>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

rape.jpg
Stupri. Anche della ragione.
Stampa
  Text size
Due violenze carnali in un giorno, e i «grandi» giornali ci fanno i titoli di prima pagina: ovvio, i «grandi» media hanno interpretato il voto, soprattutto alla Lega, come una richiesta di «sicurezza», e partecipano - come sempre - alla nuova aria che tira. I politici ci fanno la politica, sugli stupri.

Alemanno conta di vincere il ballottaggio contro Rutelli grazie alla ragazza accoltellata a Roma, i leghisti la menano sul clandestino violentatore e sono molto rispettosamente ascoltati dai grandi giornali. Del resto anche Fassino dà la linea: «Subito il dialogo col Carroccio».

Un super-sindacalista FIOM chiama la Lega: gli ultimi comunisti. Inteso, per lui, come elogio.

La sinistra - perdente - osserva, come sempre, che «ben altro è il discorso»: la «legalità» deve colpire i falsi in bilancio (sottinteso: Previti, Dell’Utri, Berlusconi), non solo i rom.

Il ministro dell’Interno ancora in carica, Amato, nota che gli stupri sono diminuiti del 12%, che non c’è nessuna emergenza-sicurezza. Grazie a Prodi.

Sono diminuite le «denunce» per violenza, non le violenze. E anche quelle denunciate, dite voi se vi sembran poche: 13 al giorno. Su dieci, 4 sono compiute da extranei o extracomunitari, sei da italiani, spesso parenti stretti della violentata.

Accuratamente taciuto - è naturale - uno dei motivi primari dello stupro diffuso: la diffusione capillare e la accessibilità della pornografia. Internet, telefonini, DVD, genitori «tolleranti» e aperti hanno messo la pornografia alla portata dei  dodicenni.

Sento, distrattamente da un TG, che una tredicenne è violentata in gruppo dai compagnuzzi di scuola, ripresa coi telefonini, e i ragazzi sono a piede libero perchè, secondo il magistrato, «lei era consenziente».

Mi piacerebbe sapere se un giorno questo Paese sarà disposto a inserire i pre-adolescenti nelle «fasce deboli».  I ragazzini sono deboli in maturità, in educazione, in personalità, in influenzabilità. La loro stupidità stessa va protetta.

L’accesso incontrastato alla pornografia è direttamente responsabile dell’immagine degradata che questi hanno della donna: facile, oggetto, oggetto-merce. La donna è spregevole, assatanata, vogliosa, nei videoporno. Perchè non quella che si «lascia andare» in discoteca, che «si mette in mostra» alla fermata del tram, che «la dà» al suo amichetto? Se «la dà già», perchè resiste a darla a dieci compagni?

Per gente ammorbata dalla pornografia, la donna è carne. Non ha diritti. Se resiste, una coltellata.

Fascia debole è anche l’emigrato: per lo più giovane maschio, proveniente da Paesi di forte ritegno («repressione», la chiamano) sessuale, ridotto alla miseria sessuale solitaria (magari lontano dalla moglie per mesi e anni), circondato da pornografia accessibile e dall’atmosfera «porno-soft» (così la chiamano) che emana da ogni cartellone pubblicitario, da ogni spettacolino TV: offerte di bocche semiaperte, di scollature abissali, bellezze («sexy», le chiamano) incredibilmente provocanti introvabili nella vita reale, che si espongono, si «offrono» per vendere un pannolino, un dopobarba, un orologio, o per presentare una lotteria scema con «ricchi premi».

Che cosa deve pensare l’immigrato delle ragazze «libere» che si vede attorno?

La «sinistra» che «difende» gli immigrati, da questo veleno non li difende. E’ ovvio: la «sinistra» ha dato alla pornografia uno status  istituzionale, la volta scorsa ha mandato in parlamento il maturo Vladimir Luxuria, professionale di quel mondo.

In ciò, in piena consonanza con la borghesia «liberale» e illuminata: che a difesa del porno parla di «libertà di opinione», di stampa e del pensiero.

Mi piacerebbe capire in che cosa la ripresa video di coiti plurimi è espressione di un «pensiero», o almeno di una «opinione». E questo, in un Paese che condanna decine di opinioni e pensieri minoritari, e in qualunque modo non-conformisti.
Un professore di Torino, Renato Pallavidini, è stato messo sotto inchiesta per aver risposto - a domanda di una sua studentessa - che secondo lui Israele strumentalizza l’olocausto per coprire le sue atrocità contro i palestinesi.

Un presidente di Cassazione di Palermo, Giuseppe Prinzivalli, si vide arrivare un avviso di garanzia con tanto di perquisizione domiciliare «per aver negato in una sentenza il carattere verticistico di Cosa Nostra»; con ciò, secondo i procuratori che lo incriminarono, «aiutando a dissimularne la struttura». Quindi: concorso esterno in associazione mafiosa (come Contrada).

Come nota Mauro Mellini, avvocato radicale, (1) da cui traggo i suddetti esempi, il codice fascista stesso non perseguiva le opinioni antifasciste in sè - cosa possibile solo a una psicopolizia capace di penetrare nei cervelli e di spiare tutte le conversaizioni - ma la loro «propaganda», la loro «espressione collettiva e organizzata» volta a creare un «movimento».

Invece, l’Italia democratica - come si vede - colpisce le opinioni in sè, il pensiero: il giudice di Palermo è colpito per aver espresso l’opinione motivata che, secondo lui cosa Nostra non è una organizzazione gerarchica e monolitica.

Invece, la pornografia è un «pensiero» ammesso e depenalizzato.

La legge Mancino colpisce (tre anni di galera) chi «diffonde in qualsiasi modo idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale ed etnico». Notate le parole: «in qualsiasi modo». Non solo con una scritta sui muri, ma in una lezione universitaria (com’è il caso di Claudio Moffa che invitò Faurisson).

Colpisce specificamente, nominandole, le «idee», non «atti» di discriminazione. Colpisce tali idee indipendentemente dal pericolo sociale che possono rappresentare, anche se non ne rappresentano nessuno.

Poi, s’intende, la legge di censura è selettiva: Oriana Fallaci, Magdi Allam possono ingiuriare l’Islam e i musulmani come «inferiori», e vengono applauditi. La Fallaci e la Nirenstein possono esprimere l’odio razziale come e quando vogliono, e non come argomento razionale, bensì «incitante» ad azioni poliziesche di odio razziale, espulsioni, censure, controllo delle moschee.

La pornografia non potrebbe entrare nella Legge Mancino? Dopotutto, incita ad una «idea» degradante della donna, che incita al suo spregio e al suo uso ed abuso. Ma no. Anzi, Luxuria in Parlamento.

Anche questo mi sembra - insieme - stupro e pornografia. Con il sospetto che le leggi fasciste forse difendevano meglio le idee, e meno la pornografia (che era clandestina, difficilmente accessibile).




1) Mauro Mellini, «Delitti d’opinione ed opinioni delittuose», in Autori Vari, «La storia imbavagliata», a cura di Claudio Moffa, Teramo, 2007, pagina 35.


Home  >  Costume & Società                                                                            Back to top


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# andrearsi 2008-04-21 08:18
perfettamente d'aqccordo.ho una figlia di 15 anni che cerco di difendere da questa marea montante,ma non è facile...ciò che non riesco a digerire è la diffusione spaventosa della pornografia. Dott.Blondet,si presenti alle europee,le garantisco,io solo,ameno 10 voti!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alberto 2008-04-21 08:30
"Accuratamente taciuto - è naturale - uno dei motivi primari dello stupro diffuso: la diffusione capillare e la accessibilità  della pornografia. Internet, telefonini, DVD, genitori «tolleranti» e aperti hanno messo la pornografia alla portata dei dodicenni". HO 26 anni e sara' 10 anni che lo ripeto!!!! Non sono un genio, ne' una persona perfetta, ma neanche scemo! Vogliamo evitare la violenza sulle donne, ma non privarle della liberta' di andare via mezze nude, tette al vento e culo fuori.?!?! Ci vuole intelligenza e moralita'!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Viandante 2008-04-21 08:58
Buongiorno, oggi la maggior parte degli adolescenti ha un'idea abbastanza precisa del sesso, nel senso che conoscono l'azione meccanica del coito grazie (si fa per dire) ad ore ed ore di intenso studio...su internet. Quello che manca è spesso la cosa che sta a monte, ovvero il meccanismo di attrazione, corteggiamento e raggiungimento per gradi dell'atto. In buona sostanza, vedono l'atto meccanico, non sanno come arrivarci, sanno che quella ragazzina, come dice Lei, l'ha già  fatto, quindi si prendono con la forza, come la società  insegna, quello che pensano sia un loro diritto. Già  perchè l'incubo maggiore oggi, ma anche ieri forse, è di essere uno sfigato, un verginello che non l'ha ancora fatto. Con Molta Stima A.M.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alessandro 2008-04-21 09:05
come dire: "Coito ergo sum" Una nuova coscenza. Ormai abbiamo superato la filosofia cartesiana...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Tu 2008-04-21 09:13
IL DIFFICILE è FARLO CAPIRE ALLE TROIONE CHE LA FANNO VEDERE NEI SALOTTI TV. LE GIORNALISTE COLTE CHE NON MANCANO MAI DI METTERE IL GONNELLINO E L'AUTOREGGENTE. IL PROBLEME è FARLO CAPIRE A CHI IMPONE QUESTO COME MEZZO DI SUCCESSO PERSONALE E COME FORMAT INDISPENSABILE PER IL SUCCESSO DI UNA TRASMISSIONE. IL PROBLEMA E CHE LE MASSE SONO IMBARBARITE,INV OLGARITE E DIVENUTE ROZZE. I NUOVI GIOVANI SONO I FIGLI DI CHI CON LE COSCE IN IN BELLA MOSTRA,ANCHE NELLE TRASMISSIONI PER I PIU PICCOLI,VI E CRESCIUTO. DESIDERA LUI E IMMAGINARSI I SUOI FIGLI. RESTA SOLO DA CAPIRE SE IL SISTEMA SI E CREATO PERCHE SIAMO PROPRIO SFASCIATI DI NOSTRO O SE CREATO AD ARTE PER SOTTOMETTERCI. QUANDO IN UNA PIAZZA DI ROMA SI RADUNANO 80 MILA GIOVANI PER ASSISTERE ALLO SPETTACOLO DELLA NOTA TRASMIISSIONE AMICI VI E DA PREOCCUPARSI. SE VI FOSSE STATO UN SERIO DIBATTITO POLITICO SOCIALE CHE DENUNCIASSE LA STORTURE DELLA NUOVA SOCIETA' IN QUANTI VI AVREBBERO PARTECIPATO? NON SI RENDONO CONTO CHE CERYTE TRASMISSIONI E CERTI MODELLI CHE DA QUSTE SERVONO SOLO A RUBAR LORO IL FUTURO? non lo possono comprendere perche' i primi disanattati creati dal sistema sono i loro genitori. come puo' un ceco guidare un non vedente?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# mario 2008-04-21 09:32
il declino mondiale ormai è al punto di non ritorno, questa è l'ennesima conferma che non abbiamo più niente che funzioni in modo naturale e ordinato
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Noè 2008-04-21 09:38
Intanto però si è vietata la pubblicità  della TOM FORD giudicata troppo trasgressiva! Apparentemente dunque c'è trasgressione e tragressione!! Forse una trasgressione veniale e un'altra mortale. Evviva il nuovo catechismo post-moderno!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# mamo 2008-04-21 09:47
Basta con le mezze misure che costano molto e rendono poco. Proporrei di mandare ancora piu´donne nude in giro e sui media. Nello stesso tempo gli stupratori devono essere sottoposti ad elettroshock senza anestesia e bombati di torazina e bromuro. A seguito di cio´vengono lasciati liberi per monito agli altri. Donne nude da una parte e il cervello fritto dall´altra. L´italia diventa un tale inferno che la suburba di bucarest sembra il paradiso. Vi posso assicurare che se ne vanno....e se non se ne vanno,dopo il trattamento, e´come se non ci fossero.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# chiara 2008-04-21 09:52
Mio marito vuole cambiar casa. Abitiamo in periferia, e il bimbo ha compagni di scuola che non sanno neppure mettere insieme un congiuntivo. Famiglie semplici, a stento la licenza media. Però: alle riunioni di classe posti in piedi, tutti i genitori presenti, famiglie unite (una sola coppia separata su 24 bambini!) con 2 o 3 figli coperti d'amore e seguitissimi. La domenica, in chiesa, si fa a gomitate (lo dico io che non ci vado mai!) Un'amica di famiglia insegna nei "quartieri alti". Mio marito è estasiato dai suoi racconti: bambini che vanno alle mostre, che si interessano di cultura, che studiano musica. Ma... famiglie disgregate, inesistenti, crescono con la tata, pieni di soldi e sempre da soli. Ora mi chiedo, sconsolata: ha ragione mio marito a temere droga e delinquenza nella periferia degli "ignoranti"? O non saranno forse quei bambini colti ma abbandonati a rappresentare, in futuro, una pessima compagnia per mio figlio? Scusate l'OT.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Max 2008-04-21 10:05
Il problema è farlo capire alle masse e non alle troione dei salotti bene. Loro, e chi offre loro spazio, sono ben coscienti del proprio ruolo e dell'ideologia che affermano con la loro pratica comunicativa. Le masse capiscono quel che viene loro comunicato. Il problema è quindi riconquistare spazi di comunicazione sana e non quello di censurare alcunché. Questa sarebbe certo la via più celere e di certo la migliore per scongiurare un ritorno mediatico della barbarie, ma ad oggi il suo solo pensiero otterrebbe l'unica e definitiva eliminazione delle forze ancora sane della società , che a fatica difendono i loro luoghi di comunicazione di massa. Occorre iniziare con lo spegnere il televisore o quantomeno di lasciarlo acceso su programmi alternativi a quelli cripto-pornografici. Anche se il problema della pubblicità  rimane intatto, almeno per ora, intanto è un buon principio. L'esempio virtuoso è contagioso. Esattamente come quello vizioso. Fate, facciamo, scuola di virtù ed insegnamo un uso quanto più corretto possibile della TV. Ci seguiranno in molti. Non dobbiamo altresà­ rinunciare al nostro diritto di espressione delle nostre libere opinioni. Fate, facciamo, propaganda delle nostre idee contro il degrado televisivo, contro quell'assassinio continuo che la televisione perpetra a nostro unico danno. Qualcuno ci ascolterà , e questo qualcuno verrà  a sua volta ascoltato da altri. Non sarei poi così pessimista riguardo a tutto ciò. Gli unici rimasti convinti della salute psico-spirituale della liberazione sessuale e della conseguente iffusione della pornografia in ogni ambito delle attività  umane sono uno sparuto drappello di post-sessantottini che non credono più nemmeno a se stessi. Il principio di realtà , vorrei ricordare e sottolineare, è sempre più forte di ogni principio di ragione (intesa come ideologica), e prima o poi riafferma alla storia ed alla società  i valori eterni ed inalienabili del diritto naturale. Quindi, senza accennare o scomodare categorie filosofiche, tradizioni religiose o forze esoteriche, senza parlare della potenza di Eros, della violenza di Dioniso o della psicopatologia dei propri accoliti moderni, iniziamo una rivoluzione spirituale dalle nostre stesse singole esistenze. Il resto verrà  da sé.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Marina 2008-04-21 10:25
Lessi tempo fa un libro,che lei Blondet conoscerà  sicuramente, perlomeno l'esistenza..il cui autore, David Icke,giornalist a molto discusso, diceva che sin dal 1954 (se non ricordo male) l'America del NWO, Illuminati, ecc. aveva in programma "l'annichilimento delle coscienze" attraverso la VIOLENZA, DROGA E PRONOGRAFIA! La TV,ridotta ad una scatola satanica, si è infiltrata ovunque, persino nelle baracche dei poveri, ed ha fatto il suo dovere. Mezzo secolo dopo, abbiamo tutti sotto gli occhi questo ANNICHILIMENTO! Sappiamo che i colpevoli non sono solo loro, ma tutti coloro che ci governano da tempo, che hanno permesso ad avallato questo. Non parliamo poi di Berlusconi, che per primo con le sue TV ha introdotto il sistema "tette culi"...... Io vorrei tanto fare un Convegno, invitando giornalisti e scrittori che del problema giovanile (e non solo) si sono occupati, per evidenziare che i giovani sono le vittime di un comportamento adulto sbagliato e reiterato..affinché anche i genitori distratti si responsabilizza ssero finalmente, a loro volta cresciuti dietro una TV-monnezza.... I giovani chiedono solo Ascolto,AMORE, NON GIUDIZIO, MA SOSTEGNO e noi adulti siamo in grado di darli? Pare proprio di no, visti i casi di dpressione in aumento, suicidi, alcolismo, dipendenza da droghe ecc. ecc. Egregio Blondet perché non organizzate un Cenvegno sul tema: Genitori di oggi, giovani di domani? Grazi Marina
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# mamo 2008-04-21 10:27
Il problema non sono le donne nude,ma lo stato che non funziona. Pensate che i criminali si mettono paura di luxuria ,scanio e adesso di maroni con gli occhialini del milan!!?? Quello non fa paura neanche a un bambino. Uno stato che si possa chiamare tale invece di mettere sotto processo il Gen. Mori e il Col.Riccio ,dovrebbe promuoverli ed assegnarli un paio di aliquote sfiammate del tuscania. Prima si spara e poi eventualmente si discute sui problemi della societa´. Con le brigate rosse ha funzionato e stava per funzionare pure con la mafia se i nostri politici non fossero stati solo dei volgari ed inetti storpi moralmente e pure fisicamente! Basta chiacchere sulle donnine nude e´ora di cacciare fuori questa feccia a calci nelle palle!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alberto 2008-04-21 10:34
Cara Chiara, Le rispondo io! Non e' la conoscenza che rende brave le persone. Quando muoriamo, anch'essa muore con noi. Nel Vangelo e' scritto chiaramente. Insegni ai suoi figli piuttosto ad essere persone morali.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Nicola 2008-04-21 10:46
Gli stupri ci sono sempre stati. E i pedofili anche. E gli omosessuali pure. Piuttosto, ditemi, quanti di quelli che hanno una vita sessuale normale (=partner) fanno violenza agli altri? E, invece, quanti di quelli che non hanno una vita sessuale la cercano con la violenza (fisica e/o morale)?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# michelangelo 2008-04-21 11:08
signori miei... berlusconi e 20 anni di tv spazzatura che ha contagiato la rai ... questa é una delle cause della crisi.se non la principale. siamo stati rincoglioniti dalla persona che tutti voi avete votato, che in questo sito era intesa come male minore alle ultime elezioni. é dagli inizi degli anni ottanta che i ragazzini sono resi cretini dai cartoni, e gli adulti dai telefilm americani, e dalle fighette, dalle veline, gli adolescenti dalla musica inutile, dai video inquietanti e orrendi. non ci si lamenti, del raccolto ottenuto. é il maledetto raccolto di chi ha votato craxi e poi berlusconi dal 94 a oggi. é il maledetto raccolto di una rai (di sinistra) incapace di recuperare ma solo di appiattirsi sui contenuti mediaset. é il maledetto raccolto di tutti noi che compriamo la merda spacciata per oro. grazie, italiani, avete rovinato la generazione degli attuali under 30/35
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Apolide 2008-04-21 11:18
In un mondo dove i media sono alla portata di tutti e il SAPERE può essere a portata dei più,governare le masse in "democrazia" è difficile per i potenti e prepotenti. Quindi sono d'accordo con Marina"La TV,ridotta ad una scatola satanica, si è infiltrata ovunque, persino nelle baracche dei poveri, ed ha fatto il suo dovere. Mezzo secolo dopo, abbiamo tutti sotto gli occhi questo ANNICHILIMENTO! " Il nostro campione è il cavaliere con le sue Tv e la Rai che annichilita lo segue. La pubblicità  che finanzia in un mercato dove chi produce beni più o meno utili in grande quantità  a poi bisogno di grandi masse di annikkiliti consumatori. Se poi al campione di cui sopra diamo anche il voto c'è da stare allegri.La sinistra con "l'orecchino" da tempo non si occupa delle persone. Semplicemente brancola nel buio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# HAMBEDAY 2008-04-21 11:28
Molti anni fa a Roma, una coppia omo con tanto di boutique alla moda di fronte all'Hotel Hassler, mise in vendita delle minigonne bellissime per i tessuti, ma ridottissime. Fu fatto loro presente che non le avrebbero vendute facilmente. Andarono a ruba e il loro commento fu: " Vedrete in futuro, più troiescamente vestiremo le donne, più saranno contente". Fa parte della stessa strategia di distruzione della femminilità , averle conciate con dei jeans da pattumiera, con le chiappe spesso sfatte letteralmente fuori, scarpacce >comode< quasi sempre sporche, e con una moda fatta di stracci atte a renderle ridicole se non peggio. Per non parlare del linguaggio che spesso è più triviale di quello degli uomini. Com'era l'inno delle femministe ? "Il corpo è mio, lo gestisco IO!" Cretine siderali, è nell'articolo di Blondet il risultato della vostra "GESTIONE". D'altronde il femminismo è un altra infame invenzione della MASSONERIA, LA MERETRICE GLOBALE DI SATANA.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Carlo 2008-04-21 11:31
Caro Dott. Blondet trovo che quello che ha scritto rispecchi in pieno la fotografia di cià³ che succede da troppo tempo nel "nostro" paese. Difficile davvero difficile aggiungere qualcosa al suo pensiero.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# luca 2008-04-21 11:32
Tornando al ruolo della stampa nel problema sollevato dal Direttore, vorrei portare alla vostra conoscenza l'art.114 del Tulps: ... E' altresì vietata l'inserzione di corrispondenze o di avvisi amorosi che non sia contrari al buon costume. E' inoltre, vietato di pubblicare, nei giornali o in altri scritti periodici, ritratti dei suicidi o di persone che abbiano commesso delitti. I giornali o gli scritti periodici, con cui si contravviene alle disposizioni di questo articolo, sono sequestrati in via amministrativa dall'autorità  locale di pubblica sicurezza. (http://www.sanzioniamministrative.it/collegamenti/I Codici/TULPS/TULPS.htm) Perché non aggiornare l'articolo estendendo questo divieto alla televisione?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# mamo 2008-04-21 11:45
Da buoni italiani...sempre la via piu´facile.. I criminali fanno quello che vogliono e la colpa e´delle donne che vanno in giro mezze nude. Cosi´la coscienza si tacita. Come quei clienti che volevano lapidare la prostituta un po´di tempo fa in Giudea. Viviamo in una paese dove se guardi una donna con sguardo insistente vieni condannato da uno psicolabile di giudice di pace. Se invece ne stupri venti, guadagni un sacco di soldi dando l´esclusiva fotografica a corona. Dobbiamo solo sperare che qualche magrebino violenti la figlia di un pezzo grosso del governo. Colpito nel suo particolare da buon italiano fara´diventare il suo problema un´emergenza nazionale.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aguacate 2008-04-21 11:58
à‰ vero che la pornografia è cresciuta in televisione grazie alle reti di Berlusconi, ma sotto i governi di sinistra la RAI ha fatto schifo tanto quanto la Mediaset. Meno male che vivo all'estero e a casa mia la televisione italiana non arriva.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giuseppe Costi 2008-04-21 12:01
Mi fa ridere sentire che il crollo della moralità , presente in tutto l'Occidente, sia colpa di Berlusconi. Perdendo la guerra, è crollato un vecchio assioma: Lo stato ha bisogno di maschi disposti a sacrificare la vita per difendere/estendere i confini della Patria e di donne disposte a morire per partorire figli e a sacrificarsi per allevarli. L' individuo fa parte della società , e combatte con i suoi camerati,camera te/compagni,compag ne, per raggiungere gli "immancabili destini", (che sono miti, lo so, ma non si vive senza miti). La perdita della guerra ha avuto per conseguenza l' emarginazione e spesso l' eliminazione fisica di tanti giovani europeiche non hanno potuto procreare nè tanto meno educare la prole. E' rimasta la libertà , il libero mercato, il collettivo, il diritto alla felicità . Buona festa della liberazione!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Chris 2008-04-21 12:35
La TV non cambia la natura umana. La TV, internet e quant'altro sono specchio della società . Sono prodotti che si vendono e che si devono adeguare a ciò che viene richiesto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Chris 2008-04-21 12:36
La pornografia è cresciuta grazie alle reti di Berlusconi??? Ma sapete di cosa state parlando?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Josef 2008-04-21 12:48
"Gli stupri ci sono sempre stati. E i pedofili anche. E gli omosessuali pure. Piuttosto, ditemi, quanti di quelli che hanno una vita sessuale normale (=partner) fanno violenza agli altri? E, invece, quanti di quelli che non hanno una vita sessuale la cercano con la violenza (fisica e/o morale)? " Sottoscrivo cio che ha detto Nicola. La verità  è che se avviene tutto ciò è a causa del rapporto malato tra uomo e donna. Purtroppo molti uomini "bravi e corretti" respinti da "donne stronze" pseudo-bigotte-prostitute a lunga andare subiscono degli shock psicologici che portano a cercare con la violenza e la perversione "altre strade" (omossesualità , pedofilia, stupri ecc.). Tutto le violenze sono ovviamente da condannare a prescindere da come sono nate, ma il problema andrebbe risolto alla radice. Stesso discorso vale per il porno, se esiste è perchè molti uomini non espletano "i bisogni naturali" con donne, e hanno bisogno di sfogarsi in quel modo. Se tutti gli uomini fossero soddisfatti (come accade nei paesi civili dove non vi sono pregiudizi) il porno non avrebbe ragione di esistere. Purtroppo in Italia (uno dei paesi più ricchi del terzo mondo) un rapporto sano e giusto con una donna non si può avere e succede tutto ciò. Se vi posso dare un consiglio da femminista (vero, coerente senza ipocrisie e soprattutto non bigotto): Cerchiamo di cambiare le donne e cambiamo anche noi maschi perchè "l'allupamento non giova".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giuseppe 2008-04-21 12:48
i miei figli non entrano a Internet da soli, ne guardano la TV da soli, ne vanno alla scuola da soli. pura prudenza
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# michelangelo 2008-04-21 13:06
caro chris la tv, il cinema, la musica, il teatro e internet non sono esperessione del popolo, non sono mai stati dati al popolo perché il popolo lo chiedeva. e se il popolo ha iniziato a chiedere un certo tipo di spettacoli, é perché qualcuno ce lo ha educato. la colpa é di chi produce e distribuisce certi prodotti mediatici. ci sono produttori che scoprono talenti veri, le cui espressioni aumenteranno le sinapsi tra i neuroni del pubblico, associando al profitto la crescita culturale del proprio pubblico e produttori che cercano autori che ti rincoglioniscon o. perché una volta rincoglionito comprerai di piàº. se la pensi come dici, sei un prodotto di 20 anni di mediaset, e non ho intenzione di sprecare altre parole con te.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# LICIO 2008-04-21 13:07
MI FANNO RIDERE QUELLI DELLA RAI CON LA LORO INSISTITA RETORICA DELLA RESISTENZA... ...E DELLA RESISTENZA DI MOLTI ITALIANI ALLE PORCHERIE CHE CI VENGONO PROPINATE DA MANE A SERA CHI MAI CI RIPAGHERA? FORSE L'ALTRA CASTA...QUELLA DELLA "TRIPLICE" FANKAZZISTA E DEVIAZIONISTA?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# mario 2008-04-21 13:08
Impariamo ad incazzarci quando invece di chiamarci 'cittadini' ci chiamano 'consumatori'. Non siamo polli di allevamento nutriti a mangime bilanciato per poi essere spennati dal consumismo, ma esseri umani, capaci di un pensiero autonomo, di una vita spirituale, di un anelito verso l'alto. Né è corretto prendersela sempre con i 'poteri forti' che impongono certe scelte. La colpa maggiore è nostra perché noi cittadini abbiamo la possibilità  di dire NO. Sempre. Capisco che questa è una ricetta indigesta e che è preferibile per il nostro stomaco atrofizzato ingurgitare il mangime bilanciato già  digerito per noi dalle multinazionali. Nessuno dall'alto, però, interverrà  mai per liberarci da questa malìa. Allora, da oggi, cominciamo a prendere a calci nel deretano chiunque chiami noi cittadini 'consumatori' e l'Italia 'paese' e non nazione.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# davide 2008-04-21 13:20
l'esplosione della pornografia è avvenuta con internet, però Berlusconi ha dato inizio al tutto e la Rai si è accodata. Il web è pieno di filmati di signorine in minigonna cortissima e senza mutande, volete che non sappiano che è sufficiente l'accavallamento delle gambe per farsi un po' di pubblicità ? e i nostri figli ovviamente stupidi e ingenui pensano che sia facile fare sesso
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Lubba 2008-04-21 13:46
Veramente il clandestino era delinquente anche in patria. Se uno accoltella una passante per stuprarla è una bestia e deve stare in gabbia. La scusa della "pornografia" mi sembra quasi letteraria: come se stessimo parlando del protagonista di un romanzo di Ellis e non di una tipica figura squallida e violenta. Poi piantamola con il mito dell'immigrato "duro e puro", il macho addestrato ad una vita da waldganger che viene nelle opulente città  occidentali a prendersi le nostre donne, che tanto "sono tutte puttane". La Romania è uno Stato peggiore dell'Italia, con un tessuto sociale che se qui è "poltiglia" lì è merda rinsecchita: bambini nelle fogne, palazzi fatiscenti, rom senza patria né legge, speculatori, papponi, ladri che hanno la stessa faccia dei rapinati. Non vengono dal Congo, queste belve stupratrici. Arrivano da uno Stato che assomiglia all'Italia, ma dove le pene sono più severe: per questo fanno il viaggio. La ragazza accoltellata e stuprata era una studentessa proveniente dal punto più meridionale dell'Africa: una negra, poverella. Mica un orgoglioso rumeno ortodosso traviato dalla nostra cultura pornografica, no? Cerchiamo di fare discorsi seri. Per esempio, parliamo del fatto che ad ogni stupro da parte di un rumeno di merda viene fuori che "la maggior parte degli stupri avviene in famiglia". Certo, come se le statistiche fossero fatte tra 50 milioni di italiani e 50 milioni di rumeni. E' in questo punto che la ragione vola via, perché basterebbe un granellino di materia celebrale nella testa per capire che in proporzione sono gli immigrati a compiere più stupri degli italiani. Mi sono veramente rotto di sentirmi dire ogni volta che se un immigrato stupra una ragazza allora è colpa nostra, perché ci facciamo le seghe, siamo ricchi, andiamo a puttane, compriamo vestiti firmati. Queste idiozie le dice pure il direttore della Padania, non si preoccupi. Il problema è che io di puttanieri cocainomani coi vestiti firmati non ne conosco. Nel mio quartiere vedo solo povera gente che cerca di sbarcare il lunario con lavori umilianti: mezza paga gliela toglie il governo, e mezza il mutuo. Non so se la sera si prendono un giornaletto e si fanno una sega, ne avrebbero pure il diritto, questi poveri stronzi. Che non vanno a bruciare i campi rom, a creare un kukluxklan de noantri o a violentare le puttane rumene per ripicca; perché ci vuole più coraggi ad essere civili che delinquenti, soprattutto per gente che una educazione l'ha avuto. Ma già , noi siamo tutti "fellah", dobbiamo essere raddrizzati. E vaffanculo, è la volta buona che smetto di leggere il sito.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Paulus 2008-04-21 14:12
Sono daccordo come sempre con Lei, signor Blondet!! Si presenti in Parlamento
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Roberto 2008-04-21 14:17
Sono ampiamente d'accordo col commento di Michelangelo, anche se mi permetto di fare qualche precisazione (la quale non vuole sminuire le responsabilità  di Berlusconi in tutto questo): le TV e il mondo "culturale" creato dal Cavaliere non sono tanto una CAUSA, intesa come origine, della crisi e della decadenza dei nostri tempi, ma piuttosto ne sono state un prepotente VEICOLO, un sistema in cui si è trasmessa agli italiani la cultura e la mentalità  di massa americana, ma in versione spaghetti e mandolino. Insomma il Berlusconi-World è stata una potentissima cassa di risonanza che ha radicalmente abbassato il livello di cultura e di dignità  ed ha fatto crescere (crescita che continua ad aumentare) il cattivo gusto degli italiani; cattivo gusto che riguarda non solo le scelte estetiche, ma anche e soprattutto le scelte etiche e politiche. Infine, si caro Chris, la pornografia è cresciuta anche grazie alle reti del Berlusca: prima di Mediaset non si vedevano presentatrici scollate alla RAI, non c'erano cosi tante vallette e ballerine provocanti negli spettacoli (ricordate Drive-In? una delle prime trasmissioni soft-porno), non venivano trasmessi cosi tanti film spregiudicatame nte erotici o semi-porno; inoltre, tanto per fare il nome di un programma dichiaratamente porno, la versione TV di "Play-Boy" sempre dalle reti del biscione è stata trasmessa!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Valerio 2008-04-21 14:40
La pornografia, non è altro che una delle manifestazioni della sessualità . Esiste da moltissimo tempo ed è pure stata messa in versi (Catullo dice qualcosa?). L'associazione tra pornografia e stupro non è mai stata dimostrata, ma naturalmente per chi vede il sesso come male in sé, è difficile cambiare opinione. Quello che trovo altamente deplorevole è che un messaggio diretto al nostro irrazionale, il sesso, venga usato per commerciare prodotti. L'acquisto di un prodotto dovrebbe essere fatto su base razionale. La sinistra non c'entra alcunché con la diffusione della pornografia. E le femministe la aborriscono da sempre. Ma devo ricordare qui quanti della destra vogliono riaprire le case chiuse, perché così non vengono beccati con le veline o altre peripatetiche ogni 2 x 3? E i commenti salaci del "cavaliere" in pubblico e nelle intercettazioni sulle suddette? Predicare "bene" e razzolare male... Questo sì che è il vizio tipico della destra.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# silvia 2008-04-21 14:44
Sembra che il cavaliere si sia pentito di non aver ottemperato le volontà  popolari dei referendum del 1993,e,i risultati elettorali siano stati uguali a quelli di allora.Dal'altra parte c'è una specie di vday anticipato dei giornalisti,olt re al vday del 25 aprile a Torino promosso dalle liste civiche varie,come l'eliminazione dei finanziamenti pubblici ai partiti attraverso la stampa.Insomma,con il senno del poi,si rialza il paese,in mezzo ai retaggi di due anni di danni pesanti lasciati dalla sinistra,ormai annientata.Le persone devono fare i conti con le leggi permissive sull'immigrazione.gli architetti di sinistra propongono di capovolgere tutta il panorama,con torri,ponti,dev iazioni del corso dei fiumi,magari senza tener conto delle zone sismiche dello stivale,insomma c'è ancora confusione,diso rdine mentale.Credo che abbia ragione il direttore,dato che un film di Totò recitava il detto "signori si nasce",invece di riformare subito,si dovrebbe riguardare addirittura un pochino la storia fascista,che appartiene all'animo,alle tradizioni dell'Italia.Per ora si riparte dal 1993,e quindi si torna,e si cade un pochino nel"si salvi chi può"(tipo lega)e gli altri si arrangino.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giorgio 2008-04-21 14:56
Bisogna cercare di capire se la TV sia realmente la CAUSA dell' attuale degrado sociale o ne è soltanto un SINTOMO. Personalmente, e sò che attirerò le critiche di molti, credo che la TV sia soltanto una "povera vittima", un' ENTITA' PASSIVA che in virtù del DIO DENARO attraverso la LEGGE DELL' AUDIENCE si plasma sul volere della propria utenza. Mi si obietterà  che tuttavia l' informazione televisiva subisce una fortissima influenza da parte di determinate classi politiche, ma io dico che anche questo fenomeno è solo e soltanto una conseguenza. La proposta di modelli e di un' informazione pessimi da parte della TV sono le conseguenze di un' Italia malata, di un popolo debole che deve la sua situazione solo e soltanto alla sua storia. E' nella storia d' Italia che vanno individuate le cause della situazione attuale, dobbiamo smetterla di puntare il dito verso Berlusconi, trans, TV, comunisti o quant' altro. Questi sono soltanto i SINTOMI della MALATTIA di un popolo "liberato". Andrà  peggio, sempre peggio. Almeno fino al giorno in cui ci risveglieremo moribondi e oramai consapevoli di quale sia il male che ci ha ridotto in questo stato. Quel giorno ci troveremo a fare una scelta, lottare o morire. Ma non disperate gente, poichè il fine è sublime. Guarire lottando sarà  come muovere un passo enorme verso DIO.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni T. 2008-04-21 15:31
Mi spiace, parte del suo articolo è anche condivisibile ma, direi eccessivo e mancante di una consapevolezza, questi immigrati: maghrebini, romeni, albanesi, chi per un motivo "culturale", chi perchè vissuto nell'ignoranza sentimentale del socialismo reale, sono come bestie allo stato brado, vagano in cerca della preda e poi la trascinano affamati nella loro tana, lei è sempre attento censore della nostra società , troppo spesso vede il dito e non la luna, il vero problema è che, questi immigrati sono estranei alla nostra cultura e modo di vivere, non è la pornografia a far loro sentire le donne puttane, lo pensano già , non hanno sentimento, non siamo noi moralmente lascivi, sono loro spiritualmente retrivi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alessandro 2008-04-21 15:49
Chris dice : Chris Sassari , aprile 21, 2008 11:35 La TV non cambia la natura umana. La TV, internet e quant'altro sono specchio della società . Sono prodotti che si vendono e che si devono adeguare a ciò che viene richiesto ---Stavo per rispondere quando leggo ... caro chris la tv, il cinema, la musica, il teatro e internet non sono esperessione del popolo, non sono mai stati dati al popolo perché il popolo lo chiedeva. e se il popolo ha iniziato a chiedere un certo tipo di spettacoli, é perché qualcuno ce lo ha educato. la colpa é di chi produce e distribuisce certi prodotti mediatici. ci sono produttori che scoprono talenti veri, le cui espressioni aumenteranno le sinapsi tra i neuroni del pubblico, associando al profitto la crescita culturale del proprio pubblico e produttori che cercano autori che ti rincoglioniscon o. perché una volta rincoglionito comprerai di piàº. se la pensi come dici, sei un prodotto di 20 anni di mediaset, e non ho intenzione di sprecare altre parole con te. ahah non potevi scrivere risposta migliore michelangelo ...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Stefano 2008-04-21 15:58
Da gay sono d'accordo con quasi tutto, sono d'accordo sul fatto che la pornografia è uno strumento di distruzione e devastazione della società , sono d'accordo sul fatto che la sinistra lo tollera e anzi implicitamente lo incoraggia, sono d'accordo sul fatto che probabilmente tutto questo è voluto da poteri nascosti, penso che tante fenmministe avrebbero fatto meglio a combattere questa degenerazione se davvero ci tenevano al rispetto della donna, sono un pò perplesso invece quando lei accomuna gay e pornografia come unico fenomeno di degradazione della società . I gay ci sono sempre stati e tra loro ci sono anche tante persone perbene che sono sinceramente stufe di essere sempre frettolosamente accomunati al mondo della pornografia & simili. Per esempio da quello che dice Lei, Blondet, sembra che Luxuria sia un'attricetta porno... o che inciti a un'idea degradante della donna... Io posso anche non essere d'accordo con Luxuria in tanti punti, ma le pare il caso di definirla così? Certi suoi giudizi sono stupidamente trancianti, e lei lo sa benissimo, ma ha deciso di darli lo stesso, e di pubblicarli. Forse è più facile così, e non porsi tanti problemi. Forse a parlare così ci si fa capire meglio dalla massa. Lei evidentemente non sa e non vuole rendersi conto che così facendo rafforza un pregiudizio che opprime le vite di tante persone. Io continuerò comunque a leggerla e anche a apprezzarla, ma spero che rifletta. Sono sicuro che lei conosce diversi omosessuali di cui però neanche sospetta l'esistenza... Lei è una persona intelligente: cerchi di essere più rispettoso delle vite degli altri!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Daniele 2008-04-21 16:08
"[...] (a proposito il fondatore di PLAYBOY, Hefner, non è EBREO?) [...]" No, è cristiano metodista. E Playboy potrà  sembrare trasgressivo e peccaminoso per gli standard americani, ma agli occhi di un italiano è acqua fresca: ha lo stesso voltaggio erotico di un numero di Panorama, o di un programma del Bagaglino.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Roberto 2008-04-21 16:16
X MARINA di Roma NWO = NUOVO ORDINE MONDIALE quello che succede nelle nostre società  non è frutto del caso, questo stato di cose è perfettamente programmato. La pornografia è stata prima introdotta in modo subliminale, in questo quando è stata resa esplicita le persone l'hanno accettata passivamente. SUBLIMINALE questo è il problema, le masse accetteranno qualsiasi cosa se prima verranno programmate senza che se ne accorgano. IL SATANISMO, questa è il loro nuovo obbiettivo, da qualche anno nei cartoni animati dei bambini, nei film, nelle canzoni, vengono inseriti un numero impressionante di messaggi SUBLIMINALI SATANICI, i cartoni animati più visti dai bambini ne sono pieni. Fra dieci anni l'emergenza sociale, non saranno gli abusi sulle donne ed i bambini, ma i sacrifici umani di donne e bambini (cosa che già  si verifica). Mi sono fatto promotore a Roma di incontri che analizzano questi fatti, ieri abbiamo fatto la nostra seconda riunione, ne faremo altre. Finora siamo in 12 persone ma contiamo di aumentare, gli argomenti trattati sono: SIGNORAGGIO - SATANISMO - MESSAGGI SUBLIMINALI - MASSONERIA - SCIE CHIMICHE - CRISI ECONOMICA. PRIMO OBBIETTIVO: Una degli argomenti trattati con urgenza è stata l'attuale crisi economica che potrebbe acuirsi nei prossimi mesi o anni. Una delle proposte operative emerse è quella di costruire una comunità  ecologica, magari comprando in molte persone una azienda agricola o un agriturismo in disuso ed usarlo come laboratorio tecnologico, al fine di creare anche attività  in grado di esportare questo micro modello di città  ecologica. Se sei interessata puoi inviare una email a frnzrbrt@tiscal i.it INVITO VALIDO PER CHIUNQUE SIA INTERESSATO. Saluti Roberto --------------------------------- Marina Roma , aprile 21, 2008 09:25 Lessi tempo fa un libro,che lei Blondet conoscerà  sicuramente, perlomeno l'esistenza..il cui autore, David Icke,giornalist a molto discusso, diceva che sin dal 1954 (se non ricordo male) l'America del NWO, Illuminati, ecc. aveva in programma "l'annichilimento delle coscienze" attraverso la VIOLENZA, DROGA E PORNOGRAFIA! La TV,ridotta ad una scatola satanica, si è infiltrata ovunque, persino nelle baracche dei poveri, ed ha fatto il suo dovere. Mezzo secolo dopo, abbiamo tutti sotto gli occhi questo ANNICHILIMENTO! Sappiamo che i colpevoli non sono solo loro, ma tutti coloro che ci governano da tempo, che hanno permesso ad avallato questo. Non parliamo poi di Berlusconi, che per primo con le sue TV ha introdotto il sistema "tette culi"...... Io vorrei tanto fare un Convegno, invitando giornalisti e scrittori che del problema giovanile (e non solo) si sono occupati, per evidenziare che i giovani sono le vittime di un comportamento adulto sbagliato e reiterato..affinché anche i genitori distratti si responsabilizza ssero finalmente, a loro volta cresciuti dietro una TV-mondezza.... I giovani chiedono solo Ascolto,AMORE, NON GIUDIZIO, MA SOSTEGNO e noi adulti siamo in grado di darli? Pare proprio di no, visti i casi di depressione in aumento, suicidi, alcolismo, dipendenza da droghe ecc. ecc. Egregio Blondet perché non organizzate un Convegno sul tema: Genitori di oggi, giovani di domani? Grazi Marina ---------------------------------------
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# michelangelo 2008-04-21 16:29
chris, tanto per puntualizzare quando detto prima, vorrei tornare su quanto detto da roberto. ovviamente film e telefilm mediaset erano e sono al 90% americani, ma cià³ non fa che spostare il problema. ci sono produttori multinazionali che speculano sulla necessità¡ umana del superfluo (tanto bene identificata da Wilde come caratteristica che ci distingue dagli animali). berlusconi (e chi con lui ha avallato il progetto di rincretinizzazi one, perché di progetto si tratta, p2 a parte) é il produttore/distributore al livello italiano di quella roba che ha inquinato le menti dei genitori degli anni 80 e dei loro figli, tra cui me. chi non se ne rende conto é perduto, e tra questi ci sono tutti i cultori sfegatati della merda anni 80, compresi quei bimbumbam e ciaociao che erano divertenti presi a piccole dosi, erano alienanti 3 ore al giorno. se c'é un motivo per chiamare berlusconi&co (craxi che gli ha dato una mano, et al) criminale sociale é questa. se c'er aun motivo per non iniziare a votarlo nel 1994, era questa. ma mi sembra che idee del genere non passino neanche per l'anticamera del cervello da queste parti, neanche per quella del buonissimo direttore blondet, che vedeva cmq berlusconi come male minore rispetto all'amicone del bildelberg veltroni. il bullismo, lo stupro di gruppo, é figlio di quei genitori rincoglioniti da hunter, e di quei figli bombardati a mitraglia, in serie da ciaociaomattina - bimbumbam - ciaociao - Starky&Hutch - A-Team - McGyver - SuperCar - PrimiBaci - BaysideSchool - BeverlyHills, a casa con le mamme che vedevano Sentieri - Beautiful - e merda successiva, a raffica. persone i cui valori sono stati lentamente minati nel profondo, resi da cittadini a consumatori, presi dove poco potevano fare per reagire, davanti a un televisore, che per la qualità¡ del mezzo (immagini in moto suoni) e per il rate di interruzioni pubblicitarie, sono stati progressivament e abituati a seguire storie assurde, aliene dalla realtà¡, interrotte ogni 20 minuti, totalizzanti l'attenzione, abbassando il livello medio di veglia. una critica della società¡ occidentale che non tenga conto di quello che siamo, di quello che ci hanno fatto mediamente diventare, é una critica inutile, sterile, vuota, e in definitiva sbagliata. michelangelo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Luca "Yassine" 2008-04-21 16:44
Lo dico sempre che l'hijab (letteralmente "nascondere allo sguardo") o velo islamico è una costrizione.... si, è una costrizione per gli uomini di vedere le donne come persone e non come oggetti (sessuali). Che la pace sia con voi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Domenico 2008-04-21 17:09
E tutto un grande programma, la pornografia,la distruzione della chiesa, il divorzio,l'aborto,pagare le donne uguale a gli uomini cosi non si sposono,la promozione dell'omosesualita,et c etc. E una guerra fredda tra cristiani e sionisti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Gio Sco 2008-04-21 17:12
Non valuto positivamente pur nel rispetto dei valori cattolici e non solo-si pensi ovviamente al ben piu' rigido-almeno apparentemente- islam (ma sarà  poi vero come dicono loro-ad es.un mio amico in Giordania, peraltro cristiano, che loro le prostitute e gli omosessuali non li hanno?) una eventuale crociata "moralista". A parte che purtroppo i risultati di queste iniziative spesso si rivelano un boomerang. Certo le donne "nude" possono eccitare ma una ballerina di flamengo di Sivilgia tutta vestita nel suo variopinto costume tradizionale puo' eccitare molto di piu'. E poi ormai qui siamo nella piena malattia mentale: si stuprano le vecchiette di 70 anni per non parlare degli stessi uomini--si ricordi "Un tranquillo weekend di paura" ambientato nei rudi monti apalachiani . un film piu' o meno del lontano 1970 e nel caso specifico non certo per motivi sessuali ma di puro odio.Non parliamo poi della presunta pedofilia anche se mi rifiuto di credere ai preti ed insegnanti pedofili di cui si vaneggia sempre piu' a sproposito creando ancor piu' panico nei genitori che pero' - essendo miei coetanei ed anche piu' giovani non mi sembrano si ricordino molto della loro gioventu'. Negli anni 70 e 80 non c'era internet ma spopolavano i "giornaletti" e le prime VHS. E pure le TV private prima di parziali"giri di vite" non e' che ci andassero leggero: vi ricordate COLPO GROSSO? E la TV CAPODISTRIA molto prima di Berlusconi cosa trasmetteva oltre alle partite del Partizan e della Stella Rossa di Belgrado? Berlusca con veline e letterine se vogliamo ha riproposto un look molto anni 50 da varietà  parigino che ai suoi bei tempi da bohemienne frequentava molto assiduamente - ma come abbia fatto a laurarsi in legge alla Sorbona poi non e' dato capirlo..E ' uno dei tanti misteri del giovane Silvio. Il vero porno e' altro! Le ciccione - i grassoni gay e tutte le cose piu' orripilanti che circolano in rete. Ma non invito affatto a controllare .. Fassbinder regista dannato e drogato tedesco anni 70-80 dichiaratamente gay si vantava di frequentare uomini orribili come lui. I "giiiri di vite" alla Toto' si rivelano sempre piu' essere delle ciofeche..Poi che la Moratti voglia superpoteri - come se non ne avesse già  abbastanza visto che qui tutti si prostrano ai sui piedi - perche' - diciamolo - una puttanella proveniente da una tranquilla e amena città  di nome Chicago dove notoriamente la criminalità  non hanno nemmeno mai saputo che cosa fosse...venuta qui nella ben nota università  che laurea con 110 e lode un presunto ma non ancora dimostrato massacratore di fidanzate per l'altrettanto noto dalle cronache perugine progetto Erasmus (ma non era solo per gli studenti europei?) si fa rimorchiare in una equivoca discoteca da un vero gentleman quale puo' essere un presunto clandestino egiziano ubriaco-ma poteva anche essere uno di Busto Arsizio.. -e poi viene violentata - ma tanto per lei come dichiarerà  poi - non cambia nulla - sono cose che succedono.. Se poi Alemanno che non sarà  una cima ma e' pur sempre meglio sia di Fini che di Rutelli e che spero sinceramente possa diventare finalmente sindaco di Roma dopo decenni di incomprensibile dominio di una sinistra catastrofica si indigna prendendosela con Veltroni per un fatto analogo ad uno successo a Milano dove governa il centrodestra da una vita va bè : e' la politica di casa nostra. Penso che spetti ai magistrati far rispettare le leggi. La polizia-ma si' ormai abbiamo veramente bisogno della Psicopolizia - non puo' certo spuntare da ogni angolo della strada 24 ore al giorno nè entrare nelle camere da letto dei cittadini per controllare se tutto procede secondo le regole..ma quali? Il Kamsutra a norme CE ? E poi basta piazzare telecamere dappertutto..non solo per l'ecopass. Abbiamo piu' sbirri di ogni altro paese. Se capita di fare una capatina in un commissariato dopo una lunga coda dietro ad extracom in cerca di permessi di soggiorno e te li trovi' li' con le gambe sul tavolo come Dick Tracy a leggersi la rosea non e' che ci si possa poi aspettare tanto. Almeno i Carabinieri un po' di comprensione ce l'hanno. E poi chi ha eliminato il servizio di leva obbligatorio con tanti ragazzi - in effetti in gran parte raccomandati (ma che paese siamo dove pure per fare il servizio- dovere militare ci si deve pure far raccomandare da qualche maresciallo?) che davano una mano nei comandi a costo O? Col servizio militare molti ragazzi con scarse possibilità  potevano imparare un lavoro - come fare il camionista od il meccanico o cuoco. Ora che si fa? Ma i militari non dovevano spalare loro la rumenta di Napoli? Già  ma chi ci sta piu' nelle già  prima semideserte caserme? Ho fatto il militare a Cassino 20 anni fa..feudo Andreottiano per antonomasia..ne ho viste di tutti i colori..li' ho capito che cosa e' veramente l'Italia..ma almeno mi sono fatto un anno di relax alle spese dello Stato.Una per tutte :la caserma era sterminata ma al massimo ci saranno stati dentro un centinaio di soldati nei momenti di maggior affluenza delle reclute..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Roberto 2008-04-21 17:28
Ancora una volta mi trovo molto d'accordo con Michelangelo. Ne approfitto per muovere una critica (una delle poche possibili, a dire il vero) verso questo sito e il suo direttore: la poca (o proprio nulla) insistenza su quanto la "cultura" del Berlusconi-World che descrive Michelangelo ha rovinato l'Italia. A parte la questione di Berlusconi come "male minore" dell'articolo di Fabio De Fina (a mio avviso assolutamente non condivisibile), su questo sito si insiste spesso a parlare male della RAI (in part. RAI3) presentandola come "di sinistra": d'accordo che la RAI fa schifo (come fa schifo anche la sinistra, che la controlli o meno) e che non costituisce una valida alternativa (come in politica la sinistra!) ma certo la cloaca massima delle reti Mediaset, responsabile di un buon 70% e più della decadenza degli italiani non puo essere taciuta o minimizzata in questo modo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Francesco 2008-04-21 17:32
Il problema secondo me sono due e basta,gli immigrati,e le nostre donne.Si quelle che in spiaggia non hanno nessun ritegno a farsi vedere quasi nude dai vu cumprà ,e lo sanno in che condizione sono quei poveri neri, sessualmente parlando .Basta andare dalle parti di Rimini in estate se ne vedono delle belle.La notte basta girare tra gli ombrelloni chiusi,le nostre belle donnine che la mattina sono tutte unte di olio e dormono nude sui lettini,la notte provvocano i vu cumprà  che sono vicino alla spiaggia,e poi si fanno scopare sui lettini.Ne ho viste anche di peggio da far schifo,il bello che dopo non li degnano neanche di uno sguardo la mattina quando gli vuol vendere le sue cianfrusaglie.Questo lo visto diverse volte,e mi è stato anche raccontato anche dai neri che sono qui e che in estate girano per le spiagge.Certo gli immigrati anche loro hanno capito bene con chi hanno a che fare,anzi qualcuno pensa che sono tutte così e poi succede lo stupro.Ma non è solo a Rimini,adesso anche nei paesini e nelle città ,forse queste donne non riescono ad aspettare finchè arriva di nuovo l'estate.Traetene voi la conclusione,la maggioranza sono ragazze giovani.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# stefano 2008-04-21 17:42
Non sono totalmente d'accordo sul fatto della pornografia,cre do che sia un fatto rilevante invece che con le leggi attuate dal governo berlusconi e lasciate anche se criticate dal governo prodi,prescrizi one falso in bilancio e per finire l'indulto,questo sia diventato un paese di delinquenti cialtronazzi e mafiosi,quindi la tanto sbandierata propaganda elettorale sulla sicurezza con i politici tornati alla ribalta,sarebbe bene ricordare che i primi responsabili sono loro,quindi sarebbe meglio non cianciassero a vanvera,e cominciassero a lavorare per il paese e non per fare leggi leggine leggette per salvare loro e i loro picciotti.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Stefano 2008-04-21 18:08
Blondet, come al solito quando non parla del Papa lei è semplicemente fantastico!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Noè 2008-04-21 18:19
Quando governava la Chiesa, queste orge collettive si producevano di nascosto. Prima dell'arrivo del Papato, regnavano sovrani i riti fallici e licenza verbale. Vi siete mai chiesti perché le parolacce specialmente quelle italiane ruotano intorno alle parti genitali? Questa è un'eredità  tramandatasi lungo i secoli. Mistero dell'iniquità !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# chiara 2008-04-21 19:29
Ragazzi, sti immigrati non è che vengano tutti dal Medioevo. In molte parti dell'Africa le donne, pur oppresse e schiavizzate, sono sessualmente libere e vanno in giro in minigonna e a ballare in discoteca. Nei Paesi ex-socialisti, la libertà  sessuale era superiore alla nostra. Il vostro discorso del povero emigrato che strabuzza gli occhi davanti ai bikini può valere giusto per chi viene da Paesi musulmani. La verità  è che in questo infelice Paese regna l'impunità . Impunità  per il romeno che stupra la studentessa, impunità  per il cocainomane che investe e ammazza un bambino col SUV, impunità  per il negoziante che imbroglia e per la Telecom che truffa. Gli immigrati si adeguano: qua, è la pacchia per tutti!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# michela 2008-04-21 20:39
Non credo che le donne comportandosi come vuole lo show-biz cioè da veline, pornodive, manager-amante abbiano guadagnato qualcosa... parlano di potere e di diritti ma più ci si spoglia e ci si vende e più si cade nell'abisso.Hanno perso il rispetto dei loro uomini, hanno perso il potere nella loro famiglia, vorrei che le donne incominciassero ad essere valutate per la loro intelligenza e non per il corpo. Sembra una banalità , ma anche i modelli proposti dai media sono sempre gli stessi. Viene sempre scelta come esempio la velina, la pornostar che facendo dei sacrifici è arrivata lì.. sempre all'estremo senza mai mostrare una donna normale, che tutti i giorni deve lottare con delle stronze perchè sono più belle, perchè se la fanno con quella persona, perchè sono più alla moda. Sarà  che ho avuto una madre fantastica che mi ha veramente insegnato cosa vuole dire crescere da sola tre figli facendo due lavori, che non si è mai venduta e anzi mi ha sempre riempito di botte quando facevo qualche cazzata. E mi ha impartito una lezione che con la sua durezza, oggi, mi ha fatta diventare quella che sono. Piuttosto sotto un ponte, piuttosto pane e acqua ma mai, mai perdere la propria autostima, il proprio orgoglio. Anche gli uomini comunque hanno le loro colpe, bisogna tornare a innamorarsi a v icenda perchè è la cosa più bella, smetterla di cercare le ragazze rumene facendo viaggi in slovacchia e nei paesi dell'est. E quanti miei amici lo fanno.Prendetevi una ragazza che capisca la vostra lingua e parlateci!Smett ete di pensare alla bellezza e piantatela di vedervi i porno, la vita di coppia non significa quello, statevene da soli piuttosto!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alberto M 2008-04-21 21:51
Dico una banalità  (ma forse neanche tanto): MA CHI VI HA DETTO CHE NON SI PUO' VIVERE SENZA TELEVISIONE? Nonostante 4 figli (17,16,12 e 4 anni) da oltre due anni siamo senza televisione e non ne sentiamo assolutamente la mancanza. Smettetela di pensare che non si possa fare. Si può, eccome. I risultati: 1) la casa diventa più grande 2) la giornata più lunga 3) il cervello più aperto soprattutto col tempo. Cominciate, cominciate. Se non lo fate però smettetela di dare la colpa agli altri.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Paolo 2008-04-21 22:29
Leggendo tutti i commenti inviati finora, che riguardano un problema di grande rilevanza come la pornografia, mi ha colpito che, tranne pochissime eccezioni, tutti accusino qualcun'altro (persona singola o struttura non importa)come esponsabile della pornografia e del conseguente degrado. Per questo mi sento in sintonia con Max Arche' ROMA , aprile 21, 2008 18:49. che fa un richiamo forte alla responsabilita' di ciascuno. Genitore che educa o figlio che riceve e accetta o rifiuta una educazione, tanto per cominciare. Altrimenti, dopo che tutti si sono "sfogati", il problema "passa", esattamente come uno spot televisivo. Mentre l'assumersi una parte di responsabilita', anche solo in quanto "spettatori" puo' essere l'inizio di una coversione al bene, che riguarda TUTTI , non solo GLI ALTRI. Anche me, ovviamente. "Chi e' senza peccato scagli la prima pietra"
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Gio 2008-04-21 22:56
Vorrei con il massimo rispetto contraddire un po' Michela..il fatto è che le donne dell'est pur con tutte le eccezioni del caso sanno forse - pur spesso esse stesse abituate da sempre anche a fare lavori da uomini - molte di loro sono manager in aziende ad esempio piu' che in Italia-riescono ancora ad essere piu' donne quando serve rispetto alle Italiane? Non parlo di lei ovviamente anche perchè non ho il sincero piacere di conoscerla e non amo parlare di cose che non conosco,ma in generale si puo' dire che la donna italiana soprattutto tra i 30 e i 40 anni ha realmente oggi il complesso di essere a tutti i costi piu' brava dell'uomo. C'e' questa fissazione. l'uomo guadagna piu' della donna..ma la donna in quanto tale deve essere piu' brava dell'uomo e quindi deve guadagnare di piu' e se cio' non succede e' colpa della società  che è maschilista ecc.ecc. Il caso clou ovviamente è la donna in politica. Le donne voglione ma non ci riescono essere piu' numerose in politica e comandare più degli uomini..Peccato che mediamente la politica e' l'attività  piu losca torbida e spregevole che possa fare un uomo..Accomodatevi pure dunque voi se volete fare politica..penso naturalmente che non sia il suo caso e nemmeno il mio. Poi le deliranti donne soldato di cui non mi pare anche noi avessimo proprio bisogno. Le donne anche li' non si accontentano: vogliono diventare ufficiali colonnelli generali a magari marescialle d'Italia come Graziani e Badoglio..cito due uomini a caso naturalmente. Che fossero -soprattutto il secondo - due bastardi non ha importanza.. E che dire delle molte donne boss mafiose e camorriste o le nonne spacciatrici di droga.. Ora pare che non ci sia una donna o ragazza che sappia fare la sarta..mia madre faceva la sarta.. puah :e' un lavoro da donne..anche se ci sono grandi possibilità  di guadagnare bene.vuoi mettere guidare un TIR da Lisbona a Vladivostock in mezzo alle steppe siberiane... Il mito ormai e' la LADY DI FERRO . come la Moratti che strameledico ogni mattina anche se per ora in fondo non ho neanche preso troppe multe..ora danno le multe pure la domenica sera.. Gli americani ancora non devastati dalla propaganda neocon diffusa da FOX TV si augurano che mai la Hillary divenga presidente degli Stati Uniti. ma si buttiamo li' la frase razzista. meglio un negro che una donna..e magari pure un vecchio pazzo con l'alzhaimer.. Si pensino ai disastri economici provocati dalla da noi tanto mitizzata Tatcher..ha distrutto l'economia britannica. Chiuso miniere,acciaie rie, fabbriche tessili industrie automobilistich e poi finite in mani indiane..Tutti a lavorare allo Stock Exchange: in questo caso pero' si vedono in giro per la City solo uomini che ormai da anni non indossano piu' la classica bombetta.. che fine ha fatto gia'? Le donne inglesi pero' non rinunceranno mai ai loro ridicoli cappellini..e non solo le regnati - si vada ad un matrimonio inglese per vedere cosa si mettono in testa.. e la ridicolissima Camilla? Non e' che la crisi con l'eterno bamboccione Carlo è nata dopo l'arrivo della coppia peraltro discutibile Sarko-Bruni? Si ' finalmente accorto che la Camilla e' un cesso sotto tutti i punti di vista anche se senz'altro è pure migliore di Lady D o delle Spice girls che lo tampinavano? Tutto sommato si': le donne dell'est per ora almeno sono MEJO di quelle occidentali. Belle ma forse non ancora troppo eleganti e sofisticate - interessate al denaro che da loro l'uomo per tenerle con se da naturale pappone che ogni uomo è ma che sanno ancora quale e' il loro ruolo pur nelle necessità  economiche che le spingono anche loro a cercarsi un lavoro. Perchè le badanti non le fanno le italiane - forse solo ora grazie alla crisi qualcuna pensa di farlo..Perchè non fanno piu' le infermiere e penso anche le suore anche se non ci sono dati precisi in proposito? So come le donne italiane odiano le concorrenti slave..so come le chiamano..sono peggio di Adolf che il vero razzismo lo esercitava contro gli untermanishe dell'est altro che gli ebrei che dovevano solo essere rieducati..Ma il peggio deve ancora venire quando ci renderemo conto - ed i tedeschi prima di tutto - dei danni che ci sta combinando la Merkel ex DDR..
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Stirneriano 2008-04-21 23:34
A Michela: se tanti italiani vanno a cercare l´amore nei paesi dell´est (romania e dintorni) e´perche´le italiane (che come diceva woody allen hanno imparato la vita dalla tv) sono semplicemente incapaci di essere mogli o madri. Puo´non piacere ma e´la verita´. Attaccate alla mamma a 40 anni, incapaci di gestire una casa e un figlio, tanto che il marito deve fare da baby sitter e da domestico, e con velleita´ artistiche da bimba non cresciuta. Consiglio a tutti di rivolgersi all´ESTero, troverete molte ragazze in gamba che da noi si sono estinte da almeno una generazione. Insomma non mettetevi e soprattutto non sposatevi con italiane se non siete disposti al martirio. Avete presente la pubblicita´del la saila menta dove lui fa´da zerbino sotto le scarpe di lei ? Uguale. E le donne italiane ? Ai marocchini oppure agli albanesi che le raddrizzeranno a legnate.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Luca "Yassine" 2008-04-22 08:10
Non capisco bene la teoria dello straniero sessualmente represso che venendo in Italia approfitta di tutta questa abbondanza. Non la capisco perchè, essendoci tutta questa abbondanza in Italia, gli uomini italiani dovrebbero essere sazi ed appagati, mentre in giro per il mondo hanno davvero una brutta, anzi orrenda , fama (vedi Thailandia, Cambogia, Cuba). Senza contare che il 60% delle violenze accade tra le mura domestiche degli italiani. Come si spiega? E come si spiegano le decine di migliaia di casi di abusi sessuali in ambienti ecclesiastici? Sono tutti preti romeni, albanesi, musulmani?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Marco 2008-04-22 09:26
E' necessario che la nazione venga guidata da Cattolici seri. La Pornografia, se non è possibile vietarla del tutto, deve essere almeno vietata nelle sue forme gratuite presenti in rete. Lo stato dispone di tutti gli strumenti tecnici per oscurare i siti pornografici, esattamente come ha fatto per i siti di scommesse on line di paesi stranieri.(che non versavano un cent alle casse dello stato, sembra che il denaro importi più della moralità !). Se un cittadino, poi vuole utilizzare quella robaccia vada a comprasela in un' edicola pagandoci sopra le imposte e dimostrando di essere maggiorenne. Comunuqe la pornografia a parer mio dovrebbe essere vietata in modo assoluto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# emiliano 2008-04-22 10:19
Mi rispecchio in quasi tutto ciò che è stato scritto da Blondet, ma vorrei porre l'accento su una questione: non è solo la pornografia (ammesso che lo faccia) a degradare la donna ad un livello basso e trasformarla in "oggetto", ma anche una certa cultura, mi si permetta, frutto di un mix tra femminismo radicale e libertario ("faccio quello che mi pare") e subordinazione a taluni stereotipi tipicamente liberali e moderni, per cui se non si è trasgressivi, se non si insegue il successo, se non si ambisce a super-uomini con caratteristiche fisiche elevate, si è perdenti, "sfigati". La non - cultura, che oggi investe i giovani, è il risultato di 40 anni di penetrazione del virus liberal-borghese da una parte e post-sessantottino dall'altra (ma soprattutto il primo), per cui tutto è assoggettato da leggi non scritte, ma comunemente accettate, che si chiamano stereotipi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# michelangelo 2008-04-22 11:14
bella società¡: divieti, invece di scelta di non "peccare" bel modo di crescere. berlusconi il cervello ve lo ha proprio succhiato tutto, fino all'ultimo neurone. non capite che i lrincretiniment o globale é voluto apposta per portare tutti a "chiedere" un sistema che risponda all'esperienza di eccessiva libertà¡ con una limitazione dei diritti? non capite che é fatto tutto per farci sperimentare quanta é brutta la libertà¡(questa libertà¡) propagandandoci uno sistema fatto di diritti e privo di doveri? marcerete tutti su roma a chiedere la schiavitàº, genii!!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Anna Luisa 2008-04-22 12:20
Dottor Blondet purtroppo non si può far nulla ... con tutto il cuore mi permetto di consigliarLe il libro citato in un altro post della Dott.ssa Napoleoni "Economia canaglia" dove tratta in due capitoli internet... a pag. 149 viene trattato in modo ampio ed esaustivo la pornografia su internet... come ad es.: "La pornografia su internet è diventata l'attività  elettronica ubicata nei paradisi fiscali più redditizia in assoluto. Sono gli imprenditori di questo settore che per primi usufruiscono della rete, sfruttando appieno la protezione e i vantaggi dei paradisi fiscali. (...) L'industria del porno influenza anche la pubblicità  su internet, per esempio i pop-up vengono inventati proprio per mostrare immagini pornografiche agli utenti. (...) Oggi la pornografia online può vantarsi di essere una delle industrie con più forte crescita al mondo ed è l'industria elettronica canaglia più vasta e redditizia in assoluto. (...) Gli imprenditori canaglia sono riusciti a costruire un mercato attorno alla fantasia più intima e oscura della gente: avere una vita diversa, migliore. Una seconda vita." segue il capitolo Second Life. Un esempio di come la pornografia la faccia da padrona anche nei motori di ricerca di internet... tempo fa volevo sapere cosa significasse il termine transessuale... potrete verificarlo tutti personalmente... digitando la parola transessuale compare questa videata http://directory.alice.it/directory/cgi/disclaimer_eros.cgi?src=1&url_to_go=http://search.alice.it/search/cgi/search.cgi?dom=s&offset=0&hits=10&switch=0&f=us&qs=transessuale&lr=it... ho dovuto spremere le meningi e trovare una parola o una frase per farsì che non comparisse la videata di cui sopra... Cmq spezzo una lancia in difesa delle tv di Berlusconi... lui non c'entra... lui sta cavalcando l'onda del consenso globale. Un altro fenomeno dilagante è la prostituzione... in Italia 9 milioni di clienti... beh anche qui funziona la legge di mercato... cresce la domanda aumenta l'offerta... Qui a Genova non ci sono più zone limitate alla prostituzione... tutta la città  è diventata una zona franca per delinquere: prostituzione, spaccio, ricettazione, furti etc... per non parlare dei Phone Center... leggo oggi che ieri in una zona del ponente genovese un Phone Center, gestito da una ecuadoriana, è stato oggetto di una rapina per 14.0000 euro, l'incasso giornaliero... e qui ci sarebbe da fare un lungo discorso... anche perchè questi Phone Center crescono come funghi... nella mia zona se ne trova uno ad ogni angolo... un altro metodo per reciclare denaro sporco ed avere mano d'opera a buon mercato. Con stima, Anna Luisa
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# lo scettico 2008-04-22 13:29
A corollario del commento di Anna Luisa : forse in Italia è giunto il momento di instaurare una Tirannia ! Nell'antica Roma, nei momenti più difficili, veniva nominato un Dittatore affinchè gestisse il dramma del momento e conducesse la Patria verso la salvezza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# paolo ruozi 2008-04-22 19:19
ho 42 anni e con i miei amici a 6 anni avevamo un biblioteca di giornaletti porno. la scuola di 20 anni fa ci ha dato una educazione che oggi non si da' piu', intesa soprattutto come rispetto delle persone e dei valori. mai andato in chiesa , ma rispetto tutte le religioni, dove non ci siano ipocrisie. la televisione, la politica,non centra nulla.la mia fortuna e' stato avere genitori che mi hanno seguito e insegnanti che hanno fatto bene il loro dovere . ma soprattutto ci vuole moralita', serieta', educazione,per sapersi porre dei limiti. i genitori di oggi non sanno trasmettere queste cose,troppo impegnati col proprio lavoro e coi propri problemi ,gli insegnanti non fanno bene il loro mestiere e i preti non curano la persona come crescita. una volta si pensava di piu',si correva meno e si stava meglio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Francesco M. 2008-04-22 22:09
D'accordissimo. A una condizione: si ritorni agli anni '30. - case di tolleranza - messa al bando di tutti i movimenti femministi, a favore dell'aborto e delle quote rosa "per legge" (sic!) - tassa sul celibato dai 25 anni d'età  - donna angelo del focolare (mica la bancaria che frega i risparmi all'operaio, o la professoressa col tanga ingioiellato!) - servizio di leva per i soli maschi - forze dell'ordine composte da soli uomini - università  d'eccellenza, basta con il parcheggio, il limbo del nulla più vuoto, per centinaia di migliaia di sprovveduti che scappano dalle fabbriche per lasciarle in mano agli immigrati e svalutazione socioeconomica del lavoro manuale, e quindi perdita della comunità  di destino - ritorno alla scuola gentiliniana (è inconcepibile pensare che serva una laurea/pezzo di carta per tutto!) - ritorno al corso infermieristico triennale gratuito accessibile a 16 anni (l'attuale carenza di infermieri è costruita a regola d'arte!) - abrogazione del divorzio - abrogazione dell'aborto dovuto a "pigrizia uterina" della donna in carriera Detto questo, è da ricordare che molti di quei pochi italiani che nascono in Italia, a fronte di un'incomparabile esplosione demografica immigrata, sono frutto di qualche presevativo rotto nella foga da pischelli inesperti in precoci esperienze sessuali. Le ragazze adulte e vaccinate sono troppo edoniste per voler crescerre un figlio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Riccardo 2008-04-23 22:19
tra i commenti a questo articolo ho letto così tante cose a cui vorrei rispondere da non trovare un angolo da cui iniziare. Troppi pregiudizi. Un consiglio da chi l'ha fatto: buttate la televisione dalla finestra. Se non ci riuscite significa che siete dei drogati, dipendete da lei come un fumatore dalla sigaretta. La differenza è che il fumatore si uccide lentamente, nel fisico. Mentre il TV dipendente, sempre lentamente, uccide il proprio pensiero. Voi chi siete? Il vostro corpo o la vostra mente?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alessandro 2008-04-24 12:38
La televisione la vedo per un totale 5 ore in un anno. La TV fa breccia sulle fascie deboli ed ignoranti (vecchi, bambini, immigrati). Le persone in età  ri-produttiva fanno altro. E' sempre stato un mezzo subdolo, anche se dobbiamo smetterla di pensare che dietro le quinte c'è il Grande Burattinaio. Tutto rispetta la domanda-offerta. I giovani, di qualsiasi epoca, vogliono tutto e subito; oggi chi ci fa da Maestro?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Franco Damiani 2008-04-24 18:59
A parte il mio caso (sei mesi e mezzo di sospensione cautelare per una lezione sulle origini del Cristianesimo in prima liceo scientifico, dopo altre quattro ispezioni per revisionismo, una manifestazione di duemila persone a Mestre e sei interrogazioni parlamentari) segnalo quello del maestro di genova Enrico Demme (articolo di Lorenzetto sul "Giornale" del 30 marzo), ispezionato e trasferito d'ufficio perché cattolico tradizionalista e antievoluzionis ta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# mass 2008-04-25 08:40
D'accordo su tutto , tranne su un particolare ( se così si può dire): la pornografia dà  un immagine degradante dell'uomo e del sesso, non solo della "femmina". Vi sono moltissime donne che guadagnano e speculano in quel mondo, sfruttando corpi maschili e femminili. Come sempre vi sono state, e vi sono tuttora, donne che sfruttano la prostituzione di altre donne. Penso che molti cattolici, abbagliati dalla figura di Maria, tendano a dimenticare che anche le donne sono sottoposte al peccato originale. Corollario di questo atteggiamento è la tendenza a credere che le donne al potere cambierebbero le cose: non più guerre, maggiore dialogo fra le parti sociali, più collaboratività ecc. ecc. Naturalmente questo è un "razzismo" alla rovescia. La verità  è che se esiste una tendenza a svalutare il corpo umano solo come mezzo di piacere, ve ne è un'altra che mira a svilire il maschile, che data perlomeno dagli anni sessanta. Le due tendenze unitamente al femminismo portano a isolare l'individuo. Dopo la scomparsa della famiglia patriarcale ( la vera famiglia allargata ) si vuol distruggere la normale famiglia e quindi la stessa coppia. Finchè l'essere umano sarà  solo a resistere contro i poteri dello stato e dei sovrastati.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Andrea Lussi 2008-04-27 18:48
Beh quanto a Luxuria non la vedo affatto pornografica... Piuttosto trovo molto piu' pornografica la Santanche' che tralaltro e' anche molto piu` ignorante... Chi ha scritto l'atricolo ha evidenti pregiudizi..... Avete mai pensato che la pornografia puo` essere una valvola di sfogo e puo` limitare il fenomeno stupro? Il maniaco dedicandosi alla pornografia stupra meno... ma il problema non 'e` la pornografia ma che il soggetto represso e' maniaco... curate-vi/lo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giacomo 2008-04-28 03:47
In risposta a Andrea Lussi Dipende tutto da che genere di persona stiamo cercando di curare: l'istinto umano, per quanto controllabile, è pizzicato dal fenomeno porno. Difficile quindi bilanciare il PRO dello "sfogo" al CONTRO della provocazione no-stop. Bisognerebbe fare due conti: stiamo comunque parlando di persone che non si governano appieno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità