>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
Dall’euro si può uscire. Senza catastrofe.
Stampa
  Text size
Si salvi chi può, la sinistra italiana ha delle idee!

L’ho pensato ascoltando la giornata indetta a Cortona da Dario Franceschini, con la partecipazione di Pierluigi Bersani, Giuliano Amato, Piero Fassino, Giovanni Floris, il ministro Andrea Riccardi (il noachico seguace di Elia Benamozegh): un trust di cervelli convocatosi sul tema: «2013, idee per l’Italia che verrà». Perchè nel 2013 questi si aspettano di vincere le elezioni, e stilano un programma.

Quale programma? Da quel che ho capito, il primo punto è: «Mantenere il finanziamento pubblico dei partiti», com’è ora, «perchè noi i soldi li abbiamo già spesi». E perchè «la democrazia senza partiti è impossibile». Quindi niente tagli.

Secondo: sostegno convinto e fiero al governo Monti. «L’abbiamo voluto noi», Bersani dixit. E tante tasse, ovviamente. Ancora più tasse di Monti. Sui patrimoni, dicono loro.

Terzo: se mai, ottenere da Monti, «tanto autorevole in Europa», un addolcimento del «fiscal compact», ossia delle feroci austerità che hanno devastato l’economia.

Ora, il fiscal compact imposto da Berlino è totalmente irrealizzabile (Monti ci ha impegnato a riportare il debito pubblico da 120% al 60% del PIL, a forza di «finanziarie» annue da 45 miliardi per un decennio) ma, se ha qualcosa di sensato, è che esso obbligherebbe ad incidere, finalmente, non solo sui redditi dei contribuenti con le imposte, ma sugli emolumenti pubblici, sul personale pubblico in eccesso, sugli scandalosi sprechi regionali e la corruzione pubblica relativa al «fare politica». Proprio ciò che non vuole la sinistra, che ha nel parassitismo pubblico gran parte della sua base sociale. Questo addolcimento, ha detto Giuliano Amato, diverrà possibile quando in Francia vincerà la sinistra, e poi anche in Germania. Con il permesso della nuova Europea gauchiste, la spesa pubblica e l’alimentazione delle clientele potrà ripartire, con la scusa di «tornare alla crescita».

Quarto: restare nell’euro. Questo, nemmeno si discute a sinistra. Ciò significa, è implicito, continuare a servire il debito pubblico impagabile fatto a nostre spese da poltici che hanno perso ogni legittimità. La sinistra – come diceva Spengler – fa sempre il gioco del grande capitale (1). Non può farne a meno.

Insomma, le «idee», il programma della sinistra si riduce a questo: lasciare tutto com’è. Con più tasse e più partiti strapagati di oggi (è la da loro auspicata «fine del sistema maggioritario» che in Italia non è mai veramente esistito, col «ritorno al proporzionale» che ha creato l’immane debito pubblico nei decenni dei governicchi di coalizione che duravano sei mesi).

Attenzione, perché nel 2013, dato lo sgretolamento nella vergogna e nel ridicolo dei partiti di «destra» (cosiddetta) che hanno tradito i loro elettorati, questi partiti di «sinistra» (sedicenti) possono fare il governo. E siccome è più che probabile che in Francia prenda la presidenza Hollande e in Germania i socialdemocratici – anche se sono sinistre molto diverse dalla nostra – i Bersani e Franceschini potranno proclamare che «l’Europa va a sinistra»; si sentiranno di nuovo «l’ala marciante della storia», il che li imbaldanzirà ad attuare le loro «idee» (cosiddette).

Ovviamente, come sempre, sono «idee» in ritardo. Oggi in Europa ambienti molto diversi stanno cominciando a considerare l’eventualità di un’uscita dall’euro, sentito in modo sempre più chiaro come il cappio strangolatore della crescita europea.

La narrativa egemonica, che nasce da interessi bancari (2) – per cui l’uscita dall’euro sarebbe una catastrofe impensabile – è stata infatti scossa, negli ambienti che contano, dallo studio di Jonathan Tepper, un economista che ha vinto un concorso sul tema indetto dal Policy Exchange (conservatore britannico): il quale ha mostrato che nel ventesimo secolo sono avvenute 69 separazioni di unioni monetarie, e «in quasi tutti i casi», la transizione dalla moneta unica alle monete nazionali «è stata dolce». Nient’affatto catastrofica.

Tepper ha studiato specificamente questi 69 casi di rottura di unioni monetarie. A parte le uscite dovute alla decolonizzazione, molti riflettono situazioni simili alla zona euro. La fine dell’impero austro-ungarico nel 1919 è passata senza lasciare nella memoria il ricordo di catastrofi monetarie-finanziarie, quando una mezza dozzina di nazioni unite sotto l’imperial-regio scellino adottarono le rispettive monete nazionali. La separazione della Cecoslovacchia nel '93 non solo è stata incruenta, ma monetariamente ben guidata, senza troppi problemi. La spaccatura della vecchia URSS nel '92 ha prodotto catastrofi, ma non certo dovute alla transizione dalla moneta unica alle monete nazionali, bensì alla transizione dal sistema «socialista» a quello privatista sotto dettatura del Chigaco Boy Jeffrey Sachs.

Così, nella separazione fra India e Pakistan nel 1947, quello dell’adozione di due monete non è stato certo il problema. La separazione monetaria fra Pakistan e Bangladesh (ex Pakistan Orientale) nel 1971 è avvenuta pacificamente mentre le due entità erano in stato di guerra civile politica. Il caso dell’Argentina nel 2002 (la separazione della moneta dal dollaro USA, a cui era agganciata rigidamente) è noto.

Insomma, Tepper ha dimostrato – con esemplare rigore analitico – che la fine di unioni monetarie è un fenomeno banale nella storia economica recente. Che le procedure di smontaggio sono perfettamente conosciute (sovra-impressione delle vecchie banconote, loro graduale sostituzione con le nuove, controllo del capitali); e che si può descrivere con precisione i meccanismi dell’uscita. E, infine, che il cambiamento è stato mobido «anche quando c’è stata ristrutturazione del debito». Conclusione di Tepper: «L’uscita è lo strumento più potente per riequilibrare l’Europa e creare la crescita» dei Paesi europei.

Lo studio di Tepper ha indotto l’Economist a cambiare posizione. Perchè l’Economist, il settimanale dei Rothschild, è sempre stato un fiero sostenitore della moneta unica europea. Fino ad oggi, l’Economist ha difeso l’euro sostenendo che bastava emettere euro-obbligazioni, mutualizzare i debiti e aumentare i fondi del Fondo di Stabilizzazione (FESF), insomma «più Europa» e non meno, per superare l’attuale crisi. Una posizione in contrasto con la finanza speculativa britannica (che sta attaccando l’euro contando di lucrare dalla sua spaccatura), e dall’ideologia britannica in generale: il che dovrebbe dirci qualcosa sulla complessità del fronte «liberista» anglo-americano, che è difficile ridurre a semplicismi.

Dunque, l’Economist, il 7 aprile, ha cambiato rotta di 180 gradi. Citando lo studio di Tepper, scrive: «Se i fondatori dell’euro avessero previsto la tormenta attuale, non si sarebbero forse avventurati in questa unione monetaria»(Currency disunion).

L’Economist vede vicino il momento in cui «gli Stati indebitati potrebbero stancarsi della svalutazione interna»: ossia la situazione in cui, non potendo svalutare la moneta, devono svalutare i salari dei loro cittadini per renderli «competitivi». Inoltre, gli Stati creditori (leggi Germania, Olanda, eccetera) «potrebbero voler smettere di sostenere gli altri». E infine, «i 17 membri dell’eurozona esiteranno davanti alla perdita di sovranità necessaria per il salvataggio dell’euro» (non i nostri politici).

Conclusione: «Un processo concertato (di separazione) aumenta le possibilità di salvare gli altri apparati dell’integrazione europea, in special modo il mercato unico».

Data la fonte, si potrebbe dubitare legittimamente degli intenti e delle opinioni dell’Economist, e dei consigli di cui è prodigo agli europei.

Patrick Artus
  Patrick Artus
Allora sentiamo un’altra fonte: Patrick Artus, francese. Pochi in Italia conoscono Artus, ma in Francia è notissimo e molto ascoltato: economista capo di Natixis (la grande banca d’affari francese). Patrick Artus ha pubblicato uno studio di 13 pagine sul «Ruolo dei tassi di cambio nell’uscita dalle crisi di bilancia dei pagamenti» (Artus explique pourquoi l’euro ne marche pas).

È la crisi che colpisce Spagna, Grecia, Italia, Portogallo e presto colpirà la Francia. Le sole due vie possibili, spiega Artus, sono: abbassare il tasso di cambio (svalutare la moneta) o abbassare i salari. Per volontà della Germania, oggi la soluzione imposta è la seconda.

Anche Artus studia vari casi storici recenti: Spagna e Italia nel 1992-93, Messico nel 1994, Corea del Sud e Thailandia nel '97, Brasile nel '98, Argentina nel 2001.

In tutti questi casi, lo stesso scenario: deterioramento della bilancia corrente (tra -1 e -10% del PIL) a causa di una moneta sopravvalutata, che provoca un aumento dell’indebitamento estero, e una speculazione finanziaria che spinge verso alto i tassi a cui i Paesi, le imprese e le famiglie si indebitano. In tutti questi casi, i Paesi hanno finito per svalutare. Dopodiché hanno avuto un momentaneo picco della disoccupazione (provocata dal rialzo dei tassi), ma la svalutazione ha permesso di far ripartire l’economia, provocando una rapida diminuzione dei disoccupati.

È molto significativo che sia Tepper sia Artus si applichino a studiare la «storia dell’economia», anziché valersi delle formule algebriche che costituiscono il (falso) sapere economico contemporaneo. Così s’ha da fare quando mordono le crisi, e le formule sono un danno anzichè un aiuto: torna in auge la storia, ossia l’economia politica (che cosa s’è fatto in passato, quale è l’azione politica necessaria), anzichè la pseudo-scienza algebrica che presuppone l’intangibilità dei «mercati».

Ma torniamo all’economista francese. Artuis studia anche il caso della zona euro, e constata lo stesso scenario: i Paesi la cui bilancia dei pagamenti è squilibrata devono abbassare i salari per ritrovare la competitività e riequilibrare i loro conti esteri. Ma, ammaestrato dalle esperienze precedenti che ha appena esposto, conclude: «Sembra nettamente meno costoso, in termini di posti di lavoro, realizzare un deprezzamento reale del cambio in un Paese toccato dalla crisi (...) che da una riduzione dei salari».

In altre parole: svalutare la moneta, non il lavoro. Svalutare crea più posti di lavoro che tagli salariali.

Ma come svalutare l’euro? Artuis non lo dice. Anzi, fatto singolare e quasi surreale, nemmeno evoca la questione della moneta unica come strangolatrice delle economie deboli dell’eurozona. Nella sua posizione, Artuis non può esplicitamente raccomandare la rottura dell’euro, ciò che lo metterebbe alla pari coi blogger più marginali. Però, fornisce gli argomenti che dimostrano che la moneta unica è un errore. E un errore, oggi, strangolatore.

La sinistra italiana ha delle «idee» contrarie, dà fiato al terrorismo psicologico bancario che descrive come catastrofe l’uscita dall’euro, e lo adotta come proprio programma. La difesa dell’euro ad oltranza, fino all’ultimo posto di lavoro.

Tutto ciò dice che i nostri governanti non organizzeranno mai uno smontaggio concordato – le cui fasi sono note, comprovate e realizzabili – ma lo dovranno fare «en catastrophe», sotto la pressione dell’urgenza e della realtà. Con grave danno aggiuntivo e superfluo, perchè gli effetti dell’uscita saranno tanto più drammatici socialmente «quanto più a lungo ci si sia sforzati di mantenere nel tempo il tasso fisso, con la forte recessione indotta da questa scelta» (Gabriele Tagi).

Occhio alla sinistra e alle sue «idee», cosiddette. Ma anche alla «destra», però. E chi ci salverà, allora?





1) Ultimo e clamoroso caso, l’uscita con cui Milena Gabanelli s’è giocata la sua credibilità come giornalista con una smaccata promozione della moneta virtuale, proponendo addirittura una tassa punitiva del 30% sull’uso delle banconote: stalinismo al servizio delle banche. Queste hanno bisogno estremo che i pagameni vengano fatti tutti in moneta elettronica, essenzialmente per nascondere la loro insolvenza.
2) I fondi d’investimento e i fondi pensione sarebbero a favore del dissolvimento dell’euro. Infatti molti di loro hanno alleggerito le loro posizioni su debito pubblico dei PIIGS, e sarebbero lieti di riacquistarle con uno sconto sul cambio (lira-euro) del 20%-30%. Per contro, le grandi banche temono di dover svalutare le loro posizioni di trading-investimento. Per questo diffondono «scenari catastrofici in caso di rottura dell’Euro, per convincere tutti gli investitori della necessità di restare aggrappati all’Euro, facendo così i loro propri interessi e cercando di evitare pesanti svalutazioni in bilancio e conseguenti necessità di ricapitalizzare e/o di cambiare management». Vedi Ritorno alla Lira: pochi rischi di forte-svalutazione ed iper-inflazione, ma qualche lezione da ricordare sulla tempestività di decisione


L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.   


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# m.casarin 2012-04-16 13:08
Il professor Alberto Bagnai porta molti dati a supporto della separazione delle monete e della svalutazione.

http://goofynomics.blogspot.it/
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# adelauro 2012-04-16 13:38
Buona domanda, chi ci salverà?
C'è da augurarsi un putsch...?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maurizio Blondet 2012-04-16 18:10
Il putsch l'hanno già fatto: lorsignori.
Maurizio Blondet
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maranatha 2012-04-16 13:42
Io intanto, per non saper nè leggere nè scrivere, mi sono iscritta al partito ALI e speriamo di essere in tanti e di riuscire a fare qualcosa di buono.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# gipiel 2012-04-17 10:16
ALI é il partito di Magdi Allam!
No comment...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Angiulli 2012-04-16 14:10
Caro Direttore
i plutocrati sono usciti allo scoperto: lo hanno fatto sul "Il Venerdì" di Repubblica del 13 Aprile 2012, con l'articolo "L'Italia laboratorio della tecnocrazia che guidera' l'Europa" (per leggerlo basta andare all'indirizzo periodici.repubblica.it/venerdi/.) Altro che ritorno alle monete nazionali "ragionato": questi ci vogliono asserviti al Dio Mammona, al suo gran sacerdote Mario Draghi e al suo vicario Mario Monti... A quando il "redde rationem"?

Cordialmente
Giovanni Angiulli
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Luigi 2012-04-16 14:23
"È molto significativo che sia Tepper sia Artus si applichino a studiare la «storia dell’economia», anziché valersi delle formule algebriche che costituiscono il (falso) sapere economico contemporaneo. Così s’ha da fare quando mordono le crisi, e le formule sono un danno anzichè un aiuto: torna in auge la storia, ossia l’economia politica (che cosa s’è fatto in passato, quale è l’azione politica necessaria), anzichè la pseudo-scienza algebrica che presuppone l’intangibilità dei «mercati»".

ESATTAMENTE!!!

"In tutti questi casi, lo stesso scenario: deterioramento della bilancia corrente (tra -1% e -10% del PIL) a causa di una moneta sopravvalutata, che provoca un aumento dell’indebitame nto estero, e una speculazione finanziaria che spinge verso alto i tassi a cui i Paesi, le imprese e le famiglie si indebitano".

ECCO: questa è la vera causa dell'aumento del debito pubblico, moneta sopravvalutata che provoca aumento dei tassi di interesse sui prestiti e quindi un vincolo da interesse esterno per mancanza di moneta statualmente sovrana (non, dunque, come insegnano gli economisti della Modern Money Theory, quelli che hanno fatto uscire l'Argentina dal default, la spesa pubblica di per sé: si guardi nelle tabelle nell'articolo linkato di Gabriele Tagi il progressivo aumento del debito pubblico per interesse dovuto prima allo SME e poi all'Euro, sistema di cambi fissi, il primo, e moneta non sovrana, il secondo).

"In tutti questi casi, i Paesi hanno finito per svalutare. Dopodiché hanno avuto un momentaneo picco della disoccupazione (provocata dal rialzo dei tassi), ma la svalutazione ha permesso di far ripartire l’economia, provocando una rapida diminuzione dei disoccupati".

E QUESTA E' LA SOLUZIONE: ma per poter metterla in pratica è necessario tornare ad uno Stato (o anche ad una Unione di Stati) a moneta sovrana ossia ad una Banca Centrale di Stato che monetizza gratuitamente il debito pubblico, almeno quello non collocato sui mercati (naturalmente tenendo sotto controllo il tasso di inflazione che se contenuto al riassorbimento della disoccupazione è non solo fisiologico ma socialmente salutare, se invece è finalizzato al mero spreco tende a diventare iperinflazione. Siccità, ossia rigorismo deflazionario - quello ora imposto nella UE -, e innondazione, ossia iperinflazione, sono entrambi due mali. Ma il primo è il peggiore, in termini di disoccupazione indotta dalla mancanza di liquidità).

Cari saluti.

Luigi Copertino
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# urbano 2012-04-16 16:12
La sinistra ha bisogno che la gente abbia bisogno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# littoria3 2012-04-16 16:19
Per cui, il Direttore pensa che l'Economist alias 'Rothschild', si stia preoccupando degli Stati continentali e fa riferimento allo studio del signor Jonathan Tepper, ecc., ecc... Secondo me, è tutto il contrario, l'isola d'olremanica e le sue ex 'colonie' d'oltre oceano, alias USA, puntano invece come da sempre, alla DISSOLUZIONE dell'Europa continentale, a perpetrare nel tempo a venire, in'ingerenza tale, da tenerla sempre nel disordine ed impedire ad essa (Europa continentale), di essere il fulcro goe-politico, sociale, spirituale, morale ed economico che ha svolto nei secoli passati.
Per cui, il 'cambio a 180°' dell'Economist-Rothschild, lo considero come un 'messaggio' da lingue biforcute, il futuro ce lo confermerà. Idem per quanto riguarda il transalpino francese, fanno sempre parte della tribù settaria delle lingue biforcute. degli italioti partiti comunque schierati e di qualunque gradazione colorata, meglio non parlarne, essi sono dei servi e servono dei governi fatti di passacarte più o meno tecnici che siano, ma sempre passa carte sono e gli italioti in definitiva, si meritano democraticament e il destino che si sono costruiti addosso e attorno al loro collo.
Amen
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alberto 2012-04-16 21:57
Purtroppo credo anch'io che sia così!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2012-04-16 18:03
Ci sono un sacco di Paesi nel mondo che non sono nell'Euro ed economicamente vanno male come noi.
Persino la Cina sta frenando, e la Cina non è nell'euro, paga la gente 80 cents all'ora, ed ha lo youan moneta svalutatissima.
La Germania lavora con l'Euro, prima lavorava col marco che era ancira più forte dell'euro e va fortissimo come andava fortissimo col Marco.
Questo cosa vuol dire?
Vuol dire che non basta agire sulle leve valutarie o cambiare moneta, sarebbe troppo semplice e facile.
Occorre essere innovativi e tecnologicament e avanzati, allora si che si è performanti con qualsiasi moneta.

Attenzione però, la Cina non è innovativa ne tecnologicament e avanzata, agisce solo su salari bassissimi ed una moneta che vale niente, attenzione però la strada cinese non è percorribile nè in Europa nè in America.
Se la Cina lavorasse con l'Euro od anche solo col dollaro, non esporterebbe niente e sarbbe quello che semplicemente è: un grosso Paese del terzo mondo e basta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Scipio emiliano 2012-04-17 12:13
Citazione Giovanni Silvano:
Ci sono Occorre essere innovativi e tecnologicament e avanzati, allora si che si è performanti con qualsiasi moneta


Chi dovrebbe fare questo tipo di politica?
La Germania va forte perchè è stata strutturata in questa maniera sessant'anni fa.
L'Italia deve essere modernizzata e per far ciò è necessario riappropriarsi della moneta per investire. Ovviamente prima bisogna liberarsi di questa classe politica tout court.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2012-04-19 10:11
La classe politica in Italia sarà fatta sempre da italiani, e gli italiani conosciamo bene che carattere hanno. Gli italiani sono tutti più o meno uguali, eccetto il Sud-Tirolo.
Purtroppo, dico purtroppo, la mia fiducia in questo paese è=0.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# bibo10 2012-04-16 18:40
Domanda delle 100 pistole.
Con questi partiti cosa fare alle prosime elezioni?
Non andare a votare.
Annullare la scheda.
Qualche altra soluzione alternativa.
Per pietà datemi un consiglio utile.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2012-04-16 22:49
Io non vado a votare, li ho già votati tutti, e tutti hanno tradito la mia fiducia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Indaco 2012-04-16 18:54
Se le ortodossie economiche dominanti dovessero cambiare, la sinistra italiana si adeguerebbe con tutta la prontezza di cui è capace (poca). Alle nuove ortodossie come, prima, alle vecchie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2012-04-16 18:54
Ci sono due Paesi nel mondo che sono vincenti nella globalizzazione ,, sono: Germania e Cina, ma ripeto l'unica vera vincitrice è solo la Germania, perche la Cina FA SEMPLICEMENTE DAMPING SOCIALE E MONETARIO.
L'Europa non puo fare questo, se facessimo dumping sociale ed adottassimo una moneta che non vale niente, qui da noi scoppia una rivoluzione da far impallidire quella dell'ottobre 1917 in Russia.

Mettetevolo in testa tutti, qui o si fa un capitalismo sociale vincente come in tutto il centro-nord Europa, altrimenti saranno guerre civili, e secessioni... avete presente cosa è successo in Jugoslavia?... Bene la stessa cosa, ma molto più ampia e catastrofica.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nova 2012-04-16 22:37
A proposito, la rivoluzione d'ottobre 1917 fu un colpo di Stato e per attuarlo furono infiltrati 25.000 terroristi mercenari prevalentemente ebrei. Anche i capi furono fatti affluire a Pietroburgo dall'estero: Lenin da Capri e attraverso la Germania in vagone blindato verso il Baltico, Trotzky da New York, più altri cosmopoliti che tramavano e pianificavano in posizione appartata.

Per unificare il Regno delle due Sicilie furono spediti 1000 garibaldini a Marsala mentre la flotta inglese vegliava al largo e sul terreno la classe dirigente era già stata corrotta per farla complice.

In Libia si è agito così e pure in Siria si attua lo stesso cliché elaborato nelle conventicole anglo-sioniste massoniche della City of London.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2012-04-19 10:21
L'unificazione dell'Italia e la rivoluzione in Libia, sono state due operazioni artificiali, dell'Occidente, i due popoli erano semplicemente ignavi.
Quella in Siria è fallita perche si sono messe di traverso Russia e Cina.
La Rivoluzione d'Ottobre in Russia, come la Rivoluzione Francese, come i moti del 1848, furono fenomeni artificiali solo fino ad un certo punto, diciamo al 30%, per il resto furono una risposta popolare a situazioni insostenibili.
L'Europa è la patria di tutti i filosofi, pensatori e teorizzatori, da Kant a Marx.
L'Europa non è la Cna e nemmeno gli USA qui sono scoppiate tutte le rivoluzioni che hanno cambiato il mondo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# nicolas 2012-04-16 20:27
Tenendo a mente un precedente articolo (cultura politica uguale a zero) e dopo la lettura di questo articolo, non si puo fare a meno di constatare quanto sia veramente misera, ignobile e asservita la nostra classe politica. Hollande viene dato come probabile vincitore in Francia ma personalmente sono convinto che stavolta Marine Le Pen possa davvero giocare un brutto tiro agli eurocrati. Per un semplice motivo: Costei, nel suo programma politico, si presenta col fermo proposito di dare un calcio a questo euro ripristinando il franco. Non mi sembra cosa da poco. Da noi, a parte Forza Nuova pressochè sconosciuta ai più, non si trova alcun politico di rango che osi ventilare il ripristino della lira. Tutti zitti, boni, allineati e coperti.
Dalchè verrebbe da dire: Vieni avanti sinistra! l'Italia è tua, finiscila di massacrare.
Chissà che dalle ceneri non si possa rinascere. Ma tra qualche anno, però.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nova 2012-04-16 22:43
C'è quel Jean-Luc Mélenchon che va bene nei sondaggi il quale con linguaggio tagliente si propone come anti-globalista pseudo-estremista di sinistra ma è l'uomo dei Rothschild, di colui cioè che possiede il quotidiano Libération.

I francesi come tutti noi ormai siamo intossicati dai media monopolizzati dai 'nasoni' e pertanto in Francia vincerà il fariseo Hollande come da copione. Ha già dichiarato che in caso di una sua vittoria la finanza internazionale non avrà nulla da temere.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maurizio Blondet 2012-04-17 10:07
Le possibilità di Marine Le Oen sono nulle: per questo esiste il "doppio turno alla francese", per non far vincere Fronti Nazionali o Popolari. Occorre una capacità di coalizione, di radunare maggioranze provenienti da origini diverse. Berlusconi, per un attimo, ha avuto questa capacità, poi l'ha tradita, ed oggi l'ha persa. Forza Nuova non ce l'ha, e non ne ha nemmeno la volontà, restando attaccata a simboli che urtano le maggioranze potenziali. Per questo è "quasi sconosciuta".
Maurizio Blondet
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# giannizzero 2012-04-17 11:50
Dal "letto alla francese" (scomodi) al "doppio turno alla francese" (pro status quo),ai contratti "alla francese"(illegali) al bacio "alla francese" (promiscuo)- tutto quello che viene da Oltralpe è una fregatura. C'era proprio bisogno della Torino-Lione veloce?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco_PD 2012-04-18 07:19
Concordo assolutamente con Blondet. Da vecchio arnese dell'ambiente aggiungo che Forza Nuova manca di capi carismatici e troppo spesso si appoggia a militanti eccessivamente legati al mondo delle tifoserie calcistiche. E che non sempre si rivelano controllabili. Va comunque detto che le loro manifestazioni pubbliche sono sempre state irreprensibili dal punto di vista dell'ordine pubblico, a mia memoria. I meccanismi repressivi dell'attuale "democrazia" fanno poi il resto... Certo che vedere lo spazio che il Front National ha oggi in Francia rende l'idea di quello che avrebbe potuto avere una Destra vera anche da noi. E pensare che il loro simbolo venne mutuato proprio da quello del MSI... Altri tempi e altri leader (in Italia).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# rinus 2012-04-16 21:17
Caro direttore ha proprio ragione sulla Gabanelli! Io ho visto solo l'inizio ed ho capito, come ti rimbambiscono le persone, ti fanno credere che sono con te e poi in una botta sola si scoprano per dei traditori o forse dei creduloni. Fare pagare il panino con il Bancomat, niente contanti in circolazione e dato che dopo il primo passo arriva il secondo, ci infileranno per statuto nel polso il famoso microchips.
Avevo visto alle 20.30 sulla Sette con il duo Porro-Telese l'intervento dell'economista GIULIO SAPELLI,che senza tanti complimenti ha dato degli incompetenti ai vari economisti del piffero che scrivono sul Corriere della Sera, e questo essendo collegati con De Bortoli.
Per finire, mi ricordo che la parola traditore l'ho sentita pronunciare due volte da U.Bossi a Bergamo e guardava in modo strano il Bobo, come mai nessuno ne fa menzione? Spero che l'amico Giorgio possa confermare.
Per ultimo mi chiedevo che fine ha fatto Fabio De Fina? L'ultimo suo intervento era allarmante!
--------------------------------------------------------
Sto curandomi; i polmoni vanno bene, la gamba meno bene; spero di risolvere con la radioterapia di ultimissima generazione, individuata e consigliatami dallo stesso Di Bella, che farò a Milano a fine mese. Sono comunque tutto il giorno sul sito, come adesso (ore 0,35). Grazie per l'interessamento.
FdF
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# zampano 2012-04-19 21:15
Direttore, grazie di tutto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alberto 2012-04-16 21:32
La gabba-nelli è pazza o venduta, probabilmente tutte e due le cose: non pensavo di poter vedere cose simili... la sinistra che lei rappresenta, è sempre stata composta da idioti... basta guardare le facce. A destra furbi ma ladri e puttanieri... bisogna sostenere una formazione nuova e forte.... Forza Nuova,appunto!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# EdoardoCas 2012-04-16 22:04
Le prossime elezioni saranno un referendum pro o contro matrimonio gay, tutto qui, per il resto tutti appiattiti. Al che fare?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Catello 2012-04-16 22:12
La Germania, finora col colpevole aiuto della Francia, non ci consente di rimanere nell'euro. Infatti la sua classe dirigente legata agli speculatori internazionali ha ingannato i tedeschi facendo loro credere che gli altri popoli europei siano dei perdigiorno nullafacenti e che tutti i proventi dalla moneta unica siano di loro proprietà e non da ridistribuire; e ciò neanche nella forma indiretta di concedere agli altri Paesi di andare in deficit, col risultato di mandarci in rovina.
Ma se la Germania fa parte dell’Eurozona quando vende e non ne fa più parte dopo aver incassato come può continuare a vendere? Infatti continuando così anch’essa finirà svenduta agli speculatori.
Il governo italiano asseconda il piano del governo tedesco di danneggiare l’economia italiana, rendendolo più stringente, battendo molto sulle tasse per far più male possibile e conservare il sostegno degli statali. E dunque aumenta le ragioni e la fretta di uscire dall’euro, ma allo stesso tempo è lì per impedirlo, per adesso. Ed intanto gli speculatori incassano degli impegni a nome nostro presi da un governo eletto da nessuno che prevedono degli interessi esagerati che non saremo in grado di pagare.
La via d’uscita possibile è buttare subito a terra il governo Monti e aspettare le elezioni francesi. Se viene rieletto Sarkozy uscire dall’euro, altrimenti allearci con la Francia e la Spagna contro la Merkel, restando nell’euro, ma rifiutandoci di prendere nuovi prestiti a più del 3%.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# raff 2012-04-16 22:28
Citazione Blondet:
"Insomma, le «idee», il programma della sinistra si riduce a questo: lasciare tutto com’è".

Pensare che la sinistra (sedicente) voglia limitarsi a lasciare le cose come stanno è un grosso errore.
Le cose e l'etat d'esprit nella gente sta cambiando radicalmente.
"È impressionante la velocità con cui ci stiamo abituando ad accettare quel che fino a qualche tempo fa sarebbe apparso improponibile. Questo pezzo di Curzio Maltese, pubblicato sul Venerdì di Repubblica del 13 aprile, è sorprendente nella sua schiettezza: una classe dirigente europea è pronta a "prendere il potere" (!) in tutte le nazioni di Europa, l'Italia e la Grecia non sono che anticipazioni, noi saremo governati per lungo tempo da tecnici E TUTTO QUESTO È POSITIVO PER IL PAESE. Leggere per credere. Presto l'idea che il governo sia diretta espressione di elezioni politiche sembrerà un relitto ideologico novecentesco, come la Costituzione o i sindacati"."

Vedi articolo su Repubblica:

http://1.bp.blogspot.com/-H3AJ9i9yGsQ/T4qZU2ZnlnI/AAAAAAAAAEE/2Zo-2LQvrMQ/s1600/1DJA8J.tif
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pierpaolo 2012-04-16 22:32
Il fatto di essere degli opportunisti non caratterizza tanto la sinistra quanto il fatto di riuscire sempre a puntare sul cavallo sbagliato.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-04-16 23:21
Sono contento di poter applaudire Blondet per questo articolo che presenta ragioni e supporti molto meno banali di quanto io mi accinga a fare per perorare l'uscita oramai obbligatoria dall'Euro. Infatti penso che se la Grecia lo avesse fatto, rifiutando il disgustoso pignoratore Papademos, oggi non avrebbe pensioni e stipendi in Euro tagliati di oltre il 40% e tra un mese avrebbe iniziato ad avere alberghi, residence, ristoranti e case vacanza strapiene con la nuova dramma inflazionata del 20%-25%. Un accidente senz'altro minore, rispetto al fatto che il prelievo dai cittadini per pagare l'usura è tutt'altro che terminato. Così sarà anche in Italia se il governo Monti non verrà scacciato e se non si capirà, una volta per tutte, che la sinistra, oltre che aver bisogno dei disperati, ne è anche per freddo calcolo la furbesca incubatrice.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ogogoro 2012-04-17 00:42
Posso parlare della voltaGabanelli?...
Domenica sera è stata vomitevole ed ha dato il peggio di sé.
Speriamo che con i suoi ignobili ultimi suggerimenti non si passi dalle parole ai fatti, come spesso è successo dopo certe puntate di Report, perché in questo caso dovremmo procurarci un bel camion di vaselina,(da pagare in contanti e magari senza IVA, almeno quella).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# winston1984 2012-04-17 08:56
«... Milena Gabanelli s’è giocata la sua credibilità come giornalista...».

Da sempre Gabbanelli serve la ca$$a:
come si fa coi topi, a intossicar le masse:
il per centino QB di veleno viene messo,.
Intramezzato a vari strati di melassa…
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# FRANCI 2012-04-17 10:27
Bisogna prendere esempio dall'Argentina,
a parte il default di circa 10 anni fa con il ripristino della loro moneta, oggi la presidente Kirchner nazionalizza i giacimenti del gruppo petrolifero spagnolo Repsol.
Nel 1933, venne fondata IRI (L'ITALIA DEVE LA SUA RICCHEZZA ALLA CREAZIONE DELL'IRI) per iniziativa dell’allora capo del governo Benito Mussolini al fine di evitare il fallimento delle principali banche italiane (Commerciale, Credito Italiano e Banco di Roma) e con esse il crollo dell’economia, già provata dalla crisi economica mondiale iniziata nel 1929.
In Italia si dovrebbero nazionalizzare tutti i monopoli e gli oligopoli... congelamento del debito pubblico di almeno 5 7 anni e un azzeramento degli interessi sul debito.
Dall'euro si può uscire, abbiamo un avanzo primario nonostate gli sprechi, caste, corruzione... ma in Italia come dice il Direttore Blondet chi ci salverà, chi ha il coraggio e l'audacia?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# dubbioso 2012-04-17 12:14
Quest'accanimento con la Gabanelli è per me incomprensibile !
Le uniche trasmissioni per cui continuare a pagare il canone RAI sono "Report" e "Presa diretta". Se poi queste siano di sinistra perché vanno su RAI 3... mi rifiuto di accettare ancora queste categorie.
Sono d'accordo che la proposta nell'ultima puntata sia molto pericolosa perché annullerebbe quel poco di privacy rimasta e rischia di favorire le banche, però... perché sparare a zero su quella che comunque resta un rarissimo esempio di giornalismo serio che vediamo in TV, per quanto non sempre condivisibile?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ISKANDER59 2012-04-17 12:46
Personalmente ne ho le scatole piene di sinistra, centro, destra, Lega, IdV e magnaccia vari. Non gli interessa più il nostro voto? Bene, non andrò più a votare, stop, basta, fine di tutto. Devo pensare a prepararmi per la miseria prossima ventura che colpirà me, mia moglie, i miei figli... devo preoccuparmi di trovare un modo per non perdere la speranza, soprattutto che non la perdano i miei figli che non meritano di vivere il bordello immondo nel quale questi loschi figuri ci hanno cacciato.
Personalmente dico: i nostri politici, tutti, meritano la forca.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Germano Raffaele 2012-04-17 16:08
Sulla puntata di domenica di Report: non so se è una abitudine che hanno perso per questa puntata, ma di solito il giorno dopo era possibile discutere online con l'autore del servizio, questa volta no. Ho scritto al loro indirizzo (faccio parte della loro mailinglist) perchè tutto il servizio mi ha dato il voltastomaco. Nulla. Va beh. Avete notato come gongolava il nostro Primo Ministro? Secondo me pensava ad una bocconiana laurea honoris causa per la giornalista.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# totonno 2012-04-17 20:35
"Io intanto, per non saper nè leggere nè scrivere, mi sono iscritta al partito ALI e speriamo di essere in tanti e di riuscire a fare qualcosa di buono.".........
Ma come mi sono iscritta ????????????? allora non abbiamo proprio capito nulla !!!! I partiti sono da abolire definitivamente .!!!!! e che Katz.!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# shaula 2012-04-18 06:33
Dimentichiamo la sinistra e quella banda di idioti che oggi la rappresentano. Per indurre l´Italia ad uscire dall´Euro la soluzione é una sola: sciopero fiscale ad oltranza. Galera? Non é possibile. Non ci sarebbe spazio per milioni di cittadini che appoggiano lo sciopero fiscale. Non c´é spazio neppure per i 50.000 veri delinquenti che ci sono adesso nel nostro Paese. Eppoi le cosiddette “autoritá” che intendono applicarci regole oppressive al punto che centinaia di poveretti si suicidano, sono proprio certe che rimarremmo passivi a farci incatenare? Molto meglio non mettere a prova la pazienza del popolo. Nel corso di precedenti Rivoluzioni, le teste dei privilegiati sono saltate in poche settimane. Migliaia di migliaia. Se dipendesse dal sottoscritto, in galera ci finirebbero subito tutti i politici ed i loro tirapiedi, quelli da mezzo milione di stipendio per torturare il prossimo, elementi come Befera, insieme ai suoi aguzzini, ed anche quella cariatide che sta al vertice, che accusa gli italiani che evadono, di non essere degni! E perché mai? Forse perché evadendo potrebbero non consentire a lui ed alle centinaia di suoi servitori, una agiatezza pari solo a quella del Re Sole? Il nostro é il piú caro presidente del mondo, che peró riesce anche a mettere la cresta persino sui viaggi aerei. Riceveva da noi 800 euro per viaggio, ne sborsava solo 150. Bell´esempio di correttezza. Tutto documentato dai media tedeschi. Processi sommari e subito la galera o meglio il patibolo. Ogni scrupolo deve essere bandito.Oggi tutti i nostri politici, sia di destra che di sinistra , sono delinquenti per definizione. Sbarazziamocene cominciando a non votare niente e nessuno. Per abbattere la Bestia ossia l´attuale odioso Sistema, bisogna affamarla. Il passo successivo é la scelta di pochi uomini saggi, onesti e probi. Ne abbiamo ancora molti e nessuno di essi si trova tra i nababbi milionari che ci governano oggi e che, ovviamente, hanno tutta la convenienza a mantenerlo questo Sistema. A restare nell´euro per conservare le loro sostanze. Per loro tutti gli altri possono continuare a sputare sangue ed a crepare. A fare sacrifici, come si dice. Importante é che i loro faraonici emolumenti, le loro fortune e quelle degli altri privilegiati, maturate appunto nel marciume del Sistema corrotto, non vengano neanche sfiorate.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Gilles 2012-04-18 08:21
Per la Gabanelli credo che possa valere lo stesso discorso di quelli come David Icke, ovvero quello che conta sono le informazioni buone che danno, il resto va interpretato, come dovrebbe fare chiunque è convinto di saperla lunga e si ritiene ormai in grado di smascherare qualunque complotto. Lo stesso discorso vale per chi si trova in confusione e non sa chi votare. Ben venga Grillo o chiunque altro sia in grado di scardinare un ordine precostituito ormai marcio fino al midollo. Alternative come Grillo, o altri come lui, saranno anche pilotate dietro le quinte, come le informazioni di Icke, ma quello che conta è il messaggio che arriverebbe alla casta, di rifiuto totale. E’ vero che in questo momento tutti i politici sanno che la gente ormai li vede come il fumo negli occhi, l’appello contro l’antipolitica di questi giorni ne è testimonianza, ma doversi riorganizzare dopo un crack, come è stato dopo mani pulite, crea un’occasione potenziale per la crescita di qualcosa di positivo, e può liberarci di gente ormai impresentabile. In questo senso, dire che la sinistra italiana è pronta a cogliere l’occasione per andare al potere e fare i danni che non sono stati fatti finora, ovvero mantenere alla fine lo status quo favorevole alla casta, non mi pare una visione adeguata ai tempi. Primo perché non è così scontato che alle prossime elezioni non ci sia una nuova forza politica con la quale tutti dovranno fare i conti; poi perché se la sinistra italiana vuole veramente vincere, dovrà per forza adeguarsi alla realtà e al sentimento anti euro che ormai è generalizzato. Non a caso sembra che la prima cosa che Hollande farà quando e se salirà al potere, “sarà di far convocare il consiglio dell’Unione Europea per ridiscutere le modalità del pareggio di bilancio e rivedere tutte le politiche di welfare per far risorgere l’Europa”, ben altro programma rispetto alla sinistra italiana.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alberto 2012-04-18 09:29
Caro Direttore:quell o che è urgente è una rivoluzione che ci liberi da tutte questi farabutti che ci hanno portato alla fame. L'unico che può farcela è (incredibile ma vero!) Beppe Grillo. Allora che ne dice, ci turiamo il naso e votiamo tutti perlui? Intanto azzeriamo i farabutti e poi si vedrà... che ne pensa? Io francamente non vedo altre soluzione, e Lei? Con stima e affetto.
Alberto Cremona
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# renatodrg 2012-04-18 13:31
Blondet ha ragione da vendere in questo articolo speriamo che non si arrivi alla catastrofe per uscire dall'euro. Prima si doveva fare la Europa istituzionale politica e alla fine la monetaria.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# amsicora 2012-04-18 14:27
Caro direttore,
anch'io, con profonda depressione, ho seguito il convegno di Cortona su Radioradicale...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# steg 2012-04-18 14:30
Mi sono spacciato per un reporter free lance della vostra rivista on -line e dopo un indagine generale, cioè dai giovani agli anziani, sono giunto alla conclusione che gli italiani sono vittime della sindrome di Stoccolma: i sequestrati fraternizzano con i sequestratori della troika (BCE,FMI e UE).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Edmund Kiss 2012-04-18 14:33
A mo' di rivolta fiscale, basterebbe versare sì l'IMU ma con gli stessi importi dell'ICI 2011, e cioè ci "sgraviamo" da par nostro il ritorno dell'imposta sulla prima casa: così gli italiani non la pagano, e saranno milioni di cittadini, e questi che fanno? Ci mettono dentro tutti? Impossibile...Così saranno costretti a vendersi un po' del patrimonio pubblico...
D'altronde mi dico: questi delinquenti sanno che più aumentano le imposte immobiliari più, per come girano le cose in Italia, il mercato crolla e i valori immobiliari pure... E' quello che vorrebbero, farci impoverire, costringerci a vender "loro" la casa a prezzi stracciati, con tutto quello che ne consegue... Vale la pena fare il loro gioco? Direi proprio di no!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Catello 2012-04-18 17:06
Con il colpo di guinzaglio delle dimissioni di Bossi ci troviamo tutti correndo contro i partiti, mentre prima stavamo iniziando a correre contro questo governo. La direzione giusta però era quella di prima.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-04-18 18:14
Il Def appena licenziato contiene la bella notizia che a causa della recessione il carico fiscale dovrà aumentare (e aggiungo io i contributi di solidarietà). Tutto come prevedibile e previsto e non finirà affatto. Mi chiedo come si possa continuare a sopportare supinamente l'incredibile falsità dell'ESATTORE Monti e del suo governo, nonché l'ignominioso esistere dei partiti che lo sostengono. Però cosa fare, posto che oramai chiunque è sotto ricatto e tutto questo è stato ben programmato anche se non sembra?
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2012-04-18 18:52
Bossi e la Lega purtroppo hanno dato una mano a far diventare, con la riproduzione ad oltranza dei meridionali mafiosi al nord, lo Stato una mega Impresa, Maggiore Impresa dell'unico grande Negozio, quello del Denaro.I politici sono gli azionisti maggiori, che confiscano espropriando a norma di legge, i poveri azionisti minori, ex contribuenti, oppure adoperano personaggi molto servili, come i cani annusatori di alchimie finanziarie inedite, cioè la Finanza, per apportare denaro nel minor tempo possibile, al massimo del profitto, da schiavi azionisti oramai di poco conto, che non rendono manco se si suicidano. Chi è speranzoso ed onesto, attende, soffre un po' per la paura, ma intanto osserva ignorante di ciò che fanno le banche ed attonito da non saper più cosa dire. Quale decisone può prendere un popolo, dopo il certificato di morte del suo Stato costituzionale, firmato dal presidente e dal primo ministro? o emigrare o rendersi utile ad altri partendo da zero.Lo Stato ha perso, è una impresa che fa denaro dal denaro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rafael 2012-04-19 13:56
L’articolo e’ interessante . Pero’, l’uscita dell’Italia potrebbe provocare una caduta del valore sul mercato dei cambi internazionali del cross EurUsd (l’auspicato cambio 1:1).
Gli UA hanno la necessita’ di un dollaro svalutato e in ribasso. L’Euro per definizione e’ l’anti-dollaro.
Ci sono dei vincoli assoluti nel sistema finanziario globale, le commodities (oro, petrolio, cereali, metalli vari, etc.) sono negoziate in dollari, l’economia mondiale e’ dollarocentrica . Nell'estate del 2008 dopo Lehman Brothers il cross EurUsd era a 1,60 per effetto della svalutazione del dollaro, il petrolio sali’ a 1,40 dollari al barile, le economie UE non possono sopportare questi valori.
Gli USA hanno solo industria high-tech e importano un grande volume di beni e consumi, inoltre con un debito di 15 trilioni dollari non possono permettere che il dollaro salga di valore. Percio’ penso che l’euro rimarra’ inalterato almeno fino a quando lo vorranno gli USA. Per le prossime elezioni europee non cambiera’ molto, sono molto piu’ preoccupato delle elezioni americane dato che e’ probabile che i repubblicani si riprendano la Casa Bianca.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2012-04-19 14:36
Mi domando se Grillo,con tutto il rispetto per ciò che fa e per i fan del suo movimento, è disposto a sopportare a lungo il catenaccio internazionale? Se la memoria mi assiste, iniziò la sua protesta contro le privatizzazioni selvagge, proponendo misure decisive per riprendere tutto sotto il controllo di ciò che appartiene alla nazione, cominciando dalla sanità e dall'acqua. Grillo proviene da un mondo imprenditoriale , sa che il controllo di una impresa o ente, è separare ciò che è unito, oppure separare ciò che dopo si dovrà unire. E il suo vanto, ma quando si privatizzò, c'era il denaro per farlo, quando si svuotò la cassa, il denaro c'era, oggi, che tutto è diminuito, persino il denaro, è possibile ricostruire qualcosa? La General Motors in USA, grazie all'ingengeria finanziaria, ha chiuso impianti, per portarli in Messico, dove si paga meno, un crollo economico americano, ma non per le banche. Tipica tecnica farisea: paura, inquisizione, rischi occulti, prima, dopo, si vende l'indulgenza, con il diritto d'accusa, alla fine sono i cittadini i provocatori delle pardite.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Attacco di gastrite istituzionale?
Alcuni organi di stampa hanno riportato il perentorio, categorico e rabbioso divieto del Prof Burioni, (burocrate del ministero della salute, eletto da politici) a Comune, Provincia e Università di...
La Scelta Antitumore
Ho pubblicato il libro sulla prevenzione dei tumori, da oggi in libreria, per documentare come i principi della prevenzione e cura del MDB (Metodo Di Bella)
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità