Hormuz, l'Iran mostra i muscoli
Stampa
  Text size
Teheran smentisce il lancio di razzi: «Ma arriveranno nei prossimi giorni». Il ministro del petrolio: «Se arrivano sanzioni greggio più caro di 200 dollari»

La Marina militare iraniana ha smentito di aver testato oggi razzi di lunga gittata nel Golfo Persico, come aveva precedentemente annunciato l’agenzia di stampa Fars. «Il lancio di missili avverrà nei prossimi giorni», ha spiegato l’alto comandante della Marina Mahmoud Mousavi all’emittente Press Tv.

Gli esercizi navali coincidono con un periodo di grandi tensioni tra l’Occidente, Usa in particolare, e l’Iran per il programma nucleare di Teheran. Martedì l'Iran aveva minacciato di chiudere lo Stretto di Hormuz, rotta chiave per il transito del greggio, se fossero state imposte nuove sanzioni.

Intanto il ministro del petrolio ha annunciato che il prezzo del greggio aumenterà di duecento dollari a barile se verranno imposte nuove sanzioni sulle esportazioni di petrolio per il controverso programma nucleare.  «Senza dubbio il prezzo del greggio aumenterà drammaticamente se le sanzioni verranno imposte sul nostro petrolio - ha dichiarato il ministro Rostam Qasemi - L’aumento raggiungerà almeno i 200 dollari a barile».

Fonte >  Stampa.it


Home  >  Worldwide                                                                               Back to top