>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Mi godo lo spettacolo
Stampa
  Text size
Ai «mercati» cosiddetti, non siamo piaciuti. «Questa è la prima elezione europea in cui i votanti non hanno fatto la cosa giusta», ha decretato l’analista strategico di Citi (Citigroup). Il fatto che il 55% degli italiani si sia pronunciata contro «la cosa giusta» – ossia il governo Monti 2.0 caro ai «mercati» (pagate il debito, cicale!) – non scoraggia però le oligarchie transnazionali. «Il risultato» dice Citi, «non è ancora così nero che un po’ di crescita e di flessibilità della BCE non possa rovesciarlo». Guarda caso, proprio quel che sperava Bersani: «un po’di crescita» (non molta crescita), e una BCE di manica un po’ più larga che svaluti un pochino pochino l’euro o faccia un po’ di stampa. Qualcosa che comunque, nota Zero Hedge, l’eurocrazia è stata incapace di fare sotto la tutela dei sapientoni scelti dalla oligarchia bancaria per governare il Paese. La Borsa di Tokyo ha avuto un tracollo. Di Tokyo! L’euro non pare così solido dopotutto, se il voto democratico italiano fa tremare l’altro emisfero. Martin Schulz: «L’Europa chiede un governo stabile a Roma». Westervelle (Esteri): «Roma si doti presto di un governo stabile ed operativo». Credevano d’aver silenziato il problema Grecia (col colpo alla nuca), restava Cipro come sassolino nella scarpa, ma adesso hanno il pietrone Italia. Certi Paesi non devono votare mai più.

Il Financial Times ordina: «Grande coalizione». E questo sarà, attenti, perché Berlusconi tradirà ancora il suo elettorato (non ha più nulla da perdere) e sosterrà un governo «di centro-sinistra» con – guarda la coincidenza – Monti premier scelto da Bersani. Gli daranno qualche salvacondotto, qualche garanzia personale, e lo farà. Tasse e tasse, Euro a tutti i costi (nostri), fronte comune contro Grillo.

Ma prima di tutto godiamocela un po’.

Quelli che non vedremo più: Ferdinando Adornato, Paola Binetti, Rocco Buttiglione, Italo Bocchino, Giulia Bongiorno, Catania mario, Cesa Lorenzo – Crosetta Guido – Cucci Ilaria – Diliberto Oliviero - Di Pietro Antonio – Favia Giovanni – Ferrero Paolo – Fini Gianfranco – Ingroia Antonio – Laboccetta Amedeo – Lombardo Raffaele – Marini Franco – Micciché Gianfranco – – Sechi Mario – Storace Francesco. Tu quoque Storax! Et tu, Bocchino! Addio, Laboccetta!

La Gioiosa Macchina da Guerra 2.0. Aveva ragione l’Annunziata: Bersani è il primo responsabile della peggior campagna elettorale. E ciò, perché non aveva un programma ed ha tentato di nasconderlo. La tattica pesce-in-barile non ha funzionato. Ora sarà fatto a pezzi dai suoi? Sicuramente è bruciato. È impressionante la galleria di leader PD partiti vincitori e finiti disfatti, quindi inutilizzabili: Occhetto con la gioiosa macchina da guerra, D’Alema, Veltroni, Fassino («Abbiamo una banca!») ed ora Bersani. Il Comitato Centrale dovrebbe cominciare a farsi qualche domanda. Com’è che da vent’anni gli italiani, a noi, non ci vogliono al governo? E sì che hanno avuto un aiutino non da poco dai giudici di Tangentopoli, che gli hanno eliminato gli avversari, DC e Psi, e Berlusconi è stato sepolto dalle cause. Ma niente: la gente vota qualunque pagliaccio piuttosto che loro: loro i migliori, loro seri, loro il Partito Morale, loro il progressismo illuminato: vedete, non siamo più trinariciuti!

Ciò che hanno rifiutato gli elettori di Bersani, è la doppiezza. Che è incistata nel Partito fin dall’origine sovietoide: doppiezza è dir poco, si deve parlare di «bis-pensiero» orwelliano. Nell’ultima versione, è dire «crescita» e pensare «cura Monti bis», ma senza dirlo. È fingersi il partito della gente, e saccheggiare le banche; e contemporaneamente, rassicurare la cosiddetta «Europa» su debito (lo pagheremo!) ed euro (ci resteremo!), e fare la foto con la Kulandra dall’Orecchino, supposto intercettatore di voti di «sinistra alternativa». Bellissimo il floppone di Vendola: doveva intercettare arcobaleni, girotondini, finocchietti e crescita-zeristi e portarli sotto il governo della austerità dei banchieri. Buco nell’acqua. Arcobaleni ed ecologisti, no tav, no—inceneritori e utopisti allo yogurt-bio sono andati da quell’altro: che almeno non è doppio.

Sbagliano sempre i tempi, i post-trinariciuti. Sempre in ritardo di un giro. Collettivisti con glasnost quando Reagan aveva già liquidato l’URSS lanciando con la Tatcher il liberismo globale; Gorbacioviani quando Eltsin saltò sul carro armato; ed oggi, europeisti «moderati», finto-socialdemocratici, subordinati a banchieri e Merkel quando tira la bufera anti-europeista nelle piazze, da Madrid alla Bulgaria.

E sempre i piedi in due scarpe: nozze gay ma collegamento coi cattolici (adulti). Sant’Egidio e il Finocchio di Bari, massoni ma ossequiosi al Vaticano e a i suoi desideri (che elettoralmente contano zero), e sempre subalterni ai poteri forti del momento, senza mai accorgersi quando diventano meno forti.

Stavolta lo smacco è più ridicolo, perché avevano Renzi: l’hanno bocciato alle primarie, l’Apparato in ciò solidamente unito alle «masse militanti» nel liquidare il nuovo-che-avanza e scegliere l’Usato Sicuro. Volevano cambiare, ma senza perdere nulla delle loro posizioni nelle banche tipo Montepaschi, dei loro emolumenti e «rimborsi elettorali» miliardari, nello stato coi loro votanti parassiti, nelle regioni rosse in declino storico: si privatizzino piuttosto i taxisti, i notai. Riformisti senza-riformare, ecco l’Usato Sicuro. Ed ecco il risultato.

Godiamoci Monti: la sua «cura» da tecnocrate ha stroncato in modo definitivo l’economia italiana: bella prova di competenza, per il bocconiano senza pubblicazioni scientifiche. Bersani era pronto, e lo è ancora, a fargli continuare l’esperimento. L’Europa ce lo chiede! Mario il Trilateral-Bilderberg ha cercato qualcosa che non sa nemmeno cosa sia: la «popolarità»: e come non bastasse, l’ha cercata non da solo, ma aggregandosi Casini, Fini, Rutelli, Montezemoli – ossia tutti i mozziconi spenti che ha trovato nel portacenere della «politica», tutti i bossoli esauriti del poligono di tiro (a campare). Così possiamo godere Gianfranco Fini che torna privato cittadino (non credo dovrà mettersi a lavorare…). E pensare che forse gli sarebbe bastato restituire la villa di Montecarlo. Adesso la Tulliani magari lo abbandonerà per un altro protettore e portandosi via la roba: un ragazzzo-padre.

Casini. Lui un progetto l’aveva: il ritorno al proporzionale puro, necessario per ricreare la Dc, con la sua politica dei «due forni» , la fungaia di partiti al 3% da aggregare (con la corruzione) eccetera. A questo, inequivocabilmente il voto ha detto no.

Godiamoci El Guatemalo, e con lui l’intero partito manettaro, il partito dei procuratori. Di Pietro colato a picco. Quell’altro diventato sindaco di Napoli, naufragato. Hanno fatto, in piccolo, lo stesso errore dei comunisti: sbaglio dei tempi. Giustizialisti militanti e fanatici del terrore giudiziario sono anche’essi emigrati da Grillo. Ingroia: «Resto in politica ma non lascio la toga». È tutto lui.

Il vitreo di Berlusconi. Purtroppo, il Cavaliere ha vinto abbastanza da porre condizioni. Anche al suo partito (chiamiamolo così) che stava esplodendo in mille pezzi e gli deve dunque tutto, tutti i seggi che gli restano nelle due camere e che quelle nullità credevano ormai perdute. Ciò significa che di quel partito non è restato che il sedimento delinquenziale, senza più il minimo pensiero al bene comune (voi direte: non l’ha mi avuto), e occupato solo di arraffare, occupare, aggrapparsi alle maniglie dorate. Con un simile partito di schiume e fecce (da latino faeces, feci), dice Paolo Rebuffo, «state sereni, il Senato è governabilissimo, esattamente come è stato governato negli ultimi venti anni da un PD e un PDL a fare teatro per spartirsi il bottino. Esattamente come è stato governato negli ultimi 15 mesi».

L’unica speranza, il vitreo del Maiale. Berlusconi ha subito nei giorni scorsi il parziale distacco del vitreo, ossia (vedasi Treccani) della «massa trasparente, semifluida, che occupa la maggior parte della cavità del bulbo oculare». Il motivo non può essere che uno solo: l’abuso di Viagra. Il miracoloso farmaco delle erezioni infatti provoca un forte e durevole aumento di tensione (pressione) un po’ in tutte le cavità corporali. La cura è ovvia: Berlusconi dovrebbe smettere. Siccome non lo farà, c’è da sperare che lasci presto la cosiddetta «vita politica» e forse la vita tout court. A questo punto, i partitanti orfani si uniranno a Casini, ossia a Monti-Bersani. L’Europa, dopotutto, glielo chiede...

Bobo governatore: la mia Lombardia in mano al Pirla Sognante? Una delle Regioni economicamente più potenti d’Europa al capetto di risulta di un partito in rotta che ha dimezzato voti? La Lombardia col 4% dei suffragi, regalo del Berlusca? Non fatemici pensare...

I grillini: chi saranno? Per farla breve, mi limito a dire questo: gli italiani hanno votato il programma «Tutti a casa» e «Vaffan..», ma hanno mandato in parlamento no-Tav e altri sinistri alternativi e moralisti fanatici, con relativo programma utopico-demenziale. Sapranno interpretare costoro il mandato che hanno ricevuto? Dubito. Dunque, resta il problema continuo della «democrazia» italiota: il divario, lo jato, chiamatelo come volete – fra la volontà popolare e la compagine parlamentare. Quelli che arrivano in Parlamento non si conoscono nemmeno fra loro. Quando i PD daranno ad uno di loro la presidenza della Camera – posto di immenso potere reale sottovento, più abitazione interna alla camera di 600 metri quadri ammobiliata con Maggiolini, camerieri e maggiordomi e guardarobieri – quanto ci metterà il grillino ecologista a montarsi la testa? Io personalmente ho visto la Pivetti impazzire e credersi Caterina di Russia, con favoriti e tutto il resto. Quanti si faranno attrarre dalla semplice prospettiva di potersi tenere, solo passando ad altro schieramento, gli integrali 15 mila euro invece dei 2500? E come farà il capo Grillo, non essendo in parlamento, a dare le direttive?

Boh. Per intanto, godiamoci la catastrofe.



Copyright Associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# anse 2013-02-26 15:45
Direttore, almeno mi ha fatto ridere!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# dottor cristiano 2013-03-04 21:39
Direttore Lei dice bene- non se ne salva nemmeno uno....
Ma qual'e'l'alternativa a questa politica ammarcita? Da dove è come si deve ripartire? Forse con strumenti non politici?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# AS1974 2013-02-26 16:01
Come sempre, magistrale articolo! Concordo su quasi tutto.. soprattutto sul fatto che il Nano tradirà , ancora una volta, le promesse fatte... ma pensa davvero che i c.d. grillini mandino tutto a catafascio per lo stipendio corruttore? e se stavolta non fosse così? Personalmente me lo auguro.. perchè altrimenti, la rivoluzione armata, sarebbe dietro l'angolo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pelzen 2013-02-27 02:44
Io non la veda così. Blondet è in questo articolo estremamente acido e sarcastico tale da rasentare il grottesco.
Chiude dicendo di godersi la catastrofe, ma dimentica quella nella quale siamo arrivati, i pezzi perduti dell'economia che solo decenni potranno ricostruire, le teste ingegnose dei nostri ragazzi che mai più torneranno in questa latrina italiana.
E' molto triste questo articolo.
Perché, pur condividendo alcuni spunti, sostiene la tesi owelliana di Ingroia della presunzione delinquenziale dei grillini. Può darsi sia come dice lui, ma i progetti ed i programmi del Movimento non sembrano avere una visione ludica dei 5 minuti di goduria, anzi, al contrario poiché i progetti sono di ampio respiro. Posso concordare sul fatto che un conto è enunciare una cosa ed un altro applicare, ma l'importante è iniziare, aprire le finestre del potere, gettare dalle finestre i lazzaroni, eliminare quanti più parassiti possibili. Mi auguro veramente che ci sia la caccia a questi infami soggetti e suggerirò al movimento di iniziare dagli anni 60 in poi. Che mi frega se questi son decrepiti, vecchi rincoglioniti, ma hanno spolpato milioni alle casse dello stato per i loro interessi.
E' anche probabile che il nano con bersani creino l'aborto più malefico della storia italiana dalla fondazione di Roma, lì allora vedremo se il Mov 5 stelle avrà veramente le palle o se è solo un'onda modaiola tipicamente italiana, perché a sporcarsi le mani non è chic e non fa figo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# andrea.4463 2013-02-26 16:07
Come ha detto bene Cacciari, riferendosi all'entourage del Pd, noi lo estendiamo al generale: sono tutti delle TESTE DI CAZZO! (periodico).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# oratio 2013-02-26 16:19
L'unica speranza è che il caos attuale non trovi risoluzione inciuciata e si finisca nel frattempo al collasso dell'euro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Doge 2013-03-01 11:36
Mi associo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Der Freiherr 2013-02-26 16:19
Bobo governatore: la mia Lombardia in mano al Pirla Sognante? Una delle Regioni economicamente più potenti d’Europa al capetto di risulta di un partito in rotta che ha dimezzato voti? La Lombardia col 4% dei suffragi, regalo del Berlusca? Non fatemici pensare...

Siamo di fronte ad uno dei periodici travasi di bile del nostro Direttore, giustificati forse nella naggior parte dei casi, ma nel caso di Maroni non vedo la ragione. E'vero, la Lega è in forte calo, anche perchè è stata bombardata dai magistrati (più o meno tutti all' Ingroia) e perchè al leghista duro e puro, che non va più in la della "secessiun" ed odia Berlusconi con una intensità Blondettiana, non è andata giù l'abbandono del vecchio Bossi e l'alleanza con il reprobo scopatore. (Morirà di Viagra? morirà saziato e contento, buon per lui). Maroni ha dimostrato grande capacità tattica conquistando la Lombardia, alla faccia dei vari Formigoni e La Russa, Albertini e Ambrosoli, borghesia meneghina "illuminata" e clero schierato a sinistra, ma non la vecchia sinistra operaia (quella era scomunicata),ma la sinistra dei gay pride. Maroni ha dimostrato di essere un buon ministro, è onesto (almeno pare, e questo è l' essenziale) non è un pervertito, il suo progetto di macroregione è quanto di meglio si possa tentare per opporsi allo strapotere dell' europa e al governo rapinatore. Io avrei preferito qualche bel personaggio della destra sociale (ma ce ne è ancora? ma riusciranno mai ad unirsi per raggiungere raggruppamenti che superino lo zero virgola?) ma mi accontento e spero, dopotutto si vive di speranza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# lettera41 2013-02-26 20:32
Sono al 1000 per 1000 d'accordo con lei. Maroni si è dimostrato tutt'altro che Pirla. Al contrario è stato cinico e calcolatore. Ha sacrificato metà del partito, ha abbracciato il Maiale, che gli ripugna quanto a noi ma aveva un obiettivo e l'ha raggiunto.
Li aveva contro tutti: l'ammucchiata di M. con l'Albertina che qualche voto glielo ha portato via, il Grilloide che in dirittura d'arrivo sconfessa la sua candidata e invita a votare Ambrosoli, la magistratura ad orologeria che giusto prima delle elezioni riesuma un'inchiesta che era già stata archiviata l'anno prima, le sinagoghe e i grembiuli che con il Corriere e la Sette, per i 15 giorni precedenti al voto, gli hanno scatenato contro una campagna diffamatoria senza precedenti, infine il suo partito che anziché investire nella comunicazione aveva comprato diamanti e costruito terrazze.
Però ha vinto e bene. Mentre gli altri con magistrati e culandre già celebravano la sua futura disfatta e si gongolavano in TV, lui tesseva con industriali, Curia e CL (contro la Chiesa in Lombardia non si vince).
Altroché Pirla Sognate, a me è sembrato incredibilmente abile. Oltre alle aspettative.
Onore a Maroni.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# stefano.mc 2013-02-26 22:42
La Lega non è stata in grado di fare la secessiùn quando aveva i numeri per farlo, figuriamoci adesso con a capo un maron-pirla che si trastulla beatamente in sogni erotico-utopistici irrealizzabili. I padanisti incalliti si mettano l'animo in pace.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Der Freiherr 2013-02-27 11:33
Citazione stefano.mc:
La Lega non è stata in grado di fare la secessiùn quando aveva i numeri per farlo, figuriamoci adesso con a capo un maron-pirla che si trastulla beatamente in sogni erotico-utopistici irrealizzabili. I padanisti incalliti si mettano l'animo in pace.

Maroni non vuole la secessione. Sarà forse il resto d'Italia che, di fronnte alla necessità di assumersi qualche responsabilità, minaccerà una guerra di secessione.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# stefano.mc 2013-02-27 16:17
Infatti il sogno erotico del Bobo è la classica botte piena e moglie ubriaca: tenersi tutti i soldi senza rinunciare alla libera vendita della sua robaccia al resto d'Italia. Non funziona esattamente così. Tranquillo, le corna di plastica per il pratone di Pontida sono già pronte...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# maxkolbe 2013-02-26 23:33
La macroregione Lombarda è perfettamente funzionale all'Europa. ci pensi
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Doge 2013-03-01 11:52
Penso che Maroni abbia meno di due anni, se non pochi mesi, per poterr creare la macro regione del Nord. Con la crisi economica in rapida ascesa, il Veneto rischia una indipendenza politica dal resto d'Italia, sulle ali dei referendum scozzese ed inglese (uscita da ue) e sulle pressanti richieste separatiste da parte della Cataluña, Euskadi e Galiziani. Pertanto o riuscirà a creare veloci vantaggi fiscali alla macro regione o si troverà ben presto senza il possibile alleato ( veneto) guidato dalla banda Zaia-Tosi pronti ad espropriare il partito a Maroni.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrorosa1 2013-02-27 11:02
Condivido
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco_PD 2013-02-26 16:29
Buon articolo oltretutto assai divertente. Ma mi piacerebbe che Blondet riflettesse sul fatto che se Berlusconi, pur con tra le gambe il centro (forse) del suo mondo, non si rifosse messo in piazza esattamente come 20 anni fa ora io, il direttore e chi mi legge staremmo già facendo altro. E cioè preparare cartelli con le foto dei membri del comitato centrale PD da portare in corteo per le vie al grido di "Lunga vita al compagno Bersani". Come da copione storico. Un dettaglio ora, che ho da un po' sul gozzo. Qui a Padova sorge la Città della Speranza, un centro di cura e ricerca per le leucemie infantili. Alcuni mesi fa salta fuori che devono pagare 89 mila euro di IMU. Articoloni sui giornali. I soldi non li ha nessuno. Berlusconi lo viene a sapere e dice che li pagherà lui (o il PDL). Passa il tempo e i soldi non arrivano: gli articoli sberleffo sulla stampa sono sempre più grandi. E lo si accusa di farsi pubblicità elettorale sui bambini leucemici. Poi i soldi arrivano: se ne ha notizia da UN TRAFILETTO di giornale. Poi silenzio. E nella campagna elettorlae NESSUNO del PDL che io sappia ha ricordato la donazione salvifica, menandone vanto. Ora, io di fronte alla Città della Speranza ci passo, e non sono da quelle parti per fare lo shampoo alle papere. Posso dirvi che se anche Berlusconi ha sotto l'ombelico l'albero maestro dell'ammiraglia di Orazio Nelson non me ne importa una beneamata fava. E questo è quanto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# henri 88 2013-02-26 18:46
Se ricordo bene si trattava della nave Victory, ed è proprio su questa che Orazio trovò la morte.
Insomma, Silvio (come Orazio) rischia la vita...in combattimento.
Non sapevo di questa Città della Speranza di Padova !
E pensare che le fondazioni bancarie, l'Imu non l'hanna pagata...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Antonio_1234 2013-02-26 19:40
La prima parte del commento di Franco_PD è pienamente condivisibile.
Ciò non toglie che il Cavaliere ha tradito la fiducia di chi lo ha votato, se non per malafede almeno per patente incapacità politica.
Se ha compiuto il nobile gesto di aiutare una fondazione che assiste i bambini malati, la cosa gli fa onore, non mi stupisce e - soprattutto - bene è stato non pubblicizzarla. Politicamente,
invece, non c'è da aspettarsi granché né da lui né dal Grillo saltellante.
Mi basterebbe che usassero il "peso" specifico dei loro voti in Parlamento per promuovere il referendum sull'euro.
SUBITO, però, non "domani". ADESSO.
Per il resto: la sconfitta del Badoglio del XXI secolo, insieme all'ennesimo "palo" nei denti preso dai supponenti sinistri di ogni ordine e grado mette di buonumore.
Per non parlare del "professorino" con il ditino alzato, abbracciatore di cagnolini e twittatore di faccettine e sorrisi emoticons, che comunque cadrà in piedi e prenderà la via del Quirinale, col beneplacito del Berlusca e compagnia cantante.
Oggi e domani, godiamocela così. Poi saranno lacrime e sangue.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrorosa1 2013-02-27 11:05
Condivido
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CarloD. 2013-02-26 16:38
Non condivido quello che Maurizio Blondet scrive su Berlusconi. Sorvolo sul tono per nulla elegante e sulle cose inutilmente volgarotte che il direttore dice, ché da lui mi aspetterei un po' di stile; ma quello che mi lascia molto perplesso è altro. Ho votato Berlusconi perché, tutto sommato, penso che il voto dato a lui sia molto meglio del voto dato a Grillo, il Coluche italiano per cui Blondet ci ha di fatto invitato a votare. Avevo davanti la possibilità di astenermi, facendo così un favore a Monti e a Bersani. Non l'ho fatto; ho dato il mio voto a Berlusconi; innanzitutto un voto contro la sinistra e contro gli eurocrati. Se qualcuno ha potuto seguire su France 24 i dibattitti sulle elezioni italiane, sa quanto "il satrapo" è odiato. Ho sentito personaggi come Daniel Cohn Bendit, un ferro vecchio sessantottardo alzare il ditino e dire testuale che chi vota Silvio vota la mafia, vota Dracula (nientemeno!). Nel mio voto c'è stato anche un sussulto di dignità e di indignazione verso chi ci vuol dire, facendo sponda al sinistrume italiano, cosa dobbiamo fare per piacere all'"Europa", e credo che se tutto sommato, nonostante l’usura, gli scandali e gli attacchi concentrici subiti, il 30% del PDL è arrivato perché molti elettori hanno pensato quello che penso io. L'uomo di Arcore ha dei limiti? E come no, ne ha tantissimi e di assai pesanti, e infatti votando un po’ il naso me lo sono turato, ma ha anche tanti pregi: si è dimostrato un combattente formidabile e almeno questo gli andrebbe riconosciuto, lasciando perdere il Viagra e la pompetta, perché direttore, se lo lasci dire, su questo ha stancato. Avrei ben volentieri dato il mio voto a Forza Nuova. Ho sentito Roberto Fiore su rai due alla tribuna elettorale; ha detto cose molto condivisibili: riprendiamoci il diritto di stampare moneta, usciamo dall'euro, rinegoziamo il debito riconoscendo solo quello contratto con le famiglie italiane; opponiamoci all'immigrazione selvaggia, no allo ius soli, lanciamo un nuovo piano casa per dare ai poveri case con mutui molto agevolati a 500 € m quadro, ecc..ma, sorvolando sul fatto che a Genova dove ho votato Fn neppure era in lizza, anche ci fosse stata, dandole il mio voticino, cosa avrei risolto? Fermiamo la sinistra e l’eurocrazia; inceppiamoli; col tempo, forse, con l’aiuto del cielo, le cose cambieranno davvero. Almeno questo spero.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco_PD 2013-02-26 17:36
Sono d'accordo con lei, Carlo. Ma fino a che le destre estreme saranno centomila ognuna col suo capetto che amministra il proprio misero pollaio non si andrà da nessuna parte. Dovrebbero imparare da altri movimenti europei come si fa, o almeno provarci. Voglio bene a tutti, qualcuno ne conosco di persona, ma continuano a darsi la zappa sui piedi, e lo fanno da anni...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# raff 2013-02-26 22:46
Le destre estreme, se vogliono incidere sulla realtà sociale, devono uscire dal falso schema ideologico di una inesistente, o meglio, non più efficiente contrapposizion e destra/sinistra e anche quelli che si richiamano al fascismo, ai suoi riti e miti dovrebbero ricordare che il fascismo stesso è stato un pollone uscito da una costola del socialismo (Mussolini) e addirittura del comunismo (Bombacci) e perciò stesso farsi carico delle istanze del proletariato e dei ceti popolari. Oggi questo modello è quello di Grillo e non a caso il suo exploit elettorale nasce da un movimento che raccoglie consensi sia a "destra" che a "sinistra".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# raff 2013-02-26 23:25
Vorrei aggiungere che il movimento di Grillo non ha simboli che si richiamano a vecchi schemi ideologici.
L'unico simbolo presente nel logo del Movimento 5* è la V (rossa), che si richiama al film "V per vendetta". Nel film l'obiettivo di tutta l'azione del misterioso personaggio con la maschera di Guy Fawkes è la distruzione del parlamento inglese sede e strumento di un malvagio "potere democratico" orwelliano. Quel film e il testo di quel film rappresenta, in un certo senso, il paradigma del movimento di Grillo, anch'esso orientato a far "saltare" in aria un Parlamento, quello italiano, inquinato e corrotto, sede e strumento di un "potere" falsamente democratico.

Bisogna dire che con queste elezioni c'è riuscito...forse.

Per saperne di più, basta leggere qui:

http://it.wikipedia.org/wiki/V_per_Vendetta

oppure vedere direttamente il film qui:

http://www.cineblog01.org/v-per-vendetta-2005/
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrorosa1 2013-02-27 11:18
Complimenti, per la deduzione simbolica
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# als.ob 2013-02-27 14:19
Vorrei ricordare però che Fawkes era cattolicissimo... non so quanto costoro siano ispirati al cattolico Fawkes storico, o a quello "ordo ab cho" dipinto nel film. Senza saper leggere e scrivere, propendo per la seconda.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# nicolas 2013-02-27 14:56
Molto interessante. Aldilà della simbologia questo film rispecchia il comune sentire del "buon popolo"
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# STEFANOF 2013-02-27 11:34
I capetti del neofascismo, nella migliore delle ipotesi, sono dei sociopatici o dei deficienti. Nella peggiore delle ipotesi sono "interessati" al controllo della opposizione al sistema. Si può sbagliare una volta, due, tre, ma questi stanno tra le palle da decenni raccogliendo solo insuccessi e fallimenti, oppure il loro successo è proprio quello di impedire una reale lotta al sistema. Molti dei neofascisti poi si imboscano nel parassitismo pubblico, campano con i denari dello Stato che da giovanotti volevano abbattere, me li ricordo tutti paonazzi con il braccio lungo e duro sbraitare contro il sistema e boia chi molla! Adesso sono la "destra identitaria" .. quale? .. le frecce tricolori, i "nostri ragazzi" marò, gli imprenditori traditori della patria perchè vanno all'estero e non si fanno spolpare ben benino dai parassiti di Stato, da loro? .. li rincontro dopo anni e le loro pance sono sempre più grasse. Da ragazzi erano missini che sbagliavano, da grandi pensano solo al loro piccolo potere locale, si tengono stretti altri giovani neofascisti solo per dare un senso non schifoso alla loro vita, e per avere sempre manovalanza elettorale. La "destra identitaria", il "fascismo del terzo millennio", la "comunità", tutte etichette per far sopravvivere le loro gang, le loro tribù, e soprattutto i loro interessi ed il loro ego di capetti di ragazzi della della via pal. Ma di vera lotta al sistema dei parassiti di Stato, di banca, di moneta non vi è traccia. Avrebbero dovuto abbandonare già da molto tempo quelle idiote etichette e raccogliersi in tutte quelle energie antisistema che sono presentissime nella nostra nazione e nella classe dei sfruttati. Ed invece. Stupidi convegnetti con qualche avversario politico per sentirsi accettati, finti movimenti culturali parafuturisti che non si caga nessuno .. mentre il popolo stava crepando! Casapound, Forza Nuova, Destra Sociale, ecc. tanti modi per dire traditori di se stessi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# adelauro 2013-02-26 17:53
Anch'io avrei volentieri votato Forza Nuova, ma all'estero le sue liste non erano presenti.

Anch'io qui in Germania mi sono un po' seccato di sentirmi domandare col sorrisetto ironico perché gli italiani amano tanto Berlusconi (sottintendendo che ci sarebbe tanto di meglio per cui votare, dunque siamo stupidi ed autolesionisti) . E naturalmente mi tocca spiegare quello che all'estero non si sa (o non si vuol sapere), che gli avversari di Berlusconi sono forse peggio di lui in quanto a moralità.
Alla fine ho votato Grillo anch'io, ma confesso che ieri sera, di fronte alle notizie dello spoglio ho sperato nel sorpasso, ed in una ulteriore umiliazione del deficiente smacchiatore di giaguari.

Tutto sommato mi pare che l'Italia in questo momento abbia votato un po' meglio della Spagna e della Francia.

Una cosa mi pare chiara: per un paio d'anni non sentiremo parlare di matrimonio di finocchi!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# illupodeicieli 2013-02-26 18:53
considera che c'è anche lo sbarramento, per cui partiti piccoli ( avrei votato, anche se Blondet mi spara, io amo l'Italia ma non c'era in Sardegna e poi,appunto, c'è lo sbarramento e sarebbe stato un voto inutile)e alternativi e concreti (sui problemi reali dei cittadini) sono di fatto tagliati fuori .
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Paulus 2013-02-26 18:24
Condivido i due post precedenti. Aggiungerei che dovremmo comunque essere grati a Grillo per aver sottratto voti al PD, impedendo una sua vittoria piena. Vedremo poi se i suoi seguaci ostacoleranno anch'essi i piani di Bruxelles, di Berlino e della finanza anglofona, dei quali Monti e la sinistra sono gli esecutori e che comportavano la previa eliminazione del corpo estraneo (non importa se lubrico) rappresentato da Berlusconi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2013-02-26 19:13
Totalmente d'accordo. Anch'io ho votato per il Berlusca perchè, bene o male, ha l'unico programma economico che ci può evitare il collasso di tipo greco. L'economia va riattivata subito, non tra un anno o due, prima che si avviti in una spirale di austerità,aumen to del debito ancora austerità e ancora aumento del debito. L'unico modo è di mettere qualcosa nelle tasche degli italiani e stimolare i consumi. In una situazione come l'attuale, diminuire le tasse sul lavoro, come vorrebbe fare (non si sa con quali soldi) la sinistra, serve a poco o niente. La gente non compra perchè con i soldi devono pagare le tasse.
Due risultati fanno sperare per il futuro : la mobilità dell'elettorato e la fine impietosa della sinistra radicale. L'elettorato ha dimostrato che non è legato mani e piedi ai partiti tradizionali. Oggi ha votato per Grillo, un movimento vuoto di contenuti ideali e di programmi seri, destinato decondo me a sciogliersi come neve al sole. Domani potrebbe votare per una destra identitaria capace veramente di rinnovare il Paese. Forse è proprio questa prospettiva ad inquietare di più l'Europa delle lobby finanziarie.
Quanto alla sinistra, passata da "Baffone" ai gay, assomigliano sempre più ai dinosauri dopo la caduta del meteorite : aspettano di scomparire.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Milo Dal Brollo 2013-02-26 23:23
Ragazzi, il problema è che Berlusconi FINGE! Altrimenti, tutto sto programma l'avrebbe già fatto da un pezzo! Ed è qui la sua forza: la sua faccia da culo nel dire cose giuste (alcune) e non farle (nessuna).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# nicolas 2013-02-27 10:42
Ragazzo , bisogna imparare a dare il giusto peso ai fatti. Berlusconi ha dichiarato,romp endo il silenzio elettorale, che per spezzargli le gambe con Noemi e Ruby i valorosi magistrati italiani, caduti puri,limpidi e incontaminati dal cielo, hanno dato luogo a ben 150.000 (CENTOCINQUANTA MILA) intercettzioni telefoniche.
Aoh! Ce fosse qualcuno da Floris, Santoro e talk talk a vanvera che osi denunciare che il problema enorme e di gran lunga superiore agli altri, sia la magistratura infiltrata e agli ordini del Consiglio Superiore della Massoneria. Ovviamente se uno è indaffarrato a a fare il guardone, lo spione , mobilitando per la bisogna ingenti forze di polizia, il 95 per cento dei reati contro il patrimonio rimane impunito, i processi dei zotici sudditi durano generazioni ecc. ecc.
Ma porcaccia la miseriaccia zozza! Vi rendete conto che un piemmetto insulso ti fa chidere l'Ilva con 5.000 operai e 20.000 nell'indotto. Una altro ti blocca la Finmeccanica per una commessa di elicotteri con cifre da paura, IL DE Pasquale di Milano spoglia una azienda italiana di ben 500.000 milioni di euro per un fatterello , il lodo Mondadori, dove peraltro, la vittima Fininvest ci aveva pure ragione, per darli al cittadino svizzero De Benedetti padrone della cultura superiEore sinistra di Repiubblica e dell'espresso. I quali media hanno la capacità di ipnotizzare letteralmente i suoi lettori e farli saentire culturalmente superiori mentre ,nella realtà ,sono dei poveri imbecilli incapaci di dscernimento.
Sempre il DEPasuale sta facendo di tutto per esaudire i desiserata degli strosszini, pardon, della City, di WALL Street per nutralizzare la Saipem e l'Eni nel mondo, per evitare che gli utaliani si ammazzino di fatica a reperire autonomia enenrgetica.
Ragazzo, RAgazzi, SVEGLIA!!!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrorosa1 2013-02-27 11:50
Se fossimo al suo posto con la massoneria che occupa posti importanti che cosa potevamo fare, almeno si comporta da uomo
che tradito dalla nuova compagna cerca di dimostrare d'essere ancora forte, stimolato oltre che dal viagra da satana,
purtroppo.
Aver eletto Angelino Alfano quale successore dimostra comunque d'essere consapevole dei propri limiti e di lottare per sconfiggere l'invidia di coloro di destra o sinistra sono alla fine incapaci d'arrischiare e invidiano
coloro che hanno raggiunto una posizione
economica importante.
E' stato tradito da un numero rilevante
di persone e quello che ha fatto l'ha fatto con la sua intelligenza e voglia di vivere. Ricordo che Davide nella Bibbia
amava cantare ed aveva fatto morire uno
dei suoi uomini per desiderio della
sua sposa.
Eppure dopo di Davide venne Salomone
che perse pure lui la sapienza a causa
della concupiscenza femminile.
L'uomo è debole con la donna quando ha amato la madre.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Der Freiherr 2013-02-27 14:34
Non mescoliamo il povero Berlusca con le foje di quei circoncisi. Lui si paga le troie, Davide ne accoppava i mariti (che erano al suo servizio)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrorosa1 2013-02-27 11:10
Condivido
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# steabbate 2013-02-26 16:43
Concordo sulla sua analisi, credo la sinistra tentera' un governo di larghe vedute con Monti e Berlusconi. Lo faranno, fallira' e Bersani passera' alla storia come colui che ha consegnato l'Italia a Grillo, che vincera' facilmente quando si tornera' a votare. Ma concretamente cosa propone, quale e' il suo male minore in questa situazione?
Saluti, Francesco da Ginevra
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Maraffio 2013-02-26 16:44
Come promesso ho votato il liquido idraulico Grillo alla Camera.
Però sapendo che la mia regione Lombardia è determinante per il senato ho votato il salame, tanto per fare barriera alle culandre pidiessine.

E così abbiamo questa impasse, godibile o no è forse un modo per mandare in vacca il sistema.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# BULEGH 2013-02-26 16:54
Io, invece, questo spettacolo dei derivati bersan-grillini, o viceversa, non lo godo per nulla; Anche se le conseguenze, invece, ce le potremo e dovremo presto ultra godere!
Anche perché, come il sottoscritto sostiene da almeno 20 anni, qui siamo nel mitico Stivale geografico degli autogol, dove, salvo le poche oneste formichine e laboriose api silenziose, siamo in cima e alla mercé del verminaceo sottobosco di uccello-sauri ... ora di deformazione grillinesca ...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# adelauro 2013-02-26 16:54
Almeno per Paola Binetti mi dispiace, è onesta e competente.

Fu epurata dal PD per aver dubitato del dogma dell'omofobia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# EmanueleDanese 2013-02-26 18:51
Citazione adelauro:
Almeno per Paola Binetti mi dispiace, è onesta e competente.

Fu epurata dal PD per aver dubitato del dogma dell'omofobia.


------------------------------
La Binetti è dentro, e pure Gian Luigi Gigli (il neurologo che si battè per Eluana), insieme a Cesa, Buttiglione e Catania
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alby61 2013-02-26 17:05
Me lo sto godendo anch'io, direttore.
Ottimo articolo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# gianfranco56IT 2013-02-26 17:21
Ma si, godiamocela.
Fatto singolare, l'uomo con l'orecchino, è scomparso anche dalla Puglia che governa.

Nella regione da lui amministrata ( si fa per dire) SEL ha preso un misero 6,54% con soli 144.373 voti,(voto camera).

Ci sarà pure una ragione profonda che la sinistra è stata battuta dal salame anche in Puglia?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2013-02-26 17:21
Arcobaleni ed ecologisti, no tav, no—inceneritori e utopisti allo yogurt-bio sono andati da quell’altro: che almeno non è doppio.

Ne è proprio sicuro?

A proposito dei personaggi che diventeranno"onorevole", ma quand'e che la pianteranno di usare l'appellativo
borbonico che oltretutto smentiscono con il loro essere e li rendono ridicoli?,
una grillina intervistata pre elezioni
alla domanda se si rendevano conto della loro totale incompetenza politica e economica ha risposto: ma noi siamo laureati(sic) inoltre stiamo prendendo lezioni da ex parlamentari (sic-sic)
senza specificare. Niente paura c'è il guru Casaleggio che ci pensa.
Intanto la META' degli italiani NON ha votato, il 25% non è neppure andato ai seggi, l'altro ha sfogato la sua rabbia
con Grillo, ma un voto di protesta non è un voto, rimane una protesta. Una cosa comunque siamo riuscita a farla: incazzare moltissimo i poteri forti e rimandare il pacco dell'austerità ai mittenti purtroppo non il postino, Frau Merkel was sagen Sie dazu? destabilizzare un pò mercati (si lo so il lift boy tedesco ha premuto di nuovo sull'ascensore dello spread). Se questa lezione avesse dei seguaci forse le colonne del tempio crollerebbero ancora, lo squarcio del velo lo lasciamo a dopo, ma non tarderà.
Umilmente suggerisco che le prossime elezioni si tengano ad agosto, possibilmente tra il 16 e il 18, cambiamo
i giorni, anche Ratzinger lo fa.
Dimenticavo, Draghi che ci dice?
Direttore, il suo sfogo è comprensibile ma la merce è quella che è, ci sarebbe da andare con la testa attraverso i muri, ma avremmo dovuto andare a Karaté a partire dai 5 anni.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# illupodeicieli 2013-02-26 19:01
Quando finisce la sbornia della protesta e il godimento ,anche giusto, nel sapere che gente come Fini è fuori, allora ci si risveglia e ,dopo quanto tempo non so dirlo, ci si chiederà: allora che cosa è servito il mio voto, di protesta? A mandarre via questa gentaglia o a risollevare la nazione? Questa è la domanda che ,a mio modesto parere, è necessario rispondere. La gioia e l'entusiasmo,per aver mandato via i cialtroni, finisce, ma loro avranno i vitalizi e non moriranno di fame nè si suicideranno come il falegname di Alfonsine. Ecco che credo che Grillo, posso sbagliarmi e forse sarà così, non so se ripeterà il bis o andrà ancora più avanti come percentuale di consensi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# BULEGH 2013-02-26 17:50
Egregio Mister Blondet,

Il suo commento, ancorché freudianamente comprensibile, a proposito di “Bobo Governatore”, questa sarebbe dunque la “Sua Lombardia”?

“La mia Lombardia in mano al Pirla Sognante”?

Ripeto: questa sarebbe proprio la “Sua Lombardia”? Complimenti!

Ma chi l'ha ridotta così? Il Creatore?

O forse anche Lei stesso ha fatto la sua parte e vi ha contribuito con talune sue affermazioni antileghiste semi dormienti! O sbaglio?

Altro che il Pirla Sognante!

Si auguri che il Pirla Sognante riesca almeno ad arginare questa deriva verso la nostra totale e definitiva distruzione!

PS
Ce lo confessi infine: a Lei è già stato garantito un bel seggiolino alla direzione della RAI, al posto della leninista-stalinista cupa-capa-crapa (o viceversa) di Rai3, tale mistico bipede Signora(?) Berlinguer?
In tal caso, che ne diranno i prossimi discendenti di Marco Aurelio?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alfio200 2013-02-26 20:15
E con cosa dovrebbe fermare la deriva il Budino Padano (io il Bobo lo chiamo così). Con un progetto tipo federalismo made Calderoli? O magari un piano di crescita made Borghezio? Che sarebbe come dire "porteremo il primo italiano sulla luna con un progetto aerospaziale firmato Rosy Bindi".

E lo dico come uno che all'inizio ha votato e creduto nella Lega. Il Direttore ha centrato in pieno il problema della Lega che non è tanto la corruzione (me la spettavo da sempre, come per qualsiasi altro partito), ma l'aver ostinatamente chiuso le porte a tecnici (quelli veri) preparati pensando di poter affidare riforme epocali ai fedelissimi incapaci.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Scipio emiliano 2013-02-26 17:53
Nessuna catastrofe peggiore di quella che sarebbe potuto essere. Bisogna pur sempre partire dallo stato iniziale in cui eravamo. C'e' stato uno shock importante anche in Europa, per la prima volta si insinuano crepe nella cloaca cementificata.
Quanto al M5S, Grillo si sta mostrando piu' scaltro di quello che e'considerato. Ci sara' da ridere.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco_PD 2013-02-26 18:25
I commenti finali che Blondet riserva ai grillini sono una chiosa perfetta a quanto avevo scritto in passato su un altro thread. Finalmente ne ho visti ieri sera un paio: sono apparsi in TV! Era ora! Un belloccio strafottente con badge prima e poi una bella ragazza, addirittura qualificata come portavoce del movimento. Ed è stato un bagno di giovinezza (mia) imperdibile: MA QUESTI LI HO GIA' VISTI... Tali e quali quelli che negli anni 60-70 popolavano le inutilissime assemblee generali del mio liceo. Quelli che: "Sento che dovrei dire qualcosa ma non so cosa"... Tra timidezza, supponenza, remissività... Sono gli stessi. E fortuna loro che l'intervistatore era incalzato dai numeri in variare altrimenti se li sarebbe mangiati con le patate. E la Gruber in studio ne avrebbe rosicchiate anche le ossa. Devo ancora essere convinto che questi personaggi conoscano la differenza tra i pulsanti della playstation e quelli dello scranno parlamentare. A brevissimo il mondo non ci prenderà in giro per il Berlusconi sciupafemmine o per l'ultimo assaltatore del Palazzo d'Inverno, ma per questi fanciulli al potere. Ci si chiederà chi li ha sciolti. La truppa rimasta in ballo della seconda repubblica, ancora ben presente, ne farà strame. Il tutto mi ricorda con tristezza la Crociata dei Bambini....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# adelauro 2013-02-27 08:58
E si, già si vedono prove d'inciucio con il genio del giaguaro...

Tra due anni voterò finalmente per Berlusconi, anch'io che vengo da un passato di elettore fedele di sinistra...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2013-02-26 19:01
Interessante e da ricordare il fatto che Monti (comunque già senatore a vita) sia risultato sopra il 10% alla Camera ma non al Senato. Evidentemente i giovani fregati dalla riforma Fornero lo hanno votato misteriosamente in proporzione maggiore rispetto a chi ha compiuto 25 anni.
Aspettiamoci quindi appelli "salva Italia" e richiami alla "responsabilità" con Monti ed i poteri sovranazionali a dirigere le operazioni. Mi sa che a rispondere (come mi pare che ipotizzi anche Blondet) e ad essere ben accetti saranno proprio i grillini. Del resto molti di loro hanno affinità con la sirena Vendola che sta già cantando per meglio attirarli. Nel paese dei buffoni ci meriteremmo anche il loro re come presidente della Repubblica, così come desiderato dal comico vincitore delle elezioni. Ma forse da dietro le quinte verrà unto dal Signore Prodi o qualcosa di simile.
A questo punto però ci vuole un bel "chi se ne frega" di antica memoria.
Giuliano

p.s. Caro Blondet meglio il Pirla Sognante Maroni che il Falso Esitante Ambrosoli (cocco dei radical-chic) fatto scendere finalmente dal cielo come salvatore della Lombardia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# rinus 2013-02-26 19:26
Posso cautamente affermare che De Finis o Gilles avrebbero poco apprezzato il commento dissacratore del direttore.Come ha detto un tipo con cui ho discusso,se non ci fosse stato il M5stelle non sarebbe andato a votare ed io ho approvato.Diciamo che siamo tutti come i tifosi di calcio.Si vince con la costanza,il coraggio ed il cielo.
Poi ci sono i furbi che fanno i salti all'ultimo istante.Della Vedova...Della Vedova... gia festeggiavo per la sua scomparsa,un radicale liberale che garriva nel fu partito di mio padre.Invece ha saltanto Fini, per approdare da Monti.Che fregatura per Bocchino che aveva estromesso dalla Calabria, la deputata Napoli, pensando di salvarsi.Ma non finisce qui.. pensate che GRILLO aiuti Gargamella a strozzare gli italiani?
Altra possibilità: un colpo di Stato dei generali non collusi con la politica.Sotto gli occhi attenti degli americani.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Andrea V. 2013-02-26 19:45
A tutta birra verso la scogliera, bene.

Ha ragione direttore, la Pivetti è stata ridicola.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# umberto64ok 2013-02-26 19:50
per quello che mi risulta, Direttore, Binetti e Buttiglione ci saranno in Parlamento. Sono due persone serie ingiustamente disprezzate.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Sergio64 2013-02-26 20:02
Bellissimo articolo.
Però vorrei fare qualche modesto commento.
1. Il distacco di vitreo non credo sia dovuto al Viagra, basta l'età a spiegarlo. (...ma B. avrà finalmente capito che non è immortale? gli verrà mai in mente che ha ancora poco tempo a disposizione per salvarsi l'anima?)
2. Considerazione sull'ambiente a parte....il TAV è un'opera INUTILE. Lo attesta il prof. Ponti del Politecnico di Milano. Dovrebbe essere realizzto con il "project financing" ma tutti sanno che lo pagherà Pantalone, cioè NOI. Con gli stessi soldi (tenete conto che costa come 5 ponti sullo stressto di Messina), ci si potrebbero fare un sacco di cose, ad esempio portare la banda larga in tutto il Paese, rifare le reti idriche di tutta Italia, tutte cose che porterebbero lavoro alle piccole e medie imprese, con enormi e benefiche ricadute ecnomiche per la nostra Nazione. Sono contentissimo che il M5S sia contro il TAV. E non riesco a spiegarmi perchè il direttore si ostini a sostenerlo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pragma 2013-02-26 22:45
Sono contentissimo che il M5S sia contro il TAV. E non riesco a spiegarmi perchè il direttore si ostini a sostenerlo.

E' L'arcangelo Michele che protegge la sua linea energetica!
Con Grillo o chiunque altro la tav non passerà
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cangrande 2013-02-27 02:11
Bravo... La linea energetica anti-luciferiana. Strano che Blondet non ne sìa al corrente.....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Catello 2013-02-27 04:12
La TAV è osteggiata da chi non vuole che i paesi neolatini: Italia, Spagna, Francia e Portogallo, diventino economicamente più forti di Germania, Olanda, ecc, che attualmente, con Francia a seguito, detengono il potere in Europa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# nicolas 2013-02-27 11:11
Sostiene Grillo che la Tav serve a trasportare velocemente e in grandi quantitò le merci di Auchan, Carrefour ed altri manufatti che noi italiani non possiamo, non dobbiamo produrre perchè così hanno deciso i nostri superiori.
Il ragionamento non fa una piega . La tav andrebbe realizzata con giudizio. Se si ripristnano le "autarchie economiche" non ha senso bucare quel po'po' di montagna. Milano -Roma in un paio di ore, per contro, a me me gusta, perchè non vado daccordo con gli aerei
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Der Freiherr 2013-02-27 11:45
Citazione pragma:
Sono contentissimo che il M5S sia contro il TAV. E non riesco a spiegarmi perchè il direttore si ostini a sostenerlo.


E' L'arcangelo Michele che protegge la sua linea energetica!
Con Grillo o chiunque altro la tav non passerà
Ah! Se l' Arcangelo Michele, oltre a proteggere la sua linea energetica, avesse protetto anche Cormneliu Codreanu e la su legione!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alfio200 2013-02-26 20:07
Sì, direttore...ma Lei dimentica che Fini (come Storace), grazie al rinnegamento dei suoi principi, si è tolto di dosso il "marchio" dell'antisemita! E' evidente che per questo vale la pena perdere tutto: la carica di presidente della camera, il posto in parlamento, la villa di Montecarlo e magari altre situate chissà dove, la Tulliani. Fini ha perso tutto (o quasi, gli resta, per ora, la Tulliani), ma ora è considerato un "amico di Israele" e questo fa di lui comunque un uomo felice. Oh, quanto deve essere felice Fini!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Lukas 2013-02-26 20:11
Già, è stato.."Quel pomeriggio di un giorno da cani" per Bersani e il gay sudaticcio, ed ora godo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pragma 2013-02-26 22:48
Sinistra
eculogia
e libertà
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# grafica 2013-02-26 20:52
Sicuramente è bruciato...E si che noi di EFFEDIEFFE l'avevamo avvisato per tempo... Oramai un uomo completamente bruciato, la sua vita bruciata, non resiterà neanche un giorno...Uomo disperato conviene che vada a vedersi i pesciolini nell'acquario di Genova o vada a dare le banane alle scimmiette allo zoo che l'hanno votato...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# amsicora 2013-02-26 21:15
C’è da sperare che (berlusconi) lasci presto la cosiddetta «vita politica» e forse la vita tout court.

suvvia!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Der Freiherr 2013-02-27 11:48
... Citazione amsicora:
C’è da sperare che (berlusconi) lasci presto la cosiddetta «vita politica» e forse la vita tout court.

suvvia!

elegante, caritatevole, democratico e soprattuttp kattoliko.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nuvola Bianca 2013-02-26 21:49
Caro Direttore,
per noi vecchietti pabbiamo gia' la strada programmata, ma i giovani?
C'e' poco da godere!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco_PD 2013-02-26 21:55
Chi non ha visto Crozza stasera a Ballarò si è perso una buona occasione per rotolarsi sotto il tavolo dalle risate. Bersani è stato coperto di ridicolo fino alla punta dei capelli che non ha. "Non mollerò il partito. Non abbandonerò la nave. Accetterò qualsiasi ruolo: quello del comandante come del mozzo. Tanto l'iceberg non lo vedrò comunque." Mitico.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# nicolas 2013-02-26 22:26
Caspita1 Direttore stavolta è andato giù pesante col mio pupillo.Guardi che dare addosso,"uccidere "politicamente il vituperato costituisce una resa senza condizioni ai poteri forti e nemici degli "italiani"Questi stanno alacrementre lavorando per papparsi il boccone prelibato,l'italico suolo senza indigeni tendenzialmente fascisti, ancora cattolici e ostili alla totale prostrazione all' usura ed al credo olocaustico. Berlusconi è stato ed è il Katechon della politica italiana. Dopo di lui, come ha giustamente evidenziato, ci sono i papponi del suo seguito, professionisti di primarie e di spartizioni mangerecce.Si! Après lui le deluge. O se si preferisce la resa totale di masssa al grande fratello dopo aver visto i famigerati sorci verdi.
In cuor mio ,tra l'altro , rosico di brutto perchè sono convinto dell'esistaenza della tassa brogli di cui i sinistri sono specialisti perchè da ragazzo, frequentandone parecchi, anche "scrutatori" mi confidavano le loro ignobli operazioni.Sono amaramente deluso perchè ero convinto che gli italiani avrebbero gradito la restituzione dell'Imu e l'aumento delle pensioni minime da fame attuali.
Senta direttore. Berlusconi è il più vituperato politico del mondo perchè ricalca le orme di Mussoilini e senza farsa , se si considerano i diversi contesti storici. Bisognava fare quadrato attorno attorno al nostro. Ma ci rendiamo conto che il 30 per cento ai sinistri costituisce una vera tragedia per L'Italia. Ha vinto( vabbè si fa pre dire) una compagine che non ha prodotto alcun programma politco e tantoo meno economico. Nel migliore dei casi ci avevano "l'agenda Monti". Pazzesco. Lo slogan elettorale che impervervava a Roma sulle bacheche elettorali era del fratello del commissario Montalbano(tale Zingaretti) e recitava cosi:
-Votateci per mandare a casa quelli che c'erano prima.-
E cosi che hanno steso Storace che non mi sembra da buttare via come politico
Sciacquone premit! Magra consolazione. Le cicche politiche erano certamente spacciate e poca goduria dà l'evento se paragonato all'impasse in cui ci si trova. Lo spettacolo non è per niente divertente. Teniamo presente che il banco vince sempre e il padrone negretto con Nobel al petto ha un forte prurito alle mani. Berlusca era un ostacolo ai loro folli piani. Accidenti non mi sembra cosa da poco. Del viagra e della fidanzata giovane me ne "fotto", scusate il termine, se aveva ben altri poteri da esercitare per il bene degli italiani.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# licio 2013-02-26 22:33
MA QUALCUNO DI VOI HA MAI SENTITO PARLARE DELLA LEGGE MOSCA ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pelzen 2013-02-27 02:53
Sì se ti leggi "L'altra Casta" e "Spudorati" di Mario Giordano, purtroppo!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# zampano 2013-02-26 22:49
Grande articolo: poche battute che leggono benissimo la nostra tragicomica situazione.
Non scordiamoci mai di pregare la Madonna San Francesco e Santa Caterina per l'Italia
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Macromol 2013-02-26 23:23
Ho l'impressione che molti stiano godendo dandosi martellate sulle palle. De gustibus ...
Blondet poi dovrebbe darsi una calmata, oppure e' "normale" per un cattolico insultare ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Milo Dal Brollo 2013-02-26 23:28
Io ho votato Grillo come sturacessi soprattutto, però nutro anche un po' di fiducia. Anche se ci sono dei sognatori, o forse proprio per quello, potrebbero essere in grado di rigettare questo sistema marcio fino al midollo. Comunque non ci sono solo No Tav e comunistelli, ci sono anche destrorsi e gente comunque con la testa. Nell'ultima puntata di Crozza che ho visto, che era quella appena prima del voto, ho visto lo sfotto fatto a Grillo che mkostrava un suo militante della Sardegna dire che il matrimonio non si deve toccare, altrimenti perché non ci si potrebbe sopsare in tre o col proprio animale domestico? Tanto, se basta l'affetto o l'ammore! Personalmente ho conosciuto qualche grillino di spirito libero e coraggioso. Qualcuno c'è, fidiamoci ragazzi. La speranza è l'ultima a morire.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# geppino 2013-02-27 00:57
Non sei Felice Direttore..? Tra qualche anno Torna il Duce...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# mauro73 2013-02-27 08:32
Citazione geppino:
Non sei Felice Direttore..? Tra qualche anno Torna il Duce...

Magari...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2013-02-27 02:26
La cancelliera Merkel ha commentato:" Sono sicura che l'Italia troverà la sua strada".
Benedetto XVI pochi giorni prima delle votazioni lo affermò per la Chiesa Cattolica Apostolica Romana.
L'antipolitica di Beppe Grillo è contagiosa, corre il rischio che anche la Germania cominci a trovarsi un comico circostanziale per le prossime elezioni, ma ci vorrebbe una grande fantasia napoletana per vedere tedeschi votare come abbiamo fatto noi oggi.
Potremmo dire che nel 1930 i tedeschi votarono come gli italiani, a favore del fascismo, in realtà all'epoca gli italiani votarono come tedeschi, autoritarismo, disciplina, ordine.
L'opinologia corrente dice che l'Italia potrebbe essere ingovernabile, non perchè lo ridiventi, ma la cosa buffa è che viene detta come novità assoluta!
Grillo ha vinto nel senso che il Parlamento è imploso dal di dentro, conferma come verità che Berlusconi e Bersani, dentro la Tv, dicono bugie, falsità, tutte montature e la politica è....comicità.
L'antisitema è l'unica verità e speranza di avere maree di gente nella piazza collegata alla rete, come nelle primavere arabe.
Le persone possono essere variegate, il M5S adesso avrà senatori e deputati, privilegi di carica e tantissimi che forse nel mondo reale erano gente perdente, si spera che il dolce far niente ed i soldi, non li trasformino in Fini o Casini, per ora, anche se si è votato PDL, non si può essere su certi aspetti in disaccordo con Grillo, specie, secondo me, le lotte molto umane che ha fatto contro il SSN, i farmaci anidepressivi a supposti bambini iperattivi, etc, etc
Solo che lui facendo parte della follia comica e l'indisciplina italiana, la Merkel con quella afermazione acuta, ha riconosciuto ai mercati che così siamo, così viviamo, e così funzioniamo, e sapremo restare nell'eurozona grazie a Grillo e a Berlusconi, ma non a Bersani, e sapremo fregarcene del debito siderale impagabile, dei buoni cui nulla ha nociuto e le aspettative dei possessori da tragiche adesso sono comiche, si ride: la pazzia è contagiosa, se siamo stravaganti e comici, nessuno ci darà ragione, il verdetto sarà solo di fantasia, chi osa mandare in galera il Diavolo? Non c'è riuscito nemmeno il Papa, che è tedesco.
Comunque preghiamo e speriamo, il Santo Rosario ci porterà salvezza e saggezza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Catello 2013-02-27 05:09
I grillini neoeletti sono una nuova casta che si aggiunge alle precedenti; infatti hanno già dei giornalisti a seguito che vanno nel loro sito a fornire un'analisi sociologica dove il votante grillino fa la sua bella figura rispetto alle altre categorie di votanti considerate più scadenti. Come i pittori che andavano in casa del nobile per farne un ritratto che lo esaltasse.
Volendo analizzare invece in maniera spero più obbiettiva le varie categorie di votanti io ne farei innanzitutto una divisione in due gruppi: quelli che sono andati a votare PD e PDL con la speranza che il proprio partito vincesse, e quelli che andando a dare un voto di protesta al M5S, avente un programma denso di no e con dei si di non facile e immediata attuazione, hanno per ora solo impedito la vittoria sia del PD che del PDL.
Ciò è stata una sconfitta per il primo gruppo, che non è stata evitabile perché la crescita esponenziale del M5S, che era stata preparata da lungo tempo con la storia della casta, dei politici ladroni, del PDL e PD meno elle, ecc., è stata fatta avvenire solo negli ultimi giorni prima del voto, senza dare il tempo neanche agli amici e familiari di poter discutere questa improvvisa decisione di voto.
Da ciò risulterebbe che si tratta di una categoria di elettori giovani e facilmente suggestionabili , disposti ad aspettare tempi lunghi per ottenere soluzioni radicali, che non si son resi conto che la situazione economica lasciata da Mortimer è talmente grave, da necessitare di interventi immediati.
E così si spera di continuare con una specie di Monti 2, dove il PD possa dare le colpe al PDL, mentre il PDL, non abbassando le tasse, non ridiscutendo l'euro e il debito, ecc., scomparirà (assieme ai suoi elettori, che falliranno, ecc. mentre i grillini si troveranno senza casa e con il padre mezzo morto).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# umberto64ok 2013-02-27 07:40
direttore si è chiesto come mai grillo ha ottenuto un risultato così eclatante nelle Marche, regione sempre un po' in disparte e anche discretamente amministrata, credo sia l'unica a non avere la sanità commissariata, dove no-tav et similia non hanno presa e senza troppi scandali politici come pretesto?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Paulus 2013-02-27 07:40
Comunque sia, Grillo ha capito prima degli altri che la stampa e la stessa tv sono dei media superati rispetto al web: va riconosciuto che in questo è stato geniale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Scipio emiliano 2013-02-27 08:59
Come scrivere un articolo chiaro e di valore e non capirci assolutamente nulla.
Mah, Berlusconi, Berlusconi, una verginella, uno che non e' stato venti anni al potere, uno che i programmi politici li ha sempre mantenuti, uno dai comprovati valori cristiani, uno che ha portato gente competente, eticamente irreprensibile. Ah pero' i ragazzi del 5 stelle sono giovani, ah pero'. Anche voi vivete in un'italia parallela, anche voi dovete essere spazzati via.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrorosa1 2013-02-27 12:14
Tutti saremo spazzati via
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# licio 2013-02-27 09:00
HANNO LETTERALMENTE TRITURATO I COGLIONI DEGLI ITALIANI COL TORMENTONE DELLE LEGGI AD PERSONAM DI TRUFFOLO...E QUESTA COSA NON E' UNA LEGGE AD PERSONAS ???queste sono le solite barzellette per coprire scandali i regime che nessuno vede...LA LEGGE MOSCA VERA VORAGINE CHE ACCOGLIE IL SANGUE DEGLI ITALIANI...L'INPS UNA VORAGINE CHE EROGA IL SANGUE DEGLI ITALIANI PENSIONI A GOGO' A PIU' DI QUARANTAMILA MEMBRI DI QUESTO ORRIDO REGIME (CAPOCCIONI DEI SINDACATI E DELLA POLITICA DELL'ARCO DI MERDE )...HANNO ASSORBITO PURE I FONDI INADEL PER PAGARE LAUTE PENSIONI A QUESTI SQUALLIDI LADRI DI REGIME...NON SOLO... ADESSO VOGLIONO 600 € DA CHI HA LA BADANTE PER IL VECCHIETTO SEMPRE L'INPS...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# mdef64 2013-02-27 11:12
Credo che i giochetti siano finiti.
Non vedo margini per manovre oscure che possano condurre il paese da qualche parte senza provocarne lo sfascio totale.
Il governissimo dove può portare. Può tenere fermo lo spread ma a quale prezzo e per quanto tempo ?
Il risultato finale sarà sempre e comunque un uscita incontrollata dell' Italia dall' euro.

Il debito è impagabile, il fiscal compact costa 45 mld di euro l' anno e impedisce qualsiasi manovra fiscale di alleggerimento per ravvivare il mercato interno. La recessione e il default verso i fornitori della P.A provocheranno un peggiornamento del quadro recessivo.

Ci sono alcune riforme che riguardano l' amministrazione pubblica come quella dell' applicazione immediata dei costi standard di cui non si sente mai parlare ne Bersani ne i grillisti. Il riassetto dei livelli di governance con eliminazione di alcuni anelli della catena decisionale ?
Un riforma del sistema giudiziario per dimezzare i tempi della giustizia civile e razionalizzazio ne dei codici ?

Vogliamo proporre un taglio del 10% degli stipendio della P.A per redditi superiori ai 40.000 euro per sgravare il settore provato che regge il peso della creazione di valore in questo paese ?

Se questi credono di salvarci , eliminando gli inceneritori, dimezzando il numero di parlamentari, e azzerando i rimborsi elettorali stiamo freschi.

Tutte cose sacrosante, ma il nocciolo è la permanenza dell' Italia nell' euro.Tutto il resto viene dopo, anche se si può cominciare da subito sulle cose viste sopra.

Le condizioni attuali sono assolutamente insostenibili.

Sul fronte europeo l' impegno del governo dovrebbe essere:

Stilare un elenco delle condizioni sulla base delle quali l' Italia può rimanere nell' euro.
Siamo in grado di rispettarle integralmente, se no, quali sono le condizioni che vanno rinegoziate a Bruxelles ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2013-02-27 11:18
Mi sembra che il direttore sia un po troppo ottimista quando asserisce che il voto, il lamento italiano, potrebbe dare un indirizzo diverso al grido di dolore che si leva dall'Europa intera.
Il fatto è che questa gabbia in cui siamo inseriti, non dipende solo dall'U.E. Bruxelles, Berlino, Francoforte, questa gabbia fa parte dell'ordine mondiale attuale, non a caso Monti era appoggiato non solo dalla Merkel ma da Obama in persona.
Scardinare l'Europa, significa scardinare il mondo: dagli U.S.A. alla Cina, e sinceramente mi sembra un'impresa immane per l'Italietta.
Alla Grecia hanno dato un colpo alla nuca, per quanto riguarda noi la pistola alla nuca l'abbiamo già puntata, devono solo premere il grilletto e nel caso lo faranno come e quando vogliono.
Aspettate che lo spread risalga a 600 e rivedremo ancora Monti, od un'altro in salsa Monti, con la stessa politica di Monti, per le rivolte di piazza sono già pronte le truppe antisommossa.
La preoccupazione di tener buone le piazze, il sistema l'aveva quando c'era l'URSS, sparita l''URSS, il capitalismo più selvaggio e globale che sia mai esistito ha avuto la strada spianata.
Ormai l'Europa è divisa tra un gruppo di paesi eletti del nord ed i peones del sud mediterraneo, per i quali c'è poca carota e tanto bastone.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nieuport 2013-02-27 11:46
“La TAV è osteggiata da chi non vuole che i paesi neolatini: Italia, Spagna, Francia e Portogallo, diventino economicamente più forti di Germania, Olanda, ecc...”
O che discorso è questo? In che modo un nuovo collegamento fra Torino e Lione dovrebbe renderci più forti?
C’è qualcuno che dice: “vi compreremmo le Fiat, ma siccome il treno merci da Torino ci mette 12 ore, non le compriamo. Se invece la consegna avvenisse entro 8 ore, allora tutte Fiat e basta Volkswagen.”?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Catello 2013-02-27 14:46
Un viaggio di 8 ore anziché 12 è importante per le merci, specialmente quelle deperibili. Molto più importante è per le persone. Una maggiore frequentazione porterebbe a maggiori rapporti interpersonali, ad una maggiore conoscenza di lingue facilmente comprensibili e tutto questo ad una maggiore integrazione culturale, con conseguenti enormi vantaggi economici nella competizione mondiale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Centuri 2013-02-27 12:47
Io spero che il Movimento Cinque Stelle non si faccia corrompere e non diventi un partito come tutti gli altri. In altre parole quello che è stato in campagna elettorale deve essere anche in parlamento.
Solo così, caro Direttore, ci potremo godere lo spettacolo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# nicolas 2013-02-27 13:31
Ieri sera dopo aver spento il computer ho acceso la Tv ed ho assistito all'ultimo scorcio di Ballaro'. Floris domanda all'ambasciatore americano a Roma come si trova nella nostra capitale dopo essere stato di servizio in Iraq e poi in Libia.
Lapidaria la risposta:- A casa!-.....
Ingovernabilità in Italia? Tranquilli arriva il Kommissario americano con conoscenza della lingua tedesca.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# gipiel 2013-02-27 14:25
Altro capolavoro...
Massimo Fini penso abbia una opinione praticamente analoga.
Godiamoci gli esclusi che annaspano, gli pseudovincenti tristi, etc etc...
Sui grillini pur avendoli votati alla camera penso che il Direttore abbia ragione... Basta vedere gli apprezzamenti a e da l'ex paracadutista volontario della RSI, Fo D'ario
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Lucumone 2013-02-27 15:02
Non è vero che le direttive elettorali della Chiesa non contano nulla. Semmai è corretto dire che non contano molto, alla fine, visto che Monti non ha preso tutti questi voti... Stavolta, il peso della Chiesa in campagna elettorale è venuto fuori allo scoperto per quel che è, con la percentuale di voti a Monti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# prodigus 2013-02-27 15:19
Due considerazioni
Per fortuna Direttore ben pochi hanno seguito il suo esempio di partecipare alle primarie del pd per votare renzi altrimenti oggi avremmo sicuramente la sinistra al governo.
Per le direttive ai grillini non mi preoccuperei più di tanto credo infatti che la lunga manus di grillo arriverà fino a premere i bottoni di camera e senato.
Questo movimento 5 stelle assomiglia sempre più ad un esercito con il suo generale, i suoi caporali e i suoi soldati che fanno la gavetta per conquistarsi i galloni dei superiori (funziona/va così anche la lega) certamente ci potrà essere qualche defezione ma un po di disciplina non fa certo male anzi forse è già qualcosa più di un inizio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2013-02-27 15:20
Intanto il Padre della Patria, Napolitano, è corso dalla Sibilla berlinese, per prendere ordini, Monti ormai è out ma credo che attualmente i pensieri della Colonna Portante della baracca europea, siano altrove; UN INTERA BANCA, una volta l'indirizzo più sofisticato in Germania, è seduta sui banchi degli imputati in un processo che farà storia, la Banca Privata Salomone Oppenheim (J),quella dei super ricchi che ora querelano. Le udienze per questo anno si prevede saranno 78. La lista dei "gentiluomini" responsabili del crack, si parla di 140 m€, comprende affaristi spregiudicati, gente titolata megalomane, in un groviglio di prestiti a imprese traballanti ma sopratutto alla Karstadt, grandi magazzini, fondata nel 1881 ora chiamata Arcandor con 18 filali che già nel 2009 era in grosse difficoltà, anzi sull'orlo della bancarotta e di gestione interna bancaria a dir poco allegra. Si suppone comunque che questa sia solo la punta del ghiacciolo.www.faz.net/aktuell/wirtschaft/recht-steuern/oppenheim-prozess-eine-ganze-bank-sitzt-auf-der-anklagebank-12092932.html

Speriamo che anche stavolta non debbano pagare i contribuenti come sta succedendo ai poveri irlandesi sulle cui spalle sono stati mollati 70 miliardi, per il salvataggio delle banche! Aspettiamoci pure la stessa cosa per il MPS qui da noi, visto che la Tobin Tax ci è stata affibbiata sulle bollette della luce e del gas, che il Governo non paga i suoi debiti nei confronti dei suoi creditori, che una parte delle accise sulla benzina servono a pagare ancora i danni del terremoto in Irpinia! e via così.Ci vuole altro che Grillo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2013-02-27 15:23
[quote name="Andrea V."]A tutta birra verso la scogliera, bene.

Chiamiamo Schettino.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# musicus barocchus 2013-02-27 16:34
la scena madre delle elezioni si e´svolta come da copione. Casaleggio ha fatto il suo dovere tramite la controfigura Grillo,destabil izzando la legislatura; lo stesso dicasi del Berlusca che, con la sua ri-discesa in campo, ha fornito allo smacchia-ghepardi la mantilla per non farsi incornare dal toro-PD come e´capitato ai suoi predecessori; in ogni caso tutti hanno perso annullandosi a vicenda. Siamo nel caos piu´completo; esattamente la situazione desiderata dalle Logge sinarchiche per continuare "l`esperimento" del governo tecnico passando sopra la sovranita´nazio nal-popolare. ORDO AB CHAOS, giova ricordarlo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# sempreio 2013-02-27 21:07
CHE PIACERE PER IL FLOP DI VENDOLA
AVEVA PERSINO TARGIVERSATO UNA FRASE DI GESU' DANDONE UNA SPIEGAZIONE ABERRANTE.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# amsicora 2013-02-27 21:18
è sicuramente un mio limite ma non capisco la cupio dissolvi del direttore: tanto peggio, tanto meglio?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# tobia 2013-02-28 11:28
tutto vero,caro direttore.riguardo ai nomi che lei ha citato e che non saranno pù in parlamento putrtroppo temo che dovreranno incarichi in qualche carrozzone pubblico,Rai,qu alche azienda semipubblica ecc.In una parola ancora mantenuti fda noi con le nostre tasse.
Presumo che la maggior parte dei figli o parenti di politici lavora in qualche settorte statale.IL figlio di Pizzul era candidato con ambrosoli,la famiglia Zingaretti è in Rai e alla regione Lazio.Purtroppo in Italia abbiamo migliaia di casi simili.Costoro sono il cancro della nazione!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Militiaceleste1 2013-02-28 13:53
" Com’è che da vent’anni gli italiani, a noi, non ci vogliono al governo? E sì che hanno avuto un aiutino non da poco dai giudici di Tangentopoli, che gli hanno eliminato gli avversari, DC e Psi, e Berlusconi è stato sepolto dalle cause. Ma niente: la gente vota qualunque pagliaccio piuttosto che loro: loro i migliori, loro seri, loro il Partito Morale, loro il progressismo illuminato: vedete, non siamo più trinariciuti!

Ciò che hanno rifiutato gli elettori di Bersani, è la doppiezza!
ECCO UN PUNTO CENTRATO DALL'ARTICOLO, la sinistra E' ANCHE una patologia morale, che si presente sotto le forme del moralismo...ma in nome di che? Non so voi, ma mi sono abituato a riconoscere i "sinistri", quasi infallibilmente : tristezza, anti-clericalismo radical chic, linguaggio politicaly correct misto a volgarità...FALLITI! Non vi siete arresti al CRISTO-LOGOS, ed ecco, credete a tutto, persino che un povero Bersani possa essere uno statista. Ah...Ah...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# sentinella1 2013-03-05 09:48
La Lega in Lombardia non ha avuto il 4% ma oltre il 12%. Per amore di verità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# giannizzero 2013-05-02 20:33
...in discesa dal 30%....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità