>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-200

RSS 2.0
menu-1
Perché difendo Bergoglio
PDF
Stampa
  Text size
Caro Maurizio,

se posso permettermi un pensiero, credo non utile esternare o provocare ulteriori crisi di fiducia verso il Papa. Più per il cattivo uso che i lettori farebbero delle tue argomentazioni, nutrendo il proprio scontento e la propria voglia di dire comunque la propria nel pubblico dibattito, che per il merito intrinseco delle riflessioni che offri. La chiesa è fortemente minacciata da fuori e da dentro. Se anche solo per il suo abile marketing di immagine, Papa Francesco riuscisse ad evitare che la furia odiosa dei nemici della chiesa attecchisca sulle masse (che sarebbero il braccio armato dei creatori degli stati d'animo collettivi), già grande sarebbe il suo merito.

E' un gioco di equilibri, i tradizionalisti attaccando frontalmente il Papa sembrano, come tutti noi moderni, molto attaccati all'esteriorità. E temo che ottengano maggior danno per ciò che intendono difendere.  Anche i singoli eccellenti individui meritevoli e di livello molto superiore al mio sono suscettibili di essere strumentalizzati (credo che così sia accaduto con alcuni nomi noti, Socci, Palmaro). Per ottenere la strumentalizzazione basta dare spazio a questi lodevoli esponenti sul proprio giornale ed il gioco è fatto. Se Giuliano Ferrara si è posto come sponsor della fronda tradizionalista, si intravvede sul piano religioso il trucchetto che sul piano politico hanno usato in Ucraina per i patrioti locali.

Ho notato che quasi tutti gli anti Bergoglio hanno in simpatia Ratzinger, per il fatto che pur non essendo un tradizionalista ha permesso di nuovo il rito tridentino. Probabilmente sarà ricordato solo per questo importante e positivo passo, e non per il preoccupante silenzio durante le guerre americane ed il macello in Palestina contro cui ben pochi hanno levato gridi di dolore. Quindi è su un punto, tra i tanti del magistero, che spesso si formano le tifoserie pro e contro questo o quel papa.  Grazie a te ho imparato in questi ultimi anni a ben ponderare su questioni che attraversano molti piani (politico, sociale, storico, umano, trascendente).

Insomma la complicazione degli scenari impone di discernere e, senza illudersi sulle qualità vere o presunte del Pontefice, è opportuno prevenire che le prese di distanza reiterate della piccolissima minoranza degli scontenti ed amplificate ad arte dai Ferrara di turno, si tramutino in un danno alla chiesa di cui tutti si sentono spesso i veri rappresentanti.

La dottrina si può difendere in tanti modi, ora ho timore che, se lo si tenti di fare cercando la ribalta, ne derivi maggior danno per la difesa stessa della dottrina. Io personalmente non sposerei una causa sponsorizzata da Ferrara. Avrei seri dubbi di sentirmi un crociato sotto le sue bandiere e avrei paura di dar maggior sponda ai progressisti. Anche perchè in questo specifico dominio difficilmente la protesta rumorosa attira la benedizione dall'Alto.

Con prese di posizione apertamente polemiche si da maggior corda a quei cardinali che davvero sono contro la dottrina perchè hanno perso la fede nella natura sacramentale (sono dei protestanti con abiti cattolici). Si da loro modo di mettersi nei panni di difensori della serenità dei fedeli dai pericoli dei fanatici tradizionalisti e così avviare una più ampia repressione con motivazioni falsamente caritatevoli tale da mettere fuori gioco le persone scomode in vista dei rinnovamenti pastorali prossimi venturi (non sarebbe la prima volta e chissà cosa ci aspetterà quando avremo vescovi e cardinali neocatecumenali).

Dal tuo articolo dopo il viaggio in Argentina, sembra emergere la difficoltà di capire (o forse dovremmo dire "etichettare") il signor Bergoglio.  Ho la sensazione che ciò sia un bene in questi tempi oscuri. Ho la sensazione che sia un bene avere un Pontefice che non sia facilmente decifrabile/prevedibile. Da quello che leggo l'azione di Bergoglio in Argentina ha in più occasioni ottenuto il plauso dei conservatori (stroncatura della teologia della liberazione) ed in altre occasioni ottenuto il loro biasimo.

Se i tradizionalisti sono scontenti, da quello che il pontefice afferma nelle sue omelie, non possono dirsi felici i progressisti. Si indaga molto sul passato dell'uomo Bergoglio, ma c'è altrettanta attenzione alle sue prediche quotidiane? L'articolo pungente "Bergoglio e Pregiudizio" è partito da un pezzo di un blog in cui un vescovo ceco ha riferito che il papa avrebbe detto.

Certo credo molto probabile che sia corretta la tua intuizione inserita in quell'articolo riguardo la mancanza di comprensione e forse di carità del papa verso chi segue il rito antico. Ma che tipo di giovamento ne deriva agli spiriti già turbati, turbolenti e spesso poco equilibrati dei tuoi lettori?   Quanto sarebbe importante leggere riflessioni su quello che il papa dice quotidianamente e che viene pubblicato sul sito ufficiale del vaticano?

Anche la punizione ai Francescani dell'Immacolata rientra in un quadro di lotte sempre esistite. A volte mi domando se i puniti e diretti interessati, che restano in silenzio, siano contenti che della loro vicenda si faccia un caso mediatico o se preferirebbero altro tipo di aiuto e vicinanza.

Se da ex ipercritico della Chiesa, grazie a te, ho imparato la saggezza di considerare l'illogicità di aspettarsi la perfezione dagli uomini (anche da quelli di chiesa), se la storia della redenzione passa attraverso lo Spirito che illumina e guida gli uomini imperfetti in mezzo ai loro tanti errori umani, lasciandoli imperfetti, se questa è la condizione di questa umanità, be allora facciamo come dice il papa che ci chiede di pregare per lui. Siccome questo papa non è attaccato ai beni materiali, i detrattori dicono che però è attaccato al potere. Se così fosse avrebbe un bel problema con se stesso, ma preferisco pensare ai miei problemi. Non mi interessa neanche di conoscere i problemi dei detrattori di Bergoglio o di coloro che ne temono una vendetta (sono attaccati alle poltrone?), preferisco pensare ai miei problemi.

Con grandissimo affetto e tanta riconoscenza

Stefano



Sì, hai molte ragioni, caro Stefano. Mi sono pentito di aver mancato di rispetto a questo strano Papa; è sempre il Papa. E vorrei che i lettori tenessero conto che il mio lavoro è “solo” giornalismo, dove l’elemento polemico facilmente diventa esagerato, squilibrato rispetto agli elementi positivi e al resto. Il resto è quello che dici tu, la Chiesa ha già troppi nemici per aggiungerci ad essi.

Maurizio Blondet




 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Annhilus 2014-03-25 09:47
A me pare che esercitare il doveroso dovere di correzione fraterna verso i fratelli che sbagliano non è certo divenire loro nemici, bensì dimostrare
la vera carità. Se poi a sbagliare è il Vescovo di Roma, serve ancora più carità ovvero un più grande coraggio.

Se Lei preferisce pensare ai suoi problemi ebbene lo faccia, ma sappia che
se uno pensa ai suoi problemi ed è cattolico, tra questi DEVE annoverare i problemi della Chiesa ed un Vescovo di Roma "che indossa la maschera" e che invece di servire la dottrina serve il marketing è un problema doverosamente anche Suo, sempre ripeto che si reputi cattolico.

E' uno dei messaggi che Mario Palmaro ha voluto ribadire fino a che ha avuto forza e vita e che sarà in cielo uno dei suoi grandi meriti.

Criticare e riprendere non significa necessariamente odiare o osteggiare, ma anzi può e deve significare, amare e desiderare il bene. Questo ci ha insegnato Cristo, questo è veramente cattolico, ma serve coraggio, serve saper rinunciare alle false sicurezze per imboccare la vera sequela della verità.

Continuare a fare finta che la furia dei nemici della chiesa non abbia già attecchito e abbondantemente sulle masse è solo nascondersi dietro un dito e credere che facendo abile marketing di immagine si faccia bene il Papa e si serva bene Cristo e la Sua Chiesa è un'abominio vero e proprio e non lo dico io ma le maledizioni di Cristo nel Vangelo:
"Guai a voi quando tutti gli uomini diranno bene di voi, perché i padri loro facevano lo stesso con i falsi profeti."

Mettere di fronte ai suoi doveri il "papa mascherato" non è mancare di rispetto, ma dimostrare carità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# stechio 2014-03-25 10:41
Profonde sia le tesi della lettera che questa prima risposta-commento...sono(siamo?)veramente disorientati...sono veramente tempi difficili,confu si...ultimi?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Robert De Zan 2014-03-25 17:04
Per quel poco che conosco il vangelo, scusate il Sacro Vangelo, riconosco di più Gesù Cristo in Bergoglio che in Ratzinger. Bergoglio riesce a comunicare con molte più persone che non Ratzinger,anzi, non esisteva proprio per i cristiani; altrimenti Gesù per quale motivo non è andato nelle sinagoghe a convertire i rabbini ed invece ha preferito andare per le strade e aprire il cuore della gente comune?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# varigottibis 2014-03-25 17:13
Sono desolato dal leggere la posizione di Stefano (vocazione ormai del tutto destrutturata dai falsi maestri; ma un medico che ti avvisasse che coi tuoi comportamenti ti metti in pericolo di vita diventerebbe un nemico assassino ?)

Ancor più, sono sgomento dal leggere l'autocritica del carissimo Blondet (complice la stanchezza del recente viaggio ?).

Se il "bene" della Chiesa si perseguisse con il tacere la verità conosciuta (ma "impugnare la verità conosciuta" è uno dei sei peccati contro la Spirito Santo e, come tale, "imperdonabile") e con il cantare in coro mettendo il cervello all'ammasso, (che è ciò che in pratica avverrebbe per preteso "amore" della Chiesa), tanto varrebbe andarsene in vacanza e dare la dimissioni da cristiano e ... anche da uomo.

Ma forse che Nostro Signore, scacciando i mercanti dal tempio e facendosi crocifiggere, si è preoccopato di non attaccare la Sinagoga che già aveva tanti problemi con l'occupatore romano e di non creare confusione fra i semplici fedeli ebrei attaccando scribi e farisei ?!

Carissimo Direttore, a Lei con i suoi meriti perdono tutto, ma spero che, passato il suo momento di sconforto, io possa leggere presto una autocritica della autocritica e una rinnovata fiducia nella missione insostituibile che Lei ha finora ricoperta per il vero bene della Chiesa e dei suoi lettori.
Come potrei leggerla sapendo che per il mio od altrui "bene" o "rispetto" mi tace una parte della verità ? Non fanno proprio cosi gli attuali pretesi organi di informazione giornalistici del Sistema ?
Che Dio La benedica e La protegga e non la induca "in tentazione" (e che illumini il giovane e indifeso Stefano).

" ... Avere personalità è, essenzialmente, sapere reggere il disagio della solitudine radicale ... "
da: Blondet "No Global"
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2014-03-26 13:50
Concordo caro amico e tra l'altro non siamo neppure troppo soli, perché se siamo pochi in un certo senso siamo tantissimi in un altro ed io sinceramente preferisco la "compagnia" di gente come Palmaro (che è morto da martire) che quella di prelati alla kasper o marx che sono vivi ma a svantaggio loro e di Santa Madre Chiesa. Con chi preferisce stare Stefano non importa perché non lo conosco gran che e chi sostiene di volersi fare i fatti suoi definendosi "moderno" già mi puzza di bruciaticcio, ma dal direttore mi aspetto una maggiore coerenza dottrinale ed intellettuale perché ne conosco bene lo spessore umano e spirituale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Olaf 2014-03-25 18:27
Condivido punto per punto, soprattutto dove dice " Quanto sarebbe importante leggere riflessioni su quello che il papa dice quotidianamente e che viene pubblicato sul sito ufficiale del vaticano?". Il problema secondo me è proprio qui: chi critica il Papa lo fa basandosi principalmente su commenti ed estrapolazioni dai contesti fatti dai quitidiani "mainstream" (Repubblica, il Foglio, ecc), operazioni fatte con il chiaro obbiettivo di rovesciare, distorcere od "annacquare" (mi si passi il termine)il senso delle parole del Pontefice. Questo è un errore nel quale spesso sono caduto anch'io. Poi ho iniziato a seguire e a leggere le omelie e i discorsi quotidiani di Francesco direttamente dal sito vatican.news e mi sono reso conto che in quello che il Papa dice, non c'è un virgola che non sia in linea col Magistero e la Tradizione. Questo è il mio punto di vista. Opinabile, certamente, ma fino ad ora non ho letto un solo argomento valido, tranne "travasate" di bile ed ingiurie sconnesse e gratuite, da parte di chi invece lo attacca quotidianamente .
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# romina2004 2014-03-25 23:08
Le parole sulla coscienza non solo sono una eresia ma un' autentica sciocchezza ed offesa all'intelligenza. Di quelle affermazioni avventate e senza senso hanno riso tutti i laici e si sono scandalizzati giustamente molti cristiani
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Karl 2014-03-25 23:46
Concordo perfettamente con te Olaf. Andare direttamente alla fonte e senza farsi deviare dai maestri perversi della manipolazione mediatica è la prima cosa da fare.
Ne approfitto anche per dire che apprezzo molto come Blondet definisce, penso affettuosamente , Papa Bergoglio nello scorso articolo : un "soldataccio" !
Sono sicuro che, come un vero soldato, è capace di dare la vita, per obbedire al Suo Comandante.
Certo, anche i soldati possono sbagliare (anche Bergoglio lo ha detto di sè, ed infatti continuamente chiede di pregare per lui).
Che piaccia o no, che lo si riconosca o meno è un fatto che QUESTO è il Papa che lo Spirito Santo ha scelto per guidare la Sua Chiesa, che siamo noi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# romina2004 2014-03-26 14:21
Il papa non è scelto dallo Spirito Santo. Affermarlo è una eresia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Centuri 2014-03-26 19:04
Condivido: se il Papa fosse scelto dallo Spirito Santo molti di essi non sarebbero mai stati eletti!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Karl 2014-03-26 19:47
San Vincenzo Pallotti :

«Alcuni papi Dio li vuole, alcuni li permette, altri li tollera».

Va meglio così ?

P.S. : a mio modesto parere credo che sempre più Papa Bergoglio si riveli appartenente alla prima categoria.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# romina2004 2014-03-26 23:01
Citazione opportuna. Su papa Bergoglio rimango sempre critico. E' chiaro che va rispettato in quanto papa, ma non è neppure giusto non riflettere su quanto accade. A mio parere già il fatto di essere stato votato da martini nel 2005 e di essere stato supportato da quasi tutti i modernisti nell'ultimo conclave dovrebbe destare preoccupazione. Ma, a parte questo, constato in alcuni lettori di effedieffe una sopravvalutazio ne dell'aspetto politico ( e noto una certa simpatia per le sue posizioni peroniste, che non demonizzo ma neppure esalto) e una chiara emarginazione di quelli dottrinali e pastorali. Che comunque sono i più importanti. E qui, mi spiace per papa Francesco, non vedo in lui colui che dovrebbe confermare nella fede i cristiani.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2014-03-26 04:58
Non tutto quello che bergoglio ha detto e fatto è riportato su Vatican-news, ma non per questo non è stato detto o fatto
dal Vescovo di Roma, con tutto quello che inevitabilmente ne consegue.

Dire ad esempio che il ramadan dà frutti spirituali non è in linea affatto col Magistero e la Tradizione e leggerlo qui su un blog o sul sito ufficiale del vaticano cambia poco se si vuole essere intellettualmen te onesti e servitori della fedeli della Verità.

Per dovizia informativa Le rimetto il testuale proferito da Bergoglio e battuto su AsiaNews (su vatican news non lo trovo???!!!):"ai cari immigrati musulmani che, oggi, stasera, stanno iniziando il digiuno di Ramadan, con l'augurio di abbondanti frutti spirituali".

L'agenzia fa notare che lo scambio di auguri per i frutti spirituali del ramadan è cosa normale tra musulmani, ma che non essendo certo proprio dei cattolici stupisce perchè non è mai accaduto qualcosa di simile con altri rappresentanti la gerachia cattolica, men che meno ovviamente papi o vescovi di roma che dir si voglia.

Augurare frutti spirituali da un culto anticristico quale è il ramadan a bocca poi di un papa è oggettivamente cosa che stupisce gli stessi musulmani e che non può definirsi in alcun modo "in linea col Magistero e la Tradizione", che la cosa avvenuta poi sia battuta da AsiaNews o da altre agenzie conta poco, il problema non è chi racconta i fatti, il problema è NEI fatti.

E' solo un esempio ma potrei farne (e ne sono stati fatti) molti altri.

Se poi uno vuole a tutti i costi normalizzare l'anormale ed addomesticare
la propria coscienza di conseguenza è faccenda personale su cui non entro, ma di fronte al Re dei Re dovrà rendere conto, perchè tutto sarà manifesto nel giorno del giudizio personale che viene per tutti.

Se infine queste mie obiezioni le sembrassero "travasate di bile ed ingiurie sconnesse e gratuite" il problema è Suo, a me sembra di argomentare validamente e correttamente e lo dico non perchè voglio darmi fuoco alla coda di paglia ma perchè ritengo che evidenziare l'essenziale sia utile sempre e necessario in casi come questo.

Un caro saluto a Lei, ai lettori e alla Redazione tutta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Olaf 2014-03-26 10:11
Capisco il suo punto. Forse avrebbe preferito che il Papa dicesse: "Auguro a tutti i musulmani che stanno facendo il ramadan che li vada di traverso il boccone".

A parte i precetti evangelici di "amare i nostri nemici e pregare per chi ci odia", Le faccio sommessamente notare che durante le Sante Crociate, gli ospedali cristiani accoglievano indistintamente feriti di entrambe le "fazioni" rispettando i non cristiani e permettendo loro di pregare rivolti alla Mecca. Un amico allievo del compianto prof. Tangheroni della facoltà di storia medievale all'università di Pisa, mi disse che l'usanza di servire il pollo negli ospedali risale, appunto, all'epoca delle crociate: era una forma di rispetto per chi non può mangiare carne di maiale. E si parla del medioevo. Vede, a parte quest'ultimo episodio che lo si può benissimo contestare, ritengo che il punto fondamentale sia il seguente: la fede non la si impone. La Fede è un Dono gratuito che ci viene dall'Alto (ma questo Lei lo sa benissimo). Spesso una parola di amicizia, di rispetto; un tendere la mano può essere più efficace di cento anatemi, poiché dispone l'altro ad aprire il proprio cuore e permette allo Spirito di agire. Quello che conta è che noi non perdiamo la nostra, di Fede, ma per quello già ci pensò Nostro Signore concedendo a Pietro l'autorità e il carisma di confermare i fratelli. E Pietro, quando parla da Pietro, la fede non la perde mai.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2014-03-26 13:42
Le faccio anche notare che per cucinare una frittata come si deve servono due uova a testa ed una buona padella antiaderente un po' d'olio e un pizzico di sale.... Lei mi dirà, ma che c'entra questo???
E io le rispondo: Appunto, non c'entra una fava... lo dico solo per seguire il suo ragionamento no?

Menare il can per l'aia non gioverà a mascherare l'ipocrisia normalista d'accatto ma almeno potrebbe condurre a cucinare un frittatone coi fiocchi no???

ahahahahahaa
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# struki 2014-03-25 18:37
Io voglio invece ringraziare tutti i coraggiosi che con amore difendono l'insegnamento immutabile della Chiesa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Centuri 2014-03-26 19:05
Condivido in pieno!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# grilmi 2014-03-25 21:04
Personalmente ho imparato più cose da quello ha scritto Blondet che da preti suore e papi che ho incontrato e ascoltato in tutta la mia vita.
Quindi è evidente che c'è qualcosa che non va nella chiesa e mi sembra giusto criticarla.
Se poi risulta che anche una critica costruttiva è un peccato francamente non ci capisco più nulla.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2014-03-26 13:54
Citazione grilmi:
Personalmente ho imparato più cose da quello ha scritto Blondet che da preti suore e papi che ho incontrato e ascoltato in tutta la mia vita.
Quindi è evidente che c'è qualcosa che non va nella chiesa e mi sembra giusto criticarla.
Se poi risulta che anche una critica costruttiva è un peccato francamente non ci capisco più nulla.



Non è Lei l'unico ad essere confuso, forse lo è il Direttore anche di più... e lo è per amore della Chiesa, questa è la cosa ancora più triste, il merito di questa deriva?
Del Vescovo di Roma .... e dei suoi saggi consiglieri, da ricca a marx passando per maradiaga e giungendo a kasper.... siamo alla parodia
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# anonimus1966 2014-03-25 22:18
io ho scritto al papa,invece.adesso vedremo se e cosa mi risponde.non ho lasciato il mio numero di telefono,anche se lo si trova sull'elenco.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# romina2004 2014-03-25 23:03
Si può discutere sulle idee di politica estera di Ratzinger (ma bergoglio ne ha di diverse?); non si può discutere sulla dottrina. Non è possibile dare fiato alle posizioni di kasper e trascurare in maniera così evidente la lotta all'ideologia abortista ed omosessualista. Il cristianesimo non è un'ideologia politica e non possiamo ricondurre tutto alle critiche sulla politica verso Israele, tanto più che ora il vaticano mi sembra ancora più timoroso di prima, quasi servile in certe occasioni. Vogliamo ricordare quanto accaduto con i funerali di Priebke?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# EMERICH 2014-03-26 09:38
Quoto in toto il compatriota Annhilus
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# EMERICH 2014-03-26 09:40
"Anche la punizione ai Francescani dell'Immacolata rientra in un quadro di lotte sempre esistite. A volte mi domando se i puniti e diretti interessati, che restano in silenzio, siano contenti che della loro vicenda si faccia un caso mediatico o se preferirebbero altro tipo di aiuto e vicinanza." E certo , dinnanzi a questo scandalo saremmo dovuti rimanere in silenzio , pacificando l' angoscia con una preghierina serale ( che male non fà , ovvio....)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2014-03-28 20:37
Citazione EMERICH:
"Anche la punizione ai Francescani dell'Immacolata rientra in un quadro di lotte sempre esistite. A volte mi domando se i puniti e diretti interessati, che restano in silenzio, siano contenti che della loro vicenda si faccia un caso mediatico o se preferirebbero altro tipo di aiuto e vicinanza." E certo , dinnanzi a questo scandalo saremmo dovuti rimanere in silenzio , pacificando l' angoscia con una preghierina serale ( che male non fà , ovvio....)

Aggiungo che anche la sodomia, la prostituzione, l'usura e altre schifezze sono sempre esistite, questo che dovrebbe significare che sono cose fatte bene o che vanno combattute?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2014-03-27 19:14
"...le prese di distanza reiterate della piccolissima minoranza degli scontenti..."

Ecco questo è il punto: finalmente sono riusciti a chiudere in cerchio il percorso iniziato con il "Papa buono" che piaceva a tutti, con "il Papa misericordioso" che piacendo a tutti riesce a lanciare al vento, fra gli applausi, i semi del cambiamento definitivo della Chiesa affinché si adatti al "mondo". Cambiamento necessario, nonché secolarmente perseguito, a coloro che messianicamente ma diabolicamente vogliono mettere le mani proprio sul mondo ed hanno sempre saputo che la Chiesa cattolica della Tradizione è il katechon che li ha trattenuti.

Purtroppo non è una questione da suore che pregano per la loro e l'altrui salvezza, ma vi è di mezzo ben altro. C'è chi lo sa e chi non lo sa e fra questi ultimi non metto certamente Blondet.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# gustavo d 2014-03-28 15:20
Se devo fare paragoni certo preferisco Francesco a Benedetto. Indipendentemen te dalle parole pronunciate dai due papi Ratzinger l' ho sempre considerato poco credibile con quella espressione da bambino che ha rubato la marmellata, mentre Bergoglio mi sembra assolutamente spontaneo, lo si capisce facilmente dalla sua gestualità. Infine pur preferendo pregare Dio in latino, non sono così tetragono da non riconoscere che digiunare e pregare porta sicuramente frutti spirituali (se fatto con amore).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2014-03-28 20:45
Citazione gustavo d:
Se devo fare paragoni certo preferisco Francesco a Benedetto. Indipendentemen te dalle parole pronunciate dai due papi Ratzinger l' ho sempre considerato poco credibile con quella espressione da bambino che ha rubato la marmellata, mentre Bergoglio mi sembra assolutamente spontaneo, lo si capisce facilmente dalla sua gestualità. Infine pur preferendo pregare Dio in latino, non sono così tetragono da non riconoscere che digiunare e pregare porta sicuramente frutti spirituali (se fatto con amore).

Digiunare non porta frutti spirituali se non è fatto come atto di offerta e penitenza verso Dio, perchè se lei crede che digiunare porta frutti spirituali a prescindere allora chi muore di fame è certo un santo no?
Pregare poi anche quà non ci siamo, porta frutti spirituali se si prega il vero ed unico Dio trinitario perchè se si prega un falso dio si compie peccato contro il primo comandamento e peccare
non può dare frutti spirituali.
Lei non è tetragono è sincretista e l'amore di cui parla lei è solo una ipocrisia dietro cui nascondere la menzogna.

Se bergoglio è uno spontaneo come mai chi lo ha conosciuto e ha lavorato con lui per decenni è stupefatto del suo "nuovo" stile tenero e allegro?

Forse non ha letto l'articolo del Direttore in proposito?

Oppure la spontaneità del bergoglio è provata da come LEI ha deciso di interpretare la gestualità del soggetto
e la scarsa credibilità di Ratzingher parimenti è provata dal suo malcelato pregiudizio?

Lei è assai poco probante e la sua impressione è "improbabile" come la sua teologia dei frutti spirituali ...

bhaaa
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# gustavo d 2014-03-29 07:21
Caro signore, ho premesso che le mie opinioni non si basano sulle parole, ma su ciò che questi due papi comunicano con lo sguardo e con i gesti. Pregare solo con la bocca non serve se non facciamo entrare Dio nel nostro cuore. Gesù non era un sofista, non elaborava regole logiche trasformabili in errati sillogismi, parlava al cuore degli uomini.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2014-04-01 09:16
Le sue opinioni si basano su un sentimentalismo privo di concretezza e fondamento in termini logico-razionali. Su basi simili si può credere o non credere a tutto o a nulla. Se entra Dio nel nostro cuore e non facciamo nulla di diverso rispetto a prima che è entrato a fare? Anzi... è entrato veramente o siamo solo convinti che sia così?
Le regole logiche se sono tali non possono essere trasformate in sillogismi, ma possono essere utilizzate per costruirli,
ed il sillogismo se è coerente ed onesto è un metodo correto ed utilissimo di interpretazione della realtà, non a caso è uno strumento di riflessione ed elaborazione da sempre in uso nella chiesa sin dai vangeli stessi (che ne sono pieni)passando per gli antichi padri fino a San Tommaso e oltre.

Se poi Lei pretende di avere facoltà divinatorie che le consentono di leggere con metodiche extrasensoriali quanto alberga nell'intimo dei papi utilizzando lo sguardo e l'interpretazione della gestualità, e pretende persino di leggere così riferimenti dottrinali ed etici nei cuori di questi papi, allora credo che sinceramente sia superfluo continuare a ragionare con lei, magari potrei farle qualche sguardo o gesto e capirebbe chissà quante cose di me, ma siccome siamo su un sito internet... converrà rassegnarsi no???

Gesù non era né un sofista né un mago esoterista sensitivo, era ed E' Dio fatto uomo ed ha parlato chiaramente e duramente facendo seguire alle parole una testimonianza radicale ed inequivocabile.

Se gli apostoli e discepoli avessero fatto riferimento alla gestualità e agli sguardi di Cristo Gesù invece che all'Evangelo rivelato ed alla conseguente testimonianza fattiva
e redentiva operata dal Cristo, oggi non ci sarebbe nessuna Chiesa Cattolica.

Cristo parlava chiaro ed agiva di conseguenza, si si no no, tutto il resto viene dal maligno, egli non ci ha lasciato una eredità di sguardi e gesti, ma di Sacra Scrittura, Sacra Tradizione e Sacro Magistero. Così l'unico vero Dio trinitario si è rivelato e ci ha redento, altre vie extrasensoriali che non siano particolari e specifiche esperienze mistiche sono solo vaneggiamenti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Gregorio 2014-03-29 15:00
Grazie Stefano e grazie Direttore per la risposta.
Si intravede lo S.S.
Rinaldo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# romina2004 2014-03-30 22:15
Addirittura! Lo ha intravisto anche quando la diocesi di Roma negato il funerale a Priebke?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2014-04-01 09:18
Citazione romina2004:
Addirittura! Lo ha intravisto anche quando la diocesi di Roma negato il funerale a Priebke?



Io intravedo solo timori gravi e cerchiobottismo di circostanza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Centuri 2014-04-03 16:42
In effetti la diocesi di Roma mi ha deluso moltissimo riguardo tale faccenda. La verità è che hanno una fifa matta di scontentare la comunità ebraica.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# zampano 2014-03-31 21:55
una cosa dobbiamo sempre comunque ricordarci: pregare per il Papa e la Chiesa,offrendo le nostre fatiche
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# o.toscano 2014-04-07 09:24
Buon giorno, da ultimo rin grazio lo Spirito che ha messo nella penna la risposta al Direttore, che fa onore alla sua onestà .
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pippo1 2014-04-09 15:38
Ottimo Direttore sono contento della Sua risposta.Su un Vs articolo ho letto che San Giovanni Bosco non diceva "Viva PioIX!!" ma diceva "Viva il Papa!!!". Anche noi continueremo a dire non "Viva Francesco!! ma "Viva il Papa!!!"
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# stivintrigo82 2014-04-09 18:18
"Ma che tipo di giovamento ne deriva agli spiriti già turbati, turbolenti e spesso poco equilibrati dei tuoi lettori?"

visti gli ultimi commento, che dire se non...fantastico.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2014-04-14 16:32
Sarebbe bello sapere in anticipo cosa pensa il Direttore (anche alla luce della sua storia personale) sulla questione della comunione ai divorziati risposati. Verrà il Sinodo sulla famiglia e non vorrei proprio che i "turbolenti e poco equilibrati lettori" debbano ritrovarsi a dover commentare l'ennesima lettera di Stefano
che ci spiegherà che gli uomini (e i papi???) non sono perfetti con il direttore a chiosare: è solo "giornalismo".

Meglio una dichiarazione di intenti anticipata no?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maccabeo 2014-04-18 06:27
Penosa! sia la lettera che la risposta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# EMERICH 2014-04-25 16:54
" Che male c'è ?" il motto Di Francisco da Baires
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2014-04-29 10:48
Citazione EMERICH:
" Che male c'è ?" il motto Di Francisco da Baires


E infatti... che male c'è???

Adesso poi con la nuova telefonata di padre bergoglio abbiamo appreso dal medesimo che secondo lui il divorziato risposato che vive nel concubinaggio pubblico e privato non fa niente di male se prende la comunione, sono ancora più curioso di conoscere al riguardo l'opinione del nostro Stefano grande tifoso di padre bergoglio da Buenos aires(o forse visto che è frate è convinto che questo non è un problema che lo riguarda?).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# codino 2014-07-30 10:01
Bergoglio non è papa, egli non è la Chiesa
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime lettere pubblicate:
La Dittatura Terapeutica
L’unica ed estrema forma di difesa da questo imminente, sottovalutato, tragico pericolo particolarmente grave per l’Italia, è la presa di coscienza
Contra factum non datur argomentum
George Orwell con geniale e profetico intuito, previde l’oscuramento delle coscienze, il tramonto della civiltà, l’impostura e apostasia dalla verità che viviamo, quando scrisse “nel tempo...
I luminari non contaminano la loro purezza istituzionale col MDB
Facendo una ricerca sulla massima banca dati biomedica www.pubmed.gov sul tema “somatostatin and somatomedin“ (somatomedin o IGF1 è il principale fattore di crescita tumorale direttamente...
Come la cura dei tumori sta funzionando sempre meglio
Il 13 gennaio in una conferenza stampa a Bologna parlamentari e candidati di "Fratelli d’Italia" hanno preso posizione in difesa della libertà di cura e di ricerca scientifica. Ciò per le ...
Attacco di gastrite istituzionale?
Alcuni organi di stampa hanno riportato il perentorio, categorico e rabbioso divieto del Prof Burioni, (burocrate del ministero della salute, eletto da politici) a Comune, Provincia e Università di...
La Scelta Antitumore
Ho pubblicato il libro sulla prevenzione dei tumori, da oggi in libreria, per documentare come i principi della prevenzione e cura del MDB (Metodo Di Bella)
Veritas filia temporis, e il reato di “guarigione indebita”
Tante tragedie non li sfiorano neppure, sono infastiditi se qualcuno cerca ripetutamente di coinvolgerli, interessarli, chiedere attenzione e aiuto, occupati, come sono, a celebrare i riti, i fasti,...
FILM-DOCUMENTARIO SU METODO DI BELLA
È uscito un film–documentario dal titolo “Metodo Di Bella - 20 anni dopo (1997-2017)”. Per la realizzazione di quest’opera è stata condotta un’indagine di oltre 4 anni sul Metodo Di...
Metodo Di Bella e diffamazione
È stato creato dall’AIOM (Associazione Italiana Medici Oncologi) il sito “Tumore, ma è vero che?” generosamente, capillarmente diffuso con grande, zelante impegno e generale mobilitazione a...
Sperimentazione del Metodo Di Bella
In questo articolo vengono sintentizzate le numerose e gravi anomalie che hanno destituito di ogni credibilità e dignità scientifica la sperimentazione ministeriale del MDB del 1998.
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità