>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Martin Schulz è un kapò. Della Nuova Europa
Stampa
  Text size
«Quelli che hanno fatto di tutto per avere l’aiuto della Banca Centrale Europea, adesso dicono che non lo vogliono. La speculazione giocherà su questa contraddizione»: così Ferruccio De Bortoli, direttore del Corriere della Sera.

Questo giornalista, già universalmente ammirato per il suo coraggio, non l’ha scritto sul Corriere, ma su twitter: in ogni caso, ha detto una verità. Strana. Il piano Draghi di acquisto di titoli italiani e spagnoli a tre anni? «Non ne abbiamo bisogno», assicura Monti. Quanto a Mariano Rajoy, Goldman Sachs – l’alma mater di Draghi – «prevede» (ossia esige) che la Spagna chiederà il salvagente della BCE entro una settimana. Ma il premier ispanico non vuole chiedere l’aiuto fino ai primi di ottobre, quando ci sono delle elezioni in Galizia. Intanto, i due Paesi godono del calo dello spread che è dovuto all’annuncio di Draghi. Ma la BCE non ha ancora fatto niente, non ha ancora cominciato – sia chiaro – a comprare i buoni; aspetta ed esige la richiesta formale dei due Stati, e la loro sottomissione alle «severe condizioni» – che non vengono nemmeno specificate. Quanto durerà l’effetto-annuncio? E la Spagna, di soldi ha bisogno eccome.

Ma «gli spagnoli temono di diventare un’altra Grecia, di doversi tagliare il braccio destro in cambio di una trasfusione di sangue», ha detto Mark Cliffe, chief economist della banca olandese ING.

Lo spettro della Grecia non si agita a caso. Pochi giorni fa Martin Schulz, il noto presidente del parlamento europeo – quello a cui Berlusconi, nel 2003, diede del kapò, suscitando una tempesta diplomatica – ha proposto la creazione di «Zone Economiche Speciali» in Grecia, ossia zone franche attrattive per investitori stranieri a cui si offrono agevolazioni fiscali o esenzioni totali, regimi doganali favorevoli, soprattutto lavoro a basso costo e massima «flessibilità». Zone sottratte al governo locale, e gestite da tecnici della UE col potere d’imporre riforme allo Stato (non basta infatti che il salario greco sia stato già tagliato da 751 a 586 euro mensili lordi), che Schulz chiama orwellianamente «agenzia di crescita». Il ministro dell’Economia tedesco Philipp Roesler s’è subito unito alla proposta, raccomandando al governo greco di rivolgersi alla Commissione per la rapoida attuazione delle zone economiche speciali.

Ma Schulz fa più specie, perchè è un esponente del Partito socialdemocratico SPD, e membro di prestigio dell’Internazionale Socialista: quella che unisce il francese Hollande, il greco Papandreu, e il nostro Bersani con tutto il PD. Se queste sono le «sinistre» europeiste, dopotutto, a malincuore, bisogna ammettere che Berlusconi aveva indovinato a chiamare Schulz un kapò. (Le président du parlement européen réclame des zones économiques spéciales en Grèce)

Le Zone Economiche Speciali sono infatti tipiche realtà per attrarre capitali in Paesi che hanno poco altro da offrire che manodopera a basso costo, magari da poco usciti dal comunismo, come Cina e Vietnam; mai sono state istituite in un Paese europeo, tranne che in Polonia nel 1990 – ma ha dovuto rinunciarci quando è entrata nell’Unione Europea, perchè il regime fiscale di quelle zone configurerebbe una concorrenza sleale. Adesso invece cambia tutto. Il settimanale Spiegel ha rivelato il 25 maggio 2012 che questa delle zone speciali è parte di un piano in sei punti, concepito a Berlino a porte chiuse, estendibile a tutti gli altri Paesi «periferici» dell’unione monetaria messi a dura prova dalla crisi. Il piano comprende la vendita forata di beni pubblici attraverso fondi di privatizzazione ricalcati sulla Treuhand, l’istituzione fiduciaria che liquidò i beni della Germania ex-comunista, la riduzione delle leggi di protezione del lavoro, l’introduzione di contratti di lavoro gravati da minori imposizioni previdenziali e sociali (e dunque minori prestazioni). Il che andrebbe persino bene, se tutto ciò non fosse gestito da Berlino con la delicatezza ben nota. Il governo greco è stato costretto ad accettare; il ministro Roesler volerà ad Atene, spinto da folti gruppi imprenditoriali germanici desiderosi di approfittare delle favorevoli nuove condizioni in Grecia.

Nelle Zone Economiche Speciali mancherà solo il cancello con la scritta Arbeit macht Frei per rendere chiaro, finalmente, cosa vuol essere l’Europa Federale a cui Monti ci conduce a marce forzate, fra gli applausi dei nostri politici e dei nostri media. E si capisce meglio come mai Mario Monti, nel solito convegno dei miliardari, banchieri e speculatori a Cernobbio, abbia annunciato «un vertice UE contro i populismi anti-europei»: è il segnale di una campagna repressiva contro la temuta rivolta popolare nella «prigione dei popoli» chiamata eurozona, specialmente quando gli effetti delle «condizionalità» imposte dalla BCE colpiranno la gente in termini di iper-tassazione, recessione, de-pauperamento e perdita di libertà. Prima che la reazione possa organizzarsi politicamente, essa va stroncata (lo scandalo montato a freddo contro Beppe Grillo ne è probabilmente un assaggio). È una «guerra» come la «guerra agli evasori», termine che Monti usa sempre più spesso, per giustificarne la spietatezza delle operazioni che è stato mandato ad eseguire.

Quale posto sia assegnato all’Italia nel nuovo ordine germanico, può essere indicato da uno studio della Deutsche Bank, che pretende di analizzare «oggettivamente» l’intreccio dei «vantaggi competitivi» nel mondo post-globale.

 
CLICCARE PER INGRANDIRE


Il diagramma è abbastanza esplicito. Ma spieghiamolo un po’.

Per «Technology Rich Countries» o Paesi tecnologicamente favoriti, Deutsche Bank intende quelli che «generano esportazioni avanzate e dispongono di imprese che organizzano i processi produttivi globali». Nella selezione, l’ufficio-studi della banca ha tenuto conto dell’alto livello di istruzione, del numero di brevetti, della qualità delle istituzioni (Stato di diritto, corruzione, tutela della proprietà), diffusione di internet, eccetera.

«Labour Rich Countries», o Paesi ricchi di forza-lavoro sono quelli che hanno abbondanza di manodopera a basso costo, anche solo in relazione ai Paesi circostanti: per questo, come si vede, vengono indicate come «labour rich» anche Ungheria, Cekia, Slovacchia, Polonia, insomma i Paesi dell’Est che – per coincidenza fortunata – sono satelliti della potenza economica tedesca, o che la Germania attrae nella sua sfera d’influenza.

«Commodity rich Countries» sono ovviamente quelli che esportano materie prime (commodities), dall’Arabia Saudita alla Russia.

A parte, a sinistra, isolate nel loro cerchio, sono «i Paesi senza particolari vantaggi competitivi»: come per caso, sono i Paesi mediterranei che la Germania considera «cicale» colpevoli del loro alto indebitamento, più l’Argentina, altro Paese latino. Difatti, spiega Deutsche Bank: questi Paesi «non sono forti in nessuna delle tre categorie» (tecnologie, manodopera a basso costo, materie prime) e hanno faticato ad accrescere il loro export nellultimo decennio; se hanno preso parte nel commercio globale, lhanno fatto accrescendo il loro indebitamento».

A rincarare la dose, Deutsche Bank pubblica quest’altro schema: Paese per Paese, indica il rapprto fra competitività delle economie in rapporto alle paghe. S’intende che paghe più alte sono più giustificate dove la competitività è maggiore. Gli Stati al disotto della curva sono quelli che risultano più competitivi, ed appetibili per investirvi, rispetto al costo del lavoro locale. Al di sopra della curva sono i Paesi dove il lavoro costa «troppo» rispetto alla loro competitività, debole.


CLICCARE PER INGRANDIRE


Come si vede, ancora una volta la Grecia è quella messa peggio, ma Spagna, Italia, Portogallo (e Slovacchia, Argentina e Irlanda) sono alti nella graduatoria dei buoni a nulla che devono ancora fare molti compiti a casa per diventare almeno un poco competitivi. Se poi vi incuriosisce sapere i motivi di questa condizione, vi aiuta la tabella seguente:


CLICCARE PER INGRANDIRE


Potrete constatare che l’Italia va peggio della stessa Spagna quanto a «spesa pubblica sprecata», «peso della regolamentazione burocratica di Stato» ed efficienza dei consigli dì amministrazione. Essenzialmente, viene identificata la nostra palla al piede: è il macigno del parassitismo pubblico, inadempiente e incompetente.

È un quadro apparentemente oggettivo (e per l’Italia, purtroppo, coglie nel segno). In realtà è il contrario: tutto lo studio della Deutsche Bank mira a «comprovare» il fatale errore di analisi che domina in Germania a proposito della crisi. Un errore molto interessato, che interpreta l’attuale crisi come una crisi dei debiti sovrani (da trattare con austerità brutali e rientri del debito) anzichè per quella che è: una crisi della competitività relativa di economie troppo divergenti messe nella gabbia di una moneta unica per giunta «forte»; divaricazioni di produttività accumulatisi negli anni dal 2000, per l’impossiblità di compensarli con svalutazioni.

In altre parole, «è il divaricarsi delle competitività che ha provocato la crisi del debito, e non viceversa» (Jacques Sapir).

Come già detto, l’analisi tedesca è verosimile solo per l’Italia, la cui classe politica ha voluto entrare nell’euro già con un debito pubblico del 103% sul PIL, fatto di puro spreco. Ma la Spagna aveva fino a ieri un debito del 60%. Irlanda e Portogallo erano fino a ieri esaltati dagli eurocrati come allievi-modello. E che dire della Slovenia, l’ultimo Paese entrato in situazione di bancarotta, al punto da aver bisogno di un «salvataggio» da parte della BCE di mezzo miliardo di euro entro fine anno, altrimenti cesserà i pagamenti? La Slovenia, questo Paese di 2 milioni di abitanti, è entrato nell’euro solo nel 2007, salutato da un Prodi entusiasta che, nel suo discorso di benvenuto a Lubiana, sottolineò la sanità delle finanze pubbliche slovene. Ancor oggi, il debito pubblico sloveno è sul 47% del PIL. Ma a farlo fallire sono state le sue banche (di Stato), che si sono riempite di crediti cattivi perchè a loro volta gonfiate di fiumi di liquidità offerti dalle banche austriache e tedesche. Le quali, non sapendo più dove investire i giganteschi surplus depositati in banca dalle imprese nordiche «più competitive», hanno offerto un eccesso di credito a basso costo, spropositato per una popolazione di soli 2 milioni. Sicchè la Slovenia, che entrò nell’euro in crescita, nel 2009 ha visto crollare il suo PIL a -8%, ed è in recessione un’altra volta. Ultimo della fila dei Paesi prosperi, che l’euro ha ridotto alla miseria, allo smantellamento delle protezioni sociali, al troncamento dei salari. E alla bancarotta.

È fin troppo evidente che la causa di queste disgrazie a catena è l’euro; che è il divaricarsi della competitività nella gabbia dell’euro ad aver provocato la crisi dei debiti pubblici, e non il contrario; evidentissimo che l’unica politica nazionale sana, per un leader leale con il suo popolo, è uscirne al più presto, prima che l’economia dei Paesi «marginali» sia completamente desertificata dalle iper-tassazioni imposte dalle banche internazionali tramite i suoi fiduciari, alla Mario Monti o Mario Draghi, il duo Goldman Sachs.

Ma non è certo la soluzione che i «tecnici» sono disposti ad adottare. La prova s’è avuta qualche giorno fa, quando il premier Samaras, greco, ha chiesto «un po’ di respiro» prima di applicare le nuove e crudeli austerità volute dalla «troika». Ciò ha provocato in Germania varie minacce di espellere la Grecia dall’euro; voci che però si sono subito taciute. Perchè?

Perché le banche internazionali ormai hanno conteggiato le conseguenze di una simile espulsione, e sono incalcolabili: l’uscita della Grecia produrrebbe la svalutazione degli attivi della Grecia (di cui è piena la banca Centrale Europea, fra l’altro) e l’immediata corsa alle banche dei Paesi secondi sull’orlo della crisi, come Italia, Spagna e Portogallo. Risultato finale, un disastro non più controllabile, distruttivo per le strutture finanziarie mondiali.

È per evitare questo che a Berlino s’è elaborata la «soluzione» di creare Zone Economiche Speciali in Grecia, ossia zone gestite dai creditori esteri, essenzialmente tedeschi, e dove i diritti del lavoro sono sospesi. Ma avverrà solo in Grecia? Lo studio sopra citato della Deutsche Bank mette anche Italia, Spagna e Portogallo nella lista dei Paesi «senza uno specifico vantaggio competitivo»: sottinteso, senza vantaggi per le banche germaniche e la finanza internazionale.

È un catalogo che rievoca sinistramente il concetto di «bocche inutili», che nel Terzo Reich condusse all’eliminazione dei malati mentali: dimostrazione che cambiano i regimi, ma i popoli non cambiano mai. Cosa fare delle nazioni «non particolarmente competitive»? Rieducarle col lavoro in zone economiche speciali. Arbeit Macht Frei.

L’analisi tedesca è come ho detto un errore interessato, perchè consente a Berlino di avvantaggiarsi (sottraendo quote ai Paesi in crisi competitiva che non possono salvarsi svalutando), e nello stesso tempo di rifiutare i trasferimenti verso il Sud richiesti dalla «solidarietà» europea: trasferimenti in ogni caso astronomici, se si pensa che Lombardia, Veneto e Piemonte trasferiscono alle regioni criminali del Meridione 50 miliardi l’anno, un’altra «tassa» esosissima senza frutto, un’altra palla al piede del Nord produttivo.

Attenzione: proprio la situazione italiana ci dice che l’analisi tedesca, anche se è purtroppo valida per l’Italia, vale solo per metà: precisamente, per la metà meridionale, orgia da mezzo secolo di spese parassitarie e sprechi pubblici, di inefficienze invincibili, di gestione della criminalità organizzata e della sua – contigua – criminalità politica. L’accusa di essere «cicale» non vale certo per il Nord produttivo: basta dire che la Lombardia, se diventasse indipendente, sarebbe uno Stato dieci volte più popoloso della Slovenia e soprattutto più competitivo della stessa Baviera.

Tenere questo Nord ultra-produttivo nella lista di basso rango delle «bocche inutili» da rieducare fa enormemente comodo all’industria tedesca: si può dire che mantenere l’Italia «unita» (nell’euro) sia oggi il suo maggior interesse. E se si arrivasse al punto di creare «Zone Economiche Speciali» in Italia, dove credete che le metterebbero? Forse in Calabria dove i lavoratori di Gioia Tauro hanno preferito la cassa integrazione piuttosto che impegnarsi a ridurre il proprio assenteismo del 25%? Nella Calabria dove comanda la Ndrangheta, nella Sicilia dove la mafia è il potere stesso, nella Campania della Camorra? Dove il territorio è distrutto e reso inservibile al turismo dalla «cultura dell’abusivismo»? Dove se le tue politiche non sono gradite, ti sparano a lupara?

No: per gli eurocrati sotto ideologia tedesca, meglio fare Zone Speciali a Brescia, Vicenza o Mantova. Lì sì che gli industriali tedeschi scenderebbero a frotte ad investire, godendo delle agevolazioni fiscali e dei tagli al costo del lavoro, con l’enorme vantaggio aggiuntivo di controllare direttamente il più temibile concorrente potenziale, godendo dei suoi vantaggi competitivi a beneficio tedesco!

Ecco perchè l’Europa federale di domani si delinea così: un lager i cui mandanti sono le banche internazionali e il Draghi-Goldman Sachs, ma i kapò sono i Martin Schulz, o se si vuole altri socialdemocratici che «si preparano a governare», come ha detto Bersani.

Chi si fa convincere che la cura alla crisi di miseria sia «più federalismo» europeo, come strillano tutte le sinistre (Renzi compreso, ahimé), farà bene a leggersi le obiezioni di William Pfaff qui a fianco. In che cosa di grazia, chiede Pfaff, più Europa risolverebbe la crisi da chiusura del credito ai Paesi sfavoriti, originata da Wall Street?

«È il grado di federazione già esistente ad aver avuto la parte fondamentale nella crisi. È l’aver legato nell’eurozona 17 nazioni economicamente disparate... grandi parti della popolazione in Grecia, Spagna e Portogallo sono state obligate alla miseria, le economie di tutti i 17 membri sono state gravemente danneggiate, i governi dei Paesi deboli sono stati privati della loro autonomia politica (...), stranieri impongono loro programmi d’austerità uguali per tutti, molto discutibili, e per questo non funzionanti». Eccetera.

Un pezzo tutto da leggere.



L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.   


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Diego Grandi 2012-09-12 08:53
Sacrosante verità esposte in un modo terribilmente chiaro!
State in salute maestro, state in salute!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Lukas 2012-09-12 09:12
E' la fine...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ulisse 2012-09-12 09:37
Il nostro punto debole,nostro di noi italici, è "l'esprit de l'escalier", cioè che le cose le capiamo quando non serve più. Quando c'era l'Innominato di Arcore (che temo rimpiangeremo a lungo), "dagli all'untore" in maniera forsennata e autolesionistic a.
Berlusconi aveva ragione con Herr Schulz (l'unico errore,semmai,f u di non chiamarlo Vopo, come la polizia della DDR),aveva ragione con Madame Lagarde, e con Frau Merkel.
Ma adesso, cosa se ne fa Berlusconi , e noi con lui ,di questa ragione, quando l'Italia é stata consegnata "ammanettata" a Goldman Sachs & Company?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2012-09-12 15:52
Non sarà comunque gente come Berlusconi che salveranno l'Italia, Berlusconi ha insultato due personaggi che non doveva insultare: Schulz e la Merkel, ed il conto da pagare è arrivato.
Quegli insulti gli sono costati: la carriera politica, (il Quirinale), il partito, e se ricade in fallo gli sfasciano anche le aziende o forse anche peggio.

L'errore di Berlusconi è stato quello di millantarsi amicizie influenti nel mondo che lo avrebbero comunque salvato, ma qui ha sbagliato i calcoli, perche anche Putin quandoo ci sono di mezzo i tedeschi sta zitto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Der Beobachter 2012-09-12 19:24
Fa parte purtroppo di un pessimo costume del Bel Paese, basti pensare all'aggettivo 'culona' usato pochi giorni fa da Libero riguardo la Merkel.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alexi 2012-09-12 09:46
Infatti stanno per obbligare a pagare con bancomat tutte le spese sopra i 50 euro, per schiavizzarci e per evitare la corsa agli sportelli che così sarebbe inutile, come spiega bene la Magli

http://www.ilgiornale.it/news/interni/cos-ogni-nostro-gesto-verr-spiato-dallo-stato-835305.html
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2012-09-12 10:20
Dunque: crisi terribile dei paesi eurodipendenti in quanto perdita della capacità di comperare prodotti.
Se l'euro crolla, la Germania dovrebbe ripristinare il marco, ma il suo valore diventerebbe talmente alto, che non esporta più nulla, la crisi è alle sue porte. Meglio la porta "rieducativa", per gli altri.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2012-09-12 10:24
Non so però se riusciranno a tenere l'Italia unita nell'Euro, non so se le 3 regioni del nord continueranno a trasferire 50 miliradi l'anno al sud.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Doroteo83 2012-09-14 03:27
E chi li ha visti mai tutti questi soldi al sud?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# zara 2012-09-12 10:25
Arbeit mach frei! Ma vogliamo scommettere che queste zone franche controllate dai tedeschi si affolleranno di immigrati -clandestini o meno- e qusto sancirà il De Profundis della rimanente industria italiana. Nessun movimento politico ha in programma l'uscita dall'euro. Siamo alla fine come Nazione. E Monti è ancora vivo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-09-12 10:30
Caro Blondet premesso che l'irridente ghigno di Schulz, durante le invettive di Farage al Parlamento europeo, dovrebbe già essere presente nella memoria dei lettori più attenti, mi ritengo onorato di poter usufruire di un'analisi come questa che ci hai preparato.
Con un tale supporto, oltre ai Giuda tecnocratici imposti da Goldman Sachs, non posso più avere alcun dubbio(se mai lo ho avuto)dove allignano, per una tradizione inestinguibile, i traditori dell'Italia.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-09-12 11:04
Francamente, io lo studio della Deutsche Bank non lo trovo nè sorprendente nè lontano dalla verità. Se io fossi un imprenditore interessato a fare affari nell'area mediterranea,no n andrei certo ad investire in Italia, preferirei, piuttosto Paesi come la Turchia o la Tunisia.Io non ci vedo alcun pregiudizio antiitaliano, lo studio, fatto evidentemente come consulenza agli eventuali investitori e non come giudizio sulle capacità di un Paese, fotografa,purtr oppo, la situazione del nostro Paese per quell che è. L'Italia ha una demografia e una rigidità del lavoro che la rende inadatta al ruolo di Paese manufatturiero, non produce tecnologia, ha una parte del Paese controllata dalla criminalità organizzata e ha una classe politica corrotta e mafiosa. È vero che lo studio riguarda più il Sud che il resto d'Italia, il problema però è che il Paese si sta meridionalizzan do, sia per il dilagare della corruzione, sia per l'influenza della criminalità organizzata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# DBF 2012-09-14 15:30
... sia per una precisa volontá da parte dei POTERI. Il nord é stato brutalmente aggredito, spremuto e reso 'sottile'. Veramente é stato estinto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco_PD 2012-09-12 11:15
Articolo chiaro e prezioso che racconta le cose come stanno realmente. Non so come ma mi torna in mente l'ambiente sociale del film Rollerball. Il primo, quello con James Caan. Con le varie "città dell' energia" ecc... E le biblioteche dove i libri non sono disponibili perchè "li stanno riscrivendo". E la gente è paga di sport-spettacoli violenti che gratificano una popolazione sostanzialmente schiava. Il fatto è che nel film c'è un protagonista Jonathan che proponendosi come eroe etico alternativo dà la sveglia al popolo combattendo e vincendo in un autentico contesto gladiatorio. Qui da noi si vedono solo scaramucce tra pecore morte.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# anrewbst99 2012-09-12 15:34
Bellissima la citazione di questo "monumentale" film.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Contadino 2012-09-12 11:27
Dopo aver letto l'articolo mi vergogno ancora di più di essere padano...
dio mio ora ce lo ficcano in c..o anche da nord, non più solo da sud.
E noi coglioni stiamo zitti, o forse ci abbiamo preso gusto?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# albertotardivo 2012-09-13 21:46
E' ora che ci svegliamo! Altrimenti quello che è stato costruito con anni di lavoro sparirà definitivamente . Ma finchè scriviamo lo sfogo quotidiano e non pensiamo effettivamente come agire, siamo destinati a pagare noi l'inefficienza delle altre aree. Giustamente i campi di lavoro verrebbero istituiti nelle aree più produttive, sicuramente a qui a Vicenza e non a Catanzaro! Dopo aver mantenuto gli altri, ci troveremmo noi del nord schiavi e loro del sud liberi e sicuramente ci rideranno anche in faccia!
Dio è grande e buono, ma chi sotterra i talenti e non li fa fruttare viene cacciato... il tempo è poco e va usato!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Carriola 2012-09-12 11:48
La BundesBank accetta il fondo salva stati, il tracollo di noi p.i.g.s. è imminente. Fuori dall'euro per carità! Ma chi avrà il coraggio di svincolarsi dalle suadenti voci di mortadella prodi, del rettiliano draghi, del venerato monti?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Indaco 2012-09-12 12:11
Con profonda amarezza, suggerisco l'istituzione di zone turistiche speciali, in cui sia legalizzato tutto il legalizzabile (a favore, soprattutto, dei turisti stranieri).
Gli italioti potrebbero finalmente darsi senza problemi alle loro attività predilette, e, reciprocamente, anche gli stranieri (non è una cosa seria, se lo facessimo sentiremmo sferragliare i panzer).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pierodeola 2012-09-12 12:53
Grandi verità ma precisiamo che i grandi rapinatori che trarranno vantaggio da zone franche a bassi salari saranno sempre gli ivestitori che si celano dietro la maschera abusata di inprenditori.
Allora non imprenditori ma saccheggiatori del lavoro e della vita di chi lavora.
Tanto per chirezza e gistizia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Gilles 2012-09-12 13:34
caro Contadino, nella vita c'è sempre qualcuno che sta più a sud di qualcun altro, o qualcuno che sta più a nord di te, dipende dai punti di vista.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Biggarand 2012-09-12 13:47
E inatnto in Slovenia le srl pagano il 18% di tasse e i friulani spostano le aziende di la, se non ci credete andate a guardare gli articoli sul Messaggero Veneto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# markus.mann 2012-09-12 14:05
"Cambiano i regimi, ma i popoli non cambiano mai".
Affermazione tristissima e sacrosanta.
Almeno sino a quando un lento e faticosissimo percorso di maturazione non porti le singole comunità ad incontrarsi, in un difficile ma necessario percorso di Verità, per liberarsi dagli antichi "vizi", non a caso rappresentati al peggio dalle rispettive oligarchie dominanti.
Sarà anche sbrigativo e un po' eccessivo affermare, come fa ad esempio Paolo Barnard, che in fondo i tedeschi sono tutti nazisti da sempre, ma il ghigno da bastardo di Schulz ne è la lombrosiana conferma.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2012-09-12 22:25
beh caro markus.mann, vogliamo fare il processo ai popoli, si i tedeschi sono nazisti da sempre, ma dimmi un po' secondo te popoli come gli inglesi o gli americani od anche i francesi cosa sono da sempre?
Benefattori dell'umanità...?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# markus.mann 2012-09-15 17:25
Per carità, me ne guardo bene.
Infatti ho scritto che le oligarchie dominanti esprimono al peggio i vizi nazionali:
i "nostri"? Cialtroni disonesti;
gli ingresi? Perfidi spocchiosi;
i francesi? Ipocriti pomposi;
gli americani? violenti e infantili.
E i benefattori dell'umanita..?
Uno solo... finito sulla Croce.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# andreatallon 2012-09-12 15:03
Ma anche il Papa ha parlato di nuovo ordine mondiale, non è che dalle chiese lo si potrebbe comunicare alla maggior parte degli italiani cosa sta succedendo?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# GiuFeder1425 2012-09-13 23:13
Temo che siano proprio l'ultimo posto da cui potremmo avere una spiegazione di quanto sta accadendo e di cosa significa NUOVO ORDINE MONDIALE. A parte qualche eroico ed incorruttibile sacerdote posto ai margini perchè fedele alla Chiesa di Cristo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Der Freiherr 2012-09-12 15:07
Tra tutte queste tristizie, almeno una notizia allegra (fatta salva l' umana pietà che spetta in ogni caso ai morti):
L'ambasciatore yankee in Libia defunse!
Bene sta all' arroganza usraeliana che sta distruggendo ogni regime laico in Medio Oriente!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nova 2012-09-12 18:45
Di norma l'11 settembre avvengono autoattentati.
Obama manderà i marines e ci sarà una base USraeliana in Libia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# raff 2012-09-12 15:29
Citazione Blondet

"Attenzione: proprio la situazione italiana ci dice che l’analisi tedesca, anche se è purtroppo valida per l’Italia, vale solo per metà: precisamente, per la metà meridionale, orgia da mezzo secolo di spese parassitarie e sprechi pubblici, di inefficienze invincibili, di gestione della criminalità organizzata e della sua – contigua – criminalità politica. L’accusa di essere «cicale» non vale certo per il Nord produttivo: basta dire che la Lombardia, se diventasse indipendente, sarebbe uno Stato dieci volte più popoloso della Slovenia e soprattutto più competitivo della stessa Baviera."

Per quanto tempo ancora dobbiamo continuare a credere che a tutte le latitudini ci sia sempre un sud parassitario, fancazzista e criminale di un qualsiasi nord laborioso, dinamico e onesto?
Le cause che generano nord ricchi e sud poveri non sono certo da ricercare nella superiore "moralità" dei nordici (quali poi? da quale latitudine iniziano?), ma dalle condizioni economiche e strutturali che coinvolgono popoli, nazioni, gruppi sociali e anche singoli individui. La Germania domina in Europa e l'Italia fa parte dei PIIGS, non certo per la superiore "laboriosità" dei tedeschi, ma perché hanno potuto sviluppare più intensamente le loro attività produttive, sfruttando il vantaggio competitivo offerto dall'introduzione dell'euro, relegando gli altri paesi europei a ruoli marginali e mercati di sbocco dell'industria tedesca, come chiarissimament e spiega fra tanti altri, anche questo economista eterodosso, prof. Bagnai in questo video:
http://www.youtube.com/watch?v=gEhZMldT-FE
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2012-09-12 22:40
Caro raff la Germania non ha avuto bisogno dell'Euro è dal lontanissimo 1969 che è la 1a esportatrice mondiale.
Dei tedeschi si potrà dire tutto ma non certo che non siano un popolo laborioso.
Lo dimostra il fatto che non hanno un NORD ed un SUD. E' un paese federale dove ogni Land è più ricco dell'altro, non hanno certo in casa loro una landa tipo la Calabria.......
E non si puo nemmeno dire che l'Italia abbia una posizione geografica infelice, tutt'altro, siamo un'espressione geografica nel cuore del Mediterraneo, con potenzialità commerciali enormi coi: Balcani, la Spagna, il nord Africa, il Medio Oriente, l'Asia Minore....e non le sappiamo sfruttare, per colpe nostre non per quelle dei tedeschi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alfio200 2012-09-12 23:08
Cioè, se spostiamo i calabresi in Germania e i tedeschi in Calabria il risultato non cambia? Il "territorio" fa diventare i tedeschi calabresi e i calabresi tedeschi?

Io ho fatto elementari e medie in una scuola tedesca. Se saltavi un compito in classe o un'interrogazione perchè eri malato prendevi automaticamente il voto minimo. Per cui, magari con l'influenza, ti facevi accompagnare a scuola da un genitore, se il compito in classe era alla terza ora potevi, perchè malato, dormire sul banco, alla terza ora facevi il compito in classe e dopo potevi, in quanto malato, tornare a casa accompagnato dal genitore. E non sto parlando di liceo, ma di elementari (bambini dai 6 ai 10 anni).

Ti risulta che in Calabria, Campania, Sicilia, etc. succeda qualcosa del genere? A me no.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Doroteo83 2012-09-14 03:31
Ma perché in Veneto funziona così? Torni a studiare ché non le hanno insegnato a pensare.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# stefano.mc 2012-09-12 23:30
Infatti, il direttore inesorabilmente perde il filo dei suoi lucidi discorsi quando l'analisi si sposta nel cortile di casa nostra. Il solito inossidabile e irriducibile pseudoleghismo...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni Silvano 2012-09-12 15:58
A quanto pare guardando la tabella, ci hanno catalogati tra la quasi spazzatura non solo d'Europa ma del Mondo, povera Italia.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-09-12 17:25
[quote name="Carriola"]La BundesBank accetta il fondo salva stati...

Non è la BuBa che "accetta" l'ESM (E
l'ESFS). E' la Corte Costituzionale che con un verdetto all'italiana:
"Ja, aber. Aber ja. Sì ma. Ma sì" lo ha
aggiustato alle enormi pressioni che ha ricevuto.
Ma c'è già chi ventila che non starà in piedi.
http://www.sueddeutsche.de/politik/urteil-des-bundesverfassun gsgerichts-zum-esm-ja-aber-aber-ja-1.1465483

"Das Karlsruher Urteil bringt Europa nicht weiter, es bringt Deutschland nicht weiter und die Demokratie auch nicht. Dieses Urteil weicht nämlich den wichtigsten Fragen aus. Es will ein Grundsatzurteil sein, aber es hat Angst vor dem Grundsätzlichen . Es ist, wie beim Bundesverfassun gsgericht üblich, wenn es um Europa geht, ein "Ja, aber"-Urteil. Aber das Ja dieses Urteils ist diesmal so kraftlos wie sein Aber. Es ist ein seufzendes "Aber ja"-Urteil.
Il verdetto di Karlsruhe non manda avanti
l'Europa, non manda avanti la Germania e non manda avanti neppure la democrazia, in quanto elude le domande più importanti. Vorrebbe essere un verdetto
di principio, ma ha paura dei fondamentali. E', come consuetudine della C.C. quando si tratta di Europa, un verdetto: Sì, ma. Ma il Sì di questo verdetto è tanto debole quanto il suo Ma, entrambi sospirati".
E ancora:
"Die Richter versuchen, die deutsche Haftungssumme auf 190 Milliarden Euro zu deckeln, obwohl sie wissen, dass das kaum funktionieren wird. Es wird dies kaum funktionieren, weil auf die Europäische Zentralbank der Karlsruher Deckel nicht passt.
Die EZB-Problematik aber haben die Richter weitgehend ausgeklammert, sie haben sie gescheut, sie haben sie verschoben - bis zu dem Urteil, das irgendwann im Hauptsacheverfa hren ergehen wird. Bis dahin macht die Europäische Zentralbank was sie will; und vielleicht ist das gut so, weil das Verfassungsgeri cht letztendlich nicht weiß, was es will.
I giudici tentano di "coperchiare" la
garanzia tedesca a 190 miliardi di euro, sapendo invece che non potrà funzionare in quanto questo coperchio non si adatta
alla BCE. La problematica della BCE è stata elusa grandemente, ne hanno avuto paura, l'hanno rimandata alla sentenza definitiva, chissà quando. Fino a quel momento la BCE fa quello che vuole, va bene così, perché la C.C. in ultima istanza non sa quello che vuole".
Per chi sa il tedesco vale la pena di leggere tutto l'articolo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-09-12 18:06
L'analisi di Blondet sull'attribuzione oramai alle viste dei compiti e dei destini è perfetta, ma credo occorra tener presente che anche il ruolo apparentemente autonomo della Germania è provvisorio e funzionale al piano ben più vasto. Tipi come la Merkel, Schulz e compagnia cantante non sono i mandanti ma bensì le seconde o terze linee più o meno consce di esserlo.
Altrimenti di cosa e di chi stiamo parlando quando ipotizziamo e temiamo l'avvento del Nuovo Ordine Mondiale?. Certamente non di questi burattini mossi da fili.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-09-12 18:51
E' interessante leggere l'articolo su:http://www.spiegel.de/politik/deutschland/das-urteil-des-bundesverfassun gsgerichts-dokumentation-a-855363.html e i commenti dei tedeschi. Nessuno esulta, anzi.

In tedesco si dice :"Es ist noch nicht aller Tage Abend-Non siamo ancora alla fine della giornata". I problemi sono moltissimi, a Buxelles i soliti noti , sanno che questi "aggiustamenti forzati alla ESM e EFSF" non danno garanzie e a furia di volere salvare le banche e i loro posti, rischiano di ottenere il risultato opposto, perché questa variante NON è affatto da escludersi.
Si dice che la fretta è una cattiva consigliera, infatti questa fretta "dannata" di portare avanti i loro diabolici piani in nome dei loro datori di lavoro, sta dimostrando le falle del sistema, che consiste nell' avere tirato insieme un papocchio dal quale è difficile districarsi. Con 60 milioni di disoccupati in Europa, una recessione che sta intaccando anche Deutschland ueber alles(oggi un lavoratore su cinque in viene pagato 10 euro lordi all'ora), la banche piene di titoli spazzatura che nessuno vuole più, un euro CHE NON E' AFFATTO garantito solo da un wishfull thinking, siamo nella globalizzazione bellezza, remember? le basi per un risanamento mancano, persino quelle più elementari. Messaggio per Draghi e Merkel.
Poi ci sono gli USA, che questo casino l'hanno messo in piedi per distruggere l'euro!
Si potrebbe obbiettare che in verità si mira alla dittatura, infatti questa è l'opzione più verosimile.

In quanto alle "zone speciali" del nord, forse non sanno che sono infiltrate alla grande dalla mafia, che i suoi quartieri generali li ha nel nord e non nel sud, come li ha anche in Germania.
Venghino signori, venghino.
La nuova internazionale socialista, composta ancora in parte dai rottamni della vecchia, fa solo piangere, non hanno certamente individui che fanno paura. In quanto al binomio Schulz e Roessler, è quello di Gianni e Pinotto.

Hitler dopo la vittoria finale, che dava per scontata, nella riorganizzazion e europea aveva collocato gli italiani tra
i negroidi. In qualche modo quelli della Bu.Ba lo ricalcano.
Avanti così l'elmo di Scipio lo si potrà usare come pitale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alfio200 2012-09-12 23:31
Ancora all'inizio del 900, nel Norditalia, si trovavano anziani che rimpiangevano "quando governavano gli austriaci".

Io resto della mia idea:

la storia europea degli ultimi 150 anni è caratterizzata, in buona parte, dal tentativo di non far diventare la Germania potenza egemone in Europa. Questo ci è costato due guerre mondiali assolutamente inutili perchè la Germania è comunque destinata a diventare la superpotenza egemone in Europa, sia con l'euro che con il marco*.

Io dico: lasciamoli governare e poi decidiamo.

* Anzi, "occupare" un'Italia con la lira ultrasvalutata grazie al marco ultracompetitiv o, sarebbe ancora più facile che farlo con l'euro. Tanto più che la lira riconsegnerebbe tutta la sovranità ai partiti italiani e nel giro di qualche anno finiremmo in bancarotta.

Un'ultima riflessione su lira e "svalutazione competitiva". Un conto è farla con il petrolio a 20 dollari al barile, una altro è farla con il petrolio a 100-150-180 dollari al barile. Il petrolio e tutte le altre materie prime, pagate in dollari. Pensateci un po'.

Chi sta meglio, oggi? L'italia che ha sempre svalutato la sua valuta o la Germania che l'ha sempre vista rivalutarsi?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ares 2012-09-13 11:36
Ottimo il riferimento a Bagnai, economista ortodosso/eterodosso che finalmente con la concretezza de idati e dei fatti dimostra la realtà uscendo dalle solite "mitologie" di virtuosi e non.
Sostanzialmente ripete il fatto che la Germania ha tutt'altro che un saldo positivo nelle esportazioni, se si guarda a livello globale, ma solo grazie alle esportazioni nei paesi dell'eurozona riesce a vivacchiare, mentre è in saldo negativo con la Cina e gli altri paesi schiavisti.
In pratica rifila a noi ciò che compra dalla Cina...e bei co... sono gli italioti a stargli dietro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# lucianob 2012-09-13 13:13
FUORI DA QUESTA EUROPA - Intervista a Bruno Poggi
Bruno Poggi ha depositato in Cassazione, lunedì 3 settembre 2012, due proposte di legge: una per uscire dall'Europa e una per separare le banche d'affari da quelle commerciali.

http://youtu.be/0EvEHQr_mpY
C'è da sperare direttore?
Luciano B
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# winston1984 2012-09-13 16:11
”Se Lombardia .. indipendente”.
Come la cosina con i denti…

Il Nord che FU produttivo.
gracchia sempre come motivo.
quando tralascia che si fece arzillo.
col salasso del Tacco a renderlo brillo.
come Dracula che addenta e non molla.
finché, esangue la coscia, ora rutta e barcolla..
a ricalco dell’altro canto di Armando & fratello*.

Poi dunque cala dall’alto un ULTRA aggettivo.
che si direbbe concreto quanto auspicio votivo.
il BreViMan come Bengodi da sorpasso in Baviera.
Chissà.., forse chimera per dimensione futura…
per ora si confronti Quella con Milano & cintura,.
magari ad esempio,le ridenti Cormano o Bresso…
o, più vicino, si paragoni Como-Ponte con Chiasso:
alùra la coperta lùmbarda meglio vista da presso
forse assomiglia piuttosto al manto di Nesso.

* http://www.youtube.com/watch?v=985ll33DMfs
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-09-13 23:20
Forse a conferma dello schema, il ministro dell'Economia Grilli ha dichiarato che il governo si sta occupando della competitività. Prevedo ricatti per i lavoratori e nuove tasse per supportare quello che definirei un nuovo inganno travestito da programma.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# lollus 2012-09-14 00:28
Ottimo manodopera minorile gestita dai crucchi... Che c'è di meglio? Peccato non potere mettere Nabuledano in una miniera di sale nella Ruhr.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Terrun 2012-09-14 09:48
Apprezzabile finché non deborda in "apprezzamenti facili" per il sud Italia. Una persona si spessore avrebbe pur reso giustizia anche al sud che si trova nelle attuali condizioni grazie alla Unione D'italia voluta da Lord Parmeston! Per fortuna oggi ci sono studi come quelli di Pino Aprile, Antonio Ciano, Nicola Zitara, Carlo Alianello etc. Per chi non volesse affontare spese anche blog come http://gruppobriganti.blogspot.com/ solo per citarne uno. Solo nella mia città la Florio , ancora nel dopoguerra, contava più dipendenti della stessa FIAT! (se vuole le do la fonte!). Trovo, insomme, ingiusto che lei, persona che reputo di spessore nei suoi studi, faccia un discorso così a senso unico quando profferisce la parola SUD per far distinzione dal nord melassa! Eppoi che cazzo vi arrabbiate a fare? Sta solo avvenendo un secondo risorgimento! Non più localizzato all'Italia ma globalizzato all'Europa dove L'italia si troverà a fare il sud ed i paesi nordici d'Europa faranno il nord. Basta vedere dove confluiscono i soldi (Germania vende i suoi titoli a tasso negativo mentre Italia Spagna etc con un abbondante 5% di interessi). Tutto questo sappiamo che è costruito artatamente e quindi non venite a menarcela ancora con Nord e Sud altrimenti arriviamo sempre alla massima che: Io sono Io e voi... NON CONTATE UN CA...!

P.S.: Chiedo scusa per la terminologia ma... quando ci vuole... ci vuole!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alfio200 2012-09-15 06:54
Tra le svariate differenze che esistono tra Nord e Sud (in Italia), vorrei evidenziarne una in particolare.

Il Nord, riconosce la "superiorità" (diciamo così) dei tedeschi, si rimbocca le maniche, cerca di imitarli e magari un giorno eguagliarli.

Il Sud, nei confronti del Nord, continua a starsene seduto a braccia conserte "elucubrando" teorie in base alle quali le differenze tra Nord e Sud sono dovute a tutto tranne che a colpe dei meridionali.

Certo che esistono (eccome) anche cause storiche per l'arretratezza del Sud, ma un'esame di coscienza gioverebbe molto per una ripartenza economica e umana (ripartenza possibile) di quest'area.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Andrea V. 2012-09-16 18:06
Citazione Alfio200:
Tra le svariate differenze che esistono tra Nord e Sud (in Italia), vorrei evidenziarne una in particolare.

Il Nord, riconosce la "superiorità" (diciamo così) dei tedeschi, si rimbocca le maniche, cerca di imitarli e magari un giorno eguagliarli.

Il Sud, nei confronti del Nord, continua a starsene seduto a braccia conserte "elucubrando" teorie in base alle quali le differenze tra Nord e Sud sono dovute a tutto tranne che a colpe dei meridionali.

Certo che esistono (eccome) anche cause storiche per l'arretratezza del Sud, ma un'esame di coscienza gioverebbe molto per una ripartenza economica e umana (ripartenza possibile) di quest'area.


Condivido ogni parola, un solo appunto, il nord non considera superiori i tedeschi, considera il loro sistema migliore e sa di poterlo applicare nelle proprie terre, il problema è che mezzo paese vive di trasferimenti e non intende rinunciarci facendo di tutto per impedire qualsiasi riforma.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alfio200 2012-09-16 19:10
Giusta osservazione. Condivido.

Vogliamo anche aggiungere che questo è un paese (minuscolo) socialista che detesta l'iniziativa privata e fa di tutto per ostacolarla?

E che il sistema statalista sta bene sia alla sinitra che alla destra visto che chi governa se ne avvantaggia indipendentemen te del colore?

Quindi...massimo ostacolo alle imprese del Nord e mantenimento di, se non incoraggiamento nei confronti di una mentalità assistenzialist a al Sud per soffocare sul nascere ambizioni imprenditoriali in quest'area.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# AlexFocus012 2012-10-04 17:19
Visto che un certo numero di commenti è velato da un inconfondibile razzismo antisudista, ho il piacere di annunciarvi che, alla prossima riunione della Commissione Economia e Finanza del Parlamento delle Due Sicilie-Parlamento del Sud a cui sono stato invitato, avrò un argomento di più per perorare il processo di SECESSIONE dal resto dell'Italia sabauda, spocchiosa e vecchia (sì, perchè in grande maggioranza le pensioni-baby sono conentrate al centro-nord quindi il centro-nord preleva PIU' di quello che versa all'INPS, e situazione speculare si verifica al Sud).
Voglio vedere come farete a far quadrare i conti all'INPS-Nord, senza i contributi del più giovane INPS-Sud...
E se non mi daranno retta, ci sono altri gruppi, come Insorgenza Civile (di Nando Dicè), Partito per la Secessione dell'Italia Meridionale (di Stefano Surace), Fronte di Liberazione delle Napolitania e tutti quelli che non conosco ancora, che stanno fremendo per la se-pa-ra-zio-ne e sono in cerca di adepti.
Ognun per sè, Dio per tutti (a chi non è credente, "Ognun per sè, Io per tutti").
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità