>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
Caro Monti... e l’AVCP?
Stampa
  Text size
Chi conosce il settore dei pubblici appalti sa che ogni operazione commerciale finanziata con denaro pubblico è posta sotto il «vigile occhio» dell’AVCP (Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici).

L’Authority (volgarmente detta) ha visto negli ultimi anni aumentare potere e competenze; dal monitoraggio dei soli lavori pubblici, sotto le sue ali si sono annidati anche i cosiddetti appalti di fornitura e servizi (termine di origine comunitaria, in realtà atecnico dal punto di vista del diritto italiano, stando al Codice Civile – in quanto l’appalto di fornitura è figura tipica inesistente e viene a coincidere con la semplice compravendita, per esempio – ma ormai di uso invalso nella prassi e nella giurisprudenza), moltiplicandone gli importi di interesse.

L’ultimo intervento normativo per il quale l’AVCP ha ottenuto nuovo lustro al suo blasone è stata la legge 136/2010, uno degli interventi sulla tracciabilità dei flussi finanziari, che (cosa buona) obbliga al monitoraggio del denaro pubblico dall’origine (ente deliberante lo stanziamento) fino alla sua ultima destinazione (appaltatore, ma anche subappaltatore e via dicendo). I pagamenti devono essere effettuati necessariamente a mezzo bonifici bancari con indicazione del relativo codice CUP o CIG. Tali codici sono rispettivamente il Codice Unico di Progetto (essenzialmente per interventi di lavori di tipo strutturale) ed il Codice Identificativo della Gara.

Ora, quest’ultimo è appunto il CIG. Tale CIG è rilasciato dall’AVCP alle stazioni appaltanti. L’utilità di questo codice era, quando fu pensato al principio, quello del solo monitoraggio dei pubblici appalti e solo per certi importi. Ad oggi, a cascata delle modifiche normative intervenute, la situazione è questa: per ogni commessa pubblica affidata all’esterno da parte di ogni stazione appaltante d’Italia, deve essere richiesto un codice CIG; tale codice fotografa in certo modo sul sito dell’Authority l’appalto da affidare. Questo consentirebbe alla stessa di prenderne visione ed effettuare il debito monitoraggio. E fino a qui, tutto lineare e legittimo.

Se  non che… forse i più ignorano che l’emissione del CIG ha un costo... Mica è gratis! L’AVCP – organo di diramazione pubblicistica, a sua volta (al punto che viene da chiedersi chi effettui il monitoraggio per gli appalti indetti dalla medesima AVCP) – per ogni singola commessa di importo superiore (fermo restando che per tutte vada ottenuto il CIG) ai 40.000 euro, deve ricevere dalle stazioni appaltanti un pagamento di 30 euro. Sopra i 150.000 pagano anche i concorrenti alle gare (i concorrenti, non gli aggiudicatari!!! Badate!). I pagamenti avvengono a seguito dell’emissione di un MAV a competenza quadrimestrale. Attenti alle cifre.

Una comune stazione appaltante, difficilmente spenderà meno di 1.000 euro ogni quadrimestre… e quindi sono circa 3.000 euro in un anno… Ma, teniamoci bassi: diciamo che si spendono circa 1.000 euro in un anno di contributo obbligatorio all’AVCP, da parte delle sole stazioni appaltanti.

Sapete quante ne abbiamo in Italia? Circa 20.000. Fate il conto!

20 milioni di euro all’AVCP solo, e dico solo!!!, dalle stazioni appaltanti. Con i concorrenti, questa cifra deve essere per lo meno raddoppiata! Siamo a 40 milioni. Ma, attenzione: ci stiamo tenendo bassissimi!!! Le cifre potrebbero tranquillamente superare i 100 milioni di euro l’anno.

La domanda è: per cosa? Cosa ci fa l’AVCP con tutti quei soldi? La sua attività di monitoraggio e di supporto interpretativo della norma giustifica tale ammontare?!... Chiamate una volta il contact center (con tutto il rispetto per coloro che vi lavorano, che rispondono sulla base degli strumenti loro concessi...) e rendetevene conto da voi. Ma Monti... lo sa?

Stefano Maria Chiari



 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# cgdv 2012-09-13 09:20
Essendo in Italia è probabile che occorra un Authority che controlli(con tutto il rispetto)il controllore.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ogogoro 2012-09-13 09:42
Il ragionier GS.m.monti, (a parte l'allucinante curriculum degno di forca o fucilazione) fino adesso ha dato prova (assieme a madama fornero) di incapacità, ignoranza, incompetenza, stupidità e criminalità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# 9zZ 2012-09-13 16:11
Citazione ogogoro:
Il ragionier GS.m.monti, (a parte l'allucinante curriculum degno di forca o fucilazione) fino adesso ha dato prova (assieme a madama fornero) di incapacità, ignoranza, incompetenza, stupidità e criminalità.

Solo l'ultima è esatta, criminale sicuramente, tutt'altro che stupido.
Da processare e fucilare subito insieme a Draghi, Napolitano come traditori della patria.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Luigi 2012-09-13 17:54
Caro Stefano,
parlo da funzionario del settore che, come te, ha a che fare con le assurdità dell'AVCP quasi tutti i giorni. Le tue sono PAROLE SANTE! Aggiungerei, al quadro da te descritto, una nota sui poteri sanzionatori di tale Autorità e le salatissime multe che può comminare, anche per una piccola dimenticanza. L’ultimo Presidente dell’AVCP è stato Giampaolino che, guarda caso, ha lasciato quella carica solo per passare a presiedere la Corte dei Conti, che poi dovrebbe controllare anche le Autorithy. L’AVCP ha imposto un aggravamento procedurale nel settore degli appalti pubblici che ha dell’incredibil e. A dire il vero l’intero settore è stato assurdamente complicato da quel zibaldone che è l’attuale normativa del cosiddetto “Codice dei Contratti Pubblici”, recepimento di direttive europee il cui scopo è solo quello di rendere un colabrodo le frontiere nazionali, ossia il D.Lgs. n. 163/2006 (e le sue innumerevoli modificazioni: in pochi anni se ne è perso il conto alla faccia della certezza del diritto e dell’efficienza della PA che però si pretende, a tambur battente, nel caos normativo creato dalla politica e dalle lobby). Questi problemi, che assillano la vita quotidiana dei lavoratori del pubblico e che essi non hanno creato ma subiscono, non sono affatto rappresentati dai media ed il popolo, turlupinato, non li conosce. Al popolo "bue" basta dare in pasto il capro espiatorio del momento - dal "fannullone pubblico" o, come preferisce il direttore Blondet, "parassita" alle Province presuntivamente inutili - per fargli sfogare la sua rabbia in epoca di crisi. Ed intanto coloro che “possono” continuano indisturbati a godersela, mentre la gente se la prende con la vittima designata ed additata per essere sacrificata sull’altare azteco dell’austerità al servizio della speculazione.
Cari saluti.

Luigi Copertino
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# albertotardivo 2012-09-13 22:13
Purtroppo in Italia il controllore..è quello che dovrebbe essere controllato!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-09-15 00:43
Citazione 9zZ:
Citazione ogogoro:
Il ragionier GS.m.monti, (a parte l'allucinante curriculum degno di forca o fucilazione) fino adesso ha dato prova (assieme a madama fornero) di incapacità, ignoranza, incompetenza, stupidità e criminalità.


Solo l'ultima è esatta, criminale sicuramente, tutt'altro che stupido.
Da processare e fucilare subito insieme a Draghi, Napolitano come traditori della patria


I tre che hai nominato per la fucilazione hanno una patria sola: la loro cadrega.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# zampano 2012-09-16 09:50
lo sa, lo sa ...
è un grande economista!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Attacco di gastrite istituzionale?
Alcuni organi di stampa hanno riportato il perentorio, categorico e rabbioso divieto del Prof Burioni, (burocrate del ministero della salute, eletto da politici) a Comune, Provincia e Università di...
La Scelta Antitumore
Ho pubblicato il libro sulla prevenzione dei tumori, da oggi in libreria, per documentare come i principi della prevenzione e cura del MDB (Metodo Di Bella)
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità