>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

Giornalista in tribunale: ha documentato l’atrocità sionista
Stampa
  Text size
L’immagine ha fatto il giro del mondo. Il bambino che suo padre cerca di proteggere dalla fucileria israeliana si chiamava Muhammad Al-Durrah. Aveva 12 anni. Stava camminando col papà in via Salah Ed-Den di Gaza, quando il glorioso Tsahal ha cominciato a sparare. Si sono rifugiati dietro il grosso tubo di cemento, e il padre ha cercato di segnalare agli israeliani di essere un civile con un bambino. Entrambi sono stati uccisi. Colpiti non una, ma più volte dai mitragliatori dei soldati.

tttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttt ttttttttttttttttt ttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttt ttttttttttttttttt ttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttttt
Charles Enderlin
  Charles Enderlin
Ciò avveniva ben 11 anni fa, il 30 settembre 2000. In pieno giorno e davanti a numerosi testimoni. Fra cui Charles Enderlin, giornalista di France 2, e il suo cameraman palestinese, Talal Abu Rahma. Che hanno ripreso la scena dal principio alla tragica fine, attestando anche con dichiarazioni giurate che i soldati israeliani avevano mirato deliberatamentre ai due poveretti.

Da quel momento, i due reporter sono stati fatti segno di una gigantesca e organizzatissima campagna di diffamazione e di persecuzione giudiziaria, da parte del regime sionista attraverso i suoi agenti (katsas) e sayanim europei.

All’inizio, l’armata israeliana ha sostenuto che i proiettili che hanno ucciso il bambino e suo padre non venivano dalla parte dove si trovavano i soldati di Sion, in pratica insinuando che i due erano stati ammazzati dai palestinesi. Poi, siccome i media «ufficiali» hanno diffuso la versione israeliana come plausibile (per «completezza dell’informazione», naturalmente), incoraggiati, gli agenti ebrei in Europa sono giunti a cambiare versione: sostenendo che il video e le immagini riprese dai giornalisti erano un falso.

Philippe Karsenty
  Philippe Karsenty
Nel 2004, un politico ebreo-francese, Philippe Karsenty, fondatore di Media Rating – una copia esatta dell’italiana Informazione Corretta di Pezzana, con lo scopo di segnalare e intimidire i giornalisti che dicono la verità sui crimini di Israele – ha prodotto e pubblicato diversi video-reportages che miravano a fornire le supposte «prove» del falso. Karsenty «dimostrava» con analisi immagine per immagine, che il bambino non era stato nemmeno colpito da proiettili. E giungeva a sostenere che il piccolo Mohammad «è vivo, ed è stato visto comprare dei pomodori in una strada di Gaza».

Anche queste inaudite menzogne sono state riprese e diffuse da media italiani; in questa diffusione s’è distinta – manco a dirlo – Fiamma Nirenstein, la stessa che aveva già «dimostrato» ai media servili italiati che a Jenin non c’è stata nessuna strage, e che più tardi «dimostrerà» che la nave turca Mavi Marmara, attaccata dai commandos israeliani in acque internazionali mentre dirigeva su Gaza per rompere il blocco e portare generi di prima necessità, era piena di terroristi islamici armati. Versione accettata immediatamente non solo dai media, ma anche dal ministro degli Esteri Frattini.

  
Sempre più imbaldanzito, Karsenty, il Pezzana francese, è giunto ad avviare una procedura giudiziaria contro France 2 per aver mandato in onda il video, secondo lui falso. La catena TV francese ha reagito querelando il giudeo sayan per diffamazione, ed ha vinto la causa. Ma un giudice della Corte d’Appello di Parigi ha rovesciato la sentenza. Perchè? Si è detto perchè France 2 s’era rifiutata di consegnare al tribunale il video originale e integrale – ma anche questa è la solita disinformazione, da far risalire alle solite fonti. La TV francese ha consegnato il video, solo che la Corte non ne ha esaminato il contenuto, nè alcun’altra prova della fucileria. S’è limitata a rigettare la querela per diffamazione, sancendo che Karsenty aveva «esercitato il suo diritto alla critica e non aveva oltrepassato i suoi diritti».

Ciò ha consentito al Karsenty di querelare – e di vincere la causa – contro Canal Plus (una rete a pagamento) colpevole di aver mandato in onda un documentario in difesa del giornalista Enderlin e del suo reportage sull’atrocità, di cui è stato testimone oculare. Karsenty ha sostenuto che Canal Plus l’aveva diffamato, mentre aveva ignorato i «fatti» da lui esposti. (Canal+ et l'agence Tac Presse condamnés pour diffamation)

Nel frattempo, France 2 ha interposto appello a tutela della credibilità del suo giornalista (caso di raro coraggio editoriale). La causa sarà discussa da un tribunale francese il prossimo febbraio. Sono passati 11 anni.

Undici anni in cui Israele ha continuato a compiere atrocità sempre più rivoltanti, dai massacri deliberati di Piombo Fuso all’aggressione della Mavi Marmara; atrocità ed omicidi contro i civili di Gaza ammessi anche dai soldati ebrei: (3 thoughts on “V for Zionism”)

Undici anni di disinformazione, costose cause legali e demolizione morale di un rispettato giornalista. Israele è tenace, nulla dimentica e non perdona mai.

Ricordiamoci questo fatto che tutti vogliono dimenticare. Ricordiamocelo almeno per valutare le «informazioni» che ci arrivano sulla tragedia in corso in Siria dipinta come «primavera» contro un regime. E per soppesare il torrente di propaganda anti-iraniana che viene vomitato dalle solite centrali, in preparazione dell’ennesima guerra che Israele ha voglia di fare – o di far fare agli americani.

Teheran che «minaccia di chiudere Ormuz», Teheran che «accelera la fabbricazione della bomba atomica», Teheran che «è una minaccia per l’esistenza di Israele».



L'associazione culturale editoriale EFFEDIEFFE, diffida dal copiare su altri siti, blog, forum e mailing list i suddetti contenuti, in ciò affidandosi alle leggi che tutelano il copyright.   


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# AlexFocus012 2012-01-10 11:30
Se i sionisti del Sinedrio hanno appeso Gesù con tre chiodi (dopo avergli rotto le ossa a bastonate e levato la pelle a frustate) che vuoi che gli importi dei palestinesi?
E se Gesù ed palestinesi sono semiti, cosa vuoi ancor meno gli importi del resto dell'umanità?
Per gli adoratori del Monte dell'Odio (Sion viene da "senà" cioè odio) non ci sono limiti spazio-temporali, etico-morali, legali, etnici, religiosi, di senso comune che possano impedirgli di fare ciò che vogliono intorno a sè.
Se stiamo giungendo alla resa dei conti, la loro lista dei peccati sarà lunga da leggere...
AlexFocus, Napoli
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# steveds 2012-01-10 12:17
Vidi il documentario in Italiano su Rai3 qualche tempo fa: alla versione coerente e logica del giornalista hanno poi contrapposto una versione di fantasia sulle "probabili" tecniche hollywoodiane di effetti speciali da parte dei palestinesi, ormai esperti nel propagandare messe in scena tramite attori professionisti... semplicemente assurdo!
Il padre alla fine è sopravvissuto, mutilato ma vivo, tant'è che la troupe televisiva francese tornò poi a farsi raccontare la vicenda proprio da lui, di quel giorno in cui al poveretto trucidarono il figlio che stava cercando di proteggere.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pietro G 2012-01-10 12:18
Io saprei benissimo quali documenti denunciare come falsi ad uso diffamazione ed estorsione. Sono "documenti" e "testimonianze" che girano ornai da più di 60 anni, hanno condizionato le masse e sono stati usati, oltre che per estorcere miliardi, appunto come mezzi di condizionamento delle masse. C'è un solo problema: trovare un giudice che abbia il coraggio di guardare in faccia la realtà.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CptHook 2012-01-10 12:46
Parli di coraggio, Pietro?
Merce ormai rarissima, e non più desiderata..., è più importante sapere chi va a letto con chi al grande bestiario, ed ascoltare le flatulenze di un vecchio trombone...
Salute,

AdeA
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Annhilus 2012-01-10 12:51
Quando saranno davanti al giudizio della Verità, vani saranno i loro sotterfugi.
Preghiamo per la conversione di tutti e perchè gli innocenti e gli affamati e assetati di giustizia siano saziati.
Quello che è stato fatto a questi piccoli
è stato fatto al Re degli eserciti e Giustizia sarà fatta.
Dies Irae...:

Judex ergo cum sedebit,
quidquid latet, apparebit:
nil inultum remanebit...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# raff 2012-01-10 16:52
Citazione Annhilus:
Quando saranno davanti al giudizio della Verità, vani saranno i loro sotterfugi.
Preghiamo per la conversione di tutti e perchè gli innocenti e gli affamati e assetati di giustizia siano saziati.
Quello che è stato fatto a questi piccoli
è stato fatto al Re degli eserciti e Giustizia sarà fatta.
Dies Irae...:

Judex ergo cum sedebit,
quidquid latet, apparebit:
nil inultum remanebit...


Se è vero ciò che sostiene questo rabbino, non dovremmo essere lontani dalla conversione degli ebrei.
(vedi: http://www.youtube.com/watch?v=k0DTT3u2JZ8)

In certi casi la giustizia divina, forse, colpisce anche nell'al di qua, vedi ciò che è capitato ad Ariel Sharon:
http://www.youtube.com/watch?v=x-CIfI2cnVQ&feature=fvwrel
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pierpaolo 2012-01-10 19:46
Sharon può ancora salvarsi.
Preghiamo per lui, anche se la Nirenstein se ne sentisse oltraggiata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pelzen 2012-01-10 14:05
Che storia aberrante! E quanta cattiveria in quella gente, ma da dove nasce tanta infamia?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Pierpaolo 2012-01-10 19:47
Già, perché, come è stato costruito lo "olocausto", allora?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# SILVANO69 2012-01-10 15:04
Un papà. Un bambino. Suo figlio. La sua testa tra le sue gambe, come addormentato in un pomeriggio di calura estiva. Mentre scrivo sto piangendo e sono sicuro che vivono nella luce eterna. Scusatemi, amici, ma devo condividere con voi queste mie emozioni, pena un travaso di bile.
Quel bambino potrebbe essere mio figlio. Quel papà potrei essere io.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pelzen 2012-01-11 01:42
Capisco le tue parole e la stessa tua emozione l'ho provata pure io... che quel Dio a cui tutti un giorno, forse, dovremo rendere conto, sappia accogliere quell'anima pura e perdonare quegli infami. Qui in terra, come si conviene, l'unica giustizia è quella dell'uomo: occhio per occhio.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Robert De Zan 2012-01-10 16:00
Visto che la terra potrebbe essere il paradiso terrestre, non mi entusiasma tanto l'idea che sia il creatore a fare giustizia, stando così le cose, la terra può diventare solo che un inferno!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ilvicolocieco 2012-01-20 17:28
La giustizia divina è diversa da quella che pensiamo noi, alla base della Sua giustizia c'è l'amore e la misericordia: "Donare il Suo Cuore ai miseri": L'intervento di Dio può solo salvare i suoi figli senza distinzione di razza e quindi con la conversione anche del popolo eletto, senza la loro conversione non c'è speranza di pace su questa terra. Solo così ci sarà di nuovo il paradiso terrestre.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2012-01-10 16:25
Poiché "essi" hanno subito l'olocausto chi dissentisse da loro vorrebbe ancora compiere l'olocausto; l'antisemitismo è un pericolo come nel 1938, quindi bisogna intervenire. Il bar accanto che non chiude per lo youm kippur riceverà un'irruzione della finanza e dell'asl e verrà fatto fallire. Siamo a questi livelli.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# c-e-sar 2012-01-10 17:51
Premesso che, cristianamente ed umanamente, sono decisamente contrario ad ogni forma di violenza, tanto più a stragi e a genocidi, facciamo per un attimo finta di credere che i nazisti abbiano veramente ucciso sei milioni di ebrei europei e poi facciamo un rapido calcolo su come questi sei milioni si sarebbero naturalmente moltiplicati nel giro di sessant'anni: non credo di essere pessimista se penso che a quest'ora tutti gli europei si troverebbero nella condizione dei palestinesi!
Vita e vittoria per i grandi Hassad ed Ahmadinejad, veri ultimi baluardi di un Occidente che ha completamente dimenticato e rinnegato se stesso!
Sono meglio questi islamici o i sedicenti cristiani che comandano Europa ed America?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# alberto 2012-01-10 19:17
Consiglio a tutti un bellissimo, piccolo libro scritto da un medico palestinese, si intitola: "Io non odierò" e racconta come durante "piombo fuso" hanno sparato con un carro armato nella stanza delle sue tre figlie, facendole a pezzi tutte e tre... viene da piangere... leggetelo e diffondetelo prima che magari i nostri amici lo facciano sparire!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# anrewbst99 2012-01-10 19:34
Quando Gesù tornerà sulla terra dirà, per prima cosa: "Io sono palestinese".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pelzen 2012-01-11 01:43
Mah?! Visto che era ebreo... forse non lo direbbe mai.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# c-e-sar 2012-01-11 18:40
Caro amico, Gesù Cristo era Figlio di Dio e Dio lui stesso e Dio non ha razza!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# simone.colzani 2012-01-12 09:06
Come scrisse Shlomo Sand nel suo "L'Invenzione del Popolo Ebraico", gli ebrei di oggi non sono, se non lontanissimamen te, discendenti dei giudei dell'epoca di Gesù. Gli odierni ebrei, che non sono una razza a sè stante, derivano dai sefarditi (berberi, arabi e iberici) e (soprattutto) dagli askhenaziti (kazari).
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Antonio A. 2012-01-11 02:33
Gesù è già palestinese.
Il punto è che di 'sto passo, quando tornerà, rischia di doverne portare parecchi di passaporti con se. Qualunque tranne quello farisaico. Quest'ultimo temo l'abbia lasciato da qualche parte circa 2.000 anni fa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# winston1984 2012-01-10 21:23
Attenzione... Pupulazione.
Hasbara sempre in azione.
producendo disinformaZIONe ...

In primis, specifico alla questione,.
il cui prodest della conclusione.
lo fa sospetto di macchinaZIONe;.

si aggiunga che il reporter palestino.
lavora con CNN come galoppino,.(1a,§2)
poco lo qualifica come paladino..

Ed a buon peso nella conefeZIONe,.
a dare luce verde alla trasmissione,.
caso strano(?), è eletto d'estraZIONe.(1b,§3)

Oltre questa premessa, forse rilevante,.
in intervista il reporter si mostra fuorviante,.(2a, 11:05).
mentre l’analisi alternativa è ben convincente. (2b,tutto).

E se il "(raro coraggio editoriale)".
piuttosto che di qualità speciale.
fosse stato invece strumentale?.

Quindi, come esercizio di speculaZIONe,
cosa meglio si presta a far sensaZIONe
di uno scoop a rivelarsi poi un bidone?

Sempre attuale Dante come guida:
“Uomini siate e non pecore matte
sì che ’l giudeo di voi, fra voi, non rida!”

1) http://tiny.cc/z6ftq
- a §2: Talal Abu Rahma...
- b §3: Charles Enderlin

2) http://tiny.cc/n591i
- a see 11:05/07
- b vedere tutto...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Sergio64 2012-01-10 23:00
Che pena le vittime di quell'orrendo delitto.
Ma ancora più pena provo per chi l'ha commesso e per non guardarsi allo specchio e vedere quale mostro sia diventato preferisce vivere nella menzogna 24 ore su 24.
Tutti dobbiamo morire, può succedere che si muoia ingiustamente a fucilate, ma dopo la morte chi attende il destino peggiore, la vittima della fucilata o chi l'ha sparata?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# NUMA 2012-01-11 01:25
X redazione
A proposito di tribunali un giorno o l'altro vi racconterò l'insospettabile ambiguo e per molti versi criminale rapporto di collaborazione tra Moffa, il pm ebreo Corasaniti e la comunita ebraica.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-01-11 01:33
Oggi sulla TV austriaca, su quella tedesca, sulla BBC, su SKY News e probabilmente su altre, hanno dato molto risalto al discorso di Beshar al Assad in Parlamento, che senza mezzi termini, e con grande coraggio ha detto che la Siria non cederà di fronte agli attacchi di terroristi mandati da forze straniere nel suo Paese per destabilizzarlo e che la popolazione tutta, compresi i cristiani - una comunità una volta molto vasta - saranno difesi ad oltranza, promettendo anche riforme costituzionali.
Si sa che questo atteggiamento di resistenza, l'unico peraltro in Medio Oriente tra quelli che hanno ceduto alle 'primavere' non piace alla Lega Araba e nemmeno ad Erdogan, ma i siriani sono gente molto tosta e di fronte alla loro costa c'è da tempo una portaerei russa.
Mabruk.
Il fatto citato dal direttore, ricorda anche quello di una ragazza scandinava che insieme ad altri volontari prestarono
aiuto ai palestinesi vessati continuamenti dai coloni; uno di questi le lanciò una bottiglia in viso, massacrandole una mandibola al grido: "ABBIAMO AMMAZZATO CRISTO! AMMAZZEREMO ANCHE VOI" (con buona pace di Ratzinger e di chi difende lui e il suo ultimo libro in cui scagiona i giudei della morte di Gesù). Un medico israeliano, si rifiutò di darle i primi soccorsi, e finalmente dopo un ora arrivò un ambulanza da Tel Aviv per portarla in ospedale.
Shalom.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2012-01-11 01:44
Il terribile problema denunciato dall'articolo è rappresentato a mio parere dall'impotenza contro la menzogna pianificata. Infatti pochi credono che la Siria e l'Iran non siano così come vengono presentati, esattamente come lo fu per la Serbia, l'Iraq e la Libia. Del resto far accettare che i capipopolo avversi debbano essere eliminati in ogni modo e le loro nazioni debbano esser ricondotte in seno alla democrazia tramite morte e distruzione, richiede di condizionare ed asservire il numero più grande possibile di politici e di mezzi di informazione. L'apparato è in questo modo invincibile e come esempio principe riesce a far sì che indagare sul fascismo e sul nazismo possa diventare un reato. Quindi se il terrore dei volti ed il delitto rappresentati visivamente e descrittivament e nell'articolo ci sdegnano, è anche incredibile che di norma e con lo stesso sistema possano essere oggetto della più spietata disinformazione . Grazie a Blondet per volercelo ricordare.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Antonio A. 2012-01-11 02:20
Oramai si fatica a trovare le parole più opportune per porcate di siffatta specie. Ciò che invece non deve venir meno è la divulgazione, per quanto possibile e per quanto utile.
Non a caso mi permetto di segnalare un interessante documentario palestinese che verrà presentato durante il Sundance Film Festival che avrà inizio a breve, durante il mese in corso.
Il titolo è "5 Broken Cameras", diretto da Emad Burnat. Il film documenta la condizione dei palestinesi nel villaggio di Bil’in. Niente di nuovo per chi ha già confidenza con la materia. Ma le immagini sono sempre un'altra cosa.
Di seguito il link al trailer:

http://www.youtube.com/watch?v=EQampNYtcYk
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# medicialberto 2012-01-11 09:16
Un padre che non riesce a proteggere il suo bambino... questa immagine (che fa piangere a dirotto) dovrebbe essere messa SULLE COPERTINE DEI LIBRI DI STORIA.
Questa è la vera memoria di cui abbiamo bisogno.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# lastweel 2012-01-11 09:31
Considerando chi controlla i pulsanti di comando, certamente anche io che condanno la "politica israeliana" saro' schedato...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cybervito 2012-01-11 09:47
Nella fattispecie non conosco l'episodio oggetto di questo articolo e quindi non mi pronuncio. Tuttavia non capisco se Blondet, in generale (in generale perchè di articoli di questo tenore su Effedieffe ne ho trovati parecchi) critichi gli ebrei o Israele o entrambi. La sua critica nasce contro Israele in quanto supposto fomentatore di piani mondialisti e cospirazioni varie o contro gli ebrei in quanto ebrei?
Altrettanto non sono riuscito a trovare nessun articolo di Blondet che parli dell'odio islamico contro gli ebrei, i cristiani e chiunque sia non islamico. La posizione di Blondet antiebrea e/o antiisraeliana va di pari passo con un apprezzamento e/o comprensione/accettazione per l'islam e per i regimi/Stati islamici o no o Blondet esprime critica anche questi?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pelzen 2012-01-11 11:41
Io credo che Blondet, nella sua cultura, abbia compreso quello che spesso viene taciuto per non creare imbarazzo. Ma se lo vorrà esporrà sicuramente i suoi punti di vista sulle questioni che hai domandato.
Io credo, questo è il mio punto di vista, che la vera questione non sia sulla differenza tra mondo ebraico e gli altri. La religione ebraica, per quanto possa avere dei punti di discussione con quella cattolica o islamica, è una religione e se rimane nei confini teologici non nuoce a nessuno. A tale punto vediti l'articolo di Blondet, in cui riporta le parole di un rabbino di NYC del sito Nuterei Karta (http://www.nkusa.org/activities/speeches/bham022603.cfm) elogiando e offrendo al mondo sionista un esempio di rispetto per l'essere umano, che sia palestinese o di altra nazione.
Il vero e crudo problema, secondo me, è la questione Israele con tutto quello che si porta dietro, dalla sua ideazione, fondazione e nel proseguo in questi ultimi 60 anni di genocidi "legalizzati" per un pensiero che di teologico o filosofico non ha nulla.
Israele non può e non deve esistere come nazione, va cancellata, annullando l'intero apparato politico e sociale di uno Stato razzista, ghettizzante anche per gli stessi ebrei di seconda categoria. Purtroppo il vaso si è rotto e tornare all'epoca della creazione di questo Stato non è possibile per impedirne la sua nascita.
L'unica cosa che sarebbe auspicabile, ma è quasi una chimera, è la costituzione di uno Stato unico che si chiami Palestina, in cui ebrei, islamici e cristiani siano fratelli, in cui la politica talmudica o islamica o cattolica sia tenuta solo nelle rispettive chiese. Al di fuori dovrebbe valere solo un unico pensiero: una terra per tutti con pari diritti e doveri, con una giustizia che non sia figlia di qualche criminale di rabbino o di un parlamento in mano agli estremisti.
In questo Stato i diritti politici andrebbero suddivisi in maniera proporzionale alla popolazione esistente, così come i punti chiave andrebbero dati tanto agli arabi quanto agli ebrei.
Solo in questa condizione potremmo parlare di un nuovo Stato, ma nell'attuale scenario quello che anglosassoni e americani hanno creato è solo un elemento di disturbo per l'intera umanità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# c-e-sar 2012-01-11 18:48
La caratteristica forse più rivelatrice delle varie "primavere arabe" è l'affermarsi dei partiti islamici e le contemporanee persecuzioni delle minoranze cristiane, che Saddam Hussein e Mubarak, con tutti i loro pur gravi difetti, avevano sempre difeso e tutelato.
Guarda caso, anche in Siria i cristiani sono protetti ed infatti sono quasi tutti dalla parte di Assad.
La verità è che gli americani (volutamente minuscolo) stanno trattando la pace con gli islamici, cedendo loro la leadership di tutti i Paesi arabi laici, in cambio di un'onorevole uscita dall'Afghanistan dove HANNO PERSO LA GUERRA, coinvolgendo nella sconfitta i loro servi noachici, tra i quali noi!
Prego Dio che non ci siano altre guerre, ma se davvero questi si convincono a scatenarne una contro l'Iran, magari provocandola con la chiusura dello stretto di Hormuz (che vista la loro presenza sarebbe meglio ribattezzare lo stretto di Ariman...), li vedo davvero molto ma molto male!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# aloisius 2012-01-11 16:37
Citazione lastweel:
Considerando chi controlla i pulsanti di comando, certamente anche io che condanno la "politica israeliana" sarò schedato...


Siamo già tutti schedati, non fosse altro perchè siamo cristiani.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# versus61 2012-01-11 18:26
Giornalista-francese-muore-per-scoppio-granata
vedete a proposito di France 2, chi parla male di Sion primo o poi paga l'affronto, e quasi sempre per mano dei cattivi nemici di Israele, così si imparano la prossima volta a documentare le atrocità israeliane.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# milvus 2012-01-11 21:08
Immagine dolorosa,del 2000, e da allora il sionismo ha continuato a sfruttare il dolore altrui a beneficio proprio, però potrebbere essere per noi che viviamo in Occidente, un test di coscienza cristiana, conoscere che cosa sentiamo in verità, adesso dopo dodici anni. Ricordiamo la perversità storica di certi personaggi negativi che hanno inciso profondamente ed indirettamente nella nostra vita. Possiamo provare odio, disprezzo, desiderio di vendetta? Allora noi stiamo alimentando ancora oggi la stessa identica bestia che li ha nutriti e che loro hanno incarnato. Si sono incarnati nell'indifferenza. Ogni anima è una energia vitale, che non si può perdere, ma chiunque può cadere sotto la sua influenza, perchè simile ama il suo simile. Un piccolo che piange prima con il suo papà, per poi essere uccisi entrambi, è dolorosissimo, specie per un cuore femminile, creatore. Fa compassione, vorremmo essere solidali con quella gente che soffre, vorremmo un po' di giustizia finalmente, redenzione spirituale, ma non arriva mai. Ogni incarnazione è volontaria su questa terra, c'è chi nasce per l'evoluzione, c'è chi nasce per vivere danneggiando gli altri, altri decidono incarnarsi con l'intenzione di compensare il dolore causato agli altri, oppure sperimentarlo in se stessi per poter capirlo e purificarlo. Noi procediamo da Cristo ed in Lui ritorneremo, è questo il senso della Redenzione. Dopo il Golgota non è più possibile il piano dei nemici di Dio, far girare in senso contrario l'opera del Creatore e dissolverla, e con lei, le nostre anime. E impossibile perchè Cristo interviene in tempo, ci garantisce il ritorno finale, ma nel frattempo ognuno è responsabile della propria coscienza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# FRANCESCO da Avellino 2012-01-16 14:20
Dalla nascita di Israele, sono passati 63 anni, e sono stati anni di invasioni, guerre, milioni di morti, enormi distruzioni, soprusi e crimini di ogni genere. Si sa chi ha commesso e continua tuttora a commettere tali atrocità, ma non si applica la giusta soluzione: BATTI IL NEMICO CON LA SUA FORZA. E questo dovrebbe avvenire col raddoppio degli interessi, perchè questi esseri satanici riconoscono solo il linguaggio della forza e prepotenza: quindi nessuna pietà per i sionisti e i loro squallidi schiavi disseminati nel mondo!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità