>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-200

RSS 2.0
menu-1
Preti e braccia che cadono
PDF
Stampa
  Text size
Carissimo Direttore,

se mi trovo su FDF è anche perché mi ritengo un cattolico, di quelli "per davvero". Partecipavo alla scorsa Messa vespertina della Domenica (quella senza chitarre, violini e danze tribali). Il parroco non era presente ed un altro prete (un polacco credo) lo sostituiva. Legge il brano dal Vangelo secondo Luca: "Pensate che io sia venuto a portare la pace sulla terra? No, vi dico, ma la divisione".

Ci sediamo per ascoltare l'omelia, la quale però non arriva. Cito a memoria: "Dicono che sia la Parola di Dio. A me questo passaggio non è mai piaciuto, è proprio il più brutto di tutti. In tanti anni di studi teologici non ho mai capito che significhi. Dice bene il teologo protestante -nome incomprensibile- quando dice che - altra roba incomprensibile purtroppo - ma ad ogni modo per me Gesù porta la pace e non la divisione, quindi questa è pura ERESIA. Preghiamo"

Mi ha lasciato di sasso. Mi sto chiedendo che fare. Ignorare il fatto? Avvertire il parroco? Contattare il prete e fargli io la predica? Sono rimasto proprio sconvolto, di omelie pessime ne ho sentite tante, ma mai niente di tale estrema gravità.

Grazie per l'attenzione


Oratio



Quel prete, semplicemente, non crede a Gesù Cristo. Non crede alle Sue parole, figurarsi alla Sua Presenza Reale. Sono i tempiu ultimi, la grande apostasia. Magari avverta il parroco... sperando serva a qualcosa.

Maurizio Blondet




 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# gustavo d 2013-08-21 11:19
Ma questi manco l'abc del mestiere conoscono? Che squallore!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Militiaceleste1 2013-08-21 11:20
Mi permetto un suggerimento, forse triviale ma credo credo non contrari a nessuna norma del Catechesimo, nè del diritto canonico: di fronte a Messe squallide, a omelie sciatte o addirittura eretiche CAMBIARE PARROCCHIA. Di chi lo detto che si debba ascoltare la S.Messa sempre dallo stesso persoaggio? Abbiamo, noi italiani, l'enorme fortuna d'avere tantissime chiese; armiamoci di un semplice foglietto: l'orario delle S.Messe nella nostra città; forse è un criterio un pò empirico, che ricorda la scelta dei prodotti, però, i Sacri testi ci invitano a cercare con cura i saggi. Anche i saggi sacerdoti. Lo lasci stare quel pretonzolo polacco, nella sua città ce ne saranno almeno altri 50 migliori di lui.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# oratio 2013-08-21 11:33
Il consiglio che mi dà non è affatto cattivo. Purtroppo lasciare la parrocchia mi dispiacerebbe: è dietro casa mia, ho ricevuto tutti i sacramenti in quella Chiesa, dal Battesimo alla Confermazione. Ragione ancora migliore, il parroco è davvero un bravo uomo e bravo prete, e le sue di omelie non deludono mai. Lasciare l'intera parrocchia solo per il sostituto del parroco sarebbe un peccato...
Seguirò sicuramente il consiglio del Direttore, avvertirò il parroco appena avrò modo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2013-08-21 20:25
Citazione oratio:
Il consiglio che mi dà non è affatto cattivo. Purtroppo lasciare la parrocchia mi dispiacerebbe: è dietro casa mia, ho ricevuto tutti i sacramenti in quella Chiesa, dal Battesimo alla Confermazione. Ragione ancora migliore, il parroco è davvero un bravo uomo e bravo prete, e le sue di omelie non deludono mai. Lasciare l'intera parrocchia solo per il sostituto del parroco sarebbe un peccato...
Seguirò sicuramente il consiglio del Direttore, avvertirò il parroco appena avrò modo.



Caro amico, Lei DEVE avvisare il parroco e deve farlo perchè è LEI che ha sentito e visto questa cosa nella Sua Chiesa, ma non solo non basta, non è neppure essenziale. Oltre a questo ha anche un'altro dovere morale, che è superiore e non si tratta di informativa opportuna ma di denuncia doverosa: Lei deve riferire per iscritto la cosa al Vescovo.

Negare durante la Santa Messa un brano del Vangelo e farlo durante l'omelia in veste di sacerdote di Santa Romana Chiesa è una eresia palese ed è un peccato gravissimo. Se costui non si pente di questo a maggior ragione per essere sacerdote, è destinato alla perdizione. Proprio per questo, con senso di carità e amore cristiano lei DEVE informare per iscritto il Vescovo della Diocesi dove il fatto è avvenuto e il Vescovo della Diocesi dove il Sacerdote è incardinato (se sono differenti). Questo deve farlo per carità verso quel sacerdote, per tutelare chi da lui rischia di essere sviato e vieppiù evitare un peccato di omissione da parte Sua. Se non avrà riscontro dal Vescovo atteso prudentemente qualche tempo scriva alla
Congregazione per la Dottrina della Fede in Vaticano. Sappia comunque che quel sacerdote se non si è confessato e pentito in foro esterno (cosa che difficilmente farà se non viene ripreso
immediatamente) è in stato di peccato mortale e scomunicato ipso facto latae sententiae.

So che è cosa difficile e dura denunciare una cosa del genere al vescovo, ma non si può essere per omissione o per scarsa fortezza complici di una tale indegnità.

A breve chiarificazione (sono disponibile ad ogni approfondimento ) le cito i due articoli del Codice di diritto canonico vigente che chiariscono come sia scomunicato quel sacerdote:

Can. 751 - Vien detta eresia, l'ostinata negazione, dopo aver ricevuto il battesimo, di una qualche verità che si deve credere per fede divina e cattolica, o il dubbio ostinato su di essa;

e poi :
Can. 1364 - §1. L'apostata, l'ERETICO e lo scismatico incorrono nella scomunica latae sententiae, fermo restando il disposto del can. 194, §1, n. 2; il chierico inoltre può essere punito con le pene di cui al can. 1336, §1, nn. 1, 2 e 3.

Significa che di fatto quel prete è in stato di scomunica e può persino essere ridotto allo stato laicale.

Se continua a confessare e celebrare senza aver ottenuto la riconciliazione sacramentale, inoltre, compie delitto di sacrilegio e di profanazione.

La cosa come avrà capito è gravissima, eviti quindi di dare pubblicità alla cosa per evitare scandalo ma allo stesso tempo denunci al più presto alla autorità
competente (che non è affatto il parroco) questo fatto gravissimo.

Se ha difficoltà a compiere questo atto doveroso si rivolga ad un affidabile e valente Direttore Spirituale, perchè anche Lei può essere spiritualmente in pericolo.

Prego per Lei e per quel sacerdote ed invito tutti i lettori a fare altrettanto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Brancaleone 2013-08-21 23:53
Condivido
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giulio 2013-08-22 10:37
Ottima risposta. Ineccepibile.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Boanerghes 2013-08-21 14:18
Inguaribile ottimista
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# *Pellegrino 2013-08-21 13:56
scena simile a Tassullo (in Trentino, ero lì per caso). Il prete sessantenne, artefice di una liturgia stanca e sciatta, imbarazzato dalla lettura, decide di commentare solo la prima parte (Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; e come vorrei che fosse già acceso! C'è un battesimo che devo ricevere; e come sono angosciato, finché non sia compiuto!)mente sulla secoda parte si limita a dire "che Gesù porti la divisione è oggettivo, c'è chi lo accetta e chi non lo accetta, questo può dividere le famiglie, ma su questioni opinabili, come la musica che si ascolta, o le squadre di calcio, o la religione, si può restare ognuno della propria opinione senza sfasciare la famiglia, o la società...".

questioni OPINABILI?????
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2013-08-22 15:40
Preti opinabili!!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nova 2013-08-21 15:33
Semplicemente le religioni, tutte, dicono tutto e il contrario di tutto.

Beati i cechi (della Repubblica Ceca) e gli scandinavi che sono sfrontatamente quasi tutti atei o agnostici. Si stima che solo il 5 % pratichi la religione e lo stesso avviene con gli ebrei dentro e fuori da Israele.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# oratio 2013-08-21 17:47
Beatitudine e ateismo sono inequivocabilme nte agli antipodi l'una dell'altro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2013-08-21 20:27
E' evidente che anche Lei secondo il suo criterio è tra quei beati destinati a finire male.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Francesco 2013-08-22 22:12
Beati...da morire, visto l'elevato tasso di suicidi, nonostante la ricchezza e l'eccellente Stato sociale, che evidentemente non bastano a saziare la sete d'Infinito presente nell'anima d'ogni uomo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Francesco 2013-08-22 22:14
Citazione Nova:
Semplicemente le religioni, tutte, dicono tutto e il contrario di tutto.

Suvvia, una simile caduta di stile non me la sarei aspettata...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# paola massari 2013-08-22 08:59
quel prete è in buona compagnia.....mentre mia madre è in coma all'ospedale, viene a trovarmi una mia cugina, molto religiosa,e ci rechiamo nella cappella del reparto per pregare...erano le 15 e 45, la messa cominciva alle 16, ci siamo dette, restiamo 5 minuti e poi andiamo senza disturbare....entra il prete, ci vede, e ci dice che dobbiamo metterci nei banchi davanti perché sta per dire messa e non vuole sgolarsi (capirai, era una cattedrale); mia cugina gli risponde dicendo che volevamo solo pregare per mia madre, che è moribonda, qualche minuto, e lui replica "non mi interessa niente, o venite davanti o ve ne andate"....alla faccia della carità cristiana....poi si stupiscono se la gente diventa atea.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2013-08-22 15:40
Citazione paola massari:
quel prete è in buona compagnia.....mentre mia madre è in coma all'ospedale, viene a trovarmi una mia cugina, molto religiosa,e ci rechiamo nella cappella del reparto per pregare...erano le 15 e 45, la messa cominciva alle 16, ci siamo dette, restiamo 5 minuti e poi andiamo senza disturbare....entra il prete, ci vede, e ci dice che dobbiamo metterci nei banchi davanti perché sta per dire messa e non vuole sgolarsi (capirai, era una cattedrale); mia cugina gli risponde dicendo che volevamo solo pregare per mia madre, che è moribonda, qualche minuto, e lui replica "non mi interessa niente, o venite davanti o ve ne andate"....alla faccia della carità cristiana....poi si stupiscono se la gente diventa atea.


Costui s'è comportato da caino!

Preghi un pochino anche per lui perchè è messo molto peggio di Sua madre... purtroppo.... Che il Signore sostenga Lei e i suoi cari.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# paola massari 2013-08-23 18:25
grazie per le Sue parole di conforto, ha ragione, è veramente messa molto peggio l'anima di quel prete che quella di mia madre.....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Policarpo 2013-08-22 12:19
Purtroppo sono tanti i preti imbarazzati da tale passo. Il sostituto prete di cui ho ascoltato l'omelia non è giunto ad affermazioni di tale gravità ma è riuscito a glissare e parlare d'altro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Francesco 2013-08-22 22:03
Per comprendere il passi più difficili del Vangelo, non v'è miglior testo della "Catena Aurea" di S. Tommaso d'Aquino,
cioè il Commento ai Vangeli che san Tommaso ha inteso fare in modo continuato. "Continuato" nel senso che, versetto dopo versetto, citando sempre i pensieri dei Padri della Chiesa e concatenandoli tra loro, alla fine risulta come se l´opera fosse di un unico autore.
E' un'opera fondamentale cui dovrebbero ricorrere tutti i predicatori, per evitare di portare le anime alla perdizione nonché pessime figure.

Per il passo in questione (Lc 12, 51-53) il riferimento corrispondente si può trovare anche su internet
però solamente in latino oppure in inglese.

Riporto il primo, per chi gradisce, tratto da Catena in Lc., cap. 12 l. 13 (http://www.corpusthomisticum.org/clc09.html#85878).

Beda. Quomodo autem post Baptisma suae passionis, post ignis spiritualis adventum terra sit arsura, declarat subdens putatis quia pacem veni dare in terram? Non, dico vobis, sed separationem. Cyrillus. Quid dicis, domine? Non venisti pacem daturus qui factus es nobis pax, pacificans per crucem caelestia et terrestria: qui dixisti: pacem meam do vobis. Sed manifestum est quod utilis quidem est pax; quandoque autem damnosa, et separans ab amore divino, per quam scilicet consentitur his qui a Deo dissident: et ob hoc foedera terrena docuit vitare fideles; unde sequitur erunt enim quinque ex hoc in domo una divisi; tres in duos, et duo in tres dividentur, pater in filium. Ambrosius. Cum sex personarum videatur facta subiectio, patris et filii, matris et filiae, socrus et nurus; quinque tamen sunt, quia eadem mater quae socrus accipi potest: quae enim est mater filii, socrus eius uxoris est. Chrysostomus. Per hoc autem futurum eventum protulit. Contingebat enim in eadem domo aliquem esse fidelem, cuius pater vellet eum ad infidelitatem protrahere; sed intantum praevaluit virtus doctrinae Christi, ut filii patres dimitterent, matresque filiae, et liberos parentes. Libuit enim fideles Christi non solum contemnere propria, sed et cuncta simul pati, dummodo cultu fidei non careant. Si autem purus homo esset, unde suppeteret ei hoc posse meditari, quod a patribus plus amaretur quam filii, et a filiis plusquam patres, et a viris plusquam coniuges; et hoc non in una domo aut centum, sed ubique terrarum: et non solum hoc praedixit, sed etiam opere consummavit. Ambrosius. Mystica autem interpretatione domus una, homo unus est. Duos autem legimus frequenter, animam et corpus; quod si duobus convenerit, efficit utraque unum: aliud est quod servit; aliud cui subicitur. Tres autem animae affectiones sunt: una rationabilis, alia concupiscibilis , tertia irascibilis. Duo ergo in tres, et tres in duo dividuntur. Etenim per adventum Christi homo, qui erat irrationabilis, rationabilis factus est. Eramus carnales, terreni; misit Deus spiritum suum in corda nostra, facti sumus filii spirituales. Possumus etiam dicere, quod in hac domo sunt alii quinque, idest odor, tactus, gustus, visus et auditus. Si ergo secundum ea quae audimus, aut legimus sensu visus atque auditus, excludamus superfluas voluptates corporis, quae gustu tactuque et odore percipiuntur; duo in tres dividimus, eo quod mentis habitus vitiorum non capiatur illecebris. Aut si quinque sensus acceperimus corporales, vitia iam corporis et peccata se separant. Possunt etiam caro videri atque anima ab odore, tactu gustuque luxuriae separata: fortior enim rationis sexus velut in viriles fertur affectus, haec molliorem studet tenere rationem. Ex his itaque diversarum cupiditatum motus inolevit; sed ubi in se anima redit, degeneres abiurat heredes; caro quippe cupiditatibus suis, quas sibi ipsa generavit, tamquam sentibus mundi doluit esse confixam: sed velut corporis quaedam atque animae nurus, voluptas motui pravae cupiditatis innubit. Ergo quamdiu mansit in una domo, conspirantibus vitiis, individua consensio, nulla videbatur esse divisio; ubi vero Christus ignem, quo delicta cordis exureret, vel gladium, quo secreta penetrantur, misit in terras; tunc caro atque anima regenerationis innovata mysteriis, copulam posteritatis eliminat, ut dividantur parentes in filios, dum intemperans motus intemperantiam abdicat, et anima declinat consortium culpae. Filii quoque in parentes dividuntur, dum renovati homines vitia vetusta declinant, voluptasque adolescentior seriosae domus refugit disciplinam. Beda. Vel aliter. Per tres significantur qui fidem Trinitatis habent; per duo infideles, qui a fidei unitate dissentiunt. Pater autem Diabolus est, cuius filii imitando eramus; sed postquam venit ignis ille caelestis, nos ab invicem separavit, et ostendit alterum patrem, qui est in caelis. Mater synagoga, filia est Ecclesia primitiva, quae et eamdem, de qua genus ducit, synagogam fidei persecutricem sustinuit, et ipsa eidem synagogae fidei veritate contradixit. Socrus synagoga, nurus Ecclesia de gentibus: quia sponsus Ecclesiae Christus filius est synagogae secundum carnem. Synagoga ergo in nurum et in filiam est divisa, quae credentes de utroque populo persequitur; sed et illae in socrum et in matrem sunt divisae, quia nolunt carnalem circumcisionem suscipere.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ares 2013-08-23 12:41
Simile scena vissuta in confessione a Milano, dove il sacerdote afferma che alla fin fine il peccato non esiste, che Nostro Signore figuriamoci se si scomoda o viene scalfito dai nostri comportamenti o errori.
Aggiunge pure che la "leggenda" di Adamo Eva e il peccato sono solo delle metafore e il male sostanzialmente non esiste, ma esistono solo gli errori degli uomini.
Se questo è l'andazzo nelle grandi città "vescovili"...siamo a posto.
Per non parlare dei sacerdoti "annoiati" perché devono stare in confessionale o amministrare i sacramenti e rispondono o celebrano i riti in totale "pro-forma" e scialba fretta.
Figuriamoci se simili personaggi potrebbero guidare spiritualmente persone e formarli, mentre le sette e le logge permeano la società e la infiltrano..non sanno nemmeno della loro esistenza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# giorgio 2013-08-25 07:11
Ultime tre righe da sottolineare!!!
Per quanto detto prima, ricalca quanto dettomi da un sacerdote veronese tempo fa, del "fuoco" spento dentro di parroci, stanchi e demotivati...qualcosa c'entra sicuramente la liturgia: tutto questo esaltare il laicato, emargina e minimizza la figura sacerdotale. Se ne accorgono gli ancora pochi preti che tornano al Vetus Ordo, che rifioriscono interiormente, perfino quando inizialmnente sono scettici e titubanti.
E' un fenomeno di cui nessuno parla, ma è giusto darne rilievo, perchè è centrale: quanto della crisi sacerdotale è dovuto alla liturgia????
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Centuri 2013-08-23 18:40
Non si può essere un prete cattolico e, al tempo stesso, criticare in Omelia la Sacra Scrittura.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Andrea V. 2013-08-23 21:45
Che tempi, se qualcuno ha voglia ascolti questo discorso fatto da chi non è parte del mondo ecclesiastico.

Sarò una mente semplice ma non avevo mai ascoltato qualcosa di così toccante e cristiano.

http://www.youtube.com/watch?v=MuRvsErkHFI
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# PHILIP 2013-08-24 13:38
Ultimamente ci sono preti che interpretano gli insegnamenti della Chiesa Cattolica come vogliono loro. Ho due esempi da riportare: 1) Un prete che ad un incontro per coppie sposate e fidanzati, invita una donna il cui marito è morto ormai da anni. Questa donna è convinta che suo marito sia continuamente vicino a lei, tanto che parla ancora con lui e prima dei i pasti, prepara sempre la tavola per tre persone: lei, suo figlio e suo marito. Il prete presentandola all'inizio dell'incontro, l'ha indicata come un esempio di fede.
2) Il prete della mia parrocchia, durante l'omelia per il funerale di un giovane che si è suicidato ha detto: "giovani, ricordate il sacrifico che il vostro amico ha fatto per voi. L'ha fatto per farvi notare il vero valore della vita".
Quindi non ha detto che suicidandosi ha compiuto un peccato grave, che rischia l'inferno e bisogna pregare per la sua anima, ha fatto solo un discorso per cavalcare l'onda dell'emotività che si viveva in quel momento.
Quello che fa preoccupare, è che questi due preti, sono ben visti dalla stragrande maggioranza di quelli che frequentano le loro parrocchie, sono etichettati come "bravi preti".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2013-09-04 08:44
Il "bravo prete" è quello che ti dice quello che ti piace e che vuoi sentirti dire. Così fanno i protestanti.

La verità è che questi sono bravi pastori protestanti che non lasciano la Chiesa Cattolica perchè fa loro comodo lo stipendio del sostentamento del clero.

Chi è cattolico (ne restano pochi ma ci sono) si cerchi un prete cattolico (sempre pochi ma ci sono) e lasci all'eresia protestante questi disgraziati cercando quando può di pregare perchè si convertano.

Inutile farsi illusioni comunque: i cattolici sono oramai pochissimi e sono destinati alle catacombe sociali e cultuali, ma per Grazia di Dio, ci sono ancora e per promessa divina su costoro
il prostestanetsim o non prevarrà.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Brancaleone 2013-08-28 22:10
http://www.papalepapale.com/strega/?p=1719
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# codino 2013-09-03 15:41
La smetta di andare a "messa" in italiano alla sua parrocchia e si trovi una buona Messa in latino vetus ordo dei lefebvriani o meglio dei sedevacantisti!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Brancaleone 2013-09-04 22:07
Ottimi creare divisioni è un'ottimo consiglio e in particolare il voler associare il VO con i sedevacantisti.... complimenti Lei è la miglior arma dei modernisti!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime lettere pubblicate:
Attacco di gastrite istituzionale?
Alcuni organi di stampa hanno riportato il perentorio, categorico e rabbioso divieto del Prof Burioni, (burocrate del ministero della salute, eletto da politici) a Comune, Provincia e Università di...
La Scelta Antitumore
Ho pubblicato il libro sulla prevenzione dei tumori, da oggi in libreria, per documentare come i principi della prevenzione e cura del MDB (Metodo Di Bella)
Veritas filia temporis, e il reato di “guarigione indebita”
Tante tragedie non li sfiorano neppure, sono infastiditi se qualcuno cerca ripetutamente di coinvolgerli, interessarli, chiedere attenzione e aiuto, occupati, come sono, a celebrare i riti, i fasti,...
FILM-DOCUMENTARIO SU METODO DI BELLA
È uscito un film–documentario dal titolo “Metodo Di Bella - 20 anni dopo (1997-2017)”. Per la realizzazione di quest’opera è stata condotta un’indagine di oltre 4 anni sul Metodo Di...
Metodo Di Bella e diffamazione
È stato creato dall’AIOM (Associazione Italiana Medici Oncologi) il sito “Tumore, ma è vero che?” generosamente, capillarmente diffuso con grande, zelante impegno e generale mobilitazione a...
Sperimentazione del Metodo Di Bella
In questo articolo vengono sintentizzate le numerose e gravi anomalie che hanno destituito di ogni credibilità e dignità scientifica la sperimentazione ministeriale del MDB del 1998.
È il “mercato”, ragazzi…
Recentemente si è verificata negli ospedali USA la scarsità del più semplice ed economico dei farmaci, la soluzione fisiologica (“saline”), carenza artificiosamente pianificata e indotta...
La cura dei Tumori e la loro Prevenzione Farmacologica
I meccanismi biologici della malattia, lo studio e la conoscenza della loro deviazione dalla fisiologica normalità, ne determinano la base razionale della medesima concezione terapeutica
Meccanismi d’azione nella prevenzione farmacologica dei tumori
Gli illuminati guardiani dell’ortodossia della ricerca censurano le scomode evidenze scientifiche per potere poi affermare in coro con le immacolate e disinteressate vestali della comunità...
La relazione su 297 casi trattati con MDB al New Zealand Breast Cancer Symposium di Auckland
È stata accettata, pubblicata agli atti e inserita nel programma questa relazione sul MDB. Il dato che ha destato maggiore interesse è la sopravvivenza a 5 anni del 4° stadio del tumore del...
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità