>> Login Sostenitori :              | 
header-1
header-152

RSS 2.0
menu-1
Bergoglio accoglie il B'nai Brith: "lavorare insieme per la pace"
Stampa
  Text size
Incontrando una delegazione di B’nai B’rith International, il Papa sottolinea che sono tanti i campi nei quali, ebrei e cristiani, possono collaborare oggi per il bene dell’umanità

"Guardando a questi 50 anni di storia del dialogo sistematico tra la Chiesa cattolica e l’Ebraismo, non posso che ringraziare il Signore per tanti progressi compiuti". Si apre con una nota di gratitudine il discorso che Papa Francesco rivolge alla delegazione di B’nai B’rith International, ricevuta stamane in udienza nella Sala dei Papi del Palazzo Apostolico.

Lo sguardo del Pontefice si rivolge al passato, in particolare agli incontri dei suoi predecessori con questo Ordine Indipendente dei ‘Figli dell’alleanza’, fondato nel 1843 a New York da alcuni immigranti Ebrei tedeschi come società di mutuo soccorso per occuparsi della ‘condizione degli ebrei’ in America.

"La vostra organizzazione ha contatti con la Santa Sede da quando fu promulgata la Dichiarazione conciliare Nostra aetate", dice il Santo Padre, la quale "ha costituito una pietra miliare nel cammino di reciproca conoscenza e stima tra gli ebrei e i cattolici, sulla base del grande patrimonio spirituale che, grazie a Dio, abbiamo in comune".

Francesco rammenta pure le "numerose iniziative di reciproca conoscenza e di dialogo" avviate in questi anni; soprattutto - evidenzia - "si è andato sviluppando un senso di vicendevole fiducia e apprezzamento". E oggi, "sono tanti i campi nei quali, ebrei e cristiani, possiamo continuare a lavorare insieme per il bene dell’umanità del nostro tempo". A cominciare dal "rispetto della vita e del creato", poi "la dignità umana, la giustizia, la solidarietà", ambiti - afferma il Santo Padre - che "possono vederci uniti per lo sviluppo della società e per assicurare un futuro ricco di speranza per le generazioni che verranno".

In particolare, però, ebrei e cristiani sono chiamati "a pregare e lavorare insieme per la pace", considerando i tanti Paesi e le regioni del mondo che "vivono in una situazione di conflitto - penso in particolare alla Terra Santa e al Medio Oriente - e che richiedono un impegno coraggioso per la pace". Pace - sottolinea Bergoglio - che "non soltanto va desiderata, ma ricercata e costruita pazientemente e tenacemente, con la partecipazione di tutti, in particolare dei credenti".

"In questo momento, insieme con voi, vorrei ricordare con sentita riconoscenza tutti coloro che hanno lavorato per l’amicizia tra ebrei e cattolici", soggiunge, riferendosi in particolare ai due Papi santi: Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. "Il primo - ricorda Francesco - salvò tanti ebrei durante la Seconda Guerra mondiale, li incontrò molte volte e volle fortemente un documento conciliare su questo tema; del secondo sono sempre vivi nella nostra memoria alcuni storici gesti, come la visita ad Auschwitz e quella al Tempio Maggiore di Roma".

Il desiderio del Pontefice è dunque continuare a camminare "sulle loro orme, con l’aiuto di Dio", "incoraggiato anche da tante belle esperienze di incontro e di amicizia vissute a Buenos Aires". L'auspicio è che, in questo anno in cui ricorre il 50° anniversario di Nostra aetate, "la nostra amicizia cresca sempre più e porti abbondanti frutti per le nostre comunità e per l’intera famiglia umana".

Fonte >  Zenit

Home  >  Worldwide                                                            Back to top

 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# littoria3 2015-06-30 18:54
Che la Madonna ci assista e ci protegga da questi personaggi!
Ave
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Centuri 2015-06-30 20:35
Quoto.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# urbano 2015-07-05 15:36
Quoto Arduino.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# arduino 2015-06-30 23:09
Una domanda: risulta che i delegati del B'nai Brith abbiano formulato una qualche parvenza di risposta?
Una precisazione: non sapevo che Roncalli abbia "salvato tanti ebrei durante la guerra": ciò mi risultava per Pio XII.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Vitoparisi3 2015-07-01 19:22
Se in Vaticano arrivasse una delegazione di santi dal Paradiso: fede pura, nuvolette sotto ai piedi, mani giunte, fulgore e miracoli di guarigioni spirituali e corporali,come verrebbe accolta? Se, al coro universale di: "Gloria in excelsis Deo", questi chiedessero udienza, mentre i ciechi vedono ed i paralitici camminano, verrebbero ricevuti? Certe volte rimango sgomento se me le pongo, certe domande.........
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# paolobencovich 2015-07-03 10:20
Non sapevo che fosse anche affiliato al
B'nai Brith.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# ogogoro 2015-07-03 22:19
Spero che Gesù faccia un miracolo e guarisca il cervello di questo Papa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Marco2012 2015-07-07 11:09
Forse, ma forse dovrebe anche guarire il nostro modo di essere Cattolici e, soprattutto, Cristiani.
Semper oremus.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# antaratman 2015-08-05 11:03
ogogoro


Guarisce chi VUOLE essere guarito e umilmente si getta a terra e chiede perdono.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# gius49 2015-07-15 08:14
Se Papa Francesco sostiene che Papa Roncalli salvò molti ebrei durante la II guerra mondiale, è segno evidente che questo Papa è ignorante e non conosce la storia. A meno che non sia un papa fasullo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# antaratman 2015-08-05 11:46
Questa sì che è una novità:"....il dialogo sistematico tra Chiesa cattolica e l'Ebraismo
(con la E maiuscola-cioè siamo alla pari) non posso che ringraziare il Signore (del mondo)..."
Ci sono vari modi di interpretare «il dialogo» Da quando abbiamo avuto gli antipapi della storia recente, iniziando dal 1958, tra i quali tre ebrei, questo «dialogo» ha assunto piuttosto il carattere di una complicità che come fondamento ha avuto la «resa» ovviamente da parte della Chiesa cattolica, già ridotta a un colabrodo dall'infiltrazione massonica, chiamata all'inizio «modernismo». Ora questa «chiesa» è in brandelli, ci sono quelli a cui piacciono i cocci e amano star seduti da padroni su una montagna di rifiuti con i quali si identificano. Alle anime fedeli a Cristo, rimane la certezza del Suo trionfo finale, e delle molte sofferenze che ancora le attende prima che FINALMENTE ritorni.
D'altronde che i B'nai B'trith siano di casa in Vaticano facendo eleggere i «loro» papi è una novità solo per coloro che non vogliono conoscere la verità.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Ludwig 2015-08-11 12:23
iniziando dal 1958, tra i quali tre ebrei,


Gentilmente Ci dà qualche prova certa della sua affermazione?. Saluti
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Dago 2015-08-15 19:53
Il peggior "papa" che ci potesse toccare, ma d'altronde la chiesa è in mano ai "fratelli peggiori" da molto tempo.
Semper Oremus
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# reginamundi 2015-08-27 18:31
Vedremo a metà ottobre come ci saranno fratelli queLLi deLla B'nai Brith, dopo che Papa Francesco avrà definitivamente firmato il riconoscimento dello Stato di Palestina da parte del Vaticano...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Guglielmo 2015-08-30 13:50
L'ultima del "vescovo di Roma che viene dalla fine del mondo" è l'esortazione a una scrittrice lesbica che ha redatto in pamphlet pro politiche gender ad "andare avanti". Oramai siamo al cupio dissolvi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime 10 traduzioni FDF:
Il conclave ebraico al Campidoglio
Philip Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Svelato il fallimento morale dell’Occidente
Strategic culture
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
La guerra con l’Iran promossa da giornalisti fasulli
Philip Giraldi
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Israele, USA e UK: preparativi per una guerra più ampia?
Global Research
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
“Israele non può vincere la prossima guerra”.
Gilad Atzmon
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
La stampa israeliana espone il ruolo degli ebrei nel movimento LGBT
The Realist Report
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Perché l’Europa teme l’Italia (e Salvini)
Ambrose Evans-Pritchard
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Il bianco è il nuovo male
Paul Craig Roberts
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Come la guerra in Libia ha stimolato il terrorismo in 14 Paesi
Mark Curtis
TRADUZIONE EFFEDIEFFE
Quello che dovete sapere su Google
Realjewnews
TRADUZIONE EFFEDIEFFE

Articoli piu' letti del mese nella sezione Worldwide

Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità