>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-152

RSS 2.0
menu-1
Il giudice: “Sì alla cura Di Bella. Lo dimostra lo Ieo”
Stampa
  Text size
È ancora un giudice a pronunciarsi sulla libertà di cura. Ed è ancora un dibattimento in tribunale a garantire a un malato di tumore il rispetto degli articoli 3 e 32 della Costituzione italiana, quelli che parlano di uguaglianza e di diritto alle cure gratuite a chi non può permettersele.

È del 16 luglio la prima pronuncia calabrese a favore di un malato di cancro in cura con la terapia Di Bella. Provvedimenti simili si sono avuti a macchia di leopardo in molte regioni italiane, Puglia e Sicilia soprattutto, ma anche Lazio, Emilia Romagna e, ora, arriva anche la Calabria.

Si tratta di una sentenza di secondo grado, immediatamente esecutiva, a favore di Andrea A., trentanovenne cosentino, colpito da carcinoma squamo cellulare rinofaringeo, un tumore che intacca naso e gola e che non si può rimuovere chirurgicamente.

La diagnosi risale all’ aprile del 2011. Il tempo di documentarsi, di consultare i vari specialisti e, nell’ ottobre dello stesso anno, Andrea comincia, a proprie spese, la cura Di Bella.

Il 6 giugno scorso, l’avvocato di Andrea presenta ricorso al tribunale di Cosenza per ottenere il rimborso della terapia ma l’istanza è subito rigettata. Come motivazione il giudice adduce ” l’esito negativo della sperimentazione del 1998″ .

Seguito dallo studio legale Coppa, esperto in responsabilità medica, Andrea non smette di reclamare il suo diritto a curarsi con la terapia prescelta: “Avevo scartato la radioterapia – che pure mi sarebbe stata pagata dal servizio sanitario – per via degli effetti collaterali decisamente pesanti. Mi sarei ritrovato senza salivazione, con difficoltà a deglutire, con infiammazioni delle mucose e soprattutto avrei avuto danni irreversibili ai muscoli della masticazione”.

Negli incartamenti presentati in appello dall’avvocato Massimiliano Coppa c’è l’esito di esami clinici fatti all’Istituto europeo di oncologia di Milano. Risonanza magnetica e tac attestano la regressione del male: dal momento della diagnosi, aprile 2011 al novembre dello stesso anno, la stadiazione del tumore è passata dal T2 iniziale al T1. Il referto è firmato dallo specialista dell’Unità neoplastica del cavo orale dello Ieo, Roberto Bruschini.

“Un professionista per bene – lo definisce Andrea A. – Bruschini sapeva che stavo seguendo il metodo Di Bella, non mi ha mai detto nulla di sgradevole, anzi, ha espresso soddisfazione per i risultati”. Andrea ha rifiutato anche la chemioterapia “poichè non mi avrebbero prospettato una riduzione del carcinoma”.

Fra i cavalli di battaglia dell’avvocato Coppa, oltre al referto dello Ieo, l’articolo 3 della Costituzione italiana che stigmatizza la disparità di trattamento ” fra pazienti benestanti e non benestanti” poichè Andrea A. non avrebbe potuto affrontare i costi di una terapia di tasca propria.

Nella sentenza si legge: “Visto che dai documenti emerge una risposta positiva al seguente trattamento, visto che la malattia è regredita, il trattamento in questione è da ritenersi determinante per la sopravvivenza del paziente, si ritiene anche che una sua interruzione comporti effetti non rimediabili”.

Così, a colpi di giurisprudenza, continua l’eterna storia dei malati di tumore che scelgono di curarsi con il metodo dello scienziato siciliano Luigi Di Bella, nato il 17 luglio di cento anni fa. La terapia, ufficialmente bocciata dal ministero nel 1998, e ufficiosamente seguita da molti pazienti, ora riceve un implicito riconoscimento anche dallo Ieo.

A voler ricordare non è la prima volta che lo Ieo dimostra “implicita” riconoscenza al metodo Di Bella. Il farmaco cardine della terapia dibelliana, la somatostatina, che Di Bella usa per frenare la crescita e l’angiogensi dei tumori è utilizzata allo Ieo come vettore di altre molecole, nella radioterapia. E nello stesso anno che decretò il fallimento della cura Di Bella, il 1998, Giuseppe Pelicci, oncologo Ieo, meritò il premio Venosta per aver indicato “una nuova strada terapeutica” nella cura della leucemia acuta promielocitica usando l’acido retinoico, una delle molecole dibelliane.

Fonte >  blog.giornale.it

Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Vitoparisi3 2012-08-07 17:16
Credo che l'avvocato vincente, in questo caso, avrä aggiunto un merito sul proprio libro della vita, quello che l'angelo leggerä all'epilogo del trapasso; ne riceverä indulgenze, promozioni a livelli spiritualmente più elevati e quanto altro di bene.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# marilena gilda 2012-08-21 18:59
Sono perfettamente d'accordo...questi sono i veri medici, e saranno ricompensati per il loro operato a favore della vita
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# viktor - ss 2012-08-08 11:13
Guardate quanti danni e quanto incalcolabili ha fatto quell'essere immondo chiamato Bindi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# gjovi 2012-08-09 13:14
La Bindi un nome una vergogna ( con tutto il suo partito ).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# gerosita 2012-08-22 11:10
la responsabilità non è della Bindi
ma di quella specie di farmacisti militari che non conoscevano neppure le basi della professione e che somministravano con la complicità di alcuni medici assassini, farmaci con l'acetone!
figli di puttana assassini!


Ricordo il battibecco del prof.Di Bella con un militare che balbettava per manifesta incapacità professionale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime 10 traduzioni FDF:
Antisemitismo e “Il progetto Israele”
Askiah Adam
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Nuova Zelanda: la polizia era “casualmente” in esercitazione quando è cominciata la sparatoria
Active Post
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Banche israeliane sotto accusa per aver aiutato ebrei americani a riciclare denaro
Eve Mykytyn
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Israele — Impunità per terroristi ebrei anticattolici
Medias-Presse
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Gilet gialli saccheggiano il tempio dei massoni
La Dépêche
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Minacce rabbiniche contro gli ebrei di lingua russa
Time of Israel
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Da Roy Rogers all’infanticidio
American thinker
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
L’esercito USA si accaparra tonnellate d’oro in un presunto accordo con l’ISIS
The Mind Unleashed
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Chi comanda la Francia? Non i francesi
Paul Craig Roberts
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Le guerre in arrivo
Zero Hedge
TRADUZIONE EFFEDIEFFE

Articoli piu' letti del mese nella sezione Worldwide

Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità