>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-200

RSS 2.0
menu-1
Calabresi a gonfie vele
PDF
Stampa
  Text size
Direttore, lei ha una risposta da dare a tre ragazzi di 23-21 e 17 anni?

È solo un piccolo episodio, ma per me significativo e un po’ amaro.

Ero al lavoro e ricevo un sms da mia figlia, studentessa (e che ha lavorato nel mese di maggio e giugno per lo Stato): Mamma, quando torni a casa, mi porteresti da scuola un evidenziatore per favore?

Io le rispondo che non mi aspettavo una tale richiesta e che mi sembrava di averle insegnato ben altro.

Risposta: lo Stato è dal mese di maggio che non mi paga e quindi io ho il diritto di prendere da lui qualcosa!

Contro-risposta: il male non giustifica mai il male, e se tu acconsenti a diventare come colui che critichi, il male ha doppia vittoria perché ti fa sua preda!

Risposta: l’evidenziatore lo avrei comperato se lo Stato mi avesse pagato e dal momento che non lo ha fatto io prendo da lui ciò che mi serve!

Ovviamente la discussione è continuata a tavola, ma non ho sortito l’effetto desiderato. Ha incalzato l’altra figlia 23enne ( lettrice di EFFEDIEFFE) :

-Dice bene mia sorella e tu sei un’illusa! Io studio per nulla perché non avrò un lavoro, non posso permettermi di fare un figlio perché non ho soldi e se anche li avessi non voglio mettere al mondo un bambino da parcheggiare negli asili nido e poterlo vedere solo la sera stanca e stressata, dal momento che il lavoro è diventato il gran Moloch da ossequiare e con cui ti ricattano. Non posso contare su di te che ti hanno bloccata al lavoro fino a 68 anni ( ha fatto i conti) e dopo sarai troppo vecchia per aiutarmi anzi sarai tu ad aver bisogno di me e non so come potrò accudirti.E poi cosa metteranno in testa a mio figlio in queste scuole? Il gender, il culattonismo di Stato, l’ateismo cinico? E io di fronte a tutto questo dovrei rispettarlo questo Stato e comportarmi bene?

Queste discussioni sono cicliche in famiglie ed estenuanti, specie per me che devo lottare contro tutto questo e infondere coraggio, speranza e voglia di rivoluzione. Loro però ribattono che è proprio la mia generazione fatta di messe vetus ordo, catechismo di pio x e democrazia cristiana che ha prodotto o comunque lasciato avanzare tutto questo e che quindi non c’è principio che tenga per contrastare il male.

E io contro ribatto fino a sconfinare nella metafisica e nelle controrivoluzioni e perfino nella mistica.

Poi però nel chiuso della mia stanza penso a quel che ho visto in Calabria quest’estate (goda pure direttore )

Vi mancavo da qualche anno. Ho visto gente che guadagna ,vendendo frutta e verdura, anche 150/200 € al giorno e per tutto l’anno, ovviamente al nero. Ho visto gente che si arrangia in mille modi tra lavori edili commissionati con i soldi che continuano a venire dalla Svizzera e dalla Germania, pescatori che pescano come gli pare e vendono come gli pare. Ho visto professionisti lavorare in palazzi costruiti con i propri soldi e che fanno concorrenza alle ASL (che non hanno mai funzionato) dando lavoro e curando a volte con punte di eccellenza, a prezzi equi e dilazionabili. Ho visto vecchi amici che, come ogni volta mi dicono “Venitinni Rosè che cca stamu bboni! Insomma la solita Calabria di sempre che non sente la crisi .

Solo i TG denunciano la grave disoccupazione Calabra perché applicano gli stessi criteri del nord, dimenticando che se al Nord si è disoccupati lo si è davvero, al Sud anche, ma si lavora comunque, come sempre.

Al Nord vedo cartelli vendesi e affittasi, vedo gente che mette lo stesso vestito da almeno un paio d’anni, e che sta attenta a cosa compra e va più spesso, a testa bassa, a far la spesa al LDL ( così la Merkel è contenta) . In Calabria ho visto gente allegra, abituata a non avere uno stato , abituata ad arrangiarsi, o peggio a sfruttare lo stato da cui sa di non ottenere nulla.

Stato da raggirare, circuire, fregare perché nemico!

Al nord invece si son fidati, educati dall’efficienza dello statalismo austroungarico, dalle ideologie carbonaro massoniche poi, e ora si ritrovano smarriti e depressi, zombi senza futuro, imbottiti di ansiolitici.

In Calabria si passa da una sagra all’altra e si continua, come dopo "la passata di Garibaldi e di li piemontesi" a ballare la tarantella, che si sa funziona meglio degli antidepressivi e non ha effetti collaterali.

E balliamo , tutti, tarantolati e disperati sopra un pavimento sempre più assottigliato sotto cui vi è una voragine buia e senza fondo.

Ma tant’è meglio ballarci su che starci seduti ingoiando prozac e sertralina!

Lei Direttore cosa pensa?

Rosetta masello



Che cosa vuole che risponda, cara signora? Piuttosto posto la sua lettera: è lei che dà a tutti noi una lezione. Ma se torna in Calabria dove si sta bene mica la biasimo. Ormai, essendo sparita ogni minima nozione di bene collettivo e di comunità, ognuno è ridotto a pensare a se stesso e alla sua individuale sopravvivenza.

Maurizio Blondet





 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Andrea V. 2013-09-02 19:14
Nel sud assistito non ci può essere crisi, la crisi è al nord che vive di mercato globale e manifattura.

Ci tassano per permettere alle calabrie di vivere fuori dalla crisi globale.

Avranno problemi solo se crollerà il paese, e io lo spero tanto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# EMERICH 2013-09-03 16:17
Assistito di che ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Centuri 2013-09-03 17:30
Ha ragione il lettore Emerich. In passato forse il Sud era assistito (comunque non solo il Sud) ma ora non penso proprio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alexi 2013-09-03 09:31
Cristo non ha mai detto che lo stato avrebbe garantito la possibilità di avere figli, i nostri avi hanno vissuto da cristiani in condizioni materiali sicuramente peggiori delle nostre, ma i bambini nascevano lo stesso! Ora è il nichilismo dissolutore che spaventa, ma se ci si affida totalmente a Cristo NON SI DEVE avere paura, i figli non sono nostri, si affidi alla provvidenza la figlia, non se ne pentirà!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rosetta M. 2013-09-03 16:41
Già fatto e continuo a farlo, non ne avrei messi al mondo tre altrimenti, le pare?Il problema è la società malata e che rapina i figli e li imbottisce di eresie e menzogne che te li manipola e distrugge mentalmente e tu non puoi ribellarti senza il terrore di vedere arrivare i servizi sociali a levarti la patria potestà accusandoti di integralismo!!! I tempi antichi erano forse peggiori da un punto di vista economico, quel che spaventa ora è il degrado morale e il fatto che ti impongono di degradarti! questo spaventa le figlie! legga le circolari sull'educazione gender che già cominciano a circolare anche da noi e le iniziative di presidi "illuminati" chi si oppone è perduto!...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alexi 2013-09-04 09:58
L'esortazione a non aver paura ad avere figli era rivolta a sua figlia, lo so che la situazione sta mutando per noi cristiani in maniera accellerata e terrificante, io mi sposerò fra meno di un mese, sono preoccupazioni che mi interrogano quotidianamente !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pragma 2013-09-06 08:48
Gentile Rosetta,
sarebbe una gran cosa se anche noi genitori potessimo leggere qualcuna di queste circolari.
Facciamole 'circolare'!
Milano, in centro e durante agosto, ha rifatto il look a numerosi negozi che hanno espanso la loro sezione 'maschile' (?!)
Questa civiltà de-generata o senza più genere (femminile e maschile ma unicamente neutro).
Saluti al direttore e all'ottimo Lorenzo De Fina.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# gianfranco56IT 2013-09-03 09:45
Io, cara Rosetta, gli avrei risposto molto più semplicemente che rubare è peccato mortale.

Quanto alla sua Calabria, che al netto dell'ndràngheta, è una regione meravigliosa, ha potuto godere -attraverso la Cassa del Mezzogiorno - dal 1950 fino al 1992 di almeno 140 miliardi di €uro (già 279.763 miliardi di lire)

Tiri lei le conclusioni.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rosetta M. 2013-09-03 16:34
questi soldi, mi creda, non sono mai finiti in tasca ai calabresi, si sono fermati nelle borse in pelle dei politici e dei malavitosi. Il popolo, quello si arrangia da sempre, dimostrazione, in fondo che lo Stato non è necessario!E' qeusto che volevo denunciare nella mia lettera!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# EdoardoCas 2013-09-12 12:54
Bha, a leggere le statistiche economiche la Calabria senza aiuti statali, sprofonderebbe a livello marocco all'istante.
Sa la percentuale del PIL Statale sul complessivo regionale?
Affermare che lo Stato non è necessario per la Calabria è pura FOLLIA, detto poi da una statale!
Poi vedere in una regione con un tasso di emigrazione del genere un di buon vivere.............
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Robert De Zan 2013-09-03 10:21
"... abituata a non avere uno stato , abituata ad arrangiarsi, o peggio a sfruttare lo stato da cui sa di non ottenere nulla."
Avrei qualcosa da ridire a riguardo, in Calabria, se non vado errato, ci sono più forestali che in Canada, che prendono uno stipendio e poi si arrangiano a far lavoretti in nero, in compenso mi sembra anche che una provincia calabra fosse stata aiutata dallo stato a ripianare i suoi debiti. E' così che funziona little italy, e poi mi vengono a dire che la lega vuole dividerla, è già divisa, da decenni, se qualcuno non se n'è accorto; l'Italia si sente unita solo quando si vince il campionato del mondo di calcio. Il fine settimana scorso sono stato a Roma, se le trattorie e ristoranti fossero qua a Vicenza, l'ufficio igiene delle ASL ne chiuderebbe tre quarti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giulio 2013-09-03 14:10
Senza contare che il poter lavorare completamente in nero senza che ci siano mai controlli della guardia di finanza e' un "vantaggio competitivo" immenso, questo e' un regalo dello stato, non un semplice arrangiarsi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rosetta M. 2013-09-03 16:35
appunto!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rosetta M. 2013-09-03 16:32
E' lo Stato che si auto distrugge in un delirio di stupidità e ignoranza.I forestali sono funzionali allo status quo, come i ferrovieri e i disoccupati organizzati di Napoli, come l'immondizia e la Salerno=Reggio Calabria.I foresatli e altri parassiti analoghi sono"ammortizzatori sociali" di uno stato in putrefazione. Come tali i forestali sono molto più convenienti per lo stato che la lotta alla ndrangheta o la costruzione di infrastrutture, la lotta alla corruzione o l'abolizione di privilegi,!Dare la colpa del degrado ai forestali è come accusare lo stomaco di non digerire il veleno!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Robert De Zan 2013-09-05 14:21
io non ho dato la colpa ai forestali, intendo solo dire che in Calabria si arrangiano sì, ma dopo aver avuto l'aiuto statale. Comunque questi forestali più o meno in forze, attivi, sono stati scoperti ad appiccare il fuoco.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# EMERICH 2013-09-03 11:47
Adesso è una colpa persino sopravvivere ( mi riferisco alla Calabria ) ? Se era questo paradiso garantito dalla Repubblica Italiana , perché ne sono letteralmente fuggite centinaia di migliaia di persone , tra le quali la Signora Masello ( complimenti per la lettera )?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# gianfranco56IT 2013-09-03 13:55
Devo fare una rettifica.

I miliardi erogati dalla Cassa del Mezzogiorno fino al 1992, sono elargizioni alle regioni meridionali nel loro complesso, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna ecc.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Andrea V. 2013-09-03 19:04
Citazione gianfranco56IT:
Devo fare una rettifica.

I miliardi erogati dalla Cassa del Mezzogiorno fino al 1992, sono elargizioni alle regioni meridionali nel loro complesso, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna ecc.


Gorbaciov per far ripartire l'economia dell'unione sovietica, non Russia ma unione sovietica aveva chiesto all'occidente molto di meno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2013-09-04 21:28
Assange, Snowden, Manning, confronto allo spione italico e delatore di se stesso, sono nulla.
Come si fa a pensare al bene comune quando ci si spia a vicenda?Qui non c'è più Nord o Sud, Giuda ha raggiunto, dopo un arduo e costante lavoro di sinistra, poter spiare attraverso noi cittadini spie degli altri.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2013-09-05 10:08
Non credo che in calabria ci siano problemi di accoglienza per i polentoni o per gli migranti che volessero tornare a casa.

Io pure sono stato in calabria e questo paradiso non lo ho proprio visto da nessuna parte, ma evidentemente la conosco troppo poco.

Ad ogni modo per quel che riguarda il rispetto di questo stato di merda, la penso come le figlie della signora, non merita nessun riguardo e nessuna fedeltà, ma propio per questo non prendo da queste merde niente, neppure un pennarello, perchè mi fanno schifo pure i loro pennarelli.
Non chiedo niente e niente mi dà e che andasse in malora. Se i giovani con coerenza avranno questa onestà intellettuale, allora dò loro ragione. Non si piangano addosso però perchè hanno creduto alle promesse di una banda di manigoldi che si chiama stato, e finiscano di giustificare il loro vivere comodo con l'inadempienza delle promesse statali. Poco (o tanto) tempo fa mio nonno iniziò a lavorare come carbonaio nei boschi del gras sasso, aveva otto anni. Ha fatto due guerre, è stato imprigionato, ha perduto tutti i fratelli (cinque) e il padre è morto di dolore, ha lavorato in galleria, poi nei forni e a quei tempi non c'erano nè badanti nè pensioni e dovette occuparsi della madre e della suocera invalide.
Il terremoto del 56 dopo la guerra gli distrusse la casa e la stalla e abitò
4 anni in una baracca a 1400 metri sull'appennino con temperature che vanno anche a meno 20.
Una vita da bestie all'insegna della fatica.
Ora è morto, ma prima di morire ha fatto tre figli (uno morì bambino) e non ha rubato mai nessun pennarello e prima di morire mi ha chiesto di riascoltare il parce domine che cantava in latino quando da ragazzino serviva la messa.

Lo dica ai suoi figli, si può vivere in tanti modi, ma lo stato o la ideologia del gender sono invenzioni dell'uomo, mentre la vita è un dono di Dio.

O lo sai e trai le conseguenze opportune oppure fai quello che ti conviene e ti piace e le conseguenze le subirai al momento che giungerai davanti al Re dei Re.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime lettere pubblicate:
La Scelta Antitumore
Ho pubblicato il libro sulla prevenzione dei tumori, da oggi in libreria, per documentare come i principi della prevenzione e cura del MDB (Metodo Di Bella)
Veritas filia temporis, e il reato di “guarigione indebita”
Tante tragedie non li sfiorano neppure, sono infastiditi se qualcuno cerca ripetutamente di coinvolgerli, interessarli, chiedere attenzione e aiuto, occupati, come sono, a celebrare i riti, i fasti,...
FILM-DOCUMENTARIO SU METODO DI BELLA
È uscito un film–documentario dal titolo “Metodo Di Bella - 20 anni dopo (1997-2017)”. Per la realizzazione di quest’opera è stata condotta un’indagine di oltre 4 anni sul Metodo Di...
Metodo Di Bella e diffamazione
È stato creato dall’AIOM (Associazione Italiana Medici Oncologi) il sito “Tumore, ma è vero che?” generosamente, capillarmente diffuso con grande, zelante impegno e generale mobilitazione a...
Sperimentazione del Metodo Di Bella
In questo articolo vengono sintentizzate le numerose e gravi anomalie che hanno destituito di ogni credibilità e dignità scientifica la sperimentazione ministeriale del MDB del 1998.
È il “mercato”, ragazzi…
Recentemente si è verificata negli ospedali USA la scarsità del più semplice ed economico dei farmaci, la soluzione fisiologica (“saline”), carenza artificiosamente pianificata e indotta...
La cura dei Tumori e la loro Prevenzione Farmacologica
I meccanismi biologici della malattia, lo studio e la conoscenza della loro deviazione dalla fisiologica normalità, ne determinano la base razionale della medesima concezione terapeutica
Meccanismi d’azione nella prevenzione farmacologica dei tumori
Gli illuminati guardiani dell’ortodossia della ricerca censurano le scomode evidenze scientifiche per potere poi affermare in coro con le immacolate e disinteressate vestali della comunità...
La relazione su 297 casi trattati con MDB al New Zealand Breast Cancer Symposium di Auckland
È stata accettata, pubblicata agli atti e inserita nel programma questa relazione sul MDB. Il dato che ha destato maggiore interesse è la sopravvivenza a 5 anni del 4° stadio del tumore del...
In memoria del Prof Luigi Di Bella
Non ho il benché minimo merito né parte nelle ricerche e nelle scoperte di mio padre, mia unica ambizione è diffondere il suo Metodo, la sua concezione terapeutica, proseguire nella realizzazione...
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità