>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli Worldwide

Etica giudaico-cristiana
Stampa
  Text size
Da non credere. Crisi morale ed economica? Ci salveranno «loro», grazie alle «radici comuni...» (S. M.)

Etica giudaico
-cristiana

«Se i leader politici dEuropa si riuniscono per cercare di salvare leuro, e con esso lintero progetto di Unione Europea, credo sia giunto il momento per i leader religiosi di fare altrettanto».

A proporre una nuova forma di partenariato tra cattolici ed ebrei per un’etica economica fondata sulle radici ebraico-cristiane, è stato ieri sera il rabbino capo delle Congregazioni Ebraiche Unite del Commonwealth lord Jonathan Sacks, che al termine di una lunga giornata di colloqui prima privati con il Papa e poi con membri della Santa sede, ha tenuto presso l’Università Gregoriana una conferenza dal titolo LEuropa ha perso la sua anima?.

«Il futuro politico, economico, culturale dellEuropa – ha detto il Rabbino –, ha una dimensione spirituale. Se perdiamo questa dimensione, perderemo molto altro ancora. Per parafrasare un celebre testo cristiano: Quale vantaggio avrà lEuropa se guadagnerà il mondo intero ma perderà la sua anima?».

Nella relazione il rabbino ha parlato dei rapporti di dialogo che si sono instaurati tra ebrei e cattolici con il Concilio Vaticano II ed ha formulato la speranza circa «linizio di un nuovo capitolo nelle nostre relazioni. Per mezzo secolo, gli ebrei e i cristiani si sono concentrati sulla via del dialogo che io chiamo faccia a faccia. È giunto il momento di passare a una nuova fase, la fase della partnership che io chiamo side-by-side, gli uni a fianco degli altri».

Ed ha aggiunto:

«Il compito che ci attende non è tra ebrei e cattolici ma tra ebrei e cristiani da un lato, e le forze sempre più secolarizzanti e aggressive in Europa dallaltro, che lavorano per ridicolizzare la nostra fede. Se lEuropa perde leredità giudeo-cristiana, che ha dato tanto alla sua identità storica, ai più grandi successi nella letteratura, arte, musica, educazione, politica, perderà la sua identità e la sua grandezza. E non subito, ma prima di questo secolo, raggiungerà la sua fine. Quando una civiltà perde la sua fede, perde il suo futuro. Quando scopre la sua fede, scopre il suo futuro». Nella sua articolata relazione, il rabbino ha parlato della crisi economica attuale che sta attraversando l’Europa, andando a ricercare la sue radici nell’ateismo scientifico «sordo alla musica della fede», nel «materialismo riduttivo e cieco al potere dello spirito delluomo», alle «forme di finanza così complesse da superare la comprensione stesse degli organismi incaricati della loro regolamentazione». In uno scenario simile quale può essere il contributo degli uomini di fede? «Cè una frase significativa – ha detto Sacks – che usa spesso Papa Benedetto XVI: minoranza creativa. Se cè una cosa che gli ebrei sanno è quella di essere una minoranza creativa. Quindi la mia proposta è che gli ebrei e i cattolici dovrebbero cercare di essere minoranze creative insieme».

Fonte >  Agenzia Sir | 13 dicembre 2011




Home  >  Worldwide                                                                               Back to top

 
Nessun commento per questo articolo

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità