vita?
Scrive il Prati: "... tu non sai che i morti al mondo non ritornan mai!!!".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-26 18:34
Citazione astrorosa1:
MORS ULTIMA LINEA RERUM EST.
Citazione per tutti i vari massonici defunti e che attende il massone Pannella (che spero faccia un ulteriore cura dimagrante) insieme alla compagna Bonino di cognome ma malino d'animo, chissà se Aurora e Rugiada le due bimbe adottate per istruirle sull'aborto conoscono il male che questa donna ha procurato alla società italiana con milioni di aborti legali senza impegnarsi per una seria politica familiare.
Il suo impegno per l'infibulazione dimostra la sua insensibilità verso le proprie responsabilità di cittadina
italiana ormai vecchia zittella.
Scrivo su questa donna in quanto esempio dell'assurdità con cui viene dato il potere di trattare le problematiche di vita ad una donna priva di famiglia e quindi senza quei valori alla base della conoscenza, ma forte di relazioni massoniche.
Certo Giovanni Paolo II non aveva una famiglia, ma amava DIO che era suo Padre sua Madre e di cui si sentiva figlio.
Egli in ultima analisi amava la VITA sopra ogni cosa ed era tutt'uno con l'Amore e la Giustizia.
Quando la Signora Bonino si presenterà davanti alla Signora Morte dovrà rispondere del sangue inutilmente versato per disgregare la famiglia e continuare la politica massonica di potere e morte.
Forse che lor signori sono padroni della loro vita?
Scrive il Prati: "... tu non sai che i morti al mondo non ritornan mai!!!"


Ma sì, dai, aggiudicato... oggi come oggi, visti i brillanti risultati sin qui conseguiti, col disordine dilagante ed imperante ormai ovunque, grazie a tutti i loro sforzi tesi alla distruzione del vecchio, cattolico, antiquo Ordine...
"MASSONE"... è sinonimo di... "BVFFONE"... ERGO... "MASSONI=FELLONI"!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-11-29 17:22
Nominato, finalmente, lo ministro de la zentralissima pubblica... "FVNZIONE", pardon, "FINZIONE"... forse napolitano parente de illo partenopeo, illustre, defuncto... "Metteur en scène"... beh... che dir allor, nisi... "que la Fête commence!"!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-12-04 19:46
Toh... ma varda un po'... dopo l'investitura suprema da parte del... "SIOR PARON"... d'oltreoceano, illo furbastro parassita, che ancora campa di immeritata rendita di posizione, vantandosi della ormai lontanissima "vittoria" nel remotissimo 1945... parrebbe esser tornata, l'Itaglia, alla... "DIVINA+MONARKIA "... peccato, però, che si tratti solo di squallida, ridicola, grottesca... "PARODIA"... diabolika et satanika... come ben preconizzatoci dal... "NOSTER+DIVINVS+ GVENONIVS"!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2012-01-07 22:45
E, a proposito della Italia, spacciata come eternamente... "una ed indivisibile"... mai dire mai... visto che pure l'A-tomo lo si supponeva tale, ma poi lo si scoperse "tomo"... e pure... maximo esemplare esempio... DIO E'... "UNO E TRINO"... ERGO... nessuno puote escluder,"a priori", che possa diventar... "UNA E TRINA"... pure l'Italia! Cosa che "de facto" risulta già... si tratterebbe, quindi, solo di prenderne doveroso atto, tramutandolo in... "de jure"... "NORD+CENTRO+SVD ".. coraggio...
NIHIL OBSTAT!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Attacco di gastrite istituzionale?
Alcuni organi di stampa hanno riportato il perentorio, categorico e rabbioso divieto del Prof Burioni, (burocrate del ministero della salute, eletto da politici) a Comune, Provincia e Università di...
La Scelta Antitumore
Ho pubblicato il libro sulla prevenzione dei tumori, da oggi in libreria, per documentare come i principi della prevenzione e cura del MDB (Metodo Di Bella)
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità