>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
L’invasione americana in Iraq lascia un’eredità più tossica di Hiroshima
Stampa
  Text size
La potenza morale che punisce la Siria per il presunto uso di armi di distruzione di massa...

Nella città irachena di Fallujah, bambardata dai Marines nel 2004, si assiste ad un aumento sconvolgente nel tasso di mortalità infantile, di tumori e di casi di leucemia. Un tasso che – stando ad una recente ricerca – supera quello riferito dai sopravvissuti alle bombe atomiche sganciate su Hiroshima e Nagasaki nel 1945.

I medici iracheni a Fallujah si sono lamentati fin dal 2005 di essere sopraffatti dal numero di bambini con gravi difetti alla nascita, danni che spaziano da una bambina nata con due teste alla paralisi degli arti inferiori. Dicono anche di vedere molti più tumori rispetto a prima della battaglia di Fallujah svoltasi fra le truppe USA ed i ribelli.

Le loro affermazioni trovano sostegno in una ricerca la quale mostra un aumento dei tumori di quattro volte (400%) che salgono a dodici volte (1200%) nel caso di bambini sotto i 14 anni. La mortalità infantile in città è più di quattro volte (+400% ) rispetto a quella che si riscontra nella vicina Giordania ed 8 volte più alta (+800%) che nel Kuwait.

Il dottor Chris Busby, visiting professor presso l’University of Ulster – ed uno degli autori della ricerca condotta a Fallujah su 4.800 soggetti – ha dichiarato che è difficile stabilire chiaramente la causa esatta dei tumori e dei difetti neonatali, ma aggiunge che: «per produrre effetti simili, la popolazione deve essere stata esposta a fortissime sostanze mutagene quando si sono verificati gli attacchi del 2004».

I Marines USA hanno prima assediato Fallujah, 30 miglia ad ovest di Baghdad, e l’hanno poi bombardata nell’aprile del 2004 dopo che 4 dipendenti della società di sicurezza americana Blackwater furono uccisi ed i loro corpi bruciati. Dopo uno stallo di 8 mesi, a novembre i Marines sconvolsero la città usando l’artiglieria e bombardando con raid aerei le posizioni dei ribelli. Le forze USA ammisero successivamente di aver utilizzato fosforo bianco ed altre tipologie di munizioni.

Nell’assalto, i comandanti USA trattarono Fallujah come una zona dove sparare liberamente, in modo da ridurre al minimo le perdite. Gli ufficiali britannici rimasero costernati dalla mancanza di preoccupazione per i danni ai civili. Il Brigadiere Nigel Aylwin-Foster, un comandante britannico di stanza con le forze americane a Baghdad ricorda che «durante le operazioni preparatorie delloperazione di pulizia di Fallujah del novembre 2004, in una sola notte e su di una singola piccola porzione della città, vennero sparati 40 colpi di artiglieria da 155 mm».

Aylwin-Foster aggiunge che il comandante USA che ordinò quest’uso devastante della forza non ritenne significativo di doverne fare menzione nel proprio rapporto quotidiano al generale USA in comando.

Il dottor Busby però spiega (anche che se non è in grado di identificare con precisione il tipo di armamento adottato dai Marines), che «la portata del danno genetico riscontrabile negli abitanti suggerisce luso di una qualche forma di uranio: «ritengo che abbiano utilizzato contro gli edifici una nuova arma in grado di penetrare attraverso i muri ed uccidere chi si trovava allinterno».

La ricerca è stata condotta da una squadra di 11 persone che nel gennaio e febbraio di quest’anno hanno verificato 711 abitazioni di Fallujah. I residenti hanno compilato un questionario fornendo dati sui tumori, casi neonatali e mortalità infantile. Finora, il governo iracheno è stato riluttante a rispondere alle lamentele dei civili circa i danni alla salute causati dalle suddette operazioni militari.

Inizialmente, i locali hanno guardato i ricercatori con un certo sospetto, soprattutto dopo che una stazione televisiva di Bagdhad aveva mandato in onda un servizio sostenendo che dei terroristi stessero conducendo un’indagine e che chiunque fosse stato sorpreso a condurla od a risponderle sarebbe stato arrestato. Conseguentemente, per togliere i sospetti, gli organizzatori della ricerca fecero in modo di essere accompagnati da una persona di fiducia della comunità.

La ricerca, intitolata «Cancer, Infant Mortality and Birth Sex-Ratio in Fallujah, Iraq 2005-2009», condotta dai dottori Busby, Malak Hamdan ed Entesar Ariabi, è giunta alla conclusione che è corretto sostenere che esista un dato di fatto incontestabile, costituito dalla improvvisa crescita di casi di tumore e di difetti neonatali congeniti. La mortalità infantile è all’80 per 1.000 contro il 19 del vicino Egitto, il 17 in Giordania ed il 9,7 in Kuwait. La ricerca descrive inoltre i tipi di tumore come «simili a quelli dei sopravvissuti di Hiroshima, che furono esposti a radiazioni ionizzanti dovute alla ricaduta di uranio dalla bomba atomica».

Particolarmente significativo il cambiamento nel rapporto fra maschi e femmine nei nuovi nati. Nella popolazione normale tale rapporto è di 1.050 bambini per 1.000 bambine, ma per quelli nati a partire dal 2005 a Fallujah c’è un calo del 18% nelle nascite di maschi: il rapporto è infatti di 850 maschi per 1.000 femmine. Il rapporto fra nuovi nati maschi e femmine è un indicatore del danno genetico che colpisce i maschi maggiormente delle femmine. Analogo cambiamento fu scoperto ad Hiroshima.

A causa della rabbia scatenata fra i civili, a partire dal 2007 gli USA hanno ridotto la potenza di fuoco usata in Iraq e a partire dal 2003, c’è stato un deciso impoverimento nell’assistenza e nelle condizioni sanitarie. L’impatto della guerra sui civili è stato più pesante a Fallujah rispetto a qualsiasi altro luogo in Iraq perché la città è stata a lungo assediata ed isolata dal resto del Paese dopo il 2004; i danni di guerra sono stati riparati lentamente e la gente era troppo spaventata per rivolgersi agli ospedali di Baghdad anche a causa dei posti di blocco militari lungo le strade.

Traduzione per EFFEDIEFFE.com a cura di Massimo Frulla, revisione di Lorenzo de Vita

Fonte > 
The Indipendent



La presente traduzione è da noi commissionata a traduttori di nostra fiducia ed effettuata appositamente per EFFEDIEFFE. Diffidiamo dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# marc 2013-09-23 11:50
La potenza morale? lE POTENZE INFERNALI,perch è questo sono.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrorosa1 2013-09-23 18:48
DIO MIO ABBI PIETA'
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# antonio33 2013-09-23 20:48
Son convinto che questi esportatori di democrazia siano servi consapevoli esclusivamente del male, di satana: non credo sia possibile concepire, attuare, assistere a quanto descritto nell'articolo senza rendersi conto del male che si sta procurando in modo deliberato contro inermi popolazioni civili.....
Non riesco ad esprimere ciò che sento....
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Hermann 2013-09-23 21:42
Sarebbe interessante conoscere anche le conseguenze medico-clinico-psicologiche del massacro/annientamento di Dresda nell'inverno 1945, che ha praticamente cancellato questa città, all'epoca una delle più belle della Germania: qualcuno ha informazioni in proposito?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ric 2013-09-30 14:43
Hai ragione da vendere , ma sai che e' ormai tabu' il parlarne.
Dresda e tutte le citta' tedesche ridotte in cenere . febbraio 45 , E' l'UNICO giorno della memoria che mi stringe il cuore .
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# astrubale 2013-09-24 08:55
Peccato che sia qualcuno che si ulluda sulla democrazia occidentale.
Siamo in mano a dei criminali al soldo dei poteri finanziari ed economici.Le persone per questi criminali sono carne da macello.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giuseppina 2013-09-26 07:09
Le guerre sono tutte,tutte ingiuste e quando si fanno nessuno può dirsi senza peccato.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# brenno 2013-09-26 19:52
"Rifugiatevi nelle caverne delle rocce e negli antri sotterranei di fronte al terrore che desta il Signore e allo splendore della sua maestà,quando si alzerà a scuotere la terra.
In quel giorno ognuno getterà gli idoli d argento e gli idoli d oro,che si era fatto per adorarli,ai topi e ai pipistrelli.
Poichè ci sarà un giorno del Signore degli eserciti contro ogni superbo e altero,contro chiunque si innalza ad abbatterlo.
Sarà piegato l orgoglio degli uomini,sarà abbassata l alterigia umana,sarà esaltato il Signore,lui solo in quel giorno."

Isaia
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# giannizzer 2013-09-27 09:32
L'invasione yankee dell'Iraq è avvenuta con il noto pretesto legalistico della detenzione di "armi di distruzione di massa" da parte di Saddam Hussein. Quella scimmia rintronata di Colin Powell aveva portato della fantastiche "prove" fotografiche all'ONU al riguardo, quella marionetta isterica di Tony Blair se ne era fatto maggiordomo e propagandista internazionale e tutto un vagone di criminali di guerra ci aveva lavorato intorno.
Le armi non sono ovviamente mai state reperite. La "ragione" della guerra non sussisteva e non sussiste. Un milione di morti e una guerra civile che ancora dilania il Paese ne sono le conseguenze.

Tra qualche decennio arriveranno le scuse degli americani. Come per i Sioux.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# laviga 2013-09-28 02:20
Le guerre cominciano perchè i diplomatici raccontano bugie ai giornalisti e poi credono a quello che leggono.

K.Kraus
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pasquino Mattioli 2013-11-05 09:43
La soluzione del quesito è presente nel libro "Il segreto delle tre pallottole" di Maurizio Torrealta (giornalista) e Emilio Del Giudice (Fisico), edizioni Verdenero. E' stato senz'altro usato uranio adeguatamente trattato.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Uriel 2013-11-20 21:01
Ogni abominazione seminata in casa d'altri in casa di chi la seminò ritorna.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


La Dittatura Terapeutica
L’unica ed estrema forma di difesa da questo imminente, sottovalutato, tragico pericolo particolarmente grave per l’Italia, è la presa di coscienza
Contra factum non datur argomentum
George Orwell con geniale e profetico intuito, previde l’oscuramento delle coscienze, il tramonto della civiltà, l’impostura e apostasia dalla verità che viviamo, quando scrisse “nel tempo...
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità