>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-133

RSS 2.0
menu-1
Mobilitiamoci, il pericolo è estremo
Stampa
  Text size
Dopo matura riflessione, invito i lettori ad aderire all’appello riportato qui:

L’Italia non deve aderire all'ESM. Ecco la mozione.

Scrivete in massa ai politici, parlamentari, ministri, eurodeputati, giornali, opinion makers in genere: è l’ultima possibilità di impedire la perdita definitiva e permanente della sovranità, o di quel che ne resta. Cancellata quella, finisce anche la libertà, una conquista che è costata secoli di lotte e sangue, e che i nostri figli e nipoti dovranno riconquistare con altre lacrime e sangue.

La mozione da inviare ai politici è già nel sito palermitano (grazie per una volta, siciliani!), e basta scaricarlo. I dettagli del pericolo estremo li spiega molto bene la giovane economista Lidia Undiemi (che non conosco di persona) nel video; chi ha tempo, legga il materiale in pdf.

Mi limito ad un sunto: i poteri finanziari stanno creando una entità finanziaria sovrannazionale sovraordinata non solo agli Stati, ma persino all’Unione Europea e financo alla Banca Centrale (BCE), che diverrebbe un’ausiliaria di questo «super-governo» di una qualità inaudita. Si tratta di un «governo dei creditori» contro gli Stati debitori che imporrà «rigori e austerità» per assicurarci che continuiamo a servire il debito.

Nella neolingua anodina, questa entità è denominata «Meccanismo Europeo di Stabilità» (ESM), e nel linguaggio demagogico del professor Monti, «Fondo Salva-Stati» (1).

Il suo vero nome è «Fondo Ammazza-Stati». Come dice benissimo la Undiemi, a questa entità gli Stati (sono 17, fra cui l’Italia) parteciperanno non come sovrani, ma «in qualità di soci e debitori»; e in qualità di debitori Italia, Spagna, Portogallo, Irlanda riceveranno istruzioni su quali tagli, austerità e rigori applicare ai loro cittadini (sudditi) «al fine di ottenere la liquidità necessaria per evitare il default» (un default che sarebbe saggio fare subito)...

Nell’ultimo «accordo», gli europei-creditori hanno imposto alla Grecia di inserire nella sua Costituzione una norma che dà assoluta priorità al pagamento del debito su ogni altro tipo di spesa pubblica: sanità, istruzione, pensioni comprese.

Il destino che hanno riservato alla Grecia, commissariata dalla Troika, diventerà il nostro. Lo ESM avrà il potere di svuotare le casse degli Stati senza che governi, parlamenti e cittadini possano opporsi. Per sostenere un euro agonizzante e un sistema bancario che merita di subire le conseguenze del crack mondiale che ha provocato, comincia il saccheggio senza limiti e senza controllo democratico.

Questo farà anche a noi lo ESM. Una dittatura dell’Usura sui popoli europei.

Una dittatura permanente. Perchè, contrariamente al Meccanismo Europeo di Stabilizzazione Finanziaria che già esiste, e spirerà nel 2013, questo ESM viene dotato di poteri vastissimi; che potrà esercitare per sempre.

Dotata della più totale impunità. Perché «nel trattato fondativo, si dichiara che lESM, il suo personale, i suoi dirigenti e i suoi beni, ‘godono dellimmunità da ogni forma di giurisdizione’», ossia nessuna magistratura potrà mai chiamarli in giudizio, qualunque magistratura europea. Anche la documentazione che l’ente produce durante le sue manipolazioni e i suoi affari, «non può essere oggetto di perquisizione, sequestro, confisca (...) derivanti da azioni esecutive, giudiziarie, amministrative e normative». Il segreto più assoluto coprirà i suoi atti.

Un simile livello di immunità supra legem, erano un tempo prerogative dei sovrani per diritto divino. Un tempo che si credeva del tutto passato. Invece, adesso le oligarchie ci restituiscono un monarca, il Re Usura.

Anzi, è peggio. Perchè lo ESM non è una pubblica istituzione di qualche genere. È un ente privatistico che «opera come un qualsiasi istituto finanziario, eroga prestiti, si rivolge ai mercati finanziari» per raccolta di fondi, «ed ha come scopo il profitto». In pratica, funzionerà come una banca. Nonostante ciò, godrà di totale esenzione fiscale sui suoi profitti. Ed avrà poteri totali sugli Stati indebitati.

E perchè mai un ente a scopo di lucro dovrebbe essere così totalmente insindacabile e superiore alle leggi di ogni Stato? Fino al punto di godere di totale esenzione fiscale? Soprattutto, perchè vuol essere dichiarato immune da ogni indagine giudiziaria in via preliminare? Evidentemente, ha in progetto di commettere azioni, che secondo i diritti vigenti in Europa, sono criminali.

Probabilmente, ipotizza la Undiemi, si prepara così a svendere senza aste e concorsi i beni degli Stati e dei privati, con sequestri e pignoramenti e grandi «privatizzazioni», per darli agli amici suoi. Violerà i diritti di proprietà, o anche peggio..

Si sta realizzando quel mostro finanziario anticristico che potrà obbligare «tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi, a farsi mettere un marchio sulla mano destra o sulla fronte. E nessuno poteva comprare o vendere se non portava il marchio, cioè il nome della bestia» secondo Apocalisse 13:16-18.

Solo un ultimo ostacolo trattiene ancora questa Bestia: il trattato ESM, per entrare in vigore, deve essere ratificato dai parlamenti nazionali. Quello italiano non lo ha ancora ratificato.

Non c’è dubbio che, se noi elettori non gli facciamo paura, ratificherà anche quest’ultimo tradimento. Il Parlamento attuale non ci ha risparmiato alcuno spettacolo della sua vergognosa bassezza, nessuno scandalo, nessuna esibizione di ladrocinio e di viziostà, di avidità e disonestà. È la propaggine residuale di una classe politica che ci ha portato a questa condizione di schiavi passo passo: aumentando il debito pubblico a livelli abnormi per ingrassare clientele; ratificando tutte le direttive eurocratiche che ci hanno privato della sovranità – la sovranità che gli avevamo delegato perchè la difendessero; abolendo anche da noi le norme che vietavano la commistione fra attività bancaria creditizia e speculativa; non opponendosi ad una globalizzazione che oggi mostra la sua faccoia devastatrice; è la classe che ci ha fatto entrare nell’euro al solo scopo di continuare ad indebitarsi, approfittando dei tassi d’interesse più miti. Tutte le volte avrebbe potuto dire un «no», opporsi, rallentare il processo; non l’ha mai fatto. Ed ora, dopo il disastro provocato, di fronte agli interessi aggravati (lo spread), questa classe politica ha auto-certificato la propria indegnità e incapacità, cedendo il governo a «tecnici», a cui per giunta presta la foglia di fico democratica, sostenendo questo governo nominato dalle oligarchie e dai tedeschi, con il voto parlamentare. Una maggioranza parlamentare mai vista, e concordemente bipartisan.

Questa classe politica si adatta benissimo la sua nuova, vergognosa condizione di traditrice della nazione; la perdita della sovranità non la angoscia; conta di sopravvivere coi suoi emolumenti e prebende appunto nella nuova veste di votatrice automatica dei salassi e dei saccheggi che Monti esegue su ordine del supergoverno anonimo e pignoratore che si chiamerà ESM.

Proprio in queste settimane, la cricca parlamentare sta accordandosi dietro le quinte per confezionare una legge elettorale proporzionale, il cui solo scopo è di garantire a se stessa di sopravvivere alla propria inutilità certificata, di continuare ad esistere e a ricevere le prebende a dispetto della fine della democrazia e della sovranità popolare.

Dovrà solo votare per qualcosa che si avrà cura di nascondere all’opinione pubblica sotto il gergo anodino della flaccida dittatura eurocratica: «Modifica dell’articolo 136 del Trattato sul Funzionamento della UE». E la Bestia si leverà torreggiante su di noi.

Bisogna far paura a questi servi. Avvertirli che nessuno di loro – nessuno di coloro che oggi occupano un seggio nelle due Camere – sarà mai più votato. Bisogna scrivere ai giornali, esigere che rompano il loro complice silenzio sulla reale natura dello ESM.

Naturalmente, tutti i complici e i disonesti saranno lì a giustificare la cessione di sovranità invocando la «situazione obbiettiva» di enormi debitori che devono elemosinare il denaro ai «mercati»; implicheranno che la sovranità è un lusso che non possiamo più permetterci – come il posto fisso, salari decenti e assistenza sanitaria. Invocheranno la «forza maggiore».

Tutte balle. Recentemente, in una conferenza a Roma, m’è capitato di rievocare un caso (l’unico) in cui la sovranità italiana fu vittoriosamente difesa a dispetto di una «situazione obbiettiva» infinitamente più tragica dell’attuale, una economia bombardata, una penuria di mezzi che riduceva le capacità di reazione quasi a nulla, e la pesante tutela di una potenza europea rigida e spietata che ci stava sul collo. È un esempio estremo, politicamente scorretto, impronunciabile: la Repubblica Sociale Italiana.

Certo non era facile affermare la sovranità diuna repubblica creata dal nulla dai tedeschi, bisognosa del loro appoggio, nella condizione della disfatta, in un piccolo territorio di un Paese già largamente occupato (liberato) dagli Alleati, e per di più travagliato dalla guerra civile. Che potevano fare i ministri di quella repubblica prossima a sparire nel sangue (durò infatti venti mesi), se non adeguarsi alla condizione di Stato-fantoccio del tedesco, e pensare intanto a salvare la pelle propria, il proprio futuro, a mettere in salvo le famiglie?

Ebbene, non andò così. Un mese dopo la sua nomina, il ministro delle Finanze di quello Stato evanescente come il fumo, Domenico Pellegrini Giampietro (un napoletano), ingiunse ai tedeschi di ritirare immediatamente dalla circolazione i «marchi d’occupazione» (Reichskreidit Kassenscheine) con cui le truppe germaniche, ogni volta che entravano in una bottega a comprare le poche merci esistenti, commettevano di fatto un esproprio senza indennizzo (nel Meridione liberato, gli americani continuarono per anni a inondare il Paese della loro moneta d’occupazione, le AM-lire).

Ma la RSI non era più territorio occupato, era un alleato: dunque le truppe germaniche favorissero adempiere ad ogni pagamento esclusivamente in lire italiane. E di cessare requisizioni e prelievi di fondi dalle nostre banche. Anzi, visto che c’erano lavoratori italiani nel Terzo Reich, Pellegrini Giampietro pretese ed ottenne il trasferimento in Italia dei loro risparmi. Frattanto, impedì il trasferimento del Poligrafico di Stato a Vienna; fece restituire buona parte dell’oro che la Wehrmacht aveva sottratto alla Banca d’Italia, e mise al sicuro le sue riserve d’oro e valute a Fortezza, dove gli americani le trovarono intatte nel ‘45 (2).

Nello stesso tempo – e nonostante la repubblica dovesse versare ai tedeschi ogni mese 7 miliardi di lire come «contributo per le spese militari, fortificazioni, riattazione delle vie di comunicazione» –, il ministro riuscì a mantenere il potere d’acquisto della lira, anche con un ferreo controllo sui prezzi. Chi ha vissuto quei tempi al Nord, li ha ricordati, non senza motivo, come tempi di paura e di tessere alimentari da fame: ma i dati dicono che al Nord, nel periodo, gli alimentari rincararono del 50%, mentre nel Meridione liberato, del 400%. E la repubblica di Salò riuscì ad aumentare la razione di pane nei mesi invernali. La stampa di carta moneta fu oculatamente controllata: dei 137,8 miliardi autorizzati, ne stampò 110,9. Il Nord dunque non conobbe l’inflazione galoppante del Sud, dove infuriava inoltre il colossale mercato nero (alimentato dai surplus americani), la prostituzione per scatolette, sigarette e calze di nylon, la criminalità impunita e la fame – talchè si può dire che il collasso morale di Napoli, divenuta capitale del malaffare, risalga a quella «liberazione».

Con un introito fiscale devastato dalle distruzioni e dalla povertà (ma nei primi mesi del ‘45 Pellegrini Giampietro era riuscito ad aumentare il gettito a 2 miliardi al mese), ebbe perfino la capacità di restituire il valore di parità ai titoli di Stato (che dopo l’8 settembre erano crollati al 30% del loro valore facciale). Come fece? Personalmente non so. Ma forse una cattedra alla Bocconi, tralasciando lo studio delle meraviglie speculative di Wall Street e della City, potrebbe dedicare un «master in political economy» per capire i segreti della finanza pubblica in condizioni finanziarie ed economiche disperate, la scienza in cui Pellegrini Giampietro si rivelò maestro.

Il materiale documentale c’è: il ministro repubblichino riuscì a pubblicare, per l’esercizio finanziario, 1944-45, regolari bilanci di previsione e consuntivi, regolarmente pubblicati dalla Gazzetta Ufficiale. Vi si può constatare che le entrate dello stato di Salò (386,8 miliardi) superarono le uscite (359,6), configurando dunque un attivo di bilancio di quasi 21 miliardi. Sarebbe istruttivo apprendere come ci riuscì.

La cosa stupì anche gli americani. Il senatore Victor Wickersham, venuto a visitare le macerie d’Europa, dichiarò nell’agosto del ‘45: «La situazione economica dellItalia settentrionale (quella su cui aveva governato la RSI) è molto migliore non solo rispetto alle altre regioni dellItalia meridionale e centrale (quella occupata da loro), ma anche in confronto ad altri Paesi europei in precedenza visitati dalla Commissione di controllo... Germania, Olanda, Norvegia, Belgio e certe zone della Francia». (Il Popolo, 25 agosto 1948) (3).

E non si creda che l’affermazione della sovranità in qualche modo venisse da sè, fosse accettata con legalistico scrupolo dai tedeschi. No, ogni vittoria fu strappata dal piccolo (di statura) Pellegrini Giampietro in aspri confronti con l’ambasciatore Rahn, che si sentiva ovviamente il governatore della colonia, e finì per aver quasi paura di quel «neapolitaner» che si opponeva punto per punto con incredibile competenza e oratoria, che per ogni «contributo» che gli dava, li obbligava a firmare protocolli in cui si riaffermava la sovranità monetaria dello Stato, che i tedeschi dovevano riconoscere, quindi, nero su bianco. I tedeschi provavano continuamente a smantellare le industrie esistenti e trasferirle in Germania, a mettere le mani sull’oro pubblico, i comandi della Wehrmacht facevano requisizioni, sentendosi in diritto dato il «tradimento» di questo popolo di traditori. Si doveva ad ogni istante, con tutte le forze ed anche senza aver forze reali, lottare contro il disprezzo che trasudava da ogni azione e parola dell’«alleato», ahimè giustificato. No, non fu certo facile. Pellegrini era in qualche modo un tecnico, ma lo sosteneva qualcosa d’altro: coraggio personale e amor di Patria (4), entrambi inflessibili.

Due cose che la Bocconi non insegna. Due cose che i politici non hanno mai considerato necessarie ai loro successi. Per gente così, esiste sempre la «forza maggiore».




1
) Occorre constatare che persino in demagogia il professor Monti supera di gran lunga il Berlusconi. Tronca le pensioni e aggrava le tasse, e chiama il decreto «Salva-Italia». Non fa nulla per stroncare i parassitismi, se non un tentativo di disciplinare i tassisti, e chiama questo nulla «liberalizzazioni», anzi «Cresci-Italia». Quando impapocchia le sue «riforme», e le sue «liberalizzazioni», Monti e il suo governo tecnico stanno attentissimi a non toccare, nemmeno sfiorare, i gangli maggiori dei parassiti pubblici, vera causa del debito. Per esempio, si veda la furbesca «lotta» ingaggiata coi sindacati per l’abolizione dell’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Ciò che rende illicenziabili i fannulloni, gli assenteisti cronici e i ladri in azienda, non è in sè l’articolo 18: è il modo in cui lo interpreta la magistratura del lavoro, che continua a fare la Rivoluzione e la Lotta di Classe dai palazzi di giustizia, imponendo il reintegro dei suddetti ladri, assenteisti e fancazzisti. È quella che andrebbe abolita. Monti lo sa benissimo.
2) Intanto il ministro dell’Economia Corporativa, Angelo Tarchi, sventava i ripetuti tentativi dei tedeschi di trasferire gli impianti industriali del Nord nel Reich, con la plausibile scusa che qui erano esposti ai bombardamenti. Già ANIC e Montecatini ed altre erano state trasferite. Il ministro Tarchi riuscì a far firmare ai tedeschi un accordo in cui questi garantivano la restituzione degli impianti il loro ripristino, la sostituzione (se necessario) con complessi di uguale potenzialità e caratteristiche nell’ipotesi di distruzione, con spese totali a carico del Reich, oltre alla restituzione di materie prime asportate, prodotti semilavorati e la fideiussione della Deutsche Bank secondo le norme previste dalle convenzioni (...). Sulla base di tale accordo, il governo della RSI emanava in data 31 maggio 1944 un documento (numero 340) che sanciva la competenza italiana in materia di politica industriale con valutazione degli impianti produttivi, per quanto atteneva alla loro capacità industriale, sulle materie prime, per la loro entità e quantità, sull’utilizzazione degli impianti in relazione alle commesse belliche, per le necessità civili, l’impiego della mano d’opera e le controversie relative in materia di tutela e decentramento degli impianti nel nord Italia (http://www.italia-rsi.org/uomini/giampietropellegrini.htm).
3) Dopo la «liberazione», il governo italiano antifascista (Bonomi) nviò nel Nord il ministro del Tesoro Marcello Soleri a constatare quel che aveva lasciato il collasso della Repubblica Sociale.
Soleri riconobbe: «L'importo della circolazione monetaria durante la RSI, è risultato notevolmente inferiore all’andamento previsto, poiché il governo repubblicano ha fatto più largo ricorso al debito fluttuante (...). Sono stati stampati e messi in circolazione soltanto lire 110.881.000.000 sul totale di lire 137.840.000.000 autorizzate. Tutto ciò è abbastanza confortante (...). Tali situazioni economiche-fìnanziarie, malgrado il protrarsi dell’occupazione tedesca, sono risultate meno disa-strose di quanto si temeva, cosicché gli oneri previsti per la ricostruzione, rimarranno limitati in misura inferiore a quanto previsto e la ripresa della produzione industriale dell’Alta Italia potrà essere rapida...» (confronta Il Globo numero 104 del 6 giugno 1945).
4) Il patriottismo di Pellegrini Giampietro fu riconosciuto da un testimone sorprendente: la Corte di Cassazione dell’Italia antifascista, che ovviamente processò il ministro di Salò con l’accusa di collaborazionismo. La Corte lo definì un «protagonista della difesa del tesoro nazionale», riconobbe che la sua opera aveva impedito che il Nord-Ialia «divenisse completa preda dei tedeschi», e concluse nella motivazione della sentenza di assoluzione: «La sua opera fu ispirata ad amor patrio, non già ad asservimento al nemico, tanto più meritevole in quanto svolta fra pericoli d’ogni genere». Nonostante l’assoluzione, Pellegrini Giampietro andò in esilio, prima in Brasile, poi in Argentina e Uruguay, dove fondò banche e diresse giornali, e dove la morte lo prese il 18 giugno 1970. Era nato nel 1899, adolescente aveva combattuto volontario nella Grande Guerra (era un «ragazzo del ‘99»), e poi nella guerra di Spagna.


L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.   


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# albertogas 2012-02-22 14:51
E' ora di cominciare a scioperare ed agire per sconfiggerli con le loro stesse armi. Con le petizioni non si combina nulla, bisogna sfruttare il sistema monetario finanziario esistente e si può vincere senza sparare un colpo. L'ho già detto ma lo ripeto: bisogna acquistare oro ed argento e beni durevoli e a rifuggire dall'Euro come valuta: bisogna disfarsi dell'euro come valuta personalmente, compriamo franchi svizzeri o yuan ma disfiamoci dell'Euro per i nostri scambi quotidiani e riduciamo a zero i nostri conti correnti. Facendo questo in molti il sistema è destinato al crollo verticale dovuto al meccanismo della riserva frazionaria. Facendo così la BCE dovrà svendere l'oro in suo possesso per mantenerne basso il valore: quando avrà finito le riserve sarà nella merda perchè avrà nella pancia derivati, cds, azioni, titoli di Stato, valuta che non varrà più e nessun asset che controbilanci il conto capitale. Andrà a gambe all'aria in poco tempo, farà default. Quando i popoli rifuggono dalla valuta questa perde contro l'oro e l'argento.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Milo Dal Brollo 2012-02-22 14:51
Porco Giuda, avercene di banchieri così! Forza con le lettere!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# albertogas 2012-02-22 14:52
E' ora di cominciare a scioperare ed agire per sconfiggerli con le loro stesse armi. Con le petizioni non si combina nulla, bisogna sfruttare il sistema monetario finanziario esistente e si può vincere senza sparare un colpo. L'ho già detto ma lo ripeto: bisogna acquistare oro ed argento e beni durevoli e a rifuggire dall'Euro come valuta: bisogna disfarsi dell'euro come valuta personalmente, compriamo franchi svizzeri o yuan ma disfiamoci dell'Euro per i nostri scambi quotidiani e riduciamo a zero i nostri conti correnti. Facendo questo in molti il sistema è destinato al crollo verticale dovuto al meccanismo della riserva frazionaria. Facendo così la BCE dovrà svendere l'oro in suo possesso per mantenerne basso il valore: quando avrà finito le riserve sarà nella merda perchè avrà nella pancia derivati, cds, azioni, titoli di stato, valuta che non varrà più e nessun asset che controbilanci il conto capitale. Andrà a gambe all'aria in poco tempo, farà default. Quando i popoli rifuggono dalla valuta questa perde contro l'oro e l'argento.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# urbano 2012-02-22 15:14
Sarebbe interessante sapere quali Stati hanno aderito o aderiranno all'ESM. Poi emigrare nei rimanenti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alfio200 2012-02-22 15:21
"Scrivete in massa ai politici, parlamentari, ministri, eurodeputati, giornali, opinion makers in genere..."

Cioè, scriviamo a Calderoli, la Brambilla, Rutelli, Alemanno, Bersani o magari agli esponenti di punta nella lotta contro il governo delle banche: i comunisti che da un po' di tempo in qua sono costantemente presenti alle trasmissioni televisive nonostante non abbiamo un solo parlamentare a rappresentarli (il perchè di questo meriterebbe un intervento a parte)?
Oppure ai giornalisti, Concita De Gregorio, Belpietro, Sansonetti e altri notoriamente al di fuori del sistema e delle caste?
Quanto agli opinion maker...la Panicucci, Mughini, Gad Lerner?
Non mi faccia l'ingenuo, direttore!!!
Aggiungo una chicca tratta dal TGCM di qualche giorno fa.
Ferrero (Rifondazione Comunista) commentando le proposte economiche del Pdl:
"Con queste politiche, Goering nel '29 (sic) portò la Germania al disastro aprendo le porte al nazismo".
Un esponente di punta nella lotta al governo e al potere delle banche in nome dei popoli oppressi. Scriviamo a lui?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Titto 2012-02-22 15:57
Manca un leader. E, secondo la logica del divide et impera, più o meno spontaneamente ci dividiamo tra destra e sinistra, cattolici, atei, anticlericali, ecc. Il movimento dei forconi è nato spontaneamente, a mio avviso, ma subito qualcuno ha fatto leva sull'antifascismo per la presenza di Forza Nuova, pur senza "bandiere". Ragazzi che vanno a protestare contro il signoraggio bancario vengono assaliti da coetanei dei centri sociali. Non se ne esce.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# FRANCI 2012-02-22 16:53
La BCE ha appena fatto le sue implicazioni orribili: senza alcun permesso di natura legislativa o parlamentare, ha scambiato i bond greci che aveva comprato a partire dal 2010 per sostenere la fiducia dei mercati in tali titoli, con nuovi bond greci che non saranno soggetti ad alcuna clausola di azione collettiva. Lo scambio è avvenuto senza il consenso di alcun altro creditore del debito greco. Senza alcuna obiezione da parte di nessun Paese in Europa. Eppure si tratta di una modifica retroattiva dei termini contrattuali offerti dalla Grecia ai suoi creditori, quando i debiti furono emessi. Si tratta di un fatto senza precedenti le cui implicazioni sono enormi se analizzate obiettivamente. La questione adesso non riguarda più la Grecia, ma la BCE. Da ora in poi infatti sappiamo che la BCE può retroattivament e cambiare le regole, cambiare gli accordi, perché ciò che ha fatto con la Grecia può certamente essere ormai fatto con qualsiasi altro debito pubblico in Europa. Se essa può esentarsi da una "collective action clause" allora può esentarsi da ogni clausola, in ogni accordo, con ogni Paese europeo. Il fatto che la BCE sia ora un creditore privilegiato rispetto ad ogni altro detentore di bond, o – ancora meglio - che ogni detentore di bond sia ora subordinato alla BCE, è un fatto, e che fatto! L'incredibile è che ormai ogni europeo e tutti i debiti pubblici europei possono avere i loro contratti modificati dalla BCE a suo esclusivo vantaggio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# andrea.4463 2012-02-22 18:01
Il braccio armato del ESM sarà il corpo europeo EUROGENDFOR.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# san 2012-02-22 18:05
La canaglia Berlusconi ha venduto il suo elettorato.
La stampa venduta non parla assolutamente di questi problemi.
Ormai questo è un Paese sotto dittatura di poteri stranieri, con la complicità di una classe politica corrotta.
CHE COSA I CITTADINI POSSONO FARE SENZA SUBIRE LA VIOLENZA ARMATA DEL POTERE, GIA' SPERIMENTATA IN GRECIA?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Lucio 2012-02-23 23:11
Citazione san:
La canaglia Berlusconi ha venduto il suo elettorato.
La stampa venduta non parla assolutamente di questi problemi.
Ormai questo è un Paese sotto dittatura di poteri stranieri, con la complicità di una classe politica corrotta.
CHE COSA I CITTADINI POSSONO FARE SENZA SUBIRE LA VIOLENZA ARMATA DEL POTERE, GIA' SPERIMENTATA IN GRECIA?

Per favore Direttore, risponda anche a me a questa domanda.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Ludwig 2012-02-22 18:09
Bellissimo articolo. Per quanto riguarda la mobilitazione non c'è un coordinamento a livello europeo, un movimento di opinione omogeneo e non di sinistra la quale in tutte le sue forme sembra non comprendere i concetti essenziali per una rinascita europea e non solo europea. Chiedo sommessamente al Direttore un suo sintetico giudizio sulla problematica signoreggio bufala o questione seria. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# enryely 2012-02-22 23:39
Le consiglio di guardare con attenzione molti video economici di Giacinto Auriti, se la redazione permette le invio il link di youtube:
http://www.youtube.com/user/ScuolaAuritianaSimec#g/u

Se per lei il signoraggio rimane una bufala probabilmente è un bocconiano...
Inoltre, le consiglio di leggere un documento, I protocolli dei savi di Sion, senza vedere chi sono i mandanti, ma solo le vittime.

Saluti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# lorenzodevita 2012-02-22 18:11
Vista l'importanza del tema trattato, nelle prossime ore l'articolo sarà inserito nella sezione free.
La redazione
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# maurofabio 2012-02-22 18:17
Mesi addietro è stata istituita una Gendarmeria europea, per ora in sette stati dell'UE, tra cui l'Italia, una superpolizia con ampi poteri e non inciminabile dalla magistratura, che dovrebbe assorbire persino l'Arma dei Carabinieri, ad uno stato avanzato è anche il progetto di un vero governo europeo con tanto di potere esecutivo. Ora questo super potere finanziario. A passi da gigante si va verso un Governo Mondiale e quindi una Repubblica Universale, che si realizzerà, interessi geopolitici permettendo, quando sarà possibile globalizzare e amalgamare i governi dei cinque continenti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Antonio D. 2012-02-22 19:05
Spero che agenti di Polizia e carabinieri siano sensibilizzati: al peggio il popolo si dovrá confrontare con loro ed é necessario che si rendano conto di cosa verrá loro ordinato di fare.
Che gli ufficiali rimangano sensibili a tali questioni é meno probabile: ricordiamoci delle parole di Wellington alla vigilia di Waterloo: "Potrebbero disertare uno o due Marescialli, ma non servirebbe a niente". Questa volta Waterloo non la devono vincere gli anglo-belgi-olandesi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# markus.mann 2012-02-22 23:06
Come ho già scritto in un altro commento, la classe dirigente (funzionari-ufficiali) della Polizia e dei Carabinierì è pressoché totalmente cooptata, quindi in totale assonanza con i poteri oligarchici che l'attuale classe politica rappresenta.
Non dimentichiamo che per passare dalle parole ai fatti servono i mezzi, quelli balistici intendo. Questi mezzi può usarli legittimamente solo lo Stato (democratico) attraverso le sue Forze dell'Ordine. Venendo a mancare la legittimazione democratica della dirigenza politica, come nel caso del governo attuale, una Polizia veramente consapevole del suo ruolo potrebbe, anzi, dovrebbe opporsi a qualsiasi presenza estranea (Eurogendfor) dovesse materializzarsi in armi ed uniformi sul territorio nazionale.
Il sindacato di Polizia dovrebbe quindi iniziare un'azione di dialogo e di coordinamento con la cosiddetta società civile, mancando all'interno dell'Amministrazione una classe dirigente non compromessa con le caste dominanti.
Forse tra i Marescialli non ci sarebbero "diserzioni" di massa, ma potremmo accorgerci che le guerre si possono vincere anche senza di loro...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# sempreio 2012-02-24 20:55
Dicono che l'esercito sia dominato dal progetto Monarch (leggi satanismo)... spero non tutti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# nicolas 2012-02-22 18:17
Ho segnalato l'articolo a Storace il quale per il 3 marzo p.v. ha organizzato una manifestazione a Roma contro il governo delle banche e di Monti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ionmota 2012-02-23 10:47
Capirai, un burattino di Berlusconi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2012-02-22 18:42
Qui è importantissimo seguire l'esempio del Pellegrini Giampietro: mettere tutto nero su bianco, firmare, perchè,a pensarci bene, il nero su bianco attesta qualunque veridicità di un fatto, mentre oggi, la penna è stata sostituita dallo schermo di un computer, che sbaglia sempre a suo favore. Personalmente ho già aderito, se non altro per iniziare a chiarire faccende confuse di denaro che, senza nero su bianco, hai voglia a sforzarsi quando si riceve denaro, che cosa si fa con lo stesso, chi lo dà, che cosa si firma, se si firma con la penna o con il sangue consegnando l'anima ed il futuro in cambio. E' questione di ordine morale, ed evita tradimenti. Il tempo sbiadisce i contorni dei "ricordi", facendoci trovare delle spiegazioni o dei ricordi diversi da quelli veri che si sono vissuti, dalla nostra storia, e quindi aderisco, scrivo, per capire, per spiegare e per ricordare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ware 2012-02-22 18:49
Ecco le condizione che hanno posto ai greci per ricevere i miliardi di debito di aiuti:

1- Greece has to legally commit itself to giving ABSOLUTE PRIORITY to future debt service. This commitment
has to be legally enshrined by the Greek Parliament. State revenues are to be used FIRST and FOREMOST for debt service, only ANY REMAINING revenue may be used to finance primary expenditure.
2- Budget consolidation has to be put under a STRICT STEERING AND CONTROL system. Given the disappointing
compliance so far, Greece has to accept shifting budgetary sovereignty to the European level for a CERTAIN period of time.

Purtroppo queste norme capestro imposte alla Grecia si stanno avvicinando velocemente.
E' ora di farsi sentire!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-02-22 18:54
Per chi crede ancora alla favola, in realtà una farsa vergognosa, delle trattative per il salvataggio della Grecia. Sul sito di Der Spiegel di oggi:
"Sono passate solo 24 ore dalla approvazione del pacchetto di aiuti slla Grecia da parte dei ministri delle Finanze europei, e già il piano di aiuti è in pericolo. Il parlamento greco, sul suo sito web, ha reso pubblico che per ques'anno il deficit sarà del 6.7% del PIL invece che del 5.4% come precedentemente stimato per il 2012. Il dato è stato corretto poichè la recessione si è aggravata, nonostante i risparmi...".
È chiaro che la finanza internazionale teme che un default faccia scuola e che sempre più Paesi siano tentati da un ripudio del debito. Per questo hanno gettato la maschera e hanno preso in mano direttamente la situazione imponendo primi ministri di commodo, alla Monti, e prescrivendo il passaggio dalla democrazia al feudalesimo finanziario con i popoli europei ormai ridotti a servi della gleba. Che fare?
L'unica arma veramente efficace è l'informazione orizzontale, perchè non ci si può più fidare delle rappresentanza politica. Tutti hanno paura (pensate a un Berlusconi che ora propone Monti come suo siccessore a Palazzo Chigi), e non osano aprire bocca contro questa deriva verso la miseria e la schiavitù. Unica eccezione: Marine Le Pen (http://www.frontnational.com/) che denuncia queste proposte negli stessi termini di questo articolo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alberto 2012-02-22 19:36
Scusate:dov'è il sito siciliano con il pdf?
---------------
E' il link proprio ad inizio articolo.
La redazione
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2012-02-22 19:48
A noi servirebbe un asse russo-iraniano a difesa dei valori tradizionali. Penso che esso si dimostrerebbe un antidoto bene influente sul contesto restante, tanto da operare i miracoli.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Boromir 2012-02-22 19:59
Una domanda al Direttore o alla Redazione.
C'è qualcosa che non mi quadra in tutto quanto sta accadendo nel mondo. La Crisi è nata negli USA. Fino ad un anno fa il "male" era identificato con gli USA e con la finanza anglosassone (Wall Street, City). Poi improvvisamente questo pericolo che gravitava sulle nostre teste all'improvviso scompare. Ora il "Male" (assoluto, ovviamente) non abita più a Londra e New York, ma a Berlino. Tutto nasce con gli attacchi speculativi ai debiti sovrani. Da dove vengono? Non si capisce bene. A questo punto, visto che Wall Street e la City sono fuori, mi viene da pensare che vengano da Berlino e Parigi. Domanda: dietro la crisi bancaria e quella dei debiti sovrani, ci sono gli stessi pupari o sono due gruppi diversi? Nella mia ingenuità all'inizio pensavo che la speculazione fosse una manovra contro l'Europa e l'Euro. Invece no. La colpa è dei tedeschi. Mah?! Se qualcuno mi chiarisce la situazione, gliene sarei grato.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# enryely 2012-02-22 23:31
I manovratori sono sempre gli stessi, i banchieri illuminati. Con Monti al potere in Italia ed altri banchieri in altri Paesi europei hanno preso direttamente il timone prendendo ordini dalla BCE.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2012-02-23 04:04
Citazione Boromir:
Una domanda al Direttore o alla Redazione.
C'è qualcosa che non mi quadra in tutto quanto sta accadendo nel mondo. La Crisi è nata negli USA. Fino ad un anno fa il "male" era identificato con gli USA e con la finanza anglosassone (Wall Street, City). Poi improvvisamente questo pericolo che gravitava sulle nostre teste all'improvviso scompare. Ora il "Male" (assoluto, ovviamente) non abita più a Londra e New York, ma a Berlino. Tutto nasce con gli attacchi speculativi ai debiti sovrani. Da dove vengono? Non si capisce bene. A questo punto, visto che Wall Street e la City sono fuori, mi viene da pensare che vengano da Berlino e Parigi. Domanda: dietro la Crisi bancaria e quella dei debiti sovrani, ci sono gli stessi Pupari o sono due gruppi diversi? Nella mia ingenuità all'inizio pensavo che la speculazione fosse una manovra contro l'Europa e l'Euro. Invece no. La colpa è dei tedeschi. Mah?! Se qualcuno mi chiarisce la situazione, gliene sarei grato


Probabilmente perché convogliare le contrarietà del popolo contro la Germania è più facile. Avendo i tedeschi meno ipocrisia ed essendo perciò più identificabili, figurano in quattro e quattor otto come i nemici. Gli inglesi, che sciabordano la pronunzia fonetica, appaiono liberatori pure quando ci strozzano.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Boromir 2012-02-23 15:17
Citazione Vitoparisi3:
[quote name="Boromir"] Una domanda al Direttore o alla Redazione.
C'è qualcosa che non mi quadra in tutto quanto sta accadendo nel mondo. La Crisi è nata negli USA. Fino ad un anno fa il "male" era identificato con gli USA e con la finanza anglosassone (Wall Street, City). Poi improvvisamente questo pericolo che gravitava sulle nostre teste all'improvviso scompare.
Ora il "Male" (assoluto, ovviamente) non abita più a Londra e New York, ma a Berlino. Tutto nasce con gli attacchi speculativi ai debiti sovrani. Da dove vengono? Non si capisce bene. A questo punto, visto che Wall Street e la City sono fuori, mi viene da pensare che vengano da Berlino e Parigi. Domanda: dietro la crisi bancaria e quella dei debiti sovrani, ci sono gli stessi pupari o sono due gruppi diversi? Nella mia ingenuità all'inizio pensavo che la speculazione fosse una manovra contro l'Europa e l'Euro. Invece no. La colpa è dei tedeschi. Mah?! Se qualcuno mi chiarisce la situazione, gliene sarei grato


Probabilmente perché convogliare le contrarietà del popolo contro la Germania è più facile. Avendo i tedeschi meno ipocrisia ed essendo perciò più identificabili, figurano in quattro e quattr'otto come i nemici. Gli inglesi, che sciabordano la pronunzia fonetica, appaiono liberatori pure quando ci strozzano. /quote]
Dunque indicare il Nemico Pubblico numero 1 nella Germania serve a depistare dai veri responsabili della crisi, che come al solito si trovano nella City e a Wall Street.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# shaula 2012-02-23 21:16
Citazione Boromir:
Una domanda al Direttore o alla Redazione.
C'è qualcosa che non mi quadra in tutto quanto sta accadendo nel mondo. La crisi è nata negli USA. Fino ad un anno fa il "male" era identificato con gli USA e con la finanza anglosassone (Wall Street, City). Poi improvvisamente questo pericolo che gravitava sulle nostre teste all'improvviso scompare. Ora il "Male" (assoluto, ovviamente) non abita più a Londra e New York, ma a Berlino. Tutto nasce con gli attacchi speculativi ai debiti sovrani. Da dove vengono? Non si capisce bene. A questo punto, visto che Wall Street e la City sono fuori, mi viene da pensare che vengano da Berlino e Parigi. Domanda: dietro la Crisi bancaria e quella dei debiti sovrani, ci sono gli stessi pupari o sono due gruppi diversi? Nella mia ingenuità all'inizio pensavo che la speculazione fosse una manovra contro l'Europa e l'Euro. Invece no. La colpa è dei tedeschi. Mah?! Se qualcuno mi chiarisce la situazione, gliene sarei grato

Concordo. In proposito avevo fatto la stessa osservazione in passato:# shaula 2012-02-10 00:38
I greci. Si sono fatti turlipinare da banchieri ebrei, con i quali hanno contratto debiti capestro, peró si incazzano con i cittadini tedeschi perché non glieli pagano. Quando la regia che sta dietro quest`affaire é diabolica...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# driver 2012-02-22 20:04
Se siamo ancora in tempo, ci vuole un partito, contro la globalizzazione , il femminismo, la distruzione di valori,a favore dell'uscita dall'euro, per cambiare questo Stato; in alternativa non resta che aspettare la resa dei conti finale: la Grande Tribolazione, come ha accennato il direttore è imminente e porterà definitivamente la parola Fine e gloria a Dio, è quello che meritiamo, spero solamente che venga presto e veloce, chi sopravviverà vedrà.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# mami.martinez 2012-02-22 20:51
Aderisco di buon grado all'iniziativa.
Sono assolutamente pessimista sul fatto che serva a qualcosa. Credo anche che ci si stia preparando ad un rinvio sine die delle elezioni politiche del 2013 per "cause di forza maggiore" visto che tra un anno staremo peggio di ora.
Ma sono anche sempre stato convinto che questo giornale on-line deve diventare anche volano per iniziative politiche, e ora che il Direttore ce ne sollecita una, sacrosanta, non si può non aderire.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# angeloderosa 2012-02-23 17:05
GIUSTO.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco_PD 2012-02-22 22:21
Bellissimo. Gli ampi richiami alla RSI poi mi deliziano in modo particolare. Cose che naturalmente conoscevo (i reduci me ne avevano parlato). Ma vederle scritte nero su bianco...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alfio200 2012-02-22 22:23
Sinceramente, sono sorpreso dall'ingenuità dei miei colleghi di commento e del nostro pur brillantissimo direttore. Davvero pensate di fermare i vincitori della Seconda Guerra Mondiale aderendo a una petizione su internet?
Voi, ben consci che la democrazia è un'illusione, che l'ultima guerra è stata vinta dai peggiori, adesso pensate di capovolgere la Storia (con la S maiuscola) con una petizione?
Ahahah...(risata ironico-amara).
Se andate a rileggervi i testi di economia pubblicati dalle edizioni alternative dell'estrema destra, che sicuramente molti di voi hanno già letto (e, a quanto pare, dimeticato) scoprirete il capitolo finale di quello che stiamo vivendo: la fusione del capitalimo con il comunismo cioè un'oligarchia finanziaria che domina l'Europa con i mezzi repressivi del comunismmo.
L'unica cosa da fare è "Cavalcare la tigre" come suggerì e profetizzò a suo tempo Evola.
Davvero credete di ottenere con una petizione su internet di vincere la battaglia che hanno perso le Panzerdivisione n e le V2?
Vi risparmio una seconda risata ironico-amara.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# shaula 2012-02-22 23:47
Molto meglio fare un tentativo per ostacolare questi disegni criminali, piuttosto che non fare un bel niente e rimanere vilmente passivi, accettando supinamente che ci massacrino senza colpo ferire. Invece di ridere, prova ad indignarti, se non altro per le tristi prospettive di vita che attendono i tuoi figli.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alfio200 2012-02-23 08:14
Benissimo. Sono indignatissimo! Accidenti come sono indignato!
E' cambiato qualcosa? Non mi sembra.
Comunque, capisco e posso anche apprezzare il tuo punto di vista, ma ripeto... possiamo solo cavalcare la tigre, magari aderendo a questo sito e a questo forum, sperando che prima o poi non lo chiudano.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# celligius 2012-02-22 22:57
Volete un consiglio? Fate grandi scorte di AK47
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# sempreio 2012-02-24 20:57
Cosa sarebbe?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Anansi 2012-02-25 11:46
Kalashnikov. Derattizzatore di origine russa a base di zolfo, salnitro e carbone. La versione deluxe prevede l'uso del piombo (a pallini).
Efficace anche contro gli scarafaggi e utilizzato soprattutto nei Paesi ex sovietici per la sua semplicità di uso e la sua atossicità.
Unica controindicazio ne: bisogna rimuovere manualmente i residui di blatte e roditori eliminati grazie a questo spray.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ionmota 2012-02-22 23:15
Dovremmo scrivere ai parlamentari e ai giornalisti? Ma è uno scherzo?
Qua serve una mobilitazione, e subito. E cominciare a boicottare in tutte le forme il loro sistema.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Catone 2012-02-22 23:25
Quando i tedeschi arrivarono in Italia, liberarono il Fascismo dalla marmaglia savoiarda e massonica che aveva pesato come una zavorra per un ventennio. La liberarono anche un po' da Mussolini, messo giustamente a fare il "padre nobile" della Repubblica perchè si era rivelato inadeguato a gestire un Paese in guerra.
Moneta di Stato e gente pulita furono il "segreto" della RSI.
La storia ufficiale ancora racconta di tedeschi crudeli e sanguinari, distruttori della nostra economia. La Wermacht arrivò con il sangue agli occhi ma Hitler la fermò: l'Italia era alleata e Mussolini ne era il garante. L'economia e la finanza furono riorganizzate e la RSI visse un'incredibile "normalità" in quei tragici 20 mesi di guerra. A metà 1944 il PIL era già arrivato al livello del 1939, anno in cui aveva cominciato drammaticamente a calare.
La RSI è una grande pagina di storia, purtroppo tardiva.
Scriviamo, scriviamo tutti: non servirà a nulla, se non a far sentire la nostra voce. Che non sia flebile!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# licio 2012-02-23 11:05
Per intanto alla nomarchia è ascrivibile un pareggio di bilancio nell'economia che non si è più verificato nella breve storia di questo Paese... Forse il nome di Quintino Sella potrà suggerirti un sistema paese che non ha mai avuto eguali nella nostra breve storia... Marmaglia savoiarda? Accusa semplicemente risibile... Mi farò due risate quando l'ultima rappresentazion e residuale della sovranità di questo Paese sarà completamente archiviata... mi riferisco alla eliminazione dell'arma dei Carabinieri... ALLORA SI'... VEDREMO LA MARMAGLIA ALL'OPERA... E NON CE NE SARA' PER NESSUNO...!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-02-22 23:46
Tutto quello che ha scritto Blondet molto presto si verificherà. Personalmente ne sento parlare da oltre 55 anni, cioè da quando mio padre ha iniziato ad esporre le sue idee sia sugli argomenti soffocati dal conflitto mondiale e dal tradimento ancora recente, sia su quelli che iniziavano ad affacciarsi sulla scena europea (Trattato CEE Roma 1957)
Per questo non mi umilierò nel mandare petizioni a coloro che in ogni caso consapevolmente ed a vario titolo, come leggiamo e come abbiamo capito, ci hanno tradito o si apprestano a farlo. Infatti ognuno di costoro conosce benissimo le conseguenze del suo operato e già pensa a come trarne il maggior vantaggio personale possibile, fregandosene di qualsiasi supplica. Se vi fossero ancora elezioni prima del misfatto in fieri, forse avremmo un'arma: disertare le urne e costringere la menzogna a palesarsi.
Senz'altro aderirei apertamente e di più ad un simile proclama, ma chi potrebbe farsene carico?
E comunque dove troveremmo anche solo un D. Pellegrini Giampietro od un Angelo Tarchi?
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Catone 2012-02-23 09:45
Citazione cgdv:
E comunque dove troveremmo anche solo un D. Pellegrini Giampietro od un Angelo Tarchi?
Giuliano

Ci sono, ci sono! E' il sistema che, consapevolmente , seleziona solo incopetenti e corrotti!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# grafica 2012-02-22 23:47
E' solo l'inizio di un progetto di dominazione mondiale ancora più vasto... Sento una sinistra aria piatta prima della tempesta... Credo che per l'Europa sia giunta l'ora di un'altra gigantesca guerra, questa volta una guerra invisibile, silenziosa che lascerà sul campo milioni di morti per fame e stenti rinchiusi in campi di concentramento chiamati case di cura... Tecniche di genocidio sofisticatissim e e eutanasia legalizzata più cremazione. Parola d'ordine assoluta distruggere per sempre L'Europa dei popoli... Orde di stranieri semza patria sradicati dalle loro terre invaderanno l'Europa in cerca di facili esistenze finendo nelle mani di una mafiosa criminalità. La mafia italiana appoggia senza riserve il governo Monti perchè la criminalità e la corruzzione saranno più facili. Milioni di morti in pochi anni, nascosti dal governo e dai mass media, Di queste cose non si dovrà mai parlare... Attenzione agli psicoreati. Chi si oppone finisce diritto in campi di detenzione appositamente creati...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-02-23 00:45
Non si può, purtroppo, non essere d'accordo con alcuni commentatori di questo veemente articolo, che in senso pittorico, assomiglia a l'"Urlo" di Munch. Non si può che piangere quando si legge la storia di Pellegrini (una nostra amica di famiglia mi ha raccontato la storia di suo padre, molto analoga e le chiederò se mi permette di postarla) quando si pensa al degrado irrimediabile del nostro Bel Paese.
Si pone comunque una domanda: possibile che nè i portoghesi, CHE I COMPITI LI HANNO FATTI e in cambio hanno ricevuto un altro ceffone dalle agenzie di Rating, i maledetti emissari dei loro satanici mandatari, gli irlandesi, gli spagnoli NON sappiano nulla? e se sanno perché NON reagiscono? Forse che le metastasi di questo devastante cancro satanico ormai così diffuse, stiano per mandare in putrefazione gran parte del corpo europeo? Eppure l'Ungheria, la Cechia e in parte la Polonia non hanno accettato la contaminazione.
Che le costituzioni, i trattati, gli accordi, le leggi, TUTTO nero su bianco, per carità, non valgano più una mazza, si suppone che l'abbiano capito anche sotto terra, quindi il casinò è aperto, il primo che l'ha capito Kirchner (J) in Argentina, Correa in Ecuador, Orban in Ungheria e anche l'Islanda che sta facendo riscrivere la costituzione agli abitanti) le firme ormai non servono, ma gli UOMINI e i FATTI, ma così come siamo messi... Se tutta l'Italia, utopico, scendesse in piazza e nelle strade, come ha fatto per i mondiali di calcio vinti nel 1982 battendo la Germania, allora potremmo ancora uscire "dalla porta stretta". Comunque l'Europa ha il destino segnato, come l'Euro, la Merkel lo sa bene, oggi ha proclamato veemente che l'unico modo par salvarli è quello di tirare la fune dalla stessa parte, tutti insieme apassionatament e facendo i compiti, sic, (però anche la signora rischia di rimanere con il cerino in mano) mentre dei commentatori TV, professori di economia e finanze di alcune note università, obbiettivamente sono molto scettici sulla riuscita. Sullo "Spiegel" di ieri c'era un lungo articolo che inneggiava a Monti: Grecia pfui, Italia gut.
Tra un anno o poco più se ancora ci permetteranno di scrivere certe verità, i nostri commenti saranno di natura diversa. Tra l'altro c'è sempre l'incognita Iran.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# nicolas 2012-02-23 07:53
Una mia vecchia idea sulla comunicazione di massa inversa, ossia dare voce realmente al popolo, è quella di coniare dei semplici slogan e farne una sorta di gadget da apporre un po' dappertutto fino a quando non si ottiene lo scopo prefissato. L'idea non è nuova perchè si rifà ai lenzuoli a sostegno di Prodi (più pazzesco di così non si poteva) e ai disegni dell'arcobaleno. Basta che un movimento consistente e trsversale comincia per ottenere i risultati.
Occorerebbe iniziare dai balconi con un bel cartello tipo "Basta con l'euro usuraio" ed ancora "Basta con i mercati! Vogliamo vivere!".
Negli States uno degli slogan che andava per la maggiore del movimento "occupy W.S" era siamo il 99% ed era vero.
Come è vero che l'euro opprime la maggioranza degli europei. Per quanto mi concerne girerò la proposta a tutti gli attivista di destra e di sinistra che conosco. Vi invito a fare lo stesso perchè il tempo stringe.
E a proposito di tempo qualcosa mi dice che questi farabutti globali vogliano innaugurare il "nuovo ordine mondiale" in occasione del centenario della nascita della Federal Reserve. Scommettiamo?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Catello 2012-02-23 10:08
Intanto sembra che le Poste Italiane stiano attuando un servizio pubblico in favore di chi spedisce la posta da firmare, ad esempio l'Agenzia delle Entrate, e un disservizio contro chi la riceve, al quale non rimane nulla in mano circa la data di consegna, mancando il timbro postale sulla busta, come anche spesso la data di spedizione all'interno del sollecito di pagamento, che prevede una scadenza dal momento della consegna.
Lo Stato italiano vuole avere preventivamente il coltello dalla parte del manico aldilà del lecito nei confronti dei cittadini presunti debitori. Il postino poi, che a volte può anche essere una ragazzina dispettosa e ben istruita circa la sua superiorità di pubblico ufficiale, per qualunque motivo può far arrivare i carabinieri in pochi minuti, i quali procederanno d’ufficio per interruzione di pubblico servizio.
Quindi consiglierei a tutti di aprirsi una casella postale per evitare denuncie.
Per quanto riguarda la petizione contro la demenziale ESM che per aiutare l’Italia esige intanto il pagamento di 125 miliardi, sono favorevole a farla, perché se no procediamo come ipnotizzati verso un burrone.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-02-23 10:49
Citazione Vitoparisi3:
A noi servirebbe un asse russo-iraniano a difesa dei valori tradizionali. Penso che esso si dimostrerebbe un antidoto bene influente sul contesto restante, tanto da operare i miracoli


A noi servirebbe una CHIESA rigenerata, degna di tale nome, per infondere quei valori che rendono inaccettabili tutte le nefandezze che hanno distrutto le anime, le coscienze e i cervelli, che ridiano il concetto di dignità all'uomo, infondendo il coraggio di combattere per quello che lo rende a immagine di COLUI che ci ha creati.
TUTTO il resto verrebbe di conseguenza, lo sapevano benissimo coloro che "per padre hanno il diavolo che dal principio fu omicida" e per questo che hanno da più di trecento anni posto in atto la loro opera devastatrice.
Per conoscere l'immenso valore del VERO cristianesimo, bisogna domandarlo ai suoi nemici, dati gli sforzi immani e le altrettante nefandezze che hanno messo in campo, visto che l'ammorbamento delle coscienze di coloro che hanno il coraggio di chiamarsi ancora cattolici, non gli permette di vedere la realtà, tranne quei pochi credenti veri che subiscono persecuzioni di ogni genere anche da noi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# felixoro 2012-02-23 11:32
Se penso che pochi giorni fa, il "post comunista viscido" al secolo NAPOLITANO, si è risentito ad un manifesto che lo indicava: "servo dei banchieri". Cari italiani, questi signori hanno la faccia come si suol dire, "come le puttane". Sono armati di una sfacciataggine ed ipocrisia sconfinate, perfetti funamboli nell'arte della menzogna. Programmerei una marcia silenziosa di migliaia, milioni di italiani sotto le sedi del potere, parlamento, Viminale, ministeri vari, questure, caserme finanza e carabinieri, ecc., ecc., con lo slogan: "VE NE DOVETE ANDARE VIA DALLA MIA TERRA".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-02-23 12:48
Italiani brava gente. E' di stamani la notizia che nel profondo operoso nord, esattamente nel bresciano, sono state scoperte fatture false per il valore di 500 milioni di euro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# shaula 2012-02-23 20:32
Citazione aloisius:
Italiani brava gente. E' di stamani la notizia che nel profondo operoso nord, esattamente nel bresciano , sono state scoperte fatture false per il valore di 500 milioni di euro

Perché, era forse meglio che pagassero le imposte che sarebbero servite per comprare le Maserati a quei nullafacenti di generali oppure per acquistare centinaia di aerei ciascuno dei quali costa piú di un intero ospedale, per massacrare poveri cristi in Libia o in Afganistan o chissá dove??? Piuttosto che sperperare i quattrini sudati in questo modo dico: molto meglio evadere. Affamare la bestia anziché farci spolpare per mantenerla negli agii vergognosi. Oltre tutto che cosa riceviamo in cambio? Insomma paghiamo tutta questa gentaglia, dai generali, ai politici, ai portaborse, ai funzionari pubblici, etc., etc. per quale motivo? Noi tiriamo la carretta e quelli ci mandano Equitalia. E´la stessa prassi di chi ci chiede il pizzo. Ossia é lo stesso tipo di estorsione vomitevole.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Wotan 2012-02-24 15:39
Citazione aloisius:
Italiani brava gente. E' di stamani la notizia che nel profondo operoso nord, esattamente nel bresciano, sono state scoperte fatture false per il valore di 500 milioni di euro


Dove ci son fatture false ci sono anche quelle vere. Al sud non fanno nemmeno quelle.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2012-02-23 13:03
La maggior ipocrisia del "napolitaner", è che incita sempre all'unità d'Italia, mentre sa benissimo, e la Udiemi lo dice chiarissimo, che tutti stanno mettendo in opera il vero Federalismo che pone fine all'Unione Europea. La storia infatti cominciò 50 anni fa, quando lui era più giovane e sa benissimo che nessuna promessa ha compiuto con il suo comunismo fittizio. Ma non vedete che l'Europa sta morendo? Aderire a questa petizione lecita e sincera (per quello che ho scaricato, letto e firmato) è cercare di rifondarla almeno su basi veramente nuove,cosa che nessuno di questi politici vuole, per invidia, perchè sanno che noi la vedremo e loro,non vedranno nulla...
Vogliono che tutto scoppi, vogliono che noi godiamo solo delle spoglie di ciò che ha fatto un uomo come Pellegrini, assolto da tutti i tribunali per amore della sua patria, come italiano. Sarebbe una vincita, e loro,i post comunisti, perderebbero.
Vero è che noi non sappiamo se l'Europa sarà rifondata meglio, ma potremmo esercitare ancora una forza in quanto a Italia, sopratutto geopolitica, in nostro beneficio ed anche verso gli altri popoli, ma con la condizione di avere coraggio di osare, e di tollerare le sgridate che tale federalismo nuovo corrà darci. Il nome di questa sgridata è ovviamente: potere pubblico comunitario, non governo di esperti e tecnici, poi uguaglianza fra le nazioni, non nazionalismi pronti a scoppiare, tanto quelli dei Paesi forti che meno forti o deboli, infine rinnovare finalmente la democrazia,cont ro ogni neoliberalismo o statismo senza Stato dei governi colonizzati da caste burocratiche, che, appunto, come spiega il direttore, continuano a rubare e corrompere gli altri con liberalizzazion i (vendita illecita di licenze varie) o privatizzazioni . Non comprendo perchè non si è ammesso prima, perchè per il federalismo ci vuole l'insurrezione delle masse, il fallimento greco?
Il presidente, oltre alla corbelleria delle banche, mente quando dice: noi non siamo la Grecia! Certo che no, perchè da noi il popolo politicizzato da anni ha congiurato la catastrofe non eseguendo mai rigorosi controlli costituzionali.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2012-02-23 13:47
Etienne Balibar: propone una soluzione federale alla crisi europea.
La metà della fortuna greca è fuori dalle banche europee fuori Grecia! Quindi è in preda ai mercati finanziari, come noi adesso.
Non abbiamo una commissione responsabile davanti al Parlamento Europeo, poichè le nazioni sono diventate macroregioni, e si sono contentate già dal Trattato di Roma di federalismi rampanti,occult i, paurosi ai gaullismi francesi. Così il riscatto greco fracassa, perchè c'è sempre lo slovacco che deve saldare conti.
La storia avanza alla svelta, l'implosione aumenta e la Banca Centrale Europea, dopo Trichet, il dogma monetarista, ereditò indipendenza e capacità di misure: Federal Reserve statunitense, ricompera dei buoni del Tesoro, politiche di aumento di liquidità e solvenza.
Revionare i Trattati in funzione del federalismo, poichè tutto è sorto, secondo il francese, dopo che Weber uscì da successore di Trichet, e Keynes uscì da Bruxelles.
Dare importanza al Parlamento europeo, essere autentici sovrani democratici in quel parlamento, indire elezioni urgenti, oggi stesso in base all'emergenza organizzando i partiti su basi transnazionali e dentro la UE. Il Parlamento europeo ha subito amputazioni serie e vive di protesi. Non cercare più soluzioni tra venditori di tappeti nazionali, su principio britannico I want my money back alla Tatcher o il figlio naturale Cameron, ma impugnare la costituente al Parlamento europeo, elezioni rapide e, come fecero i resistenti con gli alleati, fucile puntato alla nuca, fare una nuova costituzione vera che converga tutti in un programma contro una austerità ma basata contro l'ingiustizia sociale cui ci sottopongono Monti e soci, instaurare una reddito base dignitoso, tasse sì ma che vadano ad ingrassare i presupposti federali, per assolvere ad una emergenza unica, relativi ad economie sociali solidali e verdi. Un federalismo vero, ma servito da camerieri esperti, su piatti puliti, senza vermi, mosche, serpenti, o cibo adulterato condito di spezie piccanti per camuffare il marcio. L'unico che potrà togliere le castagne dal fuoco è il Parlamento europeo, l'unica sede istituzionale nuova.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Boromir 2012-02-23 15:15
Per la Redazione: quando lo metterete fra gli articoli "free"?
-----------------
E' nel FREE da ieri sera. Ma è pia illusione pensare che nel free ci sia qualcosa; ne riparleremo appositamente.
FdF
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ryu21 2012-02-23 15:18
Quale sarebbe la famosa democrazia e libertà ottenuta con il sangue?!
La stessa forse che ci ha portato allo sterminio di milioni di bambini innocenti nel grembo della madre, la stessa che sfrutta i paesi del Terzo Mondo, la stessa che ha creato una schiera di popoli inetti e palesemente deficenti?!
Credo che fra un governo ESM e la situazione politica di oggi non cambiera' molto... almeno per chi ingiustamente soccombe in una democrazia idiota e perbenista come questa.
Ma voi continuate a fidarvi delle simpatiche petizioni di una militante dell'IDV, che andate bene!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Boromir 2012-02-23 15:54
Citazione aloisius:
Italiani brava gente. E' di stamani la notizia che nel profondo operoso nord, esattamente nel bresciano, sono state scoperte fatture false per il valore di 500 milioni di euro


Aloisius, lascia stare il nord, perchè se andiamo a vedere l'evasione fiscale nel profondo e inoperoso sud, dopo ti metti a piangere.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alfio200 2012-02-23 21:45
Senza contare le false pensioni di invalidità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Gilles 2012-02-23 16:29
Il fatto che non si parli più tanto nel mondo delle malefatte economiche angloamericane e si individui il mostro nella Germania della Merkel, non vuol dire che certe teorie economiche abbiano cambiato padri. Ma è anche vero che ormai nel mondo comincia a farsi strada, soprattutto in America, la politica degli investimenti statali. Il fatto è che persino su Repubblica e Panorama si è parlato di questa nuova tendenza economica, che soprattutto in America, sta scalzando le vecchie ideologie iperliberiste. E poi una altra cosa, va bene firmare petizioni, va bene lottare tutti insieme per il bene comune, va bene avere un interesse concreto comune, ma ciò non vuol dire che ognuno di noi debba abbandonare le proprie ideologie, io rimarrò per sempre con le mie e però proverò a rispettare quelle degli altri senza pregiudizi, questo è ciò che tutti dovremmo imparare a fare per superare questi tempi assurdi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Catello 2012-02-23 23:11
L’attuale scelta europea dell’austerità, cioè del pareggio di bilancio, porta invece a recessione. Potrebbe ancora funzionare solo se accompagnata da una quantità di condizioni favorevoli: azzeramento della speculazione sui debiti statali, banche che non finanziano bolle ma danno prestiti sufficienti alle imprese a tassi moderati, tagli alle spese statali graduali e molto selettivi con una riconversione della spesa dagli sprechi alle infrastrutture utili, ecc. Per cui causerà quasi certamente un disastro come in Grecia.
Le cosiddette liberalizzazion i e privatizzazioni invece, così come vengono attuate, non portano alcun beneficio all’economia, ma solo favoriscono la penetrazione delle multinazionali, con conseguente schiavizzazione generalizzata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# AlexFocus012 2012-02-23 17:50
Domenico Pellegrini Giampietro fece circondare le banche private coi carri armati e gli fece "scucire" il denaro del popolo. Poi, la riforma fu tale che le finaze dell'Italia restarono senza debito per altri 16 (sedici) anni dopo la fine della guerra: Il primo deficit si verificò nel 1961, con un governo bicolore, democristiano e socialista. Con tutto che avevamo perso militarmente la guerra (ma non idealmente) e si dovevano pagare dei risarcimenti. Ora le persone che hanno combattuto non ci sono quasi più e la scusa "abbiamo perso la guerra perciò non ci possiamo ribellare" non regge...
Saluti a tutti
AlexFocus
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-02-23 18:09
La Corte Europea dei diritti umani di Strasburgo ha messo la ciliegina sulla torta imponendo, a suon di rimborsi (che per i disperati sono una vincita al Superenalotto), il diritto all'invasione del nostro (e non solo del nostro) Paese.
I nostri buonisti della Domenica, leggi il ministro Riccardi, già ululano di gioia pregustando il piacere di far posto a qualche milione di disperati in più in un Paese che, come dicono loro stessi, rischia di non avere i soldi per pagare stipendi e pensioni. Ma già, che importa, l'ideologia innanzi tutto, e questa contrasta con la sopravvivenza del popolo, tanto peggio per il popolo.
Svegliati popolo bue, italiano e europeo che sia,la vera vittima dell'olocausto sei tu.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alfio200 2012-02-23 21:51
Su iniziativa del CIR (Consiglio Italiano dei Rifugiati). Naturalmente, un consiglio italiano dei pensionati italiani che non ce la fanno ad arrivare a fine mese non esiste.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco_PD 2012-02-23 22:17
Ci si è messa anche la Caritas qualche mese fa nel corso di un proprio convegno, a reclamare l'accoglienza ad altri "migranti". Trovando intollerabili oltretutto i rischi a cui si espongono venendo qui in barca.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# BULEGH 2012-02-23 20:09
Nell'attesa di leggere questo lungo nonché preoccupante articolo, ne approfitterei per riportare una notizia, letta altrove, secondo la quale la Banca Centrale dell'attuale governo salva-delinquenti avrebbe fatto un regalino monetario per festeggiare la prossima resurrezione di... indovinate chi ...

Un silenzioso regaluccio pre-natalizio di 2 miliardi e 567 milioni di euro rifilati dal Tesoro dell'italioso governo salva-Monti & Berluscaboy (o viceversa) ai noti benefattori americani della Stanlio & Ollyo, in attesa di strangolare i PdN (Pirla del Nord - alias Patagni dell'ultima sponda) con le prossime liberalizzazion i delle stalle autoctone e dell'IMU sugli ONG peninsulari?
Mica male come donazione Onlus Salva-Stati!
Notizia totalmente ignorata da tutti i cosiddetti grandi scass-media, TV in primis, e da quasi tutti i quotidiani su carta stampata, tranne uno solo!
Nessun altro qui ne ha per caso captato conferma?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# BULEGH 2012-02-24 12:14
Il moderatore ha forse dimenticato di precisare che s'è trattata d'una regolare interrogazione rivolta in parlamento a Mario Monti dai senatori Roberto Mura e Gianvittore Vaccari, l'altro ieri???
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Wotan 2012-02-24 11:25
I militari e le forze dell'ordine fanno parte essi stessi del popolo, e come il popolo soffrono degli stessi problemi.
Ad una prova di forza staranno dalla parte del popolo.
Sono arrivato a sognare l'azzeramento della nostra classe politica tramite fucilazione per alto tradimento. E non vedo l'ora che arrivi quel giorno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# licio 2012-02-24 12:04
DIRETTORE BLONDET IN ITALIA CI SONO TUTTE LE PREMESSE PER LA SECONDA DI TANGENTOPOLI... MI DICE PERCHE' NON CI CONCEDONO IL BIS?
GRAZIE DELL'ATTENZIONE...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-02-24 12:41
Citazione Boromir:
Citazione aloisius:
Italiani brava gente. E' di stamani la notizia che nel profondo operoso nord, esattamente nel bresciano, sono state scoperte fatture false per il valore di 500 milioni di euro


Aloisius, lascia stare il nord, perchè se andiamo a vedere l'evasione fiscale nel profondo e inoperoso sud, dopo ti metti a piangere


Quindi gli vogliamo assomigliare, vero?
Allora però non li critichiamo più.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Edmund Kiss 2012-02-24 13:24
Intanto "Napuletano l'itagliano" comanda a destra e a manca e vuole i decreti di Monti approvati subito: il più anti-italiano dei nostri presidenti rispolvera il cipiglio rosso anno 1956 e impone quello che gli pare... andiamo avanti così e facciamo fare a lor signori tutto quello che vogliono... Fino a quando?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-02-24 13:43
Citazione shaula:
Citazione aloisius:
Italiani brava gente. E' di stamani la notizia che nel profondo operoso nord, esattamente nel bresciano , sono state scoperte fatture false per il valore di 500 milioni di euro


Perché, era forse meglio che pagassero le imposte che sarebbero servite per comprare le Maserati a quei nullafacenti di generali oppure per acquistare centinaia di aerei ciascuno dei quali costa piú di un intero ospedale, per massacrare poveri cristi in Libia o in Afganistan o chissá dove??? Piuttosto che sperperare i quattrini sudati in questo modo dico: molto meglio evadere. Affamare la bestia anziché farci spolpare per mantenerla negli agii vergognosi. Oltre tutto che cosa riceviamo in cambio? Insomma paghiamo tutta questa gentaglia, dai generali, ai politici, ai portaborse, ai funzionari pubblici, etc., etc. per quale motivo? Noi tiriamo la carretta e quelli ci mandano Equitalia. E´la stessa prassi di chi ci chiede il pizzo. Ossia é lo stesso tipo di estorsione vomitevole


Viene da pensare così, caro Shaula, quando si tratta di soldi sudati, ma ti posso garantire che le evasioni in grande stile siano servite a permettere dei lussi inutili, e vizi dannosi a gente che già viveva agiatamente ma si voleva rifare sui ricchi veri. Tant'è vero che ora ci sono molti meno SUV in giro, e non solo per motivi fiscali, ma per mancanza di soldi e tanti esercizi commerciali stanno chiudendo.
Il malcostume dell'evasione in Italia ha raggiunto dei picchi incredibili, favorendo ovviamente in modo osceno le varie mafie e i loro sodali, e non ci crederai, con l'assenso del governo di Bruxelles nelle persone di erogatori di contributi, questi ultimi MAI CONTROLLATI, cioè erogati e basta. Esempio: l'autostrada Salerno- Reggio Calabria, ma la lista è lunga.
Nel comportamento del popolo si riflette quello dei governanti, ma ciò non significa affatto che sia un bene.
Quello che invece fa rabbia è che proprio questi meccanismi perversi siano stati la stura per l'entrata nel nostro
Paese della massoneria internazionale, "per mettere a posto le cose", (in verità prove di dittatura) con un consenso netto di una parte della popolazione, che a quanto pare non gradiva poi molto l'evasione, più TUTTO il resto.
Non risulta che questa "cura" sia stata applicata in altro Paese europeo, tranne la Grecia. In altre parole non si dà al nemico la corda con la quale poi ci impiccherà.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# amsicora 2012-02-25 13:13
come non esistessero dipendenti col doppio lavoro, che non pagano RAI ed ICI, che affittano case in nero, che rubano il lavoro e sul lavoro...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nahars 2012-02-24 14:15
Che bello liberaRSI!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Catello 2012-02-24 18:15
Il governo Monti ha il gradimento degli USA e delle grandi banche di affari, ma è costituito da caste pubbliche, dirigenti ministeriali, cattedratici, e militari, con l’aggiunta di massimi dirigenti bancari.
Questo è il motivo per cui il cammino indicato dall’alto e dall’esterno, cioè un’austerità che punti al pareggio di bilancio, che è di per sè una strada economicamente rischiosa perché tende a causare recessione, è stato intrapreso attraverso una stretta fiscale, supportata da una intensificazion e della lotta all’evasione, e non anche e soprattutto, come sarebbe stato più opportuno, da tagli alle spese ad incominciare dagli sprechi dei politici e della pubblica amministrazione a livello centrale e locale.
In cambio le imprese con più di 15 dipendenti avranno la possibilità di licenziare anche senza giusta causa.
Quindi si tratta di un blocco sociale di tutti i poteri maggiori, dal quale rimangono fuori, nel ruolo di vittime, le piccolissime imprese, tutti i dipendenti privati che sono il motore dell’economia, milioni di pensionati, le piccole caste più deboli, come artigiani, tassisti, edicolanti, farmacisti e notai. Una moltitudine di persone con scarso potere o privata dei propri rappresentanti.
In queste condizioni si capisce che qualunque protesta, anche a livello di semplice petizione, risulta improbabile e difficile da attuare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# amsicora 2012-02-25 13:14
Concordo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-02-24 19:16
Nel frattempo circolano voci di un intervento dei militari in Grecia,subito dopo le elezioni di aprile http://www.examiner.com/international-trade-in-national/greek-military-ready-to-intervene-and-take-over-greek-parliament.
Si parla anche di un incontro segreto di Antonis Samaras con Putin e manager di Gazprom. Se ci sarà un colpo di Stato la Grecia potrebbe essere espulsa non solo dall'Euro ma anche dalla EU. Viste le condizioni pazzesche che pone l'Europa per il risanamento economico però, non credo che aggraverebbe di molto la situazione del Paese.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ROGAR 2012-02-24 20:14
Piccole caste i notai?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# amsicora 2012-02-25 13:15
Piccole caste i notai, grande casta i magistrati...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# wichasa witko 2012-02-24 22:43
Diffondete il più possibile il link attraverso il quale aderire, iniziamo da questo anche per non avere un giorno il pentimento di non aver fatto nulla per noi ed i nostri figli.
Anche se in verità penso che ad oggi vi sia un livello di "menefreghismo" dei governi nei confronti dei loro popoli tale che qualsiasi azione popolare non venga presa in considerazione (Grecia docet). Ma cominciamo, proviamo tutte le strade prima che si arrivi ad una violenta esplosione sociale...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ferny1 2012-02-24 22:48
Solo questa sera ho inviato 16 email sia ad alcuni componenti del Parlamento ed anche al presidentetradi toredellarepubb lica (il minuscolo ed obbligo).
Mi auguro che altre 10, 100, 1.000 persone abbiano fatto la stessa cosa.
E poco? Non fa niente, sempre meglio di niente!!!
Domani ho intenzione di continuare, la petizione la mando anche al Senato, ad alcune redazioni dei giornali nazionali ovunque.
E che Dio ce la mandi buona!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2012-02-25 11:37
@ferny1:Bravo/a! Questa si chiama dignità democratica, Dio e la nostra fede, come fu per Mussolini, ci farà tollerare le critiche negative, con lo stoicismo di Gesù, senza mai prendere posizioni, per non perdere la democrazia ottenuta, cui fa cenno il direttore.
L'indifferenza, la mancata audacia apre alla dittatura, in questo una delle peggiori messianiche eternizzate dai nostri governi, la dittatura dell'Usura. Roba da processo di Norimberga perchè è un atto di lesa umanità. Se esiste questa possibilità dignitosa di opporci a palloni gonfiati come le loro bolle immobiliari, adoperaiamola! Mica c'è l'esplosivo dentro una lettera, o l'antrace! Perchè loro in democrazia devono permettersi di scrivere a stampa libera, che la Libia è diventata un mattatoio?! Sono notizie che tolgono il respiro, intollerabili, sono atti contro l'umanità, e nessuno si oppone all'uso legale del braccio armato della NATO? All'anarchia imperante? Siamo noi che diamo vita alla democrazia, la viviamo, dobbiamo essere volitivi, esigere che loro procedano democraticament e. Vivere la democrazia significa essere audaci, essere ciò che siamo, sinceri e Dio ci accontenterà perchè il nostro è un rischio che richiede rettitudine morale, non etichette appiccicate. firmiamo la petizione. Loro fanno le fortune al caldo delle opportunità, senza vergogna, e senza nemmeno arrossire sulla maniera immorale di averlo fatto! Audacia è anche dire ciò che si vuole da questa democrazia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Lukas 2012-02-25 18:07
Mio padre si arruolò nella X MAS a trascorso un breve periodo di vita a Salò e mai mi parlò negativamente della RSI.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# licio 2012-02-26 16:37
UN DATO RIFERITO DALLA BONINO NELLA TRASMISSIONE DELLA CRETINANDINI... L'80% DEGLI ASSASSINII E DEI FURTI IN ITALIA RIMANE IMPUNITO...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ferny1 2012-02-26 16:41
Vorrei far presente al Direttore ed ai lettori che, per ora, l'unico che mi ha risposto alla petizione (che ho inviato a tutti i politici ed ai giornali nazionali) qui in riferimento è l'onorevole Cazzola, con risposta che qui riporto: "Mi dispiace, ma io sono favorevole con il trattato, non ci sono alternative".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# angelus 2012-02-27 12:59
Citazione ferny1:
Vorrei far presente al Direttore ed ai lettori che, per ora, l'unico che mi ha risposto alla petizione (che ho inviato a tutti i politici ed ai giornali nazionali) qui in riferimento è l'onorevole Cazzola, con risposta che qui riporto: "Mi dispiace, ma io sono favorevole con il trattato, non ci sono alternative"

Favorevole CON il trattato??? andiamo bene...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2012-02-29 18:27
Intorno a noi vediamo una situazione pessima. Decidere di spedire una o più lettere non provocherà la destituzione dei "gerarchi" inetti: non siamo così ingenui, nemmeno aspiriamo a vantaggi personali. L'niziativa è fine a se stessa. Le conseguenze non ci riguardano, forse sarà strano questo modo di agire, ma nulla in noi fa parte di un disegno, a posteriori troveremo le spiegazioni, ma non è insubordinazion e, noi vogliamo un miracolo. E il primo atto e speriamo esista un seguito. La risposta dell'onorevole Cazzola è una risposta di accusata ricevuta, con commentino, il massimo del consenso e quindi diventa uno dei "nostri". Chi la ignora lo fa per supposta carità di patria, ma non è detto che non la consideri.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Altre notizie in questa sezione :
Da Monnet a Sutherland: il piano definitivo per il Superstato europeo
Klaus Foresti
Soppesata l’entità della “ribellione”, colto il pretesto dell’instabilità del processo...
Migranti: il grande inganno continua (per di più costosissimo)
Klaus Foresti
Vista la pervicacia nel non voler ammettere il disastro in corso – malgrado tutti i segnali...
Tra la (falsa?) paura del Brexit e Nonna Europa
Klaus Foresti
Se il referendum britannico tiene banco in questi giorni, soprattutto a causa di un possibile...
Il terrorismo non è solo quello islamico
Klaus Foresti
Dalle centrali di comando, il terrore viaggia su un doppio filo conduttore: quello stragista e...
Tenebre sull’Europa, bagliori ad Oriente
Martina Smerčan
Gli attentati di Bruxelles segnano il quattordicesimo attacco terroristico sul suolo europeo...
Sola a Berlino: come Frau Merkel si è giocata il potere
EFFEDIEFFE.com
Per quei tedeschi che ancora non si lasciano sedurre dalle utopie globaliste, e per quelli che...
La commissione europea sta per collassare?
Luciano Garofoli
Mentre l’Italia sembra completamente fuori dal tempo ed inscena una difesa ad oltranza di tutto...
Niente di nuovo ad Ovest
Luciano Garofoli
Le reazioni più forti e determinate alla spietata volontà mondialista della UE si stanno...
Bande di strupratori arabi si aggirano per le città tedesche
Martina Smerčan
Elezioni francesi: nasce la nuova destra
Luciano Garofoli
Una settimana di campagna propagandistica a livelli nord coreani ha permesso di stoppare e...
Ultime notizie in questa sezione :
Il delirio europeo e quello umanitario
Klaus Foresti
La sconfitta e la resa è l’unica soluzione alla quale tali persone vogliono portarci come...
Il CETA e il «Governo mondiale»
EFFEDIEFFE.com
Il CETA è fondamentalmente un modo per far entrare dalla porta sul retro il moribondo trattato...
Immigrazione selvaggia: come reagire
Don Curzio Nitoglia
Di fronte a quest’invasione da parte di varie popolazioni di confessione islamista, che ci sono...
Dalle “bufale” di Kalergi alle luci di Orbán. Motivi di speranza europea
Klaus Foresti
La partita si gioca sempre sull’immigrazione, che i leader dei Paesi dell’Est vedono nella...
Il “campo di battaglia” che ci attende
Lorenzo de Vita
Gli abissi hanno già da tempo iniziato a dischiudersi. Risulta evidente che il principe del...

Articoli piu' letti del mese nella sezione Europa

Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità