>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-139

RSS 2.0
menu-1
Novità EFFEDIEFFE
Stampa
  Text size
Superata anche la disavventura del fermo, per 5 giorni, del giornale on-line, andiamo avanti con una motivazione rafforzata dalla certezza che siamo sulla strada giusta; a volte persino uno spillo può far male, se individua un organo vitale del drago. Ribadiamo che i  lettori che riceveranno l'avviso di scadenza dell'abbonamento, che viene inviato in automatico dal sistema, segnalandocelo avranno il prolungamento dello stesso per 5 giorni; questa operazione dovrà invece essere fatta da noi manualmente, perchè non prevista dalla programmazione.

L’uscita del nuovo libro Da Canne a Zama segue, a poco più di un mese di distanza, quella di Tutti i complotti. E’ nostro proponimento, avendo trovato dopo vent’anni fornitori adeguati (tipografia e impaginatore, soprattutto) editare numerosi libri all’anno, per proseguire la ìmpari battaglia culturale, propedeutica a quella sociale e politica; tenendo sempre presente però che non si può prescindere dal combattimento spirituale, contro le potenze dellaria che aggrediscono senza sosta noi, le nostre famiglie, la nostra terra (qui non ci può ostacolare nessuno, la vittoria dipende da noi).

Ho sempre sostenuto con le mie risorse personali le iniziative della casa editrice (pubblicazione di libri, di riviste, relative pubblicità, organizzazione di convegni, nazionali ed internazionali, di conferenze, stampa di manifesti, di opuscoli, di volantini, di depliant, etc., etc.). Oggi tutto ciò risulta arduo in quanto la mia attività lavorativa (la consulenza, la selezione del personale, la formazione in campo bancario/finanziario/assicurativo) è in crisi profonda, pur essendo sempre, così come ero dal 1983, tra i migliori su piazza (1). Pertanto è sempre più vitale, per noi, che i nostri lettori acquistino in prevendita i testi che proponiamo, o che perlomeno li prenotino.

Alcuni lettori, sempre meno, però, si lamentano della modalità del giornale con ingresso riservato agli abbonati; la scelta è stata a lungo ponderata, è stata intrapresa da altri e penso che presto seguiranno la stessa strada tanti tra i siti più importanti. Noi paghiamo gli autori degli articoli (2). L’editing, la correzione delle bozze (e dei commenti), le traduzioni, ci costano denaro e fatica [a proposito di queste ultime nei prossimi giorni riprenderemo la pubblicazione dei mini saggi di Jones, temporaneamente sospesa per un’empasse nella traduzione e - soprattutto - nella revisione dei testi]. Dopo tanto impegno ci sembra corretto detenere il copyright del lavoro, la cui trasgressione, anche piccola (si trattasse almeno del Corriere on-line o di giornali di analoga importanza!) è come il forellino nella diga, destinato a diventare una voragine!

Altri lettori, soprattutto quando Blondet si supera nello scrivere, ci sollecitano l’estensione della pubblicazione del pezzo nello spazio free; vi assicuriamo che nello spazio free non c’è quasi più niente, se non odio, rancori, insulti. Quelli che conoscendoci apprezzano il nostro lavoro sono abbonati; quelli che lo apprezzerebbero e non sono abbonati è perché non ci conoscono. C’è anche, lo sappiamo, una motivazione economica che ostacola il mancato abbonamento; le varie tariffe (dalla mensile in avanti) dovrebbero in parte ovviare a questa problematica; noi d’altro canto regaliamo l’abbonamento alle persone indigenti, ai giovani, al clero, che ce lo chiedono, agli opinion leader (anche se questi ultimi non sono di certo sprovvisti di mezzi). Sappiamo inoltre che i nostri lettori sono venti volte più numerosi degli abbonati (il che significa che le password sono, da parte vostra, profuse a volontà). Lo sappiamo e lo tolleriamo (ci sarebbe un gran numero di sistemi, dal login unico, etc., per impedire ciò, ma abbiamo preferito soprassedere). Certo che se i vostri beneficiati (a parte mogli, mariti, figli, fratelli, sorelle, genitori, o voi stessi con computer diversi, etc.) magari prima o poi si abbonassero… oppure se ciascun lettore regalasse labbonamento ad un amico… la nostra crescita sarebbe rilevante e più difficile la nostra eventuale chiusura da parte dell’avversario.

Si addensano nubi di tempesta sugli oppositori al Nuovo Ordine Mondiale (che poi non sarà altro che il regno dell’anticristo, già prefigurato 2.000 anni fa); il bello è che ci stiamo avviando a passi spediti verso di esso senza che nessuno lo sappia (e i pochi che descrivono lo scenario, i passaggi, sono raffigurati con in testa o lo scolapasta o il cappellaccio bicorno di Napoleone); la crisi economica, di cui tanti scrivono, è figlia e prodromo di questo progetto, ma nessuno, a parte il nostro Blondet in assoluto anticipo su tutti, ne espone le cause, salvo rare eccezioni, tra i più preparati, in grado però solo di individuare qualche concausa marginale, che è un rigagnolo rispetto all’oceano che tutto travolgerà.

Ci stiamo tutelando per l’eventualità di un oscuramento (a mio giudizio ancora remoto); saremo determinati a continuare le pubblicazioni, fino a che Dio ce lo consentirà, a costo di trasferire il server su di un altro pianeta.

La linea del sito è chiara, non ci sono falle o cedimenti da nessuna parte, il programma è quello esposto nel pezzo Un leader per gli italiani; sappiamo che su certi punti (intendiamo dottrinari, i personaggi sono transeunti) alcuni lettori, forse tanti, non sono d’accordo; è un problema loro; vuol dire che su quegli aspetti hanno subìto condizionamenti da parte dell’avversario; si monderanno con la lettura del sito e dei testi che proponiamo (3).

A questo proposito sempre più persone ci chiedono di agire, di creare gruppi, di premere sulle istituzioni, di costruire un organismo che arrivi perlomeno al risultato di destituire gli infami venduti che siedono in Parlamento. Se non c’è però coesione ideologica ogni azione è destinata al fallimento; raggiunta una vittoria parziale poi ci si sfalderebbe. Riflettiamo sul fascismo: coinvolgeva cattolici, atei, pagani, monarchici, repubblicani, socialisti, liberali, reazionari, conservatori, rivoluzionari, idealisti, tomisti, volontaristi, futuristi, etc., etc., tenuti insieme da un progetto, da un capo; venuti meno l’uno e l’altro tutto si è dissolto, fino alla vergogna odierna dei Fini, dei Bocchino, di tutti i miserabili di Italia e Futuro, o come cavolo si chiama. E’ comunque un obiettivo che si può prendere in considerazione, eventualmente partendo da un convegno costituente dove emergerebbero tra di voi i leader naturali.

Se ancora una volta i lettori ci sosterranno il minimo che possiamo promettere è un altro libro a marzo, poi uno ad aprile… poi… siamo tutti nelle mani di Dio…

Fabio de Fina




1
)
Mi scuso per quella che potrebbe sembrare immodestia. Se c’è però un rappresentante di un’azienda per la quale ho lavorato, che leggendomi non è d’accordo su quanto affermo, lo scriva pure; giuro che pubblicherò la sua mail.
2
)
Sappiamo che Blondet, in virtù del suo grande distacco dai beni materiali, destìna i proventi in beneficienze varie (riteniamo opportuna l’indiscrezione).
3
) Sulla chiarezza della linea, sulla identità di vedute all’interno persino del sito, voglio essere trasparente, visto che molti lettori segnalano divergenze: con Blondet c’è accordo su tutto, tranne che su due punti: anch’io, come Blondet, so che Berlusconi è inadeguato, che ha tradito il mandato ricevuto e che non farà niente di quello che ha promesso (anche perché non ha il coraggio di contrastare quelli che glielo impediscono; non è un rivoluzionario); spero però che non cada perché, come ho gia scritto in risposta a vari commenti, in politica il vuoto non esiste, sarebbe riempito sùbito e dopo Berlusconi verrebbero personaggi infinitamente più esiziali per noi; a volte non far niente è già tanto, rispetto a chi farebbe solo danni. Ha ragione Blondet a scrivere che ad un’amante si regala la pelliccia, un gioiello, eventualmente un appartamento; con i politici che però ci troviamo è oggi meglio regalare un seggio; meglio una velina piuttosto che un Fini o un Bocchino, o un Casini o un Di Pietro, per non citare ovviamente la sinistra. Agli italiani - purtroppo - non interessano i costumi sessuali del premier, se non a quelli che ipocritamente si scandalizzano per prendergli il posto; il Paese, dal dopoguerra, è stato del tutto scristianizzato. Togliatti, nel 1946, dovette tener nascosta la sua relazione con Nilde Jotti per non scandalizzare l'elettorato del... PCI! Oggi invece i pugliesi eleggono un omosessuale alla presidenza di una Regione. D'altro canto Berlusconi si è sempre dichiarato liberale, quindi relativista; non ha mai pontificato su Dio, patria, famiglia, come ha fatto Fini.

L’altro aspetto riguarda l’Islam, ma il tema è troppo impegnativo per essere gestito in una nota.

Da Canne a Zama
(storia di una vittoria)





20% di sconto
se lo acquisti subito


(Disponibile su EFFEDIEFFESHOP)

Invito alla lettura

di Maurizio Blondet


L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.   


 
Nessun commento per questo articolo

Aggiungi commento


Altre notizie in questa sezione :
Giosuè, Giudici, Ruth, I-II Re
EFFEDIEFFE.com
I libri storici dell'Antico Testamento sono teologicamente impressionanti e da un punto di vista...
In Cristo Gesù
EFFEDIEFFE.com
Il Reno si getta nel Tevere
EFFEDIEFFE.com
Dizionario Biblico (mons. Spadafora)
don C. Nitoglia
Paolo Apostolo, dominatore del tempo
Lorenzo de Vita
Il Cuore di Gesù — salvezza per il mondo
Lorenzo de Vita
Mentre l’umanità, dimenticando i suoi alti destini, è caduta nella rovina e nella morte, il S....
Il Pentateuco di Mosè

Il cattolico che legge il Pentateuco può fiduciosamente cercare nelle sue pagine venerande la...
Il ritorno di Padre Pio
Gedeone la Spada
In queste righe leggerete il prodigio del corpo e del cuore di padre Pio. Evidenza storica...
La Teologia Morale

Il Vangelino di padre Sales

Ultime notizie in questa sezione :
I Lubavich e i Potenti del mondo
Edizioni EFFEDIEFFE
Il nuovo libro EFFEDIEFFE dà ragione della lotta interna al giudaismo, che in questo periodo sta...
III-IV Re, I-II Paralipomeni
Edizioni EFFEDIEFFE
La Sacra Scrittura ci è stata data per farci da guida ed essere strumento per interpretare i...
Una campana in cima ad una torre
Edizioni EFFEDIEFFE
Il Compendio del Tanquerey in una nuova edizione
Edizioni EFFEDIEFFE
Roma Antica, Giudaismo e Cristianesimo
Lorenzo de Vita

Articoli piu' letti del mese nella sezione Recensioni

Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità