>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-139

RSS 2.0
menu-1
Nuovo libro di L. de Poncins (e nuova Collana)
Stampa
  Text size
Abbiamo già parlato di Léon de Poncins (cattolico integrale e tradizionalista, antirivoluzionario, di formazione cristallinamente antiliberale) e della sua attività di studio durata 45 anni, con la pubblicazione di circa una ventina di opere ancora sconosciute per la lingua italiana.

Dopo aver anticipato il progetto di traduzione dei suoi principali lavori (progetto che ci vedrà impegnati per qualche anno) e dopo aver pubblicato (novembre 2020) un primo libro inedito, Giudaismo e Vaticano (1967), a 11 mesi di distanza pubblichiamo un secondo testo di de Poncins mai tradotto in precedenza, che è il suo primo libro (Les forces secrètes de la Révolution, ed. Bossard, 1927, 2a ed. 1929) con cui è iniziata la sua carriera di scrittore antisovversivo.


Finalità dellopera

Lo scopo di Le Forze segrete della Rivoluzione, opera nel cui solco de Poncins svilupperà tutte le successive, è quello di mostrare l’influenza rivoluzionaria di due forze poco conosciute e appositamente poco studiate: F ⸫ M ⸫ e Giudaismo.

Difatti, come il de Poncins ben sapeva, la prima fase della battaglia antisovversiva è quella di fare piena luce sulla questione giudaico-massonica in generale, senza sbandare verso l’iper-nazionalismo o l’antisemitismo biologico, ma senza neppure minimizzare il peso socio/politico/finanziario del Giudaismo e del suo “terz’ordine” massonico, descrivendo invece, con precisione, le origini della congiura, le sue operazioni e il ruolo che il giudaismo può oggettivamente vantare all’interno delle logge massoniche.

Quindi, nella prima parte di Le Forze segrete della Rivoluzione de Poncins descrive la realtà apparente della Massoneria per poi svelarne il vero volto e la sua collaborazione con l’Ebraismo, che la influenza e la dirige; nella seconda parte egli affronta la Questione Giudaica: il ruolo rivoluzionario del giudaismo nel mondo, la sua influenza nel bolscevismo, nel socialismo, nella vita economica, nella stampa e nella vita sociale; conclude studiando l’organizzazione interna al Giudaismo e il suo piano d’azione esteriore.

Con grande maestria il de Poncins dimostrerà in che modo la maggior parte delle rivoluzioni sono state influenzate dall’azione delle società segrete.

«Queste società, — ricorda don Curzio nella sua introduzione —, ispirate dal Giudaismo anticristiano, vorrebbero trasmettere una “fede” e una concezione della vita diametralmente contrarie a quella cristiana. Esse, perciò, si prefiggono lo scopo di abbattere la Cristianità e di fondare, tramite le rivoluzioni che si son succedute in Europa sin dal XV secolo, una società civile ispirata non più alla filosofia del Vangelo ma a quella del Talmud, della Cabala (Umanesimo e Rinascimento) e all’immanentismo soggettivista (Idealismo/illuminista) della Massoneria».

Il Giudaismo, in sostanza, si serve della Frammassoneria e dei movimenti rivoluzionari per operare la distruzione della Cristianità senza voler suscitare le reazioni dei Cristiani.

La nozione di subordinazione della società civile a una legge divina positiva è il principio che la Rivoluzione massonica vorrebbe distruggere nell’anima del popolo. Per questo ogni catastrofe politica è inevitabilmente seguita da una nuova avanzata del socialismo, che essenzialmente è anarchia tra uomo ed uomo e tra luomo e Dio.

Il bolscevismo, così, non fu soltanto un movimento politico e storico, come viene comunemente dipinto, ma ebbe per scopo di riplasmare l’umanità. L’obbiettivo era quello di trasformare l’uomo nella sua vita quotidiana, nei suoi modi, nelle sue abitudini e nella sua fede; un tipo di uomo nuovo avrebbe dovuto popolare la Russia e il mondo.

L’autocrazia zarista, in quel momento, era l’ultimo ostacolo che sbarrava la strada all’imperialismo giudaico, il quale aveva deciso di far nascere (in un territorio peraltro ricco di potenzialità come la Russia) un vero e proprio mostro. Il 17 luglio 1919, a Lekaterinenburg, la commissione di esecuzione comandata dall’ebreo Yourowsky, uccise con colpi di pistola e baionetta lo Zar, la Zarina, lo Zarevic (figlio della Zar), le quattro granduchesse (figlie dello Zar), il dottor Botkin, il servitore, la cameriera e il cuoco.

La lotta è pertanto tra le due diverse concezioni del mondo: la concezione giudaica e la concezione cristiana. Difatti, se lo studio dei movimenti rivoluzionari riconduce direttamente alla Frammassoneria; lo studio della Frammassoneria conduce direttamente agli Ebrei.

La gravità dell’attuale situazione, quindi, non risiede essenzialmente nelle devastazioni materiali causate dalla rivoluzione, bensì nello stato d’animo sovversivo che attualmente regna ovunque e che influenza tutti gli abitanti del mondo, spesso inconsciamente. È la mentalità giudaica ad aver invaso tutto.

Ora, per mettere in pratica il suo programma in maniera definitiva e completa, la Massoneria oggi vuole arrivare a un’unica dittatura globale, ad un unico governo mondiale, al cosiddetto Nuovo Ordine Mondiale capace di controllare gli uomini, i popoli, le nazioni e le idee, tramite il Gran Reset che con evidenza, a partire dal 2020, è entrato nella sua fase calda.

La domanda è: cosa fare? Come lottare contro questo pericolo apparentemente insuperabile?

Confermiamo la nostra supposizione tante volte ripetuta: è necessario studiare per combattere. Infatti far ciò significa partecipare attivamente ed esplicitamente al compimento dell’opera della Redenzione, a “restaurare tutto in Cristo” (S. Pio X).

La prima fase della lotta è di fare piena luce sulla vera natura della congiura, ovvero sulla questione giudaico-massonica. Per il momento ci viene concesso questo tipo di operatività, di studio e di meditazione; ma visti i tempi che corrono non è poca cosa.

Studiare seriamente questa congiura è il compito da svolgere ed una delle principali armi a nostra disposizione.

Una nuova Collana “per contenerli tutti

Per fare ciò, all’atto della pubblicazione di Le Forze segrete della Rivoluzione, avviamo una nuova collana, che fin dal suo nome: La dittatura delle Potenze occulte rende bene l’idea di quali testi ospiterà e di quale sarà la sua utilità.

Abbiamo detto che la guerra antisovversiva è una guerra di idee. La tattica da adottare è quindi evidente: studio del nemico, riforma dei costumi e della morale, rigetto assoluto del male, dell’errore e del relativismo che essi vorrebbero imporci attraverso il quotidiano lavaggio dei cervelli. Difatti non è possibile combattere una battaglia fatta di idee, idee che influenzano la moralità e le scelte di ogni singolo uomo, se non per mezzo di armi diametralmente opposte, ovvero attraverso la conversione volontaria al bene vero.

Combattere con le armi materiali un nemico materialmente onnipotente, qualora fosse possibile, riporterebbe una sconfitta certa (come è già avvenuto). De Poncins lo sapeva bene; qualche anno prima di morire (era il 1971) parlò di una vera controffensiva indicando i nomi di un gruppo di pensatori (religiosi e laici) che non avrebbero indietreggiato davanti a nulla (giudaismo, progressismo teologico, isolamento, minacce, etc.). Oggi una tale resistenza non trova più terreno fertile se non in alcuni siti o piccoli editori; ma resta vero che da qui passa la prosecuzione della lotta. Al momento dobbiamo “limitarci” al traghettare idee corrette, a resistere, portando al di là del fossato la conoscenza dei mali che ci hanno colpito e le loro vere cause, affinché risalti meglio il bene contrario e questo torni ad influenzare beneficamente le nostre vite (fides sine operibus mortua est).

La storia – che i progressisti di ogni risma detestano perché è maestra, non mente ed apporta esperienza – ci dimostra che le nazioni sono curabili, non bisogna perdere la speranza in questo; che possono riformarsi finché non hanno completamente perso la nozione del bene (dimenticanza che Dio non permetterà mai del tutto). La rivoluzione ostacola proprio tale riforma, come Cristo già aveva predetto: “Guai a voi, Scribi e Farisei ipocriti: perché chiudete in faccia agli uomini il regno de cieli: né voi vi entrate, né permettete che ventrino quelli che stanno per entrarvi” (Mt 23,13).

Difatti una società ordinata, la quale dovrebbe avere di mira di impedire lo spirito rivoluzionario e chi lo agita, aiuta l’uomo a procurarsi i mezzi utili per conseguire la salvezza eterna seppur in subordine rispetto alla società perfetta che è la Chiesa. Ed è quest’ordine che la frammassoneria odia con tutta sé stessa.

Come afferma bene de Poncins, se esistono professionisti della sovversione, intellettuali di alto livello che lavorano nell’ombra e nella segretezza delle società segrete, tutti noi dobbiamo orgogliosamente considerarci come loro diretti avversari: intelletti che aiutati dalla grazia studiano, alla luce e senza nascondimento, le mosse del nemico, contrapponendogli una ferma volontà nel bene. Come difatti è necessario che Dio conosca il male fin nell’intimo della sua causa, perché deve giudicarlo come giudice, così anche noi, dovendo combatterlo, è bene che ne conosciamo i mezzi, l’organizzazione ed i fini.

Il perché della pubblicazione di questo libro di de Poncins e di quelli che seguiranno è pertanto già chiarito: sono opere che meglio di tutte denunciano quale sia il male penetrato nella società, attraverso quali fenditure, chi sono i responsabili di questo scandalo e qual è il loro obbiettivo.

Questi libri serviranno a due scopi: denunciare un nemico sempre identico a sé stesso (giudaismo talmudico, massoneria, politica deviata) ma serviranno anche a dare le giuste soluzioni per la vittoria, sia temporale che spirituale, e per la ricostruzione della civiltà cristiana.

Sono libri tanto più preziosi oggi quanto più la situazione è problematica; riflettendoci, non si può che ringraziare il Cielo, se ancora risulta possibile pubblicare questi scritti e parlarne, essendo di fatto un argomento tabù la loro trattazione.

A tal proposito, con una costanza nell’impegno che ha ormai assunto caratteri rilevanti da 2 anni a questa parte, Effedieffe è al lavoro per tradurre le principali di queste opere, non solo di de Poncins, ma altresì di tutti gli altri campioni del tradizionalismo antirivoluzionario.

E visto che la collana Classici della Tradizione (giunta ormai al numero 30) ospiterà prossimamente tanti altri testi importanti ma di impronta maggiormente teologico-liturgico-ascetica, Effedieffe crea oggi la nuova collana contro quelle Potenze occulte per dare a questa vena antisovversiva lo spazio di nicchia che merita.

Se molte persone si sono accorte che oggi qualcosa non va, nondimeno anche tra coloro che hanno gli occhi per vedere (ad esempio la dittatura totalitaria politico-sanitaria che ci sta perseguitando ormai da quasi 2 anni) non sempre tale visione è limpida; assieme a questo “intuito” buono serpeggiano molto spesso dei banali errori del complottismo da quattro soldi di cui soffre soprattutto internet.

De Poncins risulta fondamentale in questo senso perché fornisce le basi inattaccabili per denunciare gli organismi occulti, ma indirizzando il lettore nella corretta interpretazione dei fatti: l’attacco è contro i popoli, ma non fine a sé stesso, bensì coll’unico intento di corrompere la società ex cristiana per corrompere l’uomo e condannarlo ad una morte sia temporale (nei mezzi = amoralità, politica deviata, economia deviata) ma soprattutto eterna (scristianizzazione e culto dell’io o del nulla).

Non dimentichiamo mai che la corruzione, per ammissione della stessa massoneria, è il grande mezzo per stabilire e mantenere il dominio. Come diceva il grande Delassus: “il cavaliere dell’anticristo parte in guerra per il solo piacere di combattere Cristo” (Le Pourquoi de la Guerre Mondiale, vol. I, testo in traduzione presso Effedieffe).

Per farsi una vera cultura antisovversiva, veramente cristallina, è quindi necessario studiare i migliori autori di questa materia; i loro nomi sono ben noti: Crétineau-Joly, Delassus, de Poncins, Meurin, A. Lémann, G. des Mousseaux, Copin-Albancelli, Meinvielle, etc., le cui opere sono ancora inedite in Italia.

Queste opere sono oggi di fondamentale importanza per la lotta contro un nemico che se muta nelle sue forme esteriori e nei suoi metodi, applica però una ricetta secolare. Pertanto questi libri sono ancora molto attuali e molto istruttivi e lo saranno per l’avvenire proprio perché smascherano il lato oscuro della storia senza negare la piena complicità di Satana in essa, nella sua belligeranza contro Dio.

Effedieffe tenterà di fornire ai lettori una piccola biblioteca la quale conterrà le opere di questi grandi autori, tutti accomunati da una caratteristica: il più limpido coraggio che contraddistingue il vero cattolico da quello solo di facciata o interessato al proprio tornaconto.

Parliamo di migliaia di pagine di opere mai pubblicate in italiano, il che comporta per noi, piccola editrice cattolica, un impegno che già sin d’ora sta impegnando la maggior parte delle nostre risorse fisiche ed intellettuali. Anche per questo, rispetto al passato, giocoforza abbiamo dovuto allentare il volume degli articoli di attualità pubblicati su questo sito, cosa di cui ci rammarichiamo; domandiamo al lettore di supportarci comunque e di portare pazienza; cercheremo la via giusta per far collimare ogni aspetto della nostra editoria (online e cartacea insieme). Se qualcuno peraltro avesse qualche articolo da pubblicare, saremo ben felici di valutarne l’idoneità.

A noi

L’essenza profonda della lotta è spirituale. È il conflitto tra il razionalismo e l’idea cristiana, tra i diritti di Dio e i diritti dell’uomo, che si vuole promuoverlo ad essere l’uomo-Dio, guidato dallo Stato-Dio. Tutto questo è una tappa verso la realizzazione del programma massonico futuro, che è la distruzione del cattolicesimo e quindi il socialismo universale. Distruzione e ricostruzione. Distruzione della città cristiana, edificazione della città massonica.

Ma noi siamo la chiesa militante, la quale è costituita da quei membri che, viandanti in questa valle di lacrime, devono combattere ad oltranza le battaglie del Signore contro il mondo, il demonio e la carne.

Non teme la guerra dei cattivi chi combatte con animo virile le battaglie sante del Signore.

Un pensiero ci conforta, ci sostiene, ci incoraggia e ci sprona: il pensiero che un giorno riceveremo un premio proporzionato alle opere buone.

Il Rosario sia sempre lo scudo di questo intrepido combattente. Insieme allo studio questa è l’arma finale di cui dobbiamo dotarci. Con ambedue debelleremo il mostro che si vorrebbe nutrire delle nostre menti e delle nostre anime. Sta a noi di impedirglielo.

L’Editore


(Le Forze segrete della Rivoluzione, 336 pp., 140x210mm)
 
16,20 euro
18,00 euro
(sconto speciale per i lettori EFFEDIEFFE fino al 16 ottobre)

 

 

  EFFEDIEFFE.com  
 
Nessun commento per questo articolo

Aggiungi commento


Altre notizie in questa sezione :
Il Reno si getta nel Tevere
EFFEDIEFFE.com
Dizionario Biblico (mons. Spadafora)
don C. Nitoglia
Paolo Apostolo, dominatore del tempo
Lorenzo de Vita
Il Cuore di Gesù — salvezza per il mondo
Lorenzo de Vita
Mentre l’umanità, dimenticando i suoi alti destini, è caduta nella rovina e nella morte, il S....
Il Pentateuco di Mosè

Il cattolico che legge il Pentateuco può fiduciosamente cercare nelle sue pagine venerande la...
Il ritorno di Padre Pio
Gedeone la Spada
In queste righe leggerete il prodigio del corpo e del cuore di padre Pio. Evidenza storica...
La Teologia Morale

Il Vangelino di padre Sales

Frammassoneria, Sinagoga di Satana

L’Io di Cristo

Ultime notizie in questa sezione :
Una campana in cima ad una torre
Edizioni EFFEDIEFFE
Il Compendio del Tanquerey in una nuova edizione
Edizioni EFFEDIEFFE
Roma Antica, Giudaismo e Cristianesimo
Lorenzo de Vita
Giosuè, Giudici, Ruth, I-II Re
EFFEDIEFFE.com
I libri storici dell'Antico Testamento sono teologicamente impressionanti e da un punto di vista...
In Cristo Gesù
EFFEDIEFFE.com

Articoli piu' letti del mese nella sezione Recensioni

Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità