>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-133

RSS 2.0
menu-1
grecia_fregata
Alla fine, hanno fregato la Grecia
Stampa
  Text size
«Non cambiamo posizione, i responsabili greci lo sappiano», ha detto la Merkel. È la sua ultima parola. Se il governo greco non fa gli ultimi tagli – e non può farli, perchè ha tagliato la carne dei greci fino all’osso, e la rivolta travolge il governo stesso – la Grecia non avrà l’ultimo pacchetto di «salvataggio» europeo-FMI, i 130 miliardi in sospeso. Ciò significa che il 20 marzo la Grecia farà bancarotta, non potendo rinnovare i 14,5 miliardi di Buoni del Tesoro in scadenza.

Non fatevi ingannare dal fatto che il governicchio greco abbia varato un disperato ultimo taglio a sangue sul suo popolo, fra gli incendi e i lacrimogeni, per accontentare la Merkel ed ottenere la tranche di 130 miliardi di euro di «aiuti» (aiuti alle banche creditrici). Non servirà, non basterà.

Perchè la durezza inflessibile della Merkel ha un motivo: il fallimento greco non è più una minaccia per la zona euro. I tre anni di negoziati e austerità devastanti che il governo greco ha concesso ai suoi creditori, nel vano tentativo di restare nelleuro, ha  regalato ai banchieri il tempo per liberarsi dei titoli del debito greco, e divincolarsi dalla stretta del debitore: le banche straniere, si calcola, hanno ridotto la loro esposizione del 60%. Per il resto, hanno già raggiunto un accordo di ristrutturazione tutto sommato a loro favorevole.

Lo ha spiegato al Telegraph William Buiter, capo-economista di Citigroup: «Ai primi di settembre ritenevamo che il costo delluscita della Grecia sarebbe stato molto alto per il resto del mondo; oggi pensiamo che il rischio sia molto minore perchè il contagio può essere contenuto». Anzi, per «il resto del mondo», è diventato più alto il rischio nel salvare la Grecia: secondo il FMI, il Paese avrebbe bisogno di iniezioni di 250 miliardi di dollari per i prossimi 10 anni. E tutto questo, per un Paese che rappresenta solo il 2,5% dell’economia dell’area euro. Vale la pena? No, per i  banchieri globali.

Ciò significa che i governanti greci si sono privati da sè dell
unica arma (di ricatto) che avevano, ossia di trascinare con sè nella rovina gli altri membri delleuro-zona. E per nulla: la bancarotta era già nei fatti da tre anni. Basti dire che l’ultimo pacchetto di salvataggio offerto dai poteri forti, quei 130 miliardi, rappresentano il 56% del PIL greco, un PIL che sta collassando. Quando mai quei 130 miliardi (un prestito, mica un regalo) avrebbero potuto essere restituiti?

Adesso la Grecia viene comunque abbandonata a se stessa e alla bancarotta in catastrofe. E ci arriva, tagli dopo tagli alla spesa pubblica, rigore dopo rigore, con un’economia distrutta, una produzione industriale che è collassata, una popolazione ridotta alla miseria e senza paracadute sociali, una disoccupazione passata dal 18,2% ad ottobre al 20,9% a novembre (un aumento del 14% in un solo mese), 60 mila piccole imprese familiari chiuse per fallimento, capitali fuggiti all’estero per 60 miliardi (il 20% del PIL), le sue banche svuotate dai depositi, un’esazione fiscale atroce che però non riesce più a crescere perchè non c’è più niente da tosare, una gioventù che fugge all’estero perchè il Paese è senza prospettive, il caos sociale insieme al caos finanziario.

Conclusione
: la Grecia avrebbe fatto meglio a fallire prima. Tre anni fa. Dare un calcio alla «Troika» e alle sue interessate terapie di «risanamento», rifiutare gli «aiuti» a carissimo interesse, e cessare i pagamenti alle banche tedesche e francesi – subito, quando ancora aveva un po’ di carne attaccata alle ossa. Avrebbe affrontato la bancarotta, e il ritorno alla dracma, con qualche energia in più da spendere nella stretta di cinghia che avrebbe preparato il rilancio. Rilancio che sarebbe avvenuto sicuramente, dopo due o tre semestri, con la riacquistata competitività: basti pensare che il turismo, che conta per il 16% del PIL, avrebbe avuto una ripresa tumultuosa grazie alla dracma debole. E così i noli navali, l’altro cespite nazionale.

La lezione dovrebbe servire anche per l’Italia, come per Spagna, Portogallo e Irlanda. È inutile accettare rigori e austerità per continuare a servire un debito impagabile. Il debito impagabile non va pagato. Meglio accettare l’austerità auto-imposta dal default sovrano, ugualmente tragica, ma che prepara al rilancio e alla crescita, che insistere con tagli, svendita (privatizzazioni) e austerità che non danno prospettive, e pagare il prezzo della perdita di sovranità a vantaggio di un comitato di creditori e agenti pignoratori sovrannazionali.

Come nota il Telegraph, nel 1953 la Germania di Adenauer, ancora un cumulo di  macerie, ottenne dagli Alleati, USA, Inghilterra, Francia, Canada... e Grecia, una ristrutturazione del debito più generosa di quella che oggi impone ad Atene: il dimezzamento dei debiti, che finirono per essere il 70% a forza di allungamento dei termini di maturità. Fu decretata una moratoria di cinque anni sul pagamento degli interessi. Il governo greco di allora condonò  alcune riparazioni di guerra per la crudele occupazione del Reich, che aveva provocato la Grande Fame. L’esplicita  motivazione fu: dare alla Germania ossigeno bastante a ricostruire il suo tessuto economico, e averla dalla parte dell’Occidente come prima linea contro l’URSS. La Grecia d’oggi non ha la stessa importanza strategica. Berlino e Parigi, le cui banche sono (erano) le più esposte al debito greco, hanno imposto al miserevole governo ellenico acquisti di costosissimi e inutili armamenti Made in France e Made in Germany; Atene ha accettato  sperando di avere comprato degli amici soccorrevoli nella sua crisi.

Alla fine, invece, l’hanno fregata.

Nel tenebroso caos che la Grecia deve adesso affrontare da sola, c’è un solo raggio di luce, ancorchè paradossale: ed è che la Polizia greca sta facendo causa comune con i rivoltosi, la cui protesta è stata mandata a stroncare nella strade. Il maggior sindacato di Polizia ha emesso il seguente comunicato: «Rifiutiamo di metterci contro i nostri genitori, fratelli, figli, contro i cittadini che chiedono un cambiamento». Ed ha minacciato di arrestare i membri della Troika per «insulto alla democrazia e alla sovranità nazionale».

Questo sì può cambiare le cose. Un popolo tosato e dissanguato, da solo, non ha potere di cambiare le cose. Per un semplice fatto: non ha le armi, ha abbandonato le armi allo Stato che ha il monopolio della violenza, ed è capace di organizzarla contro i cittadini (1). Ma pensate se la nostra Polizia, pensate se i carabinieri rifiutassero di fare da scorta ai nostri politicanti avidissimi, i colpevoli del nostro immane debito pubblico, a questi parassiti che ci hanno portato alla rovina, e poi hanno ceduto la sovranità  che gli avevamo delegato ai «tecnici», ossia ai maestri della tosatura e del salasso  per conto dei banchieri e della Kommissione. Pensateci: chi ha le armi per cacciar via questi parassiti miliardari dal governo e dal sottogoverno, per allontanarli dai posti dove continuano  ad intascarsi il maltolto e a succhiarci il sangue? C’è da sognare.

La Grecia sta cominciando a diventare un esempio per noi, proprio adesso.




1) Come abbiamo spesso ricordato, abbiamo un esercito effettivamente pronto a combattere il nemico esterno, che consta sì e no di ventimila uomini. Ma abbiamo 500 mila fra poliziotti, carabinieri e finanzieri armati; il che la dice lunga su quanto i politici vogliano il controllo del «nemico interno», il popolo italiano.


L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.   


 
Nessun commento per questo articolo

Aggiungi commento


Altre notizie in questa sezione :
La Germania ha vinto la Grecia. Per nostra rovina, e sua

La politica della BCE ha raggiunto i suoi limiti, e con ciò la finzione. L’enorme baraccone...
ISIS: sanguinosa finzione, e si sta sgretolando

Il trucco allarmistico-paranoico – tipico della narrativa ebraica – della «creazione...
Tra «i nostri valori» c’è l’iniezione letale

Dovunque in Europa sta avanzando questa idea come soluzione del futuro, soluzione più efficiente...
IN GUERRA ITALIOTI! L’ISIS è qui. E lo dice Rita Katz

Alla Guerra! Alla Guerra, italioti! I vostri media italici hanno già indossato l’elmetto e...
Putin ci faceva un favore a stare in Europa

Putin voleva fare della Russia parte dell’Europa, quale essa è spiritualmente, culturalmente e...
Salvate il soldato Mogherini (forse lo farà Tsipras...)

Siamo davanti alla ricaduta nella sindrome psichiatrica polacca, storicamente ricorrente, di poter...
E se i fratelli Kouachi fossero vivi...?

I lettori fedeli sanno che il vostro cronista tende a leggere l’eccidio di Charlie Hebdo nel...
Tutto si fa per la libertà d’espressione in Occidente

Deputati e politici dell’IMP fanno a nobile gara per esigere il Patriot Act francese, che...
La camminata degli stronzi globali
Roberto Dal Bosco
A beneficiare dello shock è sempre il potere costituito, attorno al quale si schiera la...
Tutto secondo copione. Con qualche risposta

Forse stiamo assistendo ad una serie di vendette e ritorsioni fra servizi? Atti di una guerra ben...
Ultime notizie in questa sezione :
A Bruxelles vota Goldman Sachs. Con le mazzette
Maurizio Blondet
Il Governo sovrannazionale è, per essenza, occulto, oltre che più corrotto di qualunque Governo...
Ucraina fuorilegge e criminale. «Fuck Europe» in corso
Maurizio Blondet
Il regime di Kiev viola le più elementari regole del vivere civile internazionale, così come è...
ΖΗΤΩ Η ΕΛΛΑΣ (Viva la Grecia)
Luciano Garofoli
A Parigi, lievi tintinnii di sciabole (speriamo)

In Francia pare inizi ad emergere un sintomo di ciò che per eufemismo si dirà «un malessere...
Il formidabile esercito europeo

Possiamo solo apprezzare e ringraziare che Putin e Lavrov rispondono alle continue provocazioni con...

Articoli piu' letti del mese nella sezione Europa

Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità Podere Piscino - Proceno (VT) - Tel. 0763-710069