>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-152

RSS 2.0
menu-1
Gruppi gay contro la Annunziata
Stampa
  Text size
Genuflettersi alle neoreligioni è importante, soprattutto quando si pronuncia la parola gay invano. L'Annunziata deve fare una puntata riparatrice, perché il tema è poco conosciuto...

ROMA
-
Ha lasciato intendere di essere pronta a difendere Celentano anche se questi "avesse sostenuto che i gay sono da mandare al campo di sterminio". Una frase, quella pronunciata da Lucia Annunziata durante la puntata di Servizio Pubblico, che ha fatto insorgere la comunità omosessuale: "La giornalista si scusi", hanno detto in molti. Una estremizzazione, ha spiegato durante il programma l'ex presidente della Rai, replicando a Santoro che l'aveva ripresa con un "non esageriamo". "La frase che ho pronunciato era a mio parere chiaramente paradossale  -  spiega a Repubblica.it la Annunziata - e veniva alla fine di un discorso in cui ho preso nettamente le distanze dall'attacco alla stampa cattolica e non (da Famiglia Cristiana a Repubblica), portato avanti da Celentano. Ho difeso la libertà di espressione dell'artista,  ma ho usato l'esempio  -  di proposito estremo - della ferocia antigay per rendere più chiara l'esistenza anche di una contraddizione fra questo diritto e il merito delle opinioni che si esprimono".  

E, per chiarire ulteriormente questo concetto, ha deciso di dedicare una puntata del suo programma all'argomento: il 4 marzo a "In mezz'ora" si parlerà anche dell'odio nei confronti dei gay. In studio, saranno invitate partecipare alcune associazioni Glbt italiane. "Per me era chiaro che si trattava di una provocazione ma, in ogni caso  -  continua la Annunziata  -  ho dato la disponibilità ad approfondire il tema". Aurelio Mancuso, presidente di Equality Italia, è stato tra i primi a intervenire e a criticare l'affermazione della Annunziata, sollecitandola a scusarsi. E proprio a lui la giornalista ha voluto spiegare meglio, con una telefonata, il suo pensiero: "Mi ha chiamato dopo aver letto la mia presa di posizione. Ci ha tenuto a dire che non è affatto omofoba e che ha sempre difeso i gay  -  racconta Mancuso  -  Ha poi detto che è stata male interpretata e che il suo intento era quello di dire che non si può affermare tutto in televisione". In ogni caso, per Mancuso, quello della giornalista "è un gesto importante, perché dimostra che si è resa conto di aver toccato la dignità di milioni di persone in questo Paese".

Tra quanti criticano l'esternazione televisiva, c'è l'Arcigay, con il presidente nazionale, Paolo Patanè, che chiama anche in causa le ultime affermazioni omofobe di Giuseppe Ciarrapico ("due gay che si baciano mi fanno schifo. Il fascismo li mandava a Carbonia, scavavano e stavano benissimo" ha detto ieri il senatore del Pdl). "Se Lucia Annunziata ha l'ambizione di rimarcare una sua differenza culturale e di linguaggio da un personaggio non nuovo ad affermazioni becere come Ciarrapico, trovi come rimediare  -  dice Patané -. E non sarà semplice, soprattutto perché il riferimento all'Olocausto rivela ulteriore mancanza di rispetto nei confronti di chi l'Olocausto l'ha vissuto ed estrema leggerezza nel trattare una pagina spaventosa della storia umana".

A chiedere una puntata "riparatrice" sul tema è il circolo di cultura omosessuale Mario Mieli: "Lucia Annunziata appare non come un improbabile paradosso ma come l'ennesima cruda dimostrazione di quanto indietro siamo in Italia. Invitare a mandare i gay, o chiunque altro, ai campi di sterminio, si colloca ovviamente ben al di là dell'ambito della libertà di espressione e l'esempio portato è persino offensivo per la memoria delle decine di migliaia di vittime omosessuali che nei campi di sterminio ci sono stati davvero e ci sono morti. Il rispetto per tutte le vittime dell'odio nazista deve essere massimo, sempre, e riteniamo che mai e giustamente l'Annunziata avrebbe osato giocare sul paradosso utilizzando  gli ebrei o i partigiani. Le scuse migliori, per onorare le vittime dell''Olocausto', sarebbero quelle di dedicare una puntata della sua trasmissione proprio a questo tema, così poco conosciuto e sul quale evidentemente si compiono ancora scivoloni inaccettabili". "Confondere la libertà di espressione con la libertà di fare apologia dell'omofobia rievocando una delle pagine più buie della storia come il nazifascismo è operazione molto pericolosa soprattutto se fatta in un contesto televisivo dove non c'è diritto di replica  -  sottolinea Fabrizio Marrazzo, portavoce di gay Center - La giornalista si ispiri piuttosto a paesi che ben conosce come gli Stati Uniti dove i gay hanno diritti civili e che il nazifascismo l'hanno combattuto e vinto. In Italia l'omofobia e la comunicazione omofoba di molti rischiano di generare invece una cultura dell'odio e della discriminazione anche perché i gay sono ignorati dalla legge sia nei loro diritti di coppia che nella lotta all'omofobia".

Tra gli ospiti della puntata del 4 marzo ci sarà anche la deputata del Pd, Paola Concia, che, stamattina, ha avuto una lunga conversazione telefonica con la giornalista: "Ci siamo confrontate e  le ho spiegato le ragioni per le quali quella frase è stata fraintesa. Certo, mi aspettavo che Santoro le desse la possibilità di argomentare la sua affermazione, cosa che non è avvenuta. Le ho fatto notare che se al posto dei gay avesse chiamato in causa gli ebrei, ci sarebbe stata una sanzione sociale fortissima, come è giusto che sia. Purtroppo, il cuore del problema, condiviso dalla stessa Annunziata, è che nel nostro Paese si tollera che, anche persone con ruoli istituzionali, insultino quotidianamente gli omosessuali e le persone transessuali".

Fonte >  Repubblica.it


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# sivispacemparabellum 2012-02-25 16:38
L'Annuziata è un vecchio arnese del politiamente corretto sionista americano liberale, ben le sta.
QUADRO FUTURO ITALIA 2020
da ANSA

E' in discussione al consiglio supremo economico politico (il parlamento non c'è più) un provvedimento di legge contro l'odio razziale e di genere, negare l'olocausto costerà sino a 20 di carcere, rifiutarsi di porgere le terga alle giuste e legittime rischieste di soggetto gay o LMBT costerà sino a 20 di carcere, si prevede un aumento della pensa di 1/3 se il soggetto oltre ad essere gay risulta in modo chiaro di religione ebraica.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2012-02-25 19:06
Bisognerebbe evitare sia il disprezzo che le posizioni difensive da opportunisti, e parlare secondo rispetto e coscienza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ALANODELLAROCCA 2012-02-25 19:19
I gay non formano una coppia, mancando la necessaria complementariet à, ma formano solo un doppione, come nel caso di due scarpe sinistre: per questo il matrimonio, etimologicament e "l'ufficio della madre", non è per loro, essendo l'istituto naturale che sancisce l'unione stabile di un uomo e di una donna al fine di portare avanti la specie umana e garantire la solidarietà tra le generazioni.
Anche se i mass-media ripetono sempre l'assurdo logico "coppia gay" fino allo sfinimento, questo non cambia la realtà delle cose.
Se la realtà è, come diceva San Tommaso d'Aquino, "adequatio rei et intellectus", allora dire le cose come stanno non può essere omofobia. Allora l'uso di questo termine appare solo per ciò che veramente è, uno strumento per impedire la libera espressione del pensiero sull'argomento, con l'intento di infangare preventivamente il soggetto che si presta ad esprimerlo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2012-02-25 21:10
Citazione ALANODELLAROCCA :
I gay non formano una coppia, mancando la necessaria complementariet à, ma formano solo un doppione, come nel caso di due scarpe sinistre: per questo il matrimonio, etimologicament e "l'ufficio della madre", non è per loro, essendo l'istituto naturale che sancisce l'unione stabile di un uomo e di una donna al fine di portare avanti la specie umana e garantire la solidarietà tra le generazioni.
Anche se i mass-media ripetono sempre l'assurdo logico "coppia gay" fino allo sfinimento, questo non cambia la realtà delle cose.
Se la realtà è, come diceva San Tommaso d'Aquino, "adequatio rei et intellectus", allora dire le cose come stanno non può essere omofobia. Allora l'uso di questo termine appare solo per ciò che veramente è, uno strumento per impedire la libera espressione del pensiero sull'argomento, con l'intento di infangare preventivamente il soggetto che si presta ad esprimerlo


Chiarissimo, mon ami... e di sicuro...
LE+GRAND+RABBIN +DE+ISRAEL... non potrebbe che condivider il tuo justo sentire e certo elogiarti, per la tua, oggi davvero assai rara, perspicacia!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Dietrich von Bern 2012-02-25 22:23
L'Annunziata, vecchio arnese (come giustamente sottolinea un lettore) al servizio del mondialismo di matrice ebraico-massonico, si sentiva evidentemente ben coperta. Il fatto di essere la responsabile stampa di Aspen Italia la dice lunga di quali siano gli odierni approdi ideologici e culturali della "sinistra"! Tutto da ridere.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2012-02-26 00:43
Citazione Dietrich von Bern:
L'Annunziata, vecchio arnese (come giustamente sottolinea un lettore) al servizio del mondialismo di matrice ebraico-massonico, si sentiva evidentemente ben coperta. Il fatto di essere la responsabile stampa di Aspen Italia la dice lunga di quali siano gli odierni approdi ideologici e culturali della "sinistra"! Tutto da ridere


Una più che doverosa, justa, necessaria "precisazione"... tutta l'ipocrita gentaglia da te menzionata... "laica-repubblicana-democratica"... non ha davvero più nulla di "ebraico" e di "massonico"... essendo solo dei volgari opportunisti, dei vili mistificatori, degli sfacciati imbroglioni... meritevoli pertanto di severe punizioni... GVLAG+FVCILAZIO NI!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco_PD 2012-02-26 21:53
L'Annunziata si è piegata di fronte alla comunità gay. Dovrebbe saperlo che porsi in quella posizione in quell'ambiente si rivela sempre assai pericoloso.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NOMEN 2012-02-27 20:07
Citazione Franco_PD:
L'Annunziata si è piegata di fronte alla comunità gay. Dovrebbe saperlo che porsi in quella posizione in quell'ambiente si rivela sempre assai pericoloso


!!!... "INCHINATA"...???
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime 10 traduzioni FDF:
Black Lives Matter — un nuovo culto religioso
Dr. Peter Hammond
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
“Great Reset” — il piano radicale per trasformare l’economia
The Hill
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
USA e Israele: operare al di fuori dello stato di diritto
Philip Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Ombre del mondo reale
Israel Shamir
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Nuove storie “israeliane”… senza Israele
Philip Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Israele annette l’America
Philip Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Filantropo o Mostro?
Ray Jason
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Shockdown Doctrine COVID — e come sconfiggerla
Julian Rose
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Abolire la famiglia, mangiare insetti, iniettare ormoni femminili: il CV è Natale per i comunisti liberali
Graham Dockery
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Gates e la “Guerra al denaro contante”
Colin Todhunter
TRADUZIONE EFFEDIEFFE

Articoli piu' letti del mese nella sezione Worldwide

Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità