>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-152

RSS 2.0
menu-1
Mangiare un terzo in meno mantiene giovane il cervello
Stampa
  Text size
MILANO - Troppe calorie nel menu quotidiano “invecchiano” anche il cervello. Insomma, studio dopo studio la scienza conferma che il segreto di lunga vita in buona salute è proprio nello stile di vita a tavola. Ed è stata scoperta addirittura una molecola che protegge i neuroni dall’invecchiamento. Una molecola attivata proprio se si mangia meno. Quanto meno? Oggi si può dire: un 30 per cento delle calorie vanno lasciate nel piatto. Quasi un terzo di quelle consigliate come normali in base al tipo di attività che si svolge. In altre parole, chi deve assumere 2.000 calorie le riduce a 1.400. E questo è già stato individuato da studi precedenti (pubblicati su Science e Nature): quelli che hanno collegato la longevità cellulare a una dieta ipocalorica.

LA MOLECOLA - La molecola anti-aging cerebrale l’hanno scovata ricercatori italiani. Dell’università Cattolica di Roma. La molecola si chiama Creb1, viene attivata da una dieta a basso contenuto calorico e funziona da direttore d’orchestra accendendo altri geni importanti per la longevità e per il buon funzionamento del cervello. Lo studio è stato condotto dall’équipe di Giovambattista Pani, dell’Istituto di Patologia generale diretto da Achille Cittadini, in collaborazione con l’équipe di Fisiologia umana guidata da Claudio Grassi. Ed è stato pubblicato su Proceedings of the national academy of sciences Usa (Pnas). «L’obiettivo ora – commenta Pani – è trovare il modo di attivare Creb1, per esempio attraverso nuovi farmaci, anche senza doverci sottoporre a una dieta ferrea. La restrizione calorica è stata per noi più che altro un espediente sperimentale per scoprire e accendere un circuito protettivo del cervello che coinvolge Creb1 e altri geni responsabili della longevità, le sirtuine (Sirt)».

OBESITÀ E INVECCHIAMENTO - In verità l’osservazione, negli ultimi anni sempre più avvalorata da numerosi risultati sperimentali, aveva già collegato l’obesità ad un rallentamento e ad un invecchiamento precoce delle funzioni del cervello. Così come avviene con malattie tipiche della terza età, dalla demenza senile al Parkinson. Al contrario, la restrizione calorica (nella giusta misura) mantiene giovane il cervello. Lo rende più attivo. Ma i “pulsanti” molecolari che governano gli effetti positivi della dieta sul cervello erano finora ignoti. La molecola individuata dal gruppo di scienziati della Cattolica apre più di uno spiraglio.

DIVERSE FUNZIONI - Non a caso Creb1 regola normalmente importanti funzioni cerebrali come la memoria, l’apprendimento e il controllo dell’ansia. E la sua attività diminuisce, o viene compromessa, proprio dall’età che avanza. «I neuroni – spiega Grassi – comunicano tra loro mediante giunzioni specializzate, le sinapsi, la cui funzione è essenziale non solo per la trasmissione delle informazioni nelle reti neurali, ma anche per il loro immagazzinamento (formazione dei ricordi). La corretta funzione delle sinapsi è, quindi, determinante per l’apprendimento e la memoria. Mente le alterazioni delle sinapsi sono alla base del declino cognitivo che si osserva nella malattia di Alzheimer e in altre forme di demenza. La restrizione calorica, come abbiamo visto e dimostrato, potenzia la capacità delle sinapsi di memorizzare le informazioni. Tale azione benefica è proprio mediata da Creb1». In topi in cui è stata bloccata Creb1 nelle aree cerebrali deputate alle funzioni cognitive, i benefici della restrizione calorica sul cervello (miglioramento della memoria, eccetera) non si verificano. L’animale, nonostante la dieta, presenta gli stessi deficit dell’animale supernutrito. È la prova del 9.

Mario Pappagallo

Fonte > 
Corriere.it



Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# maxim 2011-12-20 20:51
Che cognome: pappagallo, mai sentito in vita mia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Orwell 2011-12-20 23:37
Quindi non è il piano maltusiano di volerci impoverire ma di volerci prolungare la vita! Allora ben venga la crisi! Ma se la fame ci renderà più longevi come verremo sfamati? Ah già, dimenticavo che mangiare meno allunga la vita, soprattutto se si elimina quel brutto vizio del desinare! Speriamo si creino delle milizie che multino chi mangia troppo. Si, perché colui che mangia troppo, oltre a rovinarsi la salute diventa un costo sanitario per la comunità e consuma inutilmente le limitate risorse alimentari.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-12-20 23:57
Mah... quando me se menziona, pardon, minziona el... "CEREBELLVM"... me vene spontaneamente en mente..." ER+KORE"... boh... chissà perchè!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2011-12-23 14:01
Citazione NOMEN:
Mah... quando me se menziona, pardon, minziona el... "CEREBELLVM"... me vene spontaneamente en mente..." ER+KORE"... boh... chissà perchè!!!


... e poi, pure,in auto+matiko, quello... "SAKRO"... illo proprio, mitiko, de la... "VANDEA"... NOBLESSE OBLIGE!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime 10 traduzioni FDF:
Nuovo studio dalla Germania: maggiore copertura vaccinale --> maggiore mortalità
Steve Kirsch
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Il duro lavoro della propaganda
Caitlin Johnstone
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Tra talebani e COVID
Gilad Atzmon
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
La demolizione controllata del mondo occidentale: le tappe
911nwo
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Un grande male è all’opera
NC Renegades
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Benedizione e blasfemia
Gerhard L. Müller
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
I crimini di guerra di Israele — lo dice un ebreo
Dave Lindorff
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Quando ci renderemo conto che Bill Gates è pazzo?
Tap News
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
L’Olocausto di Dresda
Rense
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
I padroni domandano la schiavitù totale
shtfplan
TRADUZIONE EFFEDIEFFE

Articoli piu' letti del mese nella sezione Worldwide

Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità