>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Goethe sull'Italia, 1790
Stampa
  Text size
Buongiorno,

leggendo alcune poesie di Goethe mi imbatto in questa:

******
 Noch ist Italien, wie ichs verließ, noch stäuben die Wege, Noch ist der Fremde geprellt, stell er sich, wie er auch will.
Deutsche Rechtlichkeit suchst du in allen Winkeln vergebens, Leben und Weben ist hier, aber nicht Ordnung und Zucht; Jeder sorgt nur für sich, ist eitel, misstrauet dem andern, Und die meister des Staats sorgen nur wieder für sich.
Schön ist das Land! doch ach! Faustinen find ich nicht wieder.
Das ist Italien nicht mehr, das ich mit Schmerzen verließ.
 
L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade, ancora truffe al forestiero, si presenti come vuole.
Onestà tedesca ovunque cercherai invano, c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina; ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida, e i capi dello Stato, pure loro, pensano solo per sé.
Bello è il paese! Ma Faustina, ahimè, più non ritrovo.
Non è più questa l'Italia che lasciai con dolore.

******

Verifico la data
: è stata composta nel 1790, durante il suo secondo viaggio in Italia.

Chissà cosa scriverebbe oggi...

Distinti saluti.

Giulio De Vecchi


Ohimè. Dunque il sedimento di arretratezza civile e morale è proprio invincibile, non si potrà mai ripulire? (La sola stranezza è che si potesse scrivere di questa sporca incrostazione in poesia).

Maurizio Blondet



problema_democrazia1
 

Abbonati a partire da soli 6,99

CLICCA QUI

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Menio Frioni 2014-03-30 07:47
Scrivo da Alatri (FR), mio padre sul letto di morte ha letto fino al giorno prima dell'infausto evento e tra i tanti libri aveva un NEWTON di Goethe J.W. e sapendo la mia fede nel popolo germanico dalla pubblicata "RedlichKeit", EinigKeit und Recht und Freiheit e la mia critica nei riguardi di "un popolo calpesto e deriso perché non popolo perché diviso" mi fece leggere questo 4° ep.Ven. Ne consegnai molte fotocopie anche alle scuole, mi fu bittato per terra con disprezzo da una insegnante che portava i ragazzi in fila a prendere un po' d'aria per la città di Anagni e di Fiorito con Bonifacio VIII, il papa dell'Anno Santo, caro a Dante, "racimolatore" di danari per la fabbrica di S.Pietro. La Prof esclamò:"Che ci faccio?"- ho pensato saprà leggere? Fatto del novembre 2000, pochi giorni dopo la mia chirurgia oncologica (150 punti nella pancia, già in piedi e senza aspettativa cara professoressa perché partita iva) e durante la chemioterapia di mio padre - Novembre 2000... "un bell'anno per morire".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità