>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
TUTTI |0-9 |A |B |C |D |E |F |G |H |I |J |K |L |M |N |O |P |Q |R |S |T |U |V |W |X |Y |Z

Archivio Articoli FREE

bush_speak.jpg
George Bush, le frasi storiche
Stampa
  Text size
Il pubblico italiano può non avere una chiara idea dell’eloquenza di George Bush, dei suoi strafalcioni, della confusione mentale e del pressapochismo che rivela la sua parlata. Diamo qui alcuni esempi. A quale altro presidente è stato perdonato tanto, dai media e dalla cosiddetta opinione pubblica?

«Stamattina la mia amministrazione ha diffuso il bilancio per l’anno fiscale 2006. I numeri di questo budget non sono solo stime; sono i risultati effettivi dell’anno fiscale che è finito il 30 febbraio».
(Washington, 11 ottobre 2006. L’anno fiscale finisce il 30 settembre. E il mese di febbraio non ha 30 giorni).

«Ho una foto nel mio ufficio, anche. E tutti gli americani hanno visto quella foto. Quattro settembre 2001: io in piedi fra le rovine delle Twin Towers. Un giorno che non dimenticherò mai».
(Marlton,, New Jersey, 18 ottobre 2004).

«Abbiamo discusso su come progredire in Iraq, discusso l’importanza di una democrazia nel grande Medio Oriente per lasciarci alle spalle un domani di pace!
(Tbilisi, Georgia, 10 maggio 2005)

«E’ un mito credere che io non so cosa succede. E’ un mito credere che io non sappia che ci sono opinioni che non si accordano con le mie, perché ne sono pienamente cosciente».
(Philadelphia, 12 dicembre 2005)

«Secondo il mio giudizio, quando gli Stati dichiarano che ci saranno gravi conseguenze, e poi non ci sono gravi conseguenze, ciò crea conseguenze avverse».
(Per difendere la sua decisione di invadere l’Iraq, 8 febbraio 2004).

«Questa gente (i terroristi) non hanno carri armati. Non hanno navi. Si nascondono in caverne. Mandano fuori i suicidatori».
(Portsmouth, 1 novembre 2002).

«Io sono il comandante – vedete, non ho bisogno di spiegare – non devo spiegare perché dico le cose. Questa è la cosa interessante dell’essere presidente».
(Citato da Bob Woodward sul Washington Post, 20 novembre 2002).

«Dunque, abbiamo parlato con Joan Hanover. Lei e suo marito, George, ci hanno fatto visita. Sono vicini alla pensione – vanno in pensione – sulla via della pensione, il che significa che sono gente molto intelligente, attiva e capace che sono arrivati all’età della pensione e vanno in pensione».
(Alexandria, Virginia, 12 febbraio 2003).

«Questo mio viaggio in Asia comincia qui in Giappopne per un importante motivo.. Comincia qui perché, ormai da un secolo e mezzo, l’America e il Giappone hanno formato una delle più grandi e durature alleanze dei tempi moderni».
(Tokio, 18 febbraio 2002).

«Insegni a un bambino a leggere, e lui o lei sarà capace di superare un esame di lettura».
(Townsend, Tennessee, 21 febbraio 2001).

«Il mio piano riduce il debito nazionale, e molto rapidamente. Così rapidamente, di fatto, che gli economisti temono che resteremo senza debito per la pensione».
(Dicorso radiofonico, 24 febbraio 2001.

«Anzitutto, lasciatemi dire molto chiaramente, i poveri non sono necessariamente assassini. Solo perché ti capita di non essere ricco, ciò non significa che tu voglia uccidere».
(Washington, 19 maggio 2003).

«Non c’è dubbio che il nemico ha tentato di diffondere la violenza settaria. Essi usano la violenza come strumento per far questo».
(Washington, 22 marzo 2006).

«Se gli iraniani dovessero avere un’arma nucleare, potrebbero proliferare».
(Washington, 21 marzo 2006).

«C’è sfiducia a Washington. Sono francamente sorpreso di quanta sfiducia esiste in questa città. Me ne dispiace, e io lavorerò duro per cercare di elevarla».
(Alla National Public Radio, 29 gennaio 2007).

«Voi siete liberi. E la libertà è meravigliosa. E, lo sapete, occorrerà del tempo per restaurare il caos e l’ordine, voglio dire, l’ordine dal caos».
(Al popolo iracheno, 13 aprile 2003),

«Il senato degli Stati Uniti commetterebbe un errore se lasciasse uscire da quest’aula un qualunque tipo di clone umano».
(Washington, 10 aprile 2002).

«Ma l’Iraq ha – hanno gente là che vuole uccidere, e sono assassini duri. Noi lavoreremo con gli iracheni ad assicurare il loro futuro».
(Washington, 28 aprile 2005).

«Non mi rallegra affatto che Hamas ha rifiutato di annunciare il suo desiderio di distruggere Israele»
(Washington, 4 maggio 2006).

«Questo è George Washington, il primo presidente naturalmente. La cosa interessante di lui è che l’anno scorso ho letto tre – tre o quattro libri su di lui. Non è interessante?».
(Il 5 maggio 2006, mostrando a un giornalista tedesco l’Ufficio Ovale).

«Secondo me la guerra è un posto pericoloso».
(Washington, 7 maggio 2003).

«Per ogni sparatoria con esito mortale, ce ne sono state circa tre con esito non mortale. E questo, ragazzi, in America è inaccettabile. Inaccettabile. E noi faremo qualcosa per questo».
(A proposito della violenza in Usa, Philadelphia, 14 maggio 2001).

«Non sono molto analitico. Sa, io non passo un sacco di tempo a pensare a me stesso, a perché faccio certe cose».
(Sull’Air Force One, intervista, 4 giugno 2003).

«Io so in cosa credo. Io continuerò ad articolare ciò in cui credo e ciò a cui credo – io credo che ciò a cui credo è giusto».
(Roma, 22 luglio 2001).

«I nostri nemici sono innovativi e pieni di risorse? Lo siamo anche noi. Essi non cessano mai di escogitare nuovi modi di nuocere al nostro paese e al nostro popolo? E noi facciamo lo stesso».
(Washington, 5 agosto 2004),

«Troppi buoni dottori hanno perso il lavoro. Troppi  ginecologi non riescono più a praticare il loro amore con le donne in tutto questo paese»
(Poplar Bluff, Missouri, 6 settembre 2004).

«La verità è, se ci pensate con attenzione, che Saddam sarebbe ancora al potere se fosse il presidente degli Stati Uniti, e il mondo sarebbe in forma molto migliore».
(St.Louis, Missouri, 8 ottobre 2004).

«Io dò un’occhiata ai titoli giusto per avere un senso di ciò che avviene. Di rado leggo gli articoli. Ricevo un briefing da persone che probabilmente hanno letto gli articoli essi stessi».
(Washington, 21 settembre 2003).

«Amo dire alla gente che quando la storia finale sarà scritta sull’Irak, sarà solo una virgola perchè c’è…voglio dire che c’è un forte desiderio di democrazia».
(alla CNN, 24 settembre 2006).

«Le nostre importazioni provengono in sempre maggiore quantità  dall’estero».
(Beaverton, Oregon, 25 settembre 2005).

«Non sono un esperto di come la pensa il popolo iracheno, perché io vivo in America, dov’è più simpatico, sicuro e assicurato».
(Washington, 23 settembre 2004),

«Vedete, le nazioni libere sono nazioni pacifiche. Le nazioni libere non si aggrediscono l’un l’altra. Le nazioni libere non sviluppano armi di distruzione di massa».
(Milwaukee, 3 ottobre 2003).

«Quando un medicinale viene dal Canada, io voglio assicurarmi che ti curi, non che ti ammazzi…..Ho un obbligo di esser sicuro che il governo fa’ tutto quel che può per proteggerti. E una… la mia preoccupazione è che è che sembra che venga dal Canada, e può venire da un terzo mondo»
(St. Louis, 8 ottobre 2004).

«Che sia cristiana, ebrea, musulmana o indù, la gente ha udito la chiamata universale ad amare il prossimo come amerebbero essere chiamati loro stessi».
(Washington, 8 ottobre 2003).

«E’ importante per noi spiegare alla nazione che la vita è importante. Non solo la vita dei bambini, ma la vita dei figli che vivono, sapete, negli oscuri sotterranei di Internet».
(Arlington Heights, Illinois, 24 ottobre 2000).

«Wow! Il Brasile è grosso!».
(Davanti a una carta del Brasile all’incontro con il presidente Lula da Silva, Brasilia, 6 novembre 2005).

«Avete dei negri anche voi?»
(al presidente brasiliano Fernando Cardoso, 8 novembre 2001).

«Non posso immaginare qualcuno come Osama bin Laden comprendere la gioia di Hanukkah».
(Alla cerimonia di accensione della menorah alla Casa Bianca, 10 dicembre 2001).

«Se questa fosse una dittatura, tutto sarebbe un sacco più facile, sempre che fossi io il dittatore».
(Washington,19 dicembre 2000).

«Voglio ringraziarvi per aver preso tempo alla vostra giornata per venire qui e assistere al mio appendimento».
(Austin, Texas, 4 gennaio 2002, alla cerimonia di dedica di un suo ritratto. Egli ringrazia la gente »to come here to witness my hanging», che significa »assistere alla mia impiccagione»).

«Voglio ringraziare gli astronauti che sono fra noi, i coraggiosi imprenditori spaziali che hanno dato un così meraviglioso esempio alla gioventù del nostro paese».
(Washington, 14 gennaio 2004).

«La mia posizione pro-vita è: io credo che c’è vita. Non è necessariamente basata sulla religione. Io penso che c’è vita lì, da cui la nozione di vita, libertà e perseguimento della felicità».
(Washington, 23 gennaio 2001).

«Voglio garantire che le nostre truppe abbiano tutto quel che è necessario per completare la loro missione. E’ per questo che sono andato al Cogresso lo scorso settembre ed ho proposto fondi fondamentali – fondi aggiuntivi, che sono denaro per le corazzature e le parti del corpo e le munizioni e il carburante».
(Erie, Pennsylvania, 4 settembre 2004).

«Lei è uno dei leader più notevoli in una parte molto importante del mondo. Voglio ringraziarla per strategizzare le nostre  discussioni».
(Al primo ministro della Malaysia, New York, 18 settembre 2006).

«Gli americani devono essere prudenti nell’uso dell’energia durante le prossime settimane, Non comprate benzina se non ne avete bisogno».
(Washington, 1 settembre 2005).

«Tutto è stata spazzato via totalmente…E’ devastante, e dev’essere il doppio più devastante al suolo»
(osservando dall’Air Force One i danni dell’uragano Katrina, 31 agosto 2005).

«Se dovesse piovere un sacco, c’è preoccupazione da parte del Genio Militare che gli argini possano rompersi. E così, quindi, siamo cauti a incoraggiare la gente a tornare a questo momento della storia» (Washington, 19 settembre 2005).

«Abbiamo avuto una bella riunione di gabinetto, parlato di un sacco di argomenti. Il Segretario di Stato e della Difesa ci hanno aggiornati sul nostro desiderio di diffondere la libertà e la pace nel mondo»
(Washington, 1 agosto 2003).

«Se dovessimo rifarlo, dovremo considerare le conseguenze di un successo catastrofico, aver successo così rapidamente che il nemico che doveva arrendersi o essere liquidato è fuggito e vive per combattere ancora un giorno»
(Al Time Magazine, per spiegare come mai aveva sottovalutato la resistenza irachena, 29 agosto 2004).

«Io ho fiducia che Dio parla attraverso di me. Senza questo, non potrei fare il mio lavoro».
(Ad un gruppo di Amish, 9 luglio 2004).

«Abbiamo speso un sacco di tempo a parlare dell’Africa, come è dovere. L’Africa è una nazione che soffre di incredibili malattie».
(Gotheborg, Svezia, 14 giugno 2001).

«Capite, non solo gli attentati (dell’11 settembre) hanno contribuito ad accellerare una recessione, gli attentati ci hanno ricordato che siamo in guerra».
(Washington, 8 giugno 2005).

«Mi pare che abbiano basato certe loro decisioni sulla parola – e sulle asserzioni – di persone che sono state in detenzione, gente che odia l’America, gente che a volte è stata addestrata a disassemblare – cioè a non dire la verità».
(Replica al rapporto di Amnesty International sulle torture ai detenuti di Guantanamo, 31 maggio 2005).

«Sono onorato di stringere la mano ad un valoroso cittadino iracheno che ha avuto le mani tagliate da Saddam Hussein».
(Washington, 25 maggio 2004)

«Sapete, una delle parti più difficili del mio lavoro è collegare l’Iraq alla guerra al terrore» (alla CBS News, 6 settembre 2006).

«Abbiamo trovato le armi di distruzione di massa. Abbiamo trovato laboratori biologici… ne troveremo sempre più col tempo. Ma quelli che dicono che non abbiamo trovato gli apparecchi di fabbricazione proibiti, o le armi proibite, sbagliano; le abbiamo trovate».
(Washington, 30 maggio 2003).

«Vedete, la mia linea di lavoro è: continua a ripetere le cose, continua e continua, finchè la verità affonda».
(New York, 24 maggio 2005).

«E’ nell’interesse del nostro paese trovare quelli che vogliono farci danno, e metterli fuori pericolo».
(Washington, 28 aprile 2005).


Home  >  Americhe                                                                                          Back to top


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Alberto 2008-04-27 19:45
Credo proprio che si commenti da solo...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Filippo 2008-04-27 19:57
Secondo me Bush o è stato molto 'distratto' o voleva mandare messaggi in codice a qualcuno ;-)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Radioclash 2008-04-27 20:05
La mitica... "In dog we trust" ci affidiamo al cane
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# franco 2008-04-27 20:24
...della serie vai avanti tu, ke a me viene da ridere...no comment
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Argo 2008-04-27 20:28
la bocca della verità ...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Glielmo 2008-04-27 20:37
Beh, almeno sono qualcosa di meglio dei versi belluini ed insepressivi cui ci aveva abituato il fra poco (per fortuna) ex Presidente del Consiglio Prof. Prodi Romano.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giuliano 2008-04-27 20:43
Questo ritardato globale "in chief" è il peggior presidente della storia degli Stati Uniti D'America. Ed è sospetto che gli americani,così rigorosi,così inflessibili, così ottusi,se uno si fa una scappatella,sia no invece così smemorati e accondiscendent i nei confronti di un uomo che ha fatto della menzogna il suo unico agire politico. Ma più di lui, mi fanno pena quelli che l'hanno votato. La stupidità  e l'ignoranza sono assai più pericolose della baionetta.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# adriano 2008-04-27 20:45
Bush che piange: «Dovevamo bombardare Auschwitz» (sua unica soluzione ad ogni problema), e poi farfuglia «le ferrovie che portavano in prigionieri, voglio dire». Condy Rice gli passa un bigliettino: «Zitto, shut up».
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# manno 2008-04-27 20:47
...probabilmente spesso aveva l'auricolare difettoso...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giuliano 2008-04-27 20:50
Ah ,scusate il doppio commento ma ho dimenticato la cosa più importante:ring raziare il direttore per queste autentiche "perle" di saggezza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# MC 2008-04-27 20:56
Ma questo è meglio di Beppe Grillo e Benigni messi assieme!! Certo che però oltre che ridere fa anche pensare....la colpa di un tale figuro come presidente è degli elettori (teste vuote nella migliore delle ipotesi) o del sistema elettorale (bisogna comunque tenersi per forza qualunque demente venga "proposto")???
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vito Parisi 2008-04-27 21:02
Potrebbero essere le frasi di un ubriaco.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Orfanello 2008-04-27 21:03
Mitico...tutto sommato, se tanto ci dà  tanto, ci è andata ancora bene. Evidentemente chi comanda davvero sono altri.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Enrico 2008-04-27 21:06
Va bene che è un demente globale, ma comunque gli errori possono capitare a tutti, durante i discorsi pubblici.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# lucio anneo 2008-04-27 21:06
La prima cosa che mi è venuta alla memoria è un adagio di questo tipo: il vero stolto non sa di esserlo. Comunque veramente un gRANDE.......
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# sergio martinelli 2008-04-27 21:17
Condivido il parere che George Bush sia stato uno dei peggiori presidenti che l'America abbia mai avuto, basta leggere queste frasi per capire che siamo di fronte ad un personaggio: squilibrato, confuso, pasticcione, ignorante. Forse e' il presidente più rapportato con lo stato degli USA attuali, un paese avviato verso un rapito ed inesorabile declino.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Carmelo 2008-04-27 21:20
Bisogna diffidare dei conservatori cristiano-tradizionalisti . Sono propio un disastro.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Piotr 2008-04-27 21:22
Quest'uomo ha seri problemi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Enrico Turillazzi 2008-04-27 21:22
Fantastico!!! Certe frasi mi sembrano tratte da Sturmtruppen di Bonvi. Peccato che abbia già  finito di leggerlo, andavo avanti tutta la notte! Mi permetto di chiedere un articolo come questo alla settimana su altri politici, italiani o non, l'importanza è relativa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Eliseo Malorgio 2008-04-27 21:25
Gentile Sig. Blondet, Quand'ero adolescente, molti anni fa, in una cittadina romagnola, c'era tra i nostri compagni di scuola uno, di cui ovviamente non farò il nome, considerato da tutti un ritardato mentale. Quello non capiva un'accidente di quel che si diceva in classe. Era un perfetto idiota. Non rilevava l'ironia, era incapace di un commento qualsiasi; idee acute o intelligenti gli erano estranee. Non riusciva ad intendere un accidente di quel che si diceva ed era oggetto di sfottò da parte di tutti i giovani della città  che lo conoscevano. Quando, una quindicina di anni dopo sapemmo che era diventato segretario di un partito politico, all'epoca di un certo peso in Italia, che non nominerò, restammo tutti esterrefatti e dicevamo: O quello aveva doti nascoste oppure la classe politica italiana è costituita da debiloidi della stessa specie. Solo molto più tardi ci rendemmo conto che coloro che danno le carte non sono affatto questi ridicoli fantocci, ma menti astute raffinate e direi diaboliche, che, restando al sicuro dietro le quinte e mettendo in campo tali Ridolini si trovano poi al sicuro dall'andare in galera quando sarebbe l'ora di andarci. Lasceranno che la marionetta diventi il bersaglio di accuse, critiche, lazzi, lanci di pomodori, risentimenti e odii. Di tutto questo il nostro "uomo politico" non intende e non sospetta "buiufa nenhuma" si dice in Brasile, cioè un bel niente. Cordiali saluti Sig. Blondet Eliseo Malorgio
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# LICIO 2008-04-27 21:36
...QUALCUNO AVEVA DEI DUBBI CHE FOSSE UN BURATTINO? ...SERVITO!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# michele 2008-04-27 21:55
"Lo stupido è la cavalcatura del diavolo" (non ricordo la fonte, Blondet la conosce)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Bruno 2008-04-27 22:21
George W. Bush Frase pronunciata il 9 agosto 2004 ad Annandale, VA Come sapete non abbiamo rapporti con l'Iran. Nel senso, è dalla fine degli anni settanta, non abbiamo contatti con loro e li abbiamo completamente sanzionati. In altri termini, non ci sono sanzioni - non si può - abbiamo finito le sanzioni. Perdonatemi se mi viene da ridere, anche se non ci sarebbe niente da ridere, ma i famosi bushismi mi fanno venire in mente un pazzo schizofrenico. Ecco perchè è presidente degli stati uniti. per schizofrenia...Se oggi uno è veramente schizofrenico, in questa società  fa sicuramente carriera...Questa società  è schizofrenica...e non c'è bisogno di scomodare dottori e psicanalisti per rendersene conto...Basta solo fare l'analisi quotidiana di tutto quello che pronunciano quotidianamente i nostri politici di tutte le classi e livelli...Cose da pazzi...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Svevus 2008-04-27 22:31
Fanno una belle figura al confronto anche - il salame ( corna nelle foto - a mia moglie piace il PM danese - ho corteggiato quella racchia della PM finlandese per avere l' autorita' alimentare - etc ) - il mortadella ( indefinibile ectoplasma rancoroso ) Ma il problema e' che il presidente usa ha : - 10.000 testate nucleari - 750 basi militari all' estero - massmedia sotto totale controllo - popolazione interna sotto controllo orwelliano e ferocemente nazionalista - controllo assoluto dell' economia - appoggio per ora di lobby estremamente potenti E' forse bene che a capo della potenza imperiale ci sia un c......e ? Immaginate il pericolo di avere un Dershowitz o un Libermann o un Wolfowitz. Peccato che agli editorialisti del Corriere e di Repubblica tutto questo sfugga.........
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Sergio De Biasio 2008-04-27 22:34
...e gli elettori di tal personaggio sono gli stessi che vennero a prendersi un pezzo del cervello di Benito Mussolini per accertarsi se era pazzo........ Ma si guardassero in casa loro prima !
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Farouq 2008-04-27 22:45
Ho dato un occhiata su wikipedia sull'argomento protocolli dei savi di sion è impressionante! mi pento di non essermi mai interessato dell' argomento prima.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Ivan 2008-04-27 23:02
E pensare che c'è gente in Italia che lo crede un genio...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alessandro 2008-04-27 23:06
La cosa in sè inquietante e, credo, meritevole di riflessione per noi cattolici, in ordine alla necessità  di staccare un po' il naso dalla TV e cominciare ad esercitare del sano scetticismo su questo, che non è altro che l'ennesimo potentato huius mundi, è la penultima frase. «Vedete, la mia linea di lavoro è: continua a ripetere le cose, continua e continua, finchè la verità  affonda». Inoltre, considerando, che «io ho fiducia che Dio parla attraverso di me. Senza questo, non potrei fare il mio lavoro», comincio a capire ora le tremende correlazioni che il direttore Blondet nei giorni scorsi individuava tra Strauss, Maimonide e la doppiezza rabbinica calata e praticata dalla attuale gestione USA, quali spiegazioni dell'abominio che si sta svolgendo sotto i nostri occhi, assopiti e narcotizzati dalla modernità . Quindi. Capisco che si parli di questa persona (Dio ne abbia pietà ) come un burattino o un uomo che prenda semplicemente ordini da altri. Il problema mi sembra però un altro, ben più ampio e grave, se posso permettermi di sottolinearlo a chi - pur giustamente - mette in luce solo l'inconsistenza intellettuale o desionale del Presidente statunitense. Cioè: chi si lascia scappare queste cose, le pensa realmente. E le esegue, come stanno a testimoniare gli eventi degli ultimi anni e la gestione canagliesca dei fatti seguita all'avvio delle due guerre. Siamo sicuri che il problema-Bush sia solo la sua inconsistenza politica o pubblica, che dir si voglia? O c'è altro? E' un caso che ci si lasci scappare frasi quali la seguente: «Voi siete liberi. E la libertà  è meravigliosa. E, lo sapete, occorrerà  del tempo per restaurare il caos e l'ordine, voglio dire, l'ordine dal caos»? L'ordine dal caos? Creare prima il caos e da questo riformare l'ordine? Ora, io sono uno studente al IV anno di Medicina, non mi intendo di filosofia, teologia o politologia. Tuttavia ho avuto uno splendido docente di Storia e Filosofia al Liceo, che ci ha parlato della gnosi, di Maimonide, Strauss, Schmitt e che ci ha trattato la Scolastica. Praticamente tutta. Altro non so. Ma questo lo so ancora riconoscere, diamine! L'ordine dal caos. Il bene dal male. Questa è gnosi, altro che ispirazione cristiana. Nella mia testa riecheggiano i motti "bonum per bonum" e insieme "bonum ex integra causa". Credo che a questo punto si debba sfondare la sola prospettiva geopolitica: è chiaro ciò che questi personaggi coltivano, l'ideologia che olea questa macchina da guerra? Come fa a non urlare di terrore il cuore anche del più lontano da Dio tra i lettori del sito, ed ancor più tra quelli - magari cattolici - che attaccano gli ottimi redattori di Effedieffe.com, tacciandoli di antisemitismo o antiamericanism o aprioristici, proprio in difesa del sistema ideologico e politico neo-conservatore? Il bene dal male. Cristo e il Paraclito non ispirano di certo queste sortite. Sia chiaro a chi sogna certe alleanze. E penso ai miei amici ciellini. Dio abbia pietà . Pietà  di noi tutti. Buona serata.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vasco 2008-04-27 23:06
Bush è la prova dell'impotenza politica del cittadino comune. Il voto non conta nulla. Ronald Reagan non era tanto meglio e l'Alzheimer era già  in atto durante il suo secondo mandato. Ronald Reagan si insediò alla Casa Bianca il 20-01-1981 con George Bush I, texano di quelli di Dallas (golpe del novembre 1963) ed ex direttore della CIA, in qualità  di vicepresidente. Il 31-03-1981 il killer 'pazzo solitario' Hinchley spara a Reagan mancando di pochi centimetri il cuore, mentre Bush era a colazione con lo zio di Hinchley.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# luca 2008-04-27 23:07
un ubriaco non saprebbe fare meglio.. :=)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# BOY-BOY 2008-04-27 23:11
Ma parla anche quando è sobrio?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# pepito sbazzeguti 2008-04-27 23:17
dopo aver visto la puntata di report sull'alitalia ................... la crisi italiana non durerà  solo una decina d'anni molto molto ...molto di più
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# corrado 2008-04-27 23:23
Caro Direttore, che cosa vuole aspettarsi da un demente simile! C'è un curioso stemma che gira sul web, rappresentato da una stella di sceriffo all'interno della quale, iscritto in un cerchio, vi è una frase mitica: SOMEWHERE IN TEXAS THERE IS A VILLAGE MISSING AN IDIOT
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Ivan 2008-04-27 23:34
Per Pepito Sbazzeguti L'ho vista anch'io la puntata: roba da mettersi le mani nei capelli! Questo è un paese irrecuperabile: urge ritornare immediatamente alla situazione ante-1848! Papa-re, Granducati, Regno delle Due Sicilie, Lombardo Veneto etc.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Luigi B. 2008-04-28 00:04
L'idiota è la cavalcatura del demonio, Giorgino è la più grande cavalcatura della nostra epoca
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Marco 2008-04-28 00:23
Replica a: Alessandro - Perugia , aprile 27, 2008 22:06 PAROLE SANTE ! P.S.: per favore, mi può citare la fonte dei detti "bonum per bonum" e "bonum ex integra causa"? ho fatto il liceo ma - purtroppo - avevo un prof di filosofia che ci ha ACCURATAMENTE tenuto all'oscuro di TUTTA la filosofia cristiana, che sto cercando faticosamente di recuperare da quando ho riavuto il dono della vera fede in età  adulta...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Mancu Li Cani 2008-04-28 06:16
Non le credenze religiose, non il punto di vista del contingente condivisa dalla maggiornaza degli elettori, non l'onestà  intellettuale del candidato elegge un presidente degli stati uniti: sono i soldi! Più quattrini hai più hai possibilità  di essere eletto. E' il sistema elettorale degli stati uniti che è stato creato apposta perchè la carica di presidente venga assunta da una persona i cui fini siano condivisi non già  dal popolo ma da coloro che del popolo hanno maggiori capacità  intellettuali che spesso si traduce in ricchezza economica. Non dimentichiamo che quando le 13 colonie si resero indipendenti queste accettarono la sovranità  al popolo ma falsarono il fine di tale istituzione, ovvero le famiglie più abbienti che erano poi tutte rappresentate al primo congresso pensarono bene di introdurre un correttore a questa sovranità  impedendo che uno sconosciuto populista potesse raggiungere il potere (anche se poi qualcuno riusci a raggiungere la carica). il correttore sta nella elezione indiretta e non diretta, gli elettori nominano dei delegati ,quindi il candidato deve avere buoni rapporti con questi delegati ed accettare le loro istanze. La stessa Clinton aveva chiesto l'abolizione di questo sistema che non fa altro che costringere il candidato a continui compromessi a meno che hai molte amicizie e molti soldi con cui ti assicuri la fiducia dei delegati scavalcando direttamente gli elettori. Ovviamente conta anche avere un buon rapporto con i media magari comprarteli con i soldi o avere come editore di questi media società  a cui prometti buoni affari. Ed è così che il posto da presidente che potrebbe andare a gente onesta, moralmente corretta finisce sempre nelle mani di tipi che vogliono solo la gloria oppure non hanno un punto di vista ,e se lo fanno creare a tavolino da esperti di marketing e sondaggisti e varie thing tank. Adesso da 8 anni a questa parte conta anche avere un team di avvocati per contestare all'ultimo momento i voti oppure amici (o fratelli) dentro il sistema che annullino i voti delle minoranze. Questo subdolo sistema elettorale manipola le finalità  della sovranità  popolare dirottando non solo il flusso dei voti ma anche i programmi di governo dei futuri presidenti. Non c'è da meravigliari se un cretino è presidente della nazione più potente della terra
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# giovanni 2008-04-28 08:32
Se Bush fosse una persona di intelligenza media potrei pensare che quando parla rende difficile il facile per mezzo dell'inutile;siccome penso che non abbia intelligenza propria,quando parla sento l'eco di "altre intelligenze".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Den 2008-04-28 08:46
Tutti quelli che gli hanno stretto la mano sono ancora bloccati dallo shock del grado alcolico che esalava dal suo fiato... Quando parlò di Giorgio Washington disse sicuramente: "Non l'ebbi mai conobbi ma ci dovresse ebbere" Un gran simpaticone.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# CptHook 2008-04-28 09:22
Il mio primo pensiero, circa 9 anni fa, fu "un pericoloso k°g£i°n&"..., letto, confermato e sottoscritto... @Mancu a li cani: ottimo intervento, molto interessante, grazie.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giovanni 2008-04-28 09:34
«Vedete, la mia linea di lavoro è: continua a ripetere le cose, continua e continua, finchè la verità  affonda» Almeno in alcune occasioni ha detto la verità .
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# maria 2008-04-28 09:46
ricordiamoci anche che i nostri parlamentari europei traducono "TRIP TO VENICE" come "TRIPPA ALLA VENETA" parlano manco l'italiano: figuriamoci una qualsivoglia altra lingua europea !!!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ermetico 2008-04-28 10:18
GLi strafalcioni e/o le menzogne dello psiconano a quando ?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# mario 2008-04-28 10:19
In vino veritas.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# joazar bar rabba 2008-04-28 10:21
Non tutti i mali vengono per nuocere. Speriamo che quando deve autorizzare l´uso di armi nucleari non si ricorda la password.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Rodolfo 2008-04-28 10:22
Ancora pochi mesi e per questo i più pericolosi... per l'umanità .
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Marco 2008-04-28 11:09
e pensare che ci sono siti come www.storialibera.it (per il resto, sul piano storico, molto valido) che titolano: "Il grande George W. Bush" occhi foderati di prosciutto o malafede? ed anche il Baget bozzo mi sembra lo esalti...MAH...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# max 2008-04-28 11:16
E proprio il miglior Amico di Berlusconi.Sic
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# FAbio 2008-04-28 11:28
Ragazzi la cosa piu grave di tutte é che quest'uomo; un deficente palese, chiunque ha un po di capacita di giudizio umano lo nota subito guardandolo negli occhi: occhi piccoli, infossati, inespressivi e sguardo da coniglio, occhi bugiardi e sguardo tra l'ebete e il giuda. Ma il popolo americano, ormai lobotomizzato dalla propaganda mediatica giudaizzante é stato capace di RIELEGGERE questa persona, dargli altri 4 anni per fare del male, sia a quello stesso popolo che a molti popoli del mondo...questa é la cosa veramente inaccettabile.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Bin Laden 2008-04-28 11:52
Ubriaco e confuso...credo però che se l'avessero lasciato davvero governare avrebbe causato all'america meno danni di quelli che muovono i fili attaccati alle sue braccine...lui in fin dei conti è troppo tonto per essere cattivo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Clelelle 2008-04-28 12:08
sara' per questo che e' tanto amico con testa d'asfalto...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Aaron Golstein Levi 2008-04-29 09:46
Certo che il nostro burattino/presidente ha delle defaillances..ogni tanto dice anche cose sensate! Eppure lo avevamo scelto con tanta cura, tzè! Il prossimo lo facciamo direttamente virtuale al computer, ecco.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# massimo 2008-04-29 11:12
concordo con Rodolfo : a settembre si prevede il vero scoppio della truffa dei vari prodotti della finanza creativa, pari a SVARIATI ANNI DEL PIL MONDIALE... greggio a 200$... euro ad 1,70 col dollaro... se fanno scoppiare le cose nell'ordine e nei tempi giusti determinano un demolizione controllata del sistema mondiale... il che va fatto sfruttando l'effetto sulle elezioni americane, quindi prima... aloha...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Ming Tzu 2008-04-29 12:20
Grande Rev. Wright http://de.youtube.com/watch?v=3wfrjiADBBA
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# angelo 2008-04-29 13:56
Al di là  del lato necessariamente farsesco del personaggio bisogna però notare alcuni spunti interessanti in questi strafalcioni,ta li da renderli dei lapsus freudiani. Innazitutto il disprezzo per i poveri, visti come assassini o nullità  in wuanto tali. Poi la ripetizione balbuziente di elementi base dell'ideologia massonica "ordine dal caos". Infine la netta impressione che costui dà  di vivere in una specie di mondo parallelo dove il reale si deve adeguare a ciò che egli pensa, ritenendo ciò la realtà . Tutto questo ricorda paurosamente i membri del politburjo comunista al potere in russia fino al 1928 " non a caso composto in maggioranza da giudei".Lo stesso rifiuto di conoscere la realtà , la stessa banalizzazione ed ignoranza di tutto. Mi si perdoni se ritengo che tutto ciò non possa essere causale e che qualcuno con la kippà  piuttosto che con la squadra ed il compasso debba averlo ADDESTRATO così...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Piccolo Drago 2008-04-30 00:23
Bush(come Obama Bill Clinton Cheney e altri) fanno parte della setta degli Illuminati. Lo scopo della setta è appunto ciò che Bush si è lasciato scappare"ordine dal caos". Solo se prima si crea il Caos si può formare il NUOVO ORDINE MONDIALE. Vi prego voi e chiunque altro legga questo messaggio ha il diritto e il dovere di sapere. Dobbiamo fermare il NUOVO ORDINE MONDIALE prima che sia troppo tardi. Cercate in Internet quante più info possibili sulla setta e sul suo scopo. Cercate su Wikipedia,sul sito stesso degli Illuminati(www.illuminati-news.com) su forum 2012 e con Google. Prendete più info possibili filtrate organizzatele diffondete il più possibile ed AGITE.C'è in ballo il futuro di tutti. Il Sistema sia a Destra che a Sinistra sia in Italia(Tremonti ,Berlusconi,Pro di) che in America(sia presidenti repubblicani che democratici) è sotto il controllo di questa setta e delle sue derivazioni. Il Sistema ci ha educato al Piacere perchè non ci facessimo domande ci ha riempito di Ignoranza per renderci manipolabili...ci offre mondi virtuali per estraniarci dal mondo. Il Sistema è potente e può controllare le nostre menti,ma non ha fatto i conti con il nostro cuori. Non posso scrivervi in un messaggio tutto ciò che dovete sapere ma vi posso scuotere a cercare. Quelle che vi ho fornito sono delle linee guida. Ora agite.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Piccolo Drago 2008-04-30 00:34
Gli Illuminati e la Nobiltà  Nera Come dice la parola stessa gli Illuminati sono i portatori di luce, quelli che sanno, ma la loro luce è, apparentemente, Lucifero o Satana. Appartengono a tredici delle più ricche famiglie del mondo e sono i personaggi che veramente comandano il mondo da dietro le quinte. Vengono anche definiti la Nobiltà  Nera, i Decision Makers, chi fa le regole da seguire per Presidenti e Governi. La loro caratteristica è quella di essere nascosti agli occhi del pubblico. Il loro albero genealogico va indietro migliaia di anni e sono molto attenti a mantenere il loro legame di sangue di generazione in generazione senza interromperla. Il loro potere risiede nell'occulto e nell'economia, uno dei loro motti è: 'il denaro crea potere'. Possiedono tutte le Banche Internazionali, il settore petrolifero e tutti i più potenti settori industriali e commerciali; ma soprattutto sono infiltrati nella politica e comandano la maggior parte dei governi e degli organi Sovranazionali primi fra tutti l'ONU ed il Fondo Monetario Internazionale. Un esempio del loro modo di operare è l'elezione del Presidente degli Stati Uniti, chi tra i candidati ha più Sponsor sotto forma di soldi, vince le elezioni perché con questi soldi ha il potere di 'distruggere' l'altro candidato. E chi è che sponsorizza il candidato vincente? Ovviamente gli Illuminati attraverso le loro molte organizzazioni di facciata, fanno in modo di finanziare entrambi i candidati, per mantenere il 'gioco' vivo anche se loro hanno già  deciso chi sarà  il vincitore e a questo assicurano più soldi. I loro piani sono sempre lungimiranti, sembra che Bill Clinton sia stato preparato alla missione di Presidente dall'entourage degli Illuminati fin da quando era giovane. Qual è l'obiettivo degli Illuminati? Creare un Unico Governo Mondiale ed un Nuovo Ordine Mondiale, con a capo loro stessi per sottomettere il mondo a una nuova schiavitù, non fisica, ma 'spirituale' ed affermare il loro credo: l'ideologia Luciferica. Questo obiettivo non può essere conseguito nel periodo di una vita, le sue origini sono antiche e risalgono già  al 1700 quando il complotto venne formalizzato, con l'elaborazione di veri e propri documenti programmatici. Nella prima metà  del 1700 l'incontro tra il Gruppo dei Savi di Sion e Mayer Amschel Rothschild, l'abile fondatore della famosa dinastia che ancora oggi controlla il Sistema Bancario Internazionale, porta alla redazione di un manifesto: 'I Protocolli dei Savi di Sion'. In 24 paragrafi, viene descritto come soggiogare e dominare il mondo con l'aiuto di un sistema economico. Sempre Mayer Amschel Rothschild aiuta e finanzia l'ebreo Adam Weishaupt, un ex prete gesuita, che a Francoforte crea un Gruppo Segreto dal nome 'Gli Illuminati di Baviera'. Weishaupt prendendo spunto dai ' Protocolli dei Savi di Sion' elabora all'incirca verso il 1770 'Il Nuovo Testamento di Satana' un piano che dovrà  portare, non più gli Ebrei ma un gruppo ristretto di persone (gli Illuminati o Banchieri Internazionali) ad avere il controllo ultimo del mondo intero. La strategia di Weishaupt era basata su principi molto fini e spietati. Bisognava arrivare alla soppressione dei Governi Nazionali e alla concentrazione del potere in Governi ed Organi Sovranazionali ovviamente gestiti dagli Illuminati. Ecco alcuni esempi operativi sulle cose da fare: Creare la divisione delle masse in campi opposti attraverso la politica, l'economia, gli aspetti sociali, la religione, l'etnia etc … Se necessario armarli e provocare incidenti in modo che si combattano e si indeboliscano. Corrompere (con denaro e sesso) e quindi rendere ricattabili i politici o chi ha una posizione di potere all'interno di uno stato. Scegliere il futuro capo di stato tra quelli che sono servili e sottomessi incondizionatam ente. Avere il controllo delle scuole (licei ed Università ) per fare in modo che i giovani talenti di buona famiglia siano indirizzati ad una cultura internazionale e diventino inconsciamente agenti del complotto. Assicurare che le decisioni più importanti in uno stato siano coerenti nel lungo termine all'obiettivo di un Nuovo Ordine Mondiale. Controllare la stampa, per poter manipolare le masse attraverso l'informazione. Abituare le masse a vivere sulle apparenze e a soddisfare solo il loro piacere, perché in una società  depravata gli uomini perdono la fede in Dio. Secondo Weishaupt, mettendo in pratica le sue raccomandazioni si doveva arrivare a creare un tale stato di degrado, di confusione e quindi di spossatezza, che le masse avrebbero dovuto reagire cercando un protettore o un benefattore al quale sottomettersi liberamente. Da qui il bisogno di costituire degli Organi Sovranazionali pronti a sfruttare questo stato di cose, fingendosi i salvatori della patria, per istituire un Unico Governo Mondiale . Nel 1871 il piano di Weishaupt viene ulteriormente completato da un suo seguace Americano Albert Pike che elabora un documento per l'istituzione di un Nuovo Ordine Mondiale attraverso tre Guerre Mondiali. Il suo pensiero era che questo programma di guerre avrebbe generato nelle masse un tale bisogno di pace, che sarebbe diventato naturale arrivare alla costituzione di un Unico Governo Mondiale. Non a caso dopo la Seconda Guerra Mondiale venne fatto il primo passo in questa direzione con la formazione dell'ONU, che possiamo definire la polizia del mondo degli Illuminati. Tornando al pensiero di Pike, la Prima Guerra Mondiale doveva portare gli Illuminati, che già  avevano il controllo di alcuni Stati Europei e stavano conquistando attraverso le loro trame gli Stati Uniti di America, ad avere anche la guida della Russia. Quest'ultima avrebbe poi dovuto interpretare un ruolo che doveva portare alla divisione del mondo in due blocchi. La Seconda Guerra Mondiale sarebbe dovuta partire dalla Germania, manipolando le diverse opinioni tra i nazionalisti tedeschi e i sionisti politicamente impegnati. Inoltre avrebbe portato la Russia ad estendere la sua zona di influenza e reso possibile la costituzione dello Stato di Israele in Palestina. La Terza Guerra Mondiale sarà  basata sulle divergenze di opinioni che gli Illuminati avranno creato tra i Sionisti e gli Arabi, programmando l'estensione del conflitto a livello mondiale. Col passare degli anni il Quartiere Generale di questo complotto passa dalla Germania (Francoforte), alla Svizzera, poi all'Inghilterra (Londra) ed infine agli Stati Uniti d'America (New York). E' quindi dal 1700 che le famiglie degli Illuminati, generazione dopo generazione, influenzano la storia per raggiungere i propri traguardi. Ecco un elenco dei fatti principali che negli ultimi 3 secoli sono stati architettati, fomentati o finanziati dagli Illuminati: la Rivoluzione Francese, le Guerre Napoleoniche, la nascita dell'ideologia Comunista, la I Guerra Mondiale, la Rivoluzione Bolscevica, la nascita dell'ideologia Nazista, la II Guerra Mondiale, la fondazione dell'ONU, la nascita dello Stato di Israele, la Guerra del Golfo, la nascita dell'Europa Unita… Nella Tavola 3 e Tavola4 è rappresentata la rete di potere che gli Illuminati si sono costruiti in quasi 300 anni. Ovviamente non potevano pensare di conseguire i loro obiettivi da soli, avevano ed hanno bisogno di una 'struttura operativa', composta da organizzazioni o persone che esercitando del potere operino più o meno consapevolmente nella stessa direzione. Come potete constatare gli Illuminati controllano o hanno i loro uomini ovunque, possiamo tranquillamente dire che sono i signori del mondo. La loro strategia ha fatto leva su 2 capisaldi: a) la forza del denaro, hanno costituito e controllano il Sistema Bancario Internazionale; b) la disponibilità  di persone fidate, ottenuta attraverso il controllo delle Società  o Associazioni Segrete (logge massoniche). Queste ultime con i loro diversi gradi di iniziazione hanno garantito e garantiscono tutt'ora quell'alone di discretezza necessario al piano degli Illuminati. Gli Illuminati, e chi con loro controlla queste Società , sono Satanisti e praticano la magia nera. Il loro Dio è Lucifero e attraverso pratiche e riti occulti manipolano e influenzano le masse. E pensare che la cultura dominante ci dice che la magia non esiste anzi, considera ridicolo chi ci crede. E' anche da questa scienza di tipo occulto, che gli Illuminati hanno sviluppato la teoria sul controllo mentale delle masse. Per chiarire ecco un esempio: a quanto sembra anche Hollywood, le maggiori Case Cinematografich e e Discografiche internazionali, fanno parte della rete degli Illuminati. Molte volte i loro prodotti sono usati come strumenti di indottrinamento e agiscono in modo 'invisibile' sulla psiche. Penso che nessuno possa negare che oggi esistono certi tipi di musica, privi di qualsiasi qualità , il cui unico effetto voluto è quello di provocare nei giovani apatia, robotismo, violenza ed essere uno stimolo all'uso di droghe. Dicevamo prima, che gli uomini che controllano gli Illuminati fanno parte di tredici delle famiglie più ricche del mondo. I loro nomi sono rimasti segreti negli anni e la leadership famigliare è stata passata da uomo a uomo generazione dopo generazione. Comunque nessun segreto può essere tenuto per sempre e anche in questo caso recentemente sono stati resi noti i loro nomi, grazie a qualcuno che, abbandonando l'ordine, ha deciso di cambiare vita e rivelare le informazioni più importanti. Ecco quindi le tredici famiglie che sembrano avere il compito di gestire il pianeta da dietro le quinte per condurlo al Nuovo Ordine Mondiale: ASTOR BUNDY COLLINS DUPONT FREEMAN KENNEDY LI ONASSIS ROCKFELLER ROTHSCHILD RUSSELL VAN DUYN MEROVINGI (famiglie Reali Europee)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità